Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Germania. Elezioni. Cdu al 20%, Spd al 25%, Grüne al 16%.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-09-07.

2021-09-06__ Germania 001

Si tenga presente che nella Union al 20%, la Cdu ha il 14% e la Csu il 6%, circa.

Merkel ed il suo replicante Armin Laschet, che la cancelliera aveva imposto come candidato cancelliere, sono riusciti a distruggere la Union.

*


German election: Could there soon be a left-wing government?

Chancellor Merkel’s CDU is flagging in the polls — and conjuring up the familiar threat of a far-left takeover by an SPD-led coalition with former communists. But would such an alliance really be possible?

Chancellor Angela Merkel may be anxiously awaiting election day on September 26. Recent opinion polls indicate that after 16 years with her as head of government, the conservatives could end up in opposition.

In Thursday’s Deutschlandtrend opinion poll, her center-right Christian Democrats (CDU), together with their Bavarian sister party, the CSU, came in at just 20%. The clear number one were the conservatives’ current coalition partner, the center-left Social Democrats (SPD). If these numbers turn out correct, come election day, the SPD candidate Olaf Scholz could form a coalition with the Greens (16%) and the socialist Left Party (6%).

But does he even want to?

Unreconcilable positions on security

German parties are often referred to by their colors, where red stands for left-leaning, green for environmentalists, and black for conservatives. So could a “red-red-green” coalition come to pass at the federal level? Angela Merkel, who is not running for reelection, has warned against this: “With me as chancellor, there could never be a coalition involving the Left,” she stated on Tuesday. “And whether this is shared by Olaf Scholz or not, that remains open.”

Two days earlier, during a live TV debate with the other two candidates for chancellor — the CDU’s Armin Laschet and the Green Party’s Annalena Baerbock — Scholz refused to be drawn about a possible coalition with the far-left.

any coalition, including a commitment to the North Atlantic defense alliance (NATO).

The Left party wants to abolish NATO, put an end to all Bundeswehr missions abroad, and ban all weapons exports. Their election program states: “We call for the dissolution of NATO and its replacement by a collective security system with Russia’s participation.”

However, Germany’s withdrawal from NATO is an absolute no-go for the SPD and the Greens. For both parties, the transatlantic partnership is a pillar of their foreign policy.

So a red-red-green alliance is only conceivable if the Left party were to give in on this point. But there are no signs of that. In an interview with DW, the party’s co-chair and top candidate for the election, Janine Wissler, reiterated her rejection of NATO: “After the disaster we are currently experiencing in Afghanistan, I think there is one party that now has relatively little reason to reconsider its foreign policy positions. And that is the Left party.”

Although the Left party categorically rules out foreign deployments of the Bundeswehr, humanitarian “blue helmet” missions under the leadership of the United Nations (UN) might be a compromise.

There has also been some movement in the discussion about armed drones. These weapons, the use of which the Left party has flat-out rejected, are also controversial within the SPD. At their party conference in June, however, the Greens voted by a narrow majority in favor of using them to protect German soldiers if necessary.

Climate change, education, immigration

The overlap between the three parties on foreign and security policy is small. But in many other important areas, it should be easier for them to come together. Whether combatting climate change, education, finance, or health — programmatically they are relatively close. All are in favor of a complete switch to renewable energies, better digital infrastructure in administration, schools, and businesses, and higher minimum wages. A red-red-green coalition is also unlikely to fail over higher taxes, especially for the wealthy, which the Left Party and the SPD advocate for.

Things could get more difficult when it comes to migration and asylum policy. Although all three parties do not intend to curb immigration, the SPD candidate for chancellor has spoken out in favor of continuing deportations also to Afghanistan in certain cases. Olaf Scholz left no doubt about this in the DW interview: “It is right that someone who commits serious crimes cannot count on being able to stay here. And that is also part of the protection of refugees.”

Coalition alternatives

In purely mathematical terms, more alliances than ever seem possible. In theory, the SPD and the Greens are the most flexible. They could potentially team up with any party except for the far-right Alternative for Germany (AfD) – and indeed have already done so on the state level.

The pro-free market Free Democrats (FDP) and the CDU/CSU, on the other hand, reject coalitions with the left as a matter of principle. If the conservatives want Armin Laschet to become chancellor in the post-Merkel era, their only hope at the moment is to head a coalition with the FDP and the Green Party. This was already on the horizon after the 2017 federal election but failed after weeks of talks due to the surprising withdrawal of the FDP under leader Christian Lindner.

The CDU’s coalition partner at the time, the FDP, bought into the narrative: “Those who don’t want socialists and communists to again have a say, must choose the middle-class by voting for a strong FDP,” said then-party chairman and later Foreign Minister Guido Westerwelle.

The strategy may have paid off: This allusion to a communist threat and the emotions of the Cold War was seen as one of the decisive factors for the narrow election victory of Helmut Kohl’s black-yellow coalition government that year.

Critics lashed out at the CDU’s campaign, calling it an all-too-obvious attempt to discredit left-wingers. But the PDS took up the campaign aggressively and reinterpreted it as advertising for itself, printing red socks on a number of promotional items.

The SPD has always tread lightly on the issue of cooperation with the Left party. Now, as the conservatives are digging the trenches along the same old lines, SPD candidate Olaf Scholz has taken care not to commit to any alliance — but to not rule anything out either.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Germania. Sondaggi elettorali. SPD 24%, Cdu 22%, Grüne 18%. Merkeldämmerung.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-08-30.

2021-08-30__ Germania 001

La Germania si appresta a pagare a duro prezzo i sedici anni di cancelleria Merkel, l’essersi ostinata a non volersi dimettere dopo i risultati delle scorse elezioni, ed infine di essersi incaponita nel far nominare il suo replicante Herr Armin Laschet quale candidato cancelliere.

Senza poi contare la scriteriata politica economica interna.

Si tenga infine presente come la Union sia costituita da CDU e da CSU, che supporta circa il 6% dei voti. Merkel ha distrutto la CDU.

Germania. Luglio21. Prezzi delle importazioni +15.0% su luglio20.

Germania. Luglio21. PPI, Producer prices of industrial products, +10.4% su Luglio20.

Germania. Luglio21. Selling prices in wholesale trade, WPI, +11.3% su Luglio20.

Si profila una catastrofe economica.

La Germania ha una gran voglia reagire, di cambiare.

* * * * * * *

«The campaign over who will replace German Chancellor Angela Merkel heated up on Sunday after a new opinion poll showed the centre-left Social Democrats (SPD) opening up a bigger lead over Merkel’s conservatives»

«Support for the SPD rose two points from last week to 24%, their highest result in four years according to the INSA poll conducted for the Bild am Sonntag newspaper. The conservatives lost a point to 21%, their lowest ever polled»

«It was the second survey in the last week that has put the SPD ahead. Support for Merkel’s Christian Democrats (CDU) and their Bavarian sister party, the Christian Social Union (CSU), has been falling steadily in recent weeks»

«In a hypothetical direct vote for chancellor, the INSA poll showed that the SPD’s candidate, Finance Minister Olaf Scholz, would take 31% of the vote, compared to just 10% for Laschet and 14% for the Greens candidate Annalena Baerbock»

* * * * * * *

Così, con SPD al 24%, Cdu al 22% e Grüne al 18%, la Germania si avvia ad un periodo di turbolente sommovimenti politici, e questo proprio bel mezzo di una crisi inflattiva a due cifre percentuali.

Si noti come l’ondata Grüne si sia nettamente ridimensionata.

* * * * * * *


German election campaign heats up as Merkel’s conservatives slide

Berlin, Aug 29 (Reuters) – The campaign over who will replace German Chancellor Angela Merkel heated up on Sunday after a new opinion poll showed the centre-left Social Democrats (SPD) opening up a bigger lead over Merkel’s conservatives.

Support for the SPD rose two points from last week to 24%, their highest result in four years according to the INSA poll conducted for the Bild am Sonntag newspaper. The conservatives lost a point to 21%, their lowest ever polled.

Germany goes to the polls on Sept. 26, when Merkel steps down as chancellor after 16 years in office and four straight national election victories. Merkel’s imminent departure has weakened support for her conservative alliance.

It was the second survey in the last week that has put the SPD ahead. Support for Merkel’s Christian Democrats (CDU) and their Bavarian sister party, the Christian Social Union (CSU), has been falling steadily in recent weeks.

The bloc’s candidate for chancellor, CDU chairman Armin Laschet, has been under fire since he was caught on camera laughing during a visit last month to a town hit by floods.

In a hypothetical direct vote for chancellor, the INSA poll showed that the SPD’s candidate, Finance Minister Olaf Scholz, would take 31% of the vote, compared to just 10% for Laschet and 14% for the Greens candidate Annalena Baerbock.

The three candidates are due to hold a televised debate on Sunday evening.

Despite the SPD’s lead in the polls, it would still need to team up with two other parties to govern, prompting a discussion about which possible coalition partners would be acceptable.

Scholz declined to rule out teaming up with the far-left Linke in an interview with the Frankfurter Allgemeine Sonntagszeitung, although he said any German government must commit itself to NATO membership.

The Linke, currently polling on about 6%, calls for the abolition of NATO in its election manifesto.

Meanwhile, the Greens candidate Baerbock distanced herself from the Linke as a possible partner.

“The Linke has just pretty ruled itself out, as it was not even willing to support the Bundeswehr in rescuing German nationals and local forces from Afghanistan,” Baerbock told the newspapers of the Funke media group.

Laschet cast doubt on the commitment of both the SPD and Greens to support the German military, saying at an event on Saturday that they had blocked measures in the past to protect soldiers.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Germania. Mr Olaf Scholz, candidato cancelliere Spd, vuole riavvicinare Russia ed est Europa.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-08-15.

Berlino Porta Brandemburgo

Sulla base dei più recenti sondaggi la Cdu sarebbe attestata attorno al 23%, mentre Spd e Grüne attorno al 20%.

Le elezioni di settembre verificheranno la precisione di queste previsioni, ma un quadro che si delinea sarebbe un governo tra Spd, Grüne e Left.

Mr Olaf Scholz, candidato cancelliere Spd, delinea un suo possibile programma governativo.

* * * * * * *

«But a recent comeback in the polls would make it possible for Scholz’s SPD to form a government with the environmentalist Greens or the Left Party.»

«Like many of Germany’s other major parties, Scholz ruled out working with the far-right Alternative for Germany (AfD) — but said his ultimate goal would be to unseat Merkel’s conservatives.»

«”I want to lead the next government,” he said. “And it’s good that we have several options to build a government.”»

«German chancellor candidate Olaf Scholz calls for ‘a new policy’ toward eastern Europe and Russia»

«German Finance Minister Olaf Scholz said he would push for a new strategy toward dealing with Russia and other eastern European countries»

«We need a new policy toward the east that revitalizes the principle of the OSCE and CSCE, but as a principle of the European Union»

«He said there should be a return to the “mutual principles” for security and human rights in Europe agreed within the Organization for Security and Co-operation in Europe (OSCE and its former title as the CSCE) — the intergovernmental organization that enables dialogue between western and eastern countries in Europe.»

«If we want to ensure joint security in Europe, then it’s about the European Union and Russia»

«That’s why it’s imperative that we return to the rule of law. Might does not make right»

«Scholz’s comments also come amid heightened tensions between the EU and Belarus over human rights violations and amid ongoing dispute with EU-members Poland and Hungary over what Brussels has dubbed rule of law violations»

«With a growing number of people fleeing violence in Afghanistan, the question of asylum-seekers and migrants is once again in the spotlight in the run-up to Germany’s general election»

«Scholz said the focus should now shift to providing aid to the countries where they first arrive rather than committing to taking in a large number of people in Germany»

* * * * * * *

Questa intervista tratteggia le grandi linee operative.

Primeggiano le affermazioni sulla necessità di ristabilire un dialogo costruttivo con la Russia, visione questa che potrebbe non essere gradita dall’altra sponda dell’Oceano Atlantico.

*


Exclusive: German chancellor candidate Olaf Scholz calls for ‘a new policy’ toward eastern Europe and Russia

In a DW exclusive interview, the Social Democrats’ candidate to replace Angela Merkel urged for a new — and European — approach to Russia, and outlined his vision for Germany’s future.

German Finance Minister Olaf Scholz said he would push for a new strategy toward dealing with Russia and other eastern European countries if he were to become chancellor in Germany’s upcoming general election in September.

“We need a new policy toward the east that revitalizes the principle of the OSCE and CSCE, but as a principle of the European Union,” he told DW in an exclusive interview.

He said there should be a return to the “mutual principles” for security and human rights in Europe agreed within the Organization for Security and Co-operation in Europe (OSCE and its former title as the CSCE) — the intergovernmental organization that enables dialogue between western and eastern countries in Europe.

“I also say that Russia and other countries need to accept that European integration will continue,” he told DW. “If we want to ensure joint security in Europe, then it’s about the European Union and Russia.”

Scholz, the top candidate for the center-left Social Democrats (SPD), said that Russia’s annexation of Crimea “is a huge problem” that continues to fuel tensions in eastern Ukraine.

“That’s why it’s imperative that we return to the rule of law. Might does not make right,” he said.

He also did not rule out a meeting with Russian President Vladimir Putin, saying the German government “has always met with the Russian government” and that there were many talks held in recent years.

Scholz’s comments also come amid heightened tensions between the EU and Belarus over human rights violations and amid ongoing dispute with EU-members Poland and Hungary over what Brussels has dubbed rule of law violations.

On COVID vaccines: ‘We have a responsibility for the whole world’

As the coronavirus pandemic continues to rage, Scholz said that Germany has an obligation to ensure enough vaccines are produced for countries in need.

“In any case, we have a responsibility for the whole world and we must not focus on just ourselves,” Scholz said.

“We need to continue ensuring that vaccinations are exported around the globe — and we must expand production capacities in a way that the rest of world can receive enough doses,” he emphasized.

“There is no lack in willingness to spend money. We have already done that, and we need to continue to do so,” the finance minister added.

He was firm, however, that the responsibility does not lie solely with Germany in ensuring the doses reach those in need, but that recipient countries need to organize their vaccine rollouts.

“This needs to be organized by all those responsible on an international level as well as by those countries affected, to make sure the vaccinations reach the citizens of the global south,” he said.

As finance minister during the pandemic, Scholz oversaw the approval of a relief package worth €400 billion ($469 billion) — but brushed off criticism that the funds wouldn’t be enough to address the growing economic inequalities caused by the crisis.

On refugees: Other countries ‘do offer protection’

With a growing number of people fleeing violence in Afghanistan, the question of asylum-seekers and migrants is once again in the spotlight in the run-up to Germany’s general election.

When asked how he plans to deal with a potential new surge in migrant arrivals, Scholz said the focus should now shift to providing aid to the countries where they first arrive rather than committing to taking in a large number of people in Germany.

“In German and European politics, I don’t believe we are concerned enough about what happens to refugees when neighboring countries take them in,” he said.

“Many countries aren’t governed the same way we would expect in Germany. But they do offer protection,” Scholz added.

“That’s why there need to be prospects for integration in those countries in Africa, Asia and South America. And we need to share responsibility in that.”

While the German government has temporarily halted deportations to Afghanistan due to the security situation caused by Taliban advances, Scholz also said that he supported deportations of criminals, saying that those who commit crimes “should not expect to stay here.”

On the race for chancellor: ‘I want to lead the next government’ 

In recent weeks, the SPD have been polling between 15% and 18%, putting them behind Angela Merkel’s conservative CDU/CSU alliance, led by candidate Armin Laschet.

But a recent comeback in the polls would make it possible for Scholz’s SPD to form a government with the environmentalist Greens or the Left Party.

Like many of Germany’s other major parties, Scholz ruled out working with the far-right Alternative for Germany (AfD) — but said his ultimate goal would be to unseat Merkel’s conservatives.

“I want to lead the next government,” he said. “And it’s good that we have several options to build a government.”

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Germania. Sondaggi. Il 6 giugno si vota in Sachsen-Anhalt. AfD al 23%.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-05-31.

2021-06-02__ Germania polls 001

Gli ultimi sondaggi elettorali in Germania confermano due dati.

– La Union, Cdu e Csu, otterrebbe il 25% – 26%, avendo sorpassato sia pure di poco i Grüne, che avrebbero il 24% – 25%

– In Sachsen-Anhalt, ove si vota il 6 giugno, la Union sarebbe al 29%, i Grüne al 9%, ed AfD al 23%.

2021-06-02__ Germania polls 002

* * * * * * *


«Il 6 giugno cruciali elezioni in Sassonia-Anhalt»

«Un fantasma si aggira per l’ex Ddr, e porta il nome dell’Afd»

«la posta in gioco va ben oltre i confini della Sassonia Anhalt: non solo queste sono le ultime elezioni importanti prima del voto nazionale del 26 settembre, ma la Cdu di Angela Merkel corre il serio rischio di subire un cocente sorpasso da parte dell’Afd»

«Se per il “Politbarometer” dell’emittente pubblica Zdf i cristiano-democratici sono ancora primi con il 29% contro il 23% dell’ultradestra, il rilevamento di due giorni fa realizzato dall’istituto Insa per la Bild vede in pole position l’Afd con il 26%, mentre la Cdu e’ costretta alla rincorsa, con il 25% dei consensi»

«Uno scenario horror, anche dal punto di vista delle possibili coalizioni di governo: con i socialdemocratici al 10% e gli ambientalisti all’11%, l’attuale coalizione formata da Cdu, Spd e Verdi perderebbe per un soffio la maggioranza parlamentare»

« potrebbe avere come effetto una ulteriore radicalizzazione dell’ultradestra, che si vede confermata come l’unica forza “pura e dura” dell’opposizione »

«Ma e’ in generale la performance dell’ultradestra nei Laender della ex Germania Est a fare paura»

«nella ex Ddr la presenza dell’ultradestra e’ ben piu’ consolidata che nella Germania occidentale»

«A complicare ulteriormente il quadro, la notizia che un militare della Bundeswehr classificato come “estremista di destra” dall’intelligence figura tra le liste dei candidati dell’Afd: si tratta di tale Maximilian Tischer»

* * * * * * *

Se fosse vero che la politica altro non sia che l’arte del possibile, di coagulare forze politiche disparate, di ingraziarsi il consenso elettorale, si potrebbe serenamente concludere che Merkel e Cdu siano fallimenti politici.

*


Germania, ex Ddr choc: vola la destra. All’Est Afd sfonda quota 20%

Il 6 giugno cruciali elezioni in Sassonia-Anhalt.

Un fantasma si aggira per l’ex Ddr, e porta il nome dell’Afd. Non a caso e’ con una notevole ansia che a Berlino si guarda alle elezioni nella Sassonia-Anhalt, il prossimo 6 giugno. Altrettanto sintomatico il frenetico tour che il candidato cancelliere dell’unione Cdu/Csu, Armin Laschet, sta compiendo in questi giorni in questo Land della Germania centro-orientale: due eventi a Dessau, quattro appuntamenti tra Halle e alcune localita’ del sud. Ancora piu’ significativo considerando che il leader della Cdu va a sostenere con tanto entusiasmo il governatore uscente Reiner Haseloff, nonostante che costui avesse apertamente sostenuto il suo avversario nella corsa alla candidatura per la successione di Angela Merkel, ovvero il leader bavarese Markus Soeder. Tutto dimenticato. Anche perche’ la posta in gioco va ben oltre i confini della Sassonia Anhalt: non solo queste sono le ultime elezioni importanti prima del voto nazionale del 26 settembre, ma la Cdu di Angela Merkel corre il serio rischio di subire un cocente sorpasso da parte dell’Afd. Stando ai sondaggi si profila un testa a testa con l’ultradestra. E questo proprio in un Land in cui la Cdu governa ininterrottamente da quasi vent’anni.

Se per il “Politbarometer” dell’emittente pubblica Zdf i cristiano-democratici sono ancora primi con il 29% contro il 23% dell’ultradestra, il rilevamento di due giorni fa realizzato dall’istituto Insa per la Bild vede in pole position l’Afd con il 26%, mentre la Cdu e’ costretta alla rincorsa, con il 25% dei consensi. Uno scenario horror, anche dal punto di vista delle possibili coalizioni di governo: con i socialdemocratici al 10% e gli ambientalisti all’11%, l’attuale coalizione formata da Cdu, Spd e Verdi perderebbe per un soffio la maggioranza parlamentare. C’e’ gia’ chi ipotizza che in un quadro del genere possa formarsi una sorta di fronte democratico allargato pur di non rischiare un governo con la partecipazione di Alternative fuer Deutschland. Una possibilita’, dicono alcuni analisti, potrebbe essere quella di allargare l’alleanza anche ai liberali dell’Fdp, che superando la soglia del 5% hanno ottime speranze di rientrare nel Parlamento regionale. Solo che una tale prospettiva, ragionano i commentatori, potrebbe avere come effetto una ulteriore radicalizzazione dell’ultradestra, che si vede confermata come l’unica forza “pura e dura” dell’opposizione. Se invece il distacco tra Cdu e Afd fosse maggiore, come quello del sondaggio della Zdf, sono plausibili anche altre maggioranza, per esempio con l’Fdp al posto dei Verdi. Tutte ipotesi, certo. Ma sufficienti per allarmare il quartier generale della Cdu alla Konrad Adenauer Haus di Berlino. Dove si cerca di rassicurarsi vedendo che Haseloff continua a detenere il favore del 68% dell’elettorato della Sassonia Anhalt, uno scarto gigantesco rispetto a quel 7% racimolato dallo sfidante dell’Afd, Oliver Kirchner.

Ma e’ in generale la performance dell’ultradestra nei Laender della ex Germania Est a fare paura. L’Afd supera ampiamente il 20% dei consensi anche in Turingia, corre per essere primo partito in Sassonia, supera la Cdu (ma rincorre la Spd) in Brandeburgo, e’ con ampio margine terzo partito in Meclemburgo. In altre parole: nella ex Ddr la presenza dell’ultradestra e’ ben piu’ consolidata che nella Germania occidentale. In pratica: una vittoria dell’Afd in Sassonia Anhalt non solo sarebbe un pessimo viatico per la Cdu in vista del voto federale di fine settembre (anzi, “una catastrofe”, secondo lo Spiegel), gia’ messa sulla difensiva a causa del boom di consensi per i Verdi e per le ferite sanguinose lasciate dal duello per la cancelleria tra Laschet e il bavarese Soeder. Ma per di piu’ sarebbe anche una conferma di quel “muro invisibile” che spacca ancora il Paese a oltre trent’anni dalla caduta del Muro di Berlino. Una spaccatura che oggi porta il marchio dell’Afd. La quale proprio nei Laender dell’ex Ddr e’ in una fase di ulteriore radicalizzazione: il capo dell’ultradestra in Turingia, Bjorn Hoecke, e’ anche il leader della corrente nazional-populista del partito, sempre piu’ determinante negli equilibri nazionali (oltreche’ messa sotto osservazione dai servizi segreti interni tedeschi). Una spinta verso “la destra dell’ultradestra” che pare confermata anche dalla vittoria dei due candidati di punta di Alternative fuer Deutschland a livello nazionale, Alice Weidel e Tino Chrupalla, considerata uno schiaffo per il presidente del partito, il “moderato” Joerg Meuthen. Per dire della sensibilita’ sul tema Afd, alcuni esponenti della Cdu in Sassonia Anhalt hanno inviato una lettera aperta alla presidenza del partito nel Land per chiedere che a tutti i propri candidati venisse imposta una dichiarazione in cui escludessero esplicitamente ogni possibile collaborazione con l’ultradestra. Il tema e’ delicatissimo e accende gli animi. A complicare ulteriormente il quadro, la notizia che un militare della Bundeswehr classificato come “estremista di destra” dall’intelligence figura tra le liste dei candidati dell’Afd: si tratta di tale Maximilian Tischer, che secondo lo Spiegel avrebbe rapporti con Franco A., un altro ufficiale dell’esercito attualmente sotto processo per terrorismo di destra, accusato di aver pianificato un attentato contro importanti personalita’ politiche da compiere sotto le mentite spoglie di un profugo siriano. Con l’eccezione delle comunali in Bassa Sassonia fissate per il 12 settembre, il voto in Sassonia Anhalt del 6 giugno e’ l’appuntamento elettorale piu’ rilevante prima dell’election day del 26 settembre, quando si apriranno le urne delle elezioni nazionali per il rinnovo del Bundestag nonche’ quelle regionali della Turingia, del Meclemburgo e di Berlino. Una partita ad alta tensione.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Germania. Annalena Baerbock vuole essere ben più dura con Pechino.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-05-19.

2021-05-18__ Germania Sondaggi 001

La Germania è nel chaos politico.

Secondo l’ultimo sondaggio disponibile, i Grüne avrebbero il 25% delle propensioni al voto, sorpassando la Union (Cdu/Csu) ferma al 24%, crollata dal pregresso 40%.

Se questo sondaggio restasse valido fino al momento delle votazioni politiche, la cancelleria spetterebbe ai Grüne: una svolta storica per la Germania e per l’Unione Europea.

Ma purtroppo il problema è molto più complesso.

Sia che la Union ottenga il cancellierato, sia che lo ottengano i Grüne, la frammentazione dei partiti imporrebbe per forza di cose la formazione di coalizioni di almeno tre partiti, costringendo alla convivenza politica formazioni storicamente politicamente molto differenti tra di loro, per non dire contrastanti. Tutti i partiti politici dovrebbero quindi dimostrare una inedita reciproca tolleranza e diplomazia politica.

Linke ed AfD sembrerebbero, almeno al momento, non candidabili all’ingresso al governo, per cui saranno determinanti la Sdp ed Fdp. Ambedue codesti partiti hanno severe conflittualità interne, elemento che complica ulteriormente le possibilità di dialogo.

* * *

Per quanto riguarda i Grüne, il loro programma politico è del tutto simile a quello dei liberal democratici di sinistra.

In modo particolare, questa somiglianza sarebbe evidente sul piano della politica estera.

«La Cina rimpiangerà Angela Merkel …. una volta che l’ex ‘ragazza dell’Est’ si sarà ritirata a vita privata, dopo le elezioni federali del 26 settembre»

«Finora la cancelliera si è sempre impegnata a smussare le acque. Dopo la sua era, il tono sarà più ruvido»

«L’ultimo episodio che ci parla dei mutamenti in corso (e delle crescenti difficoltà di Frau Merkel sul fronte cinese) è lo stop alla ratificazione a parte della Commissione Ue e dell’Europarlamento all’accordo per gli investimenti che la cancelliera e il presidente Xi Jinping avevano sostenuto con notevole vigore»

«non possiamo più ignorare il contesto più ampio delle relazioni con la Cina»

«La ragione sta nella nuda verità dei numeri: nel 2019 la Cina è stata per la quarta volta il maggiore partner commerciale della Germania, ed è un fatto che l’industria automobilistica tedesca venda più veicoli nella Repubblica popolare che in patria»

«La Cina ha legato le proprie leve economiche ad una molteplicità di iniziative dalle quali, sommate tutte insieme, emerge nientemeno che un modello di ordine mondiale in stile cinese»

«La Germania deve correggere il suo corso: basta con la priorità degli interessi economici a spesa di libertà e multilateralismo. Inoltre è necessario affrontare con più forza i temi dei diritti umani, valutare il ruolo di Huawei nel 5G, chiedere maggiore aiuto da parte della Cina nella difesa del clima globale e pretendere accesso libero al suo mercato»

* * * * * * *

Da ultimo, ma non certo per ultimo, tutti questi ragionamenti dovrebbero tener conto anche del convitato di pietra: la Cina.

Se le Germania e la Unione Europea tirassero troppo la corda, la Cina potrebbe rispondere così come ha fatto con l’Australia.

Australia. La Cina sospende sine die il dialogo economico.

* * * * * * *


La Cina rimpiangerà Angela Merkel.

La verde Annalena Baerbock lanciata verso la Cancelleria: “Con Pechino non dobbiamo essere ingenui”.

*

“La Cina rimpiangerà Angela Merkel”. Il commento della Zeit la dice lunga su quali siano le aspettative sui rapporti tra Berlino e Pechino una volta che l’ex ‘ragazza dell’Est’ si sarà ritirata a vita privata, dopo le elezioni federali del 26 settembre.

“Finora la cancelliera si è sempre impegnata a smussare le acque. Dopo la sua era, il tono sarà più ruvido”, insiste il giornale. I primi segnali stanno già arrivando: Annalena Baerbock, lanciata dai Verdi nella corsa alla cancelleria ed in questo momento l’assoluta beniamina dei sondaggi, ha già fatto sapere che se venisse eletta spingerà con forza per un posizionamento ben più netto dell’Unione europea nei confronti di Pechino: “Non dobbiamo essere ingenui”.  

L’ultimo episodio che ci parla dei mutamenti in corso (e delle crescenti difficoltà di Frau Merkel sul fronte cinese) è lo stop alla ratificazione a parte della Commissione Ue e dell’Europarlamento all’accordo per gli investimenti che la cancelliera e il presidente Xi Jinping avevano sostenuto con notevole vigore: come ha detto il commissario europeo per il commercio Valdis Dombrovkis, “non possiamo più ignorare il contesto più ampio delle relazioni” con la Cina. “Tutto questo certo non è sorprendente”, incalza ancora la Zeit, che si chiede “come il Parlamento avrebbe potuto ratificare il trattato dopo che Pechino ha emesso sanzioni nei confronti degli eurodeputati dei maggiori gruppi parlamentari?”.

                         L’ira per le sanzioni

Una reazione, quella cinese, dettata dall’ira per le sanzioni decise dall’Ue a causa della persecuzione degli uiguri nello Xinjiang. “I deputati sanzionati sono i nostri eroi”, è corso a dichiarare il capogruppo del Ppe, Manfred Weber.  

E’ pur vero che anche la cancelliera – appena due settimane fa, alle abituali consultazioni sino-tedesche – in videocollegamento con il premier cinese Li Keqiang aveva rivolto un appello alla Cina di riprendere “al più presto” il dialogo su diritti umani, insistendo che “vi sono anche differenze di opinione” (vedi alla voce Hong Kong), ma aveva anche ribadito con forza che Berlino e Pechino intendono estendere la collaborazione su molti dossier, “nonostante le molte differenze politiche”, per esempio nei campi dell’ambiente, dello sviluppo e anche dei vaccini anti-Covid.
Tutto questo accadeva proprio mentre al Parlamento europeo si dibatteva sulle sanzioni cinesi: “I ministri tedeschi e cinesi – specifica la Zeit – erano collegati in videoconferenza a consultazioni di governo, come ve ne sono altre con i partner più stretti, per esempio la Francia e Israele”. 

                         Merkel, 12 volte in Cina in 16 anni

La posizione di Merkel, che ripete ancora una volta come l’intesa sugli investimenti con Pechino rappresenti “un’impresa molto importante”, non sorprende: nei suoi ben sedici anni da cancelliera ha compiuto ben dodici missioni in Cina. “Non ha mai mancato mai di sostenere le vittime di violazioni dei diritti, ma non rischierebbe di mettere a rischio le relazioni economiche con Pechino in nome di un gesto politico”, chiosa il settimanale amburghese. La ragione sta nella nuda verità dei numeri: nel 2019 la Cina è stata per la quarta volta il maggiore partner commerciale della Germania, ed è un fatto che l’industria automobilistica tedesca venda più veicoli nella Repubblica popolare che in patria. 
L’intreccio è, insomma, difficilissimo. Molti a Berlino ricordano in queste ore l’altro precedente, quello intorno al coinvolgimento del colosso Huawei nella costruzione della rete 5G in Germania. Quando l’anno scorso nel suo discorso al Bundestag Merkel aveva definito la Cina un “partner strategico” in molti avevano preso nota: a Pechino, a Bruxelles, a Berlino e a Washington.

                         Il 5g

Il retroscena non era solo geopolitico in senso largo: la cancelliera, infatti, non ha mai voluto escludere il colosso cinese dalla realizzazione dell’infrastruttura della telecomunicazione e del digitale di “quinta generazione”, e questo nonostante l’allarme ripetutamente lanciato dall’intelligence di vari Paesi – servizi segreti tedeschi compresi – circa la possibilità che le autorità cinesi esercitino un effettivo controllo su Huawei, che in pratica sarebbe in grado di svolgere attività di spionaggio per conto di Pechino grazie alla propria tecnologia.

La preoccupazione della cancelliera era quella che se Berlino bloccasse le porte a Huwaei il rischio sarebbe quello di ripercussioni negative sulle imprese tedesche dipendenti dal mercato cinese. Una posizione non facile la sua, dato che non solo gli alleati dell’Spd, ma anche diversi ambienti interni alla Cdu si sono detti contrari a proseguire la politica delle “porte aperte” nei confronti del colosso cinese, continuando a chiedere specifiche restrizioni e chiari paletti, soprattutto in tema sicurezza.   

                         Usa in contrapposizione

Non finisce qui: c’è anche la Casa Bianca a soffiare sul collo. Com’è noto, l’amministrazione di Joe Biden verso Pechino ha mantenuto la linea di una contrapposizione netta del predecessore, ma è altrettanto noto che la Germania sia più sensibile ai richiami di Washington adesso che non ai tempi della presidenza Trump. A maggior ragione considerando il fatto che in Germania il clima verso la Cina sembra essere mutato individuando il grande dragone come un “rivale sistemico” – così è stato definito dall’Associazione degli industriali tedeschi – che con i suoi investimenti globali crea un sistema di dipendenze da cui risulta sempre più difficile districarsi.

    Ecco che si moltiplicano gli appelli: “La Cina ha legato le proprie leve economiche ad una molteplicità di iniziative dalle quali, sommate tutte insieme, emerge nientemeno che un modello di ordine mondiale in stile cinese”, attacca per esempio la Sueddeutsche Zeitung.

                         I diritti umani

Picchiava duro, tempo fa, anche il Tagesspiegel: “La Germania deve correggere il suo corso: basta con la priorità degli interessi economici a spesa di libertà e multilateralismo. Inoltre è necessario affrontare con più forza i temi dei diritti umani, valutare il ruolo di Huawei nel 5G, chiedere maggiore aiuto da parte della Cina nella difesa del clima globale e pretendere accesso libero al suo mercato”.    

E allora si guarda a quello che sarà il futuro esecutivo tedesco: il pensiero non può non correre ai Verdi, senza i quali – stando ai sondaggi oramai stabili da settimane, per non dire mesi – non sembra possibile maggioranza di governo. “Ed è probabile che lo scontro sarà portato anche sulla scena aperta”, aggiunge di nuovo la Zeit, “che si tratti della repressione degli uiguri e del movimento democratico di Hong Kong o delle minacce nei confronti di Taiwan”.

Le parole di Baerbock, la candidata del partito ambientalista, vanno esattamente in questa direzione: “Le democrazie liberali devono tenere alti i propri valori”. La giovane leader – a cui vengono accreditate non poche chance di prendere il posto di Merkel dopo le elezioni di settembre – ritiene che Pechino rappresenti “un pericolo”, a causa della politica economica volta a creare dipendenze attraverso gli investimenti nelle infrastrutture: “Questo è il punto decisivo sul quale noi europei dobbiamo essere estremamente vigili”.

                         Uno scudo per l’Europa

 Tra le contromosse ipotizzata dalla numero uno dei Verdi vi è anche la creazione di una sorta di scudo di protezione per l’Europa con investimenti diretti e mettendo in piedi trattati commerciali “equi” che preservino altri Paesi dal rendersi legati mani e piedi da Pechino. Certo, ha aggiunto, anche se la Cina “è un mercato troppo grande perché l’Ue possa chiudersi a esso”, una politica che seguisse solo la via degli interessi “lasciando per strada i valori” finirebbe per ritorcersi contro l’Europa.     

E’ anche una questione di equilibri globali. In pratica, la domanda che ci si ripete a Berlino è la stessa che pochi giorni fa si è posto Thomas Friedman sulle colonne del New York Times: “Proprio quando la Cina, la Russia e l’Iran stanno sfidando l’ordine globale più aggressivamente che mai, molti si chiedono se gli Stati Uniti abbiano ancora l’energia, gli alleati e le risorse per una nuova rissa geopolitica”. Messaggio che trova interlocutori sempre più sensibili anche all’ombra della Porta di Brandeburgo.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Germania. La débâcle della Merkel in quattro grafici.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-05-05.

2021-05-03__ Germania polls 000

Merkel sta orgogliosamente resistendo abbarbicata alla sua traballante poltrona come il suo emulo settanta anni or sono.

Come risultato finale, nelle elezioni di settembre sarà semplicemente spazzata via, e con lei la Union, ossia la Csu e la Cdu.

2021-05-03__ Germania polls 001

                         Sondaggi Elettorali.

Tutte le società di rilevamento degli umori politici sono concordi: la Union è quotata tra il 31% ed il 22%, 24% nei sondaggi più recenti. Ma poiché la Csu rende conto del 6%, la quota residua della Cdu si aggira attorno al 18%. Un gran bel crollo. L’effetto Merkel è evidente.

La Spd, 20.5% nelle passate elezioni, si aggira attorno al 15%.

Ma il dato tuonante è quello dei Grüne, passati dall’8.9% del 24 settembre 2017 ad un 28%, secondo il sondaggio Forsa.

Le conclusioni sono sequenziali.

Molto verosimilmente i Grüne otterranno la cancelleria, anche se dovranno formare un governo di coalizione.

Cambierà la Germania e con essa l’Unione Europea.

* * *

                         Dati Macro Economici.

Tra i tanti possibili, ne segnaliamo solo alcuni, riportati in grafico.

2021-05-03__ Germania polls 002

2021-05-03__ Germania polls 003

Questi ultimi due grafici dipingono alla perfezione la situazione tedesca.

I rendimenti dei bund decennali sono saliti negli ultimi sei mesi, ma restano pur tuttavia ancora nella zona negativa.

Ma ancor più significativo è il fatto che la resa reale è del -2.198%.

Il cittadino contribuente che avesse voluto mettere qualcosa da parte avrebbe perso il -2.198% in un anno. Per non parlare poi delle commissioni bancarie.

Ecco perché chi può scappa via, ed a settembre si toglierà non sassolini, bensì massi dalle scarpe. Poi, resterà miseramente scalzo.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Germania. Scholz alza la Spd al 18% e fa precipitare i Grüne al 15%.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-08-19.

2020-08-14__ Germania Grüne 001

In sintesi.

– Lunedì la Spd ha nominato Herr Olaf Scholz candidato cancelliere

– La Spd è salita al 18%

– I Grüne sono scesi al 15%.

* * * * * * *

«The decision of Germany’s Social Democrats (SPD) to nominate Finance Minister Olaf Scholz as chancellor candidate has given the centre-left party a popularity boost, helping them to surpass the Greens»

«The SPD on Monday proposed Scholz, the party’s most popular politician»

«The decision marks a comeback for Merkel’s vice chancellor, who was last year defeated by two left-wing outsiders in the race to lead the SPD»

«Following Scholz being picked, the SPD rose to 18% …. while the Greens edged down to 15%»

* * * * * * *

Questi accadimenti sembrerebbero permettere alcune considerazioni.

– La figura del leader di un partito è di fondamentale importanza per la conquista ed il mantenimento dell’elettorato

– La battaglia politica avviene al centro: ben difficilmente le posizioni estreme conducono ad una maggioranza

– Le crescite troppo rapide nelle propensioni al voto sono destinate a sfaldarsi altrettanto rapidamente nel tempo.

*


Scholz pick helps Germany’s Social Democrats to surpass Greens in polls

The decision of Germany’s Social Democrats (SPD) to nominate Finance Minister Olaf Scholz as chancellor candidate has given the centre-left party a popularity boost, helping them to surpass the Greens in a poll published on Wednesday.

The SPD on Monday proposed Scholz, the party’s most popular politician, to run to succeed Chancellor Angela Merkel in next year’s national election, when her fourth and final term is expected to end.

The decision marks a comeback for Merkel’s vice chancellor, who was last year defeated by two left-wing outsiders in the race to lead the SPD, the junior partner in her conservative-led ruling coalition.

Following Scholz being picked, the SPD rose to 18% in an INSA poll, hitting their highest level since February 2019, while the Greens edged down to 15%. This would enable the SPD to demand the chancellor job in any possible centre-left coalition.

The popularity of Merkel’s CDU/CSU remained relatively stable at 36%, according to the INSA poll. This means that the SPD still faces an uphill battle during the election campaign to come in first and secure a stable majority.

Scholz has said that strengthening relations within Europe would be one of his top priorities as chancellor, adding that the EU leaders’ agreement to help coronavirus-hit member states financially should not be viewed as a one-off event.

The SPD is hoping that Scholz can win back centrist voters, who in the past voted for the conservatives because of Merkel’s relatively moderate agenda. The conservatives so far have not decided who should run as their candidate for chancellor.

Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo, Ideologia liberal, Senza categoria, Unione Europea

Germania & Cina. Inversione di rotta sui ‘diritti umani’.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-19.

Gufo

«I’m not the world’s headteacher of morality»

*


«Deutsche Welle or DW is a German government-funded public international broadcaster. The service is available in 30 languages. DW’s satellite television service consists of channels in English, German, Spanish, and Arabic. While funded by the German government, the work of DW is regulated by the Deutsche Welle Act, meaning that content is intended to be independent of government influence.» [Fonte]

Di fatto, almeno fino a pochi mesi or sono, DW era feudo incontrastato dei liberal socialisti. Negli ultimi mesi si è lentamente discostato dell’ideologia liberal, anche se al momento questa matrice culturale ed operativa è ancora fortemente radicata.

Gli articoli che stanno uscendo in Germania editi dal Deutsche Welle assumono quindi la dimensione di warning governativi, verosimilmente ascrivibili al fatto che la Union, Cdu e Csu, sono adesso quotate attorno al 40% nelle prospezioni di propensione al voto.

* * * * * * *

Germania. Merkel. Una personalità sdoppiata. Si scaglia contro la Cina e poi la supplica.

«German politicians and rights groups cautioned that boosting economic ties cannot come at the expense of human rights»

«Merkel emphasizing “Germany’s interest in rule-based and free multi-lateral trade”»

«Merkel emphasized that China needs to take further steps to open up its market and give equal treatment to foreign companies»

«Prior to the talks, Merkel faced pressure from human rights groups and German politicians — including within her own party — to take a strong stance against China’s clampdown on Hong Kong.»

*

«With the COVID-19 crisis wreaking economic havoc, Germany is eager to reboot trade with China»

«The chancellor “highlighted the need for further steps on market access … and equal treatment of foreign companies,”»

* * *

Dopo aver mazzolato per benino i cinesi, Frau Merkel implora supplice che la Cina riapra alle aziende tedesche, concedendo loro ampia libertà di azione ed eguale trattamento.

* * * * * * *

Adesso il ministro per l’economia, Peter Altmaier, rincara la dose.

«China’s so-called Hong Kong security law sparked outcry with many fearing it will infringe on human rights»

«Germany won’t sever its trade relationship with China over it»

«Economy and Energy Minister Peter Altmaier defended Germany’s continuing trade relationship with China, following the passing of a controversial new security bill in Hong Kong»

«It has always been the policy of the Western international community, including the EU, that international trade relations cannot be based solely on how democratic a country is»

«The bill sparked a wave of criticism and concern on the part of several world leaders, including the European Union chiefs»

«The protection of, and adherence to human rights remained the government’s highest priority, and this also applied to China, Altmaier stressed»

«I’m not the world’s headteacher of morality»

* * * * * * *

Gli affari sono affari.

Alla fine anche il ministro tedesco deve ammettere che non è il capo della morale nel mondo.

Si resta curiosi di come potrà spiegarlo agli amici socialdemocratici ed ai Grüne.

*


Hong Kong: German minister defends China ties.

China’s so-called Hong Kong security law sparked outcry with many fearing it will infringe on human rights. Germany won’t sever its trade relationship with China over it, says Economy Minister Peter Altmaier.

Economy and Energy Minister Peter Altmaier defended Germany’s continuing trade relationship with China, following the passing of a controversial new security bill in Hong Kong.

“It has always been the policy of the Western international community, including the EU, that international trade relations cannot be based solely on how democratic a country is,” Altmaier told national newspaper Frankfurter Allgemeine Zeitung.

“We have never done that,” he stressed, adding this was not even official policy in the times of Willy Brandt or Joschka Fischer – Germany’s former Social Democratic chancellor and Green party foreign minister respectively.

With regard to Sino-German relations, Berlin has long adhered to the principle of “change through trade” (“Wandel durch Handel” in German), hoping that increased business ties may lead to more democratic structures in China.

China implemented Hong Kong’s so-called national security law at the end of June that covers offenses such as succession, subversion of state power, local terrorist activities and collaborating with foreign forces to endanger national security. It also gives China greater legal jurisdiction in the semi-autonomous territory.

The bill sparked a wave of criticism and concern on the part of several world leaders, including the European Union chiefs. Critics fear it will quash dissent and jeopardize Hong Kong’s special status within China.

Chinese authorities have defended the law, saying it is a necessary measure in response to the turbulent, sometimes violent, pro-democracy protests in 2019 and to prevent similar protests in future.

Human rights still a priority

The protection of, and adherence to human rights remained the government’s highest priority, and this also applied to China, Altmaier stressed.

“I’m not the world’s headteacher of morality, but I am convinced that countries like China will only be successful in the long term if fundamental principles of the rule of law are guaranteed.”

Germany to hold talks

Germany plans to hold talks with German businesses in Hong Kong. “We should help ensure that these companies as well as their employees – regardless of nationality – are not at risk,” the economy minister said.

The German government has invited China’s ambassador, Wu Ken, to the Foreign Ministry for discussions on Friday.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Baviera. Un altro terremoto nei sondaggi elettorali. Effetto coronavirus.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-04-21.

2020-04-16__Baviera 001

Nelle elezioni del 15 settembre 2013 la Csu aveva ottenuto il 47.7% dei voti, e con essi la maggioranza assoluta de seggi dello stato della Baviera. La Spd ammontava al 20.6%.

Nelle elezioni del 14 ottobre 2018 la Csu era crollata al 37.7%, mentre la Spd era precipitata al 9.7%. Consistente il guadagno dei Grüne,che avevano ottenuto il 17.6% dei suffragi.

Nell’ultimo sondaggio sulla propensione al voto, eseguito ai primi di aprile, la Csu è balzata al 49%, essendo Spd e Grüne sostanzialmente invariati, avendo il 10% ed il 17%, rispettivamente.

*


La Csu avrebbe guadagnato 11.3 punti percentuali, un incremento verosimilmente indotto dalla crisi del’epidemia da coronavirus.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Germania. Prosegue la rivoluzione dei sondaggi. Union al 37%.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-04-17.

2020-04-15__Germania Union 001

L’epidemia da Covid-19 sta sviluppandosi in Germania, sfasata di circa un mese dall’Italia. Pur non avendo preso misure contenitive severe, la popolazione inizia a percepire il coronavirus come un pericolo incombente, ed iniziano a notarsi i primi segnali di una diffusa paura.

Gli ospedali hanno bloccato interventi e ricoveri di elezione, restando disponibili quasi esclusivamente per i trattamenti degli infetti da Covid-19. Università e scuola sono chiuse in gran parte degli stati della federazione tedesca.

Timore ed incertezza hanno determinato una rapida mutazione delle propensioni al voto raccolte dalle diverse società di sondaggi.

– La Union, Cdu e Csu, è balzata da un minimo del 24% al 37%, guadagnando tredici punti percentuali.

– I Grüne sono calati dal massimo del 27% agli attuali 17%, perdendo undici punti percentuali.

– AfD è scesa da un massimo del 14% all’attuale 10%, calando di quattro punti percentuali.

– La Spd evidenzia una rimonta, da un minimo dell’11% all’odierno 17%.

La percezione del pericolo imminente ed incombente, così come della mancanza di validi strumenti di trattamento e prevenzione, sta facendo refluire sulla Union una parte dei voti che si erano orientati sui Grüne e su AfD: fenomeno questo che potrebbe anche accentuarsi.

Se questi risultati perdurassero fino alle elezioni federali del prossimo anno, consentirebbero alla Union di ottenere nuovamente il cancellierato, lasciandola libera di optare tra un’altra riedizione della Große Koalition oppure un’alleanza con i Grüne. Ma in ogni caso, l’Union avrebbe una consistente maggioranza di seggi rispetto al partito junior.

Questa sarebbe una situazione che potrebbe o meno soddisfare molte persone, ma avrebbe il vantaggio di conferire al quadro politico tedesco una stabilità governativa.