Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Unione Europea

Germania. Il Senato sforbicia per bene il climate package.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-12-24.

2019-12-21__Ilva 001

«Germany’s Bundesrat has approved the government’s climate package after it was amended by a mediation committee. Parts of the original package had been blocked over cost-sharing concerns»

«A package of measures to combat climate change devised by Germany’s government received final approval from the upper house of parliament, the Bundesrat, on Friday, paving the way for lower prices for train travel, among other things.»

«Under the amended package, they [The States] will receive compensation for the losses in tax revenue»

«The revised package also sees the initially proposed CO2 price of €10 ($11) per metric ton (1.1 short tons or 2,205 pounds) raised to €25. That price is envisaged to rise even further to €55 by 2025, though parliament must first enshrine the increase in law.»

«The Bundesrat, which represents the governments of Germany’s 16 federal states, also approved a rise in the tax-deductible sum granted to commuters and tax benefits for energy-saving home renovations»

«The amended package aims to relieve the burden on consumers by reducing the surcharge for the financing of renewable energy sources in Germany (the so-called EEG surcharge), resulting in lower electricity prices»

«Train tickets will also be some 10% cheaper as a result of a reduction in sales tax»

«The environmental organization Friends of the Earth Germany (BUND) has criticized the package, calling for a much higher CO2 price starting at €50 and climbing to €200 by 2030»

* * * * * * *

Nell’autunno del prossimo anno Frau Merkel si ritirerà, lasciando dietro di sé cumuli di rovine, peggio dell’VIII Bomber Command.

Due considerazioni.

La prima, la recessione economica inizia a mordere i polpacci dei tedeschi, che sono obbligati dalla dura realtà a ridimensionare i loro piani più che faraonici. Senza denari si può fare molto poco, per non dire nulla.

La seconda, gli orizzonti temporali si dilatano. Parlare oggi, fine anno 2019, del 2030 oppure del 2050 lascerebbe molto perplessi: nessuno potrebbe dare garanzia alcuna che tra diesi – trenta anni, in Germania vi siano governi fotocopia di quello attuale di Frau Merkel. Sembrerebbe essere ben più verosimile che in tali date si varino sostanziosi programmi di edificazione di moschee su tutto il territorio, mettendo i residui tedeschi ai lavoro forzati nelle miniere di torba.

 *


German upper house approves amended climate plans

Germany’s Bundesrat has approved the government’s climate package after it was amended by a mediation committee. Parts of the original package had been blocked over cost-sharing concerns.

A package of measures to combat climate change devised by Germany’s government received final approval from the upper house of parliament, the Bundesrat, on Friday, paving the way for lower prices for train travel, among other things.

The package, which was approved by the Cabinet three months ago, was amended after the governments of Germany’s 16 federal states voiced concerns that they would bear the costs of lowering taxes on long-distance trains, tax benefits for energy-saving home renovations and an increase in the commuters allowance.

Under the amended package, they will receive compensation for the losses in tax revenue.

The revised package also sees the initially proposed CO2 price of €10 ($11) per metric ton (1.1 short tons or 2,205 pounds) raised to €25. That price is envisaged to rise even further to €55 by 2025, though parliament must first enshrine the increase in law.

‘More social balance’

The Bundesrat, which represents the governments of Germany’s 16 federal states, also approved a rise in the tax-deductible sum granted to commuters and tax benefits for energy-saving home renovations.

The amended package aims to relieve the burden on consumers by reducing the surcharge for the financing of renewable energy sources in Germany (the so-called EEG surcharge), resulting in lower electricity prices. Train tickets will also be some 10% cheaper as a result of a reduction in sales tax.

The Social Democrat premier of the state of Mecklenburg-Western Pomerania, Manuela Schwesig, who played a large role in negotiating the compromises, said the amended package had “more climate protection and more social balance.”

Under its climate protection act, Germany is obliged to cut greenhouse gas emissions by 55% by 2030, compared to 1990 levels.

The environmental organization Friends of the Earth Germany (BUND) has criticized the package, calling for a much higher CO2 price starting at €50 and climbing to €200 by 2030. BUND traffic expert Werner Reh also slammed what he called “a retention of environmentally damaging subsidies for diesel and kerosene and the even higher commuters allowance.”

The leader of the Greens parliamentary party, Anton Hofreiter, also criticized the measures for not going far enough to meet Germany’s obligations under the 2015 Paris Agreement, saying that the higher CO2 price was “no breakthrough” in climate protection.

Under the Paris Agreement, a number of governments, including Germany’s, pledged to take measures to keep a global temperature rise this century well below 2 degrees Celsius (3.6 Fahrenheit) above pre-industrial levels. Many climate activists say that the climate package will not reduce Germany’s CO2 emissions sufficiently for it to keep its pledge.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Materie Prime, Problemia Energetici, Stati Uniti

Trump. Blocca il NordStream2 con delle sanzioni.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-12-23.

Nord Stream 103

L’evento era nell’aria da molto tempo, ed è la risultante di una congerie di motivazioni, che vanno dai rapporti con l’Ukraina, il crescere della potenza economica e militare russa, la necessità di rimettere nei ranghi l’Unione Europea. massimamente la Germania.

«Berlin and Brussels have criticized White House sanctions against companies involved in building a Russian natural gas pipeline to Germany»

«They accused President Trump of interfering in national and bloc sovereignty »

«US sanctions targeting the Nord Stream 2 gas pipeline between Russia and Germany became law on Friday evening after President Donald Trump signed off on a massive defense bill.»

«The sanctions target companies involved in constructing the $11 billion (€9.93 billion) energy project, which will transport Russian gas under the Baltic Sea and deliver it directly to Germany.»

«The Trump administration now has 60 days to identify companies and individuals providing services for the pipeline.»

«The sanctions allow Washington to revoke US visas and block the property of these individuals»

«Those targeted by the sanctions would then have 30 days to wind down their operations»

«In previsione dell’entrata in vigore del National Defense Authorization Act (NDAA), Allseas ha sospeso le sue attività di posa dei tubi di NordStream2 – recita la nota – Allseas procederà in linea con le prescrizioni di legge sulla chiusura (del cantiere, ndr) e attende indicazioni dalle autorità Usa, compresi i necessari chiarimenti sugli aspetti regolatori, tecnici e ambientali»

«Anche Saipem sta collaborando al raddoppio del NordStream»

* * * * * * *

Il NordStream2 è un gasdotto che collega direttamente la Russia e la Germania, senza passare su territori stranieri.

Ovviamente è soluzione ambita da russi e tedeschi, invisa a tutti gli altri, dai partner europei agli Stati Uniti.

Un problema non piccolo è costituito dalla vita presunta di questo gasdotto, molto lunga. Ma già tra una decina di anni la popolazione autoctona tedesca sarà una minoranza e sono in molti ad avanzare forti dubbi sulla lealtà degli immigrati.

Nel contingente quotidiano, invece, le ditte coinvolte nel NordStream2 sono davvero nei triboli. Allseas ne riceverebbe un fiero colpo e nulla vieterebbe di pensare che gli americani le somministrassero anche altre sanzioni.

*

Adesso vedremo quanto vale Frau Merkel, quanto vale Ursula von der Leyen e quanto vale la Lagarde.

Ora che l’Unione Europea è guidata da tre femmine siamo più che certi che Mr Trump ritirerà le sanzioni in fretta e furia.

*

Nota.

Zingaretti, Conte e Di Maio si sono precipitati in aeroporto per andare subito a Washington per dirne quattro a Mr Trump, difendendo a spada tratta la Saipem.


NordStream2, la costruzione del gasdotto si blocca per le sanzioni Usa

L’interruzione dei lavori segna un punto a favore del Congresso Usa, che è riuscito in extremis nell’intento di fermare il raddoppio del gasdotto Russia-Germania.

La costruzione del NordStream2 si ferma, causa sanzioni Usa. L’interruzione dei lavori per ultimare il gasdotto Russia-Germania è stata annunciata con uno scarno comunicato da Allseas, il gruppo elvetico-olandese che ha vinto l’appalto più consistente per la realizzazione dell’opera nel Mar Baltico.

«In previsione dell’entrata in vigore del National Defense Authorization Act (NDAA), Allseas ha sospeso le sue attività di posa dei tubi di NordStream2 – recita la nota – Allseas procederà in linea con le prescrizioni di legge sulla chiusura (del cantiere, ndr) e attende indicazioni dalle autorità Usa, compresi i necessari chiarimenti sugli aspetti regolatori, tecnici e ambientali».

Quattro righe di testo, che segnano un punto a favore del Congresso Usa, che è riuscito in extremis nell’intento di fermare il raddoppio del gasdotto Russia-Germania, con cui Gazprom puntava ad attenuare la dipendenza dalla rotta ucraina nel rifornire l’Europa di gas.

Lo stop arriva poche ore dopo l’accordo tra Mosca e Kiev per proseguire il transito del gas russo in Ucraina.

Il nuovo contratto – destinato a entrare in vigore il 1 gennaio, quando quello attuale sarà scaduto – non c’è ancora comunque: sarà firmato «entro fine anno», ha promesso il vicepremier russo Dmitry Kozak, e avrà una durata di 5 anni. Gazprom e Naftogaz si sono impegnate a interrompere ogni azione legale e richiesta reciproca di indennizzi per le controversie passate.

Le sanzioni Usa contro i gasdotti russi NordStream2 e TurkStream sono state approvate dal Congresso nei giorni scorsi, agganciate alla legge che stabilisce il budget per la difesa. Il presidente Donald Trump poche ore fa ha promulgato il testo senza apporre veti: un atto che veniva dato per scontato.

Il senatore repubblicano Ted Cruz, uno dei promotori dell’emendamento sulle sanzioni, aveva messo sull’avviso Allseas con una lettera dai toni minacciosi al ceo Edward Heerema: se la società avesse proseguito i lavori sul NordStream2 «anche solo per un giorno» dopo l’entrata in vigore della legge, sarebbe andata incontro a «sanzioni economiche e legali devastanti e potenzialmente fatali».

Anche Saipem sta collaborando al raddoppio del NordStream, che è ormai completo al 90%, ma ritiene di non correre rischi poiché ha svolto un compito molto limitato e non ha posato tubi sottomarini alle profondità che espongono alle sanzioni Usa.

«Non è chiaro se i russi riusciranno a completare da soli i lavori, rimpiazzando le sofisticate navi posatubi di Allseas», afferma Agata ŁOskot-Strachota, senior fellow del think tank polacco Osw. «L’unica società russa che potrebbe svolgere questo tipo di lavoro, la Akademik Cherskiy, verrà ammodernata nel 2020 e non è certo se sarà in grado di operare alle profondità in cui viene collocato il NordStream2».

*

Germany, EU decry US Nord Stream sanctions

Berlin and Brussels have criticized White House sanctions against companies involved in building a Russian natural gas pipeline to Germany. They accused President Trump of interfering in national and bloc sovereignty.

US sanctions targeting the Nord Stream 2 gas pipeline between Russia and Germany became law on Friday evening after President Donald Trump signed off on a massive defense bill.

The sanctions target companies involved in constructing the $11 billion (€9.93 billion) energy project, which will transport Russian gas under the Baltic Sea and deliver it directly to Germany.

The Trump administration now has 60 days to identify companies and individuals providing services for the pipeline. The sanctions allow Washington to revoke US visas and block the property of these individuals. Those targeted by the sanctions would then have 30 days to wind down their operations.

On Saturday, the group behind the pipeline said it would aim to complete the project quickly in an effort to minimize the damage of US sanctions.

“Completing the project is essential for European supply security. We, together with the companies supporting the project, will work on finishing the pipeline as soon as possible,” Nord Stream 2 said in a statement.

‘A severe intervention in German and European internal affairs’

The bill describes Nord Stream 2 as a “tool of coercion and political leverage” that Moscow could use against Berlin — and says it risks significantly weakening US ties to Germany and other European allies.

US lawmakers in both houses of Congress overwhelmingly approved the sanctions.

German Chancellor Angela Merkel’s government has condemned the measures, urging the US not to meddle in European energy policy. “They affect German and other European businesses, and we see the move as meddling in our internal affairs,” a government spokeswoman said.

Finance Minister Olaf Scholz called the sanctions “a severe intervention in German and European internal affairs.”

The sanctions are also opposed by the European Union. A spokesman slammed “the imposition of sanctions against EU companies conducting legitimate business.”

Russia: US pushing ideology

Russian President Vladimir Putin has already vowed to continue with the project and has threatened “reciprocal” measures. Russian Foreign Ministry spokeswoman Maria Zakharova accused the United States of pushing an ideology that hindered global trade, adding on her Facebook page: “Soon they will demand that we stop breathing.”

Ahead of the sanctions being signed into law, Swiss-Dutch company Allseas suspended its pipe-laying activities. The company was hired by Russian state-owned energy giant Gazprom to build the offshore section.

The pipeline was expected to become operational in the next few months, although the completion date for the project has now been thrown into doubt.

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale, Unione Europea

Merkel inizia a sbattere il volto sulla durissima realtà. Dopo di lei il diluvio.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-12-18.

Das Brandenburger Tor in Berlin

Per comprendere al meglio la portata delle dichiarazioni di Frau Merkel sarebbe di estrema utilità rileggere i seguenti articoli:

Germania. Popolazione. Classi di età. Destatis. Dati cimiteriali.

Germania. Incidenza economica del calo demografico. – Bloomberg.

Germania. Realtà geografica, non più umana, politica ed economica.

Germania. La demografia che stritola. Mancano tre milioni di lavoratori. – Vbw.

«La popolazione tedesca sta diminuendo e sta invecchiando. Questa constatazione non sorprendente ha un impatto significativo sulla futura struttura del mercato del lavoro. …. Il cambiamento demografico sta portando ad una riduzione del numero di popolazione attiva in Germania a medio e lungo termine, più rapida della popolazione nel suo complesso»

«Germany will lack millions of skilled workers, technical and medical workers and researchers in the near future»

«As a result of demographic change, the labour market situation will considerably worsen over the next 10 to 20 years»

*

Germania. Mancano ora 35,000 insegnanti, nel 2025 ne mancheranno 105,000.

Germania. Assistenza agli anziani: quasi 40,000 posti vacanti.

Germania. La demografia stritola Germania e Große Koalition.

«Sia la Cdu sia la Spd hanno la maggior parte dei votanti nella fascia di età superiore ai 60 anni. Gli Elettori della Cdu sotto i 30 anni non superano il 23% della popolazione. Stesso ragionamento vale per la Spd.

Al contrario, sia AfD sia Fdp hanno prevalentemente un Elettorato in fascia giovane o, comunque, sotto i 45 anni.»

Germania. Herr Spahn prospetta la tassa sul nubilato.

«Il problema della denatalità pervade la Germania: se ne inizia a parlare con sempre maggiore apprensione, proprio come negli ultimi anni di guerra i tedeschi parlavano dell’Armata Rossa: dapprima a Smolensk, poi a Minsk, indi a Varsavia ed infine a Berlino»

* * * * * * *

Nel leggere le statistiche demografiche si distingua con cura tra ‘popolazione tedesca‘, ossia persone con la cittadinanza, e ‘popolazione autoctona‘, ovvero persone di ascendenza tedesca.

Le femmine tedesche autoctone hanno in uggia la procreazione: il tasso di fertilità globale è ad oggi 1.41, questo valore è retto principalmente dalla proliferazione degli immigrati. Per le femmine autoctone è sotto la unità.

Il modo più semplice e naturale per rimediare una simile situazione sarebbe quella di riprende a fare figli. Ma l’istituto familiare è stato distrutto, il numero delle separazioni e dei divorzi è davvero alto, la scuola si arroga il diritto di educare i figli altrui.

Orbene.

Alla contrazione delle nascite corrisponde quella della numerosità della forza lavoro.

Adesso se ne è accorta persino Frau Merkel. A modo suo, ma ne ha dovuto prendere atto.

Alla Germania mancano non lavoratori generici, bensì skilled worker, denominati anche qualified workers.

Mancano insegnanti, infermieri, medici, addetti ai sistemi finanziari, burocrati, giudici, etc. Ossia tutte figure professionali di alto livello, per esercitare le quali serve anche il dominio di un tedesco fluente.

Il brav’uomo immigrato dalla Siria oppure dall’Africa risponde a tutto tranne che alla caratteristica di essere ‘qualificato’ e di parlare correntemente il tedesco.

* * * * * * *

«Germany is hoping to recruit qualified workers from outside the EU to prevent companies from moving their business abroad»

«Berlin is looking to countries such as Mexico, Vietnam and India to fill the gaps»

«German Chancellor Angela Merkel used her weekly podcast on Saturday to sound the alarm on the country’s skilled labor shortage, saying it could force companies to move else»

«We know that many sectors and businesses are looking for skilled workers, …. “Without sufficient skilled workers, a business location cannot be successful …. That is why it is necessary for us to make every effort to recruit a sufficient number of specialists. Otherwise, companies will have to migrate — and, of course, we do not want that»

«There are already 2.5 million people from EU countries working in Germany. But that alone is not enough, and that is why we also have to look for skilled workers from outside the European Union»

«Germany is most in need of electrical engineers, metal workers and mechatronics engineers, cooks, nurses, aged care workers, computer scientists and software developers.»

«The government has been looking to draw people who qualify from Mexico, the Philippines, Brazil, India and Vietnam, among others»

* * * * * * *

Sicuramente l’immigrazione clandestina illegale dall’Africa non è costituita da ingegneri elettrici, metalmeccanici finiti, ingegneri mecatronici, cuochi, infermiere, ingegneri informatici e sviluppatori di software.

Quando era AfD a dir questo, si era subito beccata il titolo di fascista….

*


Merkel warns German labor shortage could spark business exodus

Germany is hoping to recruit qualified workers from outside the EU to prevent companies from moving their business abroad. Berlin is looking to countries such as Mexico, Vietnam and India to fill the gaps.

German Chancellor Angela Merkel used her weekly podcast on Saturday to sound the alarm on the country’s skilled labor shortage, saying it could force companies to move elsewhere.

“We know that many sectors and businesses are looking for skilled workers,” Merkel said. “Without sufficient skilled workers, a business location cannot be successful.

“That is why it is necessary for us to make every effort to recruit a sufficient number of specialists. Otherwise, companies will have to migrate — and, of course, we do not want that.”

The chancellor’s warning comes ahead of a summit on the issue between government representatives, employers and trade unions in Berlin on Monday.

Non-EU workers to fill the gap

Germany wants to tackle the shortfall domestically by providing “good training for as many people as possible,” Merkel said. At the same time, Berlin is looking to recruit qualified people from other European Union countries, and further afield.

There are already 2.5 million people from EU countries working in Germany. “But that alone is not enough, and that is why we also have to look for skilled workers from outside the European Union,” Merkel said.

The Skilled Workers Immigration Act, which comes into force on March 1, 2020, aims to make it easier for skilled workers from non-EU countries to come to Germany.

Skilled workers sought in Mexico, Asia

Monday’s summit will address how best to put the new skilled immigration law into practice, with a memorandum of understanding expected to be adopted at the end of the meeting. A draft of the document, cited by German newspaper group Redaktionsnetzwerk Deutschland (RND), called for additional staff and a central unit to help speed up visa processing. It also said German language training should be expanded so that prospective skilled workers can complete language courses in their countries of origin.

Germany is most in need of electrical engineers, metal workers and mechatronics engineers, cooks, nurses, aged care workers, computer scientists and software developers. The government has been looking to draw people who qualify from Mexico, the Philippines, Brazil, India and Vietnam, among others. 

Labor Minister Hubertus Heil sought to allay concerns among immigrant-wary sections of the population, telling the Augsburger Allgemeine newspaper that the recruitment drive “is not about uncontrolled immigration, but about qualified people who we need so that our country can remain economically strong in the future.”

Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale

Cina – Germania. L’ipertrofico superego tedesco scontra la dura realtà.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-12-11.

Manicomio 001

Ad ogni azione corrisponde una reazione eguale e contraria.

Questo principio è valido sia per la dinamica, sia per la politica e per i rapporti umani.

La posizione tedesca è stata ribadita con forza dalla Bundeskanzlerin Frau Merkel nella sua recente visita in Cina e, subito dopo, il Ministro degli esteri Mass ha rincarato la dose:

«Foreign Minister Heiko Maas on Tuesday called on China to comply with its human rights obligations and urged Beijing to clarify its position on interning Muslim minorities in prison camps.

Maas’ comments come two days after leaked documents revealed how China suppressed members of its Muslim minority population in Xinjiang province with systematic surveillance and mass internment. 

Rights groups estimate that around a million Uighurs and members of other Muslim minority groups have been detained in so-called reeducation camps in northwest China. 

“China must meet its international obligations on human rights,” Maas said in Berlin.»

* * *

Molte le cose che dovrebbero essere meglio chiarite: ne riporteremo solo alcune.

– Ciò che i liberal tedeschi intendono per ‘human rights’ è una loro particolarissima visione, per nulla condivisa al di fuori dei socialisti europei. Per non parlare poi della sua incoerenza logica.

– I tedeschi però si credono depositari di una verità assoluta così come si sentono autorizzati a fare la lezioni a tutto il resto del mondo, che delle loro idee non ve vuole proprio sapere. In termini tecnici, sarebbe un’idea delirante.

– È questa una situazione di arrogante protervia che il mondo recepisce come uggia mal sopportabile. I superbi presuntuosi sono sgradevoli e sgraditi.

*

Però, in inglese l’uso della voce verbale ‘must‘ è molto forte: corrisponde ad un imperativo categorico.

Ne discendono due possibili conseguenze:

– o la Germania invade la Cina, ne rovescia il governo e vi installa una compagine liberal,

— oppure interrompe completamente i rapporti con i paesi che lei stimi non rispettare ciò che considerano ‘human rights’, Cina in primis.

*

Nei fatti invece non accade nulla di tutto questo.

I tedeschi continuano imperterriti a pontificare il loro gospel e nel contempo si dolgono che le loro aziende non riescano a penetrare e prosperare in Cina.

Dal loro punto di vista i cinesi altro non sono che degli ingrati che rifiutano di essere illuminati e guidati dai liberal tedeschi.

«Human rights advocates say Germany can do more to support Hong Kong’s pro-democracy movement and condemn the Uighur camps in Xinjiang, but business interests stand in the way»

«Since Hong Kong’s anti-government demonstrations began in June, the pro-democracy movement has been pleading for international support. And the recent confirmation of China’s systematic internment of Muslim Uighurs in the country’s western Xinjiang province has strengthened international calls for action against China’s human rights abuses»

«Now, human rights advocates and some German politicians are calling for German Chancellor Angela Merkel to take a stronger stance on human rights issues in China»

«In a speech to the Association of German Chambers of Industry and Commerce on November 27, Merkel said that Germany and Europe find themselves in a global competition. “There is, on the one hand, the United States, a haven of economic freedom, and on the other, a system in China, which is socially organized in a completely different way, with a pronounced state-owned, and sometimes repressive, character.”»

«After Merkel’s visit to Beijing in September, Joshua Wong, a prominent Hong Kong pro-democracy activist, said he was “disappointed” that the German leader did not “clearly call for free elections in Hong Kong.”»

«Although Germany has joined 22 countries at the United Nations in signing an official statement condemning the Xinjiang Uighur internment camps, Berlin, and the EU, have yet to come up with a common framework for action, and Merkel has been criticized for being too soft in condemning the camps.»

«”The extent of human rights violations has greatly increased under President Xi Jinping. It is inappropriate to court the Chinese party-state in this situation — as Germany is doing with a special EU-China summit scheduled to take place in Leipzig in 2020,” said Kinzelbach»

*

«After Merkel’s China trip in September, the chief of German industrial giant Siemens, Joe Kaeser, warned Germany against taking too critical a stance, and advocated being “thoughtful and respectful” toward China. “If jobs in Germany depend on how we deal with controversial topics, then we shouldn’t add to indignation, but rather carefully consider all positions and actions,” said Kaeser in an interview with German newspaper Die Welt

«Siemens, along with BASF and VW, operate factories in Xinjiang»

«relationship as China is one of Germany’s most important trade partners with bilateral commerce reaching €199.3 billion ($221.2 billion) in 2018.»

«Unfortunately, we now have a very tricky situation that we are in a relationship of mutual dependency with China»

«However, any sanctions regime targeting China-related human rights abuses would also have to be made within the framework of the European Union, and this is complicated by the disparity of positions in the EU on China policy»

«In the long term, democracy and human rights should be put higher than economic profit, because we see that China is a dictatorship and you never know how economic growth can develop in a dictatorship»

* * * * * * *

Gli industriali tedeschi che producono in Cina, ovvero commerciano con essa, stanno sempre più dissociandosi dalla politica di Frau Merkel. È un interscambio di 221 miliardi di Usd, cifra di tutto riguardo anche per la Germania.

Poniamo infine un sola domanda:

“Ma chi si credono di essere i tedeschi”?

*


Why is Germany silent on China’s human rights abuses?

Human rights advocates say Germany can do more to support Hong Kong’s pro-democracy movement and condemn the Uighur camps in Xinjiang, but business interests stand in the way.

Since Hong Kong’s anti-government demonstrations began in June, the pro-democracy movement has been pleading for international support. And the recent confirmation of China’s systematic internment of Muslim Uighurs in the country’s western Xinjiang province has strengthened international calls for action against China’s human rights abuses.

Now, human rights advocates and some German politicians are calling for German Chancellor Angela Merkel to take a stronger stance on human rights issues in China.

Last week, US President Donald Trump signed human rights legislation supporting the pro-democracy movement in Hong Kong, and on Tuesday, US lawmakers passed the “Uighur Human Rights Policy Act,” which calls for “targeted sanctions” on members of the Chinese government.

However, during six months of unrest in Hong Kong, and the ongoing reports of minority oppression in Xinjiang, Chancellor Merkel has been careful not to explicitly support the pro-democracy movement, or condemn the internment camps.

“It is time for Angela Merkel to put it [Xinjiang] on the agenda of the upcoming European Council to talk of a common European perspective on imposing sanctions,” Gyde Jensen, head of the human rights committee in the German Parliament, the Bundestag, told DW News Asia.

What has Merkel said?

In a speech to the Association of German Chambers of Industry and Commerce on November 27, Merkel said that Germany and Europe find themselves in a global competition. “There is, on the one hand, the United States, a haven of economic freedom, and on the other, a system in China, which is socially organized in a completely different way, with a pronounced state-owned, and sometimes repressive, character.”

In November, Chancellor Merkel told the Bundestag that Germany must “of course criticize” when hearing reports of Uighur internment camps, without specifying whom, and added she supported the EU’s position on the issue, along with allowing UN human rights officials access to Xinjiang.

On Hong Kong, she said, it was a “good sign” that the city’s district elections were “peaceful,” adding that the free expression of public opinion was an example of “one country, two systems.”

‘Peaceful solution’ for Hong Kong?

Hong Kong’s relations with Beijing since 1997 have rested on the concept of “one country, two systems,” which recognizes Hong Kong as a part of China, albeit with a different economic and administrative system.

Hong Kong’s pro-democracy movement demands a direct popular vote to elect the city’s chief executive, but Beijing prefers to retain its power to appoint a Communist Party loyalist to the post. 

After Merkel’s visit to Beijing in September, Joshua Wong, a prominent Hong Kong pro-democracy activist, said he was “disappointed” that the German leader did not “clearly call for free elections in Hong Kong.”

Katrin Kinzelbach, a professor of international human rights policy at Germany’s University of Erlangen-Nuremberg, said that the German government should take a “clear position” on Hong Kong. 

“The district election results show that Hong Kongers do not want to be ‘directly’ governed by Beijing,” she said. “This message should be supported by the German government in public statements.”

Parliamentary human rights chairwoman Jensen said on social media after meeting with Wong in September that Germany needs to “stand behind” the peaceful demonstrators in Hong Kong that are fighting for “liberal rights and the promise of one country, two systems.”

Support for the Uighur? 

Although Germany has joined 22 countries at the United Nations in signing an official statement condemning the Xinjiang Uighur internment camps, Berlin, and the EU, have yet to come up with a common framework for action, and Merkel has been criticized for being too soft in condemning the camps.

“The ongoing reports of more than a million Uighurs being held in camps in Xinjiang are absolutely appalling … China must now undertake clear steps to improve the human rights situation in Xinjiang,” said Bärbel Kofler, Germany’s commissioner for human rights policy and humanitarian assistance, who plays an advisory role to the foreign ministry on policy questions.

“The extent of human rights violations has greatly increased under President Xi Jinping. It is inappropriate to court the Chinese party-state in this situation — as Germany is doing with a special EU-China summit scheduled to take place in Leipzig in 2020,” said Kinzelbach.

Business as usual in China

After Merkel’s China trip in September, the chief of German industrial giant Siemens, Joe Kaeser, warned Germany against taking too critical a stance, and advocated being “thoughtful and respectful” toward China.

“If jobs in Germany depend on how we deal with controversial topics, then we shouldn’t add to indignation, but rather carefully consider all positions and actions,” said Kaeser in an interview with German newspaper Die Welt.

Siemens, along with BASF and VW, operate factories in Xinjiang.

After the US human rights act was signed by Trump last week, activist Joshua Wong asked the German government to follow the example of the US and create a mechanism for sanctions.

However, the US is in the middle of an ongoing trade and economic dispute with China, and has more international clout. Berlin treads more carefully with Beijing and has tried to maintain a less volatile relationship as China is one of Germany’s most important trade partners with bilateral commerce reaching €199.3 billion ($221.2 billion) in 2018.

“Of course, the German government must reconcile different interests in its China policy, including economic interests,” said human rights scholar Kinzelbach.

“Unfortunately, we now have a very tricky situation that we are in a relationship of mutual dependency with China. For a democracy like Germany, it is not only morally problematic, but downright dangerous to bond so closely with a dictatorship.”

What can Germany do?

“Given the escalation in Hong Kong, it would be correct — and comparatively easy — to review existing export regulations,” said Kinzelbach, adding that sanctions available to address human rights violations could include arms embargoes, restrictions on entry for individuals and the freezing of accounts.

“Europe should not export tear gas and ammunition to Hong Kong,” said Kinzelbach. “A police district that uses excessive force should be afraid of consequences.”

However, any sanctions regime targeting China-related human rights abuses would also have to be made within the framework of the European Union, and this is complicated by the disparity of positions in the EU on China policy.

“Germany could be a driving force within the EU on taking steps in this direction, but this hasn’t happened yet,” said Kinzelbach. “Unfortunately, Europe does not always speak with one voice to China.”

Chancellor Merkel said in November that it would be “dangerous” for every EU state to conduct its own China policy, and for Europe to send different signals.

“In the long term, democracy and human rights should be put higher than economic profit, because we see that China is a dictatorship and you never know how economic growth can develop in a dictatorship,” said Jensen. 

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Germania. La Spd va verso la sua estinzione. 11%, -3pp in una settimana.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-12-10.

2019-12-10__Germania 001

«A Forsa poll put the SPD on 11%, 3 points down from a week ago and hitting a low last seen in June after previous leader Andrea Nahles quit due following the party’s worst-ever result in elections to the European Parliament»

«Support for Germany’s Social Democrats (SPD) has fallen after members last week chose as leaders a leftist duo who are skeptical about remaining in government with Chancellor Angela Merkel’s conservatives, a poll showed on Saturday»

* * *

Se il trend della devoluzione socialista proseguisse con eguale pendenza, tra otto mesi la Spd non avrebbe più nessun Elettore.

Una cosa è lo sparuto gruppetto dei residui iscritti al partito, che si autogratifica con grandi paroloni e conferendosi vicendevolmente cariche altisonanti ma senza reale potere, ed una del tutto opposta è il consenso Elettorale.

Alla luce di questi numeri, risulterebbero essere del tutto ininfluenti tutte le manovre per la conquista dei vertici del partito: la Spd non esiste più nei fatti come forza politica di un qualche peso in Germania.

Ha ancora una qualche forza ereditata dallo scarno consenso ottenuto nelle elezioni politiche passate, forza che peraltro ha dilapidato con rara inettitudine.

Con la Spd tramonta anche una particolare tipologia ideologica ma, soprattutto, tutto il suo contorno di persone assuete alla gestione del potere. Ad oggi, la socialdemocrazia ha diverse decine di migliaia di persone fidate immesse nei punti cardine del sottogoverno: tutta gente che se non si trovasse in fretta un nuovo padrone da servire resterebbe disoccupata.

* * *

La scomparsa politica della Spd apre anche un periodo di chaos politico.

La Cdu non supera il 22%, e con la Csu bavarese arriva a stento al 27% – 28%. Non è più partito egemone. Ed anche tra le sue fila la schiera di persone che aveva immesso nel sottogoverno inizia a fare i conti con la realtà.

Quello che in gergo è stato denominato il ‘sistema Merkel’ sta semplicemente implodendo.

Se è vero che i Grüne abbiano saputo procurarsi consensi elettorali oltre il 20%, sarebbe altrettanto vero constatare come non abbiano ranghi sufficienti né per ricoprire incarichi governativi né, soprattutto, quel polimorfo arcipelago del sottogoverno.

Se poi si volessero anche considerare gli altri problemi tedeschi, dalla crisi demografica alla recessione economica, lo stato della Germania appare in tutta la sua precarietà.

Precarietà che si rifletterà inevitabilmente sulla gestione dell’Unione Europea.

*


Germany’s SPD slip in polls after choosing new leftist leaders

Support for Germany’s Social Democrats (SPD) has fallen after members last week chose as leaders a leftist duo who are skeptical about remaining in government with Chancellor Angela Merkel’s conservatives, a poll showed on Saturday.

At a party conference on Friday, the SPD gave their new leaders, Saskia Esken and Norbert Walter-Borjans, a mandate to talk to Merkel’s conservatives about continuing in government and set out some relatively modest policy demands.

The party is struggling to recover after weak regional and European election results and a six-month leadership campaign. Many members want to quit government – a move that could trigger a snap election or minority government.

A Forsa poll put the SPD on 11%, 3 points down from a week ago and hitting a low last seen in June after previous leader Andrea Nahles quit due following the party’s worst-ever result in elections to the European Parliament.

The poll put Merkel’s conservatives up 1 point at 28% and the far-right Alternative for Germany (AfD) also up 1 point at 14%.

“Contrary to what the SPD hoped, the long search for a leader has not turned out to be a high point for democracy but rather a big let down,” said Forsa chief Manfred Guellner.

“Voters are fed up with SPD being obsessed with itself – they want it to rule,” he told Reuters.

The SPD’s new leaders have expressed doubt about the future of the coalition but are prepared to give it a chance if the conservatives accept their demands.

Those include a boost in investment in infrastructure, introducing tougher climate protection measures and increasing the minimum wage – a more modest package than some on the SPD’s left had wanted.

The conservatives have said they will not renegotiate the 2018 coalition deal but made are open to some new ideas.

Guellner said the SPD’s approach was not sufficient to win over voters already lured by the Greens, on 22% in the Forsa poll, up from 8.9% in the 2017 federal vote.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

CDU. Congresso federale in sordina con 12 pp in meno.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-11-23.

Gufo_019__

La Cdu di Frau Merkel si è riunita a congresso constando di aver perso dalla volta scorsa dodici punti percentuali.

È una mesta riunione, ove tutti si guardano in cagnesco.

Ma il convitato di pietra è la recessione del comparto produttivo, imbrigliato da una congerie di leggi e normative che strozzano le industrie.

La gente cammina a testa bassa: diesel ed energie alternative sono ancora un must negli slogan sui manifesti, ma nessuno ne parla più.

Ufficialmente non vi sarebbero decisioni cruciali da prendere, ma i vari parlamentari si stanno guardando come le truppe d’assalto prima dell’attacco: sanno dai risultati elettorali e dai sondaggi che molto difficilmente solo qualcuno di loro potrà essere rieletto in parlamento.

«Un anno dopo l’elezione alla presidenza, benedetta dalla cancelliera e di fatto investita a raccoglierne l’eredità, Annegret Kramp-Karrenbauer non ha dimostrato di avere le carte in regola per puntare al Kanzleramt»

«È una Cdu in cerca d’autore, quella che si ritrova alla Messehalle di Lipsia per il suo congresso annuale»

«Non c’è un nuovo presidente da eleggere»

«Non c’è (ancora) un candidato alla cancelleria da scegliere per la successione ad Angela Merkel. In realtà c’è molto di più»

«L’Unione cristiano-democratica è in piena fibrillazione»

«Da un anno colleziona pessimi risultati elettorali nei Laender e nei Comuni tedeschi. I sondaggi nazionali, ancorché non drammatici come quelli della Spd, la vedono abbondantemente sotto la soglia psicologica del 30%, indispensabile per una forza che si vuole ancora Volkspartei, partito di massa»

«Il partito è anche lacerato se proseguire nel solco moderato e centrista di Merkel, ovvero ridarsi un profilo più decisamente conservatore, mirato a recuperare i consensi migrati verso l’estrema destra dell’AfD»

«Annegret Kramp-Karrenbauer, alias AKK, non ha dimostrato di avere le carte in regola per puntare al Kanzleramt»

«La lista al momento vede oltre ad AKK, nel frattempo diventata anche ministro della Difesa, quattro potenziali contendenti: l’ex capogruppo al Bundestag Friedrich Merz, campione dei conservatori; il premier del Nord-Reno Vestfalia Armin Laschet, che guida la più forte federazione regionale anche lui nel solco del centrismo merkeliano; il giovane ministro della Sanità, Jens Spahn, e non ultimo il leader della Csu bavarese Markus Soeder»

* * * * * * *

È una Germania allo sfascio: solo Frau Merkel avrebbe potuto ottenere un simile risultato. Poi, AKK ha dato una validissima mano. Nei corridoi si sussurra «ragman».

L’ex capogruppo al Bundestag Friedrich Merz, campione dei conservatori, sarebbe un ottimo cancelliere, ma Frau Merkel lo odia di odio viscerale.

*

La doppia partita di AKK al congresso della Cdu (scossa dai sondaggi)

Un anno dopo l’elezione alla presidenza, benedetta dalla cancelliera e di fatto investita a raccoglierne l’eredità, Annegret Kramp-Karrenbauer non ha dimostrato di avere le carte in regola per puntare al Kanzleramt. Ci prova a Lipsia.

È una Cdu in cerca d’autore, quella che si ritrova alla Messehalle di Lipsia per il suo congresso annuale. Non c’è un nuovo presidente da eleggere. Non c’è (ancora) un candidato alla cancelleria da scegliere per la successione ad Angela Merkel. In realtà c’è molto di più.

L’Unione cristiano-democratica è in piena fibrillazione. Da un anno colleziona pessimi risultati elettorali nei Laender e nei Comuni tedeschi. I sondaggi nazionali, ancorché non drammatici come quelli della Spd, la vedono abbondantemente sotto la soglia psicologica del 30%, indispensabile per una forza che si vuole ancora Volkspartei, partito di massa. Il partito è anche lacerato se proseguire nel solco moderato e centrista di Merkel, ovvero ridarsi un profilo più decisamente conservatore, mirato a recuperare i consensi migrati verso l’estrema destra dell’AfD. Ma soprattutto, un anno dopo l’elezione alla presidenza, benedetta dalla cancelliera e di fatto investita a raccoglierne l’eredità, Annegret Kramp-Karrenbauer, alias AKK, non ha dimostrato di avere le carte in regola per puntare al Kanzleramt.

Così a Lipsia si gioca una doppia partita. Quella ufficiale vede AKK, che ha ancora un anno di mandato da presidente, impegnata a ristabilire la sua autorità. L’altra, sotto traccia, farà del congresso la tribuna delle ambizioni dei suoi concorrenti conosciuti e in pectore, per la futura nomina a candidato cancelliere.

La lista al momento vede oltre ad AKK, nel frattempo diventata anche ministro della Difesa, quattro potenziali contendenti: l’ex capogruppo al Bundestag Friedrich Merz, campione dei conservatori; il premier del Nord-Reno Vestfalia Armin Laschet, che guida la più forte federazione regionale anche lui nel solco del centrismo merkeliano; il giovane ministro della Sanità, Jens Spahn, e non ultimo il leader della Csu bavarese Markus Soeder.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria

Governo alle corde. Conte e Zingaretti vanno a piatire da Alleanza Progressista.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-11-13.

Titanic 002

«L’Alleanza Progressista è un’organizzazione internazionale di partiti politici, fondata nel 2013, per superare l’Internazionale Socialista e raccogliere partiti di centrosinistra non esclusivamente di tradizione socialista.

È nata per iniziativa dell’SPD tedesca che, tramite i suoi dirigenti Sigmar Gabriel e Hans-Jochen Vogel, ha mosso diverse critiche all’Internazionale Socialista, considerata povera di prospettiva e accusata di continuare ad ammettere tra i partiti aderenti anche movimenti autoritari e/o dittatoriali.

Dopo una prima conferenza tenutasi a Roma il 14 e il 15 dicembre 2012, la nascita ufficiale di Alleanza Progressista è stata a Lipsia il 22 maggio 2013, con la partecipazione di circa 70 partiti da tutto il mondo, così come anche dell’Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici, della Confederazione Sindacale Internazionale, e di Solidar.»

* * * * * * *

All’Internazionale Socialista prima, ad Alleanza Progressista poi, aderiscono tutti i partiti di ideologia liberal socialista dell’occidente.

Quando in passato i liberal avevano la presidenza degli Stati Uniti, e governavano Germania, Francia, Regno Unito, Italia e Spagna, solo per citare le nazioni maggiori, l’Internazionale Socialista, poi Alleanza Progressista, erano i padroni incontrastati dell’Occidente, che deve loro l’attuale situazione.

Al momento, Alleanza Progressista governa solo tre nazioni, e tutte in crisi: Germania, Spagna ed Italia. Ha ancora molto potere, dispone di media agguerriti, ma è solo il fantasma di ciò che era prima.

* * * * * * *

Il Governo rossogiallo è in una profonda crisi.

Dissidi interni, discordanza di vedute, distacco dalla volontà popolare e mancanza di un qualche piano sul da farsi lo rendono quasi agonizzante.

Così nel bel mezzo della crisi dell’Ilva, incapaci di portare a termine la legge di bilancio, ecco che Mr Conte corre da Frau Merkel e Mr Zingaretti da Mr Clinton.

«viaggio della speranza»

«Il segretario del Pd è negli Stati Uniti per incontrare i Dem americani»

«La destra brava a raccontare i problemi, non a risolverli. Col nuovo governo lavoriamo per portare il Paese fuori dalla crisi sociale ed economica»

«Col nuovo governo stiamo lavorando per portare il Paese fuori dalla crisi sociale ed economica. È un lavoro serio, che richiederà tempo. Col quale cerchiamo anche di togliere alla destra il monopolio della rabbia e di riportare il Paese sui binari della speranza»

«Il «viaggio della speranza» di Zingaretti continua oggi a Washington»

«Zingaretti avrà un incontro col vicecapo del Consiglio per la Sicurezza Nazionale»

* * * * * * *

Nulla è trapelato di quanto si siano effettivamente detti.

Ma il colloquio finale con vicecapo del Consiglio per la Sicurezza Nazionale lascerebbe presagire l’emersione di scandali, più o meno vero, su Mr Salvini, che per Mr Zingaretti è l’odiato nemico da sopprimere.

*

«La visione di Berlino per l’Europa trova l’Italia d’accordo, ma non è possibile che ogni idea di sviluppo e maggiore integrazione finisca quando questa comporta che la Germania debba sborsare un euro in più al bilancio comunitario»

Zingaretti in Usa: «La destra parla dei problemi, ma non sa risolverli»

Zingaretti: «Salvini bravo a cavalcare la rabbia, ma non ha mai fatto proposta per evitare aumento Iva»

Il segretario del Pd è negli Stati Uniti per incontrare i Dem americani: «La destra brava a raccontare i problemi, non a risolverli. Col nuovo governo lavoriamo per portare il Paese fuori dalla crisi sociale ed economica»

Nicola Zingaretti in America per cercare di fare rete con i democratici americani nella comune battaglia contro una destra che, dice, è «brava a raccontare i problemi, ma non a risolverli». Alla fine di una prima giornata di incontri con l’ex presidente Bill Clinton e col sindaco di New York Bill de Blasio, il segretario del Partito democratico si dice molto incoraggiato dalle parole dei due leader progressisti Usa: «Col nuovo governo stiamo lavorando per portare il Paese fuori dalla crisi sociale ed economica. È un lavoro serio, che richiederà tempo. Col quale cerchiamo anche di togliere alla destra il monopolio della rabbia e di riportare il Paese sui binari della speranza». Il «viaggio della speranza» di Zingaretti continua oggi a Washington dove, dopo un incontro col leader dei democratici al Congresso, la speaker Nancy Pelosi, andrà alla Casa Bianca: la tana del presidente populista, Donald Trump, che ha dato scacco ai democratici americani proprio giocando sulle paure e alimentando la rabbia con spregiudicatezza e grande abilità mediatica. In una Casa Bianca sconvolta dai continui esodi e con un Trump molto nervoso alla vigilia dell’inizio delle audizioni ufficiali del Congresso per il procedimenti di impeachment, Zingaretti avrà un incontro col vicecapo del Consiglio per la Sicurezza Nazionale.

Del resto anche in Campidoglio il segretario del Pd troverà un’atmosfera elettrica, visto che spetta proprio alla Pelosi gestire la procedura di impeachment senza cedimenti, ma anche senza forzature. Un passaggio difficile per la speaker, stretta tra una sinistra radicale che la considera non abbastanza determinata sulla messa in stato d’accusa del presidente, e i repubblicani che stanno sfruttando tutti i cavilli regolamentari per cercare di bloccare la procedura accusatoria appena avviata. Dopo l’incontro gioviale con un Bill Clinton che si è scusato per aver ricevuto Zingaretti nella sede della sua fondazione a Broadway, a due passi da Times Square, vestito in modo informale, con la giacca ma senza cravatta, il segretario del Pd ha incontrato ieri gli iscritti del suo partito a New York e, collegati in videoconferenza, quelli delle altre sedi americane del Pd.

Ne è venuta fuori una discussione vera con gli iscritti che non hanno risparmiato a Zingaretti domande difficili: dalla richiesta di un atteggiamento più determinato nel proporre lo ius soli, un cavallo di battaglia tornato nella stalla dopo la sconfitta alle elezioni politiche, al dubbio che si sia aperta una fase politica nuova nella quale c’è più spazio per movimenti politici a sfondo sociale come quello di Macron in Francia o come l’esperimento che Renzi cerca di costruire in Italia, che per i partiti politici strutturati di vecchio stampo. Zingaretti si è detto convinto che ci sia ancora spazio per i partiti, ha rivendicato il ruolo responsabile dei democratici che al governo hanno formulato proposte costruttive «apprezzate anche dai mercati, come testimonia il crollo dello spread. Salvini è bravo a cavalcare la rabbia, ma non gli ho mai sentito fare una proposta concreta per evitare l’aumento dell’Iva. Noi in poche settimane abbiamo agito e l’abbiamo evitato». Durante la visita americana Zingaretti ha parlato anche dei problemi delle aziende italiane, esprimendo apprezzamento per la riapertura del dialogo con la compagnia americana Delta per l’Alitalia, ma concentrandosi soprattutto sull’ex Ilva: pieno appoggio al premier Conte in una trattativa difficilissima. Con la disponibilità a riaprire la questione del cosiddetto «scudo penale» (l’immunità dell’azienda per le conseguenze ambientali della sua attività, che è stata prima concessa, poi revocata), ma solo se Acelor Mittal rinuncerà alle richieste appena formulate che Zingaretti giudica, come il governo, inaccettabili.

*


Conte vede Merkel: «Serve gestione europea dei migranti»

Il premier italiano incontra la Cancelliera a Roma: impegno comune per migranti, crescita, occupazione. Sul tavolo anche l’Ilva.

Giuseppe Conte si sente «più omogeneamente sostenuto dalle forze politiche dell’attuale maggioranza di governo» nel suo approccio «critico ma costruttivo» verso l’Europa. E questo lo «agevola nel dialogo con gli altri Paesi dell’Unione». All’incontro bilaterale con Angela Merkel a Villa Doria Pamphilj, il presidente del Consiglio rivendica una personale «continuità di posizioni» europee in entrambi i governi che ha presieduto, ma sottolinea il nuovo contesto nel quale si trova ad agire. E la prima visita in Italia della cancelliera da quando lui è a Palazzo Chigi è lì a dimostrarlo.

Il messaggio del vertice è che Italia e Germania sono fianco a fianco nell’obiettivo comune di contribuire al rilancio dell’Europa. E se qualche volta non condividono le stesse soluzioni, l’importante è lavorare nella stessa direzione di marcia per impedire l’emergere delle forze disgregatrici.

Se non portano risultati concreti, i colloqui fanno intravedere forti convergenze e sviluppi interessanti: una promessa tedesca di cooperare sulla questione dell’Ilva a Taranto, anche per individuare soluzioni tecnologicamente avanzate e più in generale ragionare sul futuro dell’acciaio europeo; il rinnovo dell’impegno di Merkel a lavorare ancora «per una ripartizione più equa dei migranti» e la conferma dell’appoggio italiano all’iniziativa tedesca per una conferenza berlinese sulla Libia.

«Stiamo lavorando attivamente per il buon esito della conferenza, che si pone come primo obiettivo il cessate il fuoco», ha detto Conte, secondo cui in Libia «l’opzione militare non può garantire nessuna soluzione sostenibile». Fonti diplomatiche tuttavia ricordano che fin quando l’amministrazione americana non chiarirà le sue ambiguità sulla Libia, è improbabile che ogni sforzo di stabilizzazione abbia successo.

Un importante riconoscimento all’Italia, sia pure all’interno di una posizione tedesca che rimane non ben definita, Merkel lo fa sul tema delle banche. Il ministro delle Finanze tedesco Olaf Scholz ha rotto un tabù nei giorni scorsi, dicendo sì a un’assicurazione europea sui depositi, pilastro mancante dell’Unione bancaria, sia pure non sostenuta da un fondo comune e vincolandola a condizioni molto severe. Fra queste, forti limiti se non addirittura il divieto per le banche europee a detenere titoli di Stato, per ridurre i rischi. Un vincolo che sembra mirato direttamente contro l’Italia e che ha sollevato le critiche del ministro delle Finanze Roberto Gualtieri. Ieri Merkel ha confermato che la proposta non è ancora stata fatta propria dal governo federale, ma ha riconosciuto che sulla riduzione dei rischi del sistema bancario, l’Italia ha «compiuto notevoli progressi». La cancelliera ha detto che l’Unione bancaria è «fondamentale per garantire la stabilità dell’euro». Conte le ha fatto eco, ricordando però che il sistema dell’Unione bancaria e monetaria debba rafforzarsi «in tutte le sue componenti e in modo equilibrato».

Ancora una convergenza, questa direttamente in opposizione al presidente francese Emmanuel Macron, Italia e Germania registrano sul tema strategico dell’ampliamento della Ue ai Paesi dei Balcani occidentali. «Noi condividiamo la stessa visione strategica — dice Merkel — soprattutto per l’apertura di negoziati di adesione con Albania e Nord-Macedonia», che Macron ha bloccato all’ultimo vertice europeo. Attenzione, avverte la cancelliera con un velato riferimento alle ambizioni balcaniche della Russia di Putin, se non lo farà l’Europa, «il vuoto sarà colmato da altri e questo non è nell’interesse strategico europeo».

Ma nella riservatezza della cena, entrano anche alcune note polemiche. «La visione di Berlino per l’Europa trova l’Italia d’accordo, ma non è possibile che ogni idea di sviluppo e maggiore integrazione finisca quando questa comporta che la Germania debba sborsare un euro in più al bilancio comunitario», spiega una fonte diplomatica.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale

Germania. Merkel rifiuta la firma alla lettera EU per il ‘clima’.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-10-10.

Gabellieri__002__

Come tutto, anche le crisi economiche sono leggibili in modo double face.

Di norma ci si perde tutti, ma molto di più gli egemoni che non i poveracci: anzi, spesso per questi le crisi sono solo l’inizio della riscossa. Il profondo rinnovo delle classi dirigenti si attua di norma dopo una guerra persa: sia essa guerreggiata con i cannoni oppure anche una semplice guerra economica. Le elezioni, nei regimi che ne dispongono, spesso alternano solo gruppi di sodali.

La Germania è in depressione economica, con una produzione industriale asfittica e senza segni visibili di possibile ripresa, che, in ogni caso, avrebbe come presupposto l’allontanamento di Frau Merkel e del suo entourage dalle leve del potere.

Fino a pochi mesi fa la domanda che molti si ponevano era questa:

Is Germany too stingy to fund the fight against climate change?

Frau Merkel era sempre stata la pasionaria del ‘clima’ e delle energie alternative.

Ma la crisi economica fa rinsavire: ‘clima’ ed energie alternative sono un costosissimo lusso che nemmeno Creso avrebbe potuto permettersi. Certo, questo è un ben amaro boccone per quanti da ‘clima’ ed energie alternative traevano sostentamento per sé stessi e per i loro cari, il tutto a spese del denaro pubblico.

Nel parlamento europeo sono tutti in subbuglio: per quanto siano chiassosi, i liberal socialisti non hanno i numeri, Ancora un po’ di crisi, ed anche loro dovranno adattarsi a lavorare per vivere.

Ma la ruota del tempo sta girando veloce.

«The eight European Union member states have signed a letter urging the bloc to get tougher on climate action»

«Germany, however, was not among them, with one EU climate expert calling the absence “conspicuous.”»

«Environment ministers from France, Spain, the Netherlands, Portugal, Sweden, Denmark, Latvia and Luxembourg all signed a letter to the EU’s top climate official candidate, Frans Timmermans, calling on him to increase the objective to reduce emissions from 40% to 55% by 2030»

«The letter urges the EU to get tougher on climate action “to underpin the European Green Deal to drive the in-depth transformation and bold measures needed across all sectors of the economy.”»

«While there is broad, if not unanimous support for reaching net-zero emissions by 2050, there is a distinct lack of harmony in the EU over how to arrive at that target»

«In 2018, the majority of member states agreed on a 40% reduction, a goal that eight countries now feel is not enough»

«EU climate policy adviser for Greenpeace, Sebastian Mang, was unequivocal in his criticism of Germany’s stance, describing Berlin’s absence from the letter as “conspicuous.”»

«Mang argued that Merkel’s government was pandering to big businesses and German carmakers»

«Germany was doing enough to reduce its carbon dioxide emissions.»

* * * * * * *

I tedeschi hanno la straordinaria caratteristica che le loro intelligenze rifioriscono quando siano stati sottoposti ad un intenso cannoneggiamento, meglio se associato a pesanti bombardamenti aerei.

E questa fase depressiva non scherza per nulla: sta mandando a catafascio il loro sistema produttivo. Equivale ai bombardamenti alleti.

Paucis verbis, Frau Merkel non è arrivata alla frutta, ma al caffè ed al digestivo: adesso ha solo il conto da pagare.

Non ha quasi più margini di manovra.

Nota.

Non è sfuggito a nessuno il fatto che l’Italia non sia tra i firmatari, anche se il Governo Zingaretti rosso-giallo aveva giurato e spergiurato di voler fare una intensa politica ecologica pro-clima.

Forse che non abbia chiesto il permesso a Mr Renzi?

Nota seconda.

BlackRock, Vanguard Accused of Opposing Shareholder Efforts on Climate

*


8 EU states push to raise 2030 climate goal, but Germany absent

The eight European Union member states have signed a letter urging the bloc to get tougher on climate action. Germany, however, was not among them, with one EU climate expert calling the absence “conspicuous.”

*

Eight European Union countries Tuesday called on the bloc to up the ante on its carbon dioxide reduction target, but Germany was not one of them.

Environment ministers from France, Spain, the Netherlands, Portugal, Sweden, Denmark, Latvia and Luxembourg all signed a letter to the EU’s top climate official candidate, Frans Timmermans, calling on him to increase the objective to reduce emissions from 40% to 55% by 2030.

The letter urges the EU to get tougher on climate action “to underpin the European Green Deal to drive the in-depth transformation and bold measures needed across all sectors of the economy.”

However, German Chancellor Angela Merkel, who previously indicated her support for the new objective, is facing stiff opposition from government ministries in Berlin to join the pact.

In at the deep end

Timmermans, candidate for the role of vice president for the European Green Deal, will appear on Tuesday in the European Parliament as part of his confirmation hearing, ahead of joining incoming European Commission President Ursula von der Leyen’s executive team.

While there is broad, if not unanimous support for reaching net-zero emissions by 2050, there is a distinct lack of harmony in the EU over how to arrive at that target. In 2018, the majority of member states agreed on a 40% reduction, a goal that eight countries now feel is not enough. 

EU climate policy adviser for Greenpeace, Sebastian Mang, was unequivocal in his criticism of Germany’s stance, describing Berlin’s absence from the letter as “conspicuous.”

“Last week, [people] all over the country went to the streets and demanded climate protection,” he said.

Mang argued that Merkel’s government was pandering to big businesses and German carmakers.

On Monday, Merkel’s chief of staff, Helge Braun, indicated Germany was doing enough to reduce its carbon dioxide emissions.

Pubblicato in: Ideologia liberal

Merkel e ‘clima’. La fronda cresce e prende sempre più forza.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-09-29.

Germania. Große Koalition kaputt. Thinking the Unthinkable. 001

Il 24 ottobre 2021 la Germania tornerà alle urne. Due anni passano presto.

L’ultimo sondaggio di propensione a voto indicherebbe questi risultati, accanto ai quali tra parentesi riportiamo le percentuali conseguite nelle elezioni del 2017.

Union, ossia Cdu e Csu, 26% (32.9%), Sp 14% (20.5%), AfD 16% (12.6%), Fdp 8% (10.7%), Linke 8% (9.2%), Grüne 22% (8.9%).

L’attuale Bundeskanzlerin Frau Merkel ha dichiarato che non si presenterà per un nuovo mandato, e la formazione di una nuova Große Koalition sembrerebbe essere impossibile.

Come possano evolversi le cose di qui a due anni è cosa impossibile da prevedersi: l’unico elemento certo sarebbe quello che il nuovo cancelliere potrebbe anche mutare radicalmente la Weltanschauung politico economica tedesca, situazione che verosimilmente raccoglierà ridotta a pezzi.

* * * * * * *

Già adesso si iniziano a notare segni di scollamento nella politica sul ‘clima’. I Grüne sono in reflusso, ed i cittadini sembrerebbero essere sempre più insofferenti.

Germania. Energie alternative. Quasi tutto bloccato dai residenti.

Ma gli ostacoli principali alle politiche energetiche di Frau Merkel sarebbero quelli economici.

«German climate protection plans involving the closure of some coal plants might cost 1.2 billion euros ($1.32 billion) by 2030 without achieving the desired reductions in carbon emissions, an independent study said on Monday»

«A draft law detailing the plan to shut hard coal fired power plants by offering operators fiscal incentives in auctions, seen by Reuters on Sept. 5, showed Germany will start shutting coal plants from next year, under a long-term exit plan up to 2038»

«The government aims to meet a target of reducing carbon emissions to 55% of their 1990 level by 2030»

«“Because of planned price caps, more plants might have to be forced to close on top (of those awarded money in the closure auctions), which brings the risk of compensation lawsuits and delays,”»

«The draft law envisages that by 2022, around 12 plants run by operators including RWE, EnBW and smaller competitors would be shut, leaving 30 with 15 gigawatts (GW) capacity»

«Aurora said that an assumed maximum price of 150,000 euros compensation per megawatt – with taxpayers’ costs in mind – may achieve the first round of closures, with the desired outcome of idling old plants in north Germany not crucial for meeting demand in the industrial south»

* * * * * * *

Fare piani al 2038, ossia un arco di tempo di venti anni, presuppone la certezza che le attuali volontà politiche restino immutate, cristallizzate, almeno per tutto questo lungo lasso di tempo. Ma con l’ottobre 2021 Frau Merkel uscirà di scena e la depressione economica si sarà fatta sentire con tutta la sua forza.


German coal closure auctions could be costly, insufficient: study

FRANKFURT (Reuters) – German climate protection plans involving the closure of some coal plants might cost 1.2 billion euros ($1.32 billion) by 2030 without achieving the desired reductions in carbon emissions, an independent study said on Monday.

A draft law detailing the plan to shut hard coal fired power plants by offering operators fiscal incentives in auctions, seen by Reuters on Sept. 5, showed Germany will start shutting coal plants from next year, under a long-term exit plan up to 2038.

The government aims to meet a target of reducing carbon emissions to 55% of their 1990 level by 2030.

“Because of planned price caps, more plants might have to be forced to close on top (of those awarded money in the closure auctions), which brings the risk of compensation lawsuits and delays,” said the study from Aurora Energy Research.

The draft law envisages that by 2022, around 12 plants run by operators including RWE, EnBW and smaller competitors would be shut, leaving 30 with 15 gigawatts (GW) capacity.

Aurora said that an assumed maximum price of 150,000 euros compensation per megawatt – with taxpayers’ costs in mind – may achieve the first round of closures, with the desired outcome of idling old plants in north Germany not crucial for meeting demand in the industrial south.

But later on, the lawmakers might offer decreases down to 100,000 euros/MW up to 2030, Aurora said, stressing this was an assumption as the draft had not specified the levels yet.

Fewer operators might accept these pay-offs, causing undersubscribed auctions and necessitating ordered shutdowns that could cause more emissions and messy lawsuits that the exit plan was meant to avoid, Aurora said.

The country’s energy regulator will have to decide on mandated closures on the basis of the plants’ age.

After 2030, there will be no more compensation for plants over the age of 25 years.

Other factors that operators will bear in mind to prepare themselves for the auctions were raw material and wholesale prices as well as power demand in coming years, Aurora said.[EL/DE]

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo

Germania. Un pensionato su due ha meno di 900 euro al mese. Non votano Cdu.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-09-16.

Cervello Tedesco 001

Chiunque voglia imparare quelle frasi tedesche che gli insegnanti si genano ad insegnare potrebbe fermarsi a fare quattro chiacchiere con una di quelle vecchiette che ravattano nei cassonetti alla ricerca di qualcosa di ancora commestibile.

Frasi del tutto colorite, spesso espresse in forme dialettali, ma facilmente comprensibili se non altro dal tono con cui sono proferite.

«Millionen Altersrentner bekommen in Deutschland so wenig ausgezahlt, dass sie kurz vor der Armut stehen. Das Problem wird sich weiter verschärfen.»

“Milioni di pensionati di vecchiaia in Germania sono pagati così poco che sono sull’orlo della povertà. Il problema è destinato a peggiorare”

«Mehr als jede zweite Rente liegt unter 900 Euro»

“Più di una pensione su due è inferiore a 900 euro”

«Danach haben 51,4 Prozent der Altersrentner im Jahr 2018 weniger als 900 Euro erhalten. Das seien mehr als 9,3 Millionen Menschen gewesen. 58,6 Prozent der Rentner bekamen demnach weniger als 1.000 Euro.»

“Il 51,4% dei pensionati di vecchiaia ha ricevuto meno di 900 euro al mese nel 2018. Erano più di 9.3 milioni di persone. Il 58.6 per cento dei pensionati ha ricevuto meno di 1.000 euro”

«Die Armutsgefährdungsschwelle für eine Person lag im Jahr 2017 bei 999 Euro im Monat, schreibt die Bundesregierung weiter»

“La soglia di rischio di povertà per una persona era di 999 euro al mese nel 2017, continua il governo federale”

«Die Armutsquote bei Über-65-Jährigen liegt nach den Angaben bei 14,6 Prozent, bei der Bevölkerung insgesamt beträgt sie 15,8 Prozent»

“Il tasso di povertà per le persone di età superiore ai 65 anni è del 14.6% e del 15.8% per l’intera popolazione”

« Die Zahl der Empfänger von Grundsicherung im Alter ist von 2017 auf 2018 von 544.090 auf 559.419 gestiegen.»

“Il numero di beneficiari dell’assicurazione di base per la vecchiaia è passato da 544,090 nel 2017 a 559,419 nel 2018”

* * * * * * *

Germania. 5.3 milioni di depressi.

Secondo gli ultimi sondaggi, in Sassonia la Cdu perderebbe 13.4 punti percentuali, passando dal 39.4% al 26%, mentre AfD guadagnerebbe 16.3 punti percentuali, passando dal 9.7% al 26%.

Questi sassoni sono davvero incontentabili e senza riconoscenza.

Frau Merkel elargisce quasi 2,000 euro al mese ai migranti, lasciando ai concittadini ben 900 euro al mese per la vecchiaia. Si dirà: ha concesso loro la vita.

E poi queste vecchiette non voterebbero più la Cdu che le ha messe a dieta: si prospetta l’Holodomor dei vecchietti.


Sächsische. 2019-07-26. Jede zweite Rente liegt unter 900 Euro

Millionen Altersrentner bekommen in Deutschland so wenig ausgezahlt, dass sie kurz vor der Armut stehen. Das Problem wird sich weiter verschärfen. 

Berlin. Mehr als jede zweite Rente liegt unter 900 Euro. Das geht aus einer Antwort der Bundesregierung auf eine Anfrage der Linksfraktion hervor, die dem epd vorliegt. Danach haben 51,4 Prozent der Altersrentner im Jahr 2018 weniger als 900 Euro erhalten. Das seien mehr als 9,3 Millionen Menschen gewesen. 58,6 Prozent der Rentner bekamen demnach weniger als 1.000 Euro. Zuerst hatte darüber das “RedaktionsNetzwerk Deutschland” berichtet.

Die genannten Rentendaten beziehen sich den Angaben zufolge auf die Rentenzahlbeträge, also auf den Betrag der Rente nach dem Abzug von Sozialbeiträgen und vor dem Abzug von Steuern. Die Linken-Bundestagsabgeordnete Sabine Zimmermann erklärte: “Es lässt sich schlicht nicht leugnen, dass die gesetzliche Rente nicht mehr armutsfest ist.” Viele kämen nur deshalb über die Runden, weil sie sich gezwungenermaßen zur Rente etwas hinzuverdienten. Das Problem werde sich verschärfen, denn auch gute Betriebsrenten und die Absicherung über den Ehepartner würden seltener werden, sagte die Vorsitzende des Seniorenausschusses im Bundestag.

Die Bundesregierung verweist darauf, dass allein aus der Höhe einer gesetzlichen Altersrente grundsätzlich nicht auf soziale Bedürftigkeit geschlossen werden könne, weil dabei mögliche zusätzliche Einkommensquellen und die konkrete Haushaltssituation nicht berücksichtigt seien. Geringe Rentenbeiträge würden in der Regel durch zusätzliche Einkünfte oder das Einkommen des Ehepartners ausgeglichen, teilte die Bundesregierung mit.

Die Armutsgefährdungsschwelle für eine Person lag im Jahr 2017 bei 999 Euro im Monat, schreibt die Bundesregierung weiter. Über die Armutsrisikoquote von Altersrentnern gebe es keine offiziellen Zahlen. Die Armutsquote bei Über-65-Jährigen liegt nach den Angaben bei 14,6 Prozent, bei der Bevölkerung insgesamt beträgt sie 15,8 Prozent. Die Zahl der Empfänger von Grundsicherung im Alter ist von 2017 auf 2018 von 544.090 auf 559.419 gestiegen. (epd)