Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Unione Europea ed il mito del 2050. Cui prodest?

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-29.

2019-06-23__Destatis_popolazione_050__001

Four states block EU 2050 carbon neutral target

«Poland, Czech Republic, Hungary, and Estonia prevented the EU from adopting a clear long-term climate neutrality goal at the summit in Brussels on Thursday evening (20 June).

The central and eastern European leaders could not get behind a draft text which said the EU should take measures “to ensure a transition to a climate-neutral EU by 2050”

Climate neutrality refers to an economy in which the emission of greenhouse gases caused by human activity is mostly prevented, and any remaining emissions are compensated through for example planting additional trees or capturing emissions and storing them.

That 2050 target seemed to gain momentum recently after the EU’s largest state, Germany, decided to support it.

Consensus is needed for leaders to adopt official conclusions.

Meanwhile at the summit, the leaders did agree in the text to submit a long-term climate strategy to the UN climate body in “early 2020”, and adopted a Strategic Agenda which identified climate action as one of the EU’s priorities.»

* * * * * * *

Tutte queste parole diventano immediatamente comprensibili leggendosi con cura il testo rilasciato dal Consiglio Europeo.

«The EU and its Member States remain committed to scaling up the mobilisation of international climate finance from a wide variety of private and public sources and to working towards a timely, well-managed and successful replenishment process for the Green Climate Fund»

La posta in gioco è il governo del Green Climate Fund, che dovrebbe essere finanziato con un minimo di duecento miliardi di euro all’anno.

Tuttavia i budget pluriennali devono essere deliberati alla unanimità, cosa che Poland, Czech Republic, Hungary, ed Estonia hanno bloccato, con grande sollievo di molti, perché la maggior quota avrebbe dovuto essere elargita a Francia e Germania.

Ci si dovrebbero sobbarcare duecento miliardi all’anno per trenta anni per arrivare ecologicamente puliti al famoso 2050, ossia tra trenta anni. Ma duecento per trenta rende 6,000.

Adesso abbiamo in Europa Frau Merkel, Mr Macron, Mr Juncker, etc, ma sarà ben difficile che durino in carico fino al 2050. Nulla vieterebbe di pensare che a questi possano nel tempo subentrare governanti con visioni politiche diametralmente opposte. In Italia un governo gialloverde è subentrato a quello del partito democratico e pochi lo avevano previsto.

La conseguenza sarebbe solo che grandi investimenti sarebbero stati spesi senza costrutto.

* * * * * * *

«lunga promessa con l’attender corto / ti farà trïunfar ne l’alto seggio»

Con questa frase Guido da Montefeltro finì all’inferno, mentre gli eurocrati contano invece di arricchirsi.

Tra trenta anni tutti gli attuali over-65 saranno deceduti, e quindi non ne potranno materialmente godere dei promessi vantaggi.

Domandiamoci allora in quale mondo vivranno gli attuali ventenni, giunti alla soglia dei cinquanta.

L’unico dato sicuro è quello demografico, ed in questo ci aiuta Destati, l’Istituto di Statistica tedesco. Pigliamo in considerazione la Germania per alleggerire l’esposizione dei dati che sono peraltro estensibili a quasi tutta l’Unione Europea.

Destatis.

Al momento attuale, la popolazione tedesca ha 10.833 milioni di persone sotto i 15 anni, 54.165 milioni in età compresa tra i 15 ed i 64, e 17.779 milioni di over-65.

«Regarding the immigrant background, 22.5% of the country’s residents, or more than 18.6 million people, were of immigrant or partially immigrant descent in 2016 (including persons descending or partially descending from ethnic German repatriates).»

«In 2015, 36% of children under 5 were of immigrant or partially immigrant descent»

Il conto è semplice: dei 10.883 milioni di under-15 solo 6.933 milioni sono di stirpe germanica.

Il tasso medio di fertilità, 1.42, è sostenuto dalle nascite dagli immigrati: quello delle tedesche autoctone è poco sotto la unità.

Per il 2050 Destatis prevede una popolazione tedesca di 65.742 milioni, sotto la ipotesi W0, con una contrazione della popolazione autoctona dagli attuali 64.191 milioni a 42.027 milioni.

Però, di questi 42.027 milioni oltre 23 saranno over-65.

* * * * * * *

È naturale che si auguri a tutti ogni sorta di bene, ma le prospettive di vita dei tedeschi nel 2050 sono tutto tranne che rosee. Il termine ‘Germania‘ indicherà una realtà geografica, non più un popolo od una nazione.

Forse una cifra di tale portata potrebbe trovare destinazioni maggiormente proficue.

Annunci
Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Polonia, Repubblica Ceka, Ungheria ed Estonia bloccano la EU sul carbone.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-24.

2019-06-22__Clima__001

«Poland, Czech Republic, Hungary, and Estonia prevented the EU from adopting a clear long-term climate neutrality goal at the summit in Brussels on Thursday evening (20 June).»

«The central and eastern European leaders could not get behind a draft text which said the EU should take measures “to ensure a transition to a climate-neutral EU by 2050” – a date too specific for them»

«Poland was leading the opposition, with support from the Czech Republic and Hungary»

«A clear commitment for the 2050 date was also missing from Estonia, an EU source said on condition of anonymity.

Another EU source said “three and a half states” were against – in an illustration of the non-committal stance of Estonia»

«But in the end, the leaders decided to scrap the 2050 commitment»

«The final text now says the EU aspires to climate neutrality “in line with the Paris agreement”, and the mention of the year 2050 was moved to a footnote»

«Ironically, in the text published on the European Council website on Thursday evening, the footnote initially was not included»

* * * * * * *

Per meglio comprendere il significato di questa posizione si dovrebbe leggere con cura il testo rilasciato dal Consglio Europeo.

«European Council conclusions on the MFF, climate change, disinformation and hybrid threats, external relations, enlargement and the European Semester, 20 June 2019

  1. Multiannual financial framework

  2. The European Council welcomed the work done under the Romanian Presidency and took note of the various elements of the MFF package. It called on Finland’s Presidency to pursue the work and to develop the Negotiating Box. On that basis the European Council will hold an exchange of views in October 2019, aiming for an agreement before the end of the year.

III. Climate change

  1. The European Council emphasises the importance of the United Nations Secretary General’s Climate Action Summit in September for stepping up global climate action so as to achieve the objective of the Paris Agreement, including by pursuing efforts to limit the temperature increase to 1.5°C above pre-industrial levels. It welcomes the active involvement of Member States and the Commission in the preparations.

  2. Following the sectoral discussions held over recent months, the European Council invites the Council and the Commission to advance work on the conditions, the incentives and the enabling framework to be put in place so as to ensure a transition to a climate-neutral EU in line with the Paris Agreement [1] that will preserve European competitiveness, be just and socially balanced, take account of Member States’ national circumstances and respect their right to decide on their own energy mix, while building on the measures already agreed to achieve the 2030 reduction target. The European Council will finalise its guidance before the end of the year with a view to the adoption and submission of the EU’s long-term strategy to the UNFCCC in early 2020. In this context, the European Council invites the European Investment Bank to step up its activities in support of climate action.

  3. The EU and its Member States remain committed to scaling up the mobilisation of international climate finance from a wide variety of private and public sources and to working towards a timely, well-managed and successful replenishment process for the Green Climate Fund.»

Dapprima esprime un enunciato di principio:

«take account of Member States’ national circumstances and respect their right to decide on their own energy mix»

Poi si arriva al nocciolo vero.

«Multiannual financial framework …. Green Climate Fund»

L’obiettivo è arrivare a varare un piano finanziario pluriennale che sostenga il Green Climate Fund, le risorse del quale saranno impiegate per sostenere le economie tedesca, francese ed olandese.

Interessano i soldi: il ‘clima’ è solo la foglia di fico che santificherebbe il saccheggio.

Ma il piano finanziario pluriennale deve essere approvato dal Consiglio Europeo alla unanimità, e l’epoca in cui l’asse francogermanico era onnipotente è tramontata.


EU Observer. 2019-06-22. Four states block EU 2050 carbon neutral target

Poland, Czech Republic, Hungary, and Estonia prevented the EU from adopting a clear long-term climate neutrality goal at the summit in Brussels on Thursday evening (20 June).

The central and eastern European leaders could not get behind a draft text which said the EU should take measures “to ensure a transition to a climate-neutral EU by 2050” – a date too specific for them.

Poland was leading the opposition, with support from the Czech Republic and Hungary.

A clear commitment for the 2050 date was also missing from Estonia, an EU source said on condition of anonymity.

Another EU source said “three and a half states” were against – in an illustration of the non-committal stance of Estonia.

“There was lots of back and forth and ‘how can we persuade you’,” added the source.

But in the end, the leaders decided to scrap the 2050 commitment.

The final text now says the EU aspires to climate neutrality “in line with the Paris agreement”, and the mention of the year 2050 was moved to a footnote.

“For a large majority of member states, climate neutrality must be achieved by 2050,” that footnote said.

Ironically, in the text published on the European Council website on Thursday evening, the footnote initially was not included.

Climate neutrality refers to an economy in which the emission of greenhouse gases caused by human activity is mostly prevented, and any remaining emissions are compensated through for example planting additional trees or capturing emissions and storing them.

The reference of climate neutrality “in line with the Paris agreement” is open to interpretation.

The global climate agreement, clinched in 2015 in the French capital, said that the entire world should reach climate neutrality “in the second half of this century”.

However, the Paris deal also said that efforts must be made to limit global warming to an average temperature rise of 1.5C, compared to pre-industrial levels.

The failure to reach a consensus on 2050 will be a disappointment to many who saw positive signs in recent weeks.

That 2050 target seemed to gain momentum recently after the EU’s largest state, Germany, decided to support it.

Also earlier this month, the United Kingdom, although leaving the EU, committed to a domestic zero-emissions target by 2050, while Italy also came on board.

But at the EU summit in Brussels it proved to be impossible to convince the last quartet of sceptics.

Consensus is needed for leaders to adopt official conclusions.

One diplomatic source said the reluctance of some coal-dependent member states was “expected”.

“It’s easier for Scandinavian countries to commit to climate neutrality,” he said.

“These are known differences [between the member states]”, he added.

Poland’s permanent representation in Brussels said in a tweet that prime minister Mateusz Morawiecki “defends [Poland]’s interests in discussion about climate policy”.

“Fair distribution of climate protection costs means taking into account the specificities of [member states]. Climate goals are important in the same way as their implementation, taking into account citizens & economy,” it said.

‘Blew it’

But non-governmental organisations were frustrated with the outcome.

Greenpeace said that Europe’s governments “had a chance to lead from the front and put Europe on a rapid path to full decarbonisation”.

“They blew it,” the environmental lobby group added.

Friends of the Earth meanwhile called the vetoes “criminal behaviour”.

“The reference to being in line with the Paris agreement in such a flimsy text makes a mockery of that agreement, and should not be allowed to stand,” said WWF.

The diplomatic source stressed, however, that the EU was “still ambitious” and that he never expected the final target year to be agreed at this summit.

“The climate debate is not finished. It will come back, certainly, in December,” he said.

Meanwhile at the summit, the leaders did agree in the text to submit a long-term climate strategy to the UN climate body in “early 2020”, and adopted a Strategic Agenda which identified climate action as one of the EU’s priorities.

The Strategic Agenda, covering the 2019-2024 period, said the EU’s policies should be “consistent with the Paris agreement” – but also did not contain a specific year for carbon neutrality.

“As the effects of climate change become more visible and pervasive, we urgently need to step up our action to manage this existential threat. The EU can and must lead the way, by engaging in an in-depth transformation of its own economy and society to achieve climate neutrality,” it said.

Another new impetus for the climate debate will be on 1 July when Finland takes over the helm for six months as EU president.

Earlier this month Finland said it wanted to be climate neutral by 2035.

In the early hours of Friday, European Council president Donald Tusk told press “reaching unanimity was not possible today”.

“However, we have good reason to believe that this may change, as no country ruled out the possibility of a positive decision in the coming months,” said Tusk.

Pubblicato in: Cina, Commercio, Geopolitica Mondiale, Unione Europea

Cina. Nuova Via della Seta. 6,000 miliardi Usd in cinque anni.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-01.

Cina

«Nel 2018, l’economia cinese si è mantenuta complessivamente stabile, mostrando nel frattempo qualche miglioramento»

*

«Il tasso di crescita è stato del 6,6% annuo, al primo posto tra le prime cinque economie del mondo, contribuendo per il 30% della crescita globale»

*

«Il commercio estero cinese ha sfondato la soglia di 30 mila miliardi di renminbi, con un incremento relativo del 9,7%»

*

«Sono stati 13 milioni e 600 mila i nuovi posti di lavoro creati e più di 13 milioni e 800 mila i residenti rurali usciti dalla soglia di povertà»

*

«Da oltre cinque anni, la costruzione della nuova Via della Seta procede dal particolare al generale, avanzando nella pratica e crescendo con la cooperazione»

*

«Ad oggi sono già 123 i paesi e 29 le organizzazioni internazionali che hanno sottoscritto con la Cina accordi di vario genere nell’ambito dell’iniziativa»

*

«Gli scambi commerciali tra la Cina e i paesi lungo questa nuova arteria commerciale hanno superato la quota di 6000 miliardi di dollari.»

*

«La Cina sostiene il principio della partecipazione di tutti alla discussione, alla realizzazione e alla condivisione della proposta nel promuovere la cooperazione internazionale sul tema, avanzando nello spirito della Via della Seta i concetti della cooperazione nella pace, dell’inclusione nell’apertura, nella vicendevole conoscenza e nel reciproco guadagno»

*

«Lo scorso anno il valore degli scambi commerciali bilaterali [Cina – Italia] ha raggiunto quota 54 miliardi e 23 milioni di dollari, stabilendo un nuovo primato storico, mentre il complesso  degli investimenti nelle due direzioni ha superato il valore di 20 miliardi di dollari.»

* * * * * * *

La Cina sta seguendo la direttiva di Realpolitik che le è connaturata e che a suo tempo Mr Deng Xiaoping aveva ribadito con forza: i rapporti commerciali non devono essere condizionati da visioni ideologiche e nessuno deve permettersi di sindacare la politica interna degli stati.

Negli ultimi cinque anni la Nuova Via della Seta ha comportato interscambi per 6,000 miliardi di dollari americani. Mentre nei confronti dell’Unione Europea la Cine sembrerebbe ricercare prevalentemente rapporti bilaterali, nei confronti dei paesi europei ex est l’approccio è rappresentato dal Ceec, ovvero il 16 + 1.

Cina. Ceec, un nome da imparare. Dazi ridotti dal 17.3% al 7.7%.

Cina. Ulteriore potenziamento del Ceec, Europa dell’est.

Asia alla conquista dell’Europa dell’Est.

Cina e Serbia. Belt and Road si approfonda nei Balcani.

Cooperation between China and Central and Eastern Countries.

Ceec, China and Central and Eastern European Countries

Cina. Sta colonizzando l’Europa dell’Est e l’Unione si strappa i capelli.

Eastern Europe cozies up to China

*

«The 16+1 format is an initiative by the People’s Republic of China aimed at intensifying and expanding cooperation with 11 EU Member States and 5 Balkan countries (Albania, Bosnia and Herzegovina, Bulgaria, Croatia, the Czech Republic, Estonia, Hungary, Latvia, Lithuania, Macedonia, Montenegro, Poland, Romania, Serbia, Slovakia, Slovenia) in the fields of investments, transport, finance, science, education, and culture»

La attuale eurodirigenza uscente ha dei grandi problemi di rapporto diplomatico e politico con la Cina. Il giornale della confindustria tedesca ne ha recentemente preso atto in un lungo e dettagliato editoriale.

Cina. Grande Muraglia contro la Germania. – Handelsblatt.

«On paper there is nothing to stop German companies buying Chinese firms …. But the reality is very different»

Ue-Cina: Commissione, “Pechino partner strategico ma rivale sistemico che promuove modelli di governance alternativi”

«“L’Ue e la Cina sono partner economici strategici ma anche concorrenti.  …. parole del vicepresidente della Commissione Jyrki Katainen, …. “L’Unione europea e la Cina si sono impegnate a costruire un partenariato strategico globale, ma in Europa – si legge in un documento della Commissione – è sempre più diffusa la sensazione che l’equilibrio tra le sfide e le opportunità associate alla Cina si sia modificato”. La Cina “è al tempo stesso – vi si legge – un partner di cooperazione con obiettivi strettamente allineati a quelli dell’Ue, un partner di negoziato con cui l’Unione deve trovare un equilibrio di interessi, un concorrente economico che ambisce alla leadership tecnologica e un rivale sistemico che promuove modelli di governance alternativi”.»

Cina: l’Europa alzi la voce contro il mancato rispetto dei diritti umani

*

La posizione dell’attuale eurodirigenza uscente nei confronti della Cina è riassunto chiaramente dalla proposta di risoluzione del parlamento europeo          sullo stato delle relazioni UE-Cina, votata dal parlamento europeo il 2018-06-12:

«…. considerando che la situazione dei diritti umani in Cina ha continuato a peggiorare, con un’intensificazione dell’ostilità del governo nei confronti del dissenso pacifico, della libertà di espressione e di religione e dello Stato di diritto; che gli attivisti della società civile e i difensori dei diritti umani sono arrestati, processati e condannati sulla base di capi d’imputazione vaghi come quello di “sovvertire il potere dello Stato” e di “scatenare liti e provocare problemi”, e che spesso sono detenuti in isolamento in località ignote, senza alcun accesso a cure mediche o all’assistenza legale; che i difensori dei diritti umani e gli attivisti sono trattenuti, talvolta, in “sorveglianza residenziale in un luogo designato”, un sistema utilizzato per impedire a queste persone qualsiasi contatto, e che durante tale detenzione sono spesso segnalati torture e maltrattamenti; che la Cina continua a negare la libertà di espressione e la libertà di informazione, e sono stati incarcerati molti giornalisti, blogger e voci indipendenti; che, nel suo quadro strategico sui diritti umani e la democrazia, l’UE si è impegnata a far sì che i diritti umani, la democrazia e lo Stato di diritto siano promossi in tutti i settori della sua azione esterna, senza eccezioni, ponendo i diritti umani al centro delle sue relazioni con tutti i paesi terzi, ivi compresi i suoi partner strategici; che i vertici UE-Cina devono essere impiegati per ottenere risultati concreti nell’ambito dei diritti umani, segnatamente il rilascio dei difensori dei diritti umani, degli avvocati e degli attivisti incarcerati;»

Concludendo.

Vedremo come la nuova Commissione Europea si relazionerà con la Cina: quella uscente avrebbe voluto imporre alla Cina condizioni di interferenza con i suoi problemi politici interni, cosa che la Cina né vuole né può accettare. Di qui lo stallo delle trattative.


Sole 24 Ore. 2019-04-21. L’economia cinese cerca il progresso nella stabilità: prospettiva luminosa per la cooperazione italo-cinese

Qualche tempo fa, con l’avvenuta apertura delle Due Sessioni cinesi, lo sguardo di tutto il mondo si è concentrato su Pechino. Ho visto che anche la stampa italiana ha dedicato ampio spazio a questo evento. Non sono mancati dell’evento resoconti accurati e bene illustrati, ma allo stesso tempo c’è stato chi ha espresso preoccupazione per l’andamento dell’economia cinese, sollevando obiezioni nel merito della cooperazione sino-italiana, soprattutto per quanto riguarda l’iniziativa OBOR (One Belt One Road).

Nel merito di ciò, vorrei esprimere alcune opinioni personali. Alcune sfide attendono l’economia cinese, ma il suo andamento positivo sul lungo periodo non cambia. Nel 2018, l’economia cinese si è mantenuta complessivamente stabile, mostrando nel frattempo qualche miglioramento. Il tasso di crescita è stato del 6,6% annuo, al primo posto tra le prime cinque economie del mondo, contribuendo per il 30% della crescita globale. Il commercio estero cinese ha sfondato la soglia di 30 mila miliardi di renminbi, con un incremento relativo del 9,7%. Sono stati 13 milioni e 600 mila i nuovi posti di lavoro creati e più di 13 milioni e 800 mila i residenti rurali usciti dalla soglia di povertà. Sullo sfondo di un’economia globale complessivamente priva di vigore, questi risultati ottenuti dalla Cina non possono mutare. Nella relazione di governo delle due Assemblee, l’obiettivo di crescita per quest’anno è stato fissato al 6,0–6,5%. Trovo che si tratti di una decisione oggettiva, basata sull’attuale congiuntura economica interna ed esterna al Paese, oltre che di una scelta obbligata per un’economia cinese che punta verso alti standard di sviluppo.

L’economia cinese è vasta, solida e sta sviluppando in fretta nuovi processi e nuovi modelli di gestione. Di fronte alla congiuntura di quest’anno, più complessa e severa, svilupperemo attivamente le nostre eccellenze, continuando ad intensificare le riforme strutturali sul lato della domanda e ad allargare la nostra apertura all’estero, a promuovere un modello di sviluppo guidato dall’innovazione, ad accelerare l’avvicendamento tra energie vecchie e nuove. Inoltre, il Governo spera di stimolare ancora la vitalità dell’economia e del mercato cinesi con misure concrete quali politiche finanziarie e monetarie ragionate, l’abbassamento delle imposte e il contenimento delle spese. Siamo certi di vincere queste sfide e queste difficoltà, realizzando gli obiettivi di crescita fissati e contribuendo ancora allo sviluppo stabile e salutare dell’economia globale.

La cooperazione sino-italiana è vantaggiosa per entrambi i paesi e le prospettive della Via della Seta ampie ed estese. L’iniziativa OBOR non è uno strumento geopolitico, ma un’importante occasione per promuovere l’integrazione regionale e realizzare lo sviluppo di tutti. Da oltre cinque anni, la costruzione della nuova Via della Seta procede dal particolare al generale, avanzando nella pratica e crescendo con la cooperazione. Ad oggi sono già 123 i paesi e 29 le organizzazioni internazionali che hanno sottoscritto con la Cina accordi di vario genere nell’ambito dell’iniziativa. Gli scambi commercia-li tra la Cina e i paesi lungo questa nuova arteria commerciale hanno superato la quota di 6000 miliardi di dollari. Una serie di progetti fondamentali dell’iniziativa OBOR è realizzata ed in funzione, giovando concretamente a diversi popoli. La Cina sostiene il principio della partecipazione di tutti alla discussione, alla realizzazione-ne e alla condivisione della proposta nel promuovere la cooperazione internazionale sul tema, avanzando nello spirito della Via della Seta i concetti della cooperazione nella pace, dell’inclusione nell’apertura, nella vicendevole conoscenza e nel reciproco guadagno. Tutto ciò ha poco o nulla a che fare con il “disegno egemonico” e la “trappola del debito” di cui qualcuno si diletta a parlare.

Attualmente l’andamento della cooperazione tra i nostri Paesi nell’ambito dell’iniziativa OBOR è molto positivo. Lo scorso anno il valore degli scambi commerciali bilaterali ha raggiunto quota 54 miliardi e 23 milioni di dollari, stabilendo-do un nuovo primato storico, mentre il complesso-so degli investimenti nelle due direzioni ha superato il valore di 20 miliardi di dollari. La cooperazione in settori come le infrastrutture portuali, le reti 5G, lo sviluppo di mercati in paesi terzi è in fase di ascesa. Il prossimo mese si terrà in Cina il secondo summit per la coopera-zione internazionale alla Via della Seta. Questo sarà un’altra ricca occasione per permettere ai diversi paesi di incontrarsi con le rispettive strategie e di intensificare la cooperazione effettiva. Poco tempo indietro, il premier Conte ha dichiarato che interverrà personalmente a questo evento in Cina, fatto che accogliamo con grande apprezzamento.

Quest’anno ricorre il quindicesimo anniversario del partenariato strategico tra i nostri Paesi, mentre il prossimo ricorreranno i cinquant’anni dallo stabilimento delle relazioni diplomatiche. Proprio in questo momento storico, il presidente Xi Jinping si appresta a compiere una visita di stato in Italia. Si tratterà del secondo viaggio in Italia di un Capo di Stato cinese in quasi dieci anni e della prima volta per Xi Jinping da quando ricopre questo incarico. Durante la visita, il Presidente discorrerà con i leader italiani dell’amicizia tra i nostri Paesi, per promuovere la cooperazione ed assistere alla firma di una serie di importanti accordi bilaterali. Inoltre, i due paesi rilasceranno una dichiarazione congiunta a stabilire le linee guida per lo sviluppo futuro delle relazioni sino-italiane, fissandone la direzione. Una visita storica che porterà con sé un’occasione storica. Spero che, con l’impegno condiviso delle Parti, esse riescano a coglierla, per approfondire la tradizionale amicizia sino-ita-liana, promuovendo a un livello più alto la cooperazione reciprocamente vantaggiosa tra i nostri Paesi ed arricchendo ancora e meglio i nostri Popoli.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria

Europa. Calendario Elettorale 2019.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-27.

Europa 002

Europa. Risultati Elettorali 2017.

Europa. Risultati Elettorali 2018.

L’Unione Europea è governata dalla Commissione Europea, dall’europarlamento, ma, soprattutto, dal Consiglio Europeo, formato dai capi di stato o di governo dei paesi afferenti l’Unione.

Molte decisioni sono prese a maggioranza semplice, ma spesso è richiesta quella qualificata. Sulle questioni essenziali serve invece la unanimità. Esiste infine il diritto di veto.

Ma il controllo del Consiglio Europeo lo si combatte nelle elezioni politiche dei singoli stati.


Riportiamo da Edn Hub il calendario elettorale 2019.

Bruxelles – Il 2019 sarà l’anno delle elezioni europee, che si svolgeranno dal 23 al 26 maggio in tutta Europa. Ogni Stato membro dell’Ue avrà la libertà di definire in quali e per quanti giorni mantenere aperte le urne sul proprio territorio, per l’Italia la data sarà domenica 26 maggio. Un momento cruciale, quello di fine maggio, per il destino dell’Unione tutta ma anche dei partiti tradizionali, negli ultimi due anni messi in grande difficoltà, se non oscurati, dall’ascesa dei partiti populisti e sovranisti.

Molti gli appuntamenti anche alle urne nazionali nel 2019, dall’Italia – al voto per regionali ed amministrative – alla Grecia, passando per altri 9 Stati membri (Belgio, Estonia, Finlandia, Slovacchia, Lituania, Danimarca, Portogallo, Polonia e Romania).

Il calendario elettorale del 2019:

– UE – Elezioni europee dal 23 al 26 maggio. Qui i risultati delle prime proiezioni.

– ITALIA – Le elezioni amministrative si svolgeranno insieme alle elezioni europee – in programma domenica 26 maggio – come avvenne 5 anni fa.

In alcune regioni si è già votato per le regionali:

– Abruzzo (10 febbraio). Gli abruzzesi hanno premiato il centrodestra ed eletto Marco Marsilio alla presidenza della Regione: netto il risultato, affluenza però in forte calo. Marsilio ha raccolto il 48,03% dei consensi, staccando il candidato del centrosinistra allargato Giovanni Legnini che si è fermato al 31,28%. M5S terzo con il 20,20% dei voti.
Sardegna (24 febbraio). Il centrodestra ha espugnato anche la Sardegna con 47,78%, il nuovo presidente della Regione è Christian Solinas. Staccato al secondo posto il centrosinistra, guidato da Massimo Zedda, con il 32,92% dei voti. Il Movimento Cinquestelle si è fermato all’11,20%.

Basilicata (24 marzo). Il candidato governatore della Basilicata per il centrodestra Vito Bardi ha vinto con il 42,20%. Secondo Carlo Trerotola del centrosinistra al 33,11%, terzo Antonio Mattia del Movimento 5 stelle con il 20,32%
Le prossime regioni al voto saranno il Piemonte (26 maggio, insieme alle europee) ed Emilia-Romagna e Calabria in autunno.

– BELGIO – Il partito fiammingo di destra N-VA è dato dai sondaggi in vantaggio rispetto al Partito Socialista. Le elezioni si terranno il 26 maggio con le europee. A seguito della spaccatura nel governo sul Global Compact per i migranti, lo scorso 18 dicembre il premier Charles Michel ha rassegnato le sue dimissioni al re. Il re lo ha incaricato di rimanere in carica per gli affari correnti fino alle elezioni del 2019. Michel era diventato primo ministro nell’ottobre del 2014 e guida una coalizione di centrodestra composta da quattro partiti.

– ESTONIA – Il 3 marzo l’Estonia ha virato a destra con la vittoria della destra liberale e un boom dei sovranisti. Il partito riformista di opposizione, guidato dall’ex europarlamentare Kaja Kallas, ha ottenuto il 28,8% dei consensi battendo il Partito centrista del premier uscente Juri Ratas che si è dovuto accontentare di un secondo posto con il 23,1% dei consensi. Ma la vera novità è rappresentata dalla formazione euroscettica Ekre che si è piazzata terza con il 17,8%,raddoppiando i consensi rispetto alle elezioni del 2015, come prevedevano i sondaggi. Dopo difficili negoziati, il Parlamento estone ha respinto la nomina a premier di Kallas, affidando all’ex primo ministro Juri Ratas l’incarico per la formazione di un governo. La nuova coalizione è composta dal Partito di Centro di Ratas (25 seggi), i conservatori di Isamaa (12) e, a sorpresa, EKRE (19 seggi), per un totale 56 seggi su 101. .

– SLOVACCHIA – Il 30 marzo, Zuzana Čaputová ha vinto il secondo turno delle elezioni presidenziali in Slovacchia, diventando la prima donna a ricoprire il ruolo di presidente del paese. Ha ottenuto il 58%, contro il 42% del suo avversario, Maroš Šefčovič, del partito di centrosinistra Direzione – Socialdemocrazia (Smer) e  commissario Ue per l’unione energetica dal 2014. Čaputová, avvocata ambientalista e attivista, fa parte del piccolo partito europeista Progressive Slovakia. Al primo turno, aveva ottenuto il 40,5% dei voti contro il 18,7% di Šefčovič. Nel 2018 la Slovacchia ha attraversato una crisi politica scatenata dall’omicidio del giornalista Jan Kuciak e della sua fidanzata, che ha portato alle dimissioni del primo ministro Robert Fico (Smer-SD). In seguito, l’ex presidente Kiska ha designato primo ministro ad interim Peter Pellegrini, anch’egli socialdemocratico. Le prossime elezioni parlamentari slovacche si terranno nel 2020.

– FINLANDIA – Il 14 aprile sono stati i cittadini finlandesi a recarsi alle urne per rinnovare il parlamento. La sinistra ha vinto di un soffio le elezioni politiche – e potrebbe tornare a guidare il governo dopo 20 anni – con un vantaggio risicato sui populisti dei Veri Finlandesi che hanno mancato un clamoroso trionfo per una frazione di punto. Il Partito socialdemocratico (Sdp), guidato di Antti Rinne, ha ottenuto il 17,7% rispetto al 17,5% dei ‘Veri Finlandesi’, alleati di Matteo Salvini. La partita per guidare il Paese è ora nelle mani dei socialdemocratici dell’ex sindacalista Rinne: la maggioranza dei finlandesi sembra aver puntato sulla lotta al cambiamento climatico e sulla difesa del generoso modello di welfare invidiato in tutto il mondo, ma indebolito da anni di austerità sotto il governo di centrodestra dell’ex premier Juha Sipila. Sipila si era dimesso il mese scorso proprio dopo la bocciatura della sua riforma sanitaria, che voleva ridurre sensibilmente i costi per la salute. E anche le urne hanno confermato che le sue ricette non sono state apprezzate: il suo partito di centro si è piazzato quarto, dietro anche ai conservatori.

– SPAGNA – Il premier spagnolo socialista, Pedro Sanchez, ha annunciato che le elezioni generali anticipate si terranno il 28 aprile. A febbraio il Parlamento iberico aveva bocciato il progetto di finanziaria di Sanchez, con i voti dei partiti di centro destra Pp e Ciudadanos e degli indipendentisti catalani. Per questo il premier ha ritenuto opportuno convocare elezioni anticipate. Secondo gli ultimi sondaggi, i socialisti sarebbero in vantaggio con circa il 31% dei voti, seguiti dai popolari con il 20%, Ciudadanos al 14,4% e Podemos all’11,4%. La formazione di estrema destra Vox è data all’11,2 per cento. Se le percentuali fossero queste, il partito di Pedr Sanchez non otterrebbe la maggioranza assoluta di 176 seggi necessari per governare da solo, quindi un governo di coalizione sarebbe altamente probabile.

– LITUANIA – Il 12 maggio i lituani andranno alle urne per eleggere il successore di Dalia Grybauskaitė, prima donna presidente della Lituania, in carica dal 2009 come indipendente (sostenuta dai conservatori) e giunta ora al termine del suo secondo mandato. In corsa per la successione anche il commissario europeo alla Salute, Vytenis Andriukaitis (Socialisti). I sondaggi danno in testa l’economista indipendente Gitanas Nausėda (i cui consensi si aggirano intorno al 25%).

– DANIMARCA – I 179 seggi del Parlamento danese – Folketing – sono in attesa di essere rinnovati. La data delle elezioni non è ancora nota ma dovranno svolgersi entro giugno. Nelle elezioni del 2015, il partito liberale Venstre formò un governo di minoranza di stampo conservatore, guidato dal premier Lars Løkke Rasmussen.

– GRECIA: domenica 20 ottobre i greci saranno chiamati alle urne per rinnovare Voulí ton Ellínon, il parlamento ellenico. Saranno le prime elezioni politiche per il Paese dopo l’addio della Troika e l’uscita dal tunnel della crisi economica. Il premier in carica Alexis Tsipras, leader di Syriza (Sinistra Radicale),  è però dato indietro nei sondaggi (al 26%) rispetto al centro-destra del partito Nea Dimokratia, guidato da Kyriakos Mitsotakis (36%). Staccati gli altri: gli estremisti di destra della Chrysí Avgí sono dati all’8%; stessa percentuala dei socialisti di Kinima Allagis; i comunisti del Kommounistikó Kómma Elládas si attestano al 7%; mentre il partito di centro, Enosi Kentroon, riscuote solo il 2% dei consensi.

PORTOGALLO – Il centrosinistra è in vantaggio nei sondaggi delle elezioni politiche che si svolgeranno il 6 ottobre: il primo ministro socialista Antonio Costa appare nettamente in testa (i sondaggi lo danno al 39%), anche se per ottenere la maggioranza potrebbe avere ancora bisogno di stringere accordi i partiti democratici di sinistra.

POLONIA – Le prossime elezioni parlamentari si terranno non più tardi di novembre. Il partito della destra anti-europeista Diritto e Giustizia del premier Mateusz Morawiecki guida ampiamente sondaggi con il 42%.

ROMANIA Presidenziali in programma a novembre o dicembre. I Socialisti sono dati come favoriti, tanto da puntare a spodestare l’attuale presidente liberale Klaus Iohannis, che ha annunciato la sua ricandidatura.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Marine Le Pen confluisce nel nuovo gruppo europeo di Mr Salvini.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-20.

EP-051364A_Tajani_Brexit
Opening the debate on BREXIT

«Euroskeptic parties are joining forces ahead of the elections for the European Parliament in May»

*

«Marine Le Pen has thrown her weight behind Salvini’s new pan-European right-wing bloc»

*

«So far the group has garnered support from nationalist parties in Austria, Germany, Denmark, Estonia and Finland»

*

«France’s right-wing National Rally party formally joined a new alliance of far-right forces in Europe on Friday»

*

«Heartfelt thanks to National Rally leader Marine Le Pen and our historic friends and allies of the National Rally for joining the Milan manifesto ‘Towards a Europe of Common Sense,’»

*

«European far-right parties are currently split between three different groups in the European Parliament»

*

«If the parties were to merge, they would hold 173 out of 751 seats in the EU parliamentary assembly, or 23%, which would make them the second-largest bloc in the European Parliament»

* * * * * * * *

Il progetto di Mr Salvini sta realizzandosi.

Già essere riuscito a coagulare il 23% delle intenzioni di voto per le elezioni europee dovrebbe essere un grande risultato.

Ma si tenga conto che in europarlamento andranno a sedersi anche gli inglesi del Brexit Party, i polacchi del PiS,  gli ungheresi del Fidesz, i rumeni ed altri ancora.

Non è sicuramente la maggioranza, ma sarà ben difficile non tenerne conto: votano anche loro.

Tutto al momento è fluido, ma il gruppo europarlamentare di Salvini si prospetta essere il secondo e, se la sorte assistesse, potrebbe financo scalzare il partito popolare.

Spitzenkandidat. Bene per eleggere Juncker, male per eleggere un identitario.

Se questi dati si confermassero, sarebbe davvero una gran bella beffa!


Deutsche Welle. 2019-04-20. France’s far-right National Rally joins Salvini’s European alliance

Marine Le Pen has thrown her weight behind Salvini’s new pan-European right-wing bloc. So far the group has garnered support from nationalist parties in Austria, Germany, Denmark, Estonia and Finland.

*

France’s right-wing National Rally party formally joined a new alliance of far-right forces in Europe on Friday. The populist coalition, spearheaded by Italy’s anti-immigrant interior minister and deputy prime minister Matteo Salvini, was formed to unite and strengthen disparate right-wing parties ahead of critical EU elections next month.

“Heartfelt thanks to National Rally leader Marine Le Pen and our historic friends and allies of the National Rally for joining the Milan manifesto ‘Towards a Europe of Common Sense,’” Salvini tweeted.

Salvini, the leader of Italy’s League party, announced the launch of the pan-European far-right faction earlier this month at a press conference where he called the EU “a nightmare, not a dream” and vowed to reform the bloc.

The group, dubbed the European Alliance of Peoples and Nations (EAPN), has already attracted support from:

– Alternative for Germany (AfD)

– Austria’s Freedom Party (FPÖ)

– The Danish People’s Party,

– Finland’s Finns Party

– The Conservative People’s Party of Estonia (EKRE).

The move comes days after Le Pen renounced her support of France leaving the European Union in a ‘Frexit’ in favor of reforming the European project from the inside. Her announcement came just ahead of a meeting of European far-right leaders in Prague on Thursday.

European far-right parties are currently split between three different groups in the European Parliament. If the parties were to merge, they would hold 173 out of 751 seats in the EU parliamentary assembly, or 23%, which would make them the second-largest bloc in the European Parliament, according to the latest poll of polls released by the EU assembly.

*


Deutsche Welle. 2019-04-20. Euroskeptic, anti-immigrant parties team up for EU election

The AfD and other euroskeptic parties have formed a bloc ahead of the European Parliament elections. Various anti-immigrant youth organizations recently gathered in Rome, giving a sense of what might be to come.

*

Euroskeptic parties are joining forces ahead of the elections for the European Parliament in May. ….

*


US News. 2019-04-20. Italy’s Salvini, France’s Le Pen Cement Ties Before EU Vote

Italy’s hard-line interior minister and France’s far-right leader are cementing their longtime alliance ahead of Europe-wide elections next month and said they will press for like-minded candidates in Europe to join their “family.”.

*

Italy’s hard-line interior minister and France’s far-right leader are cementing their longtime alliance ahead of Europe-wide elections next month and said they will press for like-minded candidates in Europe to join their “family.”

Matteo Salvini and Marine Le Pen discussed work, family and environmental protection as major themes in the upcoming vote, which will determine the makeup of the European Parliament in Brussels, Salvini’s office said.

They met on Friday in Paris ahead of the G-7 meeting of interior ministers. Both Le Pen’s National Rally party and Salvini’s League have railed against the power wielded by the European Union’s governing body, especially when it comes to immigration.

Both parties — as well as others on Europe’s right — could make gains in the late May elections, according to recent polling.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Estonia. L’Ekre entra nel Governo. Un’epoca è mutata.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-08.

Europe's Populist Realignement 2019-02-18 001

Estonia. Il Governo non aderisce al documento UN sulla immigrazione. – Bloomberg.

Europe’s Depopulation Time Bomb Is Ticking in the Baltics

Estonia. Ai primi di marzo terrà le elezioni politiche.

Estonia. Vince la destra. Ekre prende 19 deputati (+12).

*

Ecco cosa è successo.

Three Estonian parties, including far-right EKRE, agree on coalition plan

«Estonian Prime Minister Juri Ratas unveiled on Saturday a detailed plan for a three-party coalition, including the far-right EKRE-party, which could see him hold power despite his party having come second in an inconclusive election.

The three parties – Ratas’ Center, EKRE and the conservative Fatherland party, which have a total of 56 seats in the 101-member parliament – approved the coalition plan on Saturday.

Ratas invited EKRE to coalition talks on March 11, reversing a promise to block the anti-immigration party from the cabinet.

The 36-page coalition plan includes some of EKRE’s strict immigration polices and wider use of referendums. The parties also shared ministries between them – with Finance, Interior, Environment, Rural Affairs and Foreign Trade going to EKRE. ….

Kallas pulled off a surprise win over the centre-left government in a March 3 vote for parliament, but fell short of a majority ….

EKRE, whose fiercely anti-immigrant message lifted its support during the European migration crisis in 2015, got 19 seats in the March 3 vote, more than double the number from the previous election, winning broad support in rural areas.»

* * * * * * *

Il risultato delle elezioni in Estonia era stato più che chiaro: la sinistra liberal  socialista era uscita battuta e l’Ekre aveva conquistato 19 su 101 seggi.

Il nodo era costituito però dall’imposizione liberal di non parlare né trattare con i partiti che loro avevano definito populisti, identitari ovvero sovranisti. Anche se erano formazioni vidimate dal consenso popolare, i liberal li avevano ostracizzati e demonizzati. Li odiano di odio razzista, con una condanna inappellabile, rei di non condividere la loro ideologia.

Si è arrivati al punto che in una Germania che si autodefinisce democratica, il parlamento nega ad AfD l’accesso alle cariche che le spetterebbero di diritto. Hanno il potere di farlo, lo fanno, e così aggiungono iniquità ad iniquità.

* * * * * * *

Non passerà molto tempo, e l’essere ‘euroskeptic‘ sarà la norma, non la minoranza.

Questi eventi cambieranno anche l’equilibrio politico entro il Consiglio Europeo.

«Center and Reform had previously pledged to shun EKRE, which came third in last month’s parliamentary elections and more than doubled its support by railing against immigrants. EKRE has compared the EU to the Soviet Union and vowed to claw back sovereignty. Its ministerial portfolios also include the finance minister’s position, under the agreement»

«EKRE has compared the EU to the Soviet Union and vowed to claw back sovereignty»

Ne vedremo delle belle!

* * * * * * *

AfD lawmaker Mariana Harder-Kühnel fails again in vice presidency bid

*

Euroskeptic, anti-immigrant parties team up for EU election

«The AfD and other euroskeptic parties have formed a bloc ahead of the European Parliament elections. Various anti-immigrant youth organizations recently gathered in Rome, giving a sense of what might be to come.

Euroskeptic parties are joining forces ahead of the elections for the European Parliament in May. A few days ago, about 500 young members of such parties met in Rome. The summit was organized by the youth wing of Italy’s anti-immigrant League party, which hopes to win a large share of the vote. Surveys indicate that Italian Interior Minister Matteo Salvini‘s party could emerge victorious in Italy. And for months, he has been working to unite Europe’s various right-wing populists. ….

The summit was attended by the heads of Belgian, French, German and Austrian far-right youth organizations. Among them: Damian Lohr, who a year ago took over as the head of the youth wing of the Alternative for Germany (AfD) party. ….

Currently, Europe’s right-wing populist parties are spread across three different groups in the European Parliament. They are members of either the European Conservatives and Reformists (ECR), the Europe of Nations and Freedom (ENF) or Europe of Freedom and Direct Democracy (EFDD) bloc. In the past, they struggled to cooperate for a number of political and personal reasons. But now, with just weeks to go until the European parliamentary election, Europe’s nationalists want to overcome their differences and join forces. Germany’s AfD has already sent out invitations for a press conference to be held on the matter on April 8. It will again be hosted by Italy’s League party. AfD party leader Jörg Meuthen is set to attend the event.»

*

The Rise of Populism

«When Donald Trump entered the White House as the 45th U.S. president, the leadership of the free world was placed into the hands of a populist. Few ideas have had as sudden a resurgence in recent years as populism, with upstart parties and often charismatic leaders upsetting the established order to win power in what appeared to be stable democracies. Trump joined other populist leaders such as Recep Tayyip Erdogan in Turkey, Hungary’s Viktor Orban and Rodrigo Duterte in the Philippines. Most have tapped into a backlash against immigration and a globalized economy that many people feel has left them behind. Does the rise of populists presage the reboot or demise of democracy?  

Two years after Trump took office, populism has reached more countries. An anti-establishment coalition took power in Italy in 2018, and its allies across the continent are eyeing gains in 2019 elections for the European Union’s Parliament. Emmanuel Macron prevailed over hard-right leader Marine Le Pen in France’s 2017 presidential election, but has faced violent street protests from disgruntled citizens known as the gilets jaunes. The common thread dates back to the 2008 financial crisis, which opened the door for many populists. Rising inequality and the perception of an unjust — if not corrupt — response to the crash eroded trust in the ability of established leaders to address shifts in the global economy, including technological change and the rise of China. Unlike socialism, fascism, liberalism and pretty much every other “ism,” populism is not inherently left or right. Brazil’s new populist president, Jair Bolsonaro, is a conservative former military officer, while Mexico’s new President, Andres Manuel Lopez Obrador, presents himself as a radical socialist. Cas Mudde, a professor at the University of Georgia, has called populism a “thin” ideology that pits a “pure” people against a corrupt ruling class. Indeed, the simplest way to think about the label may be as a toolbox that politicians of any stripe can use to tap into simmering discontent.»

* * * * * * *


Bloomberg. 2019-04-06. Estonia Set for New Coalition Including Controversial Populists

– Ruling Center Party agrees deal with populist EKRE, Isamaa

– Coalition still needs formal offer from President Kaljulaid

*

Estonia moved toward a new governing coalition that includes a controversial anti-immigrant party, signaling the further spread of populism in the European Union.

Prime Minister Juri Ratas’s ruling Center Party, which snubbed the election-winning Reform party and instead invited the euroskeptic EKRE to talks, overcame opposition from his party’s Russian-speaking members to agree on an alliance that also includes the conservative Isamaa, a junior member of the outgoing government.

The move risks further eroding unity inside the world’s largest trading bloc, where the rise of nationalist politicians has prompted clashes on issues from migration to democratic standards. The Estonian coalition, which would control 57 of parliament’s 100 seats, still needs a formal mandate from President Kersti Kaljulaid, who on Friday gave Reform the first stab at forming a government.

Is the Rise of Populism Good or Bad for Democracy?: QuickTake

Under the agreement, approved by the three parties’ councils on Saturday, the coalition will conduct “an independent and consistent foreign and security policy based on EU and NATO membership.” It will also push ahead with a partial revamp of the pension system that the central bank has called “a very negative step,” and pledged to make support for the high-speed Rail Baltica link contingent on the level of EU aid.

Center and Reform had previously pledged to shun EKRE, which came third in last month’s parliamentary elections and more than doubled its support by railing against immigrants. EKRE has compared the EU to the Soviet Union and vowed to claw back sovereignty. Its ministerial portfolios also include the finance minister’s position, under the agreement.

Reform’s Kaja Kallas, who by law has 14 days to form a coalition, said on Friday she’d present her plan to the parliament on April 15, and will try to win over Center and Isamaa lawmakers to back the agreement she expects to clinch with the Social Democrats. Even as one Center lawmaker has already defected, citing opposition to co-opting EKRE, Kallas herself told public broadcaster ERR she doesn’t believe she’ll become the premier.

Pubblicato in: Cina, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Unione Europea. Per fortuna esistono i cinesi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-12.

Golfo Finlandia

Basta una semplice occhiata alla carta geografica per comprendere l’utilità di un tunnel sottomarino che colleghi Helsinki a Tallinn.

Se è vero che le navi traghetto sono efficienti, sarebbe altrettanto vero che abbattere i tempi di transito e rendere ininfluenti i fattori meteorologici sia un beneficio non da poco.

Poi, anche considerazioni di più largo respiro.

Le attuali linee ferroviarie che collegano Estonia alla Finlandia passano per il territorio russo. Il vicinato è ottimo a cordiale, ma fare il periplo del Golfo di Finlandia prende almeno una giornata.

«Da Helsinki a Tallinn in 20 minuti, massimo mezz’ora, grazie a un tunnel ferroviario sottomarino ad alta velocità finanziato dai cinesi»

*

«Passa ancora una volta da Pechino e dalla sua Nuova via della seta uno dei più ambiziosi progetti infrastrutturali europei, che ha ricevuto una prima investitura formale: un memorandum di intesa tra la FinEst Bay Area Development, la società preposta alla realizzazione del tunnel, e la cinese Touchstone Capital, che si è detta pronta a coprire una parte sostanziale del costo del progetto con un finanziamento da 15 miliardi di euro, restandone poi socia di minoranza»

*

«Del tunnel da cento chilometri, destinato ad essere il più lungo del mondo, Finlandia ed Estonia parlano già da anni»

*

«Passando sotto il Golfo di Finlandia infatti, non solo taglierebbe nettamente i tempi di collegamento via mare tra le due capitali – oggi compresi tra un’ora e mezza e le due ore e mezza, a seconda del periodo dell’anno – ma ridurrebbe anche la pressione sul Porto di Helsinki»

*

«Il progetto è però strategico anche per la Belt and Road Initiative di Pechino, che mira a unire la Cina via mare o via terra all’Asia sud-orientale e centrale, al Medio Oriente, all’Europa e all’Africa»

* * * * * * *

Se è vero che l’Unione Europea sta finanziando in parte la rete tav per collegare gli stati baltici all’Europa continentale, sarebbe altrettanto vero ricordarsi che anche la penisola scandinava fa parte dell’Europa.

Sorge allora spontanea una domanda.

All’Unione Europea mancavano proprio i quindici miliardi di questa grande opera, quando ne spende quattro volte tento per i migranti?


→ Sole 24 Ore. 2019-03-09. Miliardi cinesi per la Tav del Baltico: da Helsinki a Tallinn in 20 minuti

Da Helsinki a Tallinn in 20 minuti, massimo mezz’ora, grazie a un tunnel ferroviario sottomarino ad alta velocità finanziato dai cinesi. Passa ancora una volta da Pechino e dalla sua Nuova via della seta uno dei più ambiziosi progetti infrastrutturali europei, che ha ricevuto una prima investitura formale: un memorandum di intesa tra la FinEst Bay Area Development, la società preposta alla realizzazione del tunnel, e la cinese Touchstone Capital, che si è detta pronta a coprire una parte sostanziale del costo del progetto con un finanziamento da 15 miliardi di euro, restandone poi socia di minoranza.

Il tunnel più lungo del mondo

Del tunnel da cento chilometri, destinato ad essere il più lungo del mondo, Finlandia ed Estonia parlano già da anni. Passando sotto il Golfo di Finlandia infatti, non solo taglierebbe nettamente i tempi di collegamento via mare tra le due capitali – oggi compresi tra un’ora e mezza e le due ore e mezza, a seconda del periodo dell’anno – ma ridurrebbe anche la pressione sul Porto di Helsinki, il più affollato d’Europa nel 2017, con oltre 12 milioni di passeggeri all’anno, la maggior parte diretti a Tallinn (i pendolari diretti dall’Estonia alla Finlandia sono decine di migliaia ogni settimana), senza contare il traffico merci.

Un altro tassello della Nuova via della seta

Il progetto è però strategico anche per la Belt and Road Initiative di Pechino, che mira a unire la Cina via mare o via terra all’Asia sud-orientale e centrale, al Medio Oriente, all’Europa e all’Africa: si potrebbe collegare infatti a Rail Baltica importante arteria ad alta velocità, finanziata in gran parte dalla Ue e destinata a unire Paesi Baltici e Polonia, integrando le tre repubbliche nella rete ferroviaria europea (la data prevista per il completamento di questo progetto, avviato nel 2010, è il 2026).

«Ora che la questione dei finanziamenti è risolta possiamo procedere» ha dichiarato Peter Vesterbacka, l’imprenditore finladese leader del progetto, ex ad di Rovio Entertainment, l’azienda di videogiochi nota per Angry Birds. I governi di Estonia e Finlandia, che avevano concluso nei mesi scorsi uno studio di fattibilità, stimavano il 2040 come data di possibile apertura del tunnel, ma Vesterbacka è convinto che si possa costruire entro la fine del 2024. Bisognerà comunque attendere il via libera dei governi e dell’Unione europea.

Gioiello ingegneristico

Il tunnel FinEst (come è stato per ora battezzato con una crasi tra i nomi dei due Paesi, Finaldia-Estonia) si presenta nelle ambizioni dei progettisti come un gioiello ingegneristico: due gallerie lunghe 103 chilometri destinate a treni ad alta velocità, una profondità massima di 200 metri e una cablatura che garantisca internet ad alta velocità, un’isola artificiale. Il prezzo stimato per un viaggio di sola andata è 50 euro.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Estonia. Vince la destra. Ekre prende 19 deputati (+12).

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-04.

2019-03-04__Estonia__001

Il Ministero ha rilasciato i risultati delle elezioni politiche che si sono tenute in Estonia.

Eesti Reformierakond ha ottenuto il 28.8% dei voti e 34 seggi, aumentando di 4, mentre Eesti Keskerakond ha ottenuto il 23.1%, conseguendo 26 deputati, uno in meno della passata legislazione.

Eesti Konservatiivne Rahvaerakond ha ottenuto il 17.8% dei suffragi, conquistandosi 19 deputati, dodici in più che nelle scorse elezioni.

«The opposition centre-right Reform party has won Estonia’s general election, beating the ruling Centre»

*

«Reform, led by former MEP Kaja Kallas, took about 29% of the vote to 23% for Centre in Sunday’s ballot.»

*

«Meanwhile the far-right Conservative People’s Party of Estonia (EKRE), which has called for a referendum on EU membership, came a close third»

*

«Ms Kallas – set to be Estonia’s first female prime minister – said all coalition options were on the table. Speaking to public broadcaster ETV however she insisted EKRE were “not a choice for us”»

* * * * * * *

I risultati di queste elezioni politiche rovesciano la situazione estone, che sembrerebbe avviarsi ad un governo di centro-destra.

Sicuramente dovrà essere concordata una coalizione governativa, per cui il programma finale di governo è ancora da determinarsi.

I due partiti tradizionali hanno annunciato in campagna elettorale di essere indisponibili a formare un governo con l’Ekre, gli identitari sovranisti estoni, ma in politica tutto è possibile.

* * * * * * *

Il voto estone conferma il trend che oramai caratterizza l’Europa: il corpo elettorale sta abbandonando i partiti liberal socialisti.

Non solo.

Se sicuramente i partiti tradizionali potranno ostracizzare l’Ekre, lasciandolo in una sorta di ghetto, d’altra parte ben difficilmente potranno non tener conto della sua presenza politica e delle sue istanze. Poi, come in queste elezioni l’Ekre ha saputo conquistarsi 19 seggi, mica è detto che alle prossime elezioni consegua la maggioranza.

Né, tanto meno, è detto che in Estonia non si attuino anche manifestazioni di piazza tipo quelle dei Gilets Jaunes in Francia.

Il mondo politico europeo sta cambiando, e questi sono i primi segni della mutazione.


Ansa. 2019-03-04. Voto Estonia: vince partito centrodestra

TALLINN, 3 MAR – L’opposizione di centrodestra si profila come la vincitrice delle elezioni parlamentari in Estonia, dove si registra anche una forte avanzata dei populisti di destra.

Mentre lo scrutinio è quasi terminato, il Partito Riformista, di stampo ultra-liberista, che ha guidato il Paese dal 2005 al 2016 si attesta al 34%, mentre il Partito Centrista dell’attuale premier Juri Ratas – perno di una coalizione con 2 partiti minori, Socialdemocratici e conservatori di Fatherland, dal 2016 – raggiungerebbe il 26%. Il Partito Conservatore del Popolo Estone (Ekre), che si è presentato al voto con un’agenda anti-immigrazione, avrebbe il 19% (avevano l’8,1% nel 2015). I 2 principali partiti hanno sempre detto che nessuna alleanza sarà possibile con Ekre, ma il presidente di quest’ultimo, Mart Helme, si è detto disponibile ad entrare in una coalizione.

L’Estonia ha una popolazione di 1,3 milioni di abitanti, e circa un milione di elettori. L’affluenza è stata del 62,1%.


Bbc. 2019-03-04. Estonia general election: Opposition party beats Centre rivals

The opposition centre-right Reform party has won Estonia’s general election, beating the ruling Centre.

Reform, led by former MEP Kaja Kallas, took about 29% of the vote to 23% for Centre in Sunday’s ballot.

Meanwhile the far-right Conservative People’s Party of Estonia (EKRE), which has called for a referendum on EU membership, came a close third.

Ms Kallas – set to be Estonia’s first female prime minister – said all coalition options were on the table.

Speaking to public broadcaster ETV however she insisted EKRE were “not a choice for us”.

Nearly a quarter of Estonia’s 881,000 eligible voters cast their ballots by e-voting. Results from e-voting gave Reform an even higher score.

Estonia uses proportional representation to pick members in its 101-seat parliament.

What were the results?

The decisive result came despite opinion polls suggesting in advance that the vote would be tight.

Reform and Centre have alternated in power since the Estonia’s independence from the Soviet Union in 1991.

But the eurosceptic EKRE saw its popularity surge, more than doubling its previous election results and garnering about 18% of the vote.

During campaigning the party pushed anti-immigration rhetoric and promised to slash taxes.

The two main parties support continued austerity policies, which have left Estonia with the lowest debt level of any Eurozone country but have caused anger in rural communities who feel left behind.

The conservative Isamaa party and the Social Democrats – currently in the governing coalition with the Centre party – won 11.4% and 9.8% respectively, and could partner with either of the main parties.

Centre and Reform have governed in coalition in the past. Ms Kallas did not rule this out again but said her party has “strong differences” with Centre over tax, education and citizenship.

PM Juri Ratas told ETV that Centre would consider being the junior coalition partner, but did not give details.

What were the main issues?

Reform and Centre campaigned on tax changes, the former to help job creation and the latter to boost state revenues.

Estonia’s Russian minority, who make up a quarter of the population, were also a key issue in the campaign.

The Centre party wants to maintain the joint Estonian- and Russian-language school system – something both Reform and EKRE plan to abolish.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Estonia. Domani si vota. L’Ekre potrebbe raggiungere il 17 – 20%.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-02.

Estonia 002

Estonia. Ai primi di marzo terrà le elezioni politiche.

«Ad oggi i partiti rilevanti, sopra il 10% delle propensioni al voto, sono quattro.

– Raf, Eesti Reformierakond, partito estone per le riforme. È una formazione di centro-destra, liberal, sostenitrice dell’attuale eurodirigenza, a livello europeo milita nell’Alde.

– Kesk, Eesti Keskerakond, partito estone del Centro. È un poutpurri di visioni anche alquamto contrastanti, propugna un centrismo, aderendo al liberalismo sociale ed all’economia sociale di mercato. Raccoglie molti voti della minoranza russa. Potrebbe essere etichettato anche come ‘populista’.  Aderisce in europarlamento al gruppo parlamentare Alde.

– Ekkre, Eesti Konservatiivne Rahvaerakond, partito conservatore del popolo. Partito chiaramente identitario, nazionalista, euroscettico, sostiene la democrazia diretta.

– Sde, Sotsiaaldemokraatlik Erakond, socialdemocrazia estone. Partito chiaramente socialista, aderisce in sede di europarlamento alla Alleanza progressista socialista e democratica.»

*

Verosimilmente ne uscirà un quadro difficilmente governabile anche facendo delle coalizioni. Ma se l’Ekre riuscisse a raggiungere il 20% potrebbe diventare una forza politica dalla quale sarebbe impossibile prescindere. E questo con tutte le sue ripercussioni di voto in seno al Consiglio Europeo.

Elezioni Estonia: in ascesa la destra euroscettica che vuole la Estxit dall’Ue

Elezioni Estonia: l’Ue potrebbe avere nuove grane da Tallinn, dove al voto è previsto il boom della destra euroscettica che vuole la Estxit.

*

ELEZIONI ESTONIA, UNA NUOVA GRANA PER L’UE?

Nuove grane in arrivo per l’Unione europea, questa volta dal Baltico. In Estonia sono in programma domenica 3 marzo le elezioni generali e la destra euroscettica è data come in grande ascesa. Secondo i recenti sondaggi, l’Ekre dovrebbe ottenere tra il 17-20% dei consensi, raddoppiando rispetto a quanto ottenuto alle precedenti elezioni. In testa ai sondaggi il partito di centrosinistra (Ke) con il 28% dei consensi, tallonato dal partito riformatore di centrodestra (Er). 

ELEZIONI ESTONIA, EKRE IN ASCESA. IN PASSATO HA PIU’ VOLTE PARLATO DI ESTXIT

La campagna elettorale si è concentrata sulle tasse, sulle tensioni per l’istruzione in lingua russa per la minoranza russa d’Estonia e sul divario tra città e campagna. Il successo dell’Ekre potrebbe arrivare grazie alle promesse populistiche di tagliare le tasse sui redditi e le accise e grazie alla retorica anti-immigrati.  In passato l’Ekre ha più volte manifestato l’intenzione di uscire dall’Unione europea, con la cosiddetta Estxit. In ogni caso, il risultato frammentato renderà probabilmente complicata la costruzione della coalizione. 

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Estonia. Ai primi di marzo terrà le elezioni politiche.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-01-29.

2019-01-28__estonia__001

Il parlamento estone, Riigikogu, è composto di 101 deputati e sarà rinnovato il 3 marzo 2019.

Ad oggi i partiti rilevanti, sopra il 10% delle propensioni al voto, sono quattro.

Raf, Eesti Reformierakond, partito estone per le riforme. È una formazione di centro-destra, liberal, sostenitrice dell’attuale eurodirigenza, a livello europeo milita nell’Alde.

Kesk, Eesti Keskerakond, partito estone del Centro. È un poutpurri di visioni anche alquamto contrastanti, propugna un centrismo, aderendo al liberalismo sociale ed all’economia sociale di mercato. Raccoglie molti voti della minoranza russa. Potrebbe essere etichettato anche come ‘populista’.  Aderisce in europarlamento al gruppo parlamentare Alde.

Ekkre, Eesti Konservatiivne Rahvaerakond, partito conservatore del popolo. Partito chiaramente identitario, nazionalista, euroscettico, sostiene la democrazia diretta.

Sde, Sotsiaaldemokraatlik Erakond, socialdemocrazia estone. Partito chiaramente socialista, aderisce in sede di europarlamento alla Alleanza progressista socialista e democratica.

* * * * * * *


Questo è un abstract del manifesto elettorale dell’Ekkre.

«We want to send a clear message to those voters who have not chosen any party yet, that EKRE is the only party which believes the prerequisite for a successful and prosperous Estonia is the pre-eminent status of its own people, ….

We won’t force people into low-paid jobs with the introduction of cheap labour from outside Estonia; we are the only party wishing to place the control of immigration firmly in the hands of the Estonian people, so that our children and grandchildren can live in an Estonian-speaking country ….

We are also the only party which wants to make reforms to the judicial system to make it run more fairly, and to make the president directly elected by the people ….

EKRE wants to cut taxes ….»

* * * * * * *

Repubbliche Baltiche. Sondaggi Elettorali.

Estonia. Il Governo non aderisce al documento UN sulla immigrazione. – Bloomberg.

Potrebbe essere verosimile che al 3 marzo il governo estone assuma connotazioni identitaria sovraniste.

L’Estonia è uno stato di piccole dimensioni, ma nodale per lo schieramento Nato, ed in ogni caso vota in seno al Consiglio Europeo.