Pubblicato in: Banche Centrali, Brasile, Cina, Devoluzione socialismo, India, Stati Uniti, Unione Europea

Politica monetaria non convenzionale. Potrebbe diventare la nuova convenzionale. In occidente.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-09-29.

2020-09-15 Paesi per pil ppa 001

Il problema è serio e coinvolge tutti i Cittadini del mondo, tutti noi: anche solo il descriverlo sembrerebbe permettere di dare una occhiata al nostro futuro.

Si legga con attenzione la Tabella dei pil ppa stimati dall’Ifm per il 2020: sono dati provvisori, ma sono utili per rendersi conto della scala del fenomeno.

– La Cina assomma il 20.10% del pil ppa mondiale, gli Stati Uniti il 14.67%, l’Unione Europea il 13.28% e l’India l’8.18%.

– Il blocco occidentale rende conto del 27.95% del pil ppa mondiale, mentre Cina, India, Russia e Brasile ne producono il 33.69%.

* * * * * * *

2020-09-15__ Finanza non convenzionale 001


Questi dati indicano chiaramente come sia molto azzardato pensare che il sistema economico occidentale ed i suoi attuali canoni operativi possano essere generalizzati a tutto l’orbe terraqueo. I paesi asiatici sono diventati predominanti e sono in grado di condizionare anche con la sola loro presenza.

Non solo.

In questo clima di crescente conflittualità politica ed economica, ove appare evidente la volontà cinese di continuare ad espandere il proprio sistema economico. Le due visioni politiche ed economiche si confrontano sul campo dei mercati, che alla fine non possono fare altro che prendere atto della realtà dei fatti. Assieme esse non possono convivere.

Pochi ma significativi dati spiegano meglio il concetto.

Cina supera USA per numerosità dei brevetti internazionali.

Cina. Avvia un ciclopico programma nucleare.

Cina. I capitali internazionali acquistano bond cinesi in yuan.

Cina. Giugno. Collocati all’estero bond cinesi per 619 miliardi Usd.

BlackRock anticipa l’apertura cinese alla finanza occidentale. 3.4 trilioni in tre anni.

In parole miserrime, le liquidità vaganti in occidente stanno riversandosi sul sistema economico cinese, per loro porto sicuro e remunerativo. E non si tratta di cifre piccole: 3,400 miliardi Usd sono una grande cifra.

* * * * * * *

L’allegato articolo di Bloomberg è bene impostato, a nostro sommesso avviso, ma pecca di due peccati mortali.

– Considera il sistema economico occidentale come se fosse l’unico al mondo, cosa che non è.

– Ritiene che le manovre monetarie possano vicariare l’inazioni politica.

I conti si fanno con l’oste.

*

«The year unconventional monetary policy turned conventional.»

«Negative rates, yield curve control among unorthodox policies»

«Global central bankers are discovering that monetary policies they once viewed as unconventional and temporary are now proving to be conventional and long-lasting»

«Recent months witnessed a return not just of policies first used on a widescale basis following the collapse of Lehman Brothers Holdings Inc., such as quantitative easing, but the adoption of even more esoteric ones»

«The Fed is buying different types of bonds, the ECB is getting creative with negative interest rates, and Australia has adopted Japanese-style efforts to control bond yields.»

«As this graphic from Bloomberg shows, most central banks are diving deeper into the unknown»

«With the global recovery still uncertain and the virus set to leave scars on employers and employees, the likelihood is that monetary policy will stay ultra-loose for years to come — even if that means central banks artificially propping up markets or sparking a run-up in prices»

«Potential steps include directly financing government budget deficits, a key tenet of Modern Monetary Theory which plays down the idea that there’s anything scary about monetizing debt.»

«committed $8.5 trillion in stimulus.»

«Fed … Its balance sheet is now at $7 trillion, compared to $4 trillion in January and the previous peak of $4.5 trillion in 2015.»

«As for what assets central banks are willing to buy, there has been a sea-change well beyond U.S. shores. Australia, New Zealand and Canada bought government bonds for the first time this year with the latter also purchasing corporate debt. South Korea and Sweden began purchasing company bonds and commercial paper»

«Mission creep has pushed central banks into areas where coordination with fiscal policy and the need for democratic accountability raise questions about independence.”»

* * * * * * * *

Quando il blocco economicamente più forte offre maggiore sicurezza, tassi positivi e scarse coercizioni governative non può fare altro che prevalere.

*


The Year Unconventional Monetary Policy Turned Conventional.

– Central banks are doing more than in 2008 to defend economies

– Negative rates, yield curve control among unorthodox policies

*

Global central bankers are discovering that monetary policies they once viewed as unconventional and temporary are now proving to be conventional and long-lasting.

Forced to think outside the box by the 2008 financial crisis and then again this year by the coronavirus pandemic, the Federal Reserve, European Central Bank and most of their international counterparts have become more aggressive and innovative than ever in defending their economies from recession and the threat of deflation.

Recent months witnessed a return not just of policies first used on a widescale basis following the collapse of Lehman Brothers Holdings Inc., such as quantitative easing, but the adoption of even more esoteric ones.

As this graphic from Bloomberg shows, most central banks are diving deeper into the unknown. The Fed is buying different types of bonds, the ECB is getting creative with negative interest rates, and Australia has adopted Japanese-style efforts to control bond yields.

With the global recovery still uncertain and the virus set to leave scars on employers and employees, the likelihood is that monetary policy will stay ultra-loose for years to come — even if that means central banks artificially propping up markets or sparking a run-up in prices.

Such an outlook was underscored by the Fed’s recent decision to say it will allow inflation to run above its 2% target in the future if needed to make up earlier undershoots. The Fed meets to set policy this week, as do the Bank of Japan and Bank of England, putting investors on alert for any signs of yet more innovation.

“The coronavirus crisis is many times more destructive than the financial crisis of 2008,” said Steve Barrow, head of foreign-exchange strategy at Standard Bank. “There’s every reason to believe that the move to tighter monetary policy will take as long –- and probably much longer — than the post-financial-crisis period.”

The mounting debate is whether the need to prop up economies will ultimately push central banks to do even more, perhaps in unison with governments. Monetary policy makers are already working closer than ever with their fiscal counterparts despite the traditional separation of responsibilities.

Monetary Financing

Potential steps include directly financing government budget deficits, a key tenet of Modern Monetary Theory which plays down the idea that there’s anything scary about monetizing debt. MMT, an old concept rebranded, is a prime example of formerly fringe notions gaining in prominence.

Policy makers are resisting such approaches for now, but they haven’t shied away from stretching their existing measures to extremes. Economists at Bank of America Global Research reckon that as of the end of July, central banks had cut interest rates 164 times in 147 days and committed $8.5 trillion in stimulus.

JPMorgan Chase & Co.’s measure of average global rates stands at just 1%, and that of developed nations is below zero for the first time.

The Fed, for example, responded to the pandemic with similar policies to those of 2008 but far faster — and then went even further. It slashed its benchmark to virtually zero and resumed buying government bonds, as well as widening its emergency lending authority to extend aid to municipalities, small- and medium-sized companies, and large corporations.
Its balance sheet is now at $7 trillion, compared to $4 trillion in January and the previous peak of $4.5 trillion in 2015.

The Fed has so far balked at cutting rates below zero, as the ECB and BOJ did years earlier, for fear of roiling the banking system or irking lawmakers. The ECB actually enhanced its own policy in March though, by introducing a super-low rate — even cheaper than its benchmark — for banks that use the cash to lend to the real economy.
The central banks of Australia, New Zealand and India are echoing Japan’s yield curve control with policies that deliberately trying to influence bond yields at specific maturities.

As for what assets central banks are willing to buy, there has been a sea-change well beyond U.S. shores. Australia, New Zealand and Canada bought government bonds for the first time this year with the latter also purchasing corporate debt. South Korea and Sweden began purchasing company bonds and commercial paper.

More central banks are also embracing so-called forward guidance, in which they commit to keeping their policy loose for a certain period to boost the confidence of investors, consumers and companies.

“As unconventional becomes the new conventional, central banks face fresh challenges,” said Tom Orlik, chief economist for Bloomberg Economics. “Extreme stimulus has worked well on the way in, exiting will prove harder to do — the first signs of rising inflation will be a test. Mission creep has pushed central banks into areas where coordination with fiscal policy and the need for democratic accountability raise questions about independence.”

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo

Euro forte. Ostacolo non da poco per l’export della eurozona.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-09-07.

2020-09-05__ eur - Usd 001

Nelle ultime 52 settimane il rapporto Eur/Usd è passato da 1.0655 io a 1.2011, attestando al momento di scrivere ad 1.1828.

«Già alle prese con la crisi economica causata dalla pandemia, ora la BCE dovrà vedersela anche con il caro euro»

«Un fattore che complica i piani della banca centrale europea in una fase in cui, non sono solo i tempi della ripresa europea sono incerti, dopo il crollo del PIl nel secondo trimestre, ma anche l’inflazione non dà segni di accelerazione, alimentando allarmanti scenari deflazionistici»

«Generalmente una valuta più forte rende le esportazioni meno competitive e deprime la crescita dei prezzi rendendo le importazioni più economiche»

«Questo vale soprattutto per la zona euro, in quanto fortemente dipendente dalle esportazioni»

«L’euro/dollaro a $ 1,20 è una sorta di linea rossa …. Al momento non c’è davvero molto poco che la BCE possa fare se non quella di mantenere la porta aperta a un ulteriore aumento degli acquisti di asset nel corso dell’anno»

«Il rally non è finito»

* * * * * * *

Scopo delle banche centrali dovrebbe essere quello di mantenere stabili i cambi: diventare l’acquirente di ultima istanza ha salvato una situazione contingente ma ha ipotecato completamente il futuro.

Se tale situazione dovesse perdurare, l’export dei paesi dell’eurozona ne sarebbe penalizzato, come già si è verificato nell’asta per le granaglie indetta dall’Egitto.

Egitto compra 530,000 tonnellate di grano dalla Russia.

*


L’euro forte complica la vita alla Bce. Analisti vedono rimbalzo fino a $1,25.

Già alle prese con la crisi economica causata dalla pandemia, ora la BCE dovrà vedersela anche con il caro euro. Ieri la moneta unica ha raggiunto contro il dollaro quota 1,20, livello che non si vedeva da due anni.

Un fattore che complica i piani della banca centrale europea in una fase in cui, non sono solo i tempi della ripresa europea sono incerti, dopo il crollo del PIl nel secondo trimestre, ma anche l’inflazione non dà segni di accelerazione, alimentando allarmanti scenari deflazionistici.

Ma torniamo all’euro.  Generalmente una valuta più forte rende le esportazioni meno competitive e deprime la crescita dei prezzi rendendo le importazioni più economiche. Questo vale soprattutto per la zona euro, in quanto fortemente dipendente dalle esportazioni.

Come ricordato da Bloomberg, in passato il rapido apprezzamento della moneta unica è stato guardato con sospetto dall’ex governatore della BCE Mario Draghi che ha spesso espresso preoccupazione sulle possibili conseguenze negative dell’economia. Ora il suo successore, Christine Lagarde, dovrà decidere se vuole o meno seguire le orme del suo predecessore.

Per avere un’idea più precisa, occorre attendere la conferenza stampa del 10 settembre, quando saranno disponibili le nuove previsioni economiche aggiornate.

“L’ euro/dollaro a  $ 1,20 è una sorta di linea rossa”, ha spiegato Katharina Utermoehl, economista senior di Allianz SE. “Al momento non c’è davvero molto poco che la BCE possa fare se non quella di mantenere la porta aperta a un ulteriore aumento degli acquisti di asset nel corso dell’anno”.

Il rally non è finito

A rendere più grigio l’orizzonte, c’è poi il fatto che la corsa dell’euro non è finita. Secondo gli analisti di Bloomberg, dopo aver segnato +12% negli ultimi cinque mesi, l’euro allungherà ulteriormente il passo, guadagnando  un altro 5% nei prossimi mesi.

Il recente trend della moneta unica sembra ricalcare quello che è successo nell’agosto 2017, quando ha brevemente superato il limite psicologico di $ 1,20. Si è poi ritirato rapidamente, come è successo oggi, per accelerare nuovamente fino a $ 1,2555 in quattro mesi.  Ciò suggerisce che il passo indietro di oggi, è solo una pausa nel mezzo di una corsa al rialzo.

Pubblicato in: Banche Centrali, Finanza e Sistema Bancario

Ecb. Detiene 2,267.424 mld di bond pubblici. Après moi, le déluge.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-08-24.

Luigi XV 001

La banca centrale europea, come peraltro altre banche centrali, da una decina di anni è transitata da prestatrice ad acquirente di ultima istanza. La sua natura e ragion d’essere è stata snaturata, rendendola fragile ed inidonea a gestire ulteriori emergenze.

«L’ammontare si riferisce ai titoli comprati nel cosiddetto Programma di acquisto del settore pubblico (Pspp). Che insieme agli acquisti di covered bond, Abs (Asset-backed security) e corporate bond fa parte del Qe»

«La Banca centrale europea ha registrato la scorsa settimana un aumento di 3,680 miliardi di euro dei bond del settore pubblico in portafoglio»

«L’ammontare di titoli del settore pubblico acquistati dall’Eurotower si attesta complessivamente a 2.267,424 miliardi di euro»

«gli acquisti di asset nell’ambito del Pandemic emergency purchase programme si sono attestati 468,849 miliardi di euro, in crescita di 14,979 miliardi»

* * * * * * *

La banca centrale europea prosegue imperterrita nell’acquisto di bond pubblici.

Inutile cercare di nascondersi dietro un dito: al momento attuale ben pochi hanno intenzione di comprare tali titoli, che sono quasi privi di mercato. Mercato che ben a ragione si rivolge altrove, in cerca di un minimo di sicurezza e di rendimento.

Cina. Giugno. Collocati all’estero bond cinesi per 619 miliardi Usd.

Ma un bel giorno, un brutto giorno, quei titoli dovranno essere rimborsati. In caso contrario il sistema va in default.

Ci si sta preparando un gran brutto futuro.

*


Bce, il portafoglio di bond pubblici vale più di 2.267 miliardi.

L’ammontare si riferisce ai titoli comprati nel cosiddetto Programma di acquisto del settore pubblico (Pspp). Che insieme agli acquisti di covered bond, Abs (Asset-backed security) e corporate bond fa parte del Qe.

La Banca centrale europea ha registrato la scorsa settimana un aumento di 3,680 miliardi di euro dei bond del settore pubblico in portafoglio.

Lo rende noto la stessa Bce. L’ammontare si riferisce ai titoli comprati nel cosiddetto “Programma di acquisto del settore pubblico (Pspp)” che, insieme agli acquisti di covered bond, Abs (Asset-backed security) e corporate bond fa parte del Qe. L’ammontare di titoli del settore pubblico acquistati dall’Eurotower si attesta complessivamente a 2.267,424 miliardi di euro.

Sempre oggi, la Bce ha fatto sapere che gli acquisti di bond garantiti e di asset-backed security della scorsa settimana. L’ammontare o di covere bond è pari a 285,154 miliardi, in crescita di 457 milioni, e quello di Abs a 30,071 miliardi, sostanzialmente invariato.

Infine gli acquisti di asset nell’ambito del Pandemic emergency purchase programme si sono attestati 468,849 miliardi di euro, in crescita di 14,979 miliardi.

Pubblicato in: Banche Centrali, Unione Europea

Eurozona. Ecb. Luglio. Riserve Asset totali 922.98 miliardi.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-08-23.

2020-08-18__ BCE Riserva 001

«Le riserve totali di asset sono asset denominati in valuta estera, subito disponibili e controllate dalle autorità bancarie per il rispetto della bilancia dei pagamenti; l’intervento nei mercati per condizionare il tasso di cambio e per altri scopi collegati (come mantenere la fiducia nella valuta e nell’economia e fare da base per i prestiti esteri). Il dato mostra un quadro davvero completo su base mensile riguardo alle azioni a prezzo di mercato, transazioni, valute estere e rivalutazioni di mercato e altre variazioni di volumi.»

*

La European Central Bank ha rilasciato il dato che a fine luglio le riserve di asset totali erano 922.98 miliardi di euro.

2020-08-18__ BCE Riserva 001

La Ecb si sta preparando per i tempi duri.

Pubblicato in: Banche Centrali

Eurozona. Ecb. Riserve Asset salite a 904.94 miliardi Usd.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-15.

2020-07-15__ Eurozona. Asset 013

«Le riserve totali di asset sono asset denominati in valuta estera, subito disponibili e controllate dalle autorità bancarie per il rispetto della bilancia dei pagamenti; l’intervento nei mercati per condizionale il tasso di cambio e per altri scopi collegati (come mantenere la fiducia nella valuta e nell’economia e fare da base per i prestiti esteri). Il dato mostra un quadro davvero completo su base mensile riguardo alle azioni a prezzo di mercato, transazioni, valute estere e rivalutazioni di mercato e altre variazioni di volumi.»

*


Nel luglio 2019 le riserve ammontavano a 797.86 miliardi Usd.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Recovery Fund. Lagarde. Nessun accordo in vista.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-09.

Lagarde Crhistine 001

Tale il padrone, tali i servi.

Chi si lamentasse del decisionismo di questo intraprendente governo iperattivo, dovrebbe prima lamentarsi della Commissione Europea e del Consiglio Europeo e delle pie donne che lo governano.

Frau Ursula von der Leyen, Mrs Lagarde e Frau Merkel starebbero benissimo a fare le monache di clausura in un convento di benedettine, murate dentro le loro celle.

Tanto è notorio che il Covid-19 se ne andato in ferie, con pinne ed infradito.

Parole dure?

Leggete a seguito.

Recovery Fund, Lagarde: niente accordo la prossima settimana.

Lagarde sul Recovery Fund: l’accordo non arriverà nel Consiglio UE della prossima settimana.

Recovery Fund: per Christine Lagarde l’accordo tanto atteso non arriverà prima di fine mese.

Il Consiglio europeo straordinario convocato per la prossima settimana, dunque, potrebbe non portare i risultati sperati.

Certo è che l’evento verrà monitorato con attenzione per tentare di scovare indizi sul futuro economico di un Vecchio Continente travolto dal coronavirus.

Recovery Fund: le sovvenzioni sono un punto di svolta

Le ultime dichiarazioni della donna, comparse sulle pagine del Financial Times, hanno sottolineato ancora una volta la necessità di finalizzare un accordo sul Recovery Fund, che potrebbe rappresentare un vero punto di svolta per il blocco.

E questo, ha precisato Lagarde, soprattutto con la previsione di sovvenzioni da accompagnare ai più tradizionali prestiti.

Il 27 maggio scorso la Commissione UE ha messo sul piatto un progetto da 750 miliardi di euro, costituito in parte da finanziamenti a fondo perduto. Le divisioni interne non sono tardate a materializzarsi ma tutti hanno convenuto sulla necessità di procedere con speditezza e di lavorare alacremente sulla proposta dell’esecutivo comunitario.

La domanda però è rimasta: quando arriverà l’agognato accordo sul Recovery Fund?

Niente accordo la prossima settimana

In molti hanno iniziato a sperare nel consiglio UE straordinario convocato per il 17 e 18 luglio, il primo (dopo il coronavirus) nel quale i rappresentanti UE potranno incontrarsi faccia a faccia.

Le parole di Lagarde però hanno gettato acqua sul fuoco dell’entusiasmo: “Non scommetterei sul 18 luglio”.

Per essere sicuri di ottenere un risultato favorevole sul Recovery Fund, dunque, bisognerà aspettare almeno la fine del mese.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Regno Unito, Unione Europea

Brexit. Mercati finanziari. Londra egemone sulla EU divisa e litigiosa.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-07-01.

Diavolo 013

«Better to reign in Hell than serve in Heaven». [John Milton]


L’attuale dirigenza europea rischia di pagare davvero salati i propri pregiudizi ideologici.

Brexit. Il Regno Unito manda al diavolo le ‘regole’ dell’Unione Europea.

«European leaders expressed sadness at the UK’s official departure from the EU on Friday»

«Reports in recent days have suggested EU chiefs want the UK to continue to follow Brussels-made rules on standards and state subsidies – while accepting the jurisdiction of the European Court of Justice in any trade disputes.»

«We won’t take your rules, PM to tell Brussels»

Questo è il cuore del problema.

L’Unione Europea non ammette negoziato alcuno senza che il Regno Unito non accetti in toto le “Brussels-made rules” e la “jurisdiction of the European Court of Justice”, ossia proprio i motivi che hanno spinto il Regno Unito a staccarsi dall’Unione Europea. E sulle sue tracce si sono messe molte altre nazioni afferenti l’Unione.

Senza Lgbt niente Recovery Fund. Polonia e le ‘Lgbt-free’ zone.

Duda, Presidente polacco, dichiara che ‘Lgbt è una ideologia peggiore del comunismo’.

Romania. Il Green Deal è una ‘true religion’. Il gesto del dito.

Romania. Lo speaker Florin Iordache fa il gesto del dito ai gerarchi della EU, in europarlamento.

I Tedeschi sono diventati identitari sovranisti che si ribellano all’EU.

«In Tuesday’s decision the German judges said the ECJ’s ruling is “not comprehensible” and deemed it “ultra vires”, meaning beyond its powers.»

* * * * * * *

Una volta compresi i motivi di fondo che contrappongono il Regno Unito all’attuale dirigenza dell’Unione Europea, il problema dei mercati finanziari europei diventa immediatamente intellegibile.

La piazza finanziaria di Londra non opera su basi ideologiche e tratta volumi un ordine di grandezza superiori a quelli degli stati europei continentali.

Non solo, le nazioni europee sono riottose a costituire un unico mercato finanziario continentale, tutte tese a cercare di mantenere i propri piccoli privilegi nazionalisti. Ma questi piccoli mercati finanziari parcellizzati contano poco o punto nei confronti della piazza di Londra.

«L’Unione europea proporrà un rapporto unico sulle operazioni di borsa nell’ambito degli sforzi volti a costruire un mercato dei capitali “davvero integrato” dopo la Brexit»

«La Commissione europea sta lavorando alla fase successiva per la creazione di una Unione dei mercati dei capitali (Umc) con lo scopo di aiutare le aziende a raccogliere maggiori finanziamenti attraverso l’emissione di azioni e bond»

«In questo modo si fornirebbe agli investitori un’istantanea dei prezzi di contrattazione dei titoli»

«La Commissione proporrà le necessarie modifiche giuridiche a supporto della creazione di un sistema consolidato efficace e onnicomprensivo relativo al post-trading per azioni e strumenti finanziari simili ad azioni entro il quarto trimestre del 2021»

«La necessità di rafforzare il mercato dei capitali è stata resa più urgente dall’uscita dall’Unione da parte della Gran Bretagna, maggiore centro finanziario europeo»

«L’ampia maggioranza degli Stati membri continua ad “opporsi fortemente” alla centralizzazione di ulteriori poteri di vigilanza nel blocco, si legge nel documento»

«La Commissione europea dovrebbe illustrare la proposta il 23 settembre»

«Non si è ancora raggiunto un consensus riguardo all’entità delle riforme sulla cartolarizzazione»

* * * * * * *

Cerchiamo di essere chiari, anche a costo di diventare fortemente impopolari.

– Né la Francia né la Germania acconsentiranno mai alla formazione di un mercato finanziario europeo e si opporranno che la sua supervisione spetti ad una delle controparti.

– “entro il quarto trimestre del 2021”: un anno e mezzo di tempo è un’era geologica in questi tempi di crisi da Covid.

– Volenti o nolenti la piazza finanziaria di Londra resterà il punto di riferimento, e gli eurocrati non avranno strumento alcuno nemmeno per far sentire la loro voce.

*


Reuters. Ue proporrà rapporto unico mercato per competere con Londra – documento.

L’Unione europea proporrà un rapporto unico sulle operazioni di borsa nell’ambito degli sforzi volti a costruire un mercato dei capitali “davvero integrato” dopo la Brexit, si legge in un documento Ue.

La Commissione europea sta lavorando alla fase successiva per la creazione di una Unione dei mercati dei capitali (Umc) con lo scopo di aiutare le aziende a raccogliere maggiori finanziamenti attraverso l’emissione di azioni e bond, in un contesto in cui l’economia è in fase di ripresa dalla crisi del Covid-19.

Un “sistema consolidato” che unisce oltre 20 piattaforme di trading in tutta Europa è una vecchia ambizione che ha lo scopo di riprodurre l’efficienza del mercato azionario statunitense.

In questo modo si fornirebbe agli investitori un’istantanea dei prezzi di contrattazione dei titoli. Alcuni titoli vengono scambiati su piattaforme multiple, rendendo più difficile agli investitori capire se stanno concludendo l’affare migliore.

“La Commissione proporrà le necessarie modifiche giuridiche a supporto della creazione di un sistema consolidato efficace e onnicomprensivo relativo al post-trading per azioni e strumenti finanziari simili ad azioni entro il quarto trimestre del 2021”, si legge nel documento riassuntivo dell’esecutivo Ue visto da Reuters.

La necessità di rafforzare il mercato dei capitali è stata resa più urgente dall’uscita dall’Unione da parte della Gran Bretagna, maggiore centro finanziario europeo.

“L’ampia maggioranza degli Stati membri” continua ad “opporsi fortemente” alla centralizzazione di ulteriori poteri di vigilanza nel blocco, si legge nel documento.

“Potremmo sottolineare la necessità di sviluppare un codice unico che punterebbe a uniformare le regole e limitare la discrezionalità della vigilanza nazionale nella Ue del post-Brexit”.

La Commissione europea dovrebbe illustrare la proposta il 23 settembre.

“Si terrà inoltre una minuziosa esposizione riguardo alla Brexit e alla necessità per la Ue di sviluppare un vero e proprio mercato dei capitali che sia ben funzionante e integrato”, si legge nel documento.

“Allo stesso tempo, la necessità di preservare la sovranità dovrà essere attentamente bilanciata dall’obbligo di promuovere un’Unione dei mercati dei capitali della Ue che guardi all’esterno e che continui ad attirare l’interesse degli investitori di Paesi terzi”.

Non si è ancora raggiunto un consensus riguardo all’entità delle riforme sulla cartolarizzazione.

La Commissione Ue valuterà entro il 2022 la possibilità di creare un’etichetta paneuropea per i consulenti finanziari, dice ancora il testo.

Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Recovery Fund. Contrari Paesi Bassi, Danimarca, Austria, Belgio, Irlanda, Lituania e Ungheria.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-06-11.

Giulio Romano. Mantova. Palazzo Te. Caduta dei Giganti. 002 Particolare

Europe’s capitals take aim at €750bn recovery plan.

Several governments say Brussels is not targeting damage caused by crisis.

«Brussels is under fire from EU governments for failing to target its planned €750bn recovery fund on economic damage caused by the coronavirus shutdown.»

«EU diplomats have raised concerns that the European Commission is proposing to use a series of “outdated” economic measures to determine how much member states will receive from a Recovery and Resilience Fund intended to heal Europe’s post-pandemic economy.»

«The commission wants the Recovery and Resilience Fund to allocate money based on three main economic criteria: a country’s gross domestic product; its GDP per capita; and its average unemployment rate between 2015 and 2019»

«It argues the criteria will ensure the funds are channelled to economies most damaged by the coronavirus and with limited fiscal capacity to fight the worst depression since the second world war. »

«Most governments will have to ratify the EU’s borrowing plans in their national parliaments»

«We are not trying to help [countries] with decades of bad economic handling and lack of reforms»

«The pandemic has hit southern Europe particularly hard while poorer countries in the east — traditionally the biggest beneficiaries of EU aid — have done better at containing it and have reopened their economies more quickly»

«Internal commission estimates show that Italy, Spain, Poland and Greece will be among the big winners from the fund. Yet Poland is expected to have the least severe recession in the EU this year»

«The commission’s methodology has now been challenged by countries including the Netherlands, Denmark, Austria, Belgium, Ireland, Lithuania, and Hungary for having no direct connection to the pandemic.»

«Governments are also concerned that Brussels will not be able to disburse hundreds of billions of euros to the economies most in need in the next two years»

* * * * * * *

Mr Paolo Gentiloni era nato per fare il Markschreier, ossia quello che al mercato urla che il suo pesce è talmente fresco che non era ancora nato.

Recovery fund, Gentiloni: Sarà di certo approvato.

Il commissario Ue per gli affari economici e monetari è ottimista sulla possibilità che la proposta di piano di rilancio e sostegno all’economia Ue messa a punto dalla commissione ottenga il sì dei capi di stato e di governo prima di luglio.

Ma la storia insegna che anche le più granitiche fedi nella vittoria finale si infrangono alla fine sotto i cingoli dell’Armata Rossa.

Non è dato di sapere donde Mr Gentiloni tragga una simile certezza, ma la clinica potrebbe suggerire il termine di ‘delirio‘.

Ma mica che sia l’unico ad esternare i propri desiderata come se fossero realtà solidamente appurate.

Guai a sprecare il Recovery Fund. Conte chiama il Sistema Italia a Palazzo Chigi.

«Il premier chiama a raccolta tutti i rappresentanti della nostra economia con un unico obiettivo, evitare che gli 82 miliardi a fondo perduto si perdano nei meandri della spesa pubblica. Mano tesa a Confindustria. Il Mes? Verrà il tempo di decidere…»

«Sull’Italia stanno per piovere 82 miliardi di contributi a zero condizioni, altri 91 sotto forma di prestiti. Merito di quel Recovery Fund approvato due settimane fa dall’Unione europea e che vede l’Italia prima destinataria dei fondi (172 miliardi). E guai a disperdere il capitale in capitoli di spesa che con la crescita c’entrano ben poco. Un messaggio arrivato direttamente dal cortile di Palazzo Chigi, dove Giuseppe Conte ha tenuto una conferenza stampa dinnanzi a un gruppo di giornalisti, nel giorno in cui è caduto l’ultimo brandello di lockdown.»

*

Di oggi 8 giugno l’intervento di Mrs Lagarde al parlamento europeo.

Lagarde (Bce): “Recovery Fund decisivo, va approvato velocemente”

Dunque, il Recovery Fund non è ancora stato approvato.

* * *

Il Governo Conte da per scontato che il Recovery Fund sia approvato dal Consiglio Europeo, che dovrebbe decidere alla unanimità. Ne parla come se 172 miliardi stiano piovendo dal Cielo. Peccato che ciò sia vero solo nella sua fervida fantasia.

Questa è una proposta che dovrà essere approvata alla unanimità dal Consiglio Europeo, ma Paesi Bassi, Danimarca, Austria, Belgio, Irlanda, Lituania e Ungheria hanno già annunciato voto contrario.

Poi, nell’ipotesi che vi sia l’approvazione, il testo votato dovrà essere approvato dal parlamento europeo e, quindi, dai singoli parlamenti dei 27 stati.

Quindi si dovrebbe passare alla fase attuativa e, cosa non di poco conto, trovare le coperture: un iter che potrebbe richiedere svariati anni.

Gran brutto segno prognostico questo scollamento dal reale.

*


Recovery fund, contrari sette governi Ue.

‘Fondi distribuiti male e scarsa connessione con virus’.

“La ripartizione delle risorse” tra Stati membri prevista dal Recovery Fund proposto dalla Commissione Ue “ha scarsa connessione diretta con la pandemia”.

E’ la denuncia di alcuni diplomatici di Paesi Bassi, Danimarca, Austria, Belgio, Irlanda, Lituania e Ungheria riportata dal Financial Times. I diplomatici definiscono “obsoleta” la metodologia di Bruxelles per l’allocazione delle risorse. Tra gli esempi di squilibrio, Ft cita la Polonia, che dovrebbe avere la recessione meno grave in Ue ma sarebbe la terza beneficiaria del Recovery, e il Belgio, che ha il più alto tasso di mortalità pro capite in Ue ma riceverebbe tra gli importi più bassi del fondo.

*

The EU recovery fund is a historic step, almost

Frugal states may block needed transfers to the south but there is a way forward

The €500bn EU recovery fund proposed this week by Angela Merkel, the German chancellor, and Emmanuel Macron, the French president, could be a historic step forward for the EU. In formulating the proposal, Ms Merkel broke two rules of Germany’s EU policy: that there should be no common borrowing and no transfer union beyond the existing EU budget. The plan recognises the extra burden that Covid-19 has placed on southern Europe. It may even lead to more fiscal integration across the EU. Yet, as it stands, the fund is likely to get bogged down in negotiations on who receives the transfers, and their size. Without clarity on that, it will be unable to address properly the widening divergence between northern and southern Europe. The pandemic has accelerated this gap, which threatens to make the EU even harder to govern than it is now. But there may be a way forward. There are several reasons why Covid-19 is more damaging for southern Europe. Italy and Spain were hit first by the pandemic. The severe toll exacted there gave other countries the chance to lock down more quickly, thereby limiting the outbreak and shortening their lockdowns. As our research shows, Germans will be able to go back to work sooner than Italians and Spaniards. Every month of restrictions reduces a country’s annualised gross domestic product by 2 to 3 per cent. The lockdowns are also more painful in southern Europe. More regions in Greece, Spain, Italy and Portugal have large tourism or manufacturing sectors — sometimes both — than in northern countries. Office workers can work more easily from home, whereas those in factories or leisure sectors must work together or in proximity to customers. Tourism is far more seasonal in Mediterranean resorts than northern cities. Even though Greece wants to open its tourism sector soon, lockdowns across Europe are likely to persist into the summer when southern Europe’s revenues are usually at their highest. In addition, southern European countries have more limited fiscal ability to support furloughed businesses and workers. The European Commission is already concerned that Germany’s vast loan guarantee programme to its companies might undermine the single market. Because southern EU countries tend to have higher debt levels and borrowing costs, that will make them less able to use their national balance sheet to protect companies from bankruptcy or to stimulate recovery. That means northern companies will be in a stronger position to take larger market shares across Europe when the pandemic ebbs. It will also sap growth in southern Europe relative to the north. The proposed recovery fund, which requires agreement from all 27 member states, recognises this divergence. But to be economically significant, most of the €500bn will have to be transferred to Greece, Italy, Portugal and Spain. Northern and central European countries will probably oppose that, and want their contributions to be largely recycled back to their own citizens and businesses. Poland and Hungary will make the persuasive case that they should not be on the hook for richer eurozone countries, where high debts are in part the result of the mismanagement of the single currency. Indeed, a transfer union makes more sense at a eurozone level as an Italian debt crisis would spill over and affect other members of the single currency. Even in the unlikely event that Hungary and Poland do agree to the transfer arrangement, as a quid pro quo they could insist that the EU stop its meddling, as they see it, in their attempts to weaken the rule of law.

There may be an alternative, however, if negotiations get bogged down after the formal blueprint is presented to EU states on May 27. Ms Merkel could jettison the frugal northern and eastern countries and instead assemble a coalition of the willing to use the EU’s “enhanced co-operation” procedure. This allows some member states to proceed with integration without the others. Such a move would render the EU even more fractured and complex. Common borrowing by coalition would also be complex. But it would forestall further economic and political divergence. It may also encourage the Netherlands and Austria to engage with the recovery fund proposal, as they would be unwilling to be left on the periphery without much say over the future of the euro. Chancellor Merkel deserves praise for her bravery in putting the proposal forward with president Macron. But there are still more difficult decisions to make.

Pubblicato in: Banche Centrali, Finanza e Sistema Bancario, Unione Europea

ECB, BlackRock ed Eaton Vance. Vogliono stabilità e concordia.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-06-09.

ECB BCE

«Europe’s show of unity»

«Spanish stocks roared in the biggest weekly rally since 2008»

«European stocks are cheap versus the U.S.»

«Guardians of the eurozone project are winning over once-skeptical investors with their show of stimulative force to battle the economic downturn»

«The European Central Bank doubled down on its bond-buying program this week, while Brussels announced a 750 billion-euro ($848 billion) recovery fund»

«It’s enough to flood liquidity into economies leveled by the pandemic»

«For investors, there’s a bigger hope: shared debt between rich and poor nations, and policy coordination in a region that’s been notoriously divided.»

«Regional-level borrowing is a dramatic step forward in promoting European cohesion»

«Cohesion is exactly what markets wanted»

«Stock indexes in Germany, Italy and France ended the week with gains exceeding 10%, and Spain capped the biggest rally since 2008»

«European stocks in global portfolios, reckoning they are trading at a 23% discount to American companies.»

«Faith in the region’s policymakers is paying off for PGIM Fixed Income, which is running bets on Italian and Spanish bonds.»

«The solidarity between European Central Bank President Christine Lagarde and German Chancellor Angela Merkel is also reinforcing beliefs about the euro’s stability»

«Robert Tipp, head of global bonds and chief investment strategist at PGIM Fixed Income, which oversees $868 billion from Newark, New Jersey.»

«That stable interest rate backdrop bodes well for having less downside risk compared with the Treasury market»

* * * * * * *

Quando si parla di ‘mercati’ si fa riferimento all’insieme di tutti coloro che operano nelle borse. Si va dal microinvestitore che investe qualche migliaio di euro quando può, fino a BlackRock che manipola 7,000 miliardi Usd oppure Eaton Vance con qualche migliaio di miliardi Usd oppure ancora il PGIM Fixed Income, che dispone di 868 miliardi Usd da investire.

I volumi che questi fondi di investimento sono in grado di dispiegare superano quelli disponibili della Ecb. È logica conseguenza che siano gli stati ad adeguarsi alle loro esigenze, non viceversa.

«The perceived lack of a forceful and unified response by European Union member states to the staggering economic cost of the COVID-19 outbreak has once again rekindled fears of EU fragmentation. However, we believe a commitment to “do whatever it takes” remains at the core of EU’s response to its most recent crisis. European governments and institutions will likely take whatever steps are necessary to backstop the European economy, support peripheral yields, and prevent an asymmetric recovery when the pandemic ends. We believe that the ECB would increase the size and extend its asset purchase program if needed and that European governments will continue supporting growth-boosting measures to head off further risks to economic growth.

While political frictions will remain on the European stage for years to come, political discord is not enough to fragment the Union. Instead, the COVID-19 crisis will likely join the list of past crises that only served to strengthen EU institutions. In a world where existing and rising global and regional powers increasingly determine the course of events, European countries realize that, in order to stay relevant, they must strengthen the Union, not abandon it.» [Current EU Crisis to Boost Solidarity, Not Fragmentation]

* * *

In estrema sintesi, i mercati sono stanchi dei perenni litigi che si attuano nel blocco europeo.

*


Bloomberg. BlackRock and Eaton Vance Get Behind Europe’s Show of Unity

– Spanish stocks roared in the biggest weekly rally since 2008

– Eaton Vance says European stocks are cheap versus the U.S.

*

Guardians of the eurozone project are winning over once-skeptical investors with their show of stimulative force to battle the economic downturn.

The European Central Bank doubled down on its bond-buying program this week, while Brussels announced a 750 billion-euro ($848 billion) recovery fund. It’s enough to flood liquidity into economies leveled by the pandemic. For investors, there’s a bigger hope: shared debt between rich and poor nations, and policy coordination in a region that’s been notoriously divided.

Regional-level borrowing is “a dramatic step forward in promoting European cohesion,” said Chris Dyer, director of global equity at Eaton Vance, which oversees about $42 billion in stocks.

Cohesion is exactly what markets wanted. Stock indexes in Germany, Italy and France ended the week with gains exceeding 10%, and Spain capped the biggest rally since 2008. The euro surged and the spread between German and Italian bonds narrowed to the closest level since March.

Dyer said he’s favoring European stocks in global portfolios, reckoning they are trading at a 23% discount to American companies.

That European leaders acted swiftly is its own surprise. Stimulus packages during the sovereign debt crisis of 2012 and global financial meltdown three years earlier were punctuated by policy wrangling and Germany’s devotion to fiscal austerity.

Avoiding European markets could leave investors with “painful” regrets, according to Morgan Stanley’s Graham Secker.

“The valuation re-rating in European currency, bond and equity markets isn’t going to be small, it could be quite decent,” said Secker, chief European equity strategist at Morgan Stanley. He recommends banks and high-yielding peripheral nations.

Faith in the region’s policymakers is paying off for PGIM Fixed Income, which is running bets on Italian and Spanish bonds.

“We had an overweight in peripherals going into this crisis and for a while that was trouble,” said Robert Tipp, head of global bonds and chief investment strategist at PGIM Fixed Income, which oversees $868 billion from Newark, New Jersey.

More outperformance may be in store. As economies recover, other central banks are more likely than Europe to push up benchmark rates, according to Tipp.

“European rates were low before the crisis, and they’ll likely still be low after as well,” Tipp said. “That stable interest rate backdrop bodes well for having less downside risk compared with the Treasury market.”

The solidarity between European Central Bank President Christine Lagarde and German Chancellor Angela Merkel is also reinforcing beliefs about the euro’s stability, pushing the shared currency to a three-month high.

“This is definitely a positive for European assets and should make them more attractive to global investors,” said Jean Boivin, head of BlackRock Investment Institute.

Pubblicato in: Banche Centrali, Unione Europea

Eurozona. Riserve totali di asset 909.92 miliardi.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-05-16.

2020-05-16__Eurozona Riserve 001

«Le riserve totali di asset sono asset denominati in valuta estera, subito disponibili e controllate dalle autorità bancarie per il rispetto della bilancia dei pagamenti; l’intervento nei mercati per condizionale il tasso di cambio e per altri scopi collegati (come mantenere la fiducia nella valuta e nell’economia e fare da base per i prestiti esteri). Il dato mostra un quadro davvero completo su base mensile riguardo alle azioni a prezzo di mercato, transazioni, valute estere e rivalutazioni di mercato e altre variazioni di volumi.»

Al 15 luglio 2019 queste riserve ammontavano a 797.86 miliardi: sono quindi aumentate di 112.06 miliardi.