Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo, Ong - Ngo

Alan Kurdi. Il nuovo governo italiano nega l’ingresso.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-09-10.

2019-09-10__Alan Kurdi 001

«L’Italia dice no alla nave Alan Kurdi che da giorni si trova in acque internazionali con 5 giovani migranti a bordo»

«Il Centro di coordinamento del soccorso marittimo della Guardia Costiera italiana, nella tarda serata di ieri, come spiega la ong Sea Eye, ha negato alla Alan Kurdi il permesso di entrare, transitare e fermarsi in acque territoriali italiane»

«Il divieto, si legge nella comunicazione delle autorità italiane mostrata dalla ong, è in accordo al divieto d’ingresso firmato lo scorso 31 agosto dall’allora ministro Matteo Salvini, sulla base del decreto sicurezza bis.»

* * * * * * *

È una prima piccola sbavatura al programma governativo.


Adnk. 2019-09-10. Italia dice no a ingresso Alan Kurdi

L’Italia dice no alla nave Alan Kurdi che da giorni si trova in acque internazionali con 5 giovani migranti a bordo, dopo le evacuazioni mediche dei giorni scorsi.

Il Centro di coordinamento del soccorso marittimo della Guardia Costiera italiana, nella tarda serata di ieri, come spiega la ong Sea Eye, ha negato alla Alan Kurdi il permesso di entrare, transitare e fermarsi in acque territoriali italiane.
Il capo missione della nave nei giorni scorsi aveva chiesto aiuto ai centri di coordinamento per il soccorso marittimo di Italia, Francia, Spagna e Portogallo per i cinque migranti, dei 13 salvati, ancora a bordo. La ong ha mostrato su Twitter la comunicazione delle autorità italiane in cui si cita il decreto sicurezza.

*


Ansa. 2019-09-09. Migranti, Alan Kurdi: no dell’Italia alla richiesta d’ingresso

La Alan Kurdi non è autorizzata ad entrare in acque italiane. Questa, informa la ong tedesca Sea Eye, la risposta del Centro di coordinamento per il soccorso marittimo italiano alla richiesta di aiuto inviata dalla nave che si trova da nove giorni davanti a Malta con 5 migranti a bordo. Il divieto, si legge nella comunicazione delle autorità italiane mostrata dalla ong, è in accordo al divieto d’ingresso firmato lo scorso 31 agosto dall’allora ministro Matteo Salvini, sulla base del decreto sicurezza bis.

“Oggi l’Italia sfortunatamente è molto veloce quando si tratta di rifiutare aiuto per la Alan Kurdi”, commenta Sea Eye. La nave, dopo aver soccorso lo scorso 31 agosto 13 migranti in acque sar libiche, si era diretta verso Lampedusa e aveva chiesto il Pos (Place of safety, il porto sicuro) all’Italia. Era però arrivato il divieto firmato da Salvini e dai suoi colleghi Elisabetta Trenta e Danilo Toninelli e quindi la nave aveva fatto rotta verso Malta. Ma anche in questo caso c’era stato il no allo sbarco. Otto migranti nei giorni scorsi sono stati comunque evacuati verso l’isola per emergenze sanitarie.

Annunci
Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Devoluzione socialismo, Ong - Ngo

Ngo e sbarchi clandestini. Si credono razza egemone. Erasmo Palazzotto.

Giuseppe Sandro Mela

2019-07-07.

2019-07-06__Salvini__001

La Alan Kurdi, nave della ngo tedesca Sea Eye, ha cambiato rotta e si dirige su Malta.


Il comportamento degli attuali governi francese e tedesco, dai quali deriva quello delle ong da loro patrocinate, è di tipica derivazione marxista-leninista.

Come tutte le persone superbe, ritengono di essere la razza egemone, credono che ciò che pensano sia verità assoluta, e quindi fanno di tutto per imporla. Sono sia dittatoriali sia rivoluzionari. Come tutti i razzisti, odiano di odio viscerale quanti loro si oppongano.

Questo odio trova la sua genesi nella discrepanza evidente che non sono in grado di imporre completamente i loro voleri, e questa è per loro una umiliazione urente. Così gli avversari politici diventano dei nemici mortali: sono quelli che sono percepiti come la minaccia alla loro stesa esistenza.

Reduci dalle eclamptiche sconfitte nel Consiglio Europeo, ove undici nazioni capitanate da quelle del V4 e dal’Italia li hanno mazzolati per benino, sfogano la loro rabbia impotente scatenando le ogn, loro gruppo di fuoco.

Chiamano la tratta dei negri “salvataggi in mare“. credono di essere autorizzati a non rispettare codici e leggi.

Sono comunisti fino al midollo.

Si fanno forti degli appoggi politici che hanno in sede dell’Unione Europea e della quinta colonna che hanno nella magistratura italiana. Sì: proprio quella magistratura che sta ad oggi mostrando il suo vero volto con la crisi del Consiglio Superiore della Magistratura.

*

Italia. Sondaggio plebiscitario a favore di Salvini.

La stragrande maggioranza degli italiani di immigrazione clandestina e delle ngo non ne suole più sapere.

Se il 59% degli italiani approva il fermo comportamento di Salvini, il gradimento delle ngo è crollato dal passato 80% all’attuale 39%. La gente iniza a percepirle per quello che sono: organizzazioni criminali al soldo straniero.

Ma non dimentichiamo.

Il capo missione di Mediterranea è Erasmo Palazzotto, parlamentare di Leu, Liberi ed Uguali, partito fondato da Pietro Grasso, ex presidente del senato.

Quanto vale elettoralmente il Leu?

Nelle elezioni del 4 marzo 2017 ha ottenuto 14 deputati su 630, e 4 senatori su 320.

E costui, con poco più del’1% vorrebbe imporsi al governo legalmente in carica.


Ansa. 2019-07-07. I migranti sbarcano a Lampedusa, la ‘Alex’ sequestrata e l’equipaggio indagato

I migranti sbarcano a terra dalla Alex per effetto del sequestro penale disposto di iniziativa dalla Guardia di Finanza. Lo fa sapere il Viminale, aggiungendo che l’equipaggio è indagato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

La Alan Kurdi ha cambiato rotta verso Malta, lasciando le acque al largo di Lampedusa. “Non possiamo aspettare finche’ lo stato di emergenza non prevale”, fa sapere la ong Sea Eye. “Ora – aggiunge Sea Eye – Sì deve dimostrare se gli altri governi europei appoggiano l’atteggiamento dell’Italia “

Un esposto alla Procura di Agrigento sulle procedure che sono state seguite nei confronti della Alex, l’imbarcazione alla quale era stato intimato dalle autorità italiane di recarsi a Malta come “porto sicuro”, è stato presentato dai legali di Mediterranea Human Savings prima ancora dell’approdo a Lampedusa. Lo ha detto all’ANSA il capo missione Erasmo Palazzotto, parlamentare di Leu.

“Ancora non ci è stato notificato nulla. Siamo assolutamente sereni perchè convinti di avere operato correttamente e perchè abbiamo già presentato un esposto alla magistratura. Diciamo che questa volta siamo arrivati prima della Guardia di Finanza”. Così il capo missione di Mediterranea Erasmo Palazzotto, commenta la decisione del Viminale di fare sbarcare tutti i migranti a bordo della Alex, sequestrare l’imbarcazione e indagare tutto l’equipaggio per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Ong - Ngo, Unione Europea

Migranti. Alan Kurdi, Sea Eye ngo, dirige su Malta.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-04-06.

2019-04-06__Salvini_ngo__001

Come al solito, il problema è politico.

La Alan Kurdi è andata a traghettare i migranti dalla Libia verso l’Europea ed avrebbe voluto sbarcarli in Italia.

Il Ministro degli Interni Salvini ha rifiutato il porto di Lampedusa.

Consultazioni diplomatiche tra Italia e Germania.

La Alan Kurdi si dirige verso Malta.

Stando alla geografia, Malta è più vicina alla Alan Kurdi dell’Italia.

Nota.

In democrazia, quanti abbiano idee politiche si presentino alle elezioni, le vincano, e quindi le attuino. Mr Salvini è vidimato dagli Elettori, la Sea Eye ngo no.

*

Migrants, the Alan Kurdi ship to Malta. Ong Sea Eye attacks Salvini

It is headed to Malta, where it will request a safe port, Alan Kurdi, a ship of the German Sea Eye NGO which Italy has not allowed to reach Lampedusa. The same NGO informs him by reiterating that the children and their mothers did not agree to land on Friday to avoid being separated from their fathers, and attacking Minister Salvini who “did not only humiliate the castaways, but exploits everything and everyone to get the most out of them. possible advantage from this situation “. Malta – the Sea Eye explains – is “the closest shelter and the ship will need protection from bad weather, drinking water and possibly food”.

“Dietrofront, an NGO ship to Malta. Very well, in Italy we do not pass. #portichiusi. ” Thus Interior Minister Matteo Salvini on Facebook, after the ship Alan Kurdi decided to change course.

After a stalemate that lasted all day in front of the Italian territorial waters 15 miles from Lampedusa, the ship travels to Malta, a country that has guaranteed that migrant families will not be divided. The island of Lampedusa was already ready to welcome women with their children aged 1 and 6, and a third pregnant woman, who had been authorized to disembark by the Ministry of the Interior. But the migrants did not want to separate from their husbands. The NGO also accuses Italy “of not having respected the obligations of protecting families for political exploitation”.

Lampedusa has been left on the problem of migrants alone from the “Italian government”, but “from Europe no” and “if we are here in Brussels it means that Europe listens to us and has an interest” and this is demonstrated by the “meetings we have had in these two days”, has explained Totò Martello, mayor of Lampedusa and Linosa, on a mission to the Belgian capital.

*


Sea Eye ship heads for Lampedusa, Salvini says no

Rome, April 4 – The Alan Kurdi ship belonging to German migrant rescue NGO Sea Eye is heading for the Italian island of Lampedusa with its 64 rescued migrants, according to radar evidence confirmed by informed sources Thursday.
After sailing north, they said, the ship has veered westwards and is now about 30 sea miles from the southern Italian island.
The Alan Kurdi has reportedly asked Italy’s maritime coordination centre for a safe port.

Overnight, when it was in Maltese waters, it made the same request to Valletta.

Interior Minister Matteo Salvini, who has closed Italy’s ports to migrant rescue NGO vessels, said the government has written to the German government asking it “to take on the problem”.

He said “the interior ministry has warned the ship not to enter Italian waters”.

Salvini said “other lives put at risk by a foreign NGO, having left Libyan waters in the direction of Italy”.

*


Malta and Italy refuse access to 64 people rescued by ‘Alan Kurdi’ ship

64 people rescued at sea by the NGO Sea-Eye’s ship ‘Alan Kurdi’ are looking for a safe port after rescue coordination centres in Rome, Valletta and Bremen refused access to the ship. 

The people were rescued after a distress call forwarded by the Watch The Med alarmphone to the Libyan coast guard and the ‘Alan Kurdi’. 

The people rescued included 12 women, one of whom is pregnant, and two children. Sea-Eye head of operations Jan Ribbeck said the captain of the ‘Alan Kurdi’ has repeatedly requested a port of safety. No one could be reached in Tripoli via phone.  ….

*


Ansa. 2019-04-06. Migranti: nave Alan Kurdi verso Malta, ong attacca Salvini

È diretta verso Malta, dove chiederà un porto sicuro, la Alan Kurdi, nave della ong tedesca Sea Eye cui l’Italia non ha concesso di approdare a Lampedusa. Lo fa sapere la stessa ong ribadendo che i bambini e le loro madri ieri non hanno accettato di sbarcare per non essere separati dai padri e attaccando il ministro Salvini che “non ha umiliato solo i naufraghi, ma sfrutta tutto e tutti per ottenere il massimo vantaggio possibile da questa situazione“.

Dietrofront, nave Ong diretta a Malta. Molto bene, in Italia non si passa. #portichiusi”. Così il ministro dell’Interno Matteo Salvini su facebook dopo che la nave della ong tedesca Sea Eye ha deciso di dirigersi verso Malta.