Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

von der Leyen. Una lezione da imparare ed assimilare.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-25.

2019-07-19__Europa_cdp__001

Questa tabella riporta in modo impietoso il problema concreto dell’eurozona.

Nel 2008 il pil assommava a 14,125 miliardi di Usd, ed a fine 2018 era 13,690 miliardi Usd. Mentre Cina, India e Stati Uniti hanno quasi raddoppiato i propri prodotti interni lordi, l’eurozona, la Unione Europea, ha regredito od, al massimo, non è per nulla cresciuta.

Le parole saranno tanto belle e suadenti, ma alla fine ciò che conta è la economia. E gli elettori ne sono coscienti. Le ideologie non sono commestibili.



La elezione di Mrs Ursula von der Layen a Presidente della Commissione Europea segna un punto di svolta nella vita della Unione Europea.

Se restano ancora aperte tutte le problematiche relative alle nomine dei commissari, ancor più problematica sarà poi la gestione politica dell’Unione.

Sarebbe estremamente utile saper distinguere i problemi contingenti da quelli di lunga portata: imparare dagli accadimenti è arte di pochi.

Di fatto, questa Unione Europea è ben differente da quella passata: la realtà ha travolto i sogni.

Sicuramente sarà un processo che si snoderà lentamente nel tempo, con molti alti e bassi, la oramai la strada è stata tracciata.

* * * * * * *

I fatti principali sono:

– Il Consiglio Europeo si è riappropriato delle proprie attribuzioni, ridimensionando le ambizioni egemoni dell’europarlamento;

– Le vecchie maggioranze si sono sgretolate e le nuove non si sono ancora consolidate.

– Di fatto, l’Europa delle Nazione sembrerebbe aver prevalso sulla concezione dello stato europeo.

– La ministra tedesca Ursula von der Leyen, designata dai Ventotto a succedere a Jean-Claude Juncker, è stata eletta dal Parlamento europeo presidente della Commissione europea ma con soli 383 voti a favore a fronte della maggioranza necessaria prevista di 374 voti. Quindi per soli 9 voti. I contrari sono stati 324.

– von der Leyen ha avuto il sostegno del Ppe, dei liberali di Renew Europe e dei tre quarti dell’S&D, mentre i socialisti tedeschi della Spd, gli austriaci, gli olandesi, i polacchi e gli ungheresi non si sono piegati e non l’hanno votata. Così come i Verdi, la sinistra Gue, parte dei conservatori dell’Ecr e di Identità e democrazia. I 14 deputati del M5S hanno dichiarato il loro sostegno mentre la Lega, che conta 29 eurodeputati, ha votato contro.

– Determinanti sono stati i voti concessigli dai rappresentanti del Movimento 5 Stelle nell’europarlamento.

*

Significativo è l’editoriale di EU Observer, a seguito riportato: è una liberal socialista, da leggersi con grande attenzione.

* * * * * * *

«It was the first time in decades that the vote on the commission presidency was that unsure»

«All previous commission presidents since the Treaty of Maastricht in 1993, Jacques Santer, Romano Prodi, Jose Manuel Barroso and Jean-Claude Juncker, were backed by a solid majority»

«The uncertainty of the von der Leyen vote signals some profound political shifts within functioning of the European Union»

«With the nomination of Santer in 1995, the parliament turned this “right to be consulted” into a “veto right”. This veto right was formalised in the Treaty of Amsterdam (1997) and was first used for the candidacy of Prodi in 1999»

«[European Council] In the Treaty of Nice (2001), the necessary unanimity was replaced by a qualified majority»

* * *

«The election results of 26 May 2019 would change everything. The EPP and the socialists from S&D lost their majority in the European Parliament. A third party was needed: the liberals»

«The third problem was that the Central European countries, mainly the Visegrad 4 states (Poland, Hungary, Slovakia and the Czech Republic) were not willing anymore to follow a old-school compromise between France and Germany, who agreed on the nomination of the socialist candidate Frans Timmermans.»

«However, the day the nomination of the von der Leyen was announced, it appeared that there was a huge problem in the European Parliament.  Disappointed with the defeat of Frans Timmermans, the S&D group would become a liability»

* * *

«The vote for von der Leyen on Tuesday (16 July) proved to be a mirror of the new political paradigm in European politics. And several lessons can be learned:»

«1. There is no more solid and loyal coalition in the European Parliament.

  1. Political groups cannot force their members to vote ‘en bloc’.

  2. For every vote in the future, a lot of time will need to be put in finding a majority.

  3. Without a new electoral system, accidents on the nomination of the commission presidency will be a certainty.

  4. No deals will be possible without including Central Europe in decision making.»

* * * * * * *

«No deals will be possible without including

Central Europe in decision making»

Sarà molto difficile che Ppe, S&D e liberal capiscano ed assimilino questa lezione. Le nomine alle cariche dirigenziali nell’europarlamento sembrerebbero indicare proprio l’opposto.

Sarà un processo lungo e doloroso, ed in questo le prossime elezioni nei Länder tedeschi orientali potrebbero accelerare il fenomeno. Cdu ed Spd ridimensionate in Germania non potranno più sostenere l’ideologia egemonica nell’Unione Europea.

Nessuno si faccia illusioni di breve termine, ma la svolta strategica è irreversibile.


EU Observer. 2019-07-17. What did we learn from the von der Leyen vote?

Counting the votes. That is what everybody did the entire day before the real vote started in the European Parliament on the candidacy of Ursula von der Leyen to become president of the European Commission.

It was the first time in decades that the vote on the commission presidency was that unsure.

All previous commission presidents since the Treaty of Maastricht in 1993, Jacques Santer, Romano Prodi, Jose Manuel Barroso and Jean-Claude Juncker, were backed by a solid majority.

The uncertainty of the von der Leyen vote signals some profound political shifts within functioning of the European Union.

It is a transformation that has started in the 1990s, and that is poised to continue in the years to come. It is the result of the fragmentation of political parties in the EU, as well as the rise in the power of the European Parliament.

The rise of the European Parliament.

It was the Treaty of Maastricht in 1993, under the presidency of Jacques Delors that gave the European Parliament the right to be consulted on the nomination of the president of the European commission put forward by the European prime ministers and heads of state.

With the nomination of Santer in 1995, the parliament turned this “right to be consulted” into a “veto right”. This veto right was formalised in the Treaty of Amsterdam (1997) and was first used for the candidacy of Prodi in 1999.

The procedure in the European Council to nominate a commission president changed as well.

In the Treaty of Nice (2001), the necessary unanimity was replaced by a qualified majority. In 1995 the UK alone vetoed the candidacy of Belgian prime minister Jean-Luc Dehaene. In 2004 British prime minister Tony Blair had to find a qualified majority to keep another Belgian prime minister, Guy Verhofstadt, from getting the post.

The fact that a nomination no longer needed unanimity from the EU council, strengthened the power of the EU parliament, which started to demand concessions in return for its approval.

In 2004 Barroso had to back down on his choice of commissioners and come up with a better proposal. In 2009 several political groups added a program to their wishes and demanded that Barroso, now a second-time candidate for the post, promise to deliver.

An important point in the council selection was that the EU leaders would always appoint one of its own peers as the head of the commission.

The Spitzenkandidaten.

Until 2004 the weight of the European political parties was almost non-existent. Prodi was not part of the European party system and the liberal Verhofstadt was put forward as a candidate by the socialist German chancellor Gerhard Schroeder and the centre-right French president Jacques Chirac.

It was the European People’s Party (EPP) that organised itself for the first time in 2004 and demanded that the largest party would get the most important post of the EU. This is when party politics entered the commission presidency nomination process.

The rise of the parliament and that of party politics culminated into the new idea of the Spitzenkandidaten (German for ‘lead candidate’) in 2014. Every political party would put forward one candidate for the presidency of the European commission. The candidate of the party that wins the elections, wins the top job.

With Jean-Claude Juncker everything fell into place. He was a sitting prime minister, one of their peers, he was a lead candidate and he was from the EPP, the largest party.

Equally important was the fact that the two main parties, the EPP and the socialists, were by far the largest parties in the European parliament and in the council. This solid majority made it easy to make a deal and divide all the top jobs between them. Loyalty to the coalition was essential to get a piece of the cake.

The day the game changed

The election results of 26 May 2019 would change everything. The EPP and the socialists from S&D lost their majority in the European Parliament. A third party was needed: the liberals.

However, as the EPP remained the largest party, they did insist on having its candidate, Manfred Weber, to be the next commission president.

But there was another problem. Weber wasn’t a prime minister, nor even a former minister. That was for French president, Emmanuel Macron, a no-go.

The third problem was that the Central European countries, mainly the Visegrad 4 states (Poland, Hungary, Slovakia and the Czech Republic) were not willing anymore to follow a old-school compromise between France and Germany, who agreed on the nomination of the socialist candidate Frans Timmermans.

The solution for this list of problems came only after three days of council negotiations: the German minister of defence, Ursula von der Leyen.

As often happens with compromises, nobody was happy. Nevertheless, every political party of the new coalition between EPP, socialists and liberals got a piece of the cake.

However, the day the nomination of the von der Leyen was announced, it appeared that there was a huge problem in the European Parliament.

Disappointed with the defeat of Frans Timmermans, the S&D group would become a liability.

The vote for von der Leyen on Tuesday (16 July) proved to be a mirror of the new political paradigm in European politics. And several lessons can be learned:

  1. There is no more solid and loyal coalition in the European Parliament.

  2. Political groups cannot force their members to vote ‘en bloc’.

  3. For every vote in the future, a lot of time will need to be put in finding a majority.

  4. Without a new electoral system, accidents on the nomination of the commission presidency will be a certainty.

  5. No deals will be possible without including Central Europe in decision making.

One can regret the new lessons, or the new, more chaotic political game in Europe.

However, it is clear that the European Union is becoming more and more political. That is good. It means the EU is becoming more important, but above all, more democratic.

Annunci
Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Unione Europea. La rivolta dei peones.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-24.

Peones 001

Treccani ci fornisce un’ottima definizione del termine ‘peones’,

«Bracciante agricolo, lavoratore a giornata non qualificato; il termine fu per secoli applicato soprattutto a indiani e meticci dell’America Centrale e Meridionale, costretti a una specie di lavoro forzato.

Nel linguaggio politico e giornalistico e con intenzione polemica, il termine indica quei militanti o deputati di grandi partiti che, privi di peso politico e senza cariche importanti, vengono esclusi dalle scelte più rilevanti e destinati a eseguire le decisioni degli organi dirigenti alla cui formulazione non hanno preso parte.»

* * *

Il numero dei peones levita nelle situazioni politiche caratterizzate da un partito egemone a largo consenso elettorale. Sotto queste condizioni la dirigenza è molto forte e può nei fatti realizzare ogni cosa che possa volere: i peones sono in tal caso un unico gregge di pecore, al massimo belanti, ma in modo sommesso.

Ma quando il quadro politico si frammenti in numerose formazioni di basso peso percentuale, ovvero quando le maggioranze siano risicate, i peones acquistano un’importanza cruciale. Anche il voto del più insignificante portatore di acqua diventa essenziale, e spesso lo è al punto da poter essere determinante. In queste evenienza si concretizza il paradosso, per cui un essere insignificante possa dettare condizioni iugulatorie quasi invariabilmente a beneficio della sua più che modesta persona.

Così, anche un grande nazione è alla fine guidata non tanto dai leader quanto piuttosto guidata da gente scialbamente banale, senza indirizzo politico, senza la minima visione del futuro.

Ebbene: questa è la situazione in cui versano molti stati afferenti l’Unione Europea e, di riflesso, l’Unione stessa.

* * * * * * *

«The extremely small majority by which Ursula von der Leyen passed in the Parliament confirms our forecasts on what we can expect in the next 5 years in EU politics»

«Every MEP will count! The vote to elect the President of the Commission is one of the most important votes that take place in the Parliament, hence you can expect the governments and the political group leadership to lobby backbenchers extensively. Even so, only 9 votes made the difference yesterday. Given the current fragmentation of the EP, we expect these kinds of occurrences to become more common, with important decisions on legislation being passed by / falling short of just a few votes»

«The grip of the political group / party leadership and that of rapporteurs over the backbenchers will be weaker. As the individual MEPs become aware that their votes can make a difference, they will be tempted to think for themselves and make the most out of it»

«The inter-institutional battles will be fiercer. As we have seen yesterday, the Council does not command the European Parliament. Despite von der Leyen coming out as the unanimously supported compromise candidate from the Council, she got only a little over half the votes in the Parliament»

«after they had to swallow this, even some of the MEPs that voted in favour of Ursula will want to brush aside frustration and flex their muscles in the next episodes: the hearings of the commissioners, the scrutiny of the Commission’s work, the passing of legislation, trade agreements, etc»

«The vote to invest the Commission will not be a foregone conclusion. We can expect the appointed commissioners to go through tougher-than-usual hearings in which MEPs will aim to limit the margin of maneuver of the College»

«This signals that, if only a few of the supportive MEPs get frustrated during the hearings of the appointed Commissioners, the College as whole may simply not get the vote of investiture»

«In times of political trouble, conservative women seem to be the panacea. There seems to be a pattern that when center-right is the (main) force in government, but has a very difficult job ahead that requires wide-spread support, the resulting solution is a woman at the top executive job»

«However, Ursula being a woman was not enough of an argument to convince part of the left in the European Parliament, despite von der Leyen taking up heavily some of the progressive discourse on civil liberties and economy to convince them»

«This signals that what the left wants is not a woman leader per se, but one of their own, a woman nurtured with progressive ideas»

«Despite official statements, it may be that some (decisive) votes for von der Leyen came from progressive German parties. Under the cover of the vote’s secrecy, these MEPs could discretely put their shoulder to a victory of one of their fellow nationals»

«this would already be a second occurrence in this new EP term when we are witnessing an attempt of “nationalization of EU politics from the center”»

* * * * * * *

Riassumiamo.

La parcellizzazione politica che sta accadendo sia negli stati sia nell’europarlamento oscura le visioni degli statisti e conferisce grande influenza agli squinceri.

Poi, il tutto sarà ammantato di altissimi ideali, talmente alti che i Contribuenti europei dovranno assoggettarsi ad essere torchiati come limoni, come olive al frantoio.

«that what the left wants is not a woman leader per se,

but one of their own, a woman nurtured with progressive ideas»

In questa situazione le 170,000 pagine che racchiudono i trattai europei impediscono ogni possibile funzionamento per la loro incongruenza e farraginosità. Né Mr Trump, né Mr Xi né Mr Putin avrebbero potuto scriverli meglio per distruggere l’Unione Europea.

E Dio solo sa cosa accadrà quando sia caduta la testa di Frau Merkel.

Nota.

Nei corridoi oscuri e nei meandri della cancellerie sta iniziando a circolare una frasetta priva di verbo: “elezioni anticipate”.



Vote Watch Europe. 2019-07-21. Key take-aways from the vote on von der Leyen – Tough times ahead

The extremely small majority by which Ursula von der Leyen passed in the Parliament confirms our forecasts on what we can expect in the next 5 years in EU politics. Here are our key take-aways:

Every MEP will count! The vote to elect the President of the Commission is one of the most important votes that take place in the Parliament, hence you can expect the governments and the political group leadership to lobby backbenchers extensively. Even so, only 9 votes made the difference yesterday. Given the current fragmentation of the EP, we expect these kinds of occurrences to become more common, with important decisions on legislation being passed by / falling short of just a few votes.

The grip of the political group / party leadership and that of rapporteurs over the backbenchers will be weaker. As the individual MEPs become aware that their votes can make a difference, they will be tempted to think for themselves and make the most out of it.

– The inter-institutional battles will be fiercer. As we have seen yesterday, the Council does not command the European Parliament. Despite von der Leyen coming out as the unanimously supported compromise candidate from the Council, she got only a little over half the votes in the Parliament. Many MEPs supported her because they were afraid of a full-blown institutional crisis or afraid of an even less convenient alternative candidate. However, after they had to swallow this, even some of the MEPs that voted in favour of Ursula will want to brush aside frustration and flex their muscles in the next episodes: the hearings of the commissioners, the scrutiny of the Commission’s work, the passing of legislation, trade agreements, etc.

The outcomes of trialogues in particular will be a hard sell in the Parliament and we are likely to see a much closer scrutiny of inter-institutional negotiations by the committees and by the EP’s plenary.

The vote to invest the Commission will not be a foregone conclusion. We can expect the appointed commissioners to go through tougher-than-usual hearings in which MEPs will aim to limit the margin of maneuver of the College.

NB: Juncker got almost the same amount of votes when coming before the EP with all the College in autumn than what he had got on his own in July (2014): 423 votes vs 422 votes. This signals that, if only a few of the supportive MEPs get frustrated during the hearings of the appointed Commissioners, the College as whole may simply not get the vote of investiture. MEPs know this and will aim to make the most out of this opportunity. Von der Leyen knows this too and will have to be extremely careful.

In times of political trouble, conservative women seem to be the panacea. There seems to be a pattern that when center-right is the (main) force in government, but has a very difficult job ahead that requires wide-spread support, the resulting solution is a woman at the top executive job. This has been the case of Merkel (current CDU’s leader, Kramp-Karrenbauer, is also a woman), Theresa May or the two Polish female prime-ministers, Kopacz and Szydlo (from two different centre-right parties). Also among the country’s presidents we increasingly see the rise of conservative women, such as in case of the current Croatian President (Grabar-Kitarovic) and former Lithuanian one (Grybauskaite). If we look at the overall picture, in recent years in which we have experienced in Europe various types of crises, the force of things has pushed more conservative women in leading political positions than left-wing ones. The left, for its part, has the current Romanian PM (Dancila), the former and current Danish PMs (Thorning-Schmidt – who failed to take an EU top job – and current PM Frederiksen).

However, Ursula being a woman was not enough of an argument to convince part of the left in the European Parliament, despite von der Leyen taking up heavily some of the progressive discourse on civil liberties and economy to convince them. This signals that what the left wants is not a woman leader per se, but one of their own, a woman nurtured with progressive ideas. A look at the voting behavior in the European Parliament explains why: within the political groups, the women and men MEP vote roughly in the same way, ie. the center-right women vote as the center right men and the centre-left men as the centre-left women (in fact, it even happens sometimes that in the center-right groups some women vote more conservatively than their male colleagues).

– The German network at work? Despite official statements, it may be that some (decisive) votes for von der Leyen came from progressive German parties. Under the cover of the vote’s secrecy, these MEPs could discretely put their shoulder to a victory of one of their fellow nationals. This is suggested by the rather unusual behavior of the German MEPs from across the spectrum when the decision to keep this vote secret was made, ie. the German SPD, Greens and Die Linke all voted against their European political groups and in line with the CDU position to keep the vote on the election of the Commission President secret (the vote took place back in 2016 when the EP’s rules of procedure were revised).

If this is the case, this would already be a second occurrence in this new EP term when we are witnessing an attempt of “nationalization of EU politics from the center”, after Macron’s (so far not very successful) initiative to create a cross-party “Team France” in the European Parliament. Given that we are talking about the two most influential EU countries, if this trend is confirmed we may witness a (partial) breaking of the EP groups’ cohesion in the months and years to come.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Giustizia, Ong - Ngo, Unione Europea

Europarlamento. L’arte di sapersi conquistare i nemici.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-22.

Razzismo 001

Il problema dovrebbe essere semplice, sempre che come tale lo si voglia vedere. Servirebbe anche un pochino di onestà intellettuale.

Una cosa è l’ingerenza della politica nella formulazione delle sentenze emesse dalle corti di giustizia ed una totalmente differente è il fatto che la politica nomini i giudici, come avviene, per esempio, negli Stati Uniti di America, in Francia ed in Germania, solo per fare alcuni esempi. Una cosa ancora differente è quando il potere giudiziario interferisce con quello politico.

Le sinistre europarlamentari fanno volutamente ed artatamente di tutt’erba un fascio, generando così confusione dalla quale rafforzare il proprio potere. Vogliono cercare di governare i paesi identitari sovranisti tramite il sistema giudiziario e la presenza sul loro territorio delle ngo. Non riuscendo ad avere una quota elettorale decente, usano questi sistemi.

*

Polonia: l’Ue insiste nel pressing sullo stato di diritto

La Commissione europea ha compiuto il secondo passo in una procedura d’infrazione contro la Polonia, inviando un parere motivato sullo stato di diritto, e più in particolare, sul nuovo regime disciplinare per i giudici polacchi. Si legge in una nota dell’Esecutivo comunitario. Varsavia ha avuto due mesi per rispondere agli argomenti presentati dalla Commissione nella sua lettera di messa in mora. Ma a seguito di un’analisi approfondita della risposta delle autorità polacche, la Commissione ha concluso che “la risposta non allevia le preoccupazioni giuridiche”. Le autorità polacche ora hanno due mesi per adottare le misure necessarie per conformarsi al parere motivato inviato oggi. Se Varsavia non adotterà le misure appropriate, la Commissione può decidere di deferire il caso alla Corte di giustizia dell’Ue. 

Il 3 aprile 2019, Bruxelles aveva avviato questa procedura d’infrazione sostenendo che il nuovo regime disciplinare mina l’indipendenza giudiziaria dei giudici polacchi e non assicura le necessarie garanzie per proteggere i giudici dal controllo della politica. Tra le altre cose – si legge nella nota della Commissione Ue – “la legge polacca permette che i giudici ordinari siano sottoposti a indagini disciplinari, procedure e sanzioni sulla base del contenuto delle loro decisioni giudiziarie. Inoltre, le nuove regole non garantiscono l’indipendenza e l’imparzialità della Camera disciplinare della Corte suprema, composta solo da giudici selezionati dal Consiglio nazionale per la magistratura, che è a sua volta nominato dal Parlamento polacco”.

*

Si noti come l’ordinamento polacco sia simile a quello germanico.

«Corte Costituzionale Tedesca.

La nomina dei 16 giudici compete per metà al Bundestag (il parlamento federale) e per metà al Bundesrat (la camera che rappresenta i Länder). Il Bundestag designa i giudici di propria competenza attraverso un comitato di 12 grandi elettori, di cui fanno parte parlamentari eletti dalla medesima camera con metodo proporzionale, che delibera con la maggioranza dei due terzi dei voti. ….

La durata della carica è fissata a 12 anni, ma termina comunque al raggiungimento dell’età di 68 anni,»

Sia in Germania sia in Polonia la Corte Suprema è nominata dai politici eletti: ma per l’europarlamento ciò che va bene in Germania è antidemocratico in Polonia.

Il nodo è ben differente, ed in parte è stato già enucleato. Dobbiamo però aggiunge un’altra componente di non poco valore.

I liberal socialisti odiano di violento odio razziale polacchi ed ungheresi, rei di non essersi sottoposti ai loro voleri, di essersi ribellati al loro piano egemone: questi liberal socialisti nulla hanno da invidiare al nazionalsocialismo di infausta memoria.

Di oggi un nuovo sfregio: la ricusazione di Mrs Beata Szydlo perché polacca.

Non ci si stupisca poi se votando nel Consiglio Europeo Polonia ed Ungheria, assieme a molti altri stati, boccino sistematicamente quanto proposto dall’europarlamento. Per esempio, il bilancio ….

EP employment committee elects Slovak chairwoman

The members of the European Parliament’s employment committee elected Slovak MEP Lucia Duris Nicholsonova as chairwoman on Thursday. Nicholsonova was put forward by the European Conservatives and Reformists (ECR) group after their Beata Szydlo, former Polish PM, was twice rejected, leading to a spat where Szydlo’s PiS party initially refused to back Commission president candidate Ursula von der Leyen. Nicholsonova received 38 votes in favour and 14 against.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Europarlamento. Elenco presidenti e vice dei Comitati.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-18.

2019-07-16__Europarlamento__Commissioni__001

L’europarlamento ha quasi terminato le nomine e presidente e vice-presidenti nei Comitati nei quali si articola l’attività parlamentare.

Si è formata una maggioranza tra Ppe, S&D, Ecr, Renew Europe, Verdi/Efa, e Gue/Ngl: tutti i nominati fanno parte di questi gruppi parlamentari.

È una procedura atipica.

Se infatti soddisfa alla ripartizione territoriale, dando un qualche posto a deputati provenienti da tutti le nazioni dell’Unione, sono stati nominati esclusivamente deputati dell’est e del sud-Europa provenienti da partiti nei loro paesi alla opposizione.

Questa procedura, ben comprensibile, è una novità di cui occorre prenderne atto.

Come risultato pratico, verrà a mancare il collegamento tra l’europarlamento ed i governi che formano in sede di Consiglio Europeo il gruppo di undici nazioni che ha condizionato la nomination di Mrs von der Leyen.

Vedremo come evolveranno le cose in futuro, ma verosimilmente si dovrà assistere ad un muro contro muro.

* * *

In alcune circostanze però nell’europarlamento non è sufficiente la maggioranza semplice.

«si è venuto a costituire de facto un diritto di iniziativa legislativa parlamentare, una sorta di potere di “iniziativa dell’iniziativa” nei confronti della Commissione, attraverso una delibera a maggioranza assoluta.»

«In prima lettura, il Parlamento può inviare emendamenti al Consiglio, che può o adottare il testo comprensivo degli emendamenti o rinviargli una “posizione comune”. Il Parlamento, allora, può approvare tale posizione o respingere il testo a maggioranza assoluta, provocando così la definitiva bocciatura, oppure può adottare ulteriori emendamenti, anche a maggioranza assoluta»

«Il presidente della Commissione europea viene proposto dal Consiglio europeo sulla base delle elezioni parlamentari europee. Tale proposta deve essere approvata dal Parlamento (a maggioranza semplice) che “elegge” il Presidente in base ai trattati. Dopo la nomina del Presidente i membri della Commissione vengono proposti dal Presidente stesso, in accordo con gli Stati membri. Quindi, la Commissione formata si presenta al Parlamento che può approvare o respingerla»

«Il Parlamento ha anche il potere di approvare, alla maggioranza dei due terzi, una mozione di censura nei confronti della Commissione che ne comporta le dimissioni dell’intera istituzione»

* * *


Il Consiglio Europeo delibera alla unanimità sui seguenti campi:

«Il Consiglio deve votare all’unanimità su una serie di questioni considerate sensibili dagli Stati membri. Ad esempio:

– politica estera e di sicurezza comune (esclusi alcuni casi ben definiti che richiedono la maggioranza qualificata, quali ad es. la nomina di un rappresentante speciale);

– cittadinanza (concessione di nuovi diritti ai cittadini UE);

– adesione all’UE;

– armonizzazione della legislazione nazionale in materia di imposte indirette;

– finanze UE (risorse proprie, quadro finanziario pluriennale);

– alcune disposizioni in materia di giustizia e affari interni (Procura europea, diritto di famiglia, cooperazione di polizia a livello operativo, ecc.);

– armonizzazione della legislazione nazionale in materia di sicurezza sociale e protezione sociale.

Inoltre, il Consiglio è tenuto a votare all’unanimità per discostarsi dalla proposta della Commissione quando quest’ultima non è in grado di accettare le modifiche apportate alla sua proposta. Tale norma non si applica agli atti che il Consiglio deve adottare su raccomandazione della Commissione, ad esempio nel settore del coordinamento delle politiche economiche.»

Il Consiglio Europeo delibera a maggioranza qualificata nei seguenti campi:

«La maggioranza qualificata è il metodo di voto più diffuso all’interno del Consiglio.

Il Consiglio lo utilizza quando adotta decisioni nell’ambito della procedura legislativa ordinaria, nota anche come codecisione. L’80% circa di tutta la legislazione UE è adottato secondo tale procedura.

Quando il Consiglio vota una proposta della Commissione o dell’alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, si raggiunge la maggioranza qualificata soltanto se sono soddisfatte due condizioni:

– il 55% degli Stati membri vota a favore – in pratica ciò equivale a 16 paesi su 28

– gli Stati membri che appoggiano la proposta rappresentano almeno il 65% della popolazione totale dell’UE

Questa procedura è nota anche come regola della “doppia maggioranza”.

Quando il Consiglio vota una proposta che non è stata presentata dalla Commissione o dall’alto rappresentante, la decisione è adottata se viene raggiunta la cosiddetta “maggioranza qualificata rafforzata”:

– vota a favore almeno il 72% dei membri del Consiglio

– i membri che votano a favore rappresentano almeno il 65% della popolazione dell’UE»

* * * * * * * * * * * *

Da quanto si sta vedendo, sembrerebbero preannunciarsi tempi difficili.


Final list of Committee Chairs and Vice-Chairs of European Parliament

The European Parliament Committees met today to elect their Chairs and Vice-Chairs after intense horse-trading between the political Groups this week. New Europe brought you provisional lists prior to the votes, but here we present the official results.

Note that a few gaps still remain, to be voted in future committee meetings.

Committee on Foreign Affairs

Chair: Mr David McALLISTER (EPP, DE)

1st Vice-Chair: Mr Witold Jan WASZCZYKOWSKI (ECR, PL)

The 2nd, 3rd and 4th Vice-Chairs will be elected at a forthcoming meeting

Subcommittee on Security and Defence

Chair: Ms Nathalie LOISEAU (Renew Europe, FR)

1st Vice-Chair: Mr Nikos ANDROULAKIS (S&D, EL)

2nd Vice-Chair: Ms Kinga GÁL (EPP, HU)

3rd Vice-Chair: Ms Özlem DEMIREL (GUE/NGL, DE)

4th Vice-Chair: Mr Lukas MANDL (EPP, AT)

Subcommittee on Human Rights

Chair: Ms Maria ARENA (S&D, BE)

1st Vice-Chair: Ms Irina VON WIESE (Renew Europe, UK)

2nd Vice-Chair: Ms Hannah NEUMANN (GREENS/EFA, DE)

3rd Vice-Chair: Ms Karoline EDTSTADLER (EPP, AT)

4th Vice-Chair: Mr Raphaël GLUCKSMANN (S&D, FR)

Committee on Development

Chair: Mr Tomas TOBÉ (EPP, SE)

1st Vice-Chair: Ms Pierrette HERZBERGER-FOFANA (Greens/EFA, DE)

2nd Vice-Chair: Mr Norbert NEUSER (S&D, DE)

3rd Vice-Chair: Ms Chrysoula ZACHAROPOULOU (Renew Europe, FR)

4th Vice-Chair: Mr Erik MARQUARDT (Greens/EFA, DE)

Committee on International Trade

Chair: Mr Bernd LANGE (S&D, DE)

1st Vice-Chair: Mr Jan ZAHRADIL (ECR, CZ)

2nd Vice-Chair: Mr Iuliu WINKLER (EPP, RO)

3rd Vice-Chair: Ms Anna-Michelle ASIMAKOPOULOU (EPP, EL)

4th Vice-Chair: Ms Marie-Pierre VEDRENNE (Renew Europe, FR)

Committee on Budgets

Chair: Mr Johan VAN OVERTVELDT (ECR, BE)

1st Vice-Chair: Mr Janusz LEWANDOWSKI (EPP, PL)

2nd Vice-Chair: Mr Olivier CHASTEL (Renew Europe, BE)

3rd Vice-Chair: Ms Margarida MARQUES (S&D, PT)

4th Vice-Chair: Mr Niclas HERBST (EPP, DE)

Committee on Budgetary Control

Chair: Ms Monika HOHLMEIER (EPP, DE)

1st Vice-Chair: Ms Isabel GARCÍA MUÑOZ (S&D, ES)

2nd Vice-Chair: Ms Caterina CHINNICI (S&D, IT)

3rd Vice-Chair: Ms Martina DLABAJOVÁ (Renew Europe, CZ)

4th Vice-Chair: Mr Tamás DEUTSCH (EPP, HU)

Committee on Economic and Monetary Affairs

Chair: Mr Roberto GUALTIERI (S&D, IT)

1st Vice-Chair: Mr Luděk NIEDERMAYER (EPP, CZ)

2nd Vice-Chair: Ms Stephanie YON-COURTIN (Renew Europe, FR)

3rd Vice-Chair: Mr Derk Jan EPPINK (ECR, NL)

4th Vice-Chair: Mr José GUSMÃO (GUE/NGL, PT)

Committee on Employment and Social Affairs

The bureau will be elected in a forthcoming meeting

Committee on the Environment, Public Health and Food Safety

Chair: Mr. Pascal CANFIN (Renew Europe, FR)

1st Vice-Chair: Mr Bas EICKHOUT (Greens/EFA, NL)

2nd Vice-Chair: Mr Seb DANCE (S&D, UK)

3rd Vice-Chair: Mr Cristian-Silviu BUŞOI (EPP, RO)

4th Vice-Chair: Ms Anja HAZEKAMP (GUE/NGL, NL)

Committee on Industry, Research and Energy

Chair: Ms Adina-Ioana VĂLEAN (EPP, RO)

1st Vice-Chair: Mr Zdzisław KRASNODĘBSKI (ECR, PL)

2nd Vice-Chair: Mr Morten PETERSEN (RE, DK)

3rd Vice-Chair: Ms Patrizia TOIA (S&D, IT)

4th Vice-Chair: Ms Lina GALVEZ MUÑOZ (S&D, ES)

Committee on the Internal Market and Consumer Protection

Chair: Ms Petra DE SUTTER (Greens/EFA, BE)

1st Vice-Chair: Mr Pierre KARLESKIND (Renew Europe, FR)

2nd Vice-Chair: Ms Maria GRAPINI (S&D, RO)

3rd Vice-Chair: Ms Róża THUN (EPP, PL)

4th Vice-Chair: Ms Maria Manuel LEITÃO MARQUES (S&D, PT)

Committee on Transport and Tourism

Chair: Ms Karima DELLI (Greens/EFA, FR)

1st Vice-Chair: Mr Johan DANIELSSON (S&D, SE)

2nd Vice-Chair: Mr Sven SCHULZE (EPP, DE)

3rd Vice-Chair: Mr István UJHELYI (S&D, HU)

4th Vice-Chair: Mr Jan-Christoph OETJEN (Renew Europe, DE)

Committee on Regional Development

Chair: Mr Younous OMARJEE (GUE/NGL, FR)

1st Vice-Chair: Mr Krzysztof HETMAN (EPP, PL)

The 2nd, 3rd and 4th Vice-Chairs will be elected at a forthcoming meeting

Committee on Agriculture and Rural Development

Chair: Mr Norbert LINS (EPP, DE)

1st Vice-Chair: Mr Francisco GUERREIRO (Greens/EFA, PT)

2nd Vice-Chair: Mr Daniel BUDA (EPP, RO)

The 3rd and 4th Vice-Chairs will be elected in a forthcoming meeting

Committee on Fisheries

Chair: Mr Chris DAVIES (Renew Europe, UK)

1st Vice-Chair: Mr Peter van DALEN (EPP, NL)

2nd Vice-Chair: Mr Søren GADE (Renew Europe, DK)

3rd Vice-Chair: Mr Giuseppe Ferrandino (S&D, IT)

4th Vice-Chair: Ms Cláudia MONTEIRO DE AGUIAR (EPP, PT)

Committee on Culture and Education

Chair: Ms Sabine VERHEYEN (EPP, DE)

1st Vice-Chair: Mr Romeo FRANZ (Greens/EFA, DE)

2nd Vice-Chair: Ms Dace MELBĀRDE (ECR, LV)

The 3rd and 4th Vice-Chairs will be elected in a forthcoming meeting

Committee on Legal Affairs

Chair: Ms Lucy NETHSINGHA ( Renew Europe, UK)

1st Vice-Chair: Mr Sergey LAGODINSKY (Greens/EFA, DE)

2nd Vice-Chair: Ms Marion WALSMANN (EPP, DE)

3rd Vice-Chair: Mr Ibán GARCIA DEL BLANCO (S&D, ES)

4th Vice-Chair: Mr Raffaele STANCANELLI (ECR, IT)

Committee on Civil Liberties, Justice and Home Affairs

Chair: Mr Juan Fernando LÓPEZ AGUILAR (S&D, ES)

1st Vice-Chair: Ms Maite PAGAZAURTUNDÚA (RE, ES)

2nd Vice-Chair: Mr Pietro BARTOLO (S&D, IT)

4th Vice-Chair: Mr Emil RADEV (EPP, BG)

The 3rd Vice-Chair will be elected in a forthcoming meeting

Committee on Constitutional Affairs

Chair: Antonio Tajani (EPP, IT)

1st Vice-Chair: Gabriele Bischoff (S&D, DE)

The 2nd, 3rd and 4th Vice-Chairs will be elected at a forthcoming meeting

Committee on Women’s Rights and Gender Equality

Chair: Ms Evelyn REGNER (S&D, AT)

1st Vice-Chair: Ms Eugenia RODRÍGUEZ PALOP (GUE/NGL, ES)

2nd Vice-Chair: Ms Gwendoline DELBOS-CORFIELD (Greens/EFA, FR)

3rd Vice-Chair: Ms Elissavet VOZEMBERG-VRIONIDI (EPP, EL)

4th Vice-Chair: Mr Robert BIEDROŃ (S&D, PL)

Committee on Petitions

Chair: Ms Dolors MONTSERRAT (EPP, ES)

1st Vice-Chair: Ms Tatjana ŽDANOKA (GREENS/EFA, LV)

2nd Vice-Chair: Ms Yana TOOM (Renew Europe, EE)

3rd Vice-Chair: Mr Ryszard CZARNECKI (ECR, PL)

4th Vice-Chair: Ms Cristina MAESTRE MARTÍN DE ALMAGRO (S&D, ES)

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

von der Leyen confermata con 383 voti. Maggioranza 374.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-16.

Cigno. Decollo.

«La ministra tedesca Ursula von der Leyen, designata dai Ventotto a succedere a Jean-Claude Juncker, è stata eletta dal Parlamento europeo presidente della Commissione europea ma con soli 383 voti a favore a fronte della maggioranza necessaria prevista di 374 voti. Quindi per soli 9 voti. I contrari sono stati 327. Ad annunciarlo è stato il presidente del Parlamento europeo David Sassoli.»

*

«Polemiche e incertezze solo in parte superate, almeno per il momento. La popolare tedesca Ursula von der Leyen, già ministro della Difesa, 60 anni, è la nuova presidente della Commissione europea, la prima donna alla guida dell’esecutivo Ue: candidata designata dal Consiglio dopo un negoziato lungo e difficile, ha superato l’esame del Parlamento Ue ottenendo 383 voti. Per vincere sarebbe stato sufficiente ottenere 374 preferenze su 747 eletti. I votanti sono stati 733, i voti contrari 327. “Sono molto onorata, la fiducia che riponete in me è la fiducia in un’Europa unita, da nord a sud, da est a ovest – ha commentato appena eletta -. Lavoriamo insieme in modo costruttivo perché il nostro sforzo è mirato a un’Europa unita e forte”. »

«I voti

Ha avuto il sostegno del Ppe, dei liberali di Renew Europe e dei tre quarti dell’S&D, mentre i socialisti tedeschi della Spd, gli austriaci, gli olandesi, i polacchi e gli ungheresi non si sono piegati e non l’hanno votata. Così come i Verdi, la sinistra Gue, parte dei conservatori dell’Ecr e di Identità e democrazia. I 14 deputati del M5S hanno dichiarato il loro sostegno mentre la Lega, che conta 29 eurodeputati, ha votato contro. Il discorso di presentazione di von der Leyen è stato fondamentale per convincere molti degli indecisi socialisti della vigilia. “Per me solamente una cosa è importante, l’Europa va rafforzata e chi la vuole fare fiorire mi avrà dalla sua parte, ma chi vuole indebolire questa Europa troverà in me una dura nemica”. “Vogliamo il multilateralismo e un commercio giusto, difendiamo l’ordine basato sulle regole, dobbiamo riscoprire la nostra unità”. Dichiarato con determinazione il suo europeismo e ricordato che “in mare c’è l’obbligo di salvare le vite”, ha anche sottolineato l’impegno per il raggiungimento della parità di genere. Il suo discorso è cominciato con la citazione di Simone Veil, la presidente del primo Parlamento Ue eletto a suffragio universale nel 1979. Von der Leyen ha promesso che “se gli Stati membri non proporranno abbastanza donne commissarie” non esiterà “a chiedere nuovi nomi”: “Rappresentiamo la metà della popolazione, vogliamo la nostra giusta quota”.»

«Salario minimo

Tutti i dossier dovranno essere affrontati con il “metodo europeo: siamo ambiziosi, non lasciamo indietro nessuno, offriamo prospettive”. Questo vuol dire rafforzamento della struttura industriale europea rappresentata dalle Pmi e completamento dell’Unione del mercato dei capitali. “C’è bisogno di un’economia forte, perché quello che vogliamo spendere prima dobbiamo guadagnarlo”. Quindi riaffermata la validità del Patto di stabilità, von der Leyen apre però alla possibilità “di usare tutta la flessibilità concessa dalle regole”. “L’economia deve essere al servizio delle persone”. E in un’economia sociale di mercato ogni lavoratore deve “guadagnare un salario minimo per una vita decorosa”. Dovrà essere elaborato il quadro legislativo nel rispetto dei mercati locali del lavoro. E dovrà anche essere creato uno schema europeo di assicurazione per la disoccupazione.»

«Stato di diritto e immigrazione

Socialisti e liberali volevano una posizione chiara sulla difesa dello Stato di diritto e l’hanno ottenuta: “La Rule of Law è il nostro strumento migliore per difendere le libertà e proteggere chi è più vulnerabile nella nostra Unione”, ha detto von der Leyen sottolinenando che “non ci possono essere compromessi” nel rispetto dello Stato di diritto. Questo vale in modo universale e dunque “in mare c’è l’obbligo di salvare le vite”. Von der Leyen propone un “nuovo patto sulla migrazione e l’asilo, incluso il rilancio della riforma di Dublino” e di fatto sembra aprire alle proposte avanzate dal ministro degli Esteri italiano, Enzo Moavero Milanesi, all’ultimo Consiglio. “Abbiamo bisogno di solidarietà”, ha detto la presidente che ha offerto “un ulteriore estensione” alla Brexit qualora ci fossero “buone ragioni”, perché in ogni caso “il Regno Unito resta nostro alleato, nostro partner e nostro amico”.»

* * * * * * *

Dunque, 383 voti quando la maggioranza era 374: essere eletta con uno scarto di soli sette voti non conferisce sicuramente una grande stabilità all’alta carica.

Hanno votato contro i socialisti tedeschi della Spd, gli austriaci, gli olandesi, i polacchi e gli ungheresi, i Verdi, la sinistra Gue, parte dei conservatori dell’Ecr e di Identità e democrazia.

Determinanti sono stati i voti dei rappresentanti del M5S, che così facendo si sono assunti una ben precisa responsabilità politica.

«C’è bisogno di un’economia forte, perché quello che vogliamo spendere prima dobbiamo guadagnarlo»

Bene.

Vedremo la von der Leyen all’opera: i giudizi si esprimono non sulle parole ma sui fatti.

Si è veramente curiosi di capire donde trarrà le risorse necessarie.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

von der Leyen. Sunto del discorso programmatico.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-16.

unione europea 001

Questa riportata sembrerebbe essere la traduzione più fedele del discorso programmatico fatto da Mrs Ursula von der Leyen nell’europarlamento.

*


Commissione europea, Von der Leyen: ‘In mare c’è obbligo di salvare le vite’

Lunedì di passione a Strasburgo per Ursula von der Leyen. Nel suo ultimo giro di consultazioni alla vigilia del cruciale voto di oggi, la candidata designata dai capi di Stato e di governo a presiedere la Commissione europea si è giocata il tutto e per tutto nell’offensiva finale alla ricerca dei voti necessari per essere confermata dal Parlamento Ue.

“Il Mediterraneo è diventato una delle frontiere più letali al mondo, in mare c’è l’obbligo di salvare le vite“, dice la candidata designata dai Ventotto alla presidenza della Commissione europea riscuotendo un applauso. “L’Ue ha bisogno di frontiere umane – ha aggiunto -, dobbiamo salvare le vite, ma anche dobbiamo ridurre la migrazione irregolare, lottare contro gli scafisti“.

“Voglio garantire che in una economia sociale di mercato ogni persona che lavora a tempo pieno possa avere un salario minimo che garantisca una vita dignitosa“. Così Ursula von der Leyen. “Perciò svilupperemo un quadro nel rispetto dei quadri di lavoro – ha aggiunto -, l’opzione ottimale è avere contrattazioni collettive con i sindacati perché loro possono adeguare il salario minimo al settore e al comparto. So che ci sono modelli diversi ma dobbiamo creare un quadro generale”.

Presenterò un accordo verde per l’Europa nei primi cento giorni del mio mandato“, ha detto la candidata designata dai Ventotto alla presidenza della Commissione europea intervenendo in aula a Strasburgo. “Una delle sfide pressanti” per l’Ue “è mantenere il pianeta sano. È la più grande responsabilità e opportunità del nostro tempo”, ha sottolineato von der Leyen. “Voglio che l’Europa diventi il primo continente climaticamente neutrale entro il 2050”, ha aggiunto la ministra tedesca, applaudita dall’emiciclo. “Per realizzare questo obiettivo – ha aggiunto – dobbiamo compiere passi coraggiosi insieme. Il nostro obiettivo di ridurre le emissioni” di Co2 “del 40% entro il 2030 non è sufficiente”, è necessario “andare oltre” puntando a una riduzione delle emissioni “del 50% se non 55%”.

“Noi vogliamo il multilateralismo, il commercio equo e difendiamo un ordine basato sulla legge” ma anche “procedere sullo stile europeo”. “Ma dobbiamo riscoprire la nostra unità e se siamo uniti dall’interno nessuno ci potrà dividere dall’esterno e allora potremo trasformare le sfide di domani in opportunità”, ha aggiunto.

Finalmente una donna è stata candidata alla presidenza della Commissione europea. Lo sono grazia a tutti coloro che hanno rotto le barriere e le convenzioni e che hanno costruito una Europa basata sulla pace, unita, e basata sui valori”, ha detto Ursula von der Leyen riscuotendo un applauso della Plenaria. Von der Leyen ha poi ricordato Simone Veil.

“Sono disposta a garantire una ulteriore proroga al recesso nel caso in cui fosse necessario più tempo per motivi validi”.

“Per me solamente una cosa è importante, l’Europa va rafforzata e chi la vuole fare fiorire mi avrà dalla sua parte, ma chi vuole indebolire questa Europa troverà in me una dura nemica“, ha detto ancora la candidata Ursula von der Leyen.   

IL PUNTO

I numeri sono in bilico, ma alla fine la ministra tedesca dovrebbe farcela, è la previsione che si fa tra i corridoi dell’Eurocamera, con i due partiti di governo in Italia – Lega e M5s – che pur non facendo parte della maggioranza a Strasburgo sarebbero orientati a votare a favore.

Certa dell’appoggio dei popolari, il suo gruppo, von der Leyen ha cercato di rassicurare le altre due forze pro-Ue – socialisti e liberali-centristi – su clima, difesa dello stato di diritto, riforma di Dublino e flessibilità nell’applicazione delle regole del Patto di stabilità. L’ultimo rush per racimolare il maggior numero di consensi calcolatrice alla mano per spuntare gli almeno 374 voti necessari. Anche dalla Lega sono arrivate aperture. Nonostante von der Leyen abbia cancellato l’incontro con il capogruppo di Identità e democrazia, il leghista Marco Zanni, fonti a Strasburgo hanno riferito di contatti intercorsi tra lo staff del gruppo sovranista al Parlamento europeo e quello della ministra tedesca.

“L’interlocuzione va avanti e si sta facendo una valutazione sul merito, al di là del mancato incontro. Non è escluso che la Lega alla fine voti a favore della candidata tedesca perché ad esempio sulla riforma di Dublino e sul tema dell’immigrazione abbiamo avuto buoni riscontri”, hanno spiegato le fonti. Il condizionale comunque è d’obbligo, almeno fino a quando il gruppo Identità e Democrazia – del quale fanno parte la Lega di Salvini e il Rassemblement National di Marine Le Pen, che ha fatto il punto anche con i tedeschi di Afd – si riunirà per decidere la posizione da adottare dopo averla ascoltata in Aula.

Insomma, malgrado le spaccature tra i socialisti e qualche franco tiratore, von der Leyen dovrebbe comunque riuscire ad incassare una maggioranza di sì. Magari pescando anche tra i “nazionalisti dei partiti di governo di Ungheria, Polonia e Italia”, sottolinea il Financial Times, che si chiede però a quel punto quanto la tedesca potrebbe “spingere su una procedura per deficit eccessivo nei confronti dell’Italia avendo avuto i voti della Lega” o sulla difesa dello stato di diritto verso Budapest e Varsavia.

“Stiamo valutando”, ha fatto sapere dal canto suo l’europarlamentare del M5S Fabio Massimo Castaldo, precisando che il Movimento deciderà dopo avere sentito le sue dichiarazioni. Castaldo ha però ricordato che le “apertura sul tema” del salario minimo da parte della tedesca “sono state sicuramente importanti” e il M5S “le ha apprezzate”. Dichiarazioni che si intrecciano e marciano di pari passo con la partita sui futuri commissari oramai entrata nel vivo.

L’Italia guarda al suo posto e non intende rinunciare ad ottenere una posizione di riguardo nel futuro esecutivo comunitario, come la Concorrenza o l’Industria, se non il Commercio. Ma quella partita – comunque in salita per la Lega – si aprirà subito dopo la conferma della candidata presidente. Quasi a voler sfidare il destino che l’attende domani intanto, von der Leyen ha fatto sapere che si dimetterà dalla sua carica di ministro della Difesa tedesca esattamente il giorno dopo. Una decisione che Angela Merkel, che probabilmente ha avuto un ruolo decisivo nelle mediazioni di queste ore, legge come “un segnale forte”: “La rispetto. E’ chiaro che vuole entrare con tutta la forza in una nuova fase della sua vita”, ha detto la cancelliera dicendosi “fiduciosa” sul risultato, di cui ha tra l’altro parlato ieri in una telefonata con il premier Giuseppe Conte.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

von der Leyen. Il rebus degli accordi sotterranei.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-16.

unione europea 001

Una cosa è quanto è detto in pubblico, ed una del tutto differente quanto si cerca di concordare nel segreto delle conventicole.

Si deve prendere atto che il miglior risultato possibile altro non sarà che il frutto di compromessi instabili e promesse impossibili da mantenersi. Consiglio Europeo ed europarlamento hanno due differenti maggioranze, inconciliabili tra di loro.

«Immortale odium et nunquam sanabile vulnus»: questa era la scritta sulla medaglia fatta coniare dalla massoneria in occasione del decesso di san Pio IX. E da quei tempi le sinistre sono degli odiatori fenomenali. Se i socialisti europei non avessero perso quaranta seggi oggi non ci sarebbero problemi:ma la colpa è loro, non degli altri.

A breve si potrà constatare quanta arte politica abbia Frau von der Leyen.

«Unhappy socialist and liberal MEPs could upset Ursula von der Leyen’s bid to be the next European Commission president in a vote this week»

«That might “not be the end of Europe,” but it would make an even bigger mess of the EU top jobs system»

«If she scrapes through after doing a deal with populists, it could also bode ill for future EU leadership»

«The German centre-right candidate needs at least 374 out of 747 votes to get past the finish line in the vote at 6PM in Strasbourg on Tuesday (15 July)»

«For their part, British diplomats estimated that von der Leyen would only get 357 votes in an informal calculation doing the rounds in EP corridors»

* * * * * * *

Un elemento sembrerebbe però emergere.

Questa legislazione dell’Unione Europea sarà travagliata e più che portare avanti idee costruttive, opinabili o meno, ma almeno omogenee e coerenti, sarà improntata a soddisfare odi impotenti e rabbie impossibilitate a sfogarsi con la distruzione di un avversario ritenuto essere un nemico mortale.


Von der Leyen’s EU vote far from sure

Unhappy socialist and liberal MEPs could upset Ursula von der Leyen’s bid to be the next European Commission president in a vote this week.

That might “not be the end of Europe,” but it would make an even bigger mess of the EU top jobs system.

If she scrapes through after doing a deal with populists, it could also bode ill for future EU leadership.

The German centre-right candidate needs at least 374 out of 747 votes to get past the finish line in the vote at 6PM in Strasbourg on Tuesday (15 July).

The parliament normally has 751 MEPs, but four of them have not taken up their seats yet.

If things go as her team predicts, she might get more than 400 in what would be a strong mandate to take the helm amid turbulent times in Europe.

She would need all the centre-right and liberal MEPs and a substantial majority of socialists to do it.

The Greens, eurosceptic MEPs, and far-left ones have said they will vote against her, but she has the centre-right and liberals on paper and the socialist split appeared to be tilting her way.

The German socialists had led the attack, even circulating a pamphlet in the European Parliament (EP) last week entitled “Why Ursula von der Leyen is an inadequate and unsuitable candidate”.

But over the weekend two big names from Germany’s centre-left SPD party – former party chief Sigmar Gabriel and former interior minister Otto Schily – publicly urged MEPs to back her.

A Danish Socialist MEP, Christel Schaldemose, also told Danish Radio on Sunday “at least” half the socialists will vote for her.

“She is likely to get it because the whole EPP [the centre-right group] and the liberals will back her. Enough socialists will also back her, especially the Spanish delegation, which wants to secure the EU Council deal, so it can get Borrell into a top job,” a source from the liberal Renew Europe group told EUobserver.

The EU leaders’ deal, agreed earlier this month, envisaged making Spain’s socialist foreign minister, Josep Borrell, the EU foreign relations chief as part of a package including von der Leyen’s nomination.

Secret ballot

But Tuesday’s secret ballot – a format which favours party rebels – could cause a surprise.

For their part, British diplomats estimated that von der Leyen would only get 357 votes in an informal calculation doing the rounds in EP corridors.

The British count assumed all Renew Europe MEPs would toe the group line.

But an EP source said as many as a quarter of Renew Europe’s 67 deputies might abstain in protest, especially if von der Leyen declined the group’s demand to reform the EU election system.

Her defeat “would not be the end of Europe”, Luxembourg’s socialist foreign minister Jean Asselborn told German newspaper Die Welt on Sunday.

“If Frau von der Leyen is not elected, one more round will be needed … the [EU] Council would have one month to come up with another idea,” he said.

But that scenario would make an even bigger mess in the EU institutions, after EU leaders recently broke their own rules on nominations, the so-called ‘Spiztenkandidat’ system, in favour of old-fashioned horse-trading.

It would be so unwelcome, the vote should be postponed until September unless von der Leyen was sure to win, Schaldemose, the Danish MEP said.

One way to avoid it would be if von der Leyen did a deal with Greens.

And the EP source said her office had held talks on giving the Greens a strong portfolio in the next EU commission, even though “nothing could be guaranteed”.

PiS deal?

Another way would be for von der Leyen to court the anti-federalist ECR group, the third largest with 70 MEPs.

But “the entire ECR group would vote against her” unless other groups let Poland’s ruling PiS party install its candidate, former prime minister Beata Szydlo, as the chair of the EU parliament’s employment and social affairs committee, another EP source said.

And the prospect of von der Leyen relying on the votes of one of Europe’s most populist parties, the PiS, which is under a sanctions procedure for abuse of rule of law, would not be a pretty one, Luxembourg’s Asselborn said.

Von der Leyen “has to express [herself] without doubt for the non-negotiability of the rule of law and for the principle of solidarity. In other words, against the Europe of Orban, Kaczynski, Le Pen and Salvini,” he said, naming PiS chief Jaroslaw Kaczynski, and three other leading EU populists from Hungary, France, and Italy.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Unione Europea. Frau Ursula von der Layen ed i socialisti europei.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-15.

unione europea 001

Dopo il niet dei Grüne, ecco arrivare il ni dell’Ecr e dei socialisti europei di S&D.

Fitto (Ecr), giudizio sospeso su candidatura Von der Leyen

«“Lunedì prossimo assumeremo una decisione” sulla candidatura di Ursula von der Leyen alla presidenza della Commissione Ue. Così il co-presidente dei Conservatori e riformisti europei (Ecr), Raffaele Fitto, dopo l’incontro del gruppo con la candidata dai capi di Stato e di governo a succedere a Jean-Claude Juncker. “Abbiamo ascoltato con attenzione il programma che per grandi linee è stato indicato dalla candidata”, ha spiegato Fitto, precisando però che “ci sono dei punti di criticità”. “Ci sono alcune posizioni – ha aggiunto – che per quanto ci riguarda vanno chiarite in modo dettagliato e specifico, dalle politiche migratorie alle politiche sulla difesa comune a livello europeo. Alcune questioni meritano” un “approfondimento” che “faremo nelle prossime ore, come delegazione dei Fratelli d’Italia e poi come Conservatori”.»

* * *

Dura la posizione dei socialisti europei. Hanno il dente avvelenato con i paesi del Visegrad.

«Mi è sembrata piuttosto deludente sui temi fondamentali»

«Su superamento di Dublino, flessibilità per investimenti, stato di diritto, migration compact e altre cose per ora è stata molto vaga. Sembra molto orientata all’austerità. Vediamo …. è il primo incontro e le abbiamo chiarito le priorità. Mi aspettavo qualcosa di più, di meglio e soprattutto di più innovativo»

«A essere benevoli è stata evasiva»

«In particolare sui temi sociali e sui temi della riforma economica, istituzionale e sull’immigrazione. Adesso è molto presto per tirare le conclusioni, ma diciamo che questo primo incontro lascia più vuoti che risposte»

«L’incontro del gruppo dei Socialisti e democratici con la candidata alla presidenza della Commissione europea, Ursula von der Leyen, è stato molto deludente»

«L’incontro del gruppo dei Socialisti e democratici con la candidata alla presidenza della Commissione europea, Ursula von der Leyen, è stato molto deludente …. A fronte di positivi impegni su ambiente e su alcuni temi sociali, sono mancate risposte chiare su questioni dirimenti come la flessibilità di bilancio, il rilancio degli investimenti, la riforma di Dublino, i salvataggi in mare e la difesa dello strato di diritto»

* * * * * * *

Frau Ursula von der Leyen ha fatto un gran numero di promesse contrastanti: mantenerle sarà un gran problema.

Questa sarebbe stata la situazione ideale per un Richelieu oppure per un Von Bismarck: quelli erano statisti che lasciavano tutti contenti e soddisfatti, anche se alla fine erano solo loro quelli che avevano guadagnato qualcosa. Ma Frau von der Leyen non è Richelieu.


Ansa. 2019-07-11. Ue: Calenda (Pd), deludente incontro con von der Leyen

“Mi è sembrata piuttosto deludente sui temi fondamentali”. Così l’eurodeputato Pd Carlo Calenda, commentando con i giornalisti l’incontro del gruppo S&D con Ursula von der Leyen, designata dai capi di Stato e di governo alla presidenza della Commissione Ue. Su “superamento di Dublino, flessibilità per investimenti, stato di diritto, migration compact e altre cose – ha spiegato Calenda – per ora è stata molto vaga. Sembra molto orientata all’austerità. Vediamo”, ha aggiunto l’eurodeputato, “è il primo incontro” e “le abbiamo chiarito le priorità. Mi aspettavo qualcosa di più, di meglio e soprattutto di più innovativo”. 

“A essere benevoli è stata evasiva”. Così l’eurodeputata Pd Patrizia Toia, commentando con i giornalisti l’incontro del gruppo S&D con Ursula von der Leyen, designata dai capi di Stato e di governo alla presidenza della Commissione Ue. “In particolare – ha spiegato – sui temi sociali e sui temi della riforma economica, istituzionale e sull’immigrazione. Adesso – ha aggiunto Toia – è molto presto per tirare le conclusioni”, ma “diciamo che questo primo incontro lascia più vuoti che risposte”.

“L’incontro del gruppo dei Socialisti e democratici con la candidata alla presidenza della Commissione europea, Ursula von der Leyen, è stato molto deludente”, si legge in una nota degli eurodeputati Pd. “A fronte di positivi impegni su ambiente e su alcuni temi sociali, sono mancate risposte chiare su questioni dirimenti come la flessibilità di bilancio, il rilancio degli investimenti, la riforma di Dublino, i salvataggi in mare e la difesa dello strato di diritto”, spiega la nota. “Da questo punto di vista – prosegue – è evidente che occorre un negoziato approfondito che porti a impegni chiari e inequivoci sul programma della futura Commissione, e su un processo istituzionale che rimetta al centro il Parlamento europeo, uscito ferito dalla scelta del Consiglio europeo di non rispettare il principio degli Spitzenkandidaten. Siamo stati eletti – conclude la nota – per rilanciare e cambiare l’Europa e resteremo fedeli a questo mandato”.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Unione Europea. I Verdi non voteranno Ursula von der Layen.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-11.

unione europea 001

Le ultime elezioni, sia quelle europee sia quelle politiche nei singoli stati, hanno indotto una mutazione sostanziale del quadro politico europeo.

Si stanno scontrando due opposti modi di concepire l’Unione Europea.

Le elezioni europee hanno visto i partiti tradizionali perdere una quarantina di seggi ciascuno, e con essi la maggioranza. Questa può essere raggiunta solo con il contributo dei liberal e dei verdi, recependo quindi, sia pure parzialmente, le loro istanze.

Nelle passate gestioni era stato messo a punto il metodo dello Spitzenkandidat, secondo il quale Commissione ed europarlamento uscente avrebbe potuto designare l’eurodirigenza subentrante, dando per scontato che la situazione politica restasse immutata.

Nel Consiglio Europeo, ossia l’assemblea dei capi di stato o di governo, i paesi ad impronta identitaria sovranista non raggiungono la maggioranza, ma dispongono di una minoranza che è in grado di porre il veto: molte decisioni devono infatti essere prese alla unanimità e molte altre ancora a maggioranza qualificata.

*

Allo stato attuale, il Consiglio Europeo è di fatto una confederazione di stati: un’Europa delle Nazioni.

Così gli identitari sovranisti hanno bocciato dapprima la candidatura di Herr Weber, quindi quella di Herr Timmernmanns. Hanno appoggiato la nomination di Frau Ursula von der Leyen dietro l’assicurazione che questa non avrebbe interferito nei problemi interni, non avrebbe avallato il rule of law né la presenza delle ngo, oppure misure contro l’economica del carbone, per non parlare poi degli lgbt, etc.

La von der Leyen ha ottenuto la nomination sotto queste clausole.

Gli europarlamentari se la sono legata al dito. Quello che una volta era il loro alleato, il Consiglio Europeo, è diventato il loro nemico: la entità che blocca la strada all’attuazione dello stato europeo guidato da codesto europarlamento.

È sequenziale che gli eurodeputati schiumino di rabbia impotente nei confronti degli identitari sovranisti.

Gran brutta bestia la superbia. Porta a credere che la propria volontà possa essere onnipoente. Ma quando i fatti o gli ‘altri‘ la conculcano, la superbia genera un odio esistenziale. Gli ‘altri‘ transitano da avversari politici a nemici mortali, nemici da sterminare. Ma quando ciò non siamo materialmente possibile, ecco che si genera una sordida rabbia ompotente.

Mettendosi sotto i piedi i regolamenti parlamentari, questi europarlamentari hanno impedito l’accesso alle cariche di nomina parlamentare agli identitari sovranisti, ma la guerra prosegue imperterrita. Il vero potere non risiede in quelle cariche.

Se l’europarlamento ratificasse la nomina di Frau von der Leyen accetterebbe di fatto la sua sconfitta strategica ed il trionfo dell’Europa delle Nazioni.

* * * * * * * * * * *

«The Greens of the European parliament will not back Ursula von der Leyen nomination to become the next European Commission president»

«The decision comes after Green MEPs were left unsatisfied with the German defence minister’s responses in a hearing with the group»

«The statements of Ursula von der Leyen were disappointing. We did not hear any concrete proposal, be it on rule of law or on climate. We have been elected on a mandate for change and we don’t see how change will be possible with this candidate»

«only a few weeks after the climate elections …. von der Leyen is ignoring the climate emergency and even wants to aim for lower climate targets than previously agreed by the European Parliament»

«To secure a broad majority in the 751-seat European Parliament in next week’s vote to be approved as commission president, von der Leyen needs the support of the fourth largest group – the 74 Green MEPs»

«The Greens’ move could sway the mood even further against von der Leyen among the Socialists, some of whom are already sceptical about von der Leyen and are upset about EU leaders disregard for the lead candidate process»

«The 60-member ECR, with whom von der Leyen met with on Tuesday, will decide next Monday whether to support the German minister for the commission top post.»

«But Polish members have also indicated they might reject her because the Polish ruling party, Law and Justice’s candidates for parliament committee jobs were voted down earlier on Wednesday»

«Green MEPs grilled her on climate, trade, taxes and rule of law. The president of the European Commission needs to be the guardian of the rule of law and European values. Ursula von der Leyen evaded our questions on the rule of law and democracy in Europe. This is a major shortcoming on one of the main questions that the EU is confronted with»

«But she evaded questionson whether she would expel Hungary’s ruling Fidesz party from the centre-right European People’s Party (EPP), to which she belongs»

«Von der Leyen also refused to answer when MEP Sven Giegold asked if she would hold onto Martin Selmayr, the commission’s chief civil servant»

* * * * * * * * * * *

Tutti i giochi sono ancora aperti, ivi compreso un rimando delle votazioni d ottobre, dopo che in Germania si siano svolte le elezioni dei Länder orientali.

Però, a nostro sommesso avviso, il concetto di Europa delle Nazioni ha vinto sull’europarlamento dello stato Europeo.

Infatti il Consiglio Europeo deve deliberare sui bilanci alla unanimità, e l’ostracismo dato ad Italia, Polonia ed Ungheria non esiterà in un loro voto favorevole.


EU Observer. 2019-07-11. Greens reject von der Leyen’s EU commission bid

The Greens of the European parliament will not back Ursula von der Leyen nomination to become the next European Commission president, the group said in a statement on Wednesday evening (10 July).

The decision comes after Green MEPs were left unsatisfied with the German defence minister’s responses in a hearing with the group.

“The statements of Ursula von der Leyen were disappointing. We did not hear any concrete proposal, be it on rule of law or on climate. We have been elected on a mandate for change and we don’t see how change will be possible with this candidate,” Green co-chair Ska Keller said in a statement.

Co-chair Philippe Lamberts added that “only a few weeks after the climate elections”, von der Leyen “is ignoring the climate emergency and even wants to aim for lower climate targets than previously agreed by the European Parliament”.

The Belgian MEP said the Greens stand behind the lead candidate process, which was meant to catapult the man or woman nominated by the group which won the European elections into to the top commission job.

The 60-year old von der Leyen was nominated by EU heads of states and governments last week, despite not having run as a lead candidate in the European elections.

The Greens have proved to be the toughest hurdle for the German Christian democrat politician, an ally of chancellor Angela Merkel, as she met with parliamentary groups on Wednesday in Brussels.

To secure a broad majority in the 751-seat European Parliament in next week’s vote to be approved as commission president, von der Leyen needs the support of the fourth largest group – the 74 Green MEPs.

The Greens’ move could sway the mood even further against von der Leyen among the Socialists, some of whom are already sceptical about von der Leyen and are upset about EU leaders disregard for the lead candidate process.

This would push von der Leyen’s support base in the parliament further to the right.

Green MEP Ernest Urtasun said after the meeting that the German minister made “no relevant effort to get the Green votes”.

“It was a simple courtesy visit. She is without any doubt counting on ECR [European Conservatives and Reformists] to get elected, which really creates a more than doubtful majority around the next European Commission. Sad for Europe if this is confirmed,” he said.

The 60-member ECR, with whom von der Leyen met with on Tuesday, will decide next Monday whether to support the German minister for the commission top post.

But Polish members have also indicated they might reject her because the Polish ruling party, Law and Justice’s candidates for parliament committee jobs were voted down earlier on Wednesday.

HR issues

Green MEPs grilled her on climate, trade, taxes and rule of law.

“The president of the European Commission needs to be the guardian of the rule of law and European values. Ursula von der Leyen evaded our questions on the rule of law and democracy in Europe. This is a major shortcoming on one of the main questions that the EU is confronted with,” Keller said.

When Green MEP Terry Reintke questioned von der Leyen whether she would support Dutch commission vice-president Frans Timmermans to continue his work on rule of law, von der Leyen said he could have the position if he wants it.

But she evaded questionson whether she would expel Hungary’s ruling Fidesz party from the centre-right European People’s Party (EPP), to which she belongs.

Von der Leyen also refused to answer when MEP Sven Giegold asked if she would hold onto Martin Selmayr, the commission’s chief civil servant, EU commission president Jean-Claude Juncker’s former German chief of staff, whose appointment last year the EU ombudsman criticised as “maladministration”.

Von der Leyen said it was not good to talk about “HR issues publicly” and added that she would like to have an international team.

“This non-answer will nurture rumours that he [Selmayr] might stay in a key commission position,” Giegold said later.

MEPs will vote on the new commission president next Tuesday or Wednesday.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

von der Leyen. Sta a vedere che la eleggeranno i sovranisti….

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-10.

Cigno. Decollo.

Una cosa è la nomination ed una ben differente la conferma nell’europarlamento.

This Week in Europe: Council nominees, Croatian euro bid and more

«Though in theory the alliance in the Parliament of the EPP, S&D and Renew Europe should easily provide enough votes, a large scale rebellion is expected among the Socialist group. To win the vote von der Leyen may therefore be reliant on support from right-wing populists in Italy and Eastern Europe, securing their votes in exchange for more powerful portfolios for those countries’ Commissioners. This strategy will likely be effective, though will raise questions over the influence that anti-EU forces will have over the next Commission. The vote in the Parliament is expected on the 16th. If von der Leyen is approved, she will become the first female Commission President ….

many have criticised the fact that all the posts went to Western Europeans, with no attempt to reflect a geographic balance.»

*

«This week, mainstream political groups in the newly-elected European Parliament revealed their intentions to POLITICO to block far-right Identity & Democracy (ID) members from chairing committees on agriculture and legal affairs. Marine Le Pen and Matteo Salvini’s bloc claimed the right to chair the two committees, but the EPP, the S&D group, the Greens and the liberal Renew Europe group seem to have formed an anti-ID coalition, proposing an alternative chair in both committees. In the European Parliament, the chairs of committees are divided based on each group’s weight in votes through a principle of proportionality, but the mainstream groups are seeking to override the system in this case. The conservative ECR group decided to not take part in the “cordon sanitaire”.»

* * * * * * *

Non c’è che dire.

«In the European Parliament, the chairs of committees are divided based on each group’s weight in votes through a principle of proportionality, but the mainstream groups are seeking to override the system in this case»

“The EPP, the S&D group, the Greens and the liberal Renew Europe group”: dicono di essere democratici solo quando torna loro comodo, ma nei fatti sono razzisti come nazionalsocialisti incalliti.

Vogliono il potere per il potere, ma poi alla fine si arriverà bene il momento in cui aver bisogno della unanimità per far passare i bilanci nel Consiglio Europeo.

Ppe ed S&D dovrebbe lamentarsi solo con sé stessi per aver perso quaranta seggi a testa.

Ma non esistono solo il Ppe ed S&D.

Greens yet to be convinced by von der Leyen nomination

«Ursula von der Leyen cannot yet count on the votes of the Greens in the European Parliament for her candidacy for the presidency of the European Commission.

“She got there only thanks to Emmanuel Macron and Angela Merkel. I am not convinced she will be able to take decisions that go against their national interest”, Philippe Lamberts, the co-president of the Greens in the European Parliament said on Tuesday (8 July) on Belgian radio.»

von der Leyen dovrà ben tener presente che se si vota nell’europarlamento sia vota anche in Consiglio Europeo.

Si preannuncia una legislatura alquanto burrascosa..


Ansa. 2019-07-08. Von der Leyen a Bruxelles, settimana calda in vista voto Pe

Comincia oggi a Bruxelles la settimana che determinerà il futuro politico europeo di Ursula Von der Leyen, designata dai capi di stato e di governo a succedere a Jean-Claude Juncker. La ministra tedesca, in attesa del voto del Parlamento europeo che dovrebbe tenersi il 16 luglio a Strasburgo sulla sua nomina alla presidenza della commissione europea, incontrerà nel tardo pomeriggio a Palais d’Egmont a Bruxelles il primo ministro belga dimissionario Charles Michel, scelto dal Consiglio europeo per succedere a Donald Tusk. Mercoledì invece Von der Leyen si riunirà al Parlamento Ue con la Conferenza dei presidenti, e nel corso della giornata dovrebbe incontrare anche il gruppo S&D e gli ex liberali di Renew Europe. Obiettivo della missione del ministro tedesco a Bruxelles è assicurarsi il sostegno politico necessario per passare l’esame dell’aula nella prossima plenaria di Strasburgo.

Per il via libera alla sua nomina, Von der Leyen avrà bisogno del sostegno della maggioranza assoluta dell’emiciclo (376 voti). I Verdi hanno già annunciato che si opporranno alla candidatura, ma per ottenere i voti necessari dovrebbe bastare il sostegno dei tre principali gruppi dell’Eurocamera – Ppe, S&D e Renew Europe – che sommati hanno 444 seggi. L’incognita però è rappresentata dai socialisti, con una parte degli eurodeputati del gruppo – i tedeschi della Spd in testa – che si prepara a votare contro. In questo scenario, una carta da giocare per Von der Leyen potrebbe essere quella dei Conservatori Ecr, di cui fanno parte i polacchi del PiS che hanno già dato il loro sostegno alla tedesca in Consiglio.