Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Diplomazia, Ong - Ngo, Unione Europea

Ungheria. Tutti i liberal europei vorrebbero cacciarla via, ma non sanno come fare.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-06-28.

Budapest 001

Il problema ungherese è simile giuridicamente a quello tedesco.

Unione Europea vs Germania. Conflitto tra le due supreme corti. Verso la implosione.

«→→ The courts are at loggerheads about the question as to who has the last say in matters relating to European law, Karlsruhe or Luxembourg? ←←»

«→→ The most likely reason is that the lawyers concerned are entering the court room with different sets of presuppositions ←←»

«This approach is based on the principles that states are sovereign, that they treat each other on equal footing and that they refrain from interfering in each other’s internal affairs»

«Violation of the principle of non-interference may constitute a reason for war»

* * * * * * *

Ungheria. Donato il terreno per la erigenda Università cinese in suolo magiaro. Povero Soros.

Hungary’s parliament passes anti-LGBT law ahead of 2022 election

Ungheria. Orban abbandona sia il PE sia il gruppo PPE.

Ungheria. Viktor Orban. Non rinnovata la licenza alla Klubradio broadcasting.

Eurocrati pronti a spaccare l’Unione sul rule-of-law. Piano B. Europa senza Polonia ed Ungheria.

Budget e Recovery Fund. Slovenia si schiera con Polonia ed Ungheria.

Ungheria. Orban mette in costituzione che il matrimonio è tra un uomo ed una donna.

* * * * * * *

I liberal socialisti europei odiano a morte Ungheria e Mr Viktor Orban, che hai loro occhi si sarebbe reso autore di orribili oltraggi. Rivendica la sovranità nazionale; ha scacciato dall’Ungheria Soros e le sue ngo, ivi compresa la sua università; a scritto nella costituzione che il matrimonio è tra un maschio ed una femmina; vieta la propaganda lgbt nelle scuole e nella società civile; più una altra lunga serie di posizioni antitetiche all’ideologia liberal.

Non potendolo uccidere, vorrebbero almeno scacciarlo dall’Unione Europea. Ma una cosa è il desiderio ed una del tutto diversa è la concreta possibilità operazionale.

*


Can the EU expel Hungary?

Even in the event that Rutte’s fellow EU leaders agreed, Hungary’s place within the bloc is not in peril. There is no legal mechanism in the EU’s treaties to expel a member state. The much-discussed Article 7 of the treaties removes a member states voting rights within the EU Council, the forum through which ministers and leaders of member states decide the political future of the EU.

However, invoking Article 7 and suspending the voting rights of a member state requires a unanimous decision in the council, meaning that all 26 leaders (Hungary, the subject of the vote, would not have a say) would need to vote in favor. The chances of this happening is very unlikely. The political leadership in many member states — most notably Poland, which is currently the subject of Article 7 proceedings for its assault on the nation’s courts — simply doesn’t want to set a precedent for Article 7 actually being used.

* * * * * * *

«There is no legal mechanism in the EU’s treaties to expel a member state»

«However, invoking Article 7 and suspending the voting rights of a member state requires a unanimous decision»

«The chances of this happening is very unlikely»

Quante parole inutili!

Pubblicato in: Diplomazia, Ong - Ngo, Russia

Russia. Arrestato Andrei Pivovarov, direttore della ong Open Russia, mentre fugge.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-06-01.

Kremlin 001

«Andrei Pivovarov, direttore della ong Open Russia, una delle organizzazioni della galassia legata a Soros, è stato arrestato all’aeroporto Pulkovo di San Pietroburgo qualche giorno dopo lo scioglimento dell’organizzazione fondata dall’ex-oligarca Mikhail Khodorkovsky»

«Il direttore della Ong legata a Soros è stato costretto a scendere dall’aereo sul quale si era imbarcato e che era già pronto al decollo»

«Già nel 2017 la Procura generale aveva dichiarato “indesiderabili” tre organizzazioni finanziate dallo speculatore George Soros e a Open Russia: Otkrytaya Rossia, Open Russia Civic Movement e Institute of Modern Russia»

* * * * * * *

Attenzione!!

Tutti gli articoli riportati sono stati pubblicati su media liberal occidentali

«The standards of the civilised world do not apply there.»

Con l’innata modestia e ritrosia, i liberal occidentali si auto definiscono “civilised world”, ossia quello che aveva invaso militarmente Panama prendersi Mr Noriega e portarselo negli Stati Uniti; che avevano dirottato un aereo egiziano a Sigonella per catturarne i passeggeri; che hanno mandato cacciabombardieri in Libia per assassinare Gheddafi; che hanno mandato un commando in Pakistan ad assassinare Bin Laden. Ma questi sono solo alcuni dei possibii esempi di cosa intendano i liberal per “civilised world”.

No, amici liberal, il mondo non condivide in nulla il vostro modo di pensare e di operare.

* * * * * * *


Russian authorities detain head of opposition group Open Russia

The head of the now-defunct opposition group Open Russia said he was pulled off a plane and detained by police in St. Petersburg.

The head of Russian opposition group Open Russia, which said it ended operations last week, said he was pulled off an airliner and detained by police on Monday.

Andrei Pivovarov said his flight was taxiing for takeoff at St. Petersburg’s Pulkovo Airport when it was stopped and he was removed by authorities.

He said on Twitter that he was taken to the Investigative Committee offices on suspicion of running an “undesirable” organization. If he is convicted, he could be imprisoned for up to six years.

He was reportedly detained and transported to Krasnodar, a city in the south of Russia, following his interrogation, according to a statement circulated by his lawyer Elena Borodina.

The criminal case against him is being carried out by the Investigative Committee for Krasnodar Territory, the statement added.

What is Open Russia?

Open Russia is a political activist group critical of the Kremlin.

The group was financed by oil tycoon and opponent of President Vladimir Putin, Mikhail Khorodkovsky, who now lives in London after spending 10 years in prison. His sentence was widely seen as a punishment for challenging Putin’s rule.

In an attempt to protect Open Russia’s members from prosecution, Pivovarov announced he would cease the organization’s operations last week.

The group based in London was declared “undesirable” in 2017. Members in Russia formed a separate legal entity, albeit with the same name, to continue their activities and defend themselves from prosecution.

Crackdown against ‘undesirable’ groups

The Russian government passed a law in 2015 that made membership of an “undesirable” organization a criminal offense.

The designation has been used to ban about 30 groups. Several  German NGOs in Russia were deemed “undesirable” last week.

Russian authorities described the laws as a response to alleged outside efforts to undermine Russia. Critics have said the laws are part of the Kremlin’s efforts to snuff out dissent.

The federal government has intensified its crackdown in the lead-up to September’s parliamentary elections as the popularity of the main Kremlin-backed party, United Russia, has been falling.

Prominent Kremlin critic, Alexei Navalny, was detained in January upon returning to Russia. The activist had been recovering in Germany after being poisoned by the Soviet-era Novichok nerve agent.

* * *


Andrei Pivovarov: Kremlin critic pulled off plane, arrested

Pivovarov heads the Open Russia movement, which recently dissolved itself over fears its members would be punished under new laws.

Russian authorities have arrested a prominent opposition activist after he was hauled off a flight, and raided the homes of several others.

Andrei Pivovarov, the head of the Open Russia movement, was pulled off a Warsaw-bound plane at St Petersburg’s airport just before takeoff late on Monday.

Pivovarov’s team said police questioned him, searched his apartment and opened a criminal case against him on Tuesday for allegedly violating Russia’s legislation on “undesirable organisations”.

“These situations show us that they are afraid of us, and we are a majority,” Pivovarov’s Twitter account said.

The Krasnodar branch of the Investigative Committee, which probes major cases, said in a statement that Pivovarov had in August 2020 published materials in support of an “undesirable organisation”.

The statement also accused the activist of attempting to flee from investigators on Monday.

Pivovarov said he was going on vacation when he was arrested.

‘Unusual action’

Pivovarov’s removal from the plane came after authorities in Belarus on May 23 diverted a Ryanair flight heading from Greece to Lithuania to the capital, Minsk, and arrested a journalist on board.

Polish airline LOT, which operated Pivovarov’s flight, said the plane was taxiing when Russian air traffic control ordered the crew to return to the parking position.

“The pilot had to comply with this order as he was under Russian jurisdiction,” Polish news agency PAP quoted the company as saying.

Poland said it was looking into the issue.

“This is an unusual action because if the Russians wanted to detain this person they could have done so before boarding. The question is why it was done exactly at that moment,” Deputy Foreign Minister Piotr Wawrzyk told state broadcaster TVP.

“The standards of the civilised world do not apply there.”

Open Russia tagged as ‘undesirable’

Open Russia was financed by tycoon Mikhail Khodorkovsky, who moved to London after spending 10 years in prison in Russia on charges viewed by some as political revenge for challenging President Vladimir Putin’s rule.

Russia declared the group “undesirable” in 2017, effectively banning its activities.

Its allies in Russia continued their activism under a separate legal entity to try to protect themselves from prosecution.

But the group folded its activities in Russia last week to prevent its supporters from facing criminal prosecution as parliament prepares to adopt legislation that would increase criminal liability for anyone who cooperates with “undesirable organisations”.

Russia says the law is needed to protect its national security from external interference.

Police raids

Also on Tuesday, police raided a country home of opposition politician Dmitry Gudkov, a former lawmaker who has aspired to run for parliament in September.

At least two of his associates had their homes searched.

“I don’t know the formal reason for this,” Gudkov wrote on the Telegram social media platform. “But the real (reason) is clear.”

Gudkov’s father Gennady, also critical of the Kremlin, described the searches as “a special operation to eliminate Gudkov’s team”.

Authorities were yet to comment on the operation Gudkov said was under way.

Crackdown on dissent

The moves came as Russia appears to be cracking down on political opposition ahead of September’s parliamentary election.

Putin’s United Russia party has lost support recently as economic woes weigh.

The president’s leading political foe, Alexey Navalny, was arrested in January upon his return from Germany, where he had spent five months recovering from nerve agent poisoning that he blames on the Kremlin – accusations that Russian officials reject.

He is serving a two-and-a-half-year prison sentence for violating terms of a suspended sentence stemming from a 2014 embezzlement conviction that he denounces as politically motivated.

With Navalny in prison, prosecutors have asked a Moscow court to designate Navalny’s Anti-Corruption Foundation (FBK) and his network of regional offices as “extremist” groups.

In a parallel move, a bill approved by the lower house of the Russian parliament bars members, donors and supporters of “extremist” groups from seeking public office – a measure that would keep Navalny’s associates from running for parliament in September.

*


Putin arresta il direttore di Open Russia mentre fugge: sgominata la rete di Soros

In Italia basterebbe una legge identica che impedisce ad entità finanziate dall’estero di agire come ‘onlus’ in Italia. Ricordatevi: la liberaldemocrazia non è democrazia, è il parco giochi dei miliardari che sono liberi di agire indisturbati in nome della ‘libertà’, che è sempre la loro, visto che la libertà si compra.

Andrei Pivovarov, direttore della ong Open Russia, una delle organizzazioni della galassia legata a Soros, è stato arrestato all’aeroporto Pulkovo di San Pietroburgo qualche giorno dopo lo scioglimento dell’organizzazione fondata dall’ex-oligarca Mikhail Khodorkovsky.

Il direttore della Ong legata a Soros è stato costretto a scendere dall’aereo sul quale si era imbarcato e che era già pronto al decollo.

Nei giorni scorsi, lo stesso Pivarov – dopo l’entrata in vigore della legge che impedisce la candidatura alle elezioni di chiunque abbia lavorato o sostenuto organizzazioni considerate come estremiste e dell’inasprimento delle pene per chi collabora con le organizzazioni “indesiderabili” – aveva annunciato “l’annullamento dell’appartenenza di tutti i membri a Open Russia per evitare possibili persecuzioni”.

Già nel 2017 la Procura generale aveva dichiarato “indesiderabili” tre organizzazioni finanziate dallo speculatore George Soros e a Open Russia: Otkrytaya Rossia, Open Russia Civic Movement e Institute of Modern Russia.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Ong - Ngo, Problemia Energetici, Unione Europea

EU. Kontrordine Kompagni. Nulla è più green delle centrali atomiche ed a gas.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-04-26.

Gufo_027__

«EU defers decision on gas and nuclear as ‘green’ energy»

«The European Commission will not decide on whether to classify gas and nuclear energy as a possible green investments until later this year»

«The delay has caused controversy among some NGOs and consumer groups, who say fossil fuels such as gas should not be considered ‘green’.»

«The move is part of a bigger set of investor guidelines, supposed to transition away from fossil fuels, with the aim of making sure the EU becomes climate neutral by 2050»

«Both nuclear and gas have been temporarily excluded»

«But other sectors, notably forestry and bioenergy, are part of the mix, sparking outrage from climate activists»

«Dombrovskis said some €350bn of extra investments per year are needed over the next decade to meet the EU’s 2030 climate targets»

«So is bioenergy, which is also considered a pollutant. »

* * * * * * *

Per decine di anni i verdi e le sinistre ci hanno assordato con il clangore dei loro lai su quanto fosse mefitico l’uso dei combustibili fossili e nelle centrali elettriche atomiche.

Adesso, Kontrordine Kompagni!

Ridottisi alla indigenza, dopo aver sperperato cifre da capogiro, gli europarlamentari stanno per dichiarare ecologiche le centrali atomiche e quelle a gas.

Visto come si sanifica rapidamente l’ambiente? Basta un tratto di penna. Poi, si spolperanno altre realtà economiche.

*

EU defers decision on gas and nuclear as ‘green’ energy.

The European Commission will not decide on whether to classify gas and nuclear energy as a possible green investments until later this year.

The delay has caused controversy among some NGOs and consumer groups, who say fossil fuels such as gas should not be considered ‘green’.

And they fear the delay will be used by industry lobbyists to classify them as environmentally-friendly.

The move is part of a bigger set of investor guidelines, supposed to transition away from fossil fuels, with the aim of making sure the EU becomes climate neutral by 2050.

On Wednesday (21 April), the European Commission unveiled further rules detailing how investors and companies can comply with those guidelines.

“It will help companies and investors to identify and communicate about green activities – across all sectors of the economy,” said Valdis Dombrovskis, the EU commission vice president for economy.

Both nuclear and gas have been temporarily excluded.

But other sectors, notably forestry and bioenergy, are part of the mix, sparking outrage from climate activists.

The guidelines have been described as the economic blueprint underpinning Europe’s transition towards cleaner energy.

It also requires a lot of money, spread across both private and public funds.

Dombrovskis said some €350bn of extra investments per year are needed over the next decade to meet the EU’s 2030 climate targets.

The EU last summer launched its so-called Taxonomy Regulation, to create a “green list” classification system.

The list is a guide to help people place their money into environmentally-friendly investments.

On Wednesday, the commission published a new draft on how to classify industries, that account for some 80 percent of the EU’s greenhouse gas emissions.

“We are covering a huge amount of economic activity – from manufacturing, transport, construction, insurance, even the arts are included in this,” said Mairead McGuinness, the EU finance commissioner.

She said the aim was to help investors and companies make decisions to meet the EU’s climate-busting targets.

“This taxonomy is a living document. It is not just a one off, it will evolve with science,” she added, speaking alongside Dombrovskis.

Not everyone is happy. Not only are final decisions on whether to include gas and nuclear energy yet to be made, but other sectors, like forestry which includes logging, are included. So is bioenergy, which is also considered a pollutant.

The criteria would allow almost all types of logging, as well as the burning of trees for energy production.

“Not all that is green helps to fight climate change, especially if you burn it,” said Greenpeace EU, in a statement.

The NGO is demanding the European Parliament scrap the commission’s decision to classify forests and bioenergy in its criteria.

“The proposed criteria for forests and bioenergy are nothing but greenwash,” it added.

The European Consumer Organisation (Beuc) made similar critical comments.

“The proposed rules for sectors like forestry and bioenergy will actively mislead people into making unsustainable investments,” it said.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Ong - Ngo

Francia. Prolunga di 10 anni la vita di 32 centrali atomiche. Ecologisti affranti e disperati.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-04-23.

Parigi. Arco di Trionfo, 001

«La Francia allunga la vita alle vecchie centrali nucleari.»

«Prolungare di dieci anni l’operatività di 32 vecchi reattori nucleari francesi, di cui 16 distano meno di 200 chilometri dai confini italiani»

«Queste vecchie centrali nucleari sono pericolose già adesso e nessun miracolo riuscirà mai a portarle agli standard di sicurezza oggi richiesti» [Greenpeace

* * * * * * *


Il problema è semplice.

Fermare 32 reattori atomici significherebbe aver già costruito adeguate centrali elettriche sostitutive, al modico costo di cinquecento miliardi, circa. Miliardi che la Francia non ha.

* * * * * * *

Francia. Febbraio 21. Produzione manifatturiera -7.1%, totale -6.6%. – Insee.

Francia. 2020. Debito pubblico salito di 270 miliardi al 115.7% del pil. – Insee.

Francia. Il nuovo lockdown abbatterà il pil 2021. – Finance Minister Bruno Le Maire.

Francia. Popolarità di Macron al 37%, testa a testa con la Le Pen per le presidenziali.

Francia. Forte rischio di numerosi default nel debito delle imprese.

Francia. 2020. Pil -8.3% anno su anno, Exports -16.7, Imports -11.6%. – Nises.

Eurostat. Eurozona. Novembre. Vendite al dettaglio -6.1% MoM. Francia -15.7%.

Francia. Venderà armi all’Egitto alla faccia degli human rights.

* * * * * * *

Uno dei risultati benvenuti della crisi economica consiste nel fatto che le ngo, ong, stanno ricevendo sempre meno denari pubblici, ed annaspano per vivere mantenendo il vecchio stile di vita. Vacche magre anche per loro.

La tentacolare Greenpeace ha fatto un comunicato pro forma, ma senza gli aiuti governativi la sua voce giunge lontana, sussurrata, ben attenta a non tirare troppo la corda per non trovarsi poi con le casse vuote.

*


La Francia allunga la vita alle vecchie centrali nucleari. Greenpeace: «Rischi anche per gli italiani»

Prolungare di dieci anni l’operatività di 32 vecchi reattori nucleari francesi, di cui 16 distano meno di 200 chilometri dai confini italiani. È il progetto della Francia per il quale, lo scorso 14 gennaio, su sollecitazione di Greenpeace, l’allora ministero dell’Ambiente Sergio Costa ha inviato una nota alle autorità francesi per chiedere una consultazione transfrontaliera. «Queste vecchie centrali nucleari sono pericolose già adesso e nessun miracolo riuscirà mai a portarle agli standard di sicurezza oggi richiesti — dice Giuseppe Onufrio, direttore esecutivo di Greenpeace Italia —. Che i cittadini italiani siano parte interessata, ai sensi della Convenzione di Espoo, è ovvio. In particolare, i cittadini di Liguria, Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia saranno esposti con questa decisione a rischi notevoli nei prossimi dieci anni»

                         La Via e la voce dei cittadini (anche degli Stati confinanti)

La Convenzione di Espoo, adottata nel 1991 e oggetto di successivi emendamenti, richiede ai governi di garantire la possibilità anche ai cittadini degli Stati confinanti, che potrebbero essere danneggiati da un progetto, di partecipare a una procedura di consultazione («consultazione transfrontaliera») sulle attività proposte. La Convenzione prevede che su questioni rilevanti, come il prolungamento dell’attività di questi impianti, deve essere effettuata una accurata Valutazione di Impatto Ambientale che il governo francese rifiuta di avviare.

                         L’appello alla Convenzione di Espoo.

«Dopo tre mesi di silenzi chiediamo al ministro Cingolani, non solo di protestare con il governo francese – chiede Ivan Novelli, presidente di Greenpeace Italia- ma anche e soprattutto di avviare le necessarie procedure di reclamo presso gli organi competenti per le infrazioni della Convenzione di Espoo». Greenpeace Francia ha già inviato analoga richiesta al Segretariato della Convenzione. Per questo, Greenpeace invia il briefing «Francia: vecchi reattori, nuovi rischi nucleari» ai Presidenti di Regione, agli assessori dell’Ambiente e della Sanità e ai Presidenti dei Consigli Regionali di Liguria, Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia, chiedendo loro di attivarsi per reclamare, per i propri cittadini, trasparenza e partecipazione.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Ong - Ngo, Unione Europea

Unione Europea. Grande argentiere delle ong (ngo). Fiumi di denaro pubblico.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-02-09.

2021-02-04__ EU ed ngo 001

L’Unione Europea è annoverata tra i grandi finanziatori delle ngo.

Unione Europea ed ngo. Un fiume di denaro non tracciabile. I numeri.

Soros George. Uno stato negli stati. Ecco i suoi principali voivodati.

Soros, ngo e debito studentesco. 50 milioni di americani resi schiavi.

*

Nel 2017 la EU aveva finanziato le ngo per 1,427,431,541 euro.

Tutti denari che una volta erogati non sono più tracciabili.

Di recente è stato pubblicato un quadro aggiornato all’epoca pre-Covid.

Ngo Monitor. Analysis of EU Funding to NGOs in 2019: Divisive Politics, Terror links, and Antisemitism

La relazione è corposa e molto dettagliata, motivo per cui sarebbe impossibile riportarla in questa sede.

Cita un grande numero di ngo, riportandone finalità dichiarate e cifre percepite.

Raccomanderemmo a tutti di leggere con attenzione questo documento, perché conoscere i nomi ed i numeri consentirebbe di parlare di questo argomento con cognizione di causa.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Ong - Ngo

Italia. Non profit. 359,574 istituzioni con 853,476 dipendenti.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-10-20.

Banda-Bassotti-y

In Italia la galassia delle istituzioni non profit assommava a tutto il 2018 a 359,574 istituzioni con 853,476 dipendenti: è il più grande conglomerato nazionale, di cui 60,425 istituzioni solo con i proventi del cinque per mille levano 439,837,192 euro l’anno, ai quali si devono aggiungere i finanziamenti pubblici, nazionali ed internazionali, oltre alle donazioni ricevute.

È un business da favola, che vive, e sopravvive, alla grande sulle sovvenzioni pubbliche.

Inutile dire quali siano i suoi santi patroni. Il denaro elargito alle onlus, ngo, ong etc. è denaro pubblico che è speso senza darne rendiconto, a discrezione della dirigenza nominata, non eletta.

* * * * * * *

Raccomandiamo fortemente di leggere con cura il glossario: spesso i termini sono fuorvianti oppure ignoti.

Le Tabelle sono state raggruppate in calce.

*


Istat. Struttura e profili del settore non profit

Glossario.

Associazione di promozione sociale: ente del terzo settore costituito in forma di associazione, per lo svolgimento in favore dei propri associati, di loro familiari o di terzi di una o più attività di interesse generale, avvalendosi in modo prevalente dell’attività di volontariato dei propri associati. Le organizzazioni di promozione sociale sono state introdotte nell’ordinamento italiano dalla Legge Quadro n. 383/2000 successivamente abrogata dal d.lgs. n. 117/2017 (art. 102). Tuttavia, fino alla piena operatività del Registro unico nazionale del terzo settore continuano ad applicarsi le norme previgenti agli enti iscritti ai registri delle associazioni di promozione sociale (art. 101, d.lgs. n. 117/2017 e successive circolari in materia emesse dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali).

Associazione: ente privato costituito da un gruppo di persone organizzatosi spontaneamente e stabilmente per perseguire uno scopo di comune interesse a carattere non economico e non lucrativo. Gli elementi su cui devono accordarsi le parti sono semplicemente lo scopo, le condizioni per l’ammissione degli associati e le regole sull’ordinamento interno e l’amministrazione [Artt. 36, 37 e 38 c.c.].

Cinque per mille: istituto fiscale, introdotto a partire dalla Legge finanziaria per l’anno 2006 (Legge n. 266/2005, articolo 1, commi 337 e ss.), che prevede la possibilità per il contribuente di devolvere il cinque per mille della propria imposta sul reddito delle persone fisiche a soggetti che operano in settori di riconosciuto interesse pubblico per finalità di utilità sociale. L’istituto del cinque per mille, riformato dal d.lgs n. 111/2017, prevede la destinazione del contributo per: sostenere gli enti del terzo settore; finanziare la ricerca scientifica e dell’università; finanziarie la ricerca sanitaria; sostenere le attività sociali svolte dal comune di residenza; sostenere le associazioni sportive dilettantistiche.

Classificazione ICNPO (International Classification of Nonprofit Organizations): classificazione internazionale delle attività svolte dalle istituzioni non profit, elaborata dalla Johns Hopkins University (US, Baltimora) nell’ambito di un progetto di ricerca sulle istituzioni non profit avviato all’inizio degli anni Novanta. La classificazione, ripresa in Handbook on Non-profit Institutions in the System of National Accounts, comprende 28 classi raggruppate in 11 settori.

Cooperativa Sociale: ente del terzo settore in forma di società cooperativa fondata con lo scopo di sostenere la promozione umana e l’integrazione sociale e lavorativa dei cittadini appartenenti alle cosiddette categorie svantaggiate e deboli (ex carcerati, disabili, ragazze-madri, eccetera). È istituita e disciplinata dalla Legge Quadro n. 381/1991 che distingue le cooperative sociali secondo la finalità: tipo A se perseguono l’interesse generale della comunità alla promozione umana e all’integrazione sociale attraverso la gestione dei servizi socio sanitari ed educativi; tipo B se svolgono attività agricole, industriali, commerciali o di servizi finalizzate all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate. Le cooperative sociali acquisiscono di diritto la qualifica di impresa sociale ai sensi del d.lgs. n. 112/2017.

Dipendente: occupati legati all’unità giuridico-economica da un contratto di lavoro diretto, sulla base del quale percepiscono una retribuzione. Sono da considerarsi tali: i dirigenti, i quadri, gli impiegati, gli operai, a tempo pieno o parziale; gli apprendisti; i soci (anche di cooperative) per i quali sono versati contributi previdenziali; i lavoratori a domicilio iscritti nel libro unico del lavoro (ex libro paga); i religiosi lavoratori iscritti nel libro unico del lavoro dell’unità; i lavoratori stagionali; i lavoratori con contratto di inserimento; i lavoratori con contratto a termine; gli studenti che hanno un impegno formale per contribuire al processo produttivo in cambio di una remunerazione e/o formazione. Nel numero dei lavoratori dipendenti è compreso anche il personale temporaneamente assente per cause varie quali: ferie, permessi, maternità, Cassa Integrazione Guadagni. Non sono da considerare dipendenti: i dirigenti retribuiti principalmente per mezzo di una partecipazione agli utili d’impresa o a forfait; nel caso delle società di capitali: il presidente, l’amministratore delegato, i membri in carica dei consigli d’amministrazione o dei consigli direttivi; il personale che lavora esclusivamente su commissione nell’industria; il personale retribuito integralmente a provvigione; ….

Ente del terzo settore: ente privato diverso dalle società (associazione, riconosciuta o non riconosciuta, fondazione, cooperativa sociale, ente ecclesiastico, ecc.), costituito per il perseguimento, senza scopo di lucro, di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale mediante lo svolgimento di attività di interesse generale, ed iscritto nel Registro unico nazionale del terzo settore (art. 4, d.lgs. n. 117/2017).

Fondazione: istituzione privata senza fini di lucro, dotata di un proprio patrimonio, impegnata in molteplici settori: assistenza, istruzione, ricerca scientifica, erogazioni premi e riconoscimenti, formazione, eccetera. La sua disciplina è prevista dal Codice Civile e la struttura giuridica può variare a seconda del tipo di fondazione che viene costituita ed è facoltativa la richiesta del riconoscimento ai sensi del D.P.R. 361/2000 attraverso l’iscrizione al Registro delle persone giuridiche, istituito presso gli Uffici territoriali di Governo (UTG ex prefetture). [Artt. 14 e segg. c.c.; D.P.R. n. 361/2000].

Forma giuridica: classificazione delle unità giuridico-economiche basata sugli elementi giuridici che le caratterizzano (definizione, struttura organizzativa e funzioni) in base al Codice Civile, alla Costituzione e dalla legislazione ordinaria rilevante in materia. Per maggiori approfondimenti consultare la classificazione delle forme giuridiche delle unità legali disponibile all’indirizzo http://www.istat.it/it/archivio/6523.

Impresa: unità giuridico-economica che produce beni e servizi destinabili alla vendita e che, in base alle leggi vigenti o a proprie norme statutarie, ha facoltà di distribuire profitti realizzati ai soggetti proprietari siano essi privati o pubblici. Il responsabile è rappresentato da una o più persone fisiche, in forma individuale o associata, o da una o più persone giuridiche. Tra le imprese sono comprese le imprese individuali, le società di persone, le società di capitali, le società cooperative, le aziende speciali di comuni o province o regioni. Sono considerate imprese anche i lavoratori autonomi e i liberi professionisti.

Impresa sociale: ente del terzo settore che esercita in via stabile e principale un’attività d’impresa di interesse generale, senza scopo di lucro e per finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale. La fattispecie dell’impresa sociale è disciplinata dal decreto legislativo 3 luglio 2017, n.112, che ha abrogato il decreto legislativo n. 155/2006. Tuttavia, fino alla piena operatività del Registro unico nazionale del Terzo settore continuano ad applicarsi le norme previgenti agli enti iscritti al registro delle imprese sociali (art. 101, d.lgs. n. 117/2017 e successive circolari in materia emesse dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali).

Istituzione non profit: unità giuridico-economica dotata o meno di personalità giuridica, di natura privata, che produce beni e servizi destinabili o non destinabili alla vendita e che, in base alle leggi vigenti o a proprie norme statutarie, non ha facoltà di distribuire, anche indirettamente, profitti o altri guadagni diversi dalla remunerazione del lavoro prestato ai soggetti che la hanno istituita o ai soci.

Onlus: ente privato (associazione, comitato, fondazione, società cooperativa e altro ente di carattere privato) costituito con l’esclusivo perseguimento di finalità di solidarietà sociale e per lo svolgimento di attività in uno o più dei seguenti settori: assistenza sociale e socio-sanitaria, assistenza sanitaria, beneficenza, istruzione, formazione, sport dilettantistico, tutela, promozione e valorizzazione delle cose d’interesse artistico e storico, tutela e valorizzazione della natura e dell’ambiente, promozione della cultura e dell’arte, tutela dei diritti civili, ricerca scientifica (art. 10, d.lgs. n. 460/1997).Gli articoli del d.lgs n. 460/1997 che disciplinavano il riconoscimento della qualifica di Onlus sono stati abrogati dal d.lgs. n. 117/2017 (art. 102), tuttavia, fino alla piena operatività del Registro unico nazionale del terzo settore continuano ad applicarsi le norme previgenti agli enti iscritti all’anagrafe delle Onlus (art. 101, d.lgs. n.117/2017 e successive circolari in materia emesse dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali).

Organizzazione di volontariato: Ente del terzo settore costituito in forma associativa che svolge attività di interesse generale, prevalentemente a favore di terzi, avvalendosi in modo predominante del volontariato dei propri associati. Le organizzazioni di volontariato sono state introdotte nell’ordinamento italiano dalla Legge Quadro n. 266/1991 successivamente abrogata dal d.lgs. 117/2017 (art. 102). Tuttavia, fino alla piena operatività del Registro unico nazionale del terzo settore continuano ad applicarsi le norme previgenti agli enti iscritti ai registri regionali delle organizzazioni di volontariato (art. 101, d.lgs. n. 117/2017 e successive circolari in materia emesse dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali).

* * * * * * *


Struttura e profili del settore non profit

Anno 2018

L’Istat aggiorna al 2018 le informazioni sul numero di istituzioni non profit attive in Italia e sulle loro principali caratteristiche strutturali a partire dai dati del registro statistico. Nella strategia dei censimenti permanenti1, avviati dall’Istat nel 2016, il registro è aggiornato annualmente attraverso l’integrazione di diverse fonti amministrative mentre ogni tre anni, l’informazione sul settore viene completata dalla rilevazione campionaria. In tal modo viene garantita sia la necessaria profondità ed articolazione del quadro informativo di carattere strutturale sia l’analisi in serie storica.

Il settore non profit si conferma in crescita

Al 31 dicembre 2018 le istituzioni non profit attive in Italia sono 359.574 e, complessivamente, impiegano 853.476 dipendenti2. Il numero di istituzioni non profit aumenta con tassi di crescita medi annui sostanzialmente costanti nel tempo (intorno al 2%) mentre l’incremento dei dipendenti, pari al 3,9% tra il 2016 e il 2017, si attesta all’1,0% nel biennio 2017-2018. Rispetto al complesso delle imprese dell’industria e dei servizi, l’incidenza delle istituzioni non profit continua ad aumentare, passando dal 5,8% del 2001 all’8,2% del 2018, diversamente dal peso dei dipendenti3 che rimane pressoché stabile (6,9%).

Le istituzioni aumentano di più nel Mezzogiorno, i dipendenti diminuiscono nelle Isole

Nel 2018, le istituzioni crescono a un ritmo più sostenuto nelle Isole (+4,5%) e al Sud (+4,1%), in particolare in Sardegna (8,9%), Puglia (7,8%), Calabria (6,8%) e Basilicata (3,8%) mentre il Molise è l’unica regione in cui si riducono (-4,4%). Tali incrementi non modificano significativamente la distribuzione territoriale che permane piuttosto concentrata, con oltre il 50% delle istituzioni attive nelle regioni del Nord (27,1% nell’Italia meridionale e insulare). La diffusione del settore non profit è comunque in aumento nel Mezzogiorno: rispetto al 2017, il numero di istituzioni ogni 10 mila abitanti passa da 48,3 a 50,7 nelle Isole e da 43,7 a 45,7 al Sud.

Nel biennio 2017-2018, i dipendenti impiegati dalle istituzioni non profit crescono di più nel Nord-est (+2,6%) e al Sud (+1,4%) mentre sono in flessione nelle Isole (-1,2%). Le regioni maggiormente interessate dall’incremento dei dipendenti sono Molise (+8,4%), Friuli–Venezia giulia (+4,2%), Emilia-Romagna (+3,8%) e Campania (+3,2%).

Al contrario, si registra una diminuzione dei dipendenti in Calabria (-2,8%), Basilicata (-2,8%), Sicilia (-2,1%) e Valle d’Aosta (-1,4%). Dal punto di vista territoriale, i dipendenti risultano ancora più concentrati delle istituzioni, oltre il 57% è impiegato al Nord.

In crescita soprattutto le fondazioni

Tra il 2017 e il 2018, ad eccezione delle cooperative sociali che permangono sostanzialmente stabili (-0,1%), le istituzioni non profit aumentano pressoché in tutte le forme giuridiche, in particolare tra le fondazioni (+6,3%) (Prospetto 3). L’associazione è la forma giuridica che raccoglie la quota maggiore di istituzioni (85,0%), seguono quelle con altra forma giuridica4 (8,4%), le cooperative sociali (4,4%) e le fondazioni (2,2%).

I dipendenti aumentano maggiormente nelle cooperative sociali (+2,4%) e nelle fondazioni (+1,9%), al contrario, diminuiscono tra le associazioni (-3,0%). La distribuzione dei dipendenti per forma giuridica resta piuttosto eterogenea, con il 53,0% impiegato dalle cooperative sociali, il 19,2% dalle associazioni e il 12,2% dalle fondazioni.

Circa due istituzioni su tre attive nel settore della cultura, sport e ricreazione

Rispetto al 2017, le istituzioni non profit che presentano un incremento più elevato sono quelle attive nei settori della tutela dei diritti e attività politica (+9,9%), dell’assistenza sociale e protezione civile (+4,1%), della filantropia e promozione del volontariato (+3,9%) e delle relazioni sindacali e rappresentanza interessi (+3,7%).

La distribuzione delle istituzioni non profit per attività economica rimane pressoché invariata, con il settore della cultura, sport e ricreazione che raccoglie quasi due terzi delle unità (64,4%), seguito da quelli dell’assistenza sociale e protezione civile (9,3%), delle relazioni sindacali e rappresentanza interessi (6,5%), della religione (4,7%), dell’istruzione e ricerca (3,9%) e della sanità (3,5%) (Prospetto 4).

Nel biennio 2017-2018, i dipendenti crescono in misura relativamente maggiore nei settori della religione (+5,8%), della filantropia e promozione del volontariato (+3,4%), dello sviluppo economico e coesione sociale (+3,3%) mentre diminuiscono in quelli della tutela dei diritti e attività politica5 (-12,1%), della cultura, sport e ricreazione (-11,3%) e della cooperazione e solidarietà internazionale (-3,1%).

Anche la distribuzione del personale dipendente è abbastanza concentrata in pochi settori quali: assistenza sociale (37,3%), sanità (21,8%), istruzione e ricerca (15,0%) e sviluppo economico e coesione sociale (12,0%).

Senza lavoratori dipendenti oltre otto istituzioni non profit su dieci

Nel complesso l’85,5% delle istituzioni non profit opera senza dipendenti ma nei settori dello sviluppo economico e coesione sociale e dell’istruzione e ricerca la quota è molto inferiore, rispettivamente 29,8% e 42,1%.

In questi due settori più di una istituzione su cinque impiega almeno dieci lavoratori, percentuale che permane sopra il 10% anche nei settori della sanità (13,3%) e dell’assistenza sociale e protezione civile (12,7%). Diversamente, nei settori della cultura, sport e ricreazione, della filantropia e promozione del volontariato e dell’ambiente oltre il 90% delle istituzioni opera senza impiegare personale dipendente per lo svolgimento delle proprie attività.

Nei settori dello sviluppo economico e coesione sociale e della cultura, sport e ricreazione più di una istituzione su quattro è stata costituita nel quinquennio 2014-2018, contrariamente ai settori della religione, della filantropia e promozione del volontariato, dell’istruzione e ricerca e della sanità dove tale quota è inferiore al 15%.

Organizzazioni di volontariato e Onlus concentrate nell’assistenza sociale e protezione civile

Attraverso il settore di attività prevalente si possono caratterizzare le principali forme organizzative delle istituzioni non profit (Prospetto 6). Le organizzazioni di volontariato si concentrano nei settori di attività che rientrano nel loro ambito di intervento tradizionale: assistenza sociale e protezione civile (41,9%) e sanità (23,5%). Le Onlus, oltre a concentrarsi nel settore dell’assistenza sociale e protezione civile (42,7%), sono più attive in quello della cooperazione e solidarietà internazionale (17,1%).

Le imprese sociali6, oltre a essere più presenti nei settori peculiari della cooperazione sociale, cioè assistenza sociale e protezione civile (45,1%) e sviluppo economico e coesione sociale (32,4%), sono più diffuse anche nel campo dell’istruzione e ricerca (9,5%).

E’ invece più eterogenea la distribuzione delle associazioni di promozione sociale, attive prevalentemente nel settore della cultura, sport e ricreazione (82,7%).

Le principali forme organizzative delle istituzioni non profit si differenziano anche in base alla composizione delle risorse umane impiegate per lo svolgimento delle attività (Figura 2). Le organizzazioni di volontariato e le associazioni di promozione sociale operano prevalentemente senza impiegare personale dipendente (89,7% e 88,2%, rispettivamente) e, in misura minore, anche le Onlus (77,9%) contrariamente alle imprese sociali che nell’80,8% dei casi utilizzano personale dipendente.

Istituzioni non profit principali beneficiarie del cinque per mille

Nel 2018, le istituzione non profit iscritte nell’elenco degli enti destinatari del cinque per mille sono 60.425, pari al 16,8% del totale (Prospetto 7). La scelta operata dai contribuenti al momento della dichiarazione dei redditi per la destinazione del cinque per mille dell’Irpef ha premiato maggiormente le istituzioni non profit operanti nei settori dell’assistenza sociale e protezione civile (25,0%), dell’istruzione e ricerca (23,2%), della sanità (15,6%) e della cooperazione e solidarietà internazionale (12,3%).

Diversamente, il settore della cultura, sport e ricreazione (12,0%) sebbene raccolga oltre il 40% delle istituzioni non profit destinatarie del cinque per mille ha ricevuto il 12,0% delle preferenze dei contribuenti. In effetti, il numero di scelte è piuttosto variabile in termini mediani: più elevato nei settori della cooperazione e solidarietà internazionale (75) e della sanità (72); più basso in quelli dello sviluppo economico e coesione sociale (16) e della cultura, sport e ricreazione (24). La distribuzione degli importi rispetto al settore di attività dell’istituzione non profit beneficiaria è piuttosto simile a quella delle scelte dei contribuenti.

Per quanto riguarda la forma organizzativa, le scelte operate dai donatori del cinque per mille hanno interessato principalmente le Onlus (34,8%) e meno le imprese sociali (3,6%). Infatti, considerando la mediana, il numero delle scelte è pari a 57 tra le Onlus, scende a 46 tra le organizzazioni di volontariato ed è più basso tra le associazioni di promozione sociale (24) e le imprese sociali (22).

* * * * * * *

2020-10-12__ Non Profit 001

2020-10-12__ Non Profit 002

2020-10-12__ Non Profit 003

2020-10-12__ Non Profit 004

2020-10-12__ Non Profit 005

2020-10-12__ Non Profit 006

2020-10-12__ Non Profit 008

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Ong - Ngo

Indonesia. Nuova legge sul lavoro. Ambientalisti sul piede di guerra.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-10-19.

Indonesia 010

«Concerns have also been raised that Indonesia’s new law will move the country’s environmental legislation away from international best practices»

Nella loro umile, dimessa e rispettosa modestia, i liberal democratici ritengono che la loro ideologia altro non sia che

«international best practices».

Essi ritengono che sia perfetta e non ulteriormente perfettibile: in poche parole, una verità assoluta. E si stupiscono che gli altri non li adorino deferenti. Non riescono a governare nemmeno nel blocco occidentale, figurarsi altrove.

* * * * * * *

Indonesia. Agosto. Vendite al Dettaglio -9.2% anno su anno.

Indonesia. Esportazioni -5.74% yoy. Dodicesimo mese consecutivo di calo.

Indonesia. Bloccato l’export del nickel estrattivo.

Indonesia. La società civile si ribella e riporta l’omosessualità nel codice penale.

Cina. Tassa anti-dumping sull’acciaio da EU, Indonesia, Giappone, Sud Korea.

India ed Indonesia iniziano a farsi anche loro isolotti armati. Sabang.

* * * * * * *

«Indonesia is putting business before the environment and that could be disastrous for its rainforests»

«Last week, Indonesia’s parliament passed a controversial and sweeping jobs law that environmentalists say will have a disastrous impact on the country’s forests and rich biodiversity»

«The omnibus jobs creation law was intended to simplify Indonesia’s complex web of overlapping regulations to make it easier for companies to do business in the country. It includes changes to more than 70 laws across the labor, business and environmental sectors»

«But while the protests have focused on concerns over labor rights, environmentalists say the law loosens environmental protections and could lead to widespread deforestation and habitat loss»

«Indonesia’s rainforests are the world’s third largest after the Amazon and Africa’s Congo Basin and are ecologically important for their rich biodiversity, with animals including elephants, clouded leopards, sun bears and the critically endangered orangutan»

«Indonesia supplies more than half of the world’s palm oil and the industry contributes about 2.4% to the country’s GDP. But the industry is a major cause of deforestation in Indonesia and palm oil has had a devastating impact on the environment»

«The new law will remove a requirement that Indonesian provinces have a forest cover of 30%»

* * * * * * *

Poniamoci adesso una domanda.

L’Indonesia è una repubblica presidenziale ove si tengono libere elezioni.

È del tutto sequenziale che chiunque possa candidarsi, specie poi se disponga di un congruo seguito elettorale.

Orbene, se gli ambientalisti volessero far sentire la loro voce, nulla vieterebbe loro di presentarsi alle elezioni. Ma dalle urne ottengono percentuali omeopatiche.

Ci si domanda quindi a quale diritto si dovrebbe dare ascolto alle loro recriminazioni.

I ‘Rights group’, Amnesty International, Mighty Earth, Sustainable Madani Foundation, Indonesian Center for Environmental Law e così via rappresentano soltanto sé stesse, ossia una seguito inconsistente.

Queste ngo hanno cassa di risonanza solo sui media liberal: la gente vive tranquillamente ignorandole.

*


Indonesia is putting business before the environment and that could be disastrous for its rainforests.

Last week, Indonesia’s parliament passed a controversial and sweeping jobs law that environmentalists say will have a disastrous impact on the country’s forests and rich biodiversity.

The omnibus jobs creation law was intended to simplify Indonesia’s complex web of overlapping regulations to make it easier for companies to do business in the country. It includes changes to more than 70 laws across the labor, business and environmental sectors.

Indonesian President Joko “Jokowi” Widodo has promised the law will help boost the country’s ailing coronavirus-hit economy by cutting through red tape and bureaucracy to attract foreign investment and create jobs in Southeast Asia’s largest economy.

Thousands of people have taken to the streets in the capital Jakarta and other cities in a three-day national strike against the reforms, with demonstrators, labor unions, and rights groups saying the law undermines workers rights. On Thursday, protesters violently clashed with police, who fired tear gas and water cannons in an attempt to disperse crowds in central Jakarta.

Rights group Amnesty International called the law “catastrophic,” saying the bill was rushed through parliament with no meaningful public consultation and criticized the drafting process as opaque. Amnesty’s Indonesia Executive Director Usman Hamid said in a statement that the law will “harm workers’ wallets, job security and their human rights as a whole.”

Union and Muslim groups are preparing to challenge the law in court and another wave of protests is expected this week, according to Reuters.

But while the protests have focused on concerns over labor rights, environmentalists say the law loosens environmental protections and could lead to widespread deforestation and habitat loss.

Indonesia’s rainforests are the world’s third largest after the Amazon and Africa’s Congo Basin and are ecologically important for their rich biodiversity, with animals including elephants, clouded leopards, sun bears and the critically endangered orangutan.

Deforestation is already driving many species toward extinction and environmentalists warn that the law could give them a “strong push towards the edge,” said Phelim Kine, senior Asia director at environmental campaign group Mighty Earth.

——-

Why environmentalists are worried

Indonesia supplies more than half of the world’s palm oil and the industry contributes about 2.4% to the country’s GDP. But the industry is a major cause of deforestation in Indonesia and palm oil has had a devastating impact on the environment.

The new law will remove a requirement that Indonesian provinces have a forest cover of 30%, raising concerns that extractive industries and palm oil plantations could drastically step up land clearance and escalate conflicts over land and Indigenous rights.

Indonesian environmental group the Sustainable Madani Foundation warned that the law will weaken environmental protections for forests and several provinces that are home to palm oil plantations, like Riau, Jambi and South Sumatra, could completely lose their natural forests in 20 years.

“That’s staggering, that’s the equivalent of telling a United States citizen that an American corporation is going to raze Yosemite, or in the UK that they’ll pave the Lake District. The environmental impacts are almost incalculable,” Kine said.

Adding to concerns is that previously, companies were responsible for environmental damage in their concessions, whether they were at fault or not. But environmentalists say these “strict liability” provisions are now vague and proof of wrongdoing is now required to prosecute the company.

Officials say this is to provide legal certainty in criminal investigations, according to Reuters, but environmentalists are worried it will weaken laws aimed at prosecuting companies that cause forest fires.

“We are afraid the changes of the liability mechanism will blur the lines in trial and hamper law enforcement for the forest fire issue,” said Grita Anindarini, a researcher for the Indonesian Center for Environmental Law.

Intense forest fires from land burning rage across Indonesia every year, with toxic haze spreading as far as Malaysia and Singapore. Farmland is burned to prepare for the next year’s crop and to clear forests, with the carbon-rich peat burning for weeks and creating a health crisis with disastrous consequences for the climate crisis.

Indonesia’s Environment Minister Siti Nurbaya Bakar said on Twitter that the rights of Indigenous peoples and those living in forest areas have greater protection under the new law and that obligations for companies to maintain forest areas will in fact be tighter.

——-

‘Major setback in environmental law’

Campaigners say the law makes changes to several other key environmental rules, including removing environmental reviews for many new projects.

It also integrates environmental permits with business permits and compliance monitoring will now be “risk-based.”

Companies would previously need to fill out an environmental impact assessment, called an AMDAL, to asses the impact their project would have on the environment and local communities. Now, only companies whose activities pose a “high risk” to the environment will need to secure this license.

“The government said high risk means (companies’) activities will have a significant impact on the environment, and if you have high risk activities you must conduct a environmental impact assessment,” said Grita, who added that it’s not clear what constitutes a high risk activity or how a company will be judged.

According to Grita, companies now only need to consult those people “directly impacted” by the project, raising concerns that local people and environmental advocates will be left out of the consultation process. “It’s very unclear who is directly impacted,” she said.

The new rules have raised fears that the system of checks and balances on those polluting or exploiting the environment will be diminished.

This is a “major setback in environmental law,” Grita said.

But Environment Minister Siti said the law makes it easier for the government to revoke business permits for companies that undermine environmental laws.

“By combining the processing of the AMDAL license with the processing of business permits, if a company violates it, the government can revoke both at once,” the minister said on her official Twitter account.

She continued that corporations “playing around” in forest areas will be subject to “strict criminal sanctions.”

——-

Moving forward

Environmentalists say Indonesia could have used the opportunity to recover its economy in a sustainable way.

“They could have made it a golden region for economic green growth with forest cover and biodiversity treated as priceless assets rather than items to be pillaged,” Kine said.

Reuters reported that banks like Citibank and ANZ have said if the jobs law is implemented well, there will be a better investment climate for Indonesia.

But others within the industry say it may backfire. A group of 35 global investors managing $4.1 trillion in assets issued a letter to the Indonesian government warning of the damaging consequences for the environment, according to Reuters.

Grita said that Indonesia’s environmental law is “one of the most progressive laws we have” and progress has been made in recent years to step up environmental protection, though implementation and monitoring is still weak. The palm oil industry in particular has come under pressure from buyers, financiers, and civil society groups among others to reduce deforestation and the destruction of peatlands.

Meanwhile, companies — including in Indonesia — are increasingly committing to “No Deforestation, No Peatland, No Exploitation” (NDPE) policies and major palm oil importers like the European Union and UK are considering stricter standards for agricultural imports. One UK proposal would prohibit companies that can’t prove their supply chains are not linked to illegal deforestation, and 21 major food firms, including McDonald’s, say the plans should be expanded to apply to all deforestation.

Concerns have also been raised that Indonesia’s new law will move the country’s environmental legislation away from international best practices.

There are calls for the government to repeal the law, and Kine said the focus now will be on ensuring it’s implemented in a way that “mitigates the extent of the damage that the law on its face can inflict.”

Pubblicato in: India, Ong - Ngo

India. Nuova legge sulle ngo – ong. Tagliati i fondi stranieri.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-10-06.

India 013

Il problema che pongono le ngo – ong è semplice. Si dichiarano patrocinatrici di altissimi ideali, mentre nei fatti sono finanziate da una centrale estera al fine di svolgere una intensa attività politica contraria al governo legalmente in carica.

Soros George. Uno stato negli stati. Ecco i suoi principali voivodati.

Iniziata la rivolta mondiale contro il regime liberal di Mr Soros.

Cina. Una nuova legge sulle Ong (Ngo).

Russia. Nuova legge sulle ong (ngo). Povero Mr Soros.

Polonia. Scacciare le ong (ngo) di Mr Soros.

Repubblica Ceka. Rivolta aperta contro le ngo di Mr Soros.

Orban contro Soros. Nuova legge sulle Ong.

Soros, ngo e debito studentesco. 50 milioni di americani resi schiavi.

America. Mr Soros e legioni di Sugar Daddies e Sugar Babies.

*


«Prime Minister Narendra Modi’s government has said the rule changes were needed to beef up accountability for the receipt and use of foreign funding, as few groups met basic statutory requirements or used the funds properly»

«The government has said it launched criminal investigations into dozens of groups over misappropriation of such funds»

«The new ceiling on administrative spending, lowered from a figure of 50%, presents a challenge as the category usually includes staff costs, the non-profit groups said. …. Large non-profits typically work with dozens of smaller partners to carry out programmes and projects, and being unable to transfer funds to them would disrupt the sector»

«Today, more than 22,400 bodies registered under the law are authorised to use foreign contributions to pay for cultural, economic, educational, religious or social programmes, the home ministry says»

«Over the three years to 2019, they have received 581 billion rupees ($8 billion) in such funds.»

* * * * * * *


Come era da prevedersi, alti sono gli ululati.

Oxfam, Amnesty International, ActionAid Association hanno levato lamenti a strappare il cuore.

Non sono candide verginelle. Sono piuttosto carampane di lungo corso.

Oxfam. Il vero problema di cui nessuno vuole parlare è il gruzzolo.

Oxfam criticised over Haiti sex claims.

Non proseguiamo oltre, ma l’elenco di cosa facciano questi ‘galantuomini’ sarebbe davvero ben lungo: satiri assatanati di denaro e di sesso, bramosi del potere, al soldo delo straniero. Nessuna meraviglia che la società civile ed i governi dei paesi eticamente sani non ne vogliano più sapere delle ngo – ong.

*

Non-profits say India’s new rules on foreign funding will hit operations.

India’s tougher rules on foreign funding for non-profits will severely crimp their activities, the chiefs of some bodies said on Thursday, after human rights group Amnesty International suspended its work in the country, citing government harassment.

Last month’s changes to the law governing overseas contributions include a ban on transfers of money to other groups and a spending limit of 20% on administrative costs, such as staff and offices.

“This is a climate where you can clearly see patterns in which the space for civil society is shrinking,” Amitabh Behar, chief executive of the Indian arm of Oxfam, a grouping of 20 international NGOs, told Reuters.

“It’s being stifled, and the message is very depressing for the not-for-profit sector.”

India has an estimated 3 million registered non-profits, but since 2017 it has cancelled permission for more than 6,600 charities to receive overseas funding, as successive governments have stepped up scrutiny.

On Tuesday, London-based Amnesty International said it was halting work in India, accusing the government of a “witch-hunt” and blocking its bank accounts.

India’s home ministry said the group was circumventing the rules on foreign contributions by illegally receiving money from the British arm.

“The chilling effect is coming from multiple corners and this only brings it home directly to us,” Behar added, referring to Amnesty’s closure.

Prime Minister Narendra Modi’s government has said the rule changes were needed to beef up accountability for the receipt and use of foreign funding, as few groups met basic statutory requirements or used the funds properly.

The government has said it launched criminal investigations into dozens of groups over misappropriation of such funds.

The new ceiling on administrative spending, lowered from a figure of 50%, presents a challenge as the category usually includes staff costs, the non-profit groups said.

Large non-profits typically work with dozens of smaller partners to carry out programmes and projects, and being unable to transfer funds to them would disrupt the sector, the Indian arm of ActionAid said.

“This would restrict the number of … social workers and organisations serving the vulnerable, and restrict grants given to small organisations already on the FCRA approved list,” said Sandeep Chachra, executive director of ActionAid Association.

He was referring to the Foreign Contribution (Regulation) Act (FCRA), dating from 1976, a time of national emergency declared by then prime minister Indira Gandhi, who was seen as using the law to target critics of a civil rights clampdown.

Today, more than 22,400 bodies registered under the law are authorised to use foreign contributions to pay for cultural, economic, educational, religious or social programmes, the home ministry says.

Over the three years to 2019, they have received 581 billion rupees ($8 billion) in such funds.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Ong - Ngo, Unione Europea

Grecia. Nuova legge sulle ngo. Nel 2015-2019 hanno sperperato 1.3 mld nel ‘people trafficking’. Solo in Grecia ….

Giuseppe Sandro Mela.

2020-06-07.

Atene 003

In Grecia stanno operando 86 ngo, delle quali 73 nazionali e 13 internazionali.

«Greece’s migration and asylum minister, Notis Mitarachi blamed NGOs without providing evidence, for mismanaging some €1.3bn EU funds between 2015 and 2019.»

«politicians from Greece’s ruling party New Democracy, who have accused some NGOs of smuggling and people trafficking»

*

Commissione Europea tace ed avvalla la Grecia sul problema dei migranti.

Grecia, Eu e migranti. Liberal socialisti verso l’emarginazione.

Lesbo. Gli abitanti contro i clandestini. La polizia spara. Almeno un morto.

Grecia. Schiera esercito al confine turco contro i migranti.

Grecia respinge con cariche e lacrimogeni 4,000 migranti.

Turkia convoglia migranti in Grecia. Ne ha 950,000.

Grecia. Rivolta armata contro immigrati e centri di raccolta.

Grecia. Exit polls. Nea Demokratia ~40%. Forse maggioranza di seggi. – Aljazeera.

*

I migranti clandestini illegali dal Medio Oriente transitavano in Turkia e di qui buona quota raggiungeva la Grecia. Lo scorso anno la Grecia si è opposta militarmente a questa nuova invasione, invasione peraltro appoggiata sul suolo greco dall’azione delle ngo che si occupano dei migranti. Il Governo greco, cambiato nel luglio dello scorso anno, ha bollato queste ngo come organizzazioni dedite alla ‘tratta dei migranti’, che hanno sperperato 1.3 miliardi nella sola Grecia, tra il 2015-2019. Data l’entità della cifra si possono capire molte cose.

Si noti come l’Unione Europea, nella figura della Commissione Europea, abbia approvato che la Grecia avesse fatto intervenire l’esercito per bloccare una simile invasione, anche usando la forza e le armi.

È del tutto evidente che una situazione del genere necessitava di un intervento governativo, per dare regole e norme chiare e trasparenti alle ngo che operano sul suolo greco, spesso svolgendo azioni in netto contrasto con le decisioni politiche governative.

Le ngo non sono più da considerarsi uno stato dentro lo stato. Ameno in Grecia.

*

Non è questa la prima presa di posizione contro le attività delle ngo.

Libia.Vieta alle ngo la tratta dei migranti.

Europarlamento. Liberal socialisti battuti sulla mozione sui migranti ed ngo.

Russia. Nuova legge sulle ong (ngo). Povero Mr Soros.

Polonia. Scacciare le ong (ngo) di Mr Soros.

Repubblica Ceka. Rivolta aperta contro le ngo di Mr Soros.

Orban contro Soros. Nuova legge sulle Ong.

Unione Europea ed ngo. Un fiume di denaro non tracciabile. I numeri.

*

«New Greek rules stigmatise NGOs working with migrants»

«The Greek government is targeting NGOs working with migrants as part of a politicised effort to curtail asylum»

«New ministerial rules introduced earlier this year and inserted into a wider migration law in May only apply to civil society groups that deals with refugees and asylum»

«Athens says the rules are needed for greater transparency and accountability but NGOs argue they also discriminate and are almost impossible to implement for smaller grassroots organisations»

«the new rules impose extra conditions on the registration of civil society outfits»

«The law maintains a clear discretion on the ministry of migration and asylum to deny registration – even if the requirements are met»

«NGOs that help asylum seekers are now required to register with the ministry of asylum and migration»

«They are also required to be certified should they wish to receive state-level or EU funding. …. they are required to show financial statements dating back two years»

«that it only targets NGOs working with refugees, and requires they get audited by certified auditors, and other bureaucratic obligations, that risk creating a chilling effect.»

«This new process will exclude many organisations because they don’t have the budget to cover this exorbitant costs»

«Greece currently has around 86 registered NGOs working on migration. Of those, 73 are national and 13 international.»

«The previous government in Greece, voted out of power last summer, had set up a registry for NGOs»

«As it stands, the law seems to have been activated in order to punish and exclude NGOs from public affairs instead of regulating their action by integrating them into a transparent and accountable collaborative framework with the state and citizens»

«politicians from Greece’s ruling party New Democracy, who have accused some NGOs of smuggling and people trafficking»

«Greece’s migration and asylum minister, Notis Mitarachi blamed NGOs without providing evidence, for mismanaging some €1.3bn EU funds between 2015 and 2019.»

* * * * * * *

La rivolta contro le ngo prosegue.

«minister …. blamed NGOs …. for mismanaging some €1.3bn EU funds between 2015 and 2019.»

«politicians …. have accused some NGOs of smuggling and people trafficking»

E la Commissione Europea tace.

*


Eu Observer. New Greek rules stigmatise NGOs working with migrants

The Greek government is targeting NGOs working with migrants as part of a politicised effort to curtail asylum.

New ministerial rules introduced earlier this year and inserted into a wider migration law in May only apply to civil society groups that deals with refugees and asylum.

Athens says the rules are needed for greater transparency and accountability but NGOs argue they also discriminate and are almost impossible to implement for smaller grassroots organisations.

Drafted by the Greek ministry of finance and the ministry of migration and asylum, the new rules impose extra conditions on the registration of civil society outfits.

“The law maintains a clear discretion on the ministry of migration and asylum to deny registration – even if the requirements are met,” said Minos Mouzourakis, a legal officer at Refugee Support Aegean.

NGOs that help asylum seekers are now required to register with the ministry of asylum and migration. They are also required to be certified should they wish to receive state-level or EU funding.

In affect, the rules essentially prevent new NGOs from registering – because they are required to show financial statements dating back two years.

Chilling effect

Melina Spathari at Terre des Hommes Hellas, an international NGO, says a centralised updated registry of NGOs will enhance transparency.

But she pointed out that it only targets NGOs working with refugees, and requires they get audited by certified auditors, and other bureaucratic obligations, that risk creating a chilling effect.

“This new process will exclude many organisations because they don’t have the budget to cover this exorbitant costs. We are talking about very small civil society organisations, grass roots,” she said.

It also means asylum seekers and refugees may stand to lose out given many rely on the NGOs for basic needs in Greece.

Greece currently has around 86 registered NGOs working on migration. Of those, 73 are national and 13 international.

The previous government in Greece, voted out of power last summer, had set up a registry for NGOs. But the new registry for NGO staff created earlier this year is adding a whole new layer of requirements.

“This has happened in the context of a deteriorating public narrative around NGOs and specifically NGOs that work with asylum seekers and migrants and people on the move in general,” said Adriana Tidona, a researcher on migration at Amnesty International’s European office.

Tidona says the new rules are posing serious questions when it comes to the freedom of association, the freedom of expression, discrimination and the right to privacy.

“It is also concerning that the registration is basically entrusted to an authority which is not independent from the government,” she said.

Also known as the ‘special coordinating secretary’, it can approve or revoke registrations at any moment.

Doctors of the World Greece said the secretary’s power is too great, noting it will be able to reject an application even if all the legal requirements are met.

“As it stands, the law seems to have been activated in order to punish and exclude NGOs from public affairs instead of regulating their action by integrating them into a transparent and accountable collaborative framework with the state and citizens,” said Elli Xenou at Doctors of the World Greece.

Such moves appear to align with public statements made by politicians from Greece’s ruling party New Democracy, who have accused some NGOs of smuggling and people trafficking.

More recently, Greece’s migration and asylum minister, Notis Mitarachi blamed NGOs without providing evidence, for mismanaging some €1.3bn EU funds between 2015 and 2019.

Tacit support

The move comes amid heightened tensions over migration following Turkey’s failed bid to send thousands of refugee hopefuls into Greece in March.

It also comes amid ongoing silence by a European Commission on alleged rights abuses in Greece after the country suspended asylum applications for a month.

Asked to comment on the new rules, the European Commission has yet to respond to this website.

But in March, the European Commission’s vice-president Margaritis Schinas tasked to promote ‘our European way of life’ offered a clue.

“EU support will be unequivocal,” said Schinas when asked about Greece suspending asylum claims.

Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo, Ong - Ngo

Alan Kurdi. Il nuovo governo italiano nega l’ingresso.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-09-10.

2019-09-10__Alan Kurdi 001

«L’Italia dice no alla nave Alan Kurdi che da giorni si trova in acque internazionali con 5 giovani migranti a bordo»

«Il Centro di coordinamento del soccorso marittimo della Guardia Costiera italiana, nella tarda serata di ieri, come spiega la ong Sea Eye, ha negato alla Alan Kurdi il permesso di entrare, transitare e fermarsi in acque territoriali italiane»

«Il divieto, si legge nella comunicazione delle autorità italiane mostrata dalla ong, è in accordo al divieto d’ingresso firmato lo scorso 31 agosto dall’allora ministro Matteo Salvini, sulla base del decreto sicurezza bis.»

* * * * * * *

È una prima piccola sbavatura al programma governativo.


Adnk. 2019-09-10. Italia dice no a ingresso Alan Kurdi

L’Italia dice no alla nave Alan Kurdi che da giorni si trova in acque internazionali con 5 giovani migranti a bordo, dopo le evacuazioni mediche dei giorni scorsi.

Il Centro di coordinamento del soccorso marittimo della Guardia Costiera italiana, nella tarda serata di ieri, come spiega la ong Sea Eye, ha negato alla Alan Kurdi il permesso di entrare, transitare e fermarsi in acque territoriali italiane.
Il capo missione della nave nei giorni scorsi aveva chiesto aiuto ai centri di coordinamento per il soccorso marittimo di Italia, Francia, Spagna e Portogallo per i cinque migranti, dei 13 salvati, ancora a bordo. La ong ha mostrato su Twitter la comunicazione delle autorità italiane in cui si cita il decreto sicurezza.

*


Ansa. 2019-09-09. Migranti, Alan Kurdi: no dell’Italia alla richiesta d’ingresso

La Alan Kurdi non è autorizzata ad entrare in acque italiane. Questa, informa la ong tedesca Sea Eye, la risposta del Centro di coordinamento per il soccorso marittimo italiano alla richiesta di aiuto inviata dalla nave che si trova da nove giorni davanti a Malta con 5 migranti a bordo. Il divieto, si legge nella comunicazione delle autorità italiane mostrata dalla ong, è in accordo al divieto d’ingresso firmato lo scorso 31 agosto dall’allora ministro Matteo Salvini, sulla base del decreto sicurezza bis.

“Oggi l’Italia sfortunatamente è molto veloce quando si tratta di rifiutare aiuto per la Alan Kurdi”, commenta Sea Eye. La nave, dopo aver soccorso lo scorso 31 agosto 13 migranti in acque sar libiche, si era diretta verso Lampedusa e aveva chiesto il Pos (Place of safety, il porto sicuro) all’Italia. Era però arrivato il divieto firmato da Salvini e dai suoi colleghi Elisabetta Trenta e Danilo Toninelli e quindi la nave aveva fatto rotta verso Malta. Ma anche in questo caso c’era stato il no allo sbarco. Otto migranti nei giorni scorsi sono stati comunque evacuati verso l’isola per emergenze sanitarie.