Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Germania. Il 26 settembre si vota. Union crollata dal 37% al 20%, Spd salita al 25%.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-09-20.

2021-09-20__ Germania polls 002

Dopo sedici anni di cancellierato Merkel, la Germania sembrerebbe decisa a voltare pagina.

Herr Scholz ha promesso di praticare una Realpolitik, avulsa dalle ideologie. La Germania ha un disperato bisogno di avere una politica adeguata alla realtà dei fatti, con senso pratico.

La Union, ossia Cdu e Csu, è adessi quotata al 20%, di cui Csu 6% e Cdu 14%

Mai nella storia della federazione la Union aveva avuto un risultato così catastrofico.

Merkel ad aprile si è incaponita a mettere quale candidato cancelliere Herr Armin Laschet, il cui unico merito sarebbe quello di essere un replicante della Merkel. Avrebbe voluto che le sue ideologie perdurassero nel tempo. Errore madornale. La superbia acceca la mente.

Così, da un solito 37% capitalizzato il 30 aprile, in solo sei mesi Merkel ed Herr Armin Laschet ha distrutto la Union, ma soprattutto la Cdu.

Poco consola che i Grüne siano anche essi crollati dal 25% al 15%, segno evidente di quanto gli elettori si siano disaffezionati dai problemi ecologici.

Come risultato finale, la Germania esperirà un vorticoso periodo caotico, di coalizioni di convenienza tra forze politiche divergenti.

Non sarà solo un problema tedesco, bensì di tutta la Europa.

*


As Germany’s general elections near, things are going wrong for the right.

For the first time in over a decade, Germany’s Social Democratic Party (SPD) is leading in polls of voter intentions in front of Angela Merkel’s Christian Democratic Union (CDU), just as the general elections are due in September. This unprecedented situation owes a lot to the centre-right candidate, Armin Laschet, who has made several blunders. 

Angela Merkel is leaving, but her CDU will stay: this had been the most likely scenario for the German general election, to be held on September 26. But a small political revolution has taken place, just one month before the vote. For the first time in 15 years, the centre-left SPD overtook the conservatives CDU in the polls. With barely 10 days left until the vote, the Social Democrats are comfortably in the lead with 25 percent of intended voters, while Merkel’s CDU has just 21 percent. 

“This is surprising because the SPD had been stagnating around or below 20 percent in voting intentions at the national level for about 10 years,” Thomas Poguntke, a political scientist at the University of Düsseldorf, told FRANCE 24.

                         Laschet: laughing and vague

At the same time, the CDU has dropped nearly 10 points in voter intentions since mid-July. The polls are certainly not gospel, “but in this case, they confirm a trend observed for several weeks in the campaign, namely the difficulties of the conservative candidate”, Klaus Schubert, a political scientist at the Institute for Political Research at the University of Münster, told FRANCE 24.

Armin Laschet, the CDU candidate on the right who wants to replace Merkel as chancellor, does not seem to be doing well. In particular, he made a series of mistakes during the catastrophic floods in Germany in mid-July. One image in particular did not go down well with the Germans: that of a laughing Laschet standing behind Federal President Frank-Walter Steinmeier, who, in a serious tone, was giving a speech on the destruction caused by the heavy rain.

And that is not all. He also appears “to be particularly unspecific in his positions and often remains very vague”, Schubert said. In the first of three scheduled televised debates with the other two main candidates – Olaf Scholz for the SPD and Annalena Baerbock for the Greens – he was the only one who would not say where he would go for his first official trip as chancellor. “That’s an easy and classic question,” Schubert said.

He put in a fiery performance in the second debate, but again failed to deliver a knockout blow. 

Laschet is not solely responsible for his troubles; current events have not helped him. The floods, the pandemic and the return of the Taliban to power in Afghanistan are all issues that allow someone who already has political responsibilities to shine. And that’s what Scholz did. “As finance minister, he was able to appear as the saviour by promising, for example, to release the necessary funds for the flood victims or to not skimp on spending to address the health crisis,” Schubert said.

                         Where is Angela Merkel?

The CDU also seems reluctant in its support of Laschet and appears “not to know how to make this candidate represent the ideas of the party”, Wolfgang Schroeder, a political scientist at the Wissenschaftszentrum Berlin (Berlin Scientific Research Center), told FRANCE 24.

Laschet said it himself: “You can’t run a campaign alone.”

Even Merkel was quiet in her support for her party’s candidate until late in the campaign. “The absence of involvement from the chancellor, who could have used a little of her popularity to help Laschet, remains for me one of the great mysteries of this campaign,” Stefan Marschall, a political scientist at the University of Düsseldorf, told FRANCE 24.

Add to that the voices on the right that are putting obstacles in his way. Markus Söder, the head of the centre-right Christian Social Union in Bavaria, “never misses an opportunity to stress that he would have done better than Laschet”, said Poguntke. The political scientist sees his failure to bring the right along with him as one of the main weaknesses of the CDU candidate’s campaign: “He has absolutely failed to surround himself with a team of his own, which means that everyone on the right seems to be playing for themselves.”

In contrast to the disunity of the CDU, the SPD “has succeeded in appearing to be a party in close ranks behind its candidate, who is also one of the leading figures in the current government”, Marschall noted.

                         An apocalyptic picture

Laschet had hoped to be the face of continuity after Merkel, but in the end “Scholz appears to be the natural successor to the outgoing chancellor”, Schroeder said. “He has the same political pragmatism, knows how to be very flexible and has real experience on the international scene.”

Laschet has very little time left to turn things around if he wants to avoid a CDU defeat in the upcoming election. The most likely scenario is “that the conservatives will play the doomsday card and paint a bleak future if the left comes to power”, said Schroeder.

It is hard to say whether that kind of strategy would work. On one hand, such an approach could be effective with Germans because “they are politically rather conservative and do not like experiments in government”, Marschall said.

On the other hand, the “apocalyptic” argument is just as likely to fail because, for many, Scholz is not scary, as “he symbolises continuity more than any candidate, since he is already in government”, said Schubert.

In the event that Laschet fails to recover, there is growing discussion in Germany of a new scenario at the federal level: the possibility of a three-party government. But would that be with or without the CDU?

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Germania. Sondaggi elettorali. SPD 24%, Cdu 22%, Grüne 18%. Merkeldämmerung.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-08-30.

2021-08-30__ Germania 001

La Germania si appresta a pagare a duro prezzo i sedici anni di cancelleria Merkel, l’essersi ostinata a non volersi dimettere dopo i risultati delle scorse elezioni, ed infine di essersi incaponita nel far nominare il suo replicante Herr Armin Laschet quale candidato cancelliere.

Senza poi contare la scriteriata politica economica interna.

Si tenga infine presente come la Union sia costituita da CDU e da CSU, che supporta circa il 6% dei voti. Merkel ha distrutto la CDU.

Germania. Luglio21. Prezzi delle importazioni +15.0% su luglio20.

Germania. Luglio21. PPI, Producer prices of industrial products, +10.4% su Luglio20.

Germania. Luglio21. Selling prices in wholesale trade, WPI, +11.3% su Luglio20.

Si profila una catastrofe economica.

La Germania ha una gran voglia reagire, di cambiare.

* * * * * * *

«The campaign over who will replace German Chancellor Angela Merkel heated up on Sunday after a new opinion poll showed the centre-left Social Democrats (SPD) opening up a bigger lead over Merkel’s conservatives»

«Support for the SPD rose two points from last week to 24%, their highest result in four years according to the INSA poll conducted for the Bild am Sonntag newspaper. The conservatives lost a point to 21%, their lowest ever polled»

«It was the second survey in the last week that has put the SPD ahead. Support for Merkel’s Christian Democrats (CDU) and their Bavarian sister party, the Christian Social Union (CSU), has been falling steadily in recent weeks»

«In a hypothetical direct vote for chancellor, the INSA poll showed that the SPD’s candidate, Finance Minister Olaf Scholz, would take 31% of the vote, compared to just 10% for Laschet and 14% for the Greens candidate Annalena Baerbock»

* * * * * * *

Così, con SPD al 24%, Cdu al 22% e Grüne al 18%, la Germania si avvia ad un periodo di turbolente sommovimenti politici, e questo proprio bel mezzo di una crisi inflattiva a due cifre percentuali.

Si noti come l’ondata Grüne si sia nettamente ridimensionata.

* * * * * * *


German election campaign heats up as Merkel’s conservatives slide

Berlin, Aug 29 (Reuters) – The campaign over who will replace German Chancellor Angela Merkel heated up on Sunday after a new opinion poll showed the centre-left Social Democrats (SPD) opening up a bigger lead over Merkel’s conservatives.

Support for the SPD rose two points from last week to 24%, their highest result in four years according to the INSA poll conducted for the Bild am Sonntag newspaper. The conservatives lost a point to 21%, their lowest ever polled.

Germany goes to the polls on Sept. 26, when Merkel steps down as chancellor after 16 years in office and four straight national election victories. Merkel’s imminent departure has weakened support for her conservative alliance.

It was the second survey in the last week that has put the SPD ahead. Support for Merkel’s Christian Democrats (CDU) and their Bavarian sister party, the Christian Social Union (CSU), has been falling steadily in recent weeks.

The bloc’s candidate for chancellor, CDU chairman Armin Laschet, has been under fire since he was caught on camera laughing during a visit last month to a town hit by floods.

In a hypothetical direct vote for chancellor, the INSA poll showed that the SPD’s candidate, Finance Minister Olaf Scholz, would take 31% of the vote, compared to just 10% for Laschet and 14% for the Greens candidate Annalena Baerbock.

The three candidates are due to hold a televised debate on Sunday evening.

Despite the SPD’s lead in the polls, it would still need to team up with two other parties to govern, prompting a discussion about which possible coalition partners would be acceptable.

Scholz declined to rule out teaming up with the far-left Linke in an interview with the Frankfurter Allgemeine Sonntagszeitung, although he said any German government must commit itself to NATO membership.

The Linke, currently polling on about 6%, calls for the abolition of NATO in its election manifesto.

Meanwhile, the Greens candidate Baerbock distanced herself from the Linke as a possible partner.

“The Linke has just pretty ruled itself out, as it was not even willing to support the Bundeswehr in rescuing German nationals and local forces from Afghanistan,” Baerbock told the newspapers of the Funke media group.

Laschet cast doubt on the commitment of both the SPD and Greens to support the German military, saying at an event on Saturday that they had blocked measures in the past to protect soldiers.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Germania. Annalena Baerbock vuole essere ben più dura con Pechino.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-05-19.

2021-05-18__ Germania Sondaggi 001

La Germania è nel chaos politico.

Secondo l’ultimo sondaggio disponibile, i Grüne avrebbero il 25% delle propensioni al voto, sorpassando la Union (Cdu/Csu) ferma al 24%, crollata dal pregresso 40%.

Se questo sondaggio restasse valido fino al momento delle votazioni politiche, la cancelleria spetterebbe ai Grüne: una svolta storica per la Germania e per l’Unione Europea.

Ma purtroppo il problema è molto più complesso.

Sia che la Union ottenga il cancellierato, sia che lo ottengano i Grüne, la frammentazione dei partiti imporrebbe per forza di cose la formazione di coalizioni di almeno tre partiti, costringendo alla convivenza politica formazioni storicamente politicamente molto differenti tra di loro, per non dire contrastanti. Tutti i partiti politici dovrebbero quindi dimostrare una inedita reciproca tolleranza e diplomazia politica.

Linke ed AfD sembrerebbero, almeno al momento, non candidabili all’ingresso al governo, per cui saranno determinanti la Sdp ed Fdp. Ambedue codesti partiti hanno severe conflittualità interne, elemento che complica ulteriormente le possibilità di dialogo.

* * *

Per quanto riguarda i Grüne, il loro programma politico è del tutto simile a quello dei liberal democratici di sinistra.

In modo particolare, questa somiglianza sarebbe evidente sul piano della politica estera.

«La Cina rimpiangerà Angela Merkel …. una volta che l’ex ‘ragazza dell’Est’ si sarà ritirata a vita privata, dopo le elezioni federali del 26 settembre»

«Finora la cancelliera si è sempre impegnata a smussare le acque. Dopo la sua era, il tono sarà più ruvido»

«L’ultimo episodio che ci parla dei mutamenti in corso (e delle crescenti difficoltà di Frau Merkel sul fronte cinese) è lo stop alla ratificazione a parte della Commissione Ue e dell’Europarlamento all’accordo per gli investimenti che la cancelliera e il presidente Xi Jinping avevano sostenuto con notevole vigore»

«non possiamo più ignorare il contesto più ampio delle relazioni con la Cina»

«La ragione sta nella nuda verità dei numeri: nel 2019 la Cina è stata per la quarta volta il maggiore partner commerciale della Germania, ed è un fatto che l’industria automobilistica tedesca venda più veicoli nella Repubblica popolare che in patria»

«La Cina ha legato le proprie leve economiche ad una molteplicità di iniziative dalle quali, sommate tutte insieme, emerge nientemeno che un modello di ordine mondiale in stile cinese»

«La Germania deve correggere il suo corso: basta con la priorità degli interessi economici a spesa di libertà e multilateralismo. Inoltre è necessario affrontare con più forza i temi dei diritti umani, valutare il ruolo di Huawei nel 5G, chiedere maggiore aiuto da parte della Cina nella difesa del clima globale e pretendere accesso libero al suo mercato»

* * * * * * *

Da ultimo, ma non certo per ultimo, tutti questi ragionamenti dovrebbero tener conto anche del convitato di pietra: la Cina.

Se le Germania e la Unione Europea tirassero troppo la corda, la Cina potrebbe rispondere così come ha fatto con l’Australia.

Australia. La Cina sospende sine die il dialogo economico.

* * * * * * *


La Cina rimpiangerà Angela Merkel.

La verde Annalena Baerbock lanciata verso la Cancelleria: “Con Pechino non dobbiamo essere ingenui”.

*

“La Cina rimpiangerà Angela Merkel”. Il commento della Zeit la dice lunga su quali siano le aspettative sui rapporti tra Berlino e Pechino una volta che l’ex ‘ragazza dell’Est’ si sarà ritirata a vita privata, dopo le elezioni federali del 26 settembre.

“Finora la cancelliera si è sempre impegnata a smussare le acque. Dopo la sua era, il tono sarà più ruvido”, insiste il giornale. I primi segnali stanno già arrivando: Annalena Baerbock, lanciata dai Verdi nella corsa alla cancelleria ed in questo momento l’assoluta beniamina dei sondaggi, ha già fatto sapere che se venisse eletta spingerà con forza per un posizionamento ben più netto dell’Unione europea nei confronti di Pechino: “Non dobbiamo essere ingenui”.  

L’ultimo episodio che ci parla dei mutamenti in corso (e delle crescenti difficoltà di Frau Merkel sul fronte cinese) è lo stop alla ratificazione a parte della Commissione Ue e dell’Europarlamento all’accordo per gli investimenti che la cancelliera e il presidente Xi Jinping avevano sostenuto con notevole vigore: come ha detto il commissario europeo per il commercio Valdis Dombrovkis, “non possiamo più ignorare il contesto più ampio delle relazioni” con la Cina. “Tutto questo certo non è sorprendente”, incalza ancora la Zeit, che si chiede “come il Parlamento avrebbe potuto ratificare il trattato dopo che Pechino ha emesso sanzioni nei confronti degli eurodeputati dei maggiori gruppi parlamentari?”.

                         L’ira per le sanzioni

Una reazione, quella cinese, dettata dall’ira per le sanzioni decise dall’Ue a causa della persecuzione degli uiguri nello Xinjiang. “I deputati sanzionati sono i nostri eroi”, è corso a dichiarare il capogruppo del Ppe, Manfred Weber.  

E’ pur vero che anche la cancelliera – appena due settimane fa, alle abituali consultazioni sino-tedesche – in videocollegamento con il premier cinese Li Keqiang aveva rivolto un appello alla Cina di riprendere “al più presto” il dialogo su diritti umani, insistendo che “vi sono anche differenze di opinione” (vedi alla voce Hong Kong), ma aveva anche ribadito con forza che Berlino e Pechino intendono estendere la collaborazione su molti dossier, “nonostante le molte differenze politiche”, per esempio nei campi dell’ambiente, dello sviluppo e anche dei vaccini anti-Covid.
Tutto questo accadeva proprio mentre al Parlamento europeo si dibatteva sulle sanzioni cinesi: “I ministri tedeschi e cinesi – specifica la Zeit – erano collegati in videoconferenza a consultazioni di governo, come ve ne sono altre con i partner più stretti, per esempio la Francia e Israele”. 

                         Merkel, 12 volte in Cina in 16 anni

La posizione di Merkel, che ripete ancora una volta come l’intesa sugli investimenti con Pechino rappresenti “un’impresa molto importante”, non sorprende: nei suoi ben sedici anni da cancelliera ha compiuto ben dodici missioni in Cina. “Non ha mai mancato mai di sostenere le vittime di violazioni dei diritti, ma non rischierebbe di mettere a rischio le relazioni economiche con Pechino in nome di un gesto politico”, chiosa il settimanale amburghese. La ragione sta nella nuda verità dei numeri: nel 2019 la Cina è stata per la quarta volta il maggiore partner commerciale della Germania, ed è un fatto che l’industria automobilistica tedesca venda più veicoli nella Repubblica popolare che in patria. 
L’intreccio è, insomma, difficilissimo. Molti a Berlino ricordano in queste ore l’altro precedente, quello intorno al coinvolgimento del colosso Huawei nella costruzione della rete 5G in Germania. Quando l’anno scorso nel suo discorso al Bundestag Merkel aveva definito la Cina un “partner strategico” in molti avevano preso nota: a Pechino, a Bruxelles, a Berlino e a Washington.

                         Il 5g

Il retroscena non era solo geopolitico in senso largo: la cancelliera, infatti, non ha mai voluto escludere il colosso cinese dalla realizzazione dell’infrastruttura della telecomunicazione e del digitale di “quinta generazione”, e questo nonostante l’allarme ripetutamente lanciato dall’intelligence di vari Paesi – servizi segreti tedeschi compresi – circa la possibilità che le autorità cinesi esercitino un effettivo controllo su Huawei, che in pratica sarebbe in grado di svolgere attività di spionaggio per conto di Pechino grazie alla propria tecnologia.

La preoccupazione della cancelliera era quella che se Berlino bloccasse le porte a Huwaei il rischio sarebbe quello di ripercussioni negative sulle imprese tedesche dipendenti dal mercato cinese. Una posizione non facile la sua, dato che non solo gli alleati dell’Spd, ma anche diversi ambienti interni alla Cdu si sono detti contrari a proseguire la politica delle “porte aperte” nei confronti del colosso cinese, continuando a chiedere specifiche restrizioni e chiari paletti, soprattutto in tema sicurezza.   

                         Usa in contrapposizione

Non finisce qui: c’è anche la Casa Bianca a soffiare sul collo. Com’è noto, l’amministrazione di Joe Biden verso Pechino ha mantenuto la linea di una contrapposizione netta del predecessore, ma è altrettanto noto che la Germania sia più sensibile ai richiami di Washington adesso che non ai tempi della presidenza Trump. A maggior ragione considerando il fatto che in Germania il clima verso la Cina sembra essere mutato individuando il grande dragone come un “rivale sistemico” – così è stato definito dall’Associazione degli industriali tedeschi – che con i suoi investimenti globali crea un sistema di dipendenze da cui risulta sempre più difficile districarsi.

    Ecco che si moltiplicano gli appelli: “La Cina ha legato le proprie leve economiche ad una molteplicità di iniziative dalle quali, sommate tutte insieme, emerge nientemeno che un modello di ordine mondiale in stile cinese”, attacca per esempio la Sueddeutsche Zeitung.

                         I diritti umani

Picchiava duro, tempo fa, anche il Tagesspiegel: “La Germania deve correggere il suo corso: basta con la priorità degli interessi economici a spesa di libertà e multilateralismo. Inoltre è necessario affrontare con più forza i temi dei diritti umani, valutare il ruolo di Huawei nel 5G, chiedere maggiore aiuto da parte della Cina nella difesa del clima globale e pretendere accesso libero al suo mercato”.    

E allora si guarda a quello che sarà il futuro esecutivo tedesco: il pensiero non può non correre ai Verdi, senza i quali – stando ai sondaggi oramai stabili da settimane, per non dire mesi – non sembra possibile maggioranza di governo. “Ed è probabile che lo scontro sarà portato anche sulla scena aperta”, aggiunge di nuovo la Zeit, “che si tratti della repressione degli uiguri e del movimento democratico di Hong Kong o delle minacce nei confronti di Taiwan”.

Le parole di Baerbock, la candidata del partito ambientalista, vanno esattamente in questa direzione: “Le democrazie liberali devono tenere alti i propri valori”. La giovane leader – a cui vengono accreditate non poche chance di prendere il posto di Merkel dopo le elezioni di settembre – ritiene che Pechino rappresenti “un pericolo”, a causa della politica economica volta a creare dipendenze attraverso gli investimenti nelle infrastrutture: “Questo è il punto decisivo sul quale noi europei dobbiamo essere estremamente vigili”.

                         Uno scudo per l’Europa

 Tra le contromosse ipotizzata dalla numero uno dei Verdi vi è anche la creazione di una sorta di scudo di protezione per l’Europa con investimenti diretti e mettendo in piedi trattati commerciali “equi” che preservino altri Paesi dal rendersi legati mani e piedi da Pechino. Certo, ha aggiunto, anche se la Cina “è un mercato troppo grande perché l’Ue possa chiudersi a esso”, una politica che seguisse solo la via degli interessi “lasciando per strada i valori” finirebbe per ritorcersi contro l’Europa.     

E’ anche una questione di equilibri globali. In pratica, la domanda che ci si ripete a Berlino è la stessa che pochi giorni fa si è posto Thomas Friedman sulle colonne del New York Times: “Proprio quando la Cina, la Russia e l’Iran stanno sfidando l’ordine globale più aggressivamente che mai, molti si chiedono se gli Stati Uniti abbiano ancora l’energia, gli alleati e le risorse per una nuova rissa geopolitica”. Messaggio che trova interlocutori sempre più sensibili anche all’ombra della Porta di Brandeburgo.