Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Fitto (FdI) eletto co-presidente del gruppo Ecr al parlamento europeo.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-22.

ECR 001

Il gruppo parlamentare europeo  European Conservatives and Reformists Group alla unanimitù ha eletto come co-presidenti Raffaele Fitto, di Fratelli di Italia, ed il polacco Ryszard Legutko del PiS.

Ecr dispone di 63 / 751 seggi.

Protecting and respecting member states

Common sense & sustainability

«If the EU and its global partners really want to tackle issues such as climate change, recycling, waste, emissions and pollution, food quality and food security, then the EU needs to adopt sensible and sustainable measures which do not place unnecessary and costly burdens on businesses and Member States. Rather than unrealistic targets which will never be fulfilled or properly implemented, the ECR Group supports an ambitious, incremental, and sensible approach that all Member States can support.»

Added value for taxpayers

«A key priority for the ECR Group is cutting much of the suffocating regulation that the EU has adopted and applied to businesses. The ECR Group is constantly identifying where Member States and the EU are implementing EU rules in an unnecessarily bureaucratic and complicated way. By reducing mindless bureaucracy and unnecessary laws, and by ensuring that EU policies are operating efficiently, we can make your taxes work harder than ever!

The ECR Group has led the way on common sense policymaking, and in ensuring that the EU properly implements the competitiveness test, particularly for small and medium sized businesses. The EU needs regulation that provides a level playing field for businesses whilst protects consumers, without uneven implementation across the EU. »

* * * * * * *

La reale potenza politica dell’Italia inizia a dispiegarsi. Saranno die italiani ad essere co-presidente dei gruppi identitari sovranisti.

Una sola nota, ma non di scarsa importanza.

Ecr fa molto spesso ricorso al sintagma ‘common sense‘: il caro, vecchio, sano buon senso.

È un richiamo metodologico che sembrerebbe essere condivisibile in pieno, specie poi in un periodo in cui la maggior parte degli schieramenti politici patrocina programmi implementati attorno ad una idea centrali, assolutizzata ed ideologizzata.

Ci richiama alla memoria il grande Orazio:

«Est modus in rebus: sunt certi denique fines, quos ultra citaque nequit consistere rectum»

“C’è una misura nelle cose: vi sono precisi confini, oltre i quali non può sussistere il giusto.“

*

«reducing mindless bureaucracy and unnecessary laws»

Questo solo obiettivo programmatico val bene lo sforzo di cercare di attuarlo al meglio, con ragionevolezza.


Ansa. 2019-06-20. Fitto (Fdi) eletto co-presidente del gruppo Ecr al Pe

L’eurodeputato italiano Raffaele Fitto (Fratelli d’Italia) è stato eletto co-presidente del gruppo dei Conservatori e riformisti (Ecr) insieme al polacco Ryszard Legutko (Diritto e giustizia-Pis). “Essere stato eletto all’unanimità co-presidente del gruppo dei Ecr non è solo un grande onore, ma anche un motivo di soddisfazione e orgoglio per me e per Fratelli d’Italia”, ha affermato Fitto, sottolineando che “oggi, in Europa, Fratelli d’Italia è la seconda delegazione del gruppo europeo dei conservatori”.

“La mia elezione a co-presidente è la prova di quanto e come siamo cresciuti politicamente e nelle urne. Un grazie ai colleghi di tutte le delegazioni che mi hanno dato fiducia, darò il massimo perché sia ben riposta”, ha detto Fitto. “Il grazie più grande va a Giorgia Meloni – ha aggiunto – per la sua lungimiranza, per aver intuito che nel centrodestra c’era bisogno di una nuova proposta politica che rilanciasse i valori e i principi della destra, ma con un nuovo linguaggio capace di includere anche chi veniva da storie diverse, ma coerenti con un percorso. Oggi la mia elezione è il successo anche di questo progetto politico”.

Annunci
Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Unione Europea. I sovranisti potrebbero vincere pur senza maggioranza….

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-25.

Gufo_019__

Cerchiamo di ragionare, nei limiti del possibile.

Se i liberal socialisti europei si stanno dando questo gran da fare nella campagna elettorale, ricorrendo anche a metodi impropri,

Austria. Il problema si complica di non poco. Voto di fiducia.

E ti pareva!! La Commissione Elettorale UK indaga il Brexit Party. Solo quello.

è solo perché hanno una paura livida di perdere.

Basta solo focalizzare e razionalizzare cosa significhi politicamente il termine ‘perdere‘.

Sotto la condizione che le prospezioni elettorali trovino riscontro nei risultati che usciranno dalle urne, e che nel caso dell’Australia avevano grandemente sopravalutato le sinistre, e sotto la speranza che non si debba assistere a grossolani brogli elettorali, come successe in Austria durante le elezioni politiche, sia il partito Popolare Europeo sia il Partito Socialista Europeo dovrebbero perdere una gran quota di seggi. La perdita dovrebbe aggirarsi tra gli ottanta ed i centoventi seggi.

Difficili proclamare vittoria quando si perdano seggi, ed in quota non certo trascurabile.

Poi, i voti persi da qualche altra parte andranno bene, mica che possano sublimare nel nulla.

Politico riporta a 254 il numero degli europarlamentari definiti come ‘euroscettici.

I parlamentari euroscettici sarebbero quindi il 33.8% del totale, giusto un po’ sopra la soglia del 30%, ossia dei 225 seggi.

*

Questa soglia è importante, ed a seguito ne vedremo i motivi.

«The European Parliament elections this May have been described as a make-or-break moment for the future of the European project – and for good reason»

*

«With plans to form a populist united front, Eurosceptic parties need only capture one-third of parliamentary seats to bring EU governance to a crawl»

*

«Will the European Parliament elections this May result in a political revolution?»

*

«Populist and nationalist parties certainly hope so. They are promising not just to overturn the Brussels establishment, but also to end the free movement of people, lift sanctions against Russia, abandon NATO, eschew future trade deals, reverse policies to combat climate change, and abolish gay marriage.»

*

«populist parties could significantly outperform current polls.»

*

«Moreover, the ECFR study finds that even with a parliamentary minority, a Eurosceptic party grouping could severely curtail the EU’s ability to address voters’ concerns, and could threaten its fundamental governing principles»

*

«For example, with just one-third of parliamentary seats, populists could block sanctions against member states that violate EU rules and the rule of law.»

*

«The EU is currently pursuing such measures against both the Law and Justice (PiS) party’s government in Poland and Orbán’s government in Hungary»

*

«Populist insurgents could also derail EU budget negotiations, and even precipitate an EU “government shutdown”, by blocking the 2021-2027 Multiannual Financial Framework if they garner an absolute majority»

*

«With a blocking minority or control of certain parliamentary committees, Eurosceptics might also be able to stand in the way of international trade deals and appointments to the European Commission»

*

«The risk, then, is not so much that populists will capture a parliamentary majority and overturn everything on day one, but that they will have some representation in the European Commission and secure a large enough minority to bring EU policymaking to a crawl»

*

Ricapitoliamo le preoccupazioni dei liberal socialisti europei.

– con solo un terzo dei seggi parlamentari, i populisti potrebbero bloccare le sanzioni contro gli Stati membri che violassero le regole liberal dell’UE e lo stato di diritto;

– potrebbero anche far deragliare i negoziati sul bilancio dell’UE;

– potrebbero bloccare il quadro finanziario pluriennale 2021-2027;

– con una minoranza di blocco o con il controllo di alcune commissioni parlamentari, gli euroscettici potrebbero anche essere in grado di ostacolare gli accordi commerciali internazionali e le nomine alla Commissione europee.

*

Sufficit.


European Council on Foreign Relations.

How Europe’s populists can win by losing

The European Parliament elections this May have been described as a make-or-break moment for the future of the European project – and for good reason. With plans to form a populist united front, Eurosceptic parties need only capture one-third of parliamentary seats to bring EU governance to a crawl.

Will the European Parliament elections this May result in a political revolution? Populist and nationalist parties certainly hope so. They are promising not just to overturn the Brussels establishment, but also to end the free movement of people, lift sanctions against Russia, abandon NATO, eschew future trade deals, reverse policies to combat climate change, and abolish gay marriage.

Many of these ideas have long been included in Eurosceptic fringe parties’ election programmes. But a major survey of the EU’s 27 national political theatres, led by Susi Dennison and Pawel Zerka of the European Council on Foreign Relations (ECFR), that will be published next week, shows that voters could be more responsive to such proposals this year than in the past.

In the past, European elections have been predominantly national, low-turnout, and low-stakes affairs. But those days are over. The campaign season has already become a transnational, pan-European event. While American populist agitator Steve Bannon is attempting to  a coalition of right-wing nationalist governments, Hungarian Prime Minister Viktor Orbán and Italian Deputy Prime Minister Matteo Salvini have  a populist alliance that marries the anti-austerity left with the anti-migration right. Orbán and Salvini’s goal is to capture EU institutions and reverse European integration from within. They envision nothing less than a re-founding of the West on illiberal values.

Moreover, voter turnout this year will most likely be far higher than the usual 20-40 percent. Just as the Brexiteers managed to mobilise 3m Britons who generally abstain from voting, continental populists could attract Europeans who feel as though mainstream parties have forgotten about them. If these voters turn out while supporters of moderate leaders like German Chancellor Angela Merkel and French President Emmanuel Macron stay home, populist parties could significantly outperform current polls.

Moreover, the ECFR study finds that even with a parliamentary minority, a Eurosceptic party grouping could severely curtail the EU’s ability to address voters’ concerns, and could threaten its fundamental governing principles. For example, with just one-third of parliamentary seats, populists could block sanctions against member states that violate EU rules and the rule of law. The EU is currently pursuing such measures against both the Law and Justice (PiS) party’s government in Poland and Orbán’s government in Hungary.

Populist insurgents could also derail EU budget negotiations, and even precipitate an EU “government shutdown”, by blocking the 2021-2027 Multiannual Financial Framework if they garner an absolute majority. With a blocking minority or control of certain parliamentary committees, Eurosceptics might also be able to stand in the way of international trade deals and appointments to the European Commission.

Populists who win parliamentary seats will also be eager to weaken EU foreign policy, either through the power of the purse or amendments to policy resolutions. Given that many European populist parties have financial ties to the Kremlin, the goal will be to water down sanctions against Russia. Beyond that, populists also seek to frustrate environmental-policy efforts such as the Paris climate agreement.

The risk, then, is not so much that populists will capture a parliamentary majority and overturn everything on day one, but that they will have some representation in the European Commission and secure a large enough minority to bring EU policymaking to a crawl. That, in turn, will prevent the enforcement of EU rules, strengthen nationalist governments, and further undermine European voters’ confidence in EU governing institutions. The illiberal governments in Budapest, Warsaw, and Rome would be free to violate EU rules with impunity.

Moreover, the European Parliament elections coincide with a widespread political realignment within EU member states. Thus, for populists and moderates alike, electoral success in May could translate into success at the national level. Estonia and Slovakia will hold general elections before the European Parliament elections, and Belgium and Denmark will hold elections later in the year. In each case, populist parties could ascend to power as coalition partners.

Making matters worse, pro-European parties appear to be falling into the trap laid by these anti-European parties. Across Europe, liberals, Greens, and many left-wing parties are approaching the election as a fight between cosmopolitans and communitarians – between globalism and patriotism. This political framing is more likely to help the insurgent Eurosceptics than anyone else.

Nothing is lost yet. But to avoid a rout, pro-Europeans must stop behaving in ways that confirm the populists’ stereotypes of them as supporters of the status quo in Brussels. That means offering an up-front, honest critique of the EU’s shortcomings while avoiding the wrong kind of polarisation, particularly on issues where they do not have the support of a clear majority.

At the same time, pro-Europeans need to start deploying “wedge” issues of their own. For example, on the crucial question of migration, it is clear that Orbán’s and Salvini’s interests are not even particularly aligned. While Orbán wants to keep all migrants out, Salvini has called for asylum seekers arriving in Italy to be distributed throughout the EU. Pro-Europeans should be pointing out these contradictions to voters in Hungary and Italy.

Putting aside his other current difficulties, Macron at least is aware of the populist trap. In his speech last November commemorating Armistice Day, he described patriotism as the opposite of nationalism, thus repudiating the narrative that true patriots oppose “globalists”. But he has done little to show how his politics can make “left-behind voters” feel safe from globalisation and European integration.

In theory, at least, Macronism still represents the best pro-European alternative to atavistic nationalism. But to avert a populist revolution this May, Macron and other leaders will have to reach beyond their own close circle of cosmopolitan elites. Otherwise, they will have fallen into the Eurosceptics’ trap.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Unione Europea. Sondaggi fatti con altro metodo. Uno scenario da incubo.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-20.

2019-05-19__Unione_Europea_Previsioni__001

Lo EuropeanElectionsStats.eu ha pubblicato il 14 maggio degli opinions polls calcolati con differente metodologia rispetto a quelli usuali.

Questi dati sono stati rimossi in breve tempo e sostituiti. I risultati in oggetto sono però ancora visibili in questo sito alla voce ‘Opinion polls by number of seats’, Seat projections

Li abbiamo comunque riportati in fotocopia

*

Tutto il problema consiste negli schieramenti che i diversi europarlamentari eletti assumeranno all’interno del nuovo europarlamento. Essi infatti non sono vincolati ad inserirsi nei gruppi dichiarati prima delle elezioni. Ed in vista della nomina del Presidente e dei Membri delle Commissioni sono in corso le grandi manovre.

E che ci siano grandi manovre in corso nessuno potrebbe negarlo.

*

Il Partito Popolare Europeo scenderebbe dagli attuali 211 seggi a 100 europarlamentari.

Il Partito Socialista Europeo scenderebbe dagli attuali 191 seggi a 70 europarlamentari.

*

Dopo quanto si è visto succedere in Australia e da quello che si vede nelle proiezioni per il Brexit Party nel Regno Unito, sinceramente non ci si stupirebbe più di nulla.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Elezioni Europee. The Day After. La Notte dei Lunghi Coltelli.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-09.

2019-05-03__Day After__001

Nella Sezione Attualità del sito del Parlamento Europeo è comparso questo utile articolo:

Elezioni europee 2019: cosa succederà dopo? Cronologia

2019-05-03__Day After__002

Fra il 23 e il 26 maggio 2019 gli europei voteranno i nuovi 751 deputati che rappresenteranno i loro interessi per i prossimi cinque anni. Saranno proprio questi eurodeputati a eleggere la prossima Commissione europea, incluso chi la presiederà.

I partiti politici hanno scelto i propri candidati alla presidenza della Commissione europea.

Dopo le elezioni i leader europei (riuniti nel Consiglio europeo), tenendo conto del risultato delle elezioni, proporranno un possibile Presidente della Commissione europea. Il Parlamento ha dichiarato che non accetterà un candidato che non abbia partecipato al procedimento dei candidati presidente. Il Parlamento voterà la nomina del nuovo presidente a luglio.

Sono gli stati membri a dover proporre i commissari, in collaborazione con il nuovo presidente della Commissione.

I Commissari designati verranno poi esaminati dalle commissioni parlamentari responsabili delle tematiche pertinenti. L’intera Commissione europea verrò poi messa al voto della plenaria del Parlamento europeo.

La nuova Commissione europea comincerà il proprio incarico il 1° novembre 2019.

*

Segnaliamo solo alcuni elementi, per favorirne la comprensione.

– La frase «I partiti politici hanno scelto i propri candidati alla presidenza della Commissione europea» non tiene conto che verosimilmente il nuovo europarlamento avrà composizione molto differente dall’attuale e saranno presenti anche gruppi parlamentari nuovi. Di conseguenza, la scelta degli Spitzenkandidat dovrebbe essere procrastinata a elezioni effettuate.

Spitzenkandidat. Bene per eleggere Juncker, male per eleggere un identitario.

The EU’s ‘democratic’ system that elected a president nobody wants

– «Dopo le elezioni i leader europei (riuniti nel Consiglio europeo), tenendo conto del risultato delle elezioni, proporranno un possibile Presidente della Commissione europea»

La scelta del nome di chi diverrà Presidente della Commissione Europea è appannaggio del Consiglio Europeo, ossia della riunione dei capi di stato o di governo. Gli schieramenti interni sono molto cambiati nel corso degli ultimi cinque anni e muteranno anche in questo 2019 a seguito delle numerose elezioni politiche in sette stati dell’Unione. Poi, anche il più piccolo degli stati può utilizzare il diritto di veto. Questa situazione genera la necessità di scegliere una personalità moderata.

– «Il Parlamento ha dichiarato che non accetterà un candidato che non abbia partecipato al procedimento dei candidati presidente». Si ricorda come codesta dichiarazione di intenti vale per il pregresso parlamento europeo, ma non vincola certamente quello che uscirà dalle urne il 26 maggio.

* * * * * * *

Come si vede, la serie degli adempimenti formali è lunga e l’iter sarà anche contrastato e penoso.

Uno dei principali nodi è la perdita della maggioranza della coalizione tra Ppe ed S&D che ha retto l’Unione Europea per decenni. Si formerà verosimilmente una coalizione allargata, ma sarà molto difficile ignorare la presenza degli identitari sovranisti nell’europarlamento e, soprattutto, nella Commissione Europea.

Per non parlare poi del fatto che si dovrà anche tener conto del sommesso parere dei grani mondiali.

In ogni caso, un partito popolare europeo che secondo i sondaggi dovrebbe perdere almeno quaranta seggi ed un partito socialista europeo che dovrebbe perdere circa cinquanta seggi non dovrebbero essere nella condizione di dettar legge.

Nota.

«MAGGIORANZA QUALIFICATA

La maggioranza qualificata (MQ) corrisponde al numero di voti da raggiungere, in sede di Consiglio, per adottare una decisione deliberando in conformità dell’articolo 16 del trattato sull’Unione europea e dell’articolo 238 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea. Nel quadro della procedura legislativa ordinaria, il Consiglio delibera a MQ, in codecisione con il Parlamento europeo.

Il 1° novembre 2014 è stata introdotta una nuova procedura per il sistema di votazione a MQ, la regola della «doppia maggioranza». In questo caso, quando il Consiglio vota una proposta della Commissione o dell’alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, la MQ viene raggiunta qualora siano soddisfatte due condizioni:

– il 55 % dei paesi dell’Unione europea (UE), ovvero 16 su 28, vota a favore,

– la proposta è sostenuta da paesi che rappresentano almeno il 65 % della popolazione totale dell’UE.

Quando il Consiglio vota su una proposta non presentata dalla Commissione o dall’alto rappresentante, la decisione è adottata se:

– il 72 % dei paesi dell’UE vota a favore,

– se questi rappresentano almeno il 65 % della popolazione totale dell’UE.»

*

Come sono nominati il Presidente della Commissione e i commissari?

Il Presidente della Commissione

Il Parlamento europeo elegge il Presidente della Commissione.

Dopo le elezioni, uno dei primi compiti del nuovo Parlamento è quello di eleggere il Presidente della Commissione europea, l’organo esecutivo dell’UE. Gli Stati membri designano un candidato, tenendo però conto dei risultati delle elezioni europee. Il Parlamento deve poi eleggere il nuovo Presidente della Commissione a maggioranza assoluta (la metà dei deputati più uno). Se il candidato non ottiene la maggioranza necessaria, gli Stati membri hanno un mese di tempo per proporne un altro (il Consiglio europeo delibera a maggioranza qualificata). In occasione delle elezioni del 2014 il Parlamento ha introdotto il sistema dei candidati capilista: ciascun partito politico europeo presenta un candidato alla carica di Presidente della Commissione e il partito che ottiene il maggior numero di voti può proporre il candidato del Parlamento per tale carica.

*

I commissari

Anche i candidati alla carica di commissari della Commissione europea devono superare un severo vaglio parlamentare.

Il Consiglio, in accordo con il neo-eletto Presidente della Commissione, adotta un elenco di candidati commissari, uno per ogni Stato membro. Essi devono presentarsi dinanzi alle varie commissioni parlamentari, in base alle competenze previste per ciascuno, dopodiché ogni commissione si riunisce per elaborare una valutazione delle competenze e delle prestazioni del candidato, da trasmettere al Presidente del Parlamento. È già accaduto che una valutazione negativa abbia indotto i candidati a ritirarsi dalla procedura. L’intera Commissione, inclusi il Presidente e l’Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, deve poi essere approvata dal Parlamento con una sola votazione.

Una volta che il Presidente della Commissione e i commissari hanno ottenuto l’approvazione del Parlamento, è il Consiglio a nominarli ufficialmente, deliberando a maggioranza qualificata.

Qualora, durante il mandato della Commissione, si verifichi un cambiamento sostanziale del portafoglio di competenze di un commissario, oppure occorra nominare un nuovo commissario in caso di vacanza o in seguito all’adesione di un nuovo Stato membro, i commissari interessati compaiono ancora una volta in audizione dinanzi alle commissioni competenti.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Pew Research. Unione Europea sì, questa eurodirigenza no.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-06.

Il Pew Reasearch Center ha rilasciato un ponderoso Report sulla Unione Europea e su come i Cittadini ne percepiscano taluni aspetti. È una miniera di dati.

Europeans Credit EU With Promoting Peace and Prosperity, but Say Brussels Is Out of Touch With Its Citizens [pdf]

Traccia un quadro molto ben documentato della situazione attuale e potrebbe essere di grande utilità per meglio comprendere le problematiche in gioco con le elezioni del prossimo maggio.

Se ne raccomanda la lettura. A seguito riporteremo una piccola parte dei risultati dei sondaggi.

Cerchiamo di dare uno stringato sommario per punti.

– Il 51% reputa i burocrati di Bruxelles invadenti.

– Il 54% reputa l’Unione Europea e Bruxelles inefficiente.

– Il 62% reputa che l’Unione Europea e Bruxelles non riescano a capire le esigenze della popolazione.

– In termini mediani il 62% della popolazione apprezza l’Unione Europea, ma il 45% giudica negativamente l’operato del’europarlamento.

– Il 31% ritiene che la situazione economica possa migliorare, mentre il 50% ritiene che debba peggiorare. In Grecia, Italia, Spagna, Francia e UK la maggioranza ritiene che peggiorerà.

– In termini mediani, il 58% ritiene che i giovani siano senza futuro. In Spagna, UK, Italia, Grecia e Francia tale percentuale sale sopra il 70%.

– In termini mediani, il 40% approva i risultati economici dell’Unione europea: tale percentuale è il 26% nel Regno Unito, 20% in Italia, e 14% in Grecia.

– Il 38% approva come l’Unione abbia trattato la Brexit.

– Il 23% approva come l’Unione Europea abbia trattato il problema della immigrazione.

– Il 48% approva l’operato della Commissione Europea.

– Il 10% vorrebbe un incremento dell’immigrazione, percentuale che scende al 2% in Grecia, 2% in Ungheria, 5% in Italia.

2019-04-23__Pew_001

2019-04-23__Pew_002

2019-04-23__Pew_003

2019-04-23__Pew_004

2019-04-23__Pew_006

2019-04-23__Pew_005

2019-04-23__Pew_007

2019-04-23__Pew_008

2019-04-23__Pew_009

2019-04-23__Pew_010

2019-04-23__Pew_011

 

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Elezioni Europee. Sondaggi aggiornati. Un terremoto.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-06.

2019-05-03__Europea_Sondaggi__001

Secondo l’analisi della propensione al voto nelle elezioni europee condotta dall EuropeanElectionsStats.eu (with United Kingdom), queste elezioni sembrerebbero preannunciare un vero e proprio terremoto politico.

Il Partito Popolare Europeo scenderebbe dai pregressi 221 seggi a 173, pur tenendo conto degli eurodeputati di Fodesz: perderebbero 48 seggi..

Il Partito S&D crollerebbe dai pregressi 191 seggi a 139, pur essendo rimpolpato dai laburisti inglesi: perderebbero 52 seggi.

Si prospetta una clamorosa débâcle.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Unione Europea. Lo yachting club dei liberal socialisti.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-05.

EP-051364A_Tajani_Brexit
Opening the debate on BREXIT

Non si vorrebbe commentare la notizia.

«The European Parliament yachting club»

*

«The City of Strasbourg has launched a new pilot project in Strasbourg to “further expand and diversify environmentally friendly commuting options to the European Parliament buildings in Strasbourg”.»

*

«During the pilot phase, the City of Strasbourg will cover the full operating costs of the service and following the end of the pilot phase the City will assess whether the service will continue»

*

«During the pilot phase, the City of Strasbourg will cover the full operating costs of the service and following the end of the pilot phase the City will assess whether the service will continue»

*

«In case you work in the venerable institution and find yourself in the city wanting to catch a ride in one of these boats, they will leave in the evening from the landing at the European Parliament at 20.15 on Mondays, Tuesdays and Wednesdays.»

* * * * * * * *

È ben dura la vita di questi europarlamentari uscenti. Almeno un centinaio di Mep afferenti il Partito Popolare e S&D non torneranno mai più nel parlamento europeo: così si tolgono qualche sfizio.


New Europe. 2019-0504. New in Strasbourg: The European Parliament yachting club

Well not quite.

But the City of Strasbourg has launched a new pilot project in Strasbourg to “further expand and diversify environmentally friendly commuting options to the European Parliament buildings in Strasbourg”.

During the pilot phase, the City of Strasbourg will cover the full operating costs of the service and following the end of the pilot phase the City will assess whether the service will continue.

So for the next three months, a shuttle boat service will be offered between the European Parliament and the city centre.

In case you work in the venerable institution and find yourself in the city wanting to catch a ride in one of these boats, they will leave in the evening from the landing at the European Parliament at 20.15 on Mondays, Tuesdays and Wednesdays. On Tuesday, Wednesday and Thursday morning, the shuttle boat will leave for the European Parliament at 08.30 from the Embarcadère du Palais Rohan.

With campaigning picking up speed every couple of years for a single seat for the European Parliament (and not in Strasbourg), adding every extra bit of comfort that these services can offer is certainly a… novel approach to influence.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Ideologia liberal, Unione Europea

Elezioni Europee. I liberal hanno pubblicato il loro testamento politico.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-04.

EP-051364A_Tajani_Brexit

Un napoletano verace, stirpe nobile e colta ma disgraziatamente in via di estinzione, avrebbe risposto

«Ccà Nisciuno è Fesso»

oppure, secondo una variante lessicologica

«Accà nisciuno è fesso»

* * *

Ci si permette di ricordare come l’articolo allegato sia scritto in termini politicamente corretti.

In accordo, il termine “the rule of law“, stato di diritto, è un corpo giurisprudenziale e legislativo che attua il credo liberal socialista, mentre il termine “illiberal” altro non significa che non concordante con la predetta ideologia.

Segue il testamento politico dei liberal socialisti.

*

«Attacks on the rule of law by national governments have been spreading like a virus across Europe and the EU appears to be powerless to contain it»

*

«Hungary, Poland and Romania have each taken steps to undermine freedom of the media and independence of the judiciary»

*

«To have these countries turn away from the EU’s foundational values of rule of law, democracy and respect for fundamental rights is an existential crisis for Europe»

*

«Article 7 empowers the EU to determine that there is a clear risk of a serious breach of the rule of law in a member state, and ultimately impose sanctions on the member state at issue, for example the suspension of voting rights in the Council»

*

«But this requires unanimity amongst member states, and with the virus now in three countries, that looks impossible to achieve»

*

«Unless the three arms of the EU start to work together, the virus risks spreading further»

*

«In May of last year, it proposed a law that would make the grant of EU funding to member states conditional on the state of the rule of law at the national level»

*

«The idea is that respect for the rule of law ensures that EU spending in the member states, and ultimately, the EU budget itself, is sufficiently protected from misuse or corruption»

*

«The response of the Council’s Legal Service (CLS) was no, no and no»

*

«First, it felt that the proposed regulation was incompatible with Article 7»

*

«Second, it felt that the stated legal basis for the …. was improper because the proposal failed to firmly establish a link between rule of law deficiencies and sound financial management»

*

«Finally, the CLS objected on two very technical issues in relation to the process for adopting measures under the proposed mechanism»

*

«This roadblock seems to be more evidence that the council is not serious about meaningfully confronting rule of law backsliding»

* * * * * * *

Questo articolo ben si attaglia a descrivere quale fosse il pensiero della Commissione e del parlamento uscenti.

All’atto di stendere i Trattati, l’élite dominante dava per scontato il fatto che essa sarebbe rimasta al potere sia nei singoli stati sia nell’Unione Europea nei secoli dei secoli. Non seppe resistere al vezzo di introdurre il concetto di votazioni alla unanimità e quelle del diritto di veto.

Poi, è stato sufficiente che tre piccole nazioni, Ungheria, Polonia a Romania si ribellassero al sistema, per bloccare tutte le loro manovre. Se i liberal socialisti fossero religiosi, cosa che non è, populisti e quelle tre nazioni sarebbero il demonio. Ma abche l’attuale Italia non scherza affatto.

Se Mr Macron aveva definito gli identitari sovranisti dei “lebbrosi“, i liberal socialisti affermano che i populisti siano un “virus across Europe“. Sembrerebbe essere un modo invero ben poco lusinghiero per etichettare quanti non la avessero pensato come loro avrebbero gradito.

Non solo: «Hungary, Poland and Romania …. undermine freedom». Quindi, si è arrivati al paradosso che, se queste tre nazioni agiscano liberamente, nel far ciò avrebbero sottominato la libertà. Una gran bella contraddizione. Per i liberal infatti la gente sarebbe libera di attuare la loro volontà ed il loro credo politico. In poche parole, è una visione tirannica, di stretta derivazione giacobina e comunista.

Il 26 maggio i due massimi gruppi parlamentari europei di matrice liberal socialista, il Ppe e S&D, dovrebbero perdere ciascuno una cinquantina di deputati, e le elezioni politiche nei sette stati chiamati questo anno alle urne varieranno ulteriormente la composizione politica del Consiglio Europeo.

Se sicuramente gli identitari sovranisti non otterranno la maggioranza di governo, i partiti tradizionali riceveranno un colpo severo: è il loro crollo il vero messaggio politico.


EU Observer. 2019-05-02. Rule of law: it’s time the EU Council said ‘yes’

Attacks on the rule of law by national governments have been spreading like a virus across Europe and the EU appears to be powerless to contain it.

Hungary, Poland and Romania have each taken steps to undermine freedom of the media and independence of the judiciary.

To have these countries turn away from the EU’s foundational values of rule of law, democracy and respect for fundamental rights is an existential crisis for Europe.

In theory, the EU treaties supply a response mechanism: Article 7 of the Treaty on European Union.

Article 7 empowers the EU to determine that there is a clear risk of a serious breach of the rule of law in a member state, and ultimately impose sanctions on the member state at issue, for example the suspension of voting rights in the Council.

But this requires unanimity amongst member states, and with the virus now in three countries, that looks impossible to achieve.

Article 7 has now been triggered with Poland and Hungary, but little to no progress has been made in either case.

The Commission – and the EU Parliament – have been trying to find alternative ways forward, but their attempts are being continually thwarted by the council.

Start working together

Unless the three arms of the EU start to work together, the virus risks spreading further.

Last month, the European commission published a communication on Further Strengthening the Rule of Law within the Union.

The communication requests input on what the EU can do to build a common rule of law culture in the EU, strengthen the rule of law at the national level and offer better enforcement when rule of law problems in member states aren’t being sufficiently addressed at the national level.

This isn’t the first time the commission has attempted to address this dire situation.

In May of last year, it proposed a law that would make the grant of EU funding to member states conditional on the state of the rule of law at the national level.

The idea is that respect for the rule of law ensures that EU spending in the member states, and ultimately, the EU budget itself, is sufficiently protected from misuse or corruption.

The response of the Council’s Legal Service (CLS) was no, no and no.

First, it felt that the proposed regulation was incompatible with Article 7, which serves, according to the CLS, as the sole method for addressing rule of law problems in the member states.

Second, it felt that the stated legal basis for the proposal – Article 322 of the Treaty of Lisbon which permits the EU to adopt laws concerning financial rules – was improper because the proposal failed to firmly establish a link between rule of law deficiencies and sound financial management.

Finally, the CLS objected on two very technical issues in relation to the process for adopting measures under the proposed mechanism.

Make no mistake – the proposal has its problems, and the CLS correctly identified some of them.

For example, the proposal doesn’t adequately define what is meant by ‘generalised rule of law deficiencies’.

Beyond that, it doesn’t give enough thought to how the suspension or termination of funds might more directly harm some people and organisations that were the ultimate target of the funds and what measures might have to be put in place to ensure that deserving parties still receive financial support.

But that doesn’t mean the whole idea should be rejected.

In fact, financial penalties are likely to be the only way to ensure wayward governments change their behaviour.

Council is roadblock

This roadblock seems to be more evidence that the council is not serious about meaningfully confronting rule of law backsliding.

As well as deeming a ‘soft’ Rule of Law Framework developed by the commission in 2014 as unlawful, its main move has been to establish an essentially secret annual rule of law dialogue for which no input is solicited from stakeholders and from which no papers or conclusions are published.

This is not the behaviour of an organisation committed to promoting the rule of law.

Contrast this to the European parliament, which has passed resolutions condemning actions in Hungary and Poland, and which offered meaningful amendments to the commission’s proposal in January of this year that partially address the CLS’s concerns.

Nevertheless, the proposal on financial penalties seems to be on hold.

Whether the commission will continue to work on it is likely to depend on the outcome of the rule of law consultation launched with the communication.

The commission has asked for responses from all interested stakeholders, including the EU institutions themselves.

Presumably the council will have something to say – hopefully this time it will be ‘yes’.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Unione Europea ignora il veto ungherese su Israele. Un vero golpe.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-04.

Macbeth__011

L’Unione Europea ha meccanismi di governo farraginosamente complessi.

In linea generale, mentre il parlamento europeo è eletto su criteri proporzionali, il Consiglio Europeo è formato dai capi di stato e di governo. In questa sede anche gli stati poco popolosi hanno voce in capitolo, ed i Trattati consentono loro il diritto di veto. In linea di principio, si è ricalcato l’ordinamento statunitense, ove il Congresso è eletto su base grosso modo proporzionale, mentre il Senato è formato da due senatori per ogni stato: la poco popolosa Alaska conta ben poco in Congresso, ma al Senato ha lo stesso due senatori proprio come la popolosa California.

Il diritto di veto è la estrema ratio cui ricorrono gli stati che vedono come una delibera possa nuocere alla propria nazione.

Poland to veto EU sanctions on Hungary

Hungary to veto EU development strategy promoting migration

Hungary set to veto 2021-27 EU budget

Poland and Hungary veto inclusion of LGBTI rights in EU statement

Hungary PM flags veto of any EU sanctions against Poland

France ready to veto any meaningless Brexit delay: Elysee official

France slams EU veto of Alstom-Siemens rail merger

*

L’attuale eurodirigenza si picca di essere il pilastro dello stato di diritto, the rule of law.

Poi, nella pratica, l’attuale eurodirigenza si comporta nei fatti ignorando il veto espresso da uno stato membro.

Ci si pensi sopra molto bene.

Questo è un vero e proprio colpo di stato volto ad imporre la tirannia: questa eurodirigenza prosegue imperterrita a fare ciò che le aggrada in totale spregio dei Trattati, delle leggi e dei regolamenti.

«The EU just de facto ignored Hungary’s veto on a statement on Israel»

*

«The Israel clashes come amid Hungary’s wider drift from EU norms – Hungarian leader Viktor Orban has boycotted EU decisions on migrants and faces an EU sanctions procedure for abuse of rule of law»

*

«The clashes also come amid a debate on deeper EU integration versus the power of national capitals»

*

«And they come amid infighting between old as well as newer EU members, with Italy recently vetoing an EU statement on Venezuela and threatening to block Russia sanctions.»

*

«EU foreign policy is meant to be agreed by consensus, but the European Commission has proposed to introduce majority voting to help it “speak with one voice”»

*

«The idea was anathema to Hungary and Poland, which has also boycotted EU migrant decisions»

*

Per fortuna l’Unione Europea non è dotata di forze armate: in tal caso i paesi “fratelli” avrebbero già invaso Polonia, Ungheria ed Italia. Questa eurodirigenza vorrebbe schiacciare chiunque non la pensasse secondo i propri desideri: ci fa rimpiangere quel sant’uomo di Gerone.

Dei politici accorti non portano mai le situazioni alla esasperazione che impone l’uso del veto: si tratta per raggiungere un comune accordo. E, sia ben chiaro, accordo non significa diktat.

*


EU Observer. 2019-05-01. EU ignores Hungary veto on Israel, posing wider questions

The EU just de facto ignored Hungary’s veto on a statement on Israel, prompting questions on how it makes foreign policy decisions.

Hungary objected to the EU statement at the UN Security Council (UNSC) in New York at the last minute on Monday (29 April).

But Finland read it out anyway at the UNSC meeting, in a game of protocol niceties laced with irritation.

The Finnish ambassador to the UN, Kai Sauer, said: “I have the honour to speak on behalf of …” the 27 EU countries which he listed, omitting Hungary.

But his subsequent statement used language that effectively did away with Hungary’s opinion.

“The EU expresses serious concerns about the current trends … threatening the viability of the two-state solution,” it said.

It spoke of “the European Union’s position” on Israeli settlements and said “the European Union” was “alarmed” by Palestinian deaths.

It also spoke in the EU’s name on Israel’s use of live ammunition and to urge good treatment of a human rights activist called Omar Shakir.

Finland read out the statement on grounds that it will take over the rotating EU presidency from Romania in July.

Romania would normally have done it, a Finnish diplomat told EUobserver, but did not do so because the sitting EU presidency ought to speak on behalf of all 28 member states.

‘Hungarian intransigence’

The protocol games aside, the EU statement came out amid “irritation” with Hungary, diplomatic sources said.

Hungary raised its objection at the “very, very last minute” and did not give a reason why, an EU diplomat noted.

The final outcome was “a temporary pragmatic approach” due to “Hungarian intransigence”, a second EU diplomat said.

Hungary raised its objection at the “very, very last minute” and did not give a reason why, an EU diplomat noted.

The final outcome was “a temporary pragmatic approach” due to “Hungarian intransigence”, a second EU diplomat said.

Hungary’s ambassador also gave no reason for the veto at a follow-up meeting in the EU Council in Brussels on Tuesday, in what a third EU source described as “arrogant”.

And Hungary’s EU mission declined to comment when asked by EUobserver.

The UNSC veto marked the fifth time that Hungary torpedoed a public EU statement on Israel in the past two years.

It sometimes acted with pro-Israeli EU allies, such as the Czech Republic, and sometimes alone.

It also blocked, on nine occasions last year, internal EU adoption of a confidential report on East Jerusalem, forcing member states to bowdlerise the text.

Wider questions

The Israel clashes come amid Hungary’s wider drift from EU norms – Hungarian leader Viktor Orban has boycotted EU decisions on migrants and faces an EU sanctions procedure for abuse of rule of law.

The clashes also come amid a debate on deeper EU integration versus the power of national capitals.

And they come amid infighting between old as well as newer EU members, with Italy recently vetoing an EU statement on Venezuela and threatening to block Russia sanctions.

EU foreign policy is meant to be agreed by consensus, but the European Commission has proposed to introduce majority voting to help it “speak with one voice”.

The change could be made, the commission said last year, by invoking an obscure “passerelle” clause in the EU treaty – Article 31 (3), which lets the EU “further extend qualified majority voting in common foreign and security policy matters, if member states unanimously agree to do so”.

The idea was anathema to Hungary and Poland, which has also boycotted EU migrant decisions and is also under a sanctions procedure.

Diplomacy by vote

But the two most powerful EU states – France and Germany – backed the move.

Some medium-sized countries, such as Belgium and The Netherlands, also voiced a positive attitude.

The handling of the UNSC statement on Israel indicated that the EU majority is now moving in that direction.

The Finnish diplomat told EUobserver that Helsinki, for one, was open to “having a look at qualified majority voting [QMV] on foreign and security policy”.

“It [the UNSC fiasco] certainly brings to the fore the need to have a substantial discussion on QMV in the field of foreign policy,” another EU diplomat said.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Unione Europea. Ultimi sondaggi dopo le elezioni spagnole.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-03.

2019-05-02__BiDiMedia__001

A tre settimane dal voto il quadro politico europeo appare ancora ben poco chiaro, se non nei suoi tratti essenziali.

Gli elementi di incertezza principali vertono se il Regno Unito voterà o meno per le elezioni europee: sembrerebbe di sì, ma non sono al momento disponibili prese di posizione ufficiali. Non solo, nel caso, l’Elettorato inglese ha dimostrato negli ultimi tempi una grande volatilità davvero fuori dal comune

Poi, le elezioni spagnole hanno evidenziato un tracollo dei popolari spagnoli, fatto che si ripercuote in una ulteriore della consistenza numerica del partito popolare europeo.

2019-05-02__BiDiMedia__002

In termini numerici, da prendersi con enorme buon senso e solo come indicazione di massima, il fronte europeista godrebbe di 481 (64%) seggi contro i 181 (24%) degli identitari sovranisti. 89 seggi non sono al momento attribuibili con ragionevole sicurezza. Ma se si variassero i criteri attributivi, il fronte degli euroscettici potrebbe salire fino a 254 seggi: una minoranza di tutto rispetto.

Si ricorda come la soglia di maggioranza sia 376 seggi.

Queste sarebbero le consistenze dei possibili schieramenti:

– Maggioranza Attuale (PPE + ALDE + S&D): 415 seggi.

– Coalizione Centrosinistra (S&D, ALDE, Greens/EFA, GUE/NGL, Nuovi di Csx e Lib): 374 seggi.

– Coalizione Centrodestra + Sovranisti uniti (PPE + Fronte Sovranista + Cons UK): 364 seggi.

– Coalizione Centro-Centrodestra-Destra (ALDE, PPE, ECR): 329 seggi.

*

Come si constata, l’unica coalizione in grado di ottenere una maggioranza sarebbe quella formata da PPE + ALDE + S&D.

Tuttavia una cosa è una maggioranza numericamente possibile ed una totalmente differente è una maggioranza coesa e determinata, chiaramente agglutinata attorno a programmi politici ed economici omogenei.

Non solo. Se come sembrerebbe il fronte degli identitari sovranisti raggiungesse il 24%, sarebbe una minoranza della quale non si potrebbe trascurare il peso, specie nella fase di voto dei Commissari europei.

A questo si aggiungano anche le grandi mutazioni che hanno colpito il Consiglio Europeo, vero organo di governo dell’attuale Unione Europea.

Nota.

I passati equilibri sono stati infranti. I partiti tradizionali, PPE e S&D sono i grandi sconfitti: formeranno verosimilmente una coalizione allargata all’Alde, ma il loro potere ne esce nettamente ridimensionato.

* * ** * * *

BiDiMedia ha rilasciato l’ultimo sondaggio effettuati:

Osservatorio sull’Europa – Elezioni Europee, i seggi al 30/4: esordisce la Salvini’s Alliance, M5S cerca casa, ma i Sovranisti lottano solo per il quarto posto

Dopo una forzata pausa, torna la simulazione dei seggi del prossimo Parlamento di Strasburgo, che uscirà dalle Elezioni Europee del prossimo 26 maggio: meno di un mese ci separa dalla consultazione continentale, come finirà? Andiamo a vedere quali sarebbero i risultati se si tenesse oggi, con i trend a pagina 2 e le maggioranze possibili a pag. 3!

La sosta della nostra pubblicazione basata sulle proiezioni di Pollofpolls.eu è stata causata, oltre che dalle festività, anche da alcuni mutamenti improvvisi di scenario, che nelle scorse due settimane hanno reso la simulazione troppo instabile per poter realizzare un articolo con numeri realistici. Ora la situazione si è stabilizzata, andiamo a scoprire innanzi tutto le novità.

Nuovi scenari: Salvini’s Alliance ed M5S+

Due sono le novità tra le famiglie politiche europee, ed entrambe vedono i partiti italiani di maggioranza protagonisti.

A seguito del meeting di Milano tra Sovranisti, come spiegato la scorsa puntata, non si è creato il Gruppo Unico di Destra auspicato da Salvini, ma ENF ha comunque fatto acquisti andando oltre l’attuale gruppo. La nuova compagine (ENF con alcune aggiunte) è stata ridenominata da PollofpollsSalvini’s Alliance“, visto che nasce su impulso del vicepremier italiano. Di fatto, sostituisce ENF.

L’altra novità è la constatazione della fine di EFDD, con conseguente sua eliminazione dai gruppi presenti nella simulazione. Al suo posto è stato inserito “M5S+“, ovvero il nuovo gruppo Populista proposto dai 5 Stelle italiani. Come vedremo tuttavia la nuova compagine resta altamente ipotetica e priva dei numeri necessari a costituire un gruppo parlamentare, almeno ad oggi.

Infine Pollofpolls ha eliminato l’esiguo raggruppamento spurio dei “Non iscritti“ fondendolo con i Nuovi: troveremo ora un gruppo unico dei New&NI (Nuovi e Non Iscritti).

Si noti che Salvini’s Alliance ed M5S+ sono privi di simbolo proprio: li si può indentificare dai colori grigio e giallo chiaro. Visti i cambiamenti dall’ultima puntata, anche in questo caso non è possibile riportare variazioni settimanali.

La situazione al 30/4

Vediamo ora nel dettaglio il nuovo scenario,  in ordine decrescente di seggi conquistati. 

– EPP (PPE) 172: i Popolari sono stati tra i più danneggiati da delay Brexit (dalla quale non hanno ottenuto nessun nuovo EP britannico) e conseguenti ricalcoli; ora si attestano a 172 EP, prossimi ai minimi assoluti di inizio 2019-fine 2018.

– S&D 146: i Socialisti si sono avvantaggiati dalla presenza dei Laburisti inglesi, ed anche se nel valzer del nuovo scenario hanno perso qualche EP rispetto alla scorsa puntata, 146 seggi sono decisamente più di quanto potessero sperare fino a poche settimane fa. Galvanizzati anche dalla vittoria netta del Psoe in Spagna, riusciranno i Socialisti a minacciare il primo posto dei Popolari? Ad oggi si direbbe di no, anche se ricordiamo sempre che ad S&D andranno aggiunti 8-10 EP polacchi.

– ALDE 97: Ancora un buon momento per i Liberali, che puntano a quota 100 EP, pur con il dubbio dell’effettiva adesione di En Marche

– Salvini’s Alliance (ex ENF) 70: il nuovo gruppo Sovranista esordisce nettamente in testa nella lotta tra destre con ECR, e tuttavia non sembra poter andare oltre al quarto posto, nonostante possibili ulteriori adesioni dai Nuovi&NI.

– ECR 60: i Conservatori sono stati penalizzati dalla nascita della Salvini’s Alliance; inoltre dalla Brexit non hanno ottenuto grandi benefici per via della debolezza dei Tories. Con 60 EP, ECR resta sui valori degli ultimi due mesi.

– Verdi/Alleanza Libera Europea 58: onda verde in arrivo? I partiti ecologisti hanno sicuramente beneficiato della no-Brexit, ma più in generale sono state settimane di netto aumento per Greens/EFA. Possibile effetto dell’attenzione alle manifestazioni contro il Global Warming forse; vedremo nelle prossime puntata quanto questa crescita risulterà forte e duratura.

– GUE/NGL 48: qualsiasi sia lo scenario, la Sinistra resta ancorata ad un numero di Ep di poco inferiore ai 50. Periodo non facile per GUE/NGL.

– M5S+ (ex EFDD) 23: esordisce il nuovo gruppo populista proposto dai 5 Stelle, che però nasce con un notevole problema: non ha i numeri minimi per costituirsi, dato che servono almeno 25 EP da almeno 7 paesi diversi. Come si può vedere nel dettaglio a pagina 3, M5S+ è lontano soprattutto dal raggiungere il secondo requisito: servono dunque nuovi alleati per i Pentastellati, magari da trovare tra i Nuovi, con un occhio al già ex-alleato Farage.

– Partiti Nuovi/Non iscritti 77: lasciamo i partiti Nuovi e Non Iscritti all’ultimo posto, in quanto si tratta di gruppo spurio; tuttavia si nota subito il nettissimo incremento numerico che li porta a 77 EP. Ciò è dovuto sia alla fusione tra Nuovi e NI, sia alla confluenza nel gruppo di diverse formazioni britanniche. Ben 27 EP sono infatti provenienti dall’UK, dato che i nuovi partiti del Brexit Party (Farage, che alcuni sondaggi danno su valori altissimi), dell’UKIP (in crollo) e di ChangeUK (Europeisti fuoriusciti da Lab e Cons) non hanno ancora aderito ad alcuna Famiglia Politica. Vedremo nelle prossime puntate quali potrebbero essere le loro destinazioni future.

* * * * * * *

Anche questa settimana, impossibile esaminare l’andamento dei trend con il rimescolamento avvenuto ad aprile. Si può tuttavia notare come il Delay Brexit  abbia portato vantaggio ad S&D, Verdi ed ECR, ma la nuova Salvini’s Alliance ha danneggiato i Conservatori compensando l’ingresso dei Tories. Il PPE ha invece subito un notevole danno dal ricalcolo causato dal ritorno degli EP britannici, che fanno invece volare Nuovi&NI. Sostanzialmente non interessate da variazioni ALDE e GUE/NGL, uniche a proseguire immutate i propri trend. Scomparsi EFDD, Nuovi e Non iscritti, M5S+ naviga in ultima posizione, facendo intuire anche graficamente come non abbia numeri sufficienti.

Anti-UE Vs Europeristi, nuovo trend Pollofpolls

Novità di Pollofpolls è il tracking dei partito Pro ed Anti UE (Euroskeptics). Si noti come tale conteggio sia sostanzialmente diverso da quello dei nostri Fronti (nella prossima pagina): noi infatti inseriamo in automatico nei rispettivi schieramenti tutti i partiti appartenenti ad una Famiglia Politica ritenuta euroscettica o pro-ue (con la sola eccezione dei partiti Uk), per cui ad es. tutto il PPE è nel Fronte Europeista. Questo perchè l’appartenza ad un gruppo determina il conteggio del “vincitore” ed è poi l’intera Famiglia Politica che aderisce ad una maggioranza. Succede così che anche un partito notoriamente euroscettico come gli ungheresi di Fidesz, essendo nel PPE, contribuisca alla possibile vittoria dei Popolari ed all’istaurarsi di maggioranza e commissione Pro-UE.

Il trend di Pollofpolls invece è ottenuto mediate un calcolo esclusivamente ideologico: negli Euroscettici viene inserito qualsiasi partito con ideologia non del tutto favorevole all’UE, anche se aderisce ad un gruppo Europeista. Vi sono inclusi quindi Fidesz, i Socialisti Rumeni, gran parte dei partiti UK oltre a varie formazioni minori. Ciò spiega la consistenza maggiore degli Euroscettici nel trend che vediamo sotto rispetto al nostro Fronte Sovranista.

Al di là dei conteggi, il nuovo grafico ha un indubbio motivo di interesse: ci mostra infatti in maniera immediata e visiva come i partiti Euroscettici siano, nei primi quattro mesi del 2019 ed al netto del Delay Brexit, in live ma evidente calo, mentre i Pro-UE crescono. L’esatto opposto della narrazione mediatica prevalente in Italia, come da noi più volte sottolineato.

* * * * * * *

I Fronti Europeista e Sovranista

Come spiegato nella scorsa puntata, i partiti UK sono stati ripartiti solo in parte nei due fronti (con un indubbio vantaggio per il Fronte Sovranista, data la consistenza del Laburisti). Restano invece invariate le altre assegnazioni: nonostante la girandola tra i nuovi gruppi Sovranisti e Populisti, i partiti inseriti nei rispettivi macroschieramenti non cambiano.

Il Fronte Sovranista è quindi composto da Salvini’s Alliance, ECR, M5S+ ed Altri di Destra; il Fronte Europeista da PPE, S&D, ALDE, Verdi ed Altri di centrosinistra o Liberali.

Questa è di conseguenza la situazione degli schieramenti ad oggi:

– Fronte Sovranista 181 EP circa.

– Fronte Europeista 481 EP circa.

Per quanto le comparazioni abbiano poco valore data la volatilità dei partiti UK appena introdotti (in quanto non erano mai stati sondati riguardo alle Europee), entrambi i fronti crescono dall’ultima puntata.

Le possibili coalizioni

Vediamo ora la situazione sintetica delle coalizioni, date le variazioni odierne. In verde le ipotesi sopra la maggioranza assoluta dei seggi, che è passata a 376 EP, in rosso quelle senza maggioranza.

– Maggioranza Attuale (PPE+ALDE+S&D): 415 seggi.

– Coalizione Centrosinistra (S&D, ALDE, Greens/EFA, GUE/NGL, Nuovi di Csx e Lib): 374 seggi.

– Coalizione Centrodestra + Sovranisti uniti (PPE+Fronte Sovranista+Cons UK): 364 seggi.

– Coalizione Centro-Centrodestra-Destra (ALDE, PPE, ECR): 329 seggi.

Nulla cambia anche questa settimana: unica maggioranza possibile quella attuale, anche se perde qualche seggio da metà aprile per via dei ricalcoli che hanno penalizzato S&D e soprattutto PPE.

Resta invece vicinissima a quota 376 la compagine di Centrosinistra ed è da segnalare come ieri lo Spitzenkandidaten di S&D Frans Timmermans abbia dichiarato che preferirebbe tale coalizione piuttosto che tornare ad allearsi con il PPE. Qualora avesse la maggioranza il Centrosinistra sarà quindi un’opzione da prendere in considerazione.

Per oggi è tutto, appuntamento alla prossima puntata: le Elezioni Europee si avvicinano e l’Osservatorio sull’Europa torna con cadenza settimanale regolare!