Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Polonia, Repubblica Ceka, Ungheria ed Estonia bloccano la EU sul carbone.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-24.

2019-06-22__Clima__001

«Poland, Czech Republic, Hungary, and Estonia prevented the EU from adopting a clear long-term climate neutrality goal at the summit in Brussels on Thursday evening (20 June).»

«The central and eastern European leaders could not get behind a draft text which said the EU should take measures “to ensure a transition to a climate-neutral EU by 2050” – a date too specific for them»

«Poland was leading the opposition, with support from the Czech Republic and Hungary»

«A clear commitment for the 2050 date was also missing from Estonia, an EU source said on condition of anonymity.

Another EU source said “three and a half states” were against – in an illustration of the non-committal stance of Estonia»

«But in the end, the leaders decided to scrap the 2050 commitment»

«The final text now says the EU aspires to climate neutrality “in line with the Paris agreement”, and the mention of the year 2050 was moved to a footnote»

«Ironically, in the text published on the European Council website on Thursday evening, the footnote initially was not included»

* * * * * * *

Per meglio comprendere il significato di questa posizione si dovrebbe leggere con cura il testo rilasciato dal Consglio Europeo.

«European Council conclusions on the MFF, climate change, disinformation and hybrid threats, external relations, enlargement and the European Semester, 20 June 2019

  1. Multiannual financial framework

  2. The European Council welcomed the work done under the Romanian Presidency and took note of the various elements of the MFF package. It called on Finland’s Presidency to pursue the work and to develop the Negotiating Box. On that basis the European Council will hold an exchange of views in October 2019, aiming for an agreement before the end of the year.

III. Climate change

  1. The European Council emphasises the importance of the United Nations Secretary General’s Climate Action Summit in September for stepping up global climate action so as to achieve the objective of the Paris Agreement, including by pursuing efforts to limit the temperature increase to 1.5°C above pre-industrial levels. It welcomes the active involvement of Member States and the Commission in the preparations.

  2. Following the sectoral discussions held over recent months, the European Council invites the Council and the Commission to advance work on the conditions, the incentives and the enabling framework to be put in place so as to ensure a transition to a climate-neutral EU in line with the Paris Agreement [1] that will preserve European competitiveness, be just and socially balanced, take account of Member States’ national circumstances and respect their right to decide on their own energy mix, while building on the measures already agreed to achieve the 2030 reduction target. The European Council will finalise its guidance before the end of the year with a view to the adoption and submission of the EU’s long-term strategy to the UNFCCC in early 2020. In this context, the European Council invites the European Investment Bank to step up its activities in support of climate action.

  3. The EU and its Member States remain committed to scaling up the mobilisation of international climate finance from a wide variety of private and public sources and to working towards a timely, well-managed and successful replenishment process for the Green Climate Fund.»

Dapprima esprime un enunciato di principio:

«take account of Member States’ national circumstances and respect their right to decide on their own energy mix»

Poi si arriva al nocciolo vero.

«Multiannual financial framework …. Green Climate Fund»

L’obiettivo è arrivare a varare un piano finanziario pluriennale che sostenga il Green Climate Fund, le risorse del quale saranno impiegate per sostenere le economie tedesca, francese ed olandese.

Interessano i soldi: il ‘clima’ è solo la foglia di fico che santificherebbe il saccheggio.

Ma il piano finanziario pluriennale deve essere approvato dal Consiglio Europeo alla unanimità, e l’epoca in cui l’asse francogermanico era onnipotente è tramontata.


EU Observer. 2019-06-22. Four states block EU 2050 carbon neutral target

Poland, Czech Republic, Hungary, and Estonia prevented the EU from adopting a clear long-term climate neutrality goal at the summit in Brussels on Thursday evening (20 June).

The central and eastern European leaders could not get behind a draft text which said the EU should take measures “to ensure a transition to a climate-neutral EU by 2050” – a date too specific for them.

Poland was leading the opposition, with support from the Czech Republic and Hungary.

A clear commitment for the 2050 date was also missing from Estonia, an EU source said on condition of anonymity.

Another EU source said “three and a half states” were against – in an illustration of the non-committal stance of Estonia.

“There was lots of back and forth and ‘how can we persuade you’,” added the source.

But in the end, the leaders decided to scrap the 2050 commitment.

The final text now says the EU aspires to climate neutrality “in line with the Paris agreement”, and the mention of the year 2050 was moved to a footnote.

“For a large majority of member states, climate neutrality must be achieved by 2050,” that footnote said.

Ironically, in the text published on the European Council website on Thursday evening, the footnote initially was not included.

Climate neutrality refers to an economy in which the emission of greenhouse gases caused by human activity is mostly prevented, and any remaining emissions are compensated through for example planting additional trees or capturing emissions and storing them.

The reference of climate neutrality “in line with the Paris agreement” is open to interpretation.

The global climate agreement, clinched in 2015 in the French capital, said that the entire world should reach climate neutrality “in the second half of this century”.

However, the Paris deal also said that efforts must be made to limit global warming to an average temperature rise of 1.5C, compared to pre-industrial levels.

The failure to reach a consensus on 2050 will be a disappointment to many who saw positive signs in recent weeks.

That 2050 target seemed to gain momentum recently after the EU’s largest state, Germany, decided to support it.

Also earlier this month, the United Kingdom, although leaving the EU, committed to a domestic zero-emissions target by 2050, while Italy also came on board.

But at the EU summit in Brussels it proved to be impossible to convince the last quartet of sceptics.

Consensus is needed for leaders to adopt official conclusions.

One diplomatic source said the reluctance of some coal-dependent member states was “expected”.

“It’s easier for Scandinavian countries to commit to climate neutrality,” he said.

“These are known differences [between the member states]”, he added.

Poland’s permanent representation in Brussels said in a tweet that prime minister Mateusz Morawiecki “defends [Poland]’s interests in discussion about climate policy”.

“Fair distribution of climate protection costs means taking into account the specificities of [member states]. Climate goals are important in the same way as their implementation, taking into account citizens & economy,” it said.

‘Blew it’

But non-governmental organisations were frustrated with the outcome.

Greenpeace said that Europe’s governments “had a chance to lead from the front and put Europe on a rapid path to full decarbonisation”.

“They blew it,” the environmental lobby group added.

Friends of the Earth meanwhile called the vetoes “criminal behaviour”.

“The reference to being in line with the Paris agreement in such a flimsy text makes a mockery of that agreement, and should not be allowed to stand,” said WWF.

The diplomatic source stressed, however, that the EU was “still ambitious” and that he never expected the final target year to be agreed at this summit.

“The climate debate is not finished. It will come back, certainly, in December,” he said.

Meanwhile at the summit, the leaders did agree in the text to submit a long-term climate strategy to the UN climate body in “early 2020”, and adopted a Strategic Agenda which identified climate action as one of the EU’s priorities.

The Strategic Agenda, covering the 2019-2024 period, said the EU’s policies should be “consistent with the Paris agreement” – but also did not contain a specific year for carbon neutrality.

“As the effects of climate change become more visible and pervasive, we urgently need to step up our action to manage this existential threat. The EU can and must lead the way, by engaging in an in-depth transformation of its own economy and society to achieve climate neutrality,” it said.

Another new impetus for the climate debate will be on 1 July when Finland takes over the helm for six months as EU president.

Earlier this month Finland said it wanted to be climate neutral by 2035.

In the early hours of Friday, European Council president Donald Tusk told press “reaching unanimity was not possible today”.

“However, we have good reason to believe that this may change, as no country ruled out the possibility of a positive decision in the coming months,” said Tusk.

Annunci
Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Unione Europea. Fervono le trattative. – Reuters.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-31.

unione europea 001

«German Chancellor Angela Merkel and French President Emmanuel Macron disagreed on Tuesday over who should be the next chief of the European Commission»

«Unanimity is not required; Juncker got the job in 2014 despite British opposition and Hungarian abstention.»

«But it is hard to see a candidate succeeding against the will of more than just a handful of leaders, as that would risk damaging their cooperation in the future and stalling the EU’s decision-making machinery.»

«The EPP’s Weber has so far failed to rally the other EU assembly groups behind him»

«Now, stripped of their longtime combined parliamentary majority, the EPP and S&D are looking for support from the liberal ALDE and the Greens, since the four groups together would command 504 seats, comfortably enough to approve or reject any nomination made by national leaders.»

«Among national government leaders, only seven are now with the EPP»

«French officials have said the liberal Macron could endorse the center-right Barnier to succeed Juncker, but was keeping his options open»

«Macron pushed back minutes later, listing the EU competition commissioner, Denmark’s Margrethe Vestager, the bloc’s Brexit negotiator, center-right Frenchman Michel Barnier, and Dutch Social Democrat Frans Timmermans – but not Weber – as appropriate candidates.»

* * * * * * * *

In questa particolare fase politica ed economica la scelta del presidente della Commissione Europea è sicuramente non facile. Vi sono sostanziali differenze di vedute tra i capi delle nazioni ed opposizione di interessi tra i gruppi parlamentari, per non parlare poi delle realtà economiche e finanziare delle diverse aree produttive.

Né i discorsi si fermano alle supreme vette: sono anche in ballo tutte le alte dirigenze dei burocrati di Bruxelles, ai quali la pregressa gestione Juncker ha conferito grandi poteri ai quali stentano a rinunciarvi.


Reuters. 2019-05-28. Merkel, Macron clash in search of “Mr or Ms Europe”

German Chancellor Angela Merkel and French President Emmanuel Macron disagreed on Tuesday over who should be the next chief of the European Commission as EU leaders met to begin bargaining over candidates for the bloc’s top jobs in the next five years.

An EU-wide election last week returned a European Parliament with a splintered center and gains by pro-EU liberals and Greens as well as eurosceptic nationalists and the far right, making agreeing a coherent agenda for the bloc more tricky.

“We won’t choose Mr. or Ms. Europe today, but just draw a balance after the European election,” Luxembourg’s liberal prime minister, Xavier Bettel, said ahead of the meeting of 28 national leaders in Brussels.

Held once every five years, the EU election means the heads of major EU institutions will now be replaced.

Merkel said on arrival at the gathering that she backed center-right German lawmaker Manfred Weber to be the next head of the EU’s powerful executive, the European Commission, after Luxembourg’s Jean-Claude Juncker steps down on Oct. 31.

Macron pushed back minutes later, listing the EU competition commissioner, Denmark’s Margrethe Vestager, the bloc’s Brexit negotiator, center-right Frenchman Michel Barnier, and Dutch Social Democrat Frans Timmermans – but not Weber – as appropriate candidates.

Dutch Prime Minister Mark Rutte, also mooted as a possible contender in the obscure recruitment process, said Tuesday’s meeting was about “content rather than people”. It was also, he said, about agreeing policy priorities for the coming years, including climate change, economy and migration.

The center-right European People’s Party (EPP) and the center-left Socialists & Democrats (S&D) group were reduced to 326 seats together in the new, 751-strong chamber in Sunday’s vote, 50 short of the majority needed to determine by themselves who should head the Commission, as they had in years past.

Other big roles up for grabs later this year include the head of the European Parliament and the European Central Bank, the bloc’s foreign policy chief and the head of the European Council who represents leaders of the 28 EU member states and helps broker compromises among them.

The EU would risk an institutional logjam if talks drag on, leaving it unable to make pivotal policy decisions at a time when it faces a more assertive Russia, China’s growing economic might and an unpredictable U.S. president.

Leaders of a majority of parties in the newly elected chamber called on Tuesday on national government leaders to nominate a lawmaker to replace Juncker.

HORSE-TRADING

The EPP’s Weber has so far failed to rally the other EU assembly groups behind him.

Now, stripped of their longtime combined parliamentary majority, the EPP and S&D are looking for support from the liberal ALDE and the Greens, since the four groups together would command 504 seats, comfortably enough to approve or reject any nomination made by national leaders.

Among national government leaders, only seven are now with the EPP. French officials have said the liberal Macron could endorse the center-right Barnier to succeed Juncker, but was keeping his options open.

Macron has taken a stand against the “Spitzenkandidat” (lead candidate) system whereby a lawmaker selected by the European assembly should get the Commission job.

On Monday he met Spanish Prime Minister Pedro Sanchez, who is seeking a bigger EU role for Madrid.

On Tuesday, a flurry of separate face-to-face talks was taking place in Brussels before all the leaders, including outgoing British Prime Minister Theresa May, convene at 1600 GMT.

Their chairman, ex-Polish premier Donald Tusk, expects to continue consultations with capitals after the initial debate.

He also wants to have names ready for the new European Parliament’s approval in July as otherwise the whole process risks getting delayed until autumn.

Unanimity is not required; Juncker got the job in 2014 despite British opposition and Hungarian abstention.

But it is hard to see a candidate succeeding against the will of more than just a handful of leaders, as that would risk damaging their cooperation in the future and stalling the EU’s decision-making machinery.

The difficult-to-call process will be a compromise between requirements of geography and political affiliation, as well as the candidates’ own profiles. [L8N2341US]

Names in the running for Commission chief from eastern Europe include outgoing Lithuanian President Dalia Grybauskaite, the Bulgarian World Bank head Kristalina Georgieva and the Czech Republic’s justice commissioner, Vera Jourova.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Elezioni Europee. Le cosche stanno andando ai materassi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-28.

Mafia 911

Cerchiamo di riassumere, anche se al momento attuale non è ancora dato di conoscere l’esatta composizione dei gruppi parlamentari: non si sa, per esempio. quale collocazione vorrà dare Mr Orban a tutti i suoi europarlamentari.

Ricordiamo come sia il Consiglio Europeo a dover proporre il presidente della Commissione ed i relativi commissari: gli europarlamentari avranno il compito di esaminare le proposte e, nel caso, di approvarle.

Sicuramente si formeranno degli schieramenti, ma si tenga sempre presente che gli stati hanno il diritto di veto: opzione da usarsi con la massima prudenza, ma pur sempre possibile.

* * *

– Il partito popolare europeo scende dai 221 agli attuali 180 seggi: perde 41 seggi, -18.55%

– Il partito socialista europeo scende dai 191 seggi del 2014 agli attuali 145, perde 46 seggi, -24.08%.

– La sinistra – GUE/Ngl – scende dai 52 agli attuali 38 seggi: perde 14 seggi, -26.92%.

– Il blocco liberal senza l’Aldeppe e pse scende da 412 deputati agli attuali 325. prde quindi 87 seggi, -21.12%.

*

– In Francia il Rem, il partito del presidente Macron, ha conseguito il 22.41% dei voti, cui conseguono 21 seggi, mentre Rn, il partito della Mrs Le Pen, si è piazzato al 23.31%, conquistandosi 23 seggi.

– In Germania la Cdu è scesa dal 35% al 28.9%, e la Spd è crollata dal 27% al 15.8%.

– Gli europarlamentare inglesi di Mr Farage sembrerebbero poi essere non troppo propensi all’Unione Europea.

Punto della situazione.

– La passata coalizione ppe e pse ha perso i numeri per formare una maggioranza. Rimedierà cooptando l’Alde, ma la perdita di 87 seggi (-21.12%) è una sonora sconfitta, checché se ne voglia dire.

– Mr Macron in Francia e Frau Merkel in Germania, almeno fino a tanto che questa resterà cancelliere, sono anatre zoppe: deboli e screditati, quindi con voci che si odono flebilmente a Bruxelles.

– Se nessuna componente sia in grado di imporre il proprio candidato, pur tuttavia conserva forza sufficiente per porre il veto alle scelte altrui. Non ci si stupisca quindi se alla fine la Presidenza della Commissione sia offerta ad un outsider, per esempio Mrs Lagarde.

*

Vi sono poi i convitati di pietra.

In autunno dovrà essere rinnovato il Governatore Draghi, e con lui il suo entourage: non sarà battaglia da poco.

Poi, quasi invisibile sullo sfondo, c’è appollaiato Mr Trump. Sarebbe impensabile, data la situazione, che non si sentisse il suo parere. E come non sentire l’illuminato parere di Mr @@@@, capo cupola felicemente regnante? Non farlo sarebbe uno sgarro.

Nota.

Ci si tolga dalla testa che sia una battaglia di ideali per il benessere ed il progresso del popolo, per un mondo ecologicamente pulito e che viva in pace.

Sono in ballo migliaia di miliardi: tutti vorrebbero la loro parte e lasciare gli altri a bocca asciutta sempre che non li ammazzino.


Macron and Merkel at odds over EU top jobs after European elections

«German backing of MEP Manfred Weber to replace Juncker has met with resistance from France.

Paris and Berlin appear on a collision course over the replacement of Jean-Claude Juncker as president of the European commission after poor results for the centre-right in the European elections damaged Angela Merkel’s choice for the post.

The German chancellor’s backing for the German MEP Manfred Weber, who leads the European People’s party of which her CDU party is a member, is facing tough resistance from the French president Emmanuel Macron in the post-election jockeying for top jobs.

The EU heads of state and government, including Theresa May, are due to meet on Tuesday night to kickstart their discussions over the leadership of the bloc’s institutions after a set of election results that weakened the grip of the traditional centrist parties on the levers of power in Brussels.

The European People’s party (EPP) remains the largest in the parliament, but during a disappointing night its haul of seats plummeted from 221 in 2014 to 180, prompting Weber to concede that the “centre is shrinking”.

The Socialists and Democrats group’s 191 seats five years ago fell to 145 despite surprisingly strong results in Spain and the Netherlands, where they topped the polls. ….»

*


Manfred Weber: We have to find consensus with France

«The proposals by France and Germany are on the table: Macron has made far-reaching proposals for the reform of the eurozone. The German government has made commitments in the coalition agreement, which also calls for a “departure for Europe.” Now it is about finding a reasonable and workable middle ground. This means, that a limited further development of the euro rescue fund ESM towards a European Monetary Fund is the key reform to come in the area of the economic and monetary union.

I think it is right that Berlin clearly defines the national interests – especially, the Christian Democrat faction. But it is also clear that in this phase we have to find consensus with France. When it comes to the planned European Monetary Fund: When a decision on new aid programs has to be taken, the veto of the German Bundestag must be preserved.»

*


France and Germany clash over future EU leadership

«France and Germany on Monday clashed over the future leadership of the EU after European elections produced a fragmented parliament and triggered a race to secure the top jobs in the world’s largest trading bloc. Nationalist, liberal and green parties across the EU have gained seats at the expense of centrist parties, such as German chancellor Angela Merkel’s CDU party, which have dominated the parliament over the past four decades. President Emmanuel Macron’s liberal party on Monday called for “a European Commission president candidate who can build a robust majority way beyond the partisan lines” — suggesting it wanted an alternative to Manfred Weber, the Germany-backed candidate for the commission.»

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Sibiu. Riunione dei nobili decaduti. Unione Europea scarmigliata.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-10.

2019-05-10__Trump__Europa__001

Tanto chi conta è proprio quello che non c’è né tanto meno potrebbe esserci: Mr Trump.


«Macron definisce addirittura gli Spitzenkandidaten dei “candidati da tinello”. Proprio così. Questo il ragionamento: “Io non sono favorevole agli Spitzenkandidaten. E sono coerente: gli Spitzenkandidaten andavano bene se avessimo avuto delle liste europee transnazionali, ma i maggiori partiti dell’Ue sono stati contrari. E allora ora abbiamo dei candidati da tinello, non parlano di questioni europee ma di materie di casa loro. Ecco perchè non mi sento vincolato ai candidati scelti dai partiti…”. Anche perchè, aggiunge godendo di una piccola rivincita visto che lui era favorevole alle liste transnazionali, “i leader dei partiti sono meno legittimati dei capi di stato e di governo”.Boom»

*

«Voices critical of the Spitzenkandidat system grew at the EU leaders’ informal summit held this week in Nagyszeben (Sibiu), Romania. European Council President Donald Tusk is the latest important European leader to express concern about the system»

*

«Tusk has practically turned his back on party agreements by stating that geographical and demographical aspects should be taken into account – perhaps as much as or even more than party decisions – when choosing the leader and members of the next Commission»

*

«He made his intentions clear in order to avoid a repeat of 2014 when it took three summits over the course of three months to reach an agreement»

*

«The summit has brought several critical claims about the Spitzenkandidat system to light, putting more pressure on EPP’s favoured candidate, Manfred Weber»

*

«the EU treaties require the Council, acting by a qualified majority, to nominate for Parliament’s approval a Commission president, “taking account of the results of the European Parliament election.”»

*

«French President Emmanuel Macron expressed his opposition to the system on Thursday, saying he thinks it is “not the right approach” and that he “would not feel bound by nationality.”»

*

«spitzenkandidat …. a little bit out of democratic procedures and treaties»

*

«Weber himself defended the process and insisted that “ignoring Spitzenkandidaten would harm EU democracy.”»

*

«To top it all off, rumors have spread that former EPP Vice-President Michel Barnier might run for the position.»

*

«E’ ormai ufficiale che i loro nomi sulla scheda indicheranno soltanto dei semplici candidati al Parlamento europeo, il cui destino è tutto da decidere e passerà tra le mani dei capi di Stato e di governo»

*

«Antonio Tajani: “Barnier è un amico, ho lavorato molto con lui, è stato vicepresidente della Commissione, coordinatore della Ue per Brexit. E’ un bravo politico e una brava persona, ma io sono anche il vicepresidente del Ppe, il mio candidato Weber e continuerò a sostenerlo”. »

*

«All’Italia spetterà un solo commissario, nessuno azzarda previsioni su ulteriori incarichi. Agricoltura è la casella sognata dalla Lega, che però non disdegnerebbe l’Immigrazione. Industria è quella che vorrebbero i cinque stelle»

*

«il processo dello Spitzenkandidat, voluto dal Parlamento europeo affinchè siano gli elettori con il loro voto a indicare il presidente della Commissione, non sta in piedi»

* * * * * * *

Cerchiamo di riassumere sintetizzando.

– La Commissione Europea è fermamente intenzionata a trattenersi il potere di nominare Presidente e Commissari della Commissione Europea, tenendo in non cale gli eventuali spitzenkandidaten formulati dall’europarlamento uscente.

– Se, come potrebbe sembrare. Ppe e Pse dovessero perdere realmente un centinaio di seggio, un’alleanza con Alde diverrebbe giocoforza, ma questo altererebbe tutti gli equilibri.

– Nessuna nazione è più in grado di condizionare le altre: la rosata di nomi sarà quindi frutto di trattative, ove i compensi potrebbero riversarsi sulle situazioni meno aspettate.

– Alla fine, più che i nomi scelti, saranno gli accordi fatti ad essere determinanti.

– La candidatura di Manfred Weber è al momento alquanto poco probabile.

*


Ansa. 2019-05-10. Merkel, sostengo Weber alla presidenza Commissione Ue

‘Procedura Spitzenkandidat trova sue basi nei trattati’

SIBIU (ROMANIA) – “Sostengo il candidato di punta del Ppe Manfred Weber” per la carica di presidente della Commissione europea, “ma ci sono capi di Stato e di governo che sono critici o non sono d’accordo con la procedura degli Spitzenkandidat”, un percorso per il quale c’è comunque “una base nei Trattati Ue”. Così la cancelliera tedesca Angela Merkel, alla conferenza stampa al termine del vertice di Sibiu.

*


Ansa. 2019-05-10. Macron, mi batterò per miglior presidente Commissione Ue

‘Gli Spitzenkandidat sono i candidati tecnici’

SIBIU (ROMANIA) – “Condivido la visione di Tusk, di arrivare alle nomine subito dopo le elezioni, in modo veloce ed efficace”. Per la presidenza della Commissione europea “dobbiamo scegliere il miglior candidato possibile, ci saranno dei compromessi, ma io mi batterò per avere il miglior candidato, coerente con ambizioni europee forti, e persone capaci, che porteranno valore aggiunto al progetto europeo”. Così il presidente francese Emmanuel Macron, che non concorda con la procedura dello Spitzenkandidat, “quelli – ha indicato – sono i candidati tecnici”.

*


Ansa. 2019-05-10. Tusk, vertice straordinario dei leader Ue il 28 maggio

Nuova leadership a giugno. Se necessario ricorrerò a voto

SIBIU (ROMANIA) – Il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, al termine del vertice di Sibiu, ha annunciato un vertice straordinario dei 28 capi di stato e di governo per il 28 maggio, cioè, “all’indomani del voto per il Parlamento europeo”, per “avviare il processo delle nomine dell’Ue”, che intende “condurre in modo veloce”, per arrivare a “nominare la nuova leadership dell’Ue a giugno”. “Se non si dovesse raggiungere il consenso – ha avvertito Tusk – non esiterò a ricorrere al voto”.

“Il percorso per la nomina” della nuova leadership “dovrà essere veloce, efficace, e secondo i nostri Trattati. Se fosse difficile raggiungere il consenso, non mi sottrarrò dal mettere queste decisioni al voto”, ha spiegato Tusk. Il presidente del Consiglio europeo ha spiegato che “l’equilibrio geografico” per le nomine “è un punto chiaro nei Trattati”, ricordando che la leadership istituzionale deve essere capace “di difendere i Paesi più piccoli e più deboli”. Durante la conferenza stampa, Tusk ha mostrato un paio di guanti gialli da portiere, spiegando che gli erano stati dati in regalo dalla stella del calcio romena Helmut Duckadam, che gli ha anche dato delle dritte sul gioco in difesa.

“L’Italia è intenzionata a recitare il ruolo che le spetta: è la seconda azienda manifatturiera in Europa e il terzo sistema economico nell’eurozona, dovrà recitare un ruolo non secondario”. Così il premier Giuseppe Conte, da Sibiu, ha risposto a chi gli chiedeva quale sarà il ruolo dell’Italia nella nuova tornata di nomine europee.

*


Huffpost. 2019-05-10. A Sibiu i leader Ue affossano la corsa di Weber e tutti gli Spitzenkandidat

Anche Conte d’accordo che dà la disponibilità a trattare a Merkel e Macron. Il 28 maggio vertice straordinario: alla presidenza della Commissione Francia e Germania sognano Barnier

*

Il prossimo presidente della Commissione Ue deve “avere grandi ambizioni per l’Unione Europea, deve avere delle competenze da portare nel progetto europeo” e deve essere scelto “rispettando le indicazioni degli elettori”. Al termine del vertice di Sibiu, Emmanuel Macron traccia il profilo del successore di Jean Claude Juncker. Naturalmente, quando gli viene chiesto se quello illustrato possa essere l’identikit di Michel Barnier, il presidente francese si ritira: “Troppo presto per fare nomi”. Eppure al summit europeo in questa cittadina della Transilvania, nei tantissimi bilaterali di questo vertice che cade proprio nel 69esimo anniversario della dichiarazione di Robert Schuman da cui nacque il processo di unificazione europea, il nome del francese Barnier, attuale negoziatore della Brexit, è il più quotato. Di fatto, il vertice di Sibiu affossa senza tanti complimenti la candidatura di Manfred Weber, capolista del Ppe per la presidenza della Commissione: lui e tutto il processo che gira intorno agli Spitzenkandidaten sono di fatto finiti a poche settimane dalle elezioni.

E’ ormai ufficiale che i loro nomi sulla scheda indicheranno soltanto dei semplici candidati al Parlamento europeo, il cui destino è tutto da decidere e passerà tra le mani dei capi di Stato e di governo. A Sibiu il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk convoca un vertice straordinario già per il 28 maggio: a 48 ore dalle elezioni, prima analisi del voto e calcio di inizio alla partita.

Qui in Transilvania solo i leader del Ppe difendono Weber nelle dichiarazioni ufficiali, per salvare le apparenze. Da Angela Merkel: “Io supporto Manfred Weber, che questo sia chiaro”. Ad Antonio Tajani: “Barnier è un amico, ho lavorato molto con lui, è stato vicepresidente della Commissione, coordinatore della Ue per Brexit. E’ un bravo politico e una brava persona, ma io sono anche il vicepresidente del Ppe, il mio candidato Weber e continuerò a sostenerlo”. Dietro le quinte, la musica è diversa.

Merkel ne ha parlato con Macron e ha voluto sondare anche gli umori di Giuseppe Conte in un bilaterale che dall’entourage del premier italiano definiscono “fitto”. Perchè i voti degli eletti del Movimento cinquestelle all’Europarlamento faranno gola per il risiko della cariche Ue: non saranno pochi, malgrado il calo nei sondaggi. Conte offre la sua disponibilità al confronto. A fine vertice anche lui sega il ramo degli Spitzenkandidaten: “E’ un criterio, ma non l’unico”. Sia in Italia che in Europa, la scommessa è che sarà la Lega di Matteo Salvini a rimanere fuori dai giochi, in quanto il Ppe in prevalenza non vuole siglare intese con i sovranisti. Qui a Sibiu anche l’iterlocutore di Salvini, Viktor Orban, ne ha preso atto, all’assemblea dei Popolari e nel suo bilaterale con Tusk.

“Il rischio dell’isolamento noi ce l’abbiamo sempre: è il nostro complesso, quello di essere isolati – dice Conte – In realtà però poi, come vedete, non siamo mai isolati in nessuna partita e confideremo di non esserlo neppure qui”, nelle nomine dei vertici dell’Ue nella prossima legislatura, “però bisogna lavorare”. L’ennesima sfida con Salvini è sfilargli il posto nelle trattative europee sulle nomine. All’Italia spetterà un solo commissario, nessuno azzarda previsioni su ulteriori incarichi. Agricoltura è la casella sognata dalla Lega, che però non disdegnerebbe l’Immigrazione. Industria è quella che vorrebbero i cinque stelle. Tutta carne che finirà sul fuoco della resa dei conti tra Lega e Cinquestelle dopo il voto.

A Sibiu comunque si parte dalla presidenza della Commissione. Il problema di Barnier è che finora è legato alla Brexit, processo ancora aperto, ufficialmente rimandato al 31 ottobre, tardi. Il Parlamento europeo deve votare sul nuovo presidente della Commissione a metà luglio, questo prevedono le regole. L’inghippo fa massa nei bilaterali, tantissimi come ogni volta che si tratta di decidere i ‘top jobs’ dell’Ue. Solo Conte, oltre che con Merkel, parla anche con Macron, con lo spagnolo Pedro Sanchez, con il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker, con il quale però il focus è la preoccupazione europea per i conti pubblici italiani.

Lo dicono un po’ tutti: il processo dello Spitzenkandidat, voluto dal Parlamento europeo affinchè siano gli elettori con il loro voto a indicare il presidente della Commissione, non sta in piedi. “Non è nei trattati”, se la sbriga il polacco Tusk, interessato a far prevalere invece le prerogative del consiglio: saranno i leader tra loro a decidere il presidente, pescandolo magari dal primo partito alle urne, che stando ai sondaggi dovrebbe essere il Ppe, Barnier è perfetto anche come appartenenza politica.

Macron definisce addirittura gli Spitzenkandidaten dei “candidati da tinello”. Proprio così. Questo il ragionamento: “Io non sono favorevole agli Spitzenkandidaten. E sono coerente: gli Spitzenkandidaten andavano bene se avessimo avuto delle liste europee transnazionali, ma i maggiori partiti dell’Ue sono stati contrari. E allora ora abbiamo dei candidati da tinello, non parlano di questioni europee ma di materie di casa loro. Ecco perchè non mi sento vincolato ai candidati scelti dai partiti…”. Anche perchè, aggiunge godendo di una piccola rivincita visto che lui era favorevole alle liste transnazionali, “i leader dei partiti sono meno legittimati dei capi di stato e di governo”.Boom.

Gli elettori “non hanno idea di chi siano” gli Spitzenkandidaten, taglia corto il premier lussemburghese Xavier Bettel. I nomi proposti sono “una scelta dei partiti, non una scelta degli eletori. I giornalisti e noi parliamo di Spitzenkandidaten. Ma chiedete ai miei elettori: non hanno idea di chi siano gli Spitzenkandidaten”. “Sono fuori dalle procedure previste dai Trattati”, sentenzia la presidente della Lituania, Dalia Grybauskaite. Il premier greco Alexis Tsipras fa anche una considerazione politica: serve un presidente della Commissione “che sostenga l’unità, la democrazia, e la solidarietà dell’Ue, che sia contro il neoliberalismo, l’austerità e l’approccio xenofobo di alcune forze di destra che stanno prendendo quota in Europa. E non è Weber, questa è la mia posizione”.

Saranno dunque i capi di Stato e di governo a decidere chi guiderà la Commissione, ma anche chi guiderà il Consiglio e il Parlamento, nonchè il governatore della Bce alla scadenza di Mario Draghi a fine anno. Le cariche europee – che comunque devono essere approvate dall’Eurocamera – rientrano infatti in un puzzle complessivo che cerca un equilibrio di “provenienze geografiche, politiche, competenze”, elenca Tusk. Il punto è che il percorso annunciato a Sibiu fa fuori gli Spitzenkandidaten a meno di una settimana dal dibattito organizzato dal Parlamento europeo per il 15 maggio nell’emiciclo di Bruxelles tra tutti icapilista che in teoria corrono per la presidenza della Commissione: oltre al Popolare Weber, anche Frans Timmermans per i socialisti, Marghrete Vestager per i liberali (l’Alde in realtà ne ha indicati diversi tra cui Guy Verhofstadt), Jan Zahradril per i Conservatori e riformisti. Insomma, da questo vertice sotto la presidenza di turno rumena arriva un po’ uno schiaffo all’Europarlamento: non è il primo nè l’ultimo da parte dei leader.

Il vertice si conclude con l’approvazione all’unanimità di una dichiarazione in dieci punti, tra i quali difendere “un’Europa unita e solidale”, che sia risoluta nel prendere “decisioni congiunte”, che assicuri lo stato di diritto e “la salvaguardia della democrazia e del proprio stile di vita”, “equità”, “riduzione delle disparità esistenti tra gli Stati membri”, “competitività nell’ambito del commercio internazionale”. Niente di vincolante. Appuntamento al 28 maggio: il processo dovrà essere “rapido, efficace ed in accordo con i nostri trattati: se sarà difficile ottenere il consenso, non mi esimerò dal mettere queste decisioni ai voti a giugno”, dice Tusk. Oggi ha vinto lui e gli Stati nazionali, come sempre.

*


Hungary Today. 2019-05-10. Weber to Fall? More and More Leaders Question the Spitzenkandidat System

Voices critical of the Spitzenkandidat system grew at the EU leaders’ informal summit held this week in Nagyszeben (Sibiu), Romania. European Council President Donald Tusk is the latest important European leader to express concern about the system.

*

Tusk has practically turned his back on party agreements by stating that geographical and demographical aspects should be taken into account – perhaps as much as or even more than party decisions – when choosing the leader and members of the next Commission. He made his intentions clear in order to avoid a repeat of 2014 when it took three summits over the course of three months to reach an agreement.

The summit has brought several critical claims about the Spitzenkandidat system to light, putting more pressure on EPP’s favoured candidate, Manfred Weber. As Politico noted earlier, the EU treaties require the Council, acting by a qualified majority, to nominate for Parliament’s approval a Commission president, “taking account of the results of the European Parliament election.”

French President Emmanuel Macron expressed his opposition to the system on Thursday, saying he thinks it is “not the right approach” and that he “would not feel bound by nationality.”

Others also joined him, including Luxembourg PM Xavier Bettel: “Ask my voters — they have no clue who’s the spitzenkandidat.” Bettel added that the process “was a mistake from the beginning” and claimed it cannot function without proper transnational lists. Lithuanian President Dalia Grybauskaitė told reporters that the process is “a little bit out of democratic procedures and treaties.”

As expected, Angela Merkel stood by Weber once again: “I support Manfred Weber, to make this very clear.” Austrian Chancellor Sebastian Kurz also defended the current system, claiming that any changes would run the risk of “being undemocratic.” Weber himself defended the process and insisted that “ignoring Spitzenkandidaten would harm EU democracy.”

Weber is under pressure for a number of reasons, one being Viktor Orbán’s recent announcement. The PM stated that he would no longer be supporting Weber due to comments the politician made on German TV. To top it all off, rumors have spread that former EPP Vice-President Michel Barnier might run for the position.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Elezioni Europee. The Day After. La Notte dei Lunghi Coltelli.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-09.

2019-05-03__Day After__001

Nella Sezione Attualità del sito del Parlamento Europeo è comparso questo utile articolo:

Elezioni europee 2019: cosa succederà dopo? Cronologia

2019-05-03__Day After__002

Fra il 23 e il 26 maggio 2019 gli europei voteranno i nuovi 751 deputati che rappresenteranno i loro interessi per i prossimi cinque anni. Saranno proprio questi eurodeputati a eleggere la prossima Commissione europea, incluso chi la presiederà.

I partiti politici hanno scelto i propri candidati alla presidenza della Commissione europea.

Dopo le elezioni i leader europei (riuniti nel Consiglio europeo), tenendo conto del risultato delle elezioni, proporranno un possibile Presidente della Commissione europea. Il Parlamento ha dichiarato che non accetterà un candidato che non abbia partecipato al procedimento dei candidati presidente. Il Parlamento voterà la nomina del nuovo presidente a luglio.

Sono gli stati membri a dover proporre i commissari, in collaborazione con il nuovo presidente della Commissione.

I Commissari designati verranno poi esaminati dalle commissioni parlamentari responsabili delle tematiche pertinenti. L’intera Commissione europea verrò poi messa al voto della plenaria del Parlamento europeo.

La nuova Commissione europea comincerà il proprio incarico il 1° novembre 2019.

*

Segnaliamo solo alcuni elementi, per favorirne la comprensione.

– La frase «I partiti politici hanno scelto i propri candidati alla presidenza della Commissione europea» non tiene conto che verosimilmente il nuovo europarlamento avrà composizione molto differente dall’attuale e saranno presenti anche gruppi parlamentari nuovi. Di conseguenza, la scelta degli Spitzenkandidat dovrebbe essere procrastinata a elezioni effettuate.

Spitzenkandidat. Bene per eleggere Juncker, male per eleggere un identitario.

The EU’s ‘democratic’ system that elected a president nobody wants

– «Dopo le elezioni i leader europei (riuniti nel Consiglio europeo), tenendo conto del risultato delle elezioni, proporranno un possibile Presidente della Commissione europea»

La scelta del nome di chi diverrà Presidente della Commissione Europea è appannaggio del Consiglio Europeo, ossia della riunione dei capi di stato o di governo. Gli schieramenti interni sono molto cambiati nel corso degli ultimi cinque anni e muteranno anche in questo 2019 a seguito delle numerose elezioni politiche in sette stati dell’Unione. Poi, anche il più piccolo degli stati può utilizzare il diritto di veto. Questa situazione genera la necessità di scegliere una personalità moderata.

– «Il Parlamento ha dichiarato che non accetterà un candidato che non abbia partecipato al procedimento dei candidati presidente». Si ricorda come codesta dichiarazione di intenti vale per il pregresso parlamento europeo, ma non vincola certamente quello che uscirà dalle urne il 26 maggio.

* * * * * * *

Come si vede, la serie degli adempimenti formali è lunga e l’iter sarà anche contrastato e penoso.

Uno dei principali nodi è la perdita della maggioranza della coalizione tra Ppe ed S&D che ha retto l’Unione Europea per decenni. Si formerà verosimilmente una coalizione allargata, ma sarà molto difficile ignorare la presenza degli identitari sovranisti nell’europarlamento e, soprattutto, nella Commissione Europea.

Per non parlare poi del fatto che si dovrà anche tener conto del sommesso parere dei grani mondiali.

In ogni caso, un partito popolare europeo che secondo i sondaggi dovrebbe perdere almeno quaranta seggi ed un partito socialista europeo che dovrebbe perdere circa cinquanta seggi non dovrebbero essere nella condizione di dettar legge.

Nota.

«MAGGIORANZA QUALIFICATA

La maggioranza qualificata (MQ) corrisponde al numero di voti da raggiungere, in sede di Consiglio, per adottare una decisione deliberando in conformità dell’articolo 16 del trattato sull’Unione europea e dell’articolo 238 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea. Nel quadro della procedura legislativa ordinaria, il Consiglio delibera a MQ, in codecisione con il Parlamento europeo.

Il 1° novembre 2014 è stata introdotta una nuova procedura per il sistema di votazione a MQ, la regola della «doppia maggioranza». In questo caso, quando il Consiglio vota una proposta della Commissione o dell’alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, la MQ viene raggiunta qualora siano soddisfatte due condizioni:

– il 55 % dei paesi dell’Unione europea (UE), ovvero 16 su 28, vota a favore,

– la proposta è sostenuta da paesi che rappresentano almeno il 65 % della popolazione totale dell’UE.

Quando il Consiglio vota su una proposta non presentata dalla Commissione o dall’alto rappresentante, la decisione è adottata se:

– il 72 % dei paesi dell’UE vota a favore,

– se questi rappresentano almeno il 65 % della popolazione totale dell’UE.»

*

Come sono nominati il Presidente della Commissione e i commissari?

Il Presidente della Commissione

Il Parlamento europeo elegge il Presidente della Commissione.

Dopo le elezioni, uno dei primi compiti del nuovo Parlamento è quello di eleggere il Presidente della Commissione europea, l’organo esecutivo dell’UE. Gli Stati membri designano un candidato, tenendo però conto dei risultati delle elezioni europee. Il Parlamento deve poi eleggere il nuovo Presidente della Commissione a maggioranza assoluta (la metà dei deputati più uno). Se il candidato non ottiene la maggioranza necessaria, gli Stati membri hanno un mese di tempo per proporne un altro (il Consiglio europeo delibera a maggioranza qualificata). In occasione delle elezioni del 2014 il Parlamento ha introdotto il sistema dei candidati capilista: ciascun partito politico europeo presenta un candidato alla carica di Presidente della Commissione e il partito che ottiene il maggior numero di voti può proporre il candidato del Parlamento per tale carica.

*

I commissari

Anche i candidati alla carica di commissari della Commissione europea devono superare un severo vaglio parlamentare.

Il Consiglio, in accordo con il neo-eletto Presidente della Commissione, adotta un elenco di candidati commissari, uno per ogni Stato membro. Essi devono presentarsi dinanzi alle varie commissioni parlamentari, in base alle competenze previste per ciascuno, dopodiché ogni commissione si riunisce per elaborare una valutazione delle competenze e delle prestazioni del candidato, da trasmettere al Presidente del Parlamento. È già accaduto che una valutazione negativa abbia indotto i candidati a ritirarsi dalla procedura. L’intera Commissione, inclusi il Presidente e l’Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, deve poi essere approvata dal Parlamento con una sola votazione.

Una volta che il Presidente della Commissione e i commissari hanno ottenuto l’approvazione del Parlamento, è il Consiglio a nominarli ufficialmente, deliberando a maggioranza qualificata.

Qualora, durante il mandato della Commissione, si verifichi un cambiamento sostanziale del portafoglio di competenze di un commissario, oppure occorra nominare un nuovo commissario in caso di vacanza o in seguito all’adesione di un nuovo Stato membro, i commissari interessati compaiono ancora una volta in audizione dinanzi alle commissioni competenti.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Ideologia liberal, Unione Europea

Elezioni Europee. I liberal hanno pubblicato il loro testamento politico.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-04.

EP-051364A_Tajani_Brexit

Un napoletano verace, stirpe nobile e colta ma disgraziatamente in via di estinzione, avrebbe risposto

«Ccà Nisciuno è Fesso»

oppure, secondo una variante lessicologica

«Accà nisciuno è fesso»

* * *

Ci si permette di ricordare come l’articolo allegato sia scritto in termini politicamente corretti.

In accordo, il termine “the rule of law“, stato di diritto, è un corpo giurisprudenziale e legislativo che attua il credo liberal socialista, mentre il termine “illiberal” altro non significa che non concordante con la predetta ideologia.

Segue il testamento politico dei liberal socialisti.

*

«Attacks on the rule of law by national governments have been spreading like a virus across Europe and the EU appears to be powerless to contain it»

*

«Hungary, Poland and Romania have each taken steps to undermine freedom of the media and independence of the judiciary»

*

«To have these countries turn away from the EU’s foundational values of rule of law, democracy and respect for fundamental rights is an existential crisis for Europe»

*

«Article 7 empowers the EU to determine that there is a clear risk of a serious breach of the rule of law in a member state, and ultimately impose sanctions on the member state at issue, for example the suspension of voting rights in the Council»

*

«But this requires unanimity amongst member states, and with the virus now in three countries, that looks impossible to achieve»

*

«Unless the three arms of the EU start to work together, the virus risks spreading further»

*

«In May of last year, it proposed a law that would make the grant of EU funding to member states conditional on the state of the rule of law at the national level»

*

«The idea is that respect for the rule of law ensures that EU spending in the member states, and ultimately, the EU budget itself, is sufficiently protected from misuse or corruption»

*

«The response of the Council’s Legal Service (CLS) was no, no and no»

*

«First, it felt that the proposed regulation was incompatible with Article 7»

*

«Second, it felt that the stated legal basis for the …. was improper because the proposal failed to firmly establish a link between rule of law deficiencies and sound financial management»

*

«Finally, the CLS objected on two very technical issues in relation to the process for adopting measures under the proposed mechanism»

*

«This roadblock seems to be more evidence that the council is not serious about meaningfully confronting rule of law backsliding»

* * * * * * *

Questo articolo ben si attaglia a descrivere quale fosse il pensiero della Commissione e del parlamento uscenti.

All’atto di stendere i Trattati, l’élite dominante dava per scontato il fatto che essa sarebbe rimasta al potere sia nei singoli stati sia nell’Unione Europea nei secoli dei secoli. Non seppe resistere al vezzo di introdurre il concetto di votazioni alla unanimità e quelle del diritto di veto.

Poi, è stato sufficiente che tre piccole nazioni, Ungheria, Polonia a Romania si ribellassero al sistema, per bloccare tutte le loro manovre. Se i liberal socialisti fossero religiosi, cosa che non è, populisti e quelle tre nazioni sarebbero il demonio. Ma abche l’attuale Italia non scherza affatto.

Se Mr Macron aveva definito gli identitari sovranisti dei “lebbrosi“, i liberal socialisti affermano che i populisti siano un “virus across Europe“. Sembrerebbe essere un modo invero ben poco lusinghiero per etichettare quanti non la avessero pensato come loro avrebbero gradito.

Non solo: «Hungary, Poland and Romania …. undermine freedom». Quindi, si è arrivati al paradosso che, se queste tre nazioni agiscano liberamente, nel far ciò avrebbero sottominato la libertà. Una gran bella contraddizione. Per i liberal infatti la gente sarebbe libera di attuare la loro volontà ed il loro credo politico. In poche parole, è una visione tirannica, di stretta derivazione giacobina e comunista.

Il 26 maggio i due massimi gruppi parlamentari europei di matrice liberal socialista, il Ppe e S&D, dovrebbero perdere ciascuno una cinquantina di deputati, e le elezioni politiche nei sette stati chiamati questo anno alle urne varieranno ulteriormente la composizione politica del Consiglio Europeo.

Se sicuramente gli identitari sovranisti non otterranno la maggioranza di governo, i partiti tradizionali riceveranno un colpo severo: è il loro crollo il vero messaggio politico.


EU Observer. 2019-05-02. Rule of law: it’s time the EU Council said ‘yes’

Attacks on the rule of law by national governments have been spreading like a virus across Europe and the EU appears to be powerless to contain it.

Hungary, Poland and Romania have each taken steps to undermine freedom of the media and independence of the judiciary.

To have these countries turn away from the EU’s foundational values of rule of law, democracy and respect for fundamental rights is an existential crisis for Europe.

In theory, the EU treaties supply a response mechanism: Article 7 of the Treaty on European Union.

Article 7 empowers the EU to determine that there is a clear risk of a serious breach of the rule of law in a member state, and ultimately impose sanctions on the member state at issue, for example the suspension of voting rights in the Council.

But this requires unanimity amongst member states, and with the virus now in three countries, that looks impossible to achieve.

Article 7 has now been triggered with Poland and Hungary, but little to no progress has been made in either case.

The Commission – and the EU Parliament – have been trying to find alternative ways forward, but their attempts are being continually thwarted by the council.

Start working together

Unless the three arms of the EU start to work together, the virus risks spreading further.

Last month, the European commission published a communication on Further Strengthening the Rule of Law within the Union.

The communication requests input on what the EU can do to build a common rule of law culture in the EU, strengthen the rule of law at the national level and offer better enforcement when rule of law problems in member states aren’t being sufficiently addressed at the national level.

This isn’t the first time the commission has attempted to address this dire situation.

In May of last year, it proposed a law that would make the grant of EU funding to member states conditional on the state of the rule of law at the national level.

The idea is that respect for the rule of law ensures that EU spending in the member states, and ultimately, the EU budget itself, is sufficiently protected from misuse or corruption.

The response of the Council’s Legal Service (CLS) was no, no and no.

First, it felt that the proposed regulation was incompatible with Article 7, which serves, according to the CLS, as the sole method for addressing rule of law problems in the member states.

Second, it felt that the stated legal basis for the proposal – Article 322 of the Treaty of Lisbon which permits the EU to adopt laws concerning financial rules – was improper because the proposal failed to firmly establish a link between rule of law deficiencies and sound financial management.

Finally, the CLS objected on two very technical issues in relation to the process for adopting measures under the proposed mechanism.

Make no mistake – the proposal has its problems, and the CLS correctly identified some of them.

For example, the proposal doesn’t adequately define what is meant by ‘generalised rule of law deficiencies’.

Beyond that, it doesn’t give enough thought to how the suspension or termination of funds might more directly harm some people and organisations that were the ultimate target of the funds and what measures might have to be put in place to ensure that deserving parties still receive financial support.

But that doesn’t mean the whole idea should be rejected.

In fact, financial penalties are likely to be the only way to ensure wayward governments change their behaviour.

Council is roadblock

This roadblock seems to be more evidence that the council is not serious about meaningfully confronting rule of law backsliding.

As well as deeming a ‘soft’ Rule of Law Framework developed by the commission in 2014 as unlawful, its main move has been to establish an essentially secret annual rule of law dialogue for which no input is solicited from stakeholders and from which no papers or conclusions are published.

This is not the behaviour of an organisation committed to promoting the rule of law.

Contrast this to the European parliament, which has passed resolutions condemning actions in Hungary and Poland, and which offered meaningful amendments to the commission’s proposal in January of this year that partially address the CLS’s concerns.

Nevertheless, the proposal on financial penalties seems to be on hold.

Whether the commission will continue to work on it is likely to depend on the outcome of the rule of law consultation launched with the communication.

The commission has asked for responses from all interested stakeholders, including the EU institutions themselves.

Presumably the council will have something to say – hopefully this time it will be ‘yes’.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Estonia. L’Ekre entra nel Governo. Un’epoca è mutata.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-08.

Europe's Populist Realignement 2019-02-18 001

Estonia. Il Governo non aderisce al documento UN sulla immigrazione. – Bloomberg.

Europe’s Depopulation Time Bomb Is Ticking in the Baltics

Estonia. Ai primi di marzo terrà le elezioni politiche.

Estonia. Vince la destra. Ekre prende 19 deputati (+12).

*

Ecco cosa è successo.

Three Estonian parties, including far-right EKRE, agree on coalition plan

«Estonian Prime Minister Juri Ratas unveiled on Saturday a detailed plan for a three-party coalition, including the far-right EKRE-party, which could see him hold power despite his party having come second in an inconclusive election.

The three parties – Ratas’ Center, EKRE and the conservative Fatherland party, which have a total of 56 seats in the 101-member parliament – approved the coalition plan on Saturday.

Ratas invited EKRE to coalition talks on March 11, reversing a promise to block the anti-immigration party from the cabinet.

The 36-page coalition plan includes some of EKRE’s strict immigration polices and wider use of referendums. The parties also shared ministries between them – with Finance, Interior, Environment, Rural Affairs and Foreign Trade going to EKRE. ….

Kallas pulled off a surprise win over the centre-left government in a March 3 vote for parliament, but fell short of a majority ….

EKRE, whose fiercely anti-immigrant message lifted its support during the European migration crisis in 2015, got 19 seats in the March 3 vote, more than double the number from the previous election, winning broad support in rural areas.»

* * * * * * *

Il risultato delle elezioni in Estonia era stato più che chiaro: la sinistra liberal  socialista era uscita battuta e l’Ekre aveva conquistato 19 su 101 seggi.

Il nodo era costituito però dall’imposizione liberal di non parlare né trattare con i partiti che loro avevano definito populisti, identitari ovvero sovranisti. Anche se erano formazioni vidimate dal consenso popolare, i liberal li avevano ostracizzati e demonizzati. Li odiano di odio razzista, con una condanna inappellabile, rei di non condividere la loro ideologia.

Si è arrivati al punto che in una Germania che si autodefinisce democratica, il parlamento nega ad AfD l’accesso alle cariche che le spetterebbero di diritto. Hanno il potere di farlo, lo fanno, e così aggiungono iniquità ad iniquità.

* * * * * * *

Non passerà molto tempo, e l’essere ‘euroskeptic‘ sarà la norma, non la minoranza.

Questi eventi cambieranno anche l’equilibrio politico entro il Consiglio Europeo.

«Center and Reform had previously pledged to shun EKRE, which came third in last month’s parliamentary elections and more than doubled its support by railing against immigrants. EKRE has compared the EU to the Soviet Union and vowed to claw back sovereignty. Its ministerial portfolios also include the finance minister’s position, under the agreement»

«EKRE has compared the EU to the Soviet Union and vowed to claw back sovereignty»

Ne vedremo delle belle!

* * * * * * *

AfD lawmaker Mariana Harder-Kühnel fails again in vice presidency bid

*

Euroskeptic, anti-immigrant parties team up for EU election

«The AfD and other euroskeptic parties have formed a bloc ahead of the European Parliament elections. Various anti-immigrant youth organizations recently gathered in Rome, giving a sense of what might be to come.

Euroskeptic parties are joining forces ahead of the elections for the European Parliament in May. A few days ago, about 500 young members of such parties met in Rome. The summit was organized by the youth wing of Italy’s anti-immigrant League party, which hopes to win a large share of the vote. Surveys indicate that Italian Interior Minister Matteo Salvini‘s party could emerge victorious in Italy. And for months, he has been working to unite Europe’s various right-wing populists. ….

The summit was attended by the heads of Belgian, French, German and Austrian far-right youth organizations. Among them: Damian Lohr, who a year ago took over as the head of the youth wing of the Alternative for Germany (AfD) party. ….

Currently, Europe’s right-wing populist parties are spread across three different groups in the European Parliament. They are members of either the European Conservatives and Reformists (ECR), the Europe of Nations and Freedom (ENF) or Europe of Freedom and Direct Democracy (EFDD) bloc. In the past, they struggled to cooperate for a number of political and personal reasons. But now, with just weeks to go until the European parliamentary election, Europe’s nationalists want to overcome their differences and join forces. Germany’s AfD has already sent out invitations for a press conference to be held on the matter on April 8. It will again be hosted by Italy’s League party. AfD party leader Jörg Meuthen is set to attend the event.»

*

The Rise of Populism

«When Donald Trump entered the White House as the 45th U.S. president, the leadership of the free world was placed into the hands of a populist. Few ideas have had as sudden a resurgence in recent years as populism, with upstart parties and often charismatic leaders upsetting the established order to win power in what appeared to be stable democracies. Trump joined other populist leaders such as Recep Tayyip Erdogan in Turkey, Hungary’s Viktor Orban and Rodrigo Duterte in the Philippines. Most have tapped into a backlash against immigration and a globalized economy that many people feel has left them behind. Does the rise of populists presage the reboot or demise of democracy?  

Two years after Trump took office, populism has reached more countries. An anti-establishment coalition took power in Italy in 2018, and its allies across the continent are eyeing gains in 2019 elections for the European Union’s Parliament. Emmanuel Macron prevailed over hard-right leader Marine Le Pen in France’s 2017 presidential election, but has faced violent street protests from disgruntled citizens known as the gilets jaunes. The common thread dates back to the 2008 financial crisis, which opened the door for many populists. Rising inequality and the perception of an unjust — if not corrupt — response to the crash eroded trust in the ability of established leaders to address shifts in the global economy, including technological change and the rise of China. Unlike socialism, fascism, liberalism and pretty much every other “ism,” populism is not inherently left or right. Brazil’s new populist president, Jair Bolsonaro, is a conservative former military officer, while Mexico’s new President, Andres Manuel Lopez Obrador, presents himself as a radical socialist. Cas Mudde, a professor at the University of Georgia, has called populism a “thin” ideology that pits a “pure” people against a corrupt ruling class. Indeed, the simplest way to think about the label may be as a toolbox that politicians of any stripe can use to tap into simmering discontent.»

* * * * * * *


Bloomberg. 2019-04-06. Estonia Set for New Coalition Including Controversial Populists

– Ruling Center Party agrees deal with populist EKRE, Isamaa

– Coalition still needs formal offer from President Kaljulaid

*

Estonia moved toward a new governing coalition that includes a controversial anti-immigrant party, signaling the further spread of populism in the European Union.

Prime Minister Juri Ratas’s ruling Center Party, which snubbed the election-winning Reform party and instead invited the euroskeptic EKRE to talks, overcame opposition from his party’s Russian-speaking members to agree on an alliance that also includes the conservative Isamaa, a junior member of the outgoing government.

The move risks further eroding unity inside the world’s largest trading bloc, where the rise of nationalist politicians has prompted clashes on issues from migration to democratic standards. The Estonian coalition, which would control 57 of parliament’s 100 seats, still needs a formal mandate from President Kersti Kaljulaid, who on Friday gave Reform the first stab at forming a government.

Is the Rise of Populism Good or Bad for Democracy?: QuickTake

Under the agreement, approved by the three parties’ councils on Saturday, the coalition will conduct “an independent and consistent foreign and security policy based on EU and NATO membership.” It will also push ahead with a partial revamp of the pension system that the central bank has called “a very negative step,” and pledged to make support for the high-speed Rail Baltica link contingent on the level of EU aid.

Center and Reform had previously pledged to shun EKRE, which came third in last month’s parliamentary elections and more than doubled its support by railing against immigrants. EKRE has compared the EU to the Soviet Union and vowed to claw back sovereignty. Its ministerial portfolios also include the finance minister’s position, under the agreement.

Reform’s Kaja Kallas, who by law has 14 days to form a coalition, said on Friday she’d present her plan to the parliament on April 15, and will try to win over Center and Isamaa lawmakers to back the agreement she expects to clinch with the Social Democrats. Even as one Center lawmaker has already defected, citing opposition to co-opting EKRE, Kallas herself told public broadcaster ERR she doesn’t believe she’ll become the premier.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

EU. Il cambio della guardia durerà fino a novembre. Un anno critico.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-30.

Gatto in Biblioteca

Quanto l’Unione Europea sia stata eretta in modo complesso e complicato è attestato dalle 170,000 pagine che racchiudono i trattati, le leggi ed i regolamenti, le circolari attuative e via quant’altro. L’Unione Europea non ha una sua propria costituzione. Il 2019 dovrebbe portare grandi mutazioni, se non altro a livello di rinnovo della dirigenza. Sarà un processo lungo e complesso, il cui esito è al momento impredicibile.

«The four most powerful EU institutions – Commission, Parliament, Council and Central Bank will all have new leaders in the coming ten months»

*

Consiglio Europeo.

Il Consiglio europeo è un organismo collettivo che definisce “le priorità e gli indirizzi politici” generali dell’Unione europea ed esamina i problemi del processo di integrazione.

Comprende i capi di stato o di governo degli Stati membri dell’UE, con il presidente del Consiglio europeo ed il presidente della Commissione europea.

Con il Trattato di Lisbona, entrato in vigore il 1º dicembre 2009, è una delle istituzioni dell’Unione europea e ha un presidente, eletto per due anni e mezzo.

La procedura di nomina del presidente del Consiglio europeo è indicata dall’art. 15 comma 5 del Trattato di Maastricht, secondo cui egli viene eletto a maggioranza qualificata dal Consiglio europeo.

«A seconda dell’argomento discusso, il Consiglio dell’UE decide:

– a maggioranza semplice (con il voto favorevole di 15 Stati membri)

– a maggioranza qualificata (con il voto favorevole del 55% degli Stati membri, che rappresentino almeno il 65% della popolazione dell’UE)

– all’unanimità (con la totalità dei voti a favore)

Come funzionano i vari sistemi di voto al Consiglio?

Il Consiglio può votare solo se è presente la maggioranza dei membri. Ogni membro del Consiglio può ricevere delega da uno solo degli altri membri.

Il Consiglio può procedere alla votazione su un atto legislativo 8 settimane dopo che il progetto di atto è stato trasmesso ai parlamenti nazionali per esame. I parlamenti nazionali devono decidere se il progetto di atto rispetta il principio di sussidiarietà. Una votazione in tempi più rapidi è possibile solo in particolari casi urgenti.» [Consiglio Europeo]

*

«Il Consiglio deve votare all’unanimità su una serie di questioni considerate sensibili dagli Stati membri. Ad esempio:

– politica estera e di sicurezza comune (esclusi alcuni casi ben definiti che richiedono la maggioranza qualificata, quali ad es. la nomina di un rappresentante speciale);

– cittadinanza (concessione di nuovi diritti ai cittadini UE);

– adesione all’UE;

– armonizzazione della legislazione nazionale in materia di imposte indirette;

– finanze UE (risorse proprie, quadro finanziario pluriennale);

– alcune disposizioni in materia di giustizia e affari interni (Procura europea, diritto di famiglia, cooperazione di polizia a livello operativo, ecc.);

– armonizzazione della legislazione nazionale in materia di sicurezza sociale e protezione sociale.» [Consiglio Europeo]

* * *

«With national elections due in eight EU member states this year the current EPP dominance of the council may not last long enough to secure one from this party’s ranks to replace Tusk. (It takes 72 percent of the countries, representing 65 percent of the population, to elect a new president of the council.)

National elections are expected in nine EU member states later this year; Estonia (March 2019), Finland and Spain (April 2019), Belgium and Lithuania (May 2019), Denmark (May or June 2019), Greece and Portugal (October 2019) and Poland (before November 2019).»

Nel corso del 2019 si terranno elezioni politiche in otto stati dell’Unione Europea: ovviamente i nuovi schieramenti politici potrebbero anche essere molto differenti da quelli passati.

Potrebbe essere anche molto difficile raggiungere la maggioranza del 72% degli stati che rappresentino almeno il 65% della popolazione: nessuno si dovrebbe stupire quindi se il nominativo alla fine prescelto fosse frutto di compromessi più o meno consistenti.

Non solo. La unanimità è richiesta per deliberare su temi sensibili. Tra questi finanze e giustizia sono punti cardini. In questo caso, il voto contrario equivale ad un veto.

* * * * * * * * * * *

Commissione Europea.

«La Commissione europea è il braccio esecutivo politicamente indipendente dell’UE. È l’unico organo cui compete redigere le proposte di nuovi atti legislativi europei. Inoltre, attua le decisioni del Parlamento europeo e del Consiglio dell’UE.

La Commissione è l’unica istituzione dell’UE a presentare al Parlamento europeo e al Consiglio disposizioni legislative.

Composizione

La guida politica è esercitata da un gruppo di 28 commissari (uno per ciascun paese dell’UE) sotto la direzione del presidente della Commissione che assegna le diverse competenze politiche.

Il collegio dei commissari è costituito dal presidente della Commissione, dai suoi sei vicepresidenti, inclusi il primo vicepresidente e l’Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, e dai 21 commissari incaricati dei rispettivi portafogli.

La gestione quotidiana delle attività della Commissione è svolta dal suo personale (giuristi, economisti, ecc.), organizzato in vari servizi noti come direzioni generali (DG), ciascuna responsabile di uno specifico settore politico.

Nomina del presidente

Il candidato viene presentato dai leader nazionali nel Consiglio europeo, tenendo conto dei risultati delle elezioni del Parlamento europeo. Per essere eletto deve ottenere il sostegno della maggioranza dei membri del Parlamento europeo.

Selezione del collegio

Il candidato presidente sceglie i potenziali vicepresidenti e commissari sulla base dei suggerimenti dei paesi dell’UE. L’elenco dei candidati deve essere approvato dai leader nazionali nel Consiglio europeo.

Ogni candidato compare dinanzi al Parlamento europeo per illustrare la propria visione politica e rispondere alle domande. Il Parlamento procede quindi ad approvare o meno, mediante votazione, i candidati in quanto gruppo. Infine, questi ultimi vengono nominati dal Consiglio europeo a maggioranza qualificata.

Il mandato dell’attuale Commissione scade il 31 ottobre 2019.» [Commissione Europea]

*

Il presidente della Commissione è designato dal Consiglio Europeo viene eletto a maggioranza qualificata dal Consiglio europeo. Ricordiamo come per maggioranza qualificata si intenda il voto favorevole del 55% degli Stati membri, che rappresentino almeno il 65% della popolazione dell’UE. Potrebbe anche essere difficile raggiungere tale maggioranza su nominativi troppo schierati.

L’europarlamento vota se accettare o meno i nominativi dei commissari. Anche in questa occasione la composizione del nuovo parlamento potrebbe essere critica.

* * * * * * * * * * *

Governatore della Banca centrale (Ecb).

A fine 2019 scade il mandato di Mr Draghi, la cui sostituzione semrberebbe essere critica e fieramente contesa.

«Another major EU institution, the European Central Bank, will have a new boss, when president Mario Draghi, another Italian, ends his eight-year term on 31 October 2019. 

His successor will be elected by the European Council, acting by a qualified majority – 55 percent of the member states representing 65 percent of the population.»

* * * * * * * * * * *

* * * * * * * * * * *

Queste riportate a seguito sono le proiezioni elettorali per il parlamento europeo, ripartite per stato membro.

2019-03-19__Anno Elettorale__001

Conclusioni.

Se è vero che le elezioni per il rinnovo del parlamento europeo saranno momento critico, altrettanta criticità la avranno i risultati delle elezioni negli otto stati nazionali chiamati questo anno al voto politico per il rinnovo dei rispettivi governi.

Gli unici dati al momento disponibili sono i sondaggi per il parlamento europeo, prospezioni da leggersi con enorme buon senso.

Il partito popolare sembrerebbe passare dagli attuali 221 a 177 seggi, mentre il partito socialista europeo sembrerebbe dover passare dagli attuali 191 seggi a 131. Ma simile turmoil avverrebbe anche nel modo in cui si disporranno i deputati dei singoli stati: solo per esempio, gli italiani afferenti il ppe sarebbero soltanto otto contro i 17 pregressi, e quelli afferenti il pse sarebbero 17 invece dei pregressi 31.

Sembrerebbe quindi verosimile che il 2019 porti anche uno scombussolamento dei pregressi schieramenti nazionali in seno all’europarlamento.


EU Observer. 2019-03-18. The changing of the guards in the EU in 2019

The four most powerful EU institutions – Commission, Parliament, Council and Central Bank will all have new leaders in the coming ten months. Here is an overview.

Here is an overview of the changes to come.

As soon as the final result of the European Parliament election is announced after the May elections, the MEPs will start forming political groups.

Some are already members of a European political party and belong to an established group, but many new entrants would negotiate terms and policies before joining a group.

The deadline to report group formations to the secretary general of the European Parliament is 26 June.

On 1 July, Finland takes over the European Union council presidency from Romania.

The new parliament will elect a president in an inaugural session starting on 2 July – the position currently held by Italian MEP Antonio Tajani. He has openly declared an interest in continuing in the post, which is possible – provided his EPP group wants him, and can muster enough support for his candidacy.

Next on the new parliament’s to-do-list is to elect a new European Commission president – according to the treaties based on a proposal from the European Council – to replace Jean-Claude Juncker, a Luxembourger, before MEPs can go on holiday in August.

The new commission president will not have much of a holiday, however.

He or she must use the summer to put a new team of commissioners together, in order to have it ready for presentation to the parliament in September. Suggestions for possible names will come from prime ministers in the member states.

The commissioner-designates must pass hearings in their respective European parliament committees, before the new commission can be approved by the parliament in October and sworn in by November 2019.

But not only the parliament and the commission will get new faces in 2019.

Another major EU institution, the European Central Bank, will have a new boss, when president Mario Draghi, another Italian, ends his eight-year term on 31 October 2019. 

His successor will be elected by the European Council, acting by a qualified majority – 55 percent of the member states representing 65 percent of the population.

And to complete the European 2019 facelift, the council’s current Polish president Donald Tusk ends his 2.5-year term on 30 November 2019.

His successor will also be elected by the council, acting by a so-called reinforced qualified majority.

With national elections due in eight EU member states this year the current EPP dominance of the council may not last long enough to secure one from this party’s ranks to replace Tusk. (It takes 72 percent of the countries, representing 65 percent of the population, to elect a new president of the council.)

National elections are expected in nine EU member states later this year; Estonia (March 2019), Finland and Spain (April 2019), Belgium and Lithuania (May 2019), Denmark (May or June 2019), Greece and Portugal (October 2019) and Poland (before November 2019).

2019

15-18 April: European Parliament’s last session in Strasbourg

23-26 May: European Parliament elections

26 June: Deadline to form political groups

1 July: Finland takes over EU’s rotating presidency

2 July: European Parliament elects new president in its inaugural session

29 July: Parliament election of new commission president

August: Holidays

September: Parliament committee hearings of commissioner-designates

October: European Parliament votes on new European Commission

October: European Central Bank president Mario Draghi ends his eight-year term

November: New European Commission is sworn in

November: European Council president Donald Tusk ends his 2.5 year term (30 November)

* Some of above is indicative and may be subject to change.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Moscovici. La gran voglia di dittatura. È un giacobino sanculotto.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-01-21.

macron 009

La proposta avanzata da Mr Moscovici in Commissione non solo sarebbe illegale, ma darebbe la stura ad una involuzione dittatoriale.

Si segua con la massima attenzione.

*

Se l’attuale Unione Europea vede la luce il 1° novembre 1993 con il Trattato di Maastricht, essa affonda le sue radici nel Trattato di Roma del 1957, che tenne a battesimo la Comunità Economica Europea. Dal nostro punto di vista ciò che importa è notare come l’Unione Europea si sia sviluppata tramite la stipula di una serie successiva di trattati, ciascuno con un suo testo, allegati, appendici, revisioni e circolari attuative. E tutti poi tradotti nelle lingue dei paesi afferenti.

Attualmente il corpo dei trattati supera le 170,000 pagine ed evidenzia spesso articoli contrastanti.

*

Consiglio Europeo. Votazioni. Maggioranza qualificata e beghe varie.

Usiamo come testo di riferimento il

Francesco Martinelli. Manuale di Diritto dell’Unione Europea. Napoli. 2017. Isbn 9788891413963.

Il Consiglio Europeo, Consilium, così si auto definisce:

«Il Consiglio europeo definisce le priorità e gli orientamenti politici generali dell’UE. Non fa parte dei legislatori dell’UE e pertanto non negozia né adotta atti legislativi. Stabilisce invece l’agenda politica dell’Unione, generalmente adottando nelle sue riunioni “conclusioni” che individuano le questioni problematiche e le misure da intraprendere.

Di recente, il Consiglio europeo ha adottato una ”agenda strategica” delle priorità chiave sulle quali dovranno concentrarsi l’attenzione e l’azione dell’UE nel lungo periodo.

I membri del Consiglio europeo sono i capi di Stato o di governo dei 28 Stati membri dell’UE, il presidente del Consiglio europeo e il presidente della Commissione europea.

Il Consiglio europeo definisce le priorità e gli orientamenti politici generali dell’UE

Anche l’alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza partecipa alle riunioni del Consiglio europeo quando si discutono temi di politica estera.

Processo decisionale

Nella maggior parte dei casi, il Consiglio europeo decide per consenso. Tuttavia, in alcuni casi specifici previsti dai trattati UE, adotta decisioni all’unanimità o a maggioranza qualificata.

Alla votazione non partecipano né il presidente del Consiglio europeo né il presidente della Commissione.»

*

Sempre il Consiglio Europeo definisce cosa debba essere inteso per votazione. [Si noti come le regole siano state variate il 30 novembre 2017]

«Il metodo di voto standard del Consiglio.

La maggioranza qualificata è il metodo di voto più diffuso all’interno del Consiglio.

Il Consiglio lo utilizza quando adotta decisioni nell’ambito della procedura legislativa ordinaria, nota anche come codecisione. L’80% circa di tutta la legislazione UE è adottato secondo tale procedura.

*

Unanimità

Il Consiglio deve votare all’unanimità su una serie di questioni considerate sensibili dagli Stati membri. Ad esempio:

– politica estera e di sicurezza comune (esclusi alcuni casi ben definiti che richiedono la maggioranza qualificata, quali ad es. la nomina di un rappresentante speciale);

– cittadinanza (concessione di nuovi diritti ai cittadini UE);

– adesione all’UE;

– armonizzazione della legislazione nazionale in materia di imposte indirette;

– finanze UE (risorse proprie, quadro finanziario pluriennale);

– alcune disposizioni in materia di giustizia e affari interni (Procura europea, diritto di famiglia, cooperazione di polizia a livello operativo, ecc.);

– armonizzazione della legislazione nazionale in materia di sicurezza sociale e protezione sociale.

Inoltre, il Consiglio è tenuto a votare all’unanimità per discostarsi dalla proposta della Commissione quando quest’ultima non è in grado di accettare le modifiche apportate alla sua proposta. Tale norma non si applica agli atti che il Consiglio deve adottare su raccomandazione della Commissione, ad esempio nel settore del coordinamento delle politiche economiche.

In caso di voto all’unanimità, un’astensione non impedisce l’adozione di una decisione.

*

Maggioranza qualificata

Quando il Consiglio vota una proposta della Commissione o dell’alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, si raggiunge la maggioranza qualificata soltanto se sono soddisfatte due condizioni:

– il 55% degli Stati membri vota a favore – in pratica ciò equivale a 16 paesi su 28

– gli Stati membri che appoggiano la proposta rappresentano almeno il 65% della popolazione totale dell’UE

Questa procedura è nota anche come regola della “doppia maggioranza”.

Minoranza di blocco

La minoranza di blocco deve includere almeno quattro membri del Consiglio, che rappresentino oltre il 35% della popolazione dell’UE.

Casi particolari

Se non tutti i membri del Consiglio partecipano al voto, ad esempio in caso di “opt-out” per taluni settori politici, una decisione è adottata se vota a favore il 55% dei membri del Consiglio partecipanti, che rappresentino almeno il 65% della popolazione degli Stati membri partecipanti.

Quando il Consiglio vota una proposta che non è stata presentata dalla Commissione o dall’alto rappresentante, la decisione è adottata se:

– vota a favore almeno il 72% dei membri del Consiglio

– i membri che votano a favore rappresentano almeno il 65% della popolazione dell’UE

Astensioni

Nel voto a maggioranza qualificata, un’astensione è considerata un voto contrario. L’astensione non equivale alla non partecipazione al voto. Ogni membro può astenersi in qualsiasi momento.»

* * * * * * *

Questa la proposta di Mr Moscovici.

«La Commissione europea pubblicherà domani una proposta per abolire l’unanimità nelle decisioni in materia di fisco»

*

«La proposta prevede di abolire in modo graduale la possibilità di veto che oggi hanno in Paesi membri»

* * * * * * *

I Trattati prevedono, parlando in modo molto approssimato ma che possa rendere l’idea,

– un europarlamento eletto a suffragio universale con metodo proporzionale,

– Un Consiglio Europeo, composto dai capi di stato o di governo.

Nella prima istituzione hanno indubbio peso le nazioni più popolose: un accordo tra Germania, Francia ed Italia avrebbe teoricamente la maggioranza dei voti.

Nella seconda istituzione, il voto di un paese poco numeroso dovrebbe avere lo stesso peso di quello di un grande paese. Usiamo il modo condizionale perché il meccanismo è più complesso. I Trattati hanno espressamente previsto il Consiglio Europeo proprio a tutela di tutti gli interessi e per obbligare alla ricerca di soluzioni di comune aggradamento.

I Trattati possono essere variati solo da altri Trattati, espressi nelle forme giuridiche proprie: ma codeste variazioni possono essere attuate solo ed esclusivamente se decise alla unanimità: in altri termini, sarebbe sufficiente il voto contrario di un solo stato e la variazione sarebbe respinta.

*

Il sistema ha funzionato fino a tanto che tutti i capi di stato o di governo dell’Unione Europea erano di ideologia liberal oppure socialista: facevano ciò che volevano ed il problema della unanimità non si poneva neppure.

Negli ultimi anni invece sono entrati dell’agone politico europeo partiti e movimenti identitari, sovranisti, in opposizione totale alla Weltanschauung dell’attuale dirigenza europea. Per il momento solo Polonia, Ungheria, Romania, ed Italia sono chiaramente schierate, con l’Austria abbastanza concorde. La posizione bulgara è al momento in via di definizione. Ma non è per nulla detto che le elezioni di maggio possano cambiare notevolmente le forze degli schieramenti, così come le elezioni politiche che si terranno in sette stati dell’Unione.

*

Se al momento attuale su alcune materie vige ancora la possibilità di veto, in futuro sembrerebbe possibile prospettare che gli ‘eurocritici’ possano avere anche la maggioranza qualificata.

Ma se la possibilità che gli identitari possano raggiungere la maggioranza è al momento virtualmente nulla, essi potrebbero d’altro canto bloccare i processi decisionali, impedendo il raggiungimento dei quorum di volta in volta previsti.

Il tentativo di Mr Moscovici, che ricordiamo essere un socialista, mira a portare tutte le decisioni alla maggioranza semplice, nella presunzione che i movimenti e partiti identitari, sovranisti, non riescano mai a raggiunge un peso tale da assurgere a maggioranza.


Ansa Europa. 2019-01-14. Fisco: Bruxelles vuole abolire veto Paesi Ue su leggi comuni

La Commissione europea pubblicherà domani una proposta per abolire l’unanimità nelle decisioni in materia di fisco, un ostacolo che ha da sempre impedito di fare progressi su dossier come la tassa sulle transazioni finanziarie, la web tax, e che ha tenuto per anni ferma anche l’abolizione del segreto bancario. La proposta di Bruxelles punta ad introdurre la maggioranza qualificata per far approvare in Consiglio le nuove leggi che riguardano il fisco.

La proposta prevede di abolire in modo graduale la possibilità di veto che oggi hanno in Paesi membri: si comincerebbe subito con le decisioni sulle misure antifrode, per poi arrivare nei prossimi anni a quelle più sensibili, cioè con un impatto diretto sui diritti fiscali nazionali.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Unione Europea. Inizia il semestre a presidenza rumena.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-01-03.

Unione Europea 010 Bicchieri

Tra l’attuale eurodirigenza e la Romania non corre buon sangue.

Romania. I gerarchi EU la odiano per motivi di sordida bottega.

Romania. Lo speaker Florin Iordache fa il gesto del dito ai gerarchi della EU, in europarlamento.

Romania, Approvata riforma giudiziaria avversata da EU e Mr Soros.

*

I gerarchi europei odiano la Romania per almeno tre motivi:

– è riuscita a diventare energeticamente autosufficiente, e quindi non è più ricattabile;

– Ospita le basi Aegis della Nato, che quindi la protegge anche dall’Unione Europea;

– ha approvato la riforma del suo sistema giudiziario, che riduce l’arbitrio dei giudici liberal.

*

Così, dopo il semestre bulgaro e quello austriaco, adesso si entra in quello rumeno.

Uno dei tanti problemi è che a maggio si terranno le elezioni europee e quelle politiche in sette stati dell’Unione Europea.

Le iatture sembrerebbero essere ancora non finite per i liberal socialisti, che iniziano ad intravedere il pensionamento forzoso.

Come loro consolidata abitudine, hanno messo in moto l’usuale macchina del fango, anche priva del fidatissimo Spiegel, i cui tre redattori capo sono stati cacciati via per aver pubblicato articoli inventati di sana pianta.

«Romania on Tuesday (1 January) took the helm of the EU’s rotating six month presidency – for the first time since it joined the European Union 12 years ago»

*

«Its presidency role, which helps steer and coordinate EU policy and legislation among the 28 member states, comes amid growing European Commission frustration with Bucharest over corruption and the erosion of the rule of law at home»

*

«[Juncker] said while Romania was “technically well-prepared” for the EU presidency, it had yet to fully grasp what it means to take the chair over the EU countries»

*

«What is more, Romania’s internal situation is such that the country cannot act as a compact unit in Europe»

*

«European Council president Donald Tusk on Tuesday issued a more conciliatory message in a tweet, saying he was confident of Romania’s presidency»

*

«But these statements follow a critical commission report on Romania, which took issue with Romania’s amended justice laws, the pressure on judicial independence in general, and efforts to undermine its national anti-corruption directorate (DNA).»

*

«Mihai Fifor on Monday said the European Union was treating Romania as a second-rate nation.»

* * * * * * *

Riassumiamo.

Come tutti gli stati dell’Unione Europea, anche la Romania ha i suoi problemi, che nessuno intende negare.

Fino a tanto che i giudici rumeni liberal facevano sentenze a favore dei sodali di Bruxelles tutto andava benissimo per i gerarchi: osare toccare simile genia è diventato un peccato mortale dei rumeni.

Che poi la Romania si stia avviando a condividere le posizioni sovraniste è un qualcosa che Mr Juncker proprio non riesce a digerire, nemmeno diluendo il boccone con libagioni più ampie del solito.

Poi, pensiamoci bene, toccherebbe a Mr Juncker il compito di assegnare il bollino blu agli stati membri? Forse che non aveva votato anche lui l’ingresso della Romania nell’Unione Europea?

Se le propensioni al voto raccolte dai sondaggi dovessero concretizzarsi, le elezioni per il parlamento europeo ne muteranno la composizione in modo sostanziale, così come le elezioni politiche nazionali determineranno una profonda variazione del Consiglio Europeo.

Nota.

Le ruote girano.

Non è detto che tra qualche anno uno stato sarà criticato perché eurofilo.


Eu Observer. 2019-01-02. Graft at home overshadows Romania’s EU presidency

Romania on Tuesday (1 January) took the helm of the EU’s rotating six month presidency – for the first time since it joined the European Union 12 years ago.

Its presidency role, which helps steer and coordinate EU policy and legislation among the 28 member states, comes amid growing European Commission frustration with Bucharest over corruption and the erosion of the rule of law at home.

In early December, the president of the commission Jean-Claude Juncker offered diplomatic platitudes on Romania’s importance in the EU when appearing alongside the country’s premier Viorica Dancila at a joint press conference in Brussels.

But over the weekend, in an interview with German newspaper Welt am Sonntag, Juncker took a more severe tone.

He said while Romania was “technically well-prepared” for the EU presidency, it had yet to fully grasp what it means to take the chair over the EU countries.

“What is more, Romania’s internal situation is such that the country cannot act as a compact unit in Europe,” he said, noting that Bucharest needs to present a united front at home to foster EU unity.

European Council president Donald Tusk on Tuesday issued a more conciliatory message in a tweet, saying he was confident of Romania’s presidency.

But these statements follow a critical commission report on Romania, which took issue with Romania’s amended justice laws, the pressure on judicial independence in general, and efforts to undermine its national anti-corruption directorate (DNA).

Frans Timmermans, the commission vice-president, at the time said Romania had not only stalled on reforms but also “backtracked on issues where progress was made over the past 10 years”.

He also defended the importance of press freedoms in the country following threats by Romania’s data protection chief to impose a €20m fine on investigative journalists.

In its defence, Romania’s government says the criticism is unfair and unjustified.

One of the EU’s most vocal critics is the disgraced ruling Social Democrats (PSD) party leader, Liviu Dragnea.

“I can no longer accept all the lies coming from the West saying that we make laws for our own benefit,” he recently said.

Dragnea was sentenced to some three years in prison in June for abuse of office, adding to prior convictions for electoral fraud. He has since appealed the sentence.

Last year, he was accused by the DNA of committing fraud of EU funds and setting up an organised criminal group.

His ally and party member Mihai Fifor on Monday said the European Union was treating Romania as a second-rate nation.

Around a month after the PSD party won the elections in December 2016, the left-wing government moved to decriminalise corruption, triggering some of the largest street protests ever held in Romania.