Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Geopolitica Mondiale, Unione Europea

EurUsd 1.1751. Mr Trump inizia a stritolare Frau Merkel ed i suoi ‘valori’.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-07-30.

Donald Trump photographed at Trump Tower in NYC
Donald Trump photographed at the Trump Tower on 5th Ave. in Manhattan, NYC on Monday, September 21, 2015. (Damon Winter/ The New York Times)

«A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca».

Profonda frase del grande Andreotti.

*

Frau Merkel non è la Germania.

La Germania non è l’Unione Europea.

L’Unione Europea non è la Banca Centrale Europea.

La Banca Centrale Europea sembrerebbe non mettercela mica tutta per tenere basse le quotazioni dell’euro.

2017-07-29__EurUsd__001

Si constata come il tre marzo il rapporto Eur/Usd valesse 1.05 mentre il 28 luglio valeva 1.1751. In cinque mesi questo rapporto ha subito sostanziali variazioni e questo trend sembrerebbe dover durare nel tempo. Sotto la condizione che non varino le situazioni al contorno, se questo andamento si riconfermasse, a fine anno il rapporto Eur/Usd potrebbe toccare il valore di 1.30.

Sarebbe ben difficile non vedere dietro a codesta manovra la sapiente mano della Yellen, che è riuscita a deprezzare il dollaro pur lasciando aumentare i tassi di interesse. Così come sarebbe ben difficile non vedere dietro questa manovra un preciso piano politico americano. Volente o nolente, il quadro dirigenziale europeo alla fine sarà obbligato a razionalizzare che con gli Stati Uniti deve collaborare, non fare la fronda.

L’Eurozona non è forte a sufficienza da poter svolgere una politica monetaria indipendente. Più in generale, le sue ambizioni di indipendenza ed opposizione agli Stati Uniti sono mere utopie.  Mr Juncker e Frau Merkel alla fine saranno obbligati dai fatti a comprendere come sia impossibile risolvere i problemi senza tener conto del contesto generale.

*

«Germany, the eurozone’s largest economy, wants to see a tighter policy, which is a better fit for the robust economy. Clearly however, the ECB under Draghi’s stewardship has no intentions of altering current policy until inflation moves closer to the ECB’s target of 2 percent» [Fonte]

*

«At the same time, the euro, which has significantly strengthened recently on expectations of the fast curtailment of the QE program in the Eurozone, has a negative impact on inflation expectations. This will make it more difficult for the ECB to make decisions regarding monetary policy. The ECB has repeatedly stressed that to begin the reduction of the program to stimulate the economy of the Eurozone, stable signals of inflation growth in the region are needed. The rate of price growth in the Eurozone last month slowed to 1.3% per annum, being significantly below the target level of the ECB, which is just under 2%. And, according to the leaders of the ECB, the economy of the Eurozone still needs “very significant” incentive measures because of low inflation» [Fonte]

*

«According to the OECD’s calculations, fair value for EUR/USD as defined by Purchasing Power Parity (PPP) currently lies at 1.34.  Not all methods suggest that fair value is quite so high.  However, the Bloomberg calculated PPPs based on CPI inflation, PPI inflation and the Big Mac method all suggest that EUR/USD is currently between 0.02% and 18.5% undervalued» [Fonte]

*

The German economy and the dollar-euro exchange rate

«To clarify why Germany has not recorded an upswing in GDP growth recently despite last year’s marked depreciation of the euro against most other world currencies, which – according to economic intuition – should have stimulated the export-oriented German economy.»

*         

Già.

«According to economic intuition», una valuta deprezzata dovrebbe favorire le esportazioni. Al contrario, una valuta forte dovrebbe deprimere le esportazioni.

A quanto potrebbe sembrare, la Bundeskanzlerin Frau Merkel non è poi così forte da poter imporre a tutti gli altri, a tutto il mondo, la condivisione della sua scala valoriale e dei suoi desiderata.


Bloomberg. 2017-07-28. Dollar Drops for Third Week as Data Underscore Fed Dilemma

– Greenback falls as GDP, ECI miss ests., health care shelved

– Swiss franc and yen extend declines on policy comparisons

*

The dollar was headed for a third straight week of losses as data reinforcing the notion that U.S. inflation pressures are subdued kept the greenback close to a 14-month low.

U.S. economic growth and the employment cost index both missed estimates, while inflation expectations remained muted as the University of Michigan consumer sentiment reading improved in July. The dollar fell further after North Korea launched an intercontinental ballistic missile, extending losses seen after the GDP data and after Republican efforts to repeal Obamacare failed.

– The Bloomberg dollar index is lower by ~0.3% for the day amid month-end selling pressure and is on track for a weekly decline of a similar magnitude. The dollar is trading close to levels from early May 2016. Flows are muted after a hectic week that saw the euro gain about 0.7% vs the greenback and more than 3% vs the Swiss franc

– Investors continue to adjust positions amid shifting expectations for monetary-policy trajectories among the major central banks. Data Friday showed robust economic growth in some European economies and stronger inflation pressure in Germany. The reports underscored ECB President Draghi’s assertion that the regional economy is on a firm footing with reduced downside risk that should enable policy makers to begin discussions soon on tapering asset purchases

– In the U.S., the data amplified the Fed’s decision Wednesday to acknowledge the persistence of subdued inflation pressures, even as employment continues to climb. While the Fed has raised rates twice this year, markets assign less than 50% odds of a third hike for 2017. In contrast, both the SNB and the BOJ have signaled that their policies will remain on hold for the foreseeable future, the SNB also emphasizing that its currency remains overvalued. As a result, the Swiss franc tumbled vs its G-10 peers on the week; the yen dropped by a smaller amount vs most while gaining against the CHF and the USD

– In Friday trading, EUR/USD was trading ~1.1748 vs a high of 1.1764. It was still below the more-than-two-year peak at 1.1777 reached Thursday that offers nearby technical resistance

– USD/JPY was trading ~110.79 after dropping to a fresh low for the day at 110.67 following the North Korea missile launch. The pair tested technical support in the zone below 110.80 that cushioned during the week as the dollar fell with Treasury yields. The 233-DMA at 110.78 also cushioned the pair in recent sessions and may have added to support Friday, one trader said

– Adding to the greenback’s woes, USD/CAD saw its biggest drop in two weeks to a low of 1.2420, after oil gained and Canadian GDP beat all estimates. The data reinforced expectations that the Bank of Canada will hike again in October after raising rates 25bps on July 12

– The Swiss franc extended its weekly drop versus the euro and the dollar, with EUR/CHF rising above 1.1400 in late afternoon. Traders speculate that some M&A-related CHF selling may have exacerbated the drop in the Swiss currency in recent sessions

Annunci
Pubblicato in: Banche Centrali

Fed alza i tassi.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-06-15.

Woman walks past the Federal Reserve in Washington

No Comment.

«La Fed alza i tassi di interesse americani per la seconda volta quest’anno e la quarta dal 2015. La banca centrale ha deciso di aumentare il costo del denaro di un quarto di punto, portandoli in una forchetta fra l’1,00% e l’1,25%.

La Federal Reserve ha inoltre annunciato di attendersi un nuovo aumento dei tassi di interesse quest’anno, quando inizierà a ridurre il suo bilancio, esploso con la crisi a 4.500 miliardi di dollari.» [Ansa]

*

«The Federal Reserve wraps up a two-day meeting Wednesday with new economic forecasts, a policy statement and a quarterly press conference from Fed Chairwoman Janet Yellen.

WASHINGTON—The Federal Reserve said it would raise short-term interest rates and spelled out in greater detail its plans to start slowly shrinking its $4.5 trillion portfolio of bonds and other assets this year. ….» [WSJ]

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale

Trump ha vinto perché metà America è in miseria. – I dati della Fed.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-06-15.

Federal Reserve 001

I dati sono stati estratti in gran parte da:

Board of Governors of the Federal Reserve System. Consumer Credit – G 19.

*

Il contesto.

Il recente studio del Pew Charitable Trust ci ricorda che

«le spese quotidiane degli statunitensi sono aumentate del 14% in 10 anni, dal 2004 al 2014, ma il reddito medio delle famiglie è diminuito del 13 % …. Negli Stati Uniti, il 33% dei cittadini non riesce a soddisfare i propri bisogni elementari».

Il Rapporto Household Expenditures and Income ammonisce che questa crisi non è determinata dal consumo vistoso, ma dal calo dei guadagni.

«Nel 2014, le spesa quotidiana annua degli americani si è attestata su 38.600 dollari. Ricordiamo che, oggi, il 51% dei lavoratori americani guadagna meno di 30mila dollari l’anno, mentre il 28% guadagna addirittura meno di 20mila dollari. Dieci anni prima, gli americani che riuscivano a far fronte a tutte le spese potevano mediamente contare su un residuo attivo di 1500 dollari l’anno. Dieci anni dopo, quegli stessi americani si trovano un passivo di 2300 dollari.» [Fonte: CNBC].

*

«La ricchezza della classe media americana è crollata del 20% in dieci anni, tendenza che ha fatto crollare gli USA al 19° posto nella classifica mondiale per ricchezza media. La ricchezza media famigliare era di 137.955 dollari nel 2007, ma oggi si è quasi dimezzata raggiungendo quota 82.725 dollari.» [Fonte]

* * * *

Attenzione!

Il valor medio rappresenta bene le distribuzioni unimodali simmetriche, mentre la curva di distribuzione della ricchezza negli Stati Uniti è invece asimmetrica con una lunga coda destra.

Per questo motivo il pil pro capite, valutato con statistica parametrica, che valeva 55,836.79 Usd nel 2015, è un valore del tutto non rappresentativo del dato che il 51% degli americani guadagni meno di 30,000 Usd l’anno, mentre il 28% guadagna addirittura meno di 20mila dollari.

Conseguenze politiche ed economiche.

Nei suoi otto anni di mandato Mr Obama ha curato con estrema cura i temi che lui definiva etici. Diritti umani, veri o presunti, degli alteramente senzienti e pensanti.

Ma non ha curato di coltivare il primo vero essenziale diritto umano, che è quello di poter avere un lavoro con cui poter guadagnare a sufficienza da mantenere sé stesso e la propria famiglia.

Ha curato con la massima attenzione il benessere dell’élite dominante, quella con redditi superiori ai 100,000 Usd l’anno.

In altri termini, ha concorso potentemente alla distruzione della classe media.

Stesso identico errore è stato fatto da Mrs Hillary Clinton, tutta femminismo e diritti umani, quintessenza di ciò che fu la élite egemone liberal democratica.

Ma negli Stati Uniti vige il sistema elettorale a suffragio universale: anche i poveracci vanno a votare. Anche gli eterosessuali votano, almeno per il momento.

E quando il 51% della popolazione ha un reddito inferiore ai 30,000 Usd l’anno ed il 28% inferiore ai 20,000 Usd l’anno, queste classi reiette e bistrattate si rivoltano. Vogliono solo una cosa:

«America first»

Non aver presenti questi dati e non averli meditati a fondo rende impossibile comprendere cosa siano e cosa vogliano gli Stati Uniti attuali e, più in generale, l’interno mondo occidentale. Mr Trump ha vinto con i voti degli americani che non si curano dei ‘valori’ portati avanti dalla Mrs Clinton e dai liberals. È solo gente che vorrebbe un lavoro sicuro con cui poter vivere dignitosamente.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo

Il problema dei 13,000 miliardi Usd. Non si sa come e cosa farne.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-04-25.

Banconote__001

Il problema è semplice.

«Fed officials discuss when to start reducing asset holdings»

*

«If global economy continues to improve ECB and BOJ may be next»

*

«After heading into the uncharted territory of quantitative easing, the world’s central banks are starting to plan their course through the uncharted waters of quantitative tightening»

*

«How the Federal Reserve, European Central Bank and — eventually — the Bank of Japan handle the transition could make the difference between a global rerun of the 2013 “taper tantrum,” or the near undetectable market response to China’s run-down of U.S. Treasuries in recent years»

*

«Combined, the balance sheets of the three now total about $13 trillion, equating to greater than either China’s or the euro region’s economy»

* * * * * * *

Un vecchio proverbio recitava che un bel gioco dura poco. il Qe è durato fin troppo.

I QE fatti dalle banche centrali occidentali hanno generato un qualcosa come 13,000 miliardi Usd.

adesso che le cose si dice vadano meglio, emerge il problema opposto: come rientrare in maniera non eccessivamente dolorosa.

«A key unknown is how the heavily indebted global economy can cope with the rising interest rates that are likely to result from stimulus withdrawal.»

*

«As central banks squeeze their balance sheets, they will add selling pressure on longer-dated bonds and effectively push up borrowing costs. Getting the balance right won’t be easy»

*

I tempi umani non sono infiniti. Anzi, sono sempre troppo brevi quando va bene, e troppo lunghi quando va male.

Ma i problemi irrisolti non sublimano nel nulla: a star lì marciscono.

Gli stati occidentali hanno sperperato il tempo comprato al prezzo di 13,000 miliardi senza fare alcuna riforma strutturale. Non hanno ridotto il debito sovrano, anzi, lo hanno ingigantito.

Uscirne a buon mercato sembrerebbe essere un’utopia.


Bloomberg. 2017-04-19. Markets Start to Ponder the $13 Trillion Gorilla in the Room

– Fed officials discuss when to start reducing asset holdings

– If global economy continues to improve ECB and BOJ may be next

*

After heading into the uncharted territory of quantitative easing, the world’s central banks are starting to plan their course through the uncharted waters of quantitative tightening.

How the Federal Reserve, European Central Bank and — eventually — the Bank of Japan handle the transition could make the difference between a global rerun of the 2013 “taper tantrum,” or the near undetectable market response to China’s run-down of U.S. Treasuries in recent years. Combined, the balance sheets of the three now total about $13 trillion, equating to greater than either China’s or the euro region’s economy.

2017-04-22__Il problema dei 13,000 miliardi Usd__001

Former Fed Chair Ben S. Bernanke — who triggered the 2013 sell-off in risk assets with his quip on tapering asset purchases — has argued for a pre-set strategy to shrink the balance sheet. Current Vice Chairman Stanley Fischer says he doesn’t see a replay of the 2013 tantrum, but the best laid plans of central bankers would soon go awry if markets can’t digest the great unwinding.

“You know what they say about mountaineering right? The descent is always more dangerous than the ascent,” said Stephen Jen, London-based chief executive of hedge fund Eurizon SLJ Capital Ltd. “Shrinking the balance sheet will be the descent.”

Economists and investors are stepping up analysis of the implications of balance-sheet contraction after minutes of the Federal Open Market Committee meeting last month showed officials favor kicking off the process as soon as this year. 

BOJ, ECB

While the BOJ appears to be some distance from shrinking its balance sheet, Governor Haruhiko Kuroda has said that’s one of the tasks the BOJ will face when it exits its monetary easing policies. That would only be after inflation exceeds 2 percent, which the BOJ forecasts will come sometime in the year starting April 2018.

The ECB’s balance sheet will continue to grow until at least the end of this year and isn’t likely to shrink until well after it finally winds down asset purchases. Any discussion on when to start shrinking appears to be some distance away.

A key unknown is how the heavily indebted global economy can cope with the rising interest rates that are likely to result from stimulus withdrawal. As central banks squeeze their balance sheets, they will add selling pressure on longer-dated bonds and effectively push up borrowing costs. Getting the balance right won’t be easy.

“In practice, the FOMC will probably have to determine the appropriate terminal level” of the balance sheet “through experience and observation of market functioning as it gradually shrinks,” David Mericle, an economist at Goldman Sachs Group Inc., wrote in a recent note.

All three main central banks in the largest developed economies used government bonds as a major avenue for monetary expansion. The Fed also accumulated almost one-quarter of the mortgage bonds sold by government-linked agencies over the last year.

2017-04-22__Il problema dei 13,000 miliardi Usd__002

Underscoring just how diverse the programs have become, the ECB’s securities purchases have included French yogurt-maker bonds, while the BOJ’s holdings through exchange traded funds include shares of Japan’s top soy-sauce brewer.

Fed officials’ current game plan is to start the balance-sheet run-down with a phasing out of reinvestment in maturing securities. The central bank will have $426 billion of its Treasuries mature in 2018 and another $357 billion in 2019. “If the Fed tapers reinvestments, the market will have to find a way to absorb the additional supply,” Societe Generale SA analysts led by Brigitte Richard-Hidden wrote in a recent note.

Bernanke in January laid out the case for a permanently large balance sheet, arguing in part that this is needed to ensure the effectiveness of monetary policy decisions. The argument is that it’s easier for the Fed to raise and lower borrowing costs using the rate it pays commercial banks for their reserves than it would be to return to the pre-crisis days of adding or subtracting marginal amounts of funds in the overnight interbank market.

Wild Card

A wild card is the potential overhaul of the Fed board that’s open to President Donald Trump. With Janet Yellen’s term as chair due in February, and three board-member nominations pending, the Trump administration has the scope to affect the balance-sheet strategy. While Trump has told the Wall Street Journal he is open to renominating Yellen, some Republicans have encouraged an exit from credit markets, raising the risk for volatility.

How markets react could also affect the outlook for the Fed’s benchmark overnight rate target, according to Joseph LaVorgna, chief U.S. economist at Deutsche Bank Securities Inc. He notes that during the 2013 taper tantrum, 10-year Treasury yields climbed over 3 percent from about 1.6 percent before Bernanke signaled a phasing-out of asset purchases.

“The Fed will attempt to avoid a repeat of the taper tantrum by thoroughly preparing the markets before starting to cut its balance sheet,” LaVorgna predicted.

In a speech prepared for delivery at Columbia University in New York on Monday, Fischer said that the muted response of investors so far to the emerging details of the plan suggests that the out-sized financial market moves seen four years ago probably will be avoided.

As for euro area officials, when they turn to balance-sheet contraction they may have less to debate because the ECB’s balance sheet before the crisis was already much bigger relative to the size of the economy than the Fed’s. That stems from its much greater role in providing liquidity to banks on a regular basis.

The impact of an ECB phase-out of asset purchases could have knock-on effects outside of Europe, illustrating again the potential for unintended consequences from unorthodox monetary actions. European investors took money out of the euro area at a record pace to escape the negative yields resulting from ECB policy, and much of that went into Treasuries. That leaves the U.S. government bond market potentially facing a double whammy from both ECB and Fed balance-sheet contraction in coming years.

Tighter ECB Threat Opens Risk to Treasuries’ Foreign-Demand Wane

When it comes to Japan, the country where modern-era QE began in 2001, the BOJ’s balance sheet is currently set to continue swelling given its target for asset purchases of about 80 trillion yen ($737 billion) a year. With policy makers having adopted a specific strategy of targeting government bond yields, the prospects for major volatility are slim in that market.

The bigger risk for investors lies in any phasing out of purchases of stocks and real-estate investment trusts, where the BOJ has come to play a large role.

If the BOJ did come to the point of seeking an exit from its risk-asset investments, there’s a template for disposal from an Asian neighbor. The Hong Kong Monetary Authority took the extraordinary step of buying more than 7 percent of the benchmark Hang Seng Index in August 1998 during the throes of the Asian financial crisis. As soon as the next year, it began to implement a disposal plan once the turmoil had passed.

HKMA officials came up with a tracker fund of Hong Kong shares, composed of the central bank’s holdings, then sold it in batches over a period of years. With the BOJ’s holdings already mainly in the form of exchange-traded funds, it could be even easier. The Japanese government’s pension fund has also been a ready buyer of Japanese shares, offering a potentially market-friendly solution.

Still, care will be needed.

“Central banks need to be very cautious in starting to run down their balance sheets,” said Shane Oliver, head of investment strategy at AMP Capital Investors in Sydney. “They need to reiterate that it’s conditional on continued economic improvement, that it will be gradual and that it could be a substitute at times for rate hikes.”


Bloomberg. 2017-04-20. ECB Officials Inch Toward the Day They Discuss Stimulus Exit

– Praet, Coeure stress commitment to ECB stimulus and guidance

– Officials put forward differing views on balance of risks

*

European Central Bank officials signaled that they’re getting close to the point when they’ll start preparing for the end of an era of unprecedented stimulus.

In the last round of speeches before a week-long quiet period ahead of the next policy meeting, Executive Board members Benoit Coeure and Peter Praet agreed that the euro-area recovery has become broad-based, while diverging on whether the risks to that outlook are still skewed to the downside.

The 25-member Governing Council will debate the precise formulation of its stance on the economy when it decides on interest rates and stimulus settings on April 27. But with a potentially explosive election in France coming this weekend, that may still prove too soon for any change in its currently ultra-cautious tone.

“We would say that risks are still tilted to the downside” in the medium term, Praet said in New York on Wednesday, even as he acknowledged that the shorter-term outlook has improved. That differed slightly from his colleague Coeure, who said a few hours earlier that he doesn’t “personally see risks to the downside any more.”

If that sentiment were to be reflected in the ECB’s official language — stating that the risks are now evenly balanced, rather than pointed to the downside — it could signal that the beginning of the end for ultra-loose monetary policy is at hand. Even so, while anti-euro Marine Le Pen is still challenging for the French presidency, core inflation is still feeble and uncertainties linger over the strength of global trade, officials are likely to be reluctant to rush in.

Too Early

Praet and Coeure’s remarks follow weeks of divergent signals from their colleagues on the ECB’s Governing Council over how they’ll eventually exit their unprecedented stimulus, including an attempt by President Mario Draghi to stem the discussion by saying inflation isn’t strong enough to start signaling any shift. Praet pointed to Draghi’s affirmation of the current guidance while Coeure noted it’s too early to change anything just yet.

“We are very, very serious about the forward guidance we have given to financial markets,” Coeure said, “including the fact that we will be buying financial assets until December or later if necessary, that rates will remain low, that we don’t see a reason today to change that sequence, that rates will be lifted only well past the horizon of our asset purchases.”

Justified Debate

The last scheduled policy speech before the Governing Council’s quiet period came from French central-bank Governor Francois Villeroy de Galhau, who said in New York that the current economic situation in the euro area “does not call for a recalibration” of policy.

“Our current monetary policy stance remains fully appropriate based on current information,” he said. “For the future, on the most appropriate way to reduce the intensity of our accommodation when it becomes warranted, two principles should in my view guide us: these are prudence and effectiveness.”

That’s because the recovery is still fragile and inflation wouldn’t sustainably return to the central bank’s target of just below 2 percent if stimulus was removed, he said, adding that officials will assess the situation with “great pragmatism.”

Earlier in the day, the Estonian Governor Ardo Hansson said in Tallinn that a debate on a future exit from ultra-loose policy is “definitely justified” given that it involves complex technical preparations.

“A lot of news has been relatively positive but it hasn’t yet translated into wage growth or core inflation, but it will happen sooner or later,” Hansson said.

Pubblicato in: Banche Centrali, Finanza e Sistema Bancario, Sistemi Economici, Sistemi Politici

Fed e transizione da Obama a Trump. Una svolta.

Giuseppe Sandro Mela.

2016-12-01.

 Woman walks past the Federal Reserve in Washington

«la FED non ha idea di quello che sta facendo ed è intrappolata in un circolo vizioso.»

*

«In una parola, la FED ha fallito nella sua missione di ripristinare la crescita economica negli Stati Uniti.»

*

«Questo fallimento ha gettato le basi per la prossima crisi monetaria globale.»

*

«Questo fallimento era inevitabile»

*

«i problemi dell’economia sono strutturali, ovvero, tassazione, regolamentazione, demografia e altri fattori al di là del mandato della FED»

*

«Le soluzioni della FED sono monetarie»

*

«Un policymaker non può risolvere i problemi strutturali con strumenti monetari.»

* * * * * * *

Nelle sue linee essenziali il problema è di facilissima esposizione, e le frasi estratte e concatenate, qui sopra riportate, dovrebbero essere chiare.

Il problema cardine dell’Occidente, sia gli Stati Uniti sia l’Unione Europea sono politici e, di conseguenza, organizzativi della cosa pubblica. Ogni legge e normativa infatti necessita di un corpo burocratico che la attui e di un corpo di funzionari che ne sorvegli l’attuazione: in poche parole, ogni legge genera burocrazia e regolamenti che imbrigliano il sistema produttivo.

Se è vero che senza leggi e regolamenti il sistema economico non potrebbe funzionare, è altrettanto vero che la over-regulation strangola la produzione, poiché la priva della libertà di manovra che la dovrebbe contraddistinguere.

Non solo: l’over-regulation determina come prima conseguenza un innalzamento della pressione fiscale. È discorso uggioso ed improduttivo quello che adduce eventuali guadagni ottenuti in altri settori  giustificazione dell’innalzamento delle tasse: oltrepassato il valore di soglia il sistema si arena: non conviene più produrre.

Come risultante, in Occidente, molto più nell’Unione Europea che negli Stati Uniti, la classe media sta scomparendo. E con essa scompare la pare essenziale di quella borghesia fin troppo odiata dalle sinistre.

*

Si faccia grande attenzione.

Il vero problema è lo smantellamento dapprima delle leggi e regolamenti in sovrappiù, quindi il licenziamento dei burocrati che vi erano addetti, per snellire funzionamento ed organico dello stato. Non a caso Mr Fillon vuole ridurre gli organici statali francesi di almeno 500,000 addetti.

Sarebbe impossibile comprendere le reali motivazioni dell’elezione di Mr Trump negli Stati Uniti ed i successi elettorali degli eurocritici nel vecchio continente senza aver compreso che queste sono le motivazioni della rivolta della classe media.


Trend Online. 2016-11-29. Il circolo vizioso in cui è finita la FED

In una parola, la FED ha fallito nella sua missione di ripristinare la crescita economica negli Stati Uniti. Questo fallimento ha gettato le basi per la prossima crisi monetaria globale.

Questo fallimento era inevitabile. La ragione: i problemi dell’economia sono strutturali, ovvero, tassazione, regolamentazione, demografia e altri fattori al di là del mandato della FED. Le soluzioni della FED sono monetarie. Un policymaker non può risolvere i problemi strutturali con strumenti monetari.

Dal momento che le soluzioni strutturali non sono all’orizzonte a causa di uno stallo politico, l’economia degli Stati Uniti rimarrà bloccata in un pantano di bassa crescita a tempo indeterminato. Senza cambiamenti strutturali, questo modello persisterà per decenni come già accaduto in Giappone. Questo scenario di crescita debole sarà scandito con recessioni tecniche occasionali, e mostrerà tendenze deflazionistiche persistenti.

Questo è lo scenario migliore e non il più probabile. Il risultato probabile è un panico finanziario e una crisi di liquidità globale causati dalle politiche monetarie fallimentari della FED. Per capire il perché, bisogna comprendere il circolo vizioso in cui si trovano ora la FED e tutte le principali banche centrali.

Il Federal Open Market Committee (FOMC) ha intrapreso un percorso senza precedenti con i suoi programmi di allentamento quantitativo, “QE.” Il FOMC è composto da membri del consiglio della Federal Reserve e delle banche regionali Federal Reserve. È stato istituito per determinare in modo appropriato la politica monetaria.

Il primo programma, il QE1, è iniziato alla fine del 2008. All’epoca era inteso come una risposta adeguata alla crisi di liquidità derivante dai fallimenti di Lehman Brothers e di AIG. Fornire liquidità nel corso di una crisi di liquidità è esattamente ciò che dovrebbero fare le banche centrali; è il motivo per cui sono state create.

Il QE1 s’è concluso a giugno 2010 e potrebbe aver salvato l’economia da una recessione più grave nel 2009, ma non ha fatto nulla per stimolare la crescita a lungo termine. Non appena s’è concluso il QE1, la crescita degli Stati Uniti è entrata in fase di stallo. Entro la fine del 2010, la FED era pronta a lanciare il QE2.

Il QE2 era diverso. È iniziato a novembre 2010, in un momento in cui non c’era crisi di liquidità. Il QE2 era un esperimento sognato da Ben Bernanke. La FED s’era impegnata ad acquistare $600 miliardi di titoli del Tesoro a medio termine prima del giugno 2011.

L’idea era quella di abbassare i tassi d’interesse a lungo termine in modo che gli investitori sarebbero stati costretti ad acquistare altri asset, quali azioni e immobili. I conseguenti aumenti dei prezzi degli asset avrebbero creato un effetto ricchezza che si sarebbe tradotto in una maggiore spesa e in valori delle garanzie reali più elevati. Questo nuovo circolo di spese e prestiti avrebbe stimolato l’economia verso una crescita tendenziale autonoma.

In realtà, l’effetto ricchezza è sempre stato un miraggio. Il QE non ha creato una crescita sostenuta. Quello che ha fatto è stato creare bolle speculative, che ancora non sono scoppiate.

Il QE2 s’è concluso come previsto nel giugno 2011 e successivamente la crescita è entrata di nuovo in fase di stallo. Già a quel tempo la FED era intrappolata dal mostro che aveva creato. Fino a quando la FED sosteneva l’ambiente economico col QE, l’economia si barcamenava in avanti. Non appena è terminato, l’economia è tornata in fase di stallo. Questi esperimenti sono stati l’inizio della mentalità “risk-on” “risk off” che ha intrappolato la FED ed i mercati.

A settembre 2012, la FED ha lanciato il QE3. A differenza del QE2, il QE3 non aveva limiti di tempo o quantitativi. La FED avrebbe stampato tutti i soldi che voleva per tutto il tempo che voleva, al fine di creare lo stimolo necessario. Problema: la FED era senza via d’uscita. Quando allentava la sua posizione monetaria, l’economia migliorava, ma non sperimentava un boom. Quando restringeva la sua posizione monetaria, l’economia andava in stallo. La linea di politica sarebbe stata invertita, ma la FED era bloccata in un circolo vizioso.

Il termine “circolo vizioso” è un’espressione popolare per quello che i fisici e i teorici della complessità chiamano anche funzioni ricorsive. In una funzione ricorsiva, l’uscita di un’equazione diventa l’input per la prossima iterazione della stessa equazione.

La complessa dell’interazione del comportamento umano (impostazione dei tassi) e il circolo vizioso (con un punto attrattore fisso) è un continuo fare dietrofront. In primo luogo la FED emette comunicati deludenti, poi i mercati affondano, allora la FED procede con un allentamento monetario, poi i mercati recuperano, quindi la FED emette di nuovo comunicati deludenti, e così via. Questo è il circolo della FED.

Ecco come sono andate le cose sin da quando è stato avviato il QE3 a novembre 2012 sotto la direzione di Ben Bernanke e l’attuale leader della FED, Janet Yellen. Lo stato iniziale del sistema ad Aprile 2013 era quello di allentamento, a causa dello stesso QE3:

Maggio 2013 — Bernanke restringe la linea di politica parlando del cosiddetto “tapering”. I dollaro ed i mercati emergenti affondano.

Settembre 2013 — Bernanke allenta la politica monetaria ritardando l’inizio programmato del tapering. I mercati azionari salgono.

Dicembre 2013 — Bernanke restringe la politica monetaria avviando il tapering. Il dollaro si rafforza.

Settembre 2014 — La Yellen allenta la politica monetaria attraverso la forward guidance, dicendo ai mercati che la FED sarà “paziente” riguardo futuri aumenti dei tassi.

Marzo 2015 — La Yellen restringe la politica monetaria ponendo fine alla forward guidance e indicando che la FED intende alzare i tassi d’interesse prima della fine del 2015.

Settembre 2015 — La Yellen allenta la politica monetaria ritardando il “rialzo” dei tassi d’interesse. Questo ritardo è causato dal crollo dei mercati azionari degli Stati Uniti, dovuto allo shock della svalutazione dello yuan cinese ad agosto. Le azioni degli Stati Uniti salgono.

Dicembre 2015 — La Yellen restringe la politica monetaria aumentando i tassi d’interesse per la prima volta dopo nove anni. I mercati statunitensi vanno in crash, con un calo di oltre il 10% a gennaio e all’inizio di febbraio 2016.

Febbraio 2016 — La Yellen allenta la politica monetaria con gli Accordi di Shanghai. L’accordo in sé non viene rivelato, ma diventa visibile in una serie di azioni da parte della BCE (Toronto: BCE-PRA.TOnotizie) , della BOJ e della FED a marzo 2016. I mercati statunitensi salgono alla notizia di un dollaro più debole.

Maggio 2016 — La FED restringe la politica monetaria attraverso un insieme di dichiarazioni da parte dei presidenti delle banche regionali Federal Reserve, tra cui James Bullard, Loretta Mester ed Esther George. La creazione di occupazione negli Stati Uniti entra in stallo, il dollaro sale e l’oro s’indebolisce.

Giugno 2016 — La Yellen allenta la politica monetaria con un discorso a Philadelphia e con commenti in occasione della riunione del FOMC il 15 giugno. Il dollaro scende bruscamente e inizia una forte salita dell’oro, ripercorrendo le sue perdite di maggio e raggiungendo nuovi massimi di tre anni.

Ecco dieci tira e molla in poco più di tre anni.

Questo ci rivela che la FED non ha idea di quello che sta facendo ed è intrappolata in un circolo vizioso.