Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Mrs May. Dimissioni dopo il quarto voto, indipendentemente dal risultato.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-18.

Downing Street 10 001

«British prime minister Theresa May has agreed to step down at some point after her fourth attempt to pass an EU exit deal in June, no matter what the outcome»

*

«Her decision was revealed on Thursday (16 May) by a senior Conservative MP, Graham Brady, the chairman of the so-called 1922 Committee, an influential backbench group within the party»

*

«We have agreed to meet to decide the timetable for the election of a new leader of the Conservative Party as soon as the second reading has occurred and that will take place regardless of what the vote is on the second reading – whether it passes or whether it fails»

*

«The deal has already been defeated three times on grounds that provisions related to the Irish border could see Britain stuck in a customs union with the EU for an indefinite amount of time»

*

«The first defeat, in January, by 230 votes, was the largest ever for a government motion in British history»

*

«May, who herself wanted to keep Britain in the EU during in the 2016 referendum, has been vilified by hardline Brexiteers for her handling of the process»

*

«further procrastination which is causing appalling damage to the Conservative party»

*

«For his part, Boris Johnson, a former foreign minister and hard Brexiteer, said he would “of course” throw his hat into the ring to take May’s job when she left.»

* * * * * * * *

Diamo atto a Mrs May di come sia stato, e sia tuttora. impossibile trattare con persone quali Mr. Juncker, Mr Tusk, Mr Oettinger, Mr Macron e Frau Merkel, la rigidità mentale delle quali supera l’immaginabile e l’inimmaginabile. Si sono comportate come galline isteriche, avendo recepito il Brexit per quello che è: un severo e pesante giudizio sul loro comportamento ed operato.

Ma nel contempo non possiamo negare quanta sprovvida imperizia abbia dispiegato Mrs May nello svolgere il ruolo di primo ministro di Sua Maestà Britannica. Un esempio per tutti, la convocazione delle elezioni anticipate, dalle quali Mrs May è uscita con le ossa rotte.

Sia l’Unione Europea sia il Regno Unito avrebbero un disperato bisogno di personaggi politici meno ideologizzati e ben più pragmatici.


EU Observer. 2019-05-17. May to step down after fourth EU vote

British prime minister Theresa May has agreed to step down at some point after her fourth attempt to pass an EU exit deal in June, no matter what the outcome.

Her decision was revealed on Thursday (16 May) by a senior Conservative MP, Graham Brady, the chairman of the so-called 1922 Committee, an influential backbench group within the party.

“We have agreed to meet to decide the timetable for the election of a new leader of the Conservative Party as soon as the second reading has occurred and that will take place regardless of what the vote is on the second reading – whether it passes or whether it fails,” Brady said, following what he called a “very frank” 90-minute long discussion with the British leader.

British MPs are to hold two days of debate on the exit deal on 3 June, shortly after the European Parliament elections, with a vote likely on 5 June.

The deal has already been defeated three times on grounds that provisions related to the Irish border could see Britain stuck in a customs union with the EU for an indefinite amount of time.

The first defeat, in January, by 230 votes, was the largest ever for a government motion in British history.

The third defeat, in March, saw the bill fail by just 58 votes.

It prompted May to hold talks with the opposition Labour party, but these are expected to break up in the coming days without a new compromise due to Labour’s red lines, which include staying in the customs union in any case.

May, who herself wanted to keep Britain in the EU during in the 2016 referendum, has been vilified by hardline Brexiteers for her handling of the process.

Brady said on Thursday that she was “determined to secure our departure from the European Union”.

But Andrew Bridgen, a pro-Brexit Tory MP, continued to attack her, saying that her plan for a fourth Brexit vote was “further procrastination which is causing appalling damage to the Conservative party”.

May was “an increasingly beleaguered and isolated prime minister, who is desperate to salvage something from her premiership and is prepared to drive through an agreement that would fatally hamstring any future prime minister in negotiations with the EU,” he added.

For his part, Boris Johnson, a former foreign minister and hard Brexiteer, said he would “of course” throw his hat into the ring to take May’s job when she left.

The UK was due to leave the EU in March, but the political stalemate in Westminster have seen that delayed to 31 October.

They have also seen support for the Tories plunge to new lows – just 11 percent of people plan to vote Conservative in the European Parliament (EP) elections, according to recent polls, putting it in fourth place behind the Brexit Party, Labour, and the Liberal Democrats – in what would mark its worst result in any vote since the Conservative party was formed in 1834.

The prospects of a potentially protracted Tory leadership battle and new general elections, on top of Westminster’s summer recess, bode ill for the UK agreeing a new exit deal by the October deadline.

The prospects of a new, anti-EU Tory leader taking over the talks, in the context of a powerful show of support for the anti-EU Brexit Party in the EP vote also bode ill.

Some in Europe have said it should offer to extend the deadline still further in the hope that Brexit might fall by the wayside.

“We should go soft on Britain, give them time, they are still in the EU, let’s give them space,” Polish foreign minister Jacek Czaputowicz told the Reuters news agency this week.

“It’s a matter of changing the rhetoric to let the Brits rethink their decision,” he said.

Others, such as German chancellor Angela Merkel, are playing their cards close to their chest.

When asked in a recent interview what might happen if a new British leader tried to renegotiate the UK’s exit terms in the autumn, she said merely: “Should there be anything to negotiate, the European commission will do so on behalf of the 27 member states, as it has done so far”.

But with few in the UK or in Europe keen for Britain to live with no deal in place, in what would likely wreak economic havoc on both sides of the English Channel, she added that British indecisiveness could see the process strung out even further.

“In order for the UK to leave the EU, there needs to be a parliamentary majority in London for, rather than merely against, something,” Merkel said.

Annunci
Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

UK. Brexit Party 35%, Laburisti 15%, Conservatori 9%.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-17.

Downing Street 10 001

Tra qualche giorno finalmente si andrà a votare: tutte le prospezioni pubblicate saranno allora vagliate per stabilire la società di sondaggi che meglio ha saputo fotografare la realtà.

Stando all’ultimo sondaggio della società Yougov. il Brexit Party sarebbe al 35%, i Laburisti al 15%, i Conservatori al 9% ed i LibDem al 19%.

Ci si rende conto che le europee non sono le elezioni politiche, ma con il 9% i conservatori sparirebbero dal quadro politico inglese.


Ansa.  2019-05-17. Europee: sondaggio ora dà Farage al 35%

LONDRA, 17 MAG – Nuovo record di consensi in Gran Bretagna per il neonato Brexit Party di Nigel Farage in vista delle elezioni Europee della settimana prossima, accreditato adesso dall’ultimo sondaggio aggiornato dell’istituto Yougov di un 35% senza precedenti. Male invece i due storici partiti maggiori, tradizionalmente in difficoltà nelle consultazioni europee, ma mai come questa volta e penalizzati anche dallo stallo dei loro negoziati su una via parlamentare alla Brexit dichiarati falliti solo oggi: i Conservatori della traballante Theresa May vengono dati infatti a un umiliante 9%, addirittura al quinto posto; mentre il Labour di Jeremy Corbyn perde la seconda posizione di precedenti rivelazioni e cala al 15.

Salgono invece, come principale forza anti Brexit e pro referendum bis, i LibDem, dati ora al 19% davanti ai Laburisti.

Mentre i Verdi, pure pro Remain, progrediscono al 10%, scavalcando i Tory. Restano indietro infine Change Uk (anti Brexit) e Ukip (pro Brexit) con un residuo 5 e 3%.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Pew Research. Unione Europea sì, questa eurodirigenza no.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-06.

Il Pew Reasearch Center ha rilasciato un ponderoso Report sulla Unione Europea e su come i Cittadini ne percepiscano taluni aspetti. È una miniera di dati.

Europeans Credit EU With Promoting Peace and Prosperity, but Say Brussels Is Out of Touch With Its Citizens [pdf]

Traccia un quadro molto ben documentato della situazione attuale e potrebbe essere di grande utilità per meglio comprendere le problematiche in gioco con le elezioni del prossimo maggio.

Se ne raccomanda la lettura. A seguito riporteremo una piccola parte dei risultati dei sondaggi.

Cerchiamo di dare uno stringato sommario per punti.

– Il 51% reputa i burocrati di Bruxelles invadenti.

– Il 54% reputa l’Unione Europea e Bruxelles inefficiente.

– Il 62% reputa che l’Unione Europea e Bruxelles non riescano a capire le esigenze della popolazione.

– In termini mediani il 62% della popolazione apprezza l’Unione Europea, ma il 45% giudica negativamente l’operato del’europarlamento.

– Il 31% ritiene che la situazione economica possa migliorare, mentre il 50% ritiene che debba peggiorare. In Grecia, Italia, Spagna, Francia e UK la maggioranza ritiene che peggiorerà.

– In termini mediani, il 58% ritiene che i giovani siano senza futuro. In Spagna, UK, Italia, Grecia e Francia tale percentuale sale sopra il 70%.

– In termini mediani, il 40% approva i risultati economici dell’Unione europea: tale percentuale è il 26% nel Regno Unito, 20% in Italia, e 14% in Grecia.

– Il 38% approva come l’Unione abbia trattato la Brexit.

– Il 23% approva come l’Unione Europea abbia trattato il problema della immigrazione.

– Il 48% approva l’operato della Commissione Europea.

– Il 10% vorrebbe un incremento dell’immigrazione, percentuale che scende al 2% in Grecia, 2% in Ungheria, 5% in Italia.

2019-04-23__Pew_001

2019-04-23__Pew_002

2019-04-23__Pew_003

2019-04-23__Pew_004

2019-04-23__Pew_006

2019-04-23__Pew_005

2019-04-23__Pew_007

2019-04-23__Pew_008

2019-04-23__Pew_009

2019-04-23__Pew_010

2019-04-23__Pew_011

 

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Regno Unito. Si profila una rivoluzione elettorale.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-23.

2019-04-20__Rerno Unito__001

Le previsioni elettorali nel Regno Unito sono particolarmente difficili a causa del loro sistema elettorale.

Il sistema è denominato First-past-the-post – il cavallo che per primo passa il traguardo vince – consiste in un uninominale secco articolato su collegi uninominali, denominati constituency. The winner takes all.

Questo è il sistema elettorale più diffuso al mondo, dagli Stati Uniti alla India.

Il sistema gode della caratteristica di essere semplicissimo da comprendersi e da conteggiarsi.

Nel converso, le previsioni elettorali dovrebbero essere fatte collegio per collegio: le percentuali a livello nazionale rendono informazioni qualitative, spesso poi smentite clamorosamente dalle urne.

Infatti, partiti anche abbastanza votati ma che non raggiungano la maggioranza nei seggi sono implacabilmente tagliati fuori dall’agone politico. Per contro, lo Scottish National Party, pur essendo di ben piccole dimensioni su scala nazionale, 5% circa, conquista la quasi totalità dei seggi scozzesi ed ha così gran peso in parlamento.

*

 

Regno Unito. Ad elezioni europee il Brexit Party sarebbe al 27%.

La fondazione del Brexit Party è troppo recente, due settimane circa, per considerare stabilizzate le previsioni elettorali, ed in questo momento chaotico sarebbe possibile tutto ed il suo contrario.

Prima del ciclone Farage, il clima elettorale avrebbe suggerito una vittoria dei laburisti ed una secca sconfitta dei conservatori, che avrebbero perso 59 seggi.

2019-04-20__Rerno Unito__002

Ma se il Brexit Party si consolidasse, porrebbe serie remore sulla maggioranza parlamentare.

Ma mica che sia detto. I laburisti potrebbero anche avere un colpo di reni.

In ogni caso, come al solito, non conta tanto chi vincerà, quanto piuttosto chi perde: il partito conservatore è proiettato a percentuali oscillati tra il 15% ed il 18%. Se queste percentuali si confermassero, non piglierebbero nemmeno un seggio.

Il 2 giugno si terranno le elezioni amministrative. Sarà un verdetto elettorale da prendersi con buon senso, ma pur sempre indicativo.

* * * * * * *

Tutto l’Occidente è dilaniato dalla devoluzione dell’ideologia liberal socialista.

Non traggano in inganno le etichette con le quali i vari partiti possano presentarsi: non sono quelle il metro di giudizio, bensì il grado di statalismo che propugnano e perseguono nei fatti.

Si riscontrano così partiti a denominazione ‘socialista’ che nei fatti sono proprio tutto tranne che ‘socialisti’, così come partiti ‘conservatori’ che sono nella prassi più socialisti dei socialisti.

Di certo, i partiti tradizionali stanno vistosamente perdendo elettorato.

Le ideologie sono ben dure a morire.

Mutatis mutandis, stiamo assistendo al ripetersi dell’implosione del sistema comunista.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Regno Unito. Analisi del voto sulla Brexit.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-08.

2019-04-07__Brexit__001

«Scricchiola la Brexit, scricchiolano i tentativi di trovare una via di fuga dal caos e scricchiola pure il tetto della Camera dei Comuni britannica: costretta a sospendere l’ennesima seduta inconcludente per un’infiltrazione d’acqua che induce qualche deputato – in un sussulto d’ironia autocritica – a evocare l’immagine di una punizione biblica. Se non siamo al ‘si salvi chi può’, a Londra ci manca poco. E a una settimana scarsa dal vertice Ue, ultima chiamata d’appello prima della scadenza del divorzio da Bruxelles prorogata fino al 12 aprile, soluzioni sul tavolo non se ne vedono. Le ultime fiches restano puntate sul dialogo fra la premier Tory, Theresa May, e il leader laburista, Jeremy Corbyn, in corsa contro il tempo alla ricerca d’un problematico accordo di compromesso da sancire entro martedì e portare poi al summit europeo. Ma la seconda tornata di colloqui, allargata ai rispettivi team, ha prodotto oggi soltanto l’annuncio della prosecuzione d’un lavoro “tecnico” definito “produttivo” e “dettagliato”. Ma non risolutivo. Mentre il fuoco amico dall’interno dei due partitoni tiene sotto tiro entrambi i manovratori, pressati da moniti e ultimatum spesso in contraddizione l’uno con l’altro.

L’ultima mossa del Parlamento, prima dell’aggiornamento a lunedì dell’agenda dei Comuni, è stata intanto l’approvazione di una contrastatissima legge anti-no deal votata con una maggioranza trasversale di appena un voto (313 a 312) e contro la volontà del governo con l’obiettivo di trasformare in obbligo l’impegno dalla premier di chiedere un ulteriore slittamento della Brexit nel caso in cui non saltasse fuori un qualunque accordo ratificato prima del 12. Il testo è poi passato alla Camera dei Lord. E al più tardi dovrebbe entrare in vigore per lunedì, grazie ad un irrituale iter sprint.» [Edn Hub]

*

Un provvedimento passato con 313 versus 312 voti validi è sicuramente un esempio di democrazia, ma indica nel contempo quanto profondamente sia divisa la nazione: qualsiasi scelta sia fatta, una buona metà dei sudditi di Sua Maestà saranno scontenti.

Tuttavia l’esame della composizione del voto lascia davvero stupefatti. Si sono determinati schieramenti contro natura.

Il premier, Mrs May, è conservatrice, ed il suo partito, quello conservatore, è dilaniato da correnti e faide interne degne della Verona dei Montecchi e Capuleti.

Il provvedimento posto in essere da Mrs May è passato con i voti dei laburisti (229), Nazionalisti Scozzesi (35), Liberal Democratici (11), Tig (ex-laburisti) (11), Indipendenti (8), Plaid (gallesi) (4) e Verdi (1). A questi si sono uniti 14 conservatori.

Tra i 312 contrari si notano però ben nove laburisti.

I partiti politici inglesi tradizionali stanno disgregandosi, incapaci di raggiungere un ragionevole accordo nel loro interno.

Salta però agli occhi quanto sarebbe stato utile per il Regno Unito che i vari governi che si sono succeduti avessero raggiunto un ragionevole accordo con i Nazionalisti scozzesi e quelli gallesi. Queste due formazioni politiche ottengono la quasi totalità dei voti espressi in Scozia e nel Galles, rispettivamente. Ci sono e portano avanti delle istanze che un giorno o l’altro potrebbero esplodere in modo anche virulento. In particolare, con 35 deputati i Nazionalisti Scozzesi sono una forza di tutto riguardo disposta ad ogni tipo di Realpolitik pur di ottenere i propri scopi.

Il primo dei due grandi partiti tradizionali che riesce a comprendere un fatto così evidente si conquisterebbe una maggioranza immarcescibile.

In ogni caso, si tenga sempre bene a mente come il Regno Unito sia tale solo di nome.

*

Il Regno Unito però evidenzia la caratteristica che sta contraddistinguendo tutti gli scenari nazionali europei, con ben poche eccezioni: i partiti tradizionali hanno perso l’Elettorato necessario a conseguire la maggioranza assoluta e devono quindi stringere alleanze per formare coalizioni governative.

Ma l’alterigia politica è dura a morire, e ragionamento tipico di queste formazioni è il non voler trattare a priori con i piccoli raggruppamenti che patrocinano interessi specifici, ma parcellari.

Tuttavia non sono queste formazioni minori la causa dei problemi: sono solo la conseguenza dei problemi che li hanno determinati. Ma i problemi ci sono per essere risolti, non per essere lasciati lì a marcire.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Germania. Hard Brexit metterebbe a rischio oltre 100,000 posti di lavoro.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-02-13.

Minosse & Macron

Chiunque abbia vissuto dall’interno le trattative tra Regno Unito ed Unione Europea, sia prima sia dopo il referendum sulla Brexit, dura molta fatica a capire di cosa stiano parlando i media e molti politici.

Una cosa sono gli attori che recitano sul palcoscenico, ed un’altra l’autore che scrive il copione.

Fin dal suo ingresso nell’Unione Europea, il Regno Unito mai aveva accettato la deriva imposta dall’eurodirigenza verso la formazione de facto degli Stati Uniti di Europa, da loro gestita in modo autocratico.

Si scontrava la visione di un’Europa delle nazioni sovrane ma collegate in modo concorde sul piano economico con quella di un’Unione Europea monolitica con leggi, norme e regolamenti a tutti comuni per ogni qualsiasi aspetto possibile della vita.

Il Regno Unito aveva ampiamente dimostrato la propria insofferenza specialmente al sensibile aspetto della gestione delle corti di giustizia europee. Infatti, mentre negli stati continentali sono in uso dei codici, nel Regno Unito vice il common law, ossia le sentenze dei tribunali costituiscono corpo giuridico. Il Regno Unito mai avrebbe potuto tollerare che le sentenze delle corti di giustizia europee potessero avere effetto immediato sul loro territorio.

Non solo.

L’Unione Europea non si è saputa dotare di una costituzione: due tentativi sono naufragati sotto il diniego referendario in Francia prima, nei Paesi Bassi dopo. Il motivo della repulsa risiedeva nel fatto che l’attuale dirigenza liberal socialista aveva scritto costituzioni improntate a tali ideologie. Avrebbe voluto imporle, ma non ci riuscì.

Gli eurocrati misero quindi in atto una manovra strisciante: in carenza di una costituzione cui rifarsi, le corti di giustizia avrebbero sentenziato in accordo all’ideologia liberal socialista.

L’eurodirigenza e l’allora egemone asse francogermanico obbligarono il Regno Unito a scegliere la Brexit, essendo tetragone nelle loro idee, che avrebbero dovuto essere accettate con resa incondizionata: erano convinte di aver vinto la guerra per il potere.

La reazione al risultato del referendum inglese fu ben peggio di quella dell’amante che si sente tradita: fu la reazione della checca isteria. L’occlusione totale divenne parte del loro credo religioso.

Le trattative tra Regno Unito ed eurodirigenza fu improntata al concetto che con gli inglesi “eretici” nessuna delle ragioni da loro addotte avrebbe mai dovuto essere presa in considerazione: costi quello che costi. La rigidità mentale e politica di Mr Hollande, Mr Macron, Frau Merkel, Mr Tusk, Herr Schäuble, Herrr Oettinger e e Mr Juncker hanno precluso ogni possibile accordo dignitoso. Ma gli inglesi sono pur sempre quelli che vinsero a Trafalgar ed a Waterloo.

Tra una Brexit a condizioni imposte dagli eurocrati od una Brexit senza accordo alcuno, hard Brexit, la scelta diventava obbligata.

* * * * * * *

Ma i tempi sono mutati rapidamente, e gran parte di queste mutazioni sono state indotte proprio dall’altera ottusità di questa eurodirigenza. La Weltanschauung identitaria sovranista è stata abbracciata da molte nazioni europee, l’asse francogermanico si è sfasciato: Francia e Germania hanno ancora ai loro vertici dei liberal ortodossi, quali Mr Macron e Frau Merkel, ma il loro peso politico è virtualmente nullo.

Dopo le prossime elezioni europee e dopo le elezioni politiche che si terranno in sette stati dell’Unione Europea, sia il Consiglio Europeo sia l’europarlamento saranno profondamente differenti.

In quel tempo potrebbe essere molto verosimile che i colloqui con il Regno Unito riprendano, ma questa volta su base paritetica e con reciproco rispetto, quello che l’attuale eurodirigenza si è sempre ben guardata dall’osservare.

* * *

Adesso, rotta tutta la cristalleria, la Germania inizia a razionalizzare quanto danno riceverà dall’hard Brexit, ed inizia a pigolare come un pulcino caduto dal nido.

«Industry leaders say the damage is “enormous,” but nothing like the “devastation” a no-deal Brexit would have»

Cercare di attuare le ideologie e le idee preconcette ha sempre un costo elevato: ma la Germania si è spinta all’orlo del suicidio.


Deutsche Welle. 2019-02-11. Hard Brexit risks 100,000 German jobs: report

A study has shown that Germany stands to lose the greatest number of jobs if Britain exits the EU without a deal. Some of the country’s well-known auto and tech hubs are likely to be the worst hit.

*

A hard Brexit could cost more than 100,000 jobs in Germany, the Welt am Sonntag newspaper reported on Sunday, citing a study by the Leibniz Institute for Economic Research Halle (IWH) and the Martin Luther University Halle-Wittenberg.

The study, which looks at the effect of a hard Brexit down to individual districts and cities, showed that some of Germany’s well-known auto and technology hubs could face the maximum brunt.

“In no other country is the effect on total employment as great as in Germany,” Oliver Holtemöller, one of the authors of the study, told the newspaper.

Fears of Britain leaving the European Union without a deal have risen after the British Parliament rejected an exit deal reached between Prime Theresa May’s government and the European Union. Britain is slated to leave the 28-nation bloc on March 29.

Major importer

The United Kingdom was among the top five export destinations for German companies in 2017 and saw over €85 billion ($96 billion) worth of goods shipped from Germany, Europe’s largest economy and exporter.

The study only captures the jobs that would be lost because of a slump in exports resulting from, among other things, customs duties that would be levied by Britain on German exports in the event of a no-deal Brexit. Job losses resulting from other factors such as a fall in British investments in Germany are not reflected in the figures.

The study showed that a hard Brexit could affect more than 600,000 jobs globally, including 50,000 positions in France and 59,000 in China.

The Dutch government said on Saturday it had attracted millions of euros in Brexit-related investments last year. Some 42 companies or branch offices moved to the Netherlands in 2018 as a result of Brexit, accounting for 1,923 jobs and some €291 million ($330 million) in investments. It is wooing another 250 companies working out of Britain to move operations to the Netherlands.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Brexit. Ripercussioni sulle elezioni europee di maggio. Sarà il chaos.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-01-16.

Westminster Abbey

San Tommaso d’Aquino esortava tutti a pensare a fondo prima di fare o scrivere qualcosa: farlo dopo avrebbe avuto ben poco senso. Ovviamente la gente odierna ben si guarda dal seguire il suggerimento di un frate domenicano, per di più medievale. Quindi, prima si fa, poi si constatano le conseguenze, ed allora ci si pente di ciò che si è fatto.

Da molti punti di vista l’attuale Unione Europea sta vivendo quel simpaticissimo chaos che seguì il sacco di Roma del 410. Con il crollo dell’Impero tutto divenne parcellizzato e quasi incomunicabile. Ciò che era stato il dominio imperiale divenne un coacervo di microscopiche realtà in conflitto vicendevole per la lotta alla sopravvivenza.

*

Martedì sera il Parlamento inglese ha votato contro  

«Si riapre la partita della Brexit: l’accordo sul divorzio dall’Ue raggiunto a novembre dalla premier Tory, Theresa May, con Bruxelles è stato bocciato dalla Camera dei Comuni britannica con 432 no contro 202 sì. La ratifica è stata negata con uno scarto di 230 voti, molto pesante per il governo. Sono 118 i deputati conservatori che hanno votato contro l’accordo. Il leader laburista Jeremy Corbyn ha presentato una mozione di sfiducia al governo Tory. Ma, al di là della questione della permanenza della May l’incognita è cosa può accadere ora a partire dall’incognita del ‘no deal’, l’uscita senza accordo. Una possibilità con la quale anche l’Ue si misura questa mattina nella Plenaria a Strasburgo. “A dieci settimane” dal 29 marzo, “non è mai stato così elevato il rischio del no deal” – dice il capo negoziatore Ue Michel Barnier nel dibattito in aula a Strasburgo dopo il voto di ieri nella Camera dei Comuni. “Adesso nessuno scenario può essere escluso, in particolare quello che abbiamo sempre voluto evitare: l’uscita” del Regno Unito “senza accordo”.» [Fonte]

* * *

La bozza dell’accordo è stata bocciata 432 contro 202: ben 118 deputati conservatori hanno votato contro. Più chiari di così sarebbe stato difficile.

«Adesso nessuno scenario può essere escluso»

*

Al momento attuale potrebbero essere prolungati i termini del divorzio, ma nel caso il Regno Unito dovrebbe continuare a votare per l’europarlamento.

«Se britannici votano a europee Ppe, S&D e Alde perdono seggi»

Né si sottovaluti l’impatto psicologico dell’evento.

Sia la élite politica inglese sia quella dei burocrati di Bruxelles hanno evidenziato quanto distanti siano le loro posizioni da quelle accettabili dalla gente e dai parlamenti liberamente eletti. Ma hanno anche dimostrato la quasi nulla duttilità politica di saper giungere ad accordi accettabili.

Sembrerebbe ragionevole supporre che i partiti identitari, sovranisti, possano trarne ragionevoli benefici elettorali.

Il problema non riguarda solo il Regno Unito, bensì tutti gli europei.


Ansa. 2019-01-16. Brexit: Votewatch, rinvio può rafforzare sovranisti al Pe

Se britannici votano a europee Ppe, S&D e Alde perdono seggi

*

Se la data della Brexit verrà rinviata, le forze sovraniste ed euroscettiche saranno più forti nella prossima Eurocamera. È quanto emerge da una proiezione del centro studi Votewatch, resa nota in vista del voto della Camera dei comuni sull’accordo sulla Brexit. Se i deputati britannici domani dovessero bocciare l’intesa raggiunta dalla premier Theresa May con Bruxelles, si potrebbe aprire lo scenario dell’estensione della permanenza del Regno Unito nell’Ue, con la conseguente partecipazione dei britannici al voto di maggio per le europee. In questo caso sarebbe il Partito popolare europeo (Ppe) a risentirne di più, con “una notevole riduzione del divario con gli altri gruppi”, osserva Votewatch. Le tre forze moderate pro-Ue all’Eurocamera – il Ppe, il gruppo S&D e i liberali dell’Alde – perderebbero insieme circa il 2% dei seggi. Ad avvantaggiarsi di un eventuale voto britannico sarebbero invece le forze sovraniste ed euroscettiche – i Conservatori Ecr, il gruppo Enf, l’Efdd – i cui seggi aumenterebbero del 3%. I tre gruppi del Parlamento Ue in cui gli eurodeputati britannici sono più presenti sono i Conservatori Ecr (i Tory), il gruppo S&D (i laburisti) e il gruppo Europa della Libertà e della Democrazia Diretta (l’Ukip). 


VoteWatch. 2019-01-16. Brexit: what consequences for the EU policies after the referendum’s shocking results?

A massive political earthquake shook the world this morning, as the majority of UK’s citizens voted in favour of leaving the EU. There is a lot of uncertainty regarding the future relations between the UK and the European Union, as well as the possibility of a domino effect in other EU countries and future internal cohesion of the country (considering the tension in Northern Ireland and Scotland).

However, the historical divorce is also going to impact the future shape of EU policies. Based on our unique collection of voting records in the European Parliament and the European Council, a previous research by VoteWatch Europe outlined the top 5 effects of Brexit:

1) The Brexit will lead to a weakening of the forces supporting the cut of red tape and the better regulation agenda. It will also bolster the policy makers in favour of higher standards for labour and the environment.

2) There will be less support for the enforcement of intellectual property rights across EU policy makers. Without the British MEPs, the already narrow majority in favour of strengthening protection for right holders will disappear.

3) The loss of a net contributor to the EU budget will first lead to a decrease in the overall size of the budget. However, as the UK’s government has always been very vocal in their opposition to increasing the budget, there will be bigger chances of pushing for higher contributions by the remaining EU Member States.

4) Without the British opposition, tax harmonization across the EU will be more likely, as well as the adoption of higher taxes on financial transactions.

5) Finally, after the Brexit, the supporters of nuclear energy and unconventional energy sources (e.g. shale gas) will lose an important ally in Brussels. In fact, it will be more difficult to assemble a majority in favour of the exploitation of these energy sources in the EP.

Additionally, among the political groups, ECR (European Conservatives and Reformists) and EFDD (Europe of Freedom and Direct Democracy) will be the most affected by the Brexit, the latter ultimately losing almost half of its MEPs.  Instead, the largest political group, the EPP (European People’s Party), will be become proportionally larger, as there are no British members sitting within its ranks.

Overall, the pro-integration voices in the European Parliament will be strengthened by the British departure from the Union, as more than half of UK’s MEPs are members of Eurosceptic (or Eurocritic) political groups.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Brexit. ‘Horror scenario’ non per gli inglesi, ma per i tedeschi.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-10-16.

2018-10-13__Brexit__001

Per anni, dopo il referendum inglese per lasciare la Unione Europea, eurocrati e politici tedeschi si sono sgolati ad ammonire paternamente e più o meno bonariamente gli inglesi che la Brexit li avrebbe ridotti alla fame, alla miseria più nera, alla più tetra e cupa disperazione.

Nelle trattative con gli inglesi sia Mr Juncker, sia gli eurocratici, sia Frau Merkel ostentarono una tetragona chiusura ad ogni possibile accordo ragionevole: si comportarono, e si stanno ancora comportando, come femmine isteriche che il partner ha mandato al diavolo. Una faccenda che con un minimo di savoir-faire sarebbe stata risolta in pieno spirito di amicizia e collaborazione. In fondo, gli inglesi altro non chiedevano che di essere trattati da persone umane, rispettando le loro tradizioni, quelle giuridiche in primo luogo.

L’intransigenza di Mr Hollande prima, di Mr Macron dopo, e di Frau Merkel derivava dal fatto che presumevano, in modo erroneo, che i rispettivi Elettorati li avrebbero sempre sostenuti alla grande. Errore di valutazione che si è rivelato essere fatale.

Mrs May ha condotto con grande abilità le trattative alle lunghe.

Intanto, la popolarità di Mr Macron si avvia alla ‘one-digit pecentage’ e Frau Merkel. reduce dalla débâcle del 24 settembre dello scorso anno si appresta a subire altre cocenti sconfitte a giorni, in Baviera prima ed in Hessen dopo. In Europa contano oramai ben poco, anche se pur sempre di più di Mr Junker, i cui momenti di sobrietà stanno diventando sempre più rari.

Con le nuove elezioni europee del prossimo anno una eurodirigenza rinnovata nelle persone e nelle idee potrebbe benissimo trovare con gli inglesi accordi soddisfacenti.

In una Unione Europea formata da una confederazione di Stati Sovrani legati da un mercato comune di libero scambio e senza interferenze improprie delle Corti Europee, il Regno Unito ci starebbe più che bene.

Per il momento registriamo l’urlo di dolore che si leva dalle industrie tedesche, che paventano un hard Brexit.

* * * * * * *

Questo è il titolo di Intereconomics, 2018, 5, 274 – 280:

If Nothing is Achieved: Who Pays for the Brexit?

«The United Kingdom will depart from the European Union in March 2019. Numerous open questions remain about details and conditions especially with regard to post-Brexit EU-UK trade relations. In case of a negotiation failure, a “hard Brexit” could cause considerably high costs on both sides of the Channel. In the short run, companies will be charged more than 15 billion euro as tariffs. In the long run, UK-EU trade could be reduced up to 50 percent.»

*

«On 23 June 2016, the Brexit referendum gave the British electorate the choice to remain in the European Union, with its freedom of capital, goods, services and people as well as its budgetary requirements, or to leave it and redefine Britain’s relationship with its former partners as well as with the rest of the world.»

*

«The instability and disorientation of the British negotiation position increases the risk of a hard Brexit that would cut off most ties with the EU in a more or less chaotic and sudden manner»

*

«While the EU27 prepare for the exit of one of the most important economic regions in the EU, the UK faces the loss of market access to all EU27 member states. Nevertheless, for the British, the EU market was never as vital as for export driven business models like that of Germany.»

* * * * * * *

A conti fatti, dipende più la Germania dal mercato del Regno Unito che non il vice versa.

Gli esportatori tedeschi si troveranno penalizzati di una cifra stimabile tra i cinque ed i quindici miliardi di euro l’anno a fronte di un mercato dimezzato.

Questo è quello che è denominato

«‘Horror scenario’»

*

 «A so-called hard Brexit would cost German companies billions of euros, according to a new study»

*

«This horror scenario should drive politics towards constructive action»

*

«The UK is currently the third biggest trading partner of German firms, says IW. A total of five percent of Germany’s gross domestic product is linked to trade with the UK»

*

«A hard Brexit would be a disaster that would put tens of thousands of companies and hundreds of thousands of  workers on both sides of the English Channel in great difficulty in Europe,»

* * * * * * *

Dovrebbe essere chiaro come il 5% del pil non possa essere lasciato all’isterico furore di una femmina ottusa  né a quello di un etilista cronico.


The Local. 2018-10-11. ‘Horror scenario’: How Brexit could affect Germany

A so-called hard Brexit would cost German companies billions of euros, according to a new study.

German firms would have to pay more than three billion euros in customs duties in the case of a hard Brexit, and UK-EU trade could be halved, a report by the Cologne-based German Economic Institute (IW) says.

Although the bulk of the consequences will impact the profit of firms, consumers in Germany could face higher prices on products as companies react to the shake-up to trade in Europe.

It came as the German government on Thursday slashed its growth forecasts for 2018 and 2019, blaming “a weaker international trade environment” for sapping the export powerhouse, AFP reports.

Gross domestic product should expand by 1.8 percent this year and next, the economy ministry said in a statement, lowering its outlook for 2018 by 0.5 percentage points and for 2019 by 0.3.

A hard Brexit arrangement is commonly seen as the UK leaving the EU’s customs union  – an agreement that allows countries to set common external tariffs – and the single market, which allows free movement of goods, services, money and people in the bloc.

Initially, this would mean the UK would likely fall back on World Trade Organisation (WTO) rules for trade with its former EU partners.

“The instability and disorientation of the British negotiation position increases the risk of a hard Brexit that would cut off most ties with the EU in a more or less chaotic and sudden manner,” the report authors said.

This scenario could cause “considerably high costs on both sides of the channel,” the report authors say.

In the short term, companies on both sides of the channel could be faced with more than €15 billion of annual tariffs, and in the long term, UK-EU trade could be reduced up to 50 percent, the report estimates.

However it should be noted that Brexit is also set to provide a boost, as companies have been planning to move away from the UK to Germany. Frankfurt, the country’s financial capital, is one city that will particularly benefit from this. 

Meanwhile, there are still ongoing concerns that a no-deal scenario could take place where no agreements are in place when the UK leaves the EU at the end of March next year. Politicians are hoping to finalize the terms of the increasingly bitter divorce at a two-day summit beginning next week on October 17th.

High costs of Brexit

Assuming WTO rules are in place, the report estimates that Germany would have to pay on average 4.3 percent more for exports to the UK. For its part, the EU could impose an average tariff of 2.8 percent on British products, reports Zeit.

If the volume of trade remained the same, EU companies would incur costs of more than €10 billion per year, with German companies having to pay more than three billion euros in custom duties.  

According to the study, the British government could even impose 3.6 percent tariffs on goods from the rest of the EU and exports from Germany to the UK could fall by up to 57 percent.

The researchers believe this would hit the car industry in Germany particularly hard: Around 60 percent of the additional costs from the extra tariffs would be incurred by this sector. Germany’s auto industry is one of the country’s biggest exporters, employing around 800,000 people.

Companies in Germany are likely to react to the additional costs with higher prices and import and export products via new trade routes, the report states.

‘Horror scenario’

The IW institute said they hoped the research would help show country leaders that action was needed. In the conclusion of the report, the authors recommended that “negotiations should not only be aimed at avoiding a hard Brexit but should explicitly seek a customs union”.

“This horror scenario should drive politics towards constructive action,” warned IW researcher Markos Jung.

The UK is currently the third biggest trading partner of German firms, says IW. A total of five percent of Germany’s gross domestic product is linked to trade with the UK.

The Federation of German Industries (BDI) also expressed concern about Brexit consequences.

“A hard Brexit would be a disaster that would put tens of thousands of companies and hundreds of thousands of workers on both sides of the English Channel in great difficulty in Europe,” said Joachim Lang, managing director of the BDI. 

Meanwhile, German media reports that the government expects tens of thousands of German employees in the UK to be directly affected by the EU withdrawal.

The government gathered the data from the British Statistical Office which showed that in the years 2014 to 2016 about 80,000 German citizens were employed in Britain.

Pubblicato in: Commercio, Devoluzione socialismo, Senza categoria, Unione Europea

Macron. L’ultima proposta EU su Brexit esclude la Francia dai traffici.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-08-16.

France's President Emmanuel Macron Hosts Joint Cabinet Meeting With Germany's Chancellor Angela Merkel

Quando accaduto è grave non tanto per la materia esposta, quanto piuttosto per il metodo perseguito.

«a European Commission proposal to exclude French ports from a re-routing of a strategic trade corridor between Ireland and mainland Europe after Brexit»

*

«This proposal therefore is not acceptable to France.»

*

Se da un punto di vista meramente tecnico i porti di Zeebrugge and Rotterdam sarebbero lo sbocco più efficiente del traffico tra Irlanda e continente, d’altro canto la esclusione dei porti francesi suona come un sonoro schiaffo dato a Mr Macron.

Non solo.

Bruxelles rigurgita di burocrati e funzionari francesi e la Commissione Europea è densamente popolata da politici francesi. Mr Juncker e Mr Macron avevano fatto di tutto per mettere in mostra una loro solidissima amicizia e comunanza di idee. Che proprio nessuno si sia sentito in dovere di avvisare il governo francese di quanto si stata progettando?

Poi, Mr Macron si era presentato, ed era stato presentato, come l’uomo che con Frau Merkel avrebbe rifondato l’Unione Europea trasformandola negli Stati Uniti di Europa, ovviamente ad egemonia francese. In linea con la direttiva che femmina è bello, intelligente e proficuo,  il clou dell’intelligenza umana, Mrs Elisabeth Borne è stata nominata Ministro dei Trasporti, ma né la Commissione Europea né gli euroburocrati la hanno ritenuta essere degna non si dice di una consultazione, ma anche nemmeno di uno straccetto di avviso. Conta meno della Mogherini.

*

Da un punto di vista politico, Mr Macron sta evidenziando una serie di lacune impensabili in un presidente di una grande nazione, e la sua audience e moral suasion in sede di rapporti internazionali giace adesso a livelli molto bassi.

L’affaire Benalla ha intaccato in modo davvero sensibile la sua poca credibilità rimasta.

Fatto sta che al momento non si vedrebbe un qualche capo di governo o di stato che nell’Unione Europea possa costituire un punto di riferimento, anche se Mr Orban e Mr Salvini stanno crescendo e si stanno irrobustendo. E le elezioni dell’europarlamento stanno avvicinandosi.


Reuters. 2018-08-12. France fumes at proposed post-Brexit EU sea trade links

France deems unacceptable a European Commission proposal to exclude French ports from a re-routing of a strategic trade corridor between Ireland and mainland Europe after Brexit, the government said.

At the moment much of Ireland’s trade with the continent goes via Britain in trucks. However, with less than eight months to go until Britain leaves the European Union there is still little clarity on its future trade relations with the bloc, nor the nature of the Irish Republic’s border with the British province of Northern Ireland.

The new route put forward by the Commission would connect Ireland by sea with Dutch and Belgian ports including Zeebrugge and Rotterdam. French ports such as Calais and Dunkirk would be bypassed.

“France and Ireland maintain important trade channels, both overland via Britain and via direct maritime routes. The geographical proximity between Ireland and France creates an obvious connection to the single market,” French Transport Minister Elisabeth Borne wrote to the EU’s transport commissioner in a letter dated Aug. 10.

“Surprisingly, the Commission proposal in no way takes this into account. This proposal therefore is not acceptable to France.”

At stake are jobs, millions of dollars’ worth of port revenues and possibly EU infrastructure funding.

Borne said that French ports had the necessary resources to ensure they could handle the likely increase in trade flows, hinting at concerns of congestion in ports such as Calais, France’s busiest passenger port.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Brexit. Öettinger chiede altri tre miliardi alla Germania.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-02-19.

Cranach Lucas der Ältere. Die Bezahlung. Nationalmuseum Stockholm. 1532.

Il problema era da tempo noto.

Germany’s EU bill to rise by 16 percent post-Brexit: report

«Germany will need to pay an extra €3.8 billion into the EU’s coffers once Britain leaves the bloc»

*

«A new report, which is likely to rile German taxpayers, suggests France and Italy will face much lower budget hikes.»

*

«In 2016, Germany’s net contribution — minus EU monies returned to fund projects in the country — amounted to €15.6 billion.»

*

«By comparison, France would face an additional €1.2 billion per annum bill on top of its €5-6-billion net contribution, and Italy would pay an extra €1 billion.»

* * * * * * *

Adesso Herr Günther Öettinger, ossia colui che è preposto al budget dell’Unione Europea, ritorna su questo doloroso argomento. Data la posizione che occupa, è lampante come le sue parole non piacciano a nessuno.

La più naturale sarebbe questa:

«The EU study says discussions are underway about whether cuts should be made to the EU budget»

ma la classe politica attuale è idiosincrasica a discorsi di quel tipo, e proporrebbe invece:

«new revenue sources can be opened up, including taxes».

Tuttavia non si scappa: o si taglia il budget oppure si adottano nuove tasse.

*

Herr Günther Öettinger propone un discorso ‘diplomatico‘.

«EU budget chief Günther Oettinger says he wants Berlin to pay at least 3 billion euros more to cope with new tasks after Britain leaves the bloc »

*

«But he said that meant just 10 cents a day more for everyone in Germany»

*

«Oettinger also rejected any idea that the EU could abandon its current austerity course»

*

«We have to compensate for about half of the gap of €12 to 14 billion left by Brexit with cuts in the existing budget»

* * * * * * *

Una sola considerazione.

Se l’Unione Europea revocasse tutte le elargizione alle ngo che finanzia, risparmierebbe circa trenta miliardi.


Deutsche Welle. 2018-02-16. EU budget chief wants billions more from Germany post-Brexit

EU budget chief Günther Oettinger says he wants Berlin to pay at least 3 billion euros more to cope with new tasks after Britain leaves the bloc. But he said that meant just 10 cents a day more for everyone in Germany.

*

Germany will be expected to contribute from €3-3.5 billion ($3.76-4.4 billion) more to the EU than it does now to help meet new challenges facing Europe, European Union Budget Commissioner Günter Oettinger said in remarks published Friday.

“With 3 or 3.5 billion euros more from Germany, we could close the gap left by Brexit and finance additional measures,” Oettinger told the Bild newspaper. He cited the protection of the EU’s external borders and the fight against terrorism as being among the new challenges facing the bloc.

“That would be about 10 cents per day more than now per head of population,” he said.

Britain plans to leave the EU on March 29, 2019. 

Continued belt-tightening

Oettinger also rejected any idea that the EU could abandon its current austerity course.

“On the contrary: We have to compensate for about half of the gap of €12 to 14 billion left by Brexit with cuts in the existing budget,” he said, adding that there would be no change in the EU’s debt-free budgetary policy.

Angela Merkel’s conservatives and the Social Democrats (SPD) have agreed in coalition talks that Germany would be ready to pay more to the EU under a new government. However, the coalition contract is still to be voted upon by SPD members, who will decide whether the grand coalition government is established.

Germany is the biggest net contributor to the EU. In 2016, it paid €12.9 billion more into the EU budget than it received back in EU funding.