Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo, Stati Uniti, Unione Europea

Cina manda un severo warning al G7. Un ‘piccolo gruppo’ non può governare il mondo.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-06-14.

2021-05-20__ G7 GDP (Statista) 001

‘Small’ groups don’t rule the world: China cautions G7 – Times of India.

«China on Sunday pointedly cautioned Group of Seven leaders that the days when “small” groups of countries decided the fate of the world was long gone, hitting back at the world’s richest democracies which sought a unified position to counter China.

“The days when global decisions were dictated by a small group of countries are long gone,” a spokesman for the Chinese embassy in London said

“We always believe that countries, big or small, strong or weak, poor or rich, are equals, and that world affairs should be handled through consultation by all countries.”»

* * * * * * *

«the days when “small” groups of countries decided the fate of the world was long gone»

I paesi afferenti il G7 controllano ad oggi poco più del 31% dell’economia globale: troppo poco per essere condizionanti.

La stretta adesione all’ideologia liberal ne decreta anche l’arroccamento nell’enclave occidentale: il resto del mondo non solo non la condivide, ma la avversa. A questo consegue un isolamento politico quasi totale.

Le ideologie visionarie cozzano sempre con la realtà dei fatti.

«The G7 are planning to offer developing nations an infrastructure scheme that could rival Xi’s multi-trillion-dollar Belt and Road initiative»

Per poter competere con il progetto Belt and Road sarebbe necessario disporre di trilioni di dollari, cifra che i paesi del G7 non hanno. Hanno invece accumulato debiti pubblici di entità strabilianti, i soli Stati Uniti ne hanno per ottantotto trilioni Usd, ed adesso iniziano anche con una simpaticissima inflazione. Avrebbe dovuto essere ‘transitoria’, ma nulla è definitivo come il transitorio.

* * *

Il tempo è galantuomo. Si aspetti l’evolversi degli eventi con la calma dei giusti.

*



China cautions G7: ‘small’ groups don’t rule the world

China on Sunday pointedly cautioned Group of Seven leaders that the days when “small” groups of countries decided the fate of the world was long gone, hitting back at the richest democracies as they sought to act in concert to counter Beijing’s might.

The re-emergence of China as a leading global power is considered to be one of the most significant geopolitical events of recent times, alongside the 1991 fall of the Soviet Union that ended the Cold War.

But the return of China as a global power has unnerved the United States: President Joe Biden casts China as the main strategic competitor and has vowed to confront China’s “economic abuses” and push back against human rights violations.

“The days when global decisions were dictated by a small group of countries are long gone,” a spokesman for the Chinese embassy in London said.

“We always believe that countries, big or small, strong or weak, poor or rich, are equals, and that world affairs should be handled through consultation by all countries.”

The Chinese spokesman said the only valid global system was the international order based on the principles of the United Nations and “not the so-called rules formulated by a small number of countries.”

The G7, whose leaders are meeting in southwestern England, has been searching for a coherent response to the growing assertiveness of President Xi Jinping after China’s spectacular economic and military rise over the past 40 years.

Leaders of the group, which comprises the United States, Canada, Britain, Germany, Italy, France and Japan, want to use their gathering in the English seaside resort of Carbis Bay to show the world that the richest democracies can offer an alternative to China’s growing clout.

Canadian Prime Minister Justin Trudeau led a G7 discussion of China on Saturday and called on leaders to come up with a unified approach to the challenges posed by the People’s Republic, a source said. read more

The G7 are planning to offer developing nations an infrastructure scheme that could rival Xi’s multi-trillion-dollar Belt and Road initiative. read more

Beijing has repeatedly hit back against what it perceives as attempts by Western powers to contain China, and says many major powers are still gripped by an outdated imperial mindset after years of humiliating China.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Diplomazia, Geopolitica Asiatica

Giappone. L’occidente liberal si frantuma sul Myanmar.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-05-28.

2021-05-20__ G7 GDP (Statista) 001

«Japan should play a bridging role to Myanmar’s junta rather than following the Western policy of regime change»

«Japan must position itself as a bridge between the Tatmadaw and the United States and other democratic countries rather than blindly aligning itself with the Western policy of regime change»

«Japan must position itself as a bridge between the Tatmadaw and the United States and other democratic countries rather than blindly aligning itself with the Western policy of regime change»

«Myanmar’s huge development project of Thilawa Special Economic Zone development»

«Japan, a major aid donor with long ties to Myanmar, has not placed explicit sanctions against the Myanmar military, unlike other nations such as the United States and Britain.»

«The Japanese government did halt negotiations on new aid to Myanmar, but not existing aid projects»

«Leveraging its decades-long economic cooperation, Japan can now directly work with the Tatmadaw to reverse China’s geoeconomic influence»

«Any drastic move to cut ties with Myanmar’s military could result in China winning more influence»

«Chinese investment in Myanmar has surged in recent years, driven by Beijing’s “Belt and Road” infrastructure plan»

«Japan must realise its historic mission of guiding Myanmar’s military government in service of a free and open Indo-Pacific and remain unafraid even if its actions diverge from those of the U.S. and other democratic allies»

* * * * * * *

Il problema è dannatamente semplice.

I liberal degli stati occidentali ed occidentalizzati si credono investiti della missione di imporre la loro ideologia ad un mondo che proprio non ne vuole sapere. Reputano di essere i depositari della verità assoluta.

Solo che in altri tempi riassumevano gran parte del pil mondiale e dettavano legge, mentre ad oggi ne costituiscono poco più di un terzo: troppo poco per potersi imporre con lo strumento economico.

Non solo.

I liberal socialisti sono in declino ed il loro sistema economico sta devolvendosi, mentre quello dei paesi eurasiatici è in forte crescita, attirando investitori ed investimenti occidentali.

Cina. 2020. Investimenti esteri +81% YoY. Superano quelli negli Usa.

Foreign investment in China up 81 pct in 2020.

Cina. Abolite le restrizioni agli investimenti esteri nel settore energetico.

BlackRock anticipa l’apertura cinese alla finanza occidentale. 3.4 trilioni in tre anni.

*

Giappone. Aprile21. Export +38.0%, Import +12.8%, aprile21 su aprile20.

Il Giappone esporta negli Usa per 1,276.134 milioni di Yen, mentre l’Asia raccoglie 4,156.211 milioni di Yen di esportazioni. L’Asia conta quindi poco meno di quattro volte gli Usa.

La scelta di campo sta diventando obbligatoria.

Però questa presa di posizione del Giappone rompe drammaticamente quello che una volta era il bastione dei G7, spezzando la unità di intenti del fronte liberal. E la riunione del G7 è imminente.

*


Japan should not follow the Western policy on Myanmar – Diplomat op-ed

Japan should play a bridging role to Myanmar’s junta rather than following the Western policy of regime change, said a senior official at the Japan-Myanmar Association, which has strong ties with Myanmar’s military.

“I argue that Japan must position itself as a bridge between the Tatmadaw and the United States and other democratic countries rather than blindly aligning itself with the Western policy of regime change,” Yusuke Watanabe, the association’s secretary general, said in an opinion piece for the Diplomat magazine.

The Japan-Myanmar Association is a private group Yusuke Watanabe’s father and politician Hideo Watanabe launched to rally support for the wave of Japan’s investment in the Southeast Asian country. The association includes retired government bureaucrats and business executives and members of big Japanese companies.

A former cabinet minister Hideo Watanabe has long been Tokyo’s point man for economic relations, backing Myanmar’s huge development project of Thilawa Special Economic Zone development, and has a long track record of working closely with the junta, including junta leader Min Aung Hlaing.

Myanmar’s military overthrew the elected government on Feb. 1, citing alleged fraud in an election three months earlier, and has since waged a deadly crackdown which has killed hundreds and displaced tens of thousands of people.

Japan, a major aid donor with long ties to Myanmar, has not placed explicit sanctions against the Myanmar military, unlike other nations such as the United States and Britain.

The Japanese government did halt negotiations on new aid to Myanmar, but not existing aid projects.

“Leveraging its decades-long economic cooperation, Japan can now directly work with the Tatmadaw to reverse China’s geoeconomic influence,” Watanabe added, also warning of Russia’s growing influence in Myanmar.

Any drastic move to cut ties with Myanmar’s military could result in China winning more influence, a senior Japanese official told Reuters in February after the coup. read more

Chinese investment in Myanmar has surged in recent years, driven by Beijing’s “Belt and Road” infrastructure plan.

“Japan must realise its historic mission of guiding Myanmar’s military government in service of a free and open Indo-Pacific and remain unafraid even if its actions diverge from those of the U.S. and other democratic allies,” Watanabe said.

Pubblicato in: Banche Centrali, Cina, Russia, Stati Uniti, Unione Europea

G7 e Russia. Un G7 in via di devoluzione conta molto poco.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-05-26.

2021-05-20__ G7 GDP (Statista) 001

L’istogramma pubblicato da Statista dovrebbe essere eloquente.

«In 2019, the G7 countries of Canada, France, Germany, Italy, Japan, United Kingdom and United States held 31.68 percent of the global gross domestic product (GDP). In 2025, that figure is projected to drop to 28.8 percent»

Nel 2019 il pil dei paesi G7 rappresentava il 31.68% del pil mondiale, mentre quello del G20, esclusi i paesi del G7), valeva il 41.51%.

Nel 2025 il pil dei paesi G7 è proiettato al 28.8% del pil mondiale, mentre quello del G20, esclusi i paesi del G7), è stimato arrivare al 44.77%.

Solo per dare un esempio, nel 2000 il pil indiano valeva 476.64 miliardi Usd, ma è stimato a 3,049.7 miliardi nel 2021 ed a 4,534.34 miliardi nel 2026.

Si noti come invece il pil dei paesi G7 sia in consistente diminuzione.

Non solo.

Il pil di alcuni paesi è drogato dal conteggio dei fondi pubblici erogati in via  assistenziale.

Se è vero che il pil sia un macrodato di primario interesse, sarebbe altrettanto vero ricordare come la sua lettura dovrebbe essere corroborata da altri macrodati similmente importanti, quali la produzione industriale, i volumi dell’Import – Export, la percentuale degli occupati, il valore della inflazione, solo per citarne alcuni.

Si faccia attenzione. Le parole son come le farfalle, mentre i numeri sono massi, ed anche pesanti.

* * * * * * *

Se questi dati siano fermamente chiari, l’intervista rilasciata da Mr Andrei Kelin, Ambasciatore russo a Londra, risulterebbe essere chiara.

– «G7 playing a ‘dangerous game’ by pushing Moscow towards China»

– «Russia, he said, was more interested in other forums such as the G20, Shanghai Cooperation Organisation and the BRICs organisation»

* * * * * * *

«G7 leaders gather for a summit in St Ives, in the southern English region of Cornwall, on June 11-13. How to deal with President Vladimir Putin’s Russia is expected to be on the agenda»

«The Group of Seven is playing a “dangerous game” by making aggressive and baseless criticism of the Kremlin because it pushes Russia closer to China»

«G7 foreign ministers this month scolded both China and Russia, casting the Kremlin as malicious and Beijing as a bully, but beyond words there were few concrete steps aside from expressing support for Taiwan and Ukraine»

«Kelin said the G7’s critique was biased, confrontational, lacked substance and was stoking anti-Western feelings among Russians, while its aggressive attitude towards Russia and China was pushing the two powers together»

«Russia, the world’s largest country by territory, denies it meddles beyond its borders and says the West is gripped by anti-Russian hysteria»

«China, the world’s second largest economy, says the West is a bully and that its leaders have a post-imperial mindset that makes them feel they can act like global policemen»

«Asked about G7 criticism of the state of human rights in Russia, Kelin said the United States and Britain should pay more attention to the state of their own democracy after the attacks on the U.S. Capitol and race issues in Britain»

«it has no grounds to judge other countries about the state of democracy»

«Asked about G7 criticism of the state of human rights in Russia, Kelin said the United States and Britain should pay more attention to the state of their own democracy after the attacks on the U.S. Capitol and race issues in Britain»

«No one gives them the right to judge others – especially on the state of democracy»

«It is strange for us as we are not eager to become once again a part of this club, …. In our view it has lost its authority»

* * * * * * *

L’enclave liberal socialista occidentale sta devolvendosi ogni giorno che passa, incapace di sottoporsi a revisione critica.

Certamente ad oggi ha ancora una potenza economica non indifferente, ma è sulla via del declino.

*


G7 playing a ‘dangerous game’ by pushing Moscow towards China – Russian envoy.

The Group of Seven is playing a “dangerous game” by making aggressive and baseless criticism of the Kremlin because it pushes Russia closer to China, Russia’s ambassador to London Andrei Kelin told Reuters on Thursday.

G7 foreign ministers this month scolded both China and Russia, casting the Kremlin as malicious and Beijing as a bully, but beyond words there were few concrete steps aside from expressing support for Taiwan and Ukraine.

The G7, in a 12,400-word communique, said Russia was a destabilising influence on the world because of its 2014 annexation of Crimea, its build up on Ukraine’s border and its meddling in the internal affairs of other countries.

Kelin said the G7’s critique was biased, confrontational, lacked substance and was stoking anti-Western feelings among Russians, while its aggressive attitude towards Russia and China was pushing the two powers together.

“This is a dangerous game,” Kelin, 64, told Reuters. “Russia and China have enormous potential in different fields – in the economy, in technology, in military capacities, in politics – this potential is spread around the world.”

“We are not allies with China, however pushing Russia and China, it closes our ranks with China – in that sense we are more and more united against challenges that are being presented from the West.”

Russia, the world’s largest country by territory, denies it meddles beyond its borders and says the West is gripped by anti-Russian hysteria.

China, the world’s second largest economy, says the West is a bully and that its leaders have a post-imperial mindset that makes them feel they can act like global policemen.

G7 leaders gather for a summit in St Ives, in the southern English region of Cornwall, on June 11-13. How to deal with President Vladimir Putin’s Russia is expected to be on the agenda.

Kelin, a career diplomat who speaks fluent English, French and Dutch, said Russia would proceed according to its own geopolitical interests and that if there were issues that needed to be discussed then dialogue was the best way.

“But the G7 prefers megaphone diplomacy,” Kelin said. “This is a club that expresses certain opinions on different subjects but it has no grounds to judge other countries about the state of democracy.”

Asked about G7 criticism of the state of human rights in Russia, Kelin said the United States and Britain should pay more attention to the state of their own democracy after the attacks on the U.S. Capitol and race issues in Britain.

“Look at yourself in this situation – but they don’t want to look at themselves,” Kelin said. “No one gives them the right to judge others – especially on the state of democracy.”

Russia was brought into what became the Group of Eight in 1997 under former President Boris Yeltsin but its membership was suspended in 2014 after the annexation of Crimea.

“We see discussions on this subject: let’s invite Russia, let’s not invite Russia. It is strange for us as we are not eager to become once again a part of this club,” Kelin said. “In our view it has lost its authority.”

“It is divisive – it has a tendency to split the world into friends and aliens: they want to talk about coalitions of friends targetted against the others. This doesn’t bring solutions – it brings more problems to the world,” Kelin said.

Russia, he said, was more interested in other forums such as the G20, Shanghai Cooperation Organisation and the BRICs organisation.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo

G7. La Cina condanna le affermazioni del G7.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-05-11.

2021-05-07__ G7 001

Il Gruppo dei Sette, di solito abbreviato in G7, è un’organizzazione intergovernativa ed internazionale composta dai sette maggiori Stati ed economicamente avanzati dell’enclave liberal mondiale, ossia: Canada, Francia, Germania, Giappone, Italia, Regno Unito e Stati Uniti d’America.

Prendendo come riferimento l’anno 2019, ossia l’anno che ha preceduto quello della crisi innescata dall’epidemia di coronavirus:

Nel 2019 le nazioni afferenti al G7 avevano un pil di 36,828 miliardi Usd, ed un Pil PPP di 39,370 miliardi Usd.

I media liberal indicano i paesi del G7 come i più ricchi del mondo: ma questa è una menzogna.

Infatti, i paesi che costituiscono i Brics (ossia, Brasile, Cina, India, Russia, Sud Africa) avevano un Pil PPP di 41,017 miliardi Usd.

Nessuno si sogna di affermare che i paesi del G7 pesino economicamente poco: assommano una vasta parte del Pil PPP mondiale, che però risulta essere minore a quella evidenziata dai Brics. In altri termini, proprio non sono ‘il mondo’.

*

Si aggiunga un’altra considerazione.

I governi degli stati liberal occidentali reputano loro diritto e loro dovere l’ergersi a giudici della morale e dell’etica degli altri stati, che ovviamente non riconoscono loro codesto diritto.

Né può sfuggire la violenza con la quale negli Stati Uniti, in Germania ed in Francia la polizia tratti coloro che dimostrano in piazza avendo idee differenti da quelle governative. Se negli Stai Uniti la polizia apre spesso e volentieri il fuoco sui dimostranti, a nessuno è sfuggita la barbara repressione della dimostrazione del 1° maggio a Berlino, con 354 arresti di pacifici dimostranti etichettati come ‘negazionisti’. Un reato di libero pensiero.

Similmente, Dac ed Oecd sono governate dai paesi del G7, ma adesso contano per quanto valgono quegli stati che li governano, che in sede UN hanno da tempo perso la maggioranza.

* * * * * * *

«G7 foreign ministers said in a communique after a London summit that China was guilty of human rights abuses and of using its economic influence to bully others»

«China condemned on Thursday a joint statement by G7 foreign ministers that expressed support for Chinese-claimed Taiwan and cast Beijing as a bully, saying it was a gross interference in China’s internal affairs»

«Speaking in Beijing, Chinese Foreign Ministry spokesman Wang Wenbin said the statement made “groundless accusations” that were a gross interference in China’s internal affairs, which it firmly condemned»

* * * * * * *

Gli equilibri mondiali stanno mutando molto velocemente. In passato il G7 avrebbe ‘ordinato’, adesso si limita alla sola condanna.

Ma non ci si stupisca più di tanto se tra dieci anni il blocco asiatico condanni l’ideologia liberal e la bandisca dal mondo civile.

*


China condemns G7 statement censuring Beijing, supporting Taiwan

China condemned on Thursday a joint statement by G7 foreign ministers that expressed support for Chinese-claimed Taiwan and cast Beijing as a bully, saying it was a gross interference in China’s internal affairs.

G7 foreign ministers said in a communique after a London summit that China was guilty of human rights abuses and of using its economic influence to bully others.

In an unusual step, the G7 also said they supported Taiwan’s participation in World Health Organization forums and the World Health Assembly – and expressed concern about “any unilateral actions that could escalate tensions” in the Taiwan Strait.

Speaking in Beijing, Chinese Foreign Ministry spokesman Wang Wenbin said the statement made “groundless accusations” that were a gross interference in China’s internal affairs, which it firmly condemned.

The G7 as a group should take concrete action to boost the global economic recovery instead of disrupting it, he added.

China regards Taiwan as its own territory and opposes any official Taiwan representation on an international level. China has also stepped up military activities near Taiwan in recent months, trying to assert its sovereignty claims.

The G7 statement was warmly received in Taipei, where the government said this was the first time the foreign ministers had mentioned the island in their joint communique.

Taiwan’s Presidential Office thanked the G7 for its support.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

G7. Prevertice virtuale in attesa del summit di giugno in Cornovaglia.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-02-19.

Annegare 001

Si preannuncia difficile il cercare di mettere di accordo i litigiosi paesi del G7, che a parole odiano i sovranisti e poi si comportano come tali nei fatti.

Poi, tutti i paesi componenti si presentano con economie in recessione.

Europa. 2020. Pil -6.8%, 2020Q4 su 2019Q4. – Eurostat.

Giappone. 2020Q4. Pil -4.8% anno 2020 su anno 2019.

Regno Unito. 2020. Pil -9.9% anno su anno.

Germania. Pil -5.0%, Exports -9.9, Imports -8.6%, anno su anno. – Destatis.

Francia. 2020. Pil -8.3% anno su anno, Exports -16.7, Imports -11.6%. – Nises.

Italia. 2020. Pil -8.9% anno su anno. – Istat.

United States GDP Annual Growth Rate -2.5%

* * * * * * *

«Per quanto riguarda il G7 fisico che si terrà in giugno invece, hanno già fatto discutere gli “inviti speciali” da parte di Johnson a tre Paesi “ospiti” al G7 in Cornovaglia del prossimo giugno, ossia India, Australia e Corea del Sud»

«Joe Biden, il quale è sempre più convinto di affrontare la Cina a muso duro, tanto che la sua amministrazione già parla di “genocidio degli Uiguri”»

*

Volenti o nolenti, piaccia o meno, il gruppo dei G7 unisce alla recessione economica una severa crisi politica, e si sta sempre più riducendo ad una enclave liberal, irrilevante su scala mondiale. La apertura ad alcuni paesi asiatici, sicuramente importanti ma non certo come la Cina, è una mossa tutta da valutarsi nei risultati che potrebbe ottenere. Apparirebbe però essere problematica l’attuazione di qualsiasi decisione presa, senza un previo accordo con i paesi del Rcep.

*


Lotta al Covid, primo palcoscenico internazionale per Draghi: con Biden al pre-vertice virtuale del G7

Il premier britannico Johnson ha convocato per domani un “tavolo” che anticipa il summit di giugno in Cornovaglia. I sette leader mondiali discuteranno di come implementare i cinque punti del piano che intende combattere a livello globale la pandemia.

È la premessa, seppur virtuale, dell’attesissimo G7 che si terrà il prossimo giugno in Cornovaglia ed è dunque il primo palcoscenico internazionale per il nuovo premier italiano Mario Draghi e per il presidente americano Joe Biden. Boris Johnson, che presiede il summit di quest’anno previsto dall’11 al 13 giugno a Carbis Bay sulle spiagge occidentali dell’Inghilterra, ha convocato per domani un pre-vertice dei sette leader mondiali per quanto concerne la lotta alla pandemia a livello internazionale e lo sforzo globale cui devono impegnarsi i leader del G7. “Perché l’unica soluzione”, ha rimarcato il primo ministro britannico, “è quella di sconfiggere a livello globale questo nemico, coordinandoci con i nostri amici e partner in giro per il mondo: dalla colossale missione di distribuire i vaccini anti Coronavirus in ogni Paese fino al delineamento di una ripresa sostenibile dalla crisi del Covid. Tutti i governi del mondo hanno una responsabilità cruciale, ossia far sì che il 2021 sia ricordato come l’anno in cui l’umanità ha lavorato insieme per sconfiggere un nemico comune”.

E così, a questa tavola virtuale, si ritroveranno tutti: Johnson, Draghi e Biden, come detto, insieme al canadese Justin Trudeau, la tedesca Angela Merkel, il francese Emmanuel Macron e il primo ministro giapponese Yoshihido Suga, che di recente ha preso il posto del convalescente Abe. Il primo ministro britannico, aprendo il summit, sottolineerà come sia fondamentale mettere fine ai nazionalismi e alla politica divisiva che ha marcato la risposta iniziale alla crisi del Covid, anche se proprio il governo britannico è stato protagonista di una “battaglia sui vaccini” con l’Ue di recente, dopo la riduzione delle consegne del vaccino di Oxford previste all’Unione europea da parte di AstraZeneca e una presunta “priorità” di Londra acquisita con la multinazionale britannico-svedese.

I leader parleranno poi di come implementare il piano di cinque punti di lotta globale alla pandemia annunciato l’anno scorso all’Assemblea Generale dell’Onu, che si compone tra le altre cose dell’installazione di hub di ricerca sulle zoonosi collegati tra loro nel mondo, lo sviluppo della capacità manifatturiera di vaccini e cure anti Covid, la progettazione di un sistema di allerta globale per le prossime pandemie, un accordo su protocolli globali per le future emergenze sanitarie e la riduzione delle barriere commerciali. Le premesse ci sono tutte: il mese scorso, gli Stati Uniti, dopo il cambio di presidenza, sono stati l’ultimo Paese del G7 a unirsi alla piattaforma COVAX, che destinerà 1,3 miliardi di dosi di vaccino anti Covid ai paesi in via di sviluppo (il Regno Unito partecipa con 548 milioni di euro).

Per quanto riguarda il G7 fisico che si terrà in giugno invece, hanno già fatto discutere gli “inviti speciali” da parte di Johnson a tre Paesi “ospiti” al G7 in Cornovaglia del prossimo giugno, ossia India, Australia e Corea del Sud: tutti hanno più di un conto aperto con la Cina. Una scelta, quella del primo ministro britannico, che ha agitato varie diplomazie europee, inclusa quella italiana, per aver spostato “l’equilibrio” troppo marcatamente verso la sempre più imponente Asia. Ma anche questo rientra nello strategico corteggiamento politico di Johnson verso Joe Biden, il quale è sempre più convinto di affrontare la Cina a muso duro, tanto che la sua amministrazione già parla di “genocidio degli Uiguri”. Pare ci siano le basi per una nuova “special relationship” quella tra Uk e Usa, dopo le ultime elezioni americane.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Stati Uniti, Unione Europea

Occidente. Le cambiali dei debiti sovrani stanno arrivando a scadenza.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-01-13.

bomba_atomica_

Se le banche centrali avessero potuto stampare denaro a volontà nessuno stato nella storia avrebbe mai dichiarato il default. La realtà invece ci indica che a tutto c’è un limite. Ci insegna che i debiti devono sempre essere rifusi. Vi ricordate gli Assignat?

* * * * * * *

«A $13 trillion crisis-era debt bill comes due for big economies»

«G-7, emerging economies face biggest refinancings in decade »

«The world’s biggest economies shouldering record debt burdens are about to confront an unwelcome legacy of the financial crisis: a $13 trillion debt bill.»

«The Group of Seven nations plus key emerging markets face the heaviest bond maturities in at least a decade, much of them borrowings to dig their economies out of the worst slump since the Great Depression»

«Government debt ratios have exploded»

«Debt is leverage and assuming it’s not abused, it’s one of the most successful tools for growing wealth»

«Refinancing needs are the biggest in the U.S., with $7.7 trillion of debt coming due, followed by Japan with $2.9 trillion …. China’s tab rises to $577 billion from $345 billion last year. In Europe, Italy has the heaviest bill of $433 billion, followed by France’s $348 billion. Germany has $325 billion due versus $201 billion last year»

«To be sure, growth lift-off is still expected to translate into higher yields»

«Yet the onus remains on the world’s policy makers to keep rates low to foster the global economic recovery»

«In Europe, the result of central bank bond buying will help create a supply shortfall of 133 billion euros ($164 billion)»

«The practical reality is that debt levels and rates are linked, because most of the developed world cannot afford higher interest rates»

* * * * * * *

Al pratico, i titoli di stato a tassi negativi sono così poco palatabili che sono acquistati per motivi politici solo dalle banche centrali, stampando cartamoneta senza copertura.

Non è questa l’invenzione del moto perpetuo: è solo una misura di alchimia finanziaria che da temporanea è diventata definitiva, che durerà fino alla logica implosione.

Allora sarà pianto e stridore di denti.

*


A $13 Trillion Crisis-Era Debt Bill Comes Due for Big Economies

– G-7, emerging economies face biggest refinancings in decade

– Central banks in pandemic-fighting mode to keep yields low

*

The world’s biggest economies shouldering record debt burdens are about to confront an unwelcome legacy of the financial crisis: a $13 trillion debt bill.

The Group of Seven nations plus key emerging markets face the heaviest bond maturities in at least a decade, much of them borrowings to dig their economies out of the worst slump since the Great Depression. According to data compiled by Bloomberg, these governments may need to roll over 51% more debt than in 2020.

The good news is that both central banks and investors are on their side. Policy makers facing lingering economic challenges from the pandemic are likely to stay accommodative — and keep borrowing costs low. Bonds remain a sought-after haven amid the virus’s rising toll on health and economies.

”Government debt ratios have exploded, but I believe that the short-term worrying over a rising debt is fruitless,” said Gregory Perdon, co-chief investment officer at Arbuthnot Latham. “Debt is leverage and assuming it’s not abused, it’s one of the most successful tools for growing wealth.”

Refinancing needs are the biggest in the U.S., with $7.7 trillion of debt coming due, followed by Japan with $2.9 trillion, according to Bloomberg data. China’s tab rises to $577 billion from $345 billion last year. In Europe, Italy has the heaviest bill of $433 billion, followed by France’s $348 billion. Germany has $325 billion due versus $201 billion last year. Not all these maturities will necessarily be extended by fresh borrowings.

To be sure, growth lift-off is still expected to translate into higher yields, with the median of economists surveyed by Bloomberg calling for a 10-year Treasury yield of 1.24% by the fourth quarter.

Yet the onus remains on the world’s policy makers to keep rates low to foster the global economic recovery. The Federal Reserve is on pace to buy nearly half the $2 trillion of net supply TD Securities expects the U.S. government debt to issue this year.

In Europe, the result of central bank bond buying will help create a supply shortfall of 133 billion euros ($164 billion), according to Jefferies International.

“The practical reality is that debt levels and rates are linked, because most of the developed world cannot afford higher interest rates,” said Steven Major, the global head of fixed income research at HSBC Holdings Plc.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Stati Uniti

G7 Biarritz. Le dichiarazioni dei leader.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-08-27.

Colonna Traiana. Testa di Decebalo__001

Il G7 di Biarritz si è concluso senza l’emissione di un comunicato finale, dato il fatto che nessun accordo sia stato raggiunto.

Reuters ha compilato un florilegio delle dichiarazioni dei capi di stato o di governo intervenuti.

Si noti l’ordine di comparsa, con Frau Merkel in calce.

* * * * * * *


Reuters. 2019-08-26. Highlights: Leaders’ closing remarks at Biarritz G7 Summit

Here are highlights of the G7 leaders’ closing remarks at a summit in Biarritz, France.

BRITISH PRIME MINISTER BORIS JOHNSON

On Brexit:

“Well I do think that the EU does tend to come to an agreement right at the end.”

“Clearly for us, the walking away as it were, would come on October 31 when we would take steps to come out on the terms for which we will have by then made absolutely colossal and extensive and fantastic preparations.”

On Iran:

“Iran should never under circumstances be allowed to get a nuclear weapon.”

“There is clearly an opportunity now for Iran to come back into compliance with the nuclear deal… and to resume dialogue, as well as to cease its disruptive behavior in the region.”

CANADIAN PRIME MINISTER JUSTIN TRUDEAU

On Russia:

“The G7 is a gathering of like-minded nations that have committed to moving forward in a positive way for the global economy and Russia’s actions both in Ukraine and in other ways have clearly made it not eligible for partnership in this group of like-minded countries.”

On aid for Amazon fires:

Canada is offering to help by sending water bombers as well as a financial contribution of C$15 million dollars. We could pretend that the situation in the Amazon is just part of a natural cycle. But that’s not exactly what’s going on here.”

JAPANESE PRIME MINISTER SHINZO ABE

On U.S.-China trade talks:

“I hope there will be good results from U.S.-China trade negotiations that will help stabilize the global economy.”

“We will guide economic policy with an eye on the impact (the U.S.-China trade tensions) could have on Japan’s economy.”

FRENCH PRESIDENT EMMANUEL MACRON:

On Iran:

“Two things are very important for us: Iran must never have nuclear weapons, and this situation should never threaten regional stability.”

“Nothing is set yet and things are still fragile, but technical discussions have started with some real progress.”

“What I have said to (Iranian Foreign Minister Mohammad Javad) Zarif and what I have said by telephone to President Rouhani is that if he accepts a meeting with President Trump, I am convinced that an agreement can be found.”

“What I hope is that in coming weeks, based on these talks, we can manage to make happen a summit between President Rouhani and President Trump.

On WTO:

“The G7 wants to overhaul the World Trade Organization in order to more efficiently protect intellectual property, solve disputes more quickly and stop unfair practices.”

“The days of naivete are over but so are the days of trying to solve the problem bilaterally. Joint work is the new way of doing things.”

U.S. PRESIDENT DONALD TRUMP:

On China:

“I think they want to make a deal very badly. I think that was elevated last night.”

“China has taken a very large hit in the last few months. Three million jobs. It will soon be much more than 3 million jobs. Their chain is breaking up like no one has seen before. Once that happens it is very hard to put it back together. I think they very much want to make a deal.”

“The longer they wait the harder it will be to put it back, if it can be put back at all.”

On Iran:

“They have to be good players, if you understand what I mean. They can’t do what they were saying they were going to do, because if they do that, they will be met with really very violent force. So I think they are going to be good.”

On an Iran credit line:

“No we are not paying, we don’t pay,” Trump said.

“But they may need some money to get them over a very rough patch and if they do need money, and it would be secured by oil …, so we are really talking about a letter of credit. It would be from numerous countries, numerous countries.”

On Britain’s PM Johnson:

“I really believe that Boris Johnson will be a great prime minister, we like each other and we had a great two and a half day. I’ve been waiting for him to be prime minister for about six years. I told him ‘what took you so long?’”

On climate change:

“We are the number one energy producer in the world. It is tremendous wealth … I am not going to lose that wealth on dreams, on windmills, which frankly are not working that well.”

“I want the cleanest water on earth, I want the cleanest air on earth … I think I know more about the environment than most people”

GERMAN CHANCELLOR ANGELA MERKEL

On Iran:

“What unites us, and that is a big step forward, is that we not only don’t want Iran to have nuclear weapons, but also that we (want to) find the solution to that via political means.”

On Brexit:

“Europe is very much unified in its representation here … we will have some work to do in the autumn on Britain’s exit (from the EU). So we face some busy weeks ahead.”

On talks with Trump:

“I renewed my proposal that American firms – small and mid-sized firms – could come to Germany for a conference so that we can better present the German market to the Americans … that (idea) met with approval.”

Pubblicato in: Brasile, Devoluzione socialismo, Stati Uniti, Trump

G7 Biarritz. Un primo resoconto. Evitati i temi caldi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-09-25.

_2018-06-10__G7__001

A Frau Merkel sono scappati i pruriti di protagonismo. È eluita nel nulla.


Questo potrebbe essere l’ultimo G7 a cui il mondo deve assistere sconcertato ed impotente.

«Larry Kudlow, aveva accusato la Francia di aver “deciso di abbandonare il comunicato finale basato sul consenso e le proposte concrete” e di volere che “il G7 stia zitto su queste questioni economiche fondamentali”»

«Dov’è l’azione sulla crescita, il commercio, la sicurezza energetica o l’occupazione?»

«Sulla questione del comunicato finale, che non ci sarà per la prima volta in 45 anni»

«la Francia guiderà ‘coalizioni’ di ‘chiunque condivida i nostri valori”, coalizioni che “producono banalità politicamente corrette come appelli a bandire tutto, dalle cannucce ai combustibili fossili”.»

«in agenda G7 nulla su crescita, commercio e occupazione»

«Donald Trump che ha nuovamente minacciato di imporre tariffe sui vini francesi in risposta alla digital tax sulle grandi aziende tecnologiche americane approvata da Parigi …. Qualche ora prima, la minaccia di dazi sui vini francesi aveva portato il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, ad avvertire: “Proteggerò il vino francese con sincera determinazione, se gli Stati Uniti imporranno delle tasse, l’Ue risponderà sullo stesso piano”»

* * * * * * *

Ma tra gli argomenti che spiccano per non essere stati nemmeno trattati figurano il ‘clima’, il gender, lgbt, il problema della recessione economica.

«To avoid a repetition of what happened at the last summit in Canada, in which Trump refused to sign the final communique with the conclusions he had agreed with, Emmanuel Macron decided to dispense with the usual final document containing the conclusions of the summit. ‘These are communiques that no one reads and that result from endless bureaucratic conflicts,’ he said.»

Nota.

Frau Merkel sembrerebbe essere inesistente.

* * *


G7, prove d’intesa su Amazzonia e dazi. Johnson a Ue: Brexit senza backstop o no deal

Il presidente Usa ha minacciato nuove tariffe sui vini francesi in risposta alla digital tax sulle grandi aziende tecnologiche, poi il faccia a faccia con Macron e l’ipotesi di un invito per la Russia al G7 2020. Oggi l’incontro tra Tusk e il premier britannico.

Amazzonia, dazi e Brexit.

Sono tanti i temi caldi sul tavolo del G7 di Biarritz (FOTO), con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump che ha nuovamente minacciato di imporre tariffe sui vini francesi in risposta alla digital tax sulle grandi aziende tecnologiche americane approvata da Parigi. Una tensione, questa, stemperata poi dall’incontro privato che lo stesso Trump e Macron hanno avuto nella serata di sabato. Oggi anche l’incontro tra Donald Tusk e Boris Johnson, che chiede all’Ue di eliminare il backstop sull’Irlanda per evitare un divorzio segnato da un no deal. (L’INCONTRO TRA TRUMP E JOHNSON AL G7 – LE FIRST LADY DEL G7 – I LEADER MONDIALI COME GLI AVENGERS: IL VIDEO PARODIA)

La ricetta economica di Trump.

Ed è stato lo stesso presidente americano a sottolineare un rasserenamento nei rapporti con Macron: “Il pranzo che ho avuto con Emmanuel è stato finora il miglior incontro avuto. Allo stesso modo l’incontro serale con i leader del mondo è andato molto bene. Si stanno facendo progressi!”, ha spiegato su Twitter. “La Francia e il presidente Emmanuel Macron hanno fatto un vero grande lavoro finora con un G7 molto importante”, ha aggiunto Trump, sottolineando poi che “la nostra grande economia è il discorso di tutti”: il tycoon, al G7, vuole promuovere la crescita economica basata sulla sua ricetta di taglio delle tasse e deregulation. Un clima di serenità quindi, che secondo il tycoon smentisce le notizie “false e inaccurate” sulle tensioni con gli altri Paesi del G7 e sui rischi di recessione negli Stati Uniti. “Prima che arrivassi in Francia – scrive Trump – notizie false e disgustose sostenevano che le relazioni con gli altri sei Paesi del G7 fossero molto tese e che i due giorni di incontri sarebbero stati in disastro”. Allo stesso modo, prosegue, le fake news “stanno cercando di convincerci di una recessione, stanno tentando di spingere l’America verso tempi economici difficili, tanto peggio, tanto meglio, tutto pur di rendere la mia rielezione più difficile”.

La tensione sui dazi.

Qualche ora prima, la minaccia di dazi sui vini francesi aveva portato il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, ad avvertire: “Proteggerò il vino francese con sincera determinazione, se gli Stati Uniti imporranno delle tasse, l’Ue risponderà sullo stesso piano”. Poco dopo, lo stesso Macron aveva rincarato la dose affermando che “le tensioni commerciali sono negative per tutti”. Oggi, invece, interpellato su eventuali pressioni degli alleati nei suoi confronti affinché abbandoni la guerra dei dazi con la Cina, Trump ha risposto: “Penso che rispettino la guerra commerciale con la Cina”.

Trump: Russia potrebbe tornare nel 2020.

Trump è poi intervenuto anche sul tema della Russia, dicendo che è “certamente possibile” che Mosca sia invitata al G7 del 2020 che si terrà in America. Ma, si apprende da fonti diplomatiche, i leader del G7 sono concordi sul fatto che è troppo presto per pensare ad un ritorno della Russia (e quindi a un G8): “C’è un percorso di verifica da effettuare, da qui alla fine dell’anno”. Mosca, dal canto suo, ha fatto sapere che esaminerà un eventuale invito a Vladimir Putin per il summit G7 del 2020. “Il presidente Putin – ha affermato il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, citato dalla testata online Sputnik – in una conferenza stampa ha già risposto: se arriva” l’invito “certamente lo prenderemo in considerazione”.

Kudlow: in agenda G7 nulla su crescita, commercio e occupazione.

Intanto, sul Wall Street Journal il consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, aveva accusato la Francia di aver “deciso di abbandonare il comunicato finale basato sul consenso e le proposte concrete” e di volere che “il G7 stia zitto su queste questioni economiche fondamentali”. Kudlow aveva osservato che i leader del summit avrebbero dovuto prendere esempio dall’amministrazione Trump per la crescita e che “ciò che più colpisce dell’agenda di quest’anno è ciò che manca”. “Dov’è l’azione sulla crescita, il commercio, la sicurezza energetica o l’occupazione?”, aveva scritto Kudlow. E sulla questione del comunicato finale, che non ci sarà per la prima volta in 45 anni, aveva attaccato: “Invece del consenso, la Francia guiderà ‘coalizioni’ di ‘chiunque condivida i nostri valori”, coalizioni che “producono banalità politicamente corrette come appelli a bandire tutto, dalle cannucce ai combustibili fossili”.

Al-Sisi a Conte: l’impegno sul caso Regeni continua.

Intanto ieri, al G7, si è svolto il bilaterale tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il presidente egiziano, Abdel Fattah al Sisi, che ha ribadito l’impegno “a continuare gli sforzi per scoprire le circostanze” della morte del ricercatore italiano Giulio Regeni “e portare i responsabili davanti alla giustizia”.

Pubblicato in: Banche Centrali, Cina, Devoluzione socialismo, Stati Uniti

Guerra dei dazi ed oro fisico. Biarritz.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-08-23

2019-08-23__Oro Fisico

Domani si apre il G7 di Biarritz.

G7 Biarritz. Nota del Consiglio Europeo.

Si potrebbe supporre che Canada, Francia, Germania, ed Italia siano concordi con tale programma.

L’IMF stima che il pil ppa 2019 sia 1,902 miliardi Usd per il Canada, 3,061 miliardi per la Francia, 4,558 miliardi Usd per la Germania, 2,479 per l’Italia, 21,410 per gli Stati Uniti. L’Unione Europea varrebbe quindi 12,000 miliardi, ossia poco più della metà degli Stati Uniti. Non presenti, la Cina varrebbe 27,438 mld e l’India 11,437.

* * *

Sarebbe invero difficile che il G7 possa decidere qualcosa sena tener conto degli esclusi, che infatti hanno segnalato che sono ancora in vita: vivi e vegeti.

Trump vows retaliation as China escalates trade war

«President Trump has pledged to retaliate after China announced plans to impose a 10% tariff on $75bn worth of goods imported from the US.

The new taxes were themselves a response to Mr Trump’s plans for a 10% levy on $300bn of Chinese imports.

Wall Street share markets dived after the president tweeted that he would respond to the new tax later on Friday.

He insisted that US firms find an alternative to China and return production to America.

“Our great American companies are hereby ordered to immediately start looking for an alternative to China, including bringing your companies home and making your products in the USA,” he tweeted. “I will be responding to China’s tariffs this afternoon.”

China’s new tariffs will range between 5% and 10% and will apply to more than 5,000 goods coming from the US.

Agricultural goods, crude oil and small aircraft are among the products being targeted.

Beijing will also revive a 25% tariff on US car imports that it lifted earlier in 2019 in a goodwill gesture as the two countries tried to negotiate a trade agreement.

Carmakers responded, warning that the tax would put US jobs at risk. “When these tariffs were initially imposed by China in 2017, American exports of finished vehicles dropped by 50%,” said John Bozzella, who represents car manufacturers. “We can’t let that happen to American workers again.”»

* * *

In molti sono curiosi di sapere cosa decideranno Canada, Francia e Germania, che contano per 12,000 miliardi Usd di pil ppa, contro i 21,410 degli Usa ed i 27,438 della Cina.

Sì: si è davvero molto curiosi.

Pubblicato in: Stati Uniti

G7 Biarritz. Nota del Consiglio Europeo.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-08-23.

G7 Leaders Summit in Canada

Consiglio Europeo. Vertice del G7, Biarritz, Francia, 24-26.8.2019

In evidenza

Il presidente Donald Tusk rappresenterà l’UE al vertice del G7. Assieme ai leader dei paesi del G7, discuterà di sfide globali in settori quali l’economia, la politica estera e la tutela dell’ambiente.

Il vertice si svolge durante la presidenza francese del G7, incentrata attorno al tema della lotta alle disuguaglianze. In questo contesto la presidenza francese del G7 ha modificato il formato del Gruppo per coinvolgere i leader dell’Unione africana, dell’FMI, dell’OSCE, dell’ONU e della Banca mondiale.

Il vertice del G7 costituirà un’opportunità per l’UE di difendere l’ordine fondato su regole e le organizzazioni che ne sono alla base quale migliore approccio per una governance globale.

Politica estera e sicurezza

I leader discuteranno di questioni urgenti in materia di politica estera e di sicurezza, ad esempio:

– Iran

-Ucraina

– Libia

– la situazione in Siria e in Medio Oriente

– la penisola coreana

– Venezuela

I leader del G7 dovrebbero focalizzarsi sulle relazioni con l’Iran a seguito della decisione del paese di ridurre gli impegni nell’attuazione di parti dell’accordo sul nucleare.

Commercio

I leader discuteranno delle prospettive economiche globali e di questioni relative al commercio, come pure della fiscalità internazionale, specie nel settore del digitale.

I leader dovrebbero discutere di come salvaguardare il sistema commerciale disciplinato da regole. Il vertice sarà inoltre un’occasione per ragionare su come allentare le odierne tensioni nel settore del commercio.

Fra i temi all’ordine del giorno anche la riforma dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMS), a seguito dell’impegno assunto al vertice del G20 a Osaka per modernizzare l’OMS.

Africa

I leader del G7 dovrebbero approvare un nuovo quadro tra G7 e Africa. Assieme ai partner africani, cercheranno di sviluppare strumenti concreti per sostenere uno sviluppo economico sostenibile in tutto il continente.

Si prevede inoltre che venga approvato uno specifico piano d’azione del G7 sul Sahel per migliorare la cooperazione in materia di sviluppo e sicurezza.

L’UE comunicherà inoltre il sostegno finanziario che intende fornire al programma “Affirmative Finance Action for Women in Africa” (AFAWA) della Banca africana di sviluppo.

Lotta alle disuguaglianze ed emancipazione femminile

I leader dovrebbero sottolineare l’importanza della partecipazione delle donne al mercato del lavoro e l’importanza dell’istruzione per donne e ragazze, soprattutto nei paesi in via di sviluppo. I partner del G7 si impegneranno inoltre in specifici settori di intervento per compiere passi avanti verso la parità di genere.

Per quanto riguarda gli impegni finanziari, l’UE annuncerà un importante contributo inteso a ricostituire il fondo globale per la lotta contro l’AIDS, la tubercolosi e la malaria.

I leader dovrebbero inoltre offrire sostegno alla creazione di un “Fondo internazionale per i sopravvissuti alla violenza sessuale connessa ai conflitti”, nell’ambito del quale l’UE si impegna a fornire un contributo finanziario concreto.

Cambiamenti climatici e oceani

In merito ai cambiamenti climatici, l’UE ribadirà il proprio impegno a favore della piena ed efficace attuazione dell’accordo di Parigi.

I leader faranno il punto sulla Carta del G7 sulla plastica negli oceani approvata lo scorso anno al vertice in Canada e discuteranno di ulteriori iniziative volte a ridurre l’inquinamento da plastica.

I leader del G7 dovrebbero inoltre approvare una carta sulla biodiversità, adottata dai ministri dell’ambiente del G7 nel maggio scorso. La carta mira a intensificare gli sforzi tesi a frenare la perdita di biodiversità e sostenere un pianeta sano.

Trasformazione digitale

I leader dovrebbero inoltre discutere della trasformazione digitale e di come fare in modo che tale trasformazione sia aperta, libera e sicura. La discussione verterà su come difendere le nostre società e istituzioni democratiche, così come i nostri processi elettorali, dalle minacce esterne. I leader procederanno inoltre a scambi di opinioni su come proseguire la lotta ai contenuti terroristici online.

. . . . . . .

A proposito della presidenza francese del G7

La Francia detiene la presidenza del G7 fino al 31 dicembre 2019 e ospiterà la riunione del G7 a Biarritz.

Durante la sua presidenza del G7, la Francia punterà a contrastare le cause profonde delle disuguaglianze. La presidenza francese del G7, nella lotta alle disuguaglianze, porrà l’accento su cinque priorità:

– lotta alle disparità di opportunità

– lotta alle disuguaglianze connesse al degrado ambientale

– sicurezza e lotta al terrorismo

– lotta alle disuguaglianze attraverso lo sviluppo digitale e l’intelligenza artificiale

– lotta alle disuguaglianze attraverso un partenariato rinnovato con l’Africa

Per maggiori informazioni visita il sito web del vertice del G7.

A proposito del vertice del G7

Il vertice del G7 è un consesso che svolge un ruolo importante nel definire risposte globali a sfide globali, integrando il coordinamento economico globale di cui si occupa il G20.

Riunisce i leader dell’UE e dei seguenti paesi:

– Canada

– Francia

– Germania

– Italia

– Giappone

– Regno Unito

– Stati Uniti

Questo vertice segue il vertice del G7 a Charlevoix, Canada.

I leader si incontrano in formato G7 dal 2014, a seguito della violazione della sovranità e dell’integrità territoriale dell’Ucraina da parte della Federazione russa.

L’UE quale membro del G7

È il 1977 quando i rappresentanti dell’allora Comunità europea partecipano per la prima volta al vertice di Londra. Inizialmente il ruolo dell’UE era limitato ai settori di sua esclusiva competenza, ma è cresciuto col passare del tempo.

L’UE è stata progressivamente inclusa in tutte le discussioni politiche all’ordine del giorno del vertice e, a partire dal vertice di Ottawa del 1981, ha partecipato a tutte le sessioni di lavoro del vertice.

L’UE ha tutte le responsabilità connesse allo status di membro. Il comunicato del vertice è politicamente vincolante per tutti i membri del G7.

La rotazione della presidenza è così stabilita: Giappone – 2016, Italia – 2017, Canada – 2018, Francia – 2019 e USA – 2020.