Pubblicato in: Demografia, Economia e Produzione Industriale, Sistemi Economici

India. Da paese emergente a paese emerso.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-09-20.

2017-09-19__India. Un continente in crescita.__001

«Gross Domestic Product of India grew 1.4% in the second quarter of 2017 compared to the previous quarter. This rate is 1-tenth of one percent higher than the figure of 1.3% published in the first quarter of 2017.

The year-on-year change in GDP was 5.9%, 1-tenth of one percent less than the 6% recorded in the first quarter of 2017.

The GDP figure in the second quarter of 2017 was $514,375 million, leaving India placed 6th in the ranking of quarterly GDP of the 50 countries that we publish.

India has a quarterly GDP per capita, of $428, $59 higher than the same quarter last year, it was.

If we order the countries according to their GDP per capita, India‘s population is the poorest of the 50 countries whose quarterly GDP we publish.

Here we show you the progression of the GDP in India. You can see GDP in other countries in GDP and see all the economic information about India in India’s economy.» [Fonte]

*

Secondo il Cia World Factbook 2016, il pil ppa dell’India ammonterebbe a 9,489.302 miliardi Usd, 6,616 Usd di pil ppa pro capite.

Se nel 2000 il pil ammontava a 476.636 miliardi Usd, nel 2016 aveva raggiunto i 2,256.397 miliardi Usd: in sedici anni il pil nominale è aumentato di 4.73 volte. È un risultato lusinghiero, nonostante che l’India abbia passato periodi politicamente alquanto turbolenti. Da anni sta crescendo al ritmo del 6%.

L’articolista di Bloomberg, a nostro parere correttamente, evidenzia come concausa di questo vorticoso incremento il fattore demografico.

«India is poised to emerge as an economic superpower, driven in part by its young population, while China and the Asian Tigers age rapidly»

*

«The number of people aged 65 and over in Asia will climb from 365 million today to more than half a billion in 2027, accounting for 60 percent of that age group globally by 2030»

*

«India will account for more than half of the increase in Asia’s workforce in the coming decade, but this isn’t just a story of more workers: these new workers will be much better trained and educated than the existing Indian workforce»

* * * * * * *

Si noti anche come il debito pubblico ammonti a 1,569 miliardi di Usd, con un rapporto debito/pil del 69.54%, in discesa rispetto agli anni precedenti.

In conclusione, l’India da paese emergente è diventato paese emerso e si avvia a diventare anch’essa una superopotenza economica. Ci metterà ancora una generazione, ma sembrerebbe essere sulla strada buona.




Bloomberg. 2017-09-18. Superpower India to Replace China as Growth Engine

India is poised to emerge as an economic superpower, driven in part by its young population, while China and the Asian Tigers age rapidly, according to Deloitte LLP.

The number of people aged 65 and over in Asia will climb from 365 million today to more than half a billion in 2027, accounting for 60 percent of that age group globally by 2030, Deloitte said in a report Monday. In contrast, India will drive the third great wave of Asia’s growth – following Japan and China — with a potential workforce set to climb from 885 million to 1.08 billion people in the next 20 years and hold above that for half a century.

“India will account for more than half of the increase in Asia’s workforce in the coming decade, but this isn’t just a story of more workers: these new workers will be much better trained and educated than the existing Indian workforce,’’  said Anis Chakravarty, economist at Deloitte India. “There will be rising economic potential coming alongside that, thanks to an increased share of women in the workforce, as well as an increased ability and interest in working for longer. The consequences for businesses are huge.’’

While the looming ‘Indian summer’ will last decades, it isn’t the only Asian economy set to surge. Indonesia and the Philippines also have relatively young populations, suggesting they’ll experience similar growth, says Deloitte. But the rise of India isn’t set in stone: if the right frameworks are not in place to sustain and promote growth, the burgeoning population could be faced with unemployment and become ripe for social unrest.

Deloitte names the countries that face the biggest challenges from the impact of ageing on growth as China, Hong Kong, Taiwan, Korea, Singapore, Thailand and New Zealand. For Australia, the report says the impact will likely outstrip that of Japan, which has already been through decades of the challenges of getting older. But there are some advantages Down Under.

“Rare among rich nations, Australia has a track record of welcoming migrants to our shores,” said Ian Thatcher, deputy managing partner at Deloitte Asia Pacific.  “That leaves us less at risk of an ageing-related slowdown in the decades ahead.’’

Japan’s experience shows there are opportunities from ageing, too. Demand has risen in sectors such as nursing, consumer goods for the elderly, age-appropriate housing and social infrastructure, as well as asset management and insurance. 

But Asia will need to adjust to cope with a forecast 1 billion people aged 65 and over by 2050. This will require:

– Raising retirement ages: Encouraging this could help growth in nations at the forefront of ageing impacts.

– More women in the workforce: A direct lever that ageing nations can pull to boost their growth potential.

– Taking in migrants: Accepting young, high-skilled migrants can help ward off ageing impacts on growth. 

– Boosting productivity: Education and re-training to bolster growth opportunities offered by new technologies.

Annunci
Pubblicato in: Demografia, Unione Europea

Deutsche Bundesbank. Si moltiplicano i segnali di un disastro annunciato.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-05-10.

Bundesbank 010

Le persone che in estate ammoniscono che entro qualche mese sarebbe arrivato l’autunno e quindi l’inverno sono quasi invariabilmente etichettate come cassandre. Se poi reiterano con il passare le tempo il loro avvertimento sono tacciati in malo modo: che vada bene la gente dice che si sta gridando al lupo! al lupo!, avendo così perso credibilità.

Poi, quando arriva l’inverno e trova tutti impreparati, allora chi aveva detto che sarebbe arrivato l’inverno ne è visto come causa efficiente: è colpa sua se alla fine l’inverno è arrivato.

*

La situazione demografica tedesca diventa sempre più esplosiva ogni giorno che passa.

Germania. Incidenza economica del calo demografico. – Bloomberg.

Germania. Realtà geografica, non più umana, politica ed economica.

Germania. Summit in Cancelleria per l’allarme demografico.

Germania. 13 milioni di poveri e 330,000 famiglie con la luce tagliata

Germania. Le banche non son quasi più tedesche. Grazie Frau Merkel.

*

Questo argomento sta diventando un ritornello spesso intonato da Bundesbank.

Demographic challenges in Germany

* * * * * * *

«The population in Germany will age in the coming years and fall significantly in the future»

*

«This will also have an impact on the labour market»

*

«the number of people of working age, ie between the ages of 15 and 74, will drop by nearly 2.5 million by 2025»

*

«the share of the population made up by older people aged between 55 and 74 will increase by 7 percentage points to roughly 40%.»

*

«one million fewer people would be available to the labour market by 2025»

*

«Even in the scenario with higher immigration, the demographic trend cannot be stopped in the long term»

*

«Demographic change influences not only the total number of hours worked, but also labour productivity»

*

«on account of the fact that older workers …. are more productive than younger ones»

*

«in an ageing society, services, such as care for the elderly, gain in significance compared to the production of goods»

* * * * * * *

L’immigrazione può sopperire alla mancanza di mano d’opera non qualificata, ma non vicaria quella specializzata ovvero i quadri superiori. Ma la vera carenza sarà proprio quella di operai specializzati e di quadri superiori.

Al 2025, essendo andata in pensione la classe del baby-boom, serviranno circa 900,000 insegnati nelle scuole, 600,000 burocrati dell’amministrazione pubblica, 130,000 addetti alle banche ed alla gestione finanziaria.

*

Molti assumono nei confronti del problema demografico una posizione fatalistica: “va  beh, vorrà dire che moriremo tutti“.

Questa posizione è infantilmente incorretta.

Il vero problema sarà il periodo di transizione, quando gli autoctoni saranno ancora numericamente presenti ma come pensionati, e la maggior quota della popolazione attiva sarà costituita da immigrati, che faranno loro vedere i sorci verdi. Perché mai dovrebbero lavorare per mantenere quella genia?

Né si pensi che questi fenomeni siano sconosciuti all’estero. La frase pronunciata da Mr Erdogan dovrebbe essere chiara:

«Fate almeno cinque figli, il futuro è vostro»

*

Stranamente, nessuno sembrerebbe avere il coraggio di dire che l’unico rimedio al calo demografico degli autoctoni è che riprendano a proliferare. Non sarebbe politicamente corretto recepire i suggerimenti dati da Mr Erdogan ai turki residenti in Europa.

Nota.

Questi dati sono pubblici, e li conoscono, ed anche molto bene, sia negli Stati Uniti sia in Russia sia in Cina. La Germania pesa anche in ragione della sua popolazione.


Deutsche Bundesbank. 2017-05-06. Demographic change could weaken economic growth

The population in Germany will age in the coming years and fall significantly in the future. This will also have an impact on the labour market. For example, according to a projection in the Bundesbank’s April Monthly Report, the number of people of working age, ie between the ages of 15 and 74, will drop by nearly 2.5 million by 2025. The demographic-related fall in the labour supply will accelerate over time, according to Bundesbank experts. At the same time, the share of the population made up by older people aged between 55 and 74 will increase by 7 percentage points to roughly 40%.

Compared to a previous projection by the Bundesbank in 2012, the projection horizon has now been extended by five years to 2025. It is based on the current population projection of the Federal Statistical Office as well as the Bundesbank’s own assumptions concerning expected immigration in the coming years.

Growth could fall considerably by 2025

In the baseline scenario, the labour force potential, ie the available domestic labour supply over the medium term, is expected to be roughly the same in 2025 as it was in 2016. The labour force potential is initially likely to continue to increase until 2021, after which a significant fall is expected due to the baby-boomer generation exiting the labour market. Therefore, according to the Monthly Report, a steady growth in the labour force potential is not to be expected over the coming years.

Demographic change will also have an impact on trend economic growth in Germany. Bundesbank economists expect the German economy’s production potential to grow considerably more slowly in the coming years than of late. In the years 2011 to 2016, potential growth stood at nearly 1¼% on average. According to the projections, it could fall to just over ¾% per year on average between 2021 and 2025. The main driver of this change is the demographic-induced decline in the total number of hours worked, ie the labour input of all persons in employment.

Immigration unable to prevent fall in labour supply.

Two factors have thus far counteracted the projected drop in the labour supply. First, the participation of older people in the labour force has risen in recent years. Bundesbank economists expect this to continue in the coming years, too. However, they note that the further activation of domestic labour will probably exhaust any remaining potential. Second, the current high level of immigration is slowing the demographic-related trend.

The Bundesbank assumes there was net migration of around 500,000 people in 2016. According to the projection, this is expected to fall to 200,000 per year by 2025. This would mean a total of nearly 2½ million people coming to Germany, which would increase the labour force potential by nearly two million people. However, this projection is subject to a high degree of uncertainty. If immigration turned out to be only half as high as assumed in the baseline scenario, the labour force potential would already begin to fall in 2020. Cumulatively, one million fewer people would be available to the labour market by 2025, according to the Monthly Report. Even in the scenario with higher immigration, the demographic trend cannot be stopped in the long term. The fall in the labour supply would then merely be delayed, starting in 2023.

Demographics dampen labour productivity.

Demographic change influences not only the total number of hours worked, but also labour productivity. In the short term, productivity in an ageing society can, for example, be boosted on account of the fact that older workers, whose share of the labour force is set to increase in the coming years, are more productive than younger ones. However, according to the assessment of Bundesbank economists, in the medium to long term, demographic change is likely to have a rather dampening effect on productivity growth. This is partly because the labour productivity of older members of the workforce typically plateaus, hardly making any new gains. Furthermore, in an ageing society, services, such as care for the elderly, gain in significance compared to the production of goods. As, judging by experience, the productivity of service providers is lower than that of the production sector, ageing economies could exhibit lower macroeconomic productivity growth, at least during the demographic transition process, note the Bundesbank’s economists.

Pubblicato in: Demografia, Devoluzione socialismo

Germania. Summit in Cancelleria per l’allarme demografico.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-03-21.

2017-03-18__Germania. Summit in Cancelleria per l'allarme demografico.__001__Census_Based2011_AgeStructure

Il problema demografico dovrebbe essere ampiamente noto, ma sembrerebbero essere emersi nuovi elementi, prima non presi in sufficiene considerazione.

Adesso acquista importanza ancor più rilevante, visto che a questo tema è stato dedicato un intero consiglio dei ministri.

Germania. Incidenza economica del calo demografico. – Bloomberg.

Germania. Realtà geografica, non più umana, politica ed economica.

*

In Germania nel 2016 nella fascia di età 0 -14 anni si riscontravano 10,357,847 individui (5,317,183 maschi e 5,040,664 femmine) e nella fascia di età sopra i 65 anni vi erano 17,564,983 (7,709,799 maschi e 9,855,184 femmine). Una differenza di 7,564,983 persone. Tra quindici anni la maggior parte delle persone in classe di età atuale over 65 sarà passata a miglior vita, e dovrebbe essere rimpiazzata.

È semplicemente impossibile che 10,357,847 individui possano a suo tempo rimpiazzare i 17,564,983 che saranno deceduti. In quindici anni mancheranno all’appello 7,564,983 persone. Ma il problema è ancora più grave.

L’età mediana della popolazione tedesca è 46.8 anni, ossia metà della popolazione totale è di età superiore a quella soglia: è vecchia.

Germania. Incidenza economica del calo demografico. – Bloomberg.

* * * * * * *

Destatis rende noto che in Germania a tutto il 31-12-2016 vivevano 82.2 milioni di persone: di queste 8.7 milioni sono stranieri e 17.1 milioni sono di ascendenza straniera. Ma questi 25.8 milioni di persone hanno in gran parte un’età al di sotto della soglia dei 60 anni: sono circa la metà dei 49.2 milioni di persone hanno età compresa tra i 20 ed  60 anni. In questa fascia i tedeschi autoctoni sono quindi circa la metà.

Nel 2016 vi sono stati 925,200 decessi e 737,575 nascite: un saldo negativo quindi di 187,625 unità. Nel 2015 il tasso totale, di fertilità, ossia il numero di figli per ogni singola femmina, era 1.50. Poiché però le donne straniere sono più fertili di quelle autoctone, il tasso di fertilità delle femmine tedesche scende drammaticamente vicino alla unità. Per mantenere lo stesso numero di persone sarebbe necessario un tasso di fertilità di 2.2, tenedo conto della mortalità prematura.

*

Questi dati indicano due fenomeni che prendono luogo sul lungo termine, fenomeni condizionati dal fatto che i tempi biologici sono noti: dal concepimento al momento dell’ingresso nel mondo del lavoro intercorrono da 20 a 30 anni, a seconda del livello di occupazione considerato.

Il primo fenomeno è l’estinzione della popolazione tedesca autoctona. È un fenomeno che autoalimenta: meno femmine nascono, meno sono le femmine che dopo due decenni possono procreare. In altre parole la Germania si avvia ad essere una mera espressione geografica, popolata da tuto fuorché da tedeschi.

Il secondo fenomeno è più subdolo da essere identificato con chiarezza: tuttavia esso emerge chiaramente dalla semplice osservazione della figura prodotta da Destatis. Un buon terzo dei tedeschi autoctoni al lavoro è in una fascia di età compresa tra i 50 ed i 65 anni: sono quattordici milioni di persone che entro quindici anni usciranno dalla fascia di età lavorativa. Ma nella fascia di età compresa tra i 35 ed i 50 anni non vi sono nemmeno cinque milioni di tedeschi autoctoni. Gli autoctoni potranno sostituire solo un terzo di coloro che andranno in pensione. E qui vengono ulteriori problemi.

Orbene.

2017-03-18__Germania. Summit in Cancelleria per l'allarme demografico.__002__Census_Based2011_AgeStructure

Di questi quattordici milioni solo una milionata lavora alle catene di montaggio o in fabbriche, e sarebbe quindi abbastanza facilmente sostituibile con degli immigrati. Ma i restanti tredici milioni svolgono ruoli dirigenziali come magistrati, professori universitari e ricercatori, dirigenza nel comparto produttivo e nei servizi, non da ultimo nel settore socio-sanitario e nella burocrazia.

L’idea di sostituire un professore di filologia romanza oppure di meccanica quantistica con un immigrato magrebino che non sa parlare tedesco ed ha solo una istruzione elementare è semplicemente demenziale. Ma lo stesso ragionamento vale per tutti i ruoli direttivi. Chi mai si farebbe operare da un immigrato senza nemmeno il diploma di laurea?

Eppure questo problema è sistematicamente misconosciuto. L’immigrazione può apportare persone, ma queste persone non sono qualificate.

Il terzo fenomeno consiste nel fatto che in Europa il 40% della popolazione assume cronicamente psicofarmaci maggiori, e World Health Organization attesta che un terzo della popolazione soffre di ansietà patologica e quasi il dieci per cento di severe sindromi depressive, solo per citare alcune patologie. Patologie che colpiscono con molto maggiore frequenza le femmine rispetto ai maschi.

I rimpiazzi non saranno quindi sani mentalmente, in termini medi. Chi mai si farebbe operare da un chirurgo pazzo? Fareste guidare un autobus ad uno squilibrato?

Il quarto fenomeno è talmente scabroso che nessuno ne vuole parlare. Come in altri paesi, in Germania le pensioni sono pagate con i contributi versati da coloro che lavorano. Già adesso, con quasi il 40% della forza lavoro sotto contratto da mini-Arbeit, il flusso dei contributi si è affievolito, e deve pesantemente essere integrato dallo stato. Ora nella fascia di età compresa tra i 50 ed i 65 anni vi sono quattordici milioni ed hanno quasi tutti lavori regolari e versano fior di contributi. Ma quando questi avranno raggiunto l’età della pensione, saranno sostituiti da un po’ meno di cinque milioni di individui. E da cinque milioni di poveracci che, guadagnando ben poco versano poco a niente di contributi. Mancheranno all’appello circa nove milioni di persone che versino i contributi con i quali pagare le pensioni. Si pone quindi il problema di chi potrà mai pagare tutte quelle pensioni. Anche l’economia tedesca non ce la potrà fare.

Ecco perchè si inizia a parlare di eutanasia economica. Chi è vecchio, in pensione, ed è quindi economicamente improduttivo, bene, lo si ammazzi. Volente o nolente. Una pensione di meno. E se poi il morituro/a non avesse discendenza, grasso che cola! Il suo patrimonio lo incamera lo stato.

* * * * * * *

«Chancellor Angela Merkel and four of her ministers are discussing the government’s demography strategy at a summit in Berlin»

*

«But not just German angst. People in Italy, Poland or Russia are concerned about population collapse as well»

*

«The population has started to decline in many countries.»

*

«Another problem is combining employment with having a family»

*

«In [the former] West Germany, mothers are typically expected to stay home with small children.»

*

«That is damaging for their career and their income»

*

«Germany is certainly below average in the attitude that women with children should not work»

*

«That is just very detrimental to fertility»

*

Il discorso fatto è semplice e limpido. Nei prossimi quindici anni lo stato tedesco muterà in modo consistente: dovrà ridurre tutti gli organici dirigenziali causa carenza di personale umano. Un solo esempio. Per rimpiazzare i 600,000 profesori delle scuole inferiori e superiori che andranno in pensione saranno disponibili, a parità di concentrazione percentuale, meno di 300,000 nuovi insegnanti. Le classi da venti alunni torneranno ad averne quaranta. Ma i due milioni di burocrati come potranno essere rimpiazzati?

*

È un problema di Weltanschauung, e quella attuale ha condotto al disastro, al suicidio.

Le femmine che essendo ora in età fertile non vogliono danneggiare le loro carriere quando avranno l’età della pensione ne riceveranno, che vada di lusso, una da fame: da fame nera. Ed in quel momento di particolare bisogno saranno sole: non avranno prole che le mantenga ed accudisca. Saranno sole con il loro egoismo, che però non è commestibile e genera rimorsi.

Ci si pensi bene:

«mothers are typically expected to stay home with small children.»

*

«women with children should not work»

*

La maternità e l’allevamento della prole è il fine che natura ha disposto per le femmine, e per le femmine all’interno di una Collettività.

Si vuole ripudiare un dettame di natura? Perfetto. Quella Collettività si estingue, scompare. E da due metri sotto terra non può più nuocere a sé ed agli altri. Mai morte fu tanto benedetta! Ma mica che sarà un morte semplice, indolore.

*

Ripetiamo: è un problema di mentalità, e quella attuale osteggia in ogni modo il fatto che una femmina faccia figli e stia a casa ad accudirli. Inneggia all’amore libero, alla contraccezione, all’aborto con cui assassinare il feto che fosse sfuggito ai contraccettivi. Postula che la femmina si realizzi esclusivamente nel lavoro e nella carriera. Odia la religione e la famiglia.

*

È assurdo demonizzare la gravidanza e la prole, picconare l’istituto familiare, favorirne la disgregazione, e poi offrire denaro alle femmine che prolificano. È una contraddizione schizofrenica.

*

Nessun problema.

La Germania si estinguerà, e questo sarebbe il meno. Quando l’attuale classe di femminine in età fertile entrerà in quella della menopausa ne pagherà tutte le conseguenze: già, proprio quelle conseguenze che ora non vogliono saperne di considerare.

È giusto che vadano al massacro della miseria: raccoglieranno quello che il femminismo ha seminato.

Ma questo quadro non terrà luogo tra decenni indefiniti: lo si è iniziato a vedere adesso e si aggraverà progressivamente nei prossimi anni. Sarà un processo lungo e doloroso. Tante persone superbe ed egoiste dovranno mangiare, almeno fino a tanto che glielo daranno, un pane condito con lacrime.


Deutsche Welle. 2017-03-16. ‘Germany is below average in tackling population decline’

Chancellor Angela Merkel and four of her ministers are discussing the government’s demography strategy at a summit in Berlin. Their record so far? Below average, says expert James Vaupel.

*

DW: A few years ago, Germany was fearing a population collapse. Was that just typical German angst?

James Vaupel: Yes, it was mostly German angst. But not just German angst. People in Italy, Poland or Russia are concerned about population collapse as well. The population has started to decline in many countries. And if you extrapolate this into the distant future you can imagine the situation with a much smaller population. But it takes a long time. And over a period of many decades, public policies might change, people’s attitudes might change.

Has that happened recently in Germany? We have seen a sort of mini baby boom lately.

If people had the number of children they want to have, then the typical German family would have more than two children. But the number is still much lower. Why? One problem is daycare. Another problem is combining employment with having a family. In [the former] West Germany, mothers are typically expected to stay home with small children. That is damaging for their career and their income.

The government has been trying to tackle these issues. More daycare centers, longer parental leave – has that not had any impact?

It has had a modest impact. But it is too little. When a young couple has a child, an enormous burden is put on the couple. And the government could do a lot of things to make that burden less. Denmark and Sweden, for example, do a much better job in helping young people have children than Germany does. In Denmark, there is long paternity and maternity leave. There is flextime so that people can work a flexible number of hours per week. There are a lot of part-time work opportunities. And there is lots of daycare at a very low cost.

How would you rate German policies – are we just OECD average, then?

I think Germany is below average in terms of the help provided to young people. And Germany is certainly below average in the attitude that women with children should not work. In most countries it was like that 50 years ago but not today. That is just very detrimental to fertility.

Is it up to refugees from Syria and other places then to fill the gap?

Of course, a 20-year-old migrant can replace a baby that was not born 20 years ago. The difficulty with migrants is that it is very difficult to assimilate them. This is a major problem in many European countries.

If you could change policies in Germany, what would you change first?

The pension system. The age of retirement. One of the reasons why Germany doesn’t have enough money to spend on helping families is that so much money is being spent on older people who do not work. If people worked longer, that would save a lot of money and would contribute to the economy. Germany could then spend more money on education, on health, on assimilating migrants, on defense, on research, if older people worked to a higher age.

And how would you convince people to keep working?

A very important thing would be to have more flexible working hours. If you want to encourage older people to stay in the workforce you need more part-time jobs, more flextime jobs, where you can pick the hours you want to work. There is still too much inflexibility in the German system.

Dr. James W. Vaupel is the founding Director of the Max Planck Institute for Demographic Research in Rostock, Germany.

Pubblicato in: Economia e Produzione Industriale, Sistemi Economici

Invecchiamento e pil. Nuovi dati poco confortanti.

Giuseppe Sandro Mela.

2017-02-27.

vincent-van-gogh-vecchio-che-soffre

Daron Acemoglu del Massachusetts Institute of Technology e Pascual Restrepo della Boston University hanno pubblicato un interessante lavoro, che studia gli andamenti del pil e della percentuale di ultracinquantenni.

* * * * * * *

Si premettono alcune considerazioni.

Le scale dei diversi grafici riportati sono differenti da stato a stato: si faccia quindi attenzione nel compararli.

La statistica studia rapporti di concomitanza, non è in grado di rappresentare rapporti di causa – effetto.

Tale rapporto presuppone che ogniqualvolta si verifichi la causa, immancabilmente segua dopo un certo quale lasso di tempo, l’effetto. Similmente, ogniqualvolta di evidenzi l’effetto, immancabilmente esso deve essere preceduto dalla causa.

I fenomeni economici sono sostenuti da un elevato numero di variabili, differentemente interagenti tra di esse. Plottando due variabili, l’osservatore è inconsciamente spinto a considerare solo le due prese in esame, suggestione che potrebbe condurre ad errate conclusioni.

 

2017-02-22__pil__germania

2017-02-22__pil__giappone

2017-02-22__pil__italia

* * * * * * *

Nei tre grafici riportati si nota come il pil sia stato in continua crescita dall’inizio della rilevazione, crescita apparentemente non influenzata dall’aumento della quota degli ultracinquantenni. Si noti che i dati sono rappresentati a partire dal 1960.

Quando però tale quota supera valori attorno al 35%, simultaneamente il pil cessa di crescere ed inizia a decrescere, sia pure con andamento zigrinato. In relazione al lasso di tempo studiato, il periodo di decrescita del pil occupa grosso modo un decimo del tempo totale, poco per risultati certi, molto come campanello di allarme, verosimilmente anche qualcosa di più. Si noti come la quota degli ultracinquantenni sembrerebbe presentare un threshold: sotto un certo valore sarebbe ininfluente sul sisema, sopra agirebbe.

*

Le influenze della demografia sui sistemi economici è stata ampiamente trattata.

Germania. Realtà geografica, non più umana, politica ed economica.

Una popolazione con alta percentuale di vecchi dapprima perde lo spirito imprenditoriale e lavorativo, poi non ha più in numero sufficiente braccia e menti che possano applicarsi.

In questa sede sarebbe interessante trarre solo una considerazione, tra le molte pur di interesse.

Sono molte le variabili econometriche che sono usualmente espresse nei termini di rapporto con il pil: per esempio, il debito sovrano.

Molte teorie economiche assumono come assioma che il sistema cresca in modo indefinito. A ciò conseguirebbe, per esempio, che un debito pubblico dimezzerebbe la sua rappresentazione in termini di rapporto con il pil, qualora questo ultimo raddoppiasse. Da ciò deriverebbe ancora, di conseguenza, una scarsa o nulla rilevanza dell’ammontare del debito in sé e per sé.

Orbene, i dati prodotti smentirebbero codesto assioma. Da circa una decina di anni i pil sono in decrescita, in termini mediani.

La conseguenza ultima è che le suddette teorie si fondano su presupposti fallaci, e quindi provvedono risultati altrettanto fallaci.

*

Nota terminologica.

Enunciato. In linguistica, sequenza di parole che forma un segmento reale di discorso (orale o scritto), prodotto in una determinata situazione di comunicazione e sufficiente a dare l’informazione richiesta.

Assioma. Nel linguaggio com., verità o principio che si ammette senza discussione, evidente di per sé. In filosofia, principio certo per immediata evidenza e costituente la base per l’ulteriore ricerca