Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Europa. Sempre più frequenti violente dimostrazioni di piazza contro i liberal.

Giuseppe Sandro Mela.

2022-09-29.

2022-09-24__ Europa Piazze violente Praga 002

Nel completo silenzio omertoso dei media di regime, le piazze europee rigurgitano di folle che dimostrano contro l’inflazione, contro le sanzioni e contro i liberal socialisti al momento ancora al governo

Sono stati cacciati via ieri in Svezia, domani in Italia, dopodomani lo saranno dalla Spagna. E siamo solo agli inizi.

La copertina dello Stern è esplicita: “La postfascista Giorgia Meloni può vincere le elezioni in Italia. Questo avrebbe conseguenze estreme per noi”.

Ma non sono le destre che stanno vincendo. Gli Elettori voterebbero anche uno spaventapasseri pur di non votare i liberal socialisti, che hanno saputo con rara maestria farsi semplicemente odiare dalle masse degli Elettori.

Certo. Sono ancora potenti ed infiltrati in ogni ganglio degli stati. Ma le piazze inferocite potrebbero facilmente passare alle vie di fatto, come nella Francia di due secoli fa.

«Questo avrebbe conseguenze estreme per noi»

In questo hanno ragione.

2022-09-24__ Europa Piazze violente 001

I liberal socialisti rimpiangeranno la mano garbata e gentile della Armata Rossa. Come il Shin Bet si prese Eichmann, che fu processato, condannato ed impiccato, così sarà per i liberal socialisti.

Saranno stanati tutti, uno per uno, e trattati esattamente come loro trattarono.

Politici, giornalisti, magistrati rimpiangeranno a calde lacrime la confortevole prigionia russa vigilata dalla Armata Rossa nel 1945.

Sarà una pura e semplice opera di giustizia privarli di ogni diritto civile, togliere loro ogni prebenda, stipendio o pensione che sia, e mettere fuori legge la loro dottrina.

2022-09-24__ Europa Piazze violente Meloni 003

* * * * * * *


Dimostrazioni di piazza a Praga e poi anche in Germania e in Austria, inflazione e sanzioni nel mirino

La manifestazione del 3 settembre a Praga, che ha visto sfilare contro l’inflazione e le sanzioni anti-russe 70mila persone, ha ispirato le dimostrazioni che si sono tenute la scorsa settimana in Germania e in Austria.

La partecipazione è stata minore ma distribuita fra diverse città tedesche: erano in totale alcune migliaia ad essere scesi in piazza a Lipsia, a Colonia, a Magdeburgo e a Wittenberg, dove hanno sfilato anche gli agricoltori sui loro trattori.

Infine domenica scorsa si sono avute due dimostrazioni anche a Vienna, nella quale hanno marciato sia gli esponenti della destra identitaria sia il partito comunista austriaco.

Il leitmotiv di tutte le proteste è stata l’insoddisfazione e la rabbia contro i propri governi, accusati di non fare abbastanza o di fare le cose sbagliate anzitutto in materia sociale ed economia.

I cittadini di tutta Europa sono ormai pressati da un’inflazione altissima, dal costo di elettricità e alimentari che si accinge a diventare insostenibile per molte famiglie. Una delle ragioni della protesta mitteleuropea è anche di carattere geopolitico: i cittadini sono stanchi dell’appoggio incondizionato all’Ucraina e vorrebbe un ripensamento delle posizioni europee rispetto al conflitto, un secco “no” al coinvolgimento militare e l’annullamento delle sanzioni contro la Russia, e persino l’apertura del Nord Stream 2 (costruito proprio con il determinato contributo di Berlino).

La rabbia sociale, che da strisciante sta cominciando a diventare esplicita, spaventa alcuni politici che hanno messo in guardia dalle possibili conseguenze: il ministro della Giustizia della Repubblica Ceca Pavel Blažek ha parlato di una caduta del governo e persino di rivolte popolari, così come già alcune settimane fa aveva  detto la ministra degli Esteri Annalena Baerbock.

Il premier ceco Petr Fiala, invece, derubrica i 70mila di Praga a vittime della propaganda russa, cittadini disinformati che vanno contro gli interessi del loro Paese.

* * * * * * *


Germany braces for social unrest over energy prices

German officials have expressed fears that a worst-case winter of energy problems could prompt an extremist backlash. How bad things get may depend on how well they manage the crisis — in policy and perception.

State and federal lawmakers in Germany are exploring a sweeping set of measures to save energy, from turning off street lights to lowering building temperatures; and they are pleading with the public to cut consumption at home.

Whether those efforts spur a call to solidarity or a call to arms won’t become clear until the cold sets in and bills come due. Yet Chancellor Olaf Scholz is not in a wait-and-see mood, telling public broadcaster, ARD, last month that spiraling heating costs are a “powder keg for society.”

In explicitly naming the elephant in the room, the chancellor and his government are on the hook for nipping social unrest in the bud.

“In using this ‘powder keg’ narrative, the chancellor is trying to make way for key decisions,” Ricardo Kaufer, a political sociologist at the University of Greifswald, told DW. “So all actors who could potentially stand in the way of measures are cajoled into compromise.”

In other words, Scholz is signaling to his governing partners, political opposition, business leaders, and civil society that they bicker over policy responses at the country’s peril.

This is a “lesson learned” from the pandemic, Kaufer said, when lawmakers often seemed unprepared to contain it, despite scientific predictions on how and when the virus would spread. Their communication was more often reactive than proactive.

                         Measures and messaging

The Bundestag, the German parliament, has already passed legislation that hopes to insulate society’s most vulnerable from price shocks. At the same time, German utilities will be allowed to pass some of their increased costs onto consumers.

In crafting policy, officials are walking a fine line. They want to help secure household finances, especially for low-wage earners, but not so much that they undermine the incentive to save energy.

More relief may follow the summer recess, however agreement on what that looks like, how much it will cost, and how it will get paid for is likely weeks away, at least.

The smallest of the parties in the governing coalition, the neoliberal Free Democrats (FDP), control the finance ministry, which gives them significant power of the purse. Its minister, Christian Lindner, has made clear he intends to use that power sparingly, as he stands up for his party’s values of low tax, low spending, and low regulation.

The FDP’s bigger partners, Scholz’s center-left Social Democrats and the environmentalist Greens, are pushing for a more generous helping hand.

Even if the government gets the measures right, they could still get the messaging wrong, which political scientists say can be just as important in steering public sentiment. As the pandemic showed, money and resources are only half the battle; clear and consistent communication is the other half.

“Perceptions are decisive,” Evelyn Bytzek, a professor of political communication at the University of Koblenz-Landau, told DW. “Ultimately, we all act based more on what we perceive to be true than what is true.”

Symbolism is a powerful tool in maintaining public support, Bytzek said. She pointed to Gerhard Schröder’s visit to flood-stricken parts of eastern Germany in 2002, which gave him a boost in his reelection campaign for chancellor. He went onto win a few weeks later.

Scholz won last year’s election in part due to his Merkel-like passive leadership style. Now that could become a liability — and stoke unrest — if the public feels their ship of state is without a captain at the helm with an iceberg ahead.

“Crisis is not just a danger, but also an opportunity to generate more trust when crisis management is well perceived,” Bytzek said.

Scholz’s deputy, the Greens’ Robert Habeck, seems to understand that. As economy minister, Habeck has the lead on energy policy and has been forced to make hard choices that often contradict his own environmentalist credentials. Polls show he has won points for regularly explaining the rationale behind those decisions.

Though there are limits to what communication can do. Habeck was booed at townhall events last week. However, those protests were more anti-war than anti-democratic.

                         Evaluating the risk

The Federal Interior Ministry told DW that protests of similar magnitude to those against pandemic restrictions are foreseeable, depending on how much the cost and supply of energy burden society.

“We can assume that populists and extremists will again try to influence protests to their liking,” Britta Beylage-Haarmann, a ministry spokesperson, told DW in a statement. “Extremist actors and groups in Germany can lead to a growth in dangers if corresponding social crisis conditions allow for it.”

The Federal Police, which fall under the ministry, told DW they have “no insights” into specific threats arising from the crisis.

Perception also plays a role in how much unrest can shake a country. Querdenker and others who have taken to the streets to challenge state authority during the pandemic are loud, but they have never represented more than a small minority of public opinion. Still, they have received an outsized share of media and political attention.

Political sociologists like Greifswald University’s Kaufer say protest movements stand out more in a country like Germany, where consensus-based political culture and federal power-sharing dissuade the instrumentalization of social discontent than elsewhere in Europe. France, for example, has a reputation for confrontation.

Instability in Germany often has a negative connotation, he said, linked to events like bloody street battles amid hyperinflation in Weimar-era Germany, which gave rise to the Nazis.

“There has been a failure of discourse among progressive forces to recognize positive examples in German history,” Kaufer added. “There is a fear of protest, that people will take action without the legitimacy of processes like voting.”

He cited East German street protests in 1953 and the peaceful revolution of 1989, and the West German anti-nuclear movement in the 1970s and 80s, as examples that deserve a stronger anchor in Germany’s collective memory.

                         Inequality means instability

Longer-term risks to social cohesion, however, don’t end with the coming of spring.

Germany was once one of Europe’s most egalitarian countries, in which class and social status had less influence in determining one’s success in life. That is changing, as Germany follows a general trend towards growing income inequality.

“We’re seeing that social mobility can no longer address social inequality,” Susanne Pickel, a comparative politics professor at the University of Duisberg-Essen, told DW.

Inflation and energy prices will disproportionately impact the country’s most vulnerable, according to economic models, as low earners have less disposable income to absorb increased costs. That also makes them more susceptible to anti-government rhetoric than other income groups.

“Pandemic, war, and inflation endanger the lower middle class. If we can’t manage to stabilize them, then their fears of being permanently pushed down grow,” Pickel said, “then we may see more people take to the streets in Germany. And even more virulent, agreement with the [far-right populist] AfD and the appearance of solutions from far-right populists can change voting behavior.”

* * * * * * *


Proteste in Europa contro il caro energia e le sanzioni anti-russe: l’autunno caldo è già iniziato

Con l’imponente manifestazione di Praga di sabato 3 settembre è cominciato l’autunno caldo dell’Europa, che promette di trasformarsi presto in un inverno freddissimo se a Bruxelles non sapranno trovare soluzioni reali al problema energetico. Il risentimento verso un governo incapace di controllare l’inflazione galoppante e i costi insostenibili dell’elettricità ha incluso anche le proteste contro le sanzioni anti-russe e l’atteggiamento militarista occidentale. E la rabbia è scoppiata proprio nel Paese che in questo momento regge il Consiglio UE: la Repubblica Ceca, che sta svolgendo il suo turno di presidenza nel secondo semestre del 2022. I praghesi sono scesi in strada in 70mila per esprimere la contrarietà alle scelte del governo in materia politica interna, estera ed economica. Uniti dallo slogan Prima la Repubblica Ceca, hanno manifestato insieme i cittadini di diverse appartenenze politiche, dai comunisti ai simpatizzanti della destra: tutti in strada per protestare contro i prezzi dell’energia saliti alle stelle, l’inflazione che divora gli stipendi, le misure sui vaccini e sull’immigrazione. Nella piazza vi erano anche cartelli e striscioni contro l’Unione Europea e contro la NATO. Sul conflitto ucraino chiedono non solo di rimanere militarmente neutrali e di ritirare le sanzioni adottate contro la Russia, ma anzi di tornare a contrattare con Mosca le forniture energetiche. E sulla prospettiva di un gelido inverno a riscaldamento basso, uno degli striscioni innalzati recitava: Agli ucraini va il meglio e a noi due maglioni. Secondo i dimostranti, infatti, il governo ceco starebbe dando più attenzione e più risorse all’Ucraina che non alla stessa Repubblica Ceca. I manifestanti hanno altresì chiesto le dimissioni del primo ministro Petr Fiala, in carica da dicembre 2021. La sua coalizione – composta da cinque partiti – era riuscita ai primi di settembre a vincere il voto di fiducia in Parlamento, mosso dall’opposizione che accusava il governo di non essere capace di gestire la crisi energetica e il pesante tasso di inflazione, che con il 18% è fra i più alti della UE. Il governo Fiala forse è dell’Ucraina, forse è di Bruxelles, ma di sicuro non è della Repubblica Ceca, denuncia Zuzana Majerová Zahradníková del partito Trikolóra, fondato da un ex deputato appartenente proprio all’ODS, il partito di Fiala. Praga ha un popolazione di quasi 1 milione e 300mila persone, ed è quindi sceso in strada più del 5% degli abitanti: esponenti della maggioranza hanno preso sul serio queste proteste e hanno messo in guardia dalle terribili conseguenze sociali. Il ministro della Giustizia Pavel Blažek ha persino parlato di possibili rivolte oltre che della caduta del governo: Se la crisi energetica non verrà risolta, il sistema politico del Paese è a rischio. Il premier Fiala, invece, ha sminuito la piazza, descrivendola come un effetto della disinformazione e della propaganda del Cremlino: secondo lui, quei cittadini sono vicini a posizioni estreme e contrarie agli interessi del Paese. Gli organizzatori della manfestazione hanno promesso di ripetere l’esperienza il 28 settembre, giorno della festa nazionale del Den české státnosti, se il governo non si scioglierà prima di quella data.

Dopo qualche giorno si sono avute dimostrazioni anche in Germania, derubricate dal mainstream a eventi folkloristici o pericolosi ispirati dall’estrema destra o dall’estrema sinistra. L’agenzia di stampa Reuters mette l’accento sul fatto che molti dei dimostranti fossero di origine russa: a Colonia, comunque, ce n’erano 2mila a marciare per chiedere al governo tedesco di annullare le sanzioni contro Mosca e di smetterla di supportare l’Ucraina. Vi sono circa 3 milioni di cittadini tedeschi di etnia russa, e sarebbe stata la loro diaspora a organizzare la protesta. Secondo Reuters costoro sarebbero particolarmente soggetti alla narrativa filo-russa e per questo motivo gridano volentieri contro la NATO e contro l’azione tedesca a favore di Kiev. Le ragioni della protesta, però, coincidono con quelle dei cechi e sono in questo momento le preoccupazioni dei lavoratori europei: come riportato dalla stessa Reuters, fra i manifestanti vi era ad esempio un panettiere che denunciava con disperazione il fatto che avrebbe dovuto presto chiudere l’attività a causa dei costi energetici troppo alti e chiedeva quindi al governo di far aprire il gasdotto Nord Stream 2, costruito dai tedeschi insieme a Gazprom. A Lipsia hanno manifestato insieme gli esponenti del partito di sinistra Die Linke, con lo slogan “Un autunno caldo contro il freddo sociale”, e quelli di destra di Freie Sachsen, il cui pensiero viene sintetizzato così dal loro editore Jürgen Elsässer: Se il governo vuole lasciare la gente al freddo per colpa della loro maledetta guerra contro la Russia, allora quelli al governo dovranno prepararsi a un autunno caldo. Tutti chiedono l’apertura del Nord Stream 2, che eviterebbe le “sollevazioni popolari” contro cui già nel mese di luglio aveva avvertito la ministra degli Esteri Annalena Baerbock. Si sono avute marce di protesta pure in Sassonia-Anhalt, sia nella capitale Magdeburgo che in altre città come Halle, Bitterfeld, Weissenfels e Wittenberg, in cui gli agricoltori hanno sfilato sui trattori.

Sabato scorso è toccato all’Austria. A Vienna centinaia, forse migliaia, di cittadini sono stati portati in strada sia dalla destra che dalla sinistra, proprio come in Germania e in Repubblica Ceca. L’evento è stato ignorato dalla stampa mainstream e al momento in cui scriviamo di fatto è possibile trovarne traccia solo sui media locali o sui video caricati su Youtube dai partecipanti.

Si trattava in realtà di due manifestazioni, che avevano due temi correlati tra loro dall’opposizione alla politica del governo. Da una parte c’erano i sostenitori del movimento identitario e sovranista Identitäre Bewegung Österreich, che hanno organizzato una “processione funebre” per commemorare le vittime della vaccinazione,  obbligatoria in Austria fino allo scorso marzo. Dall’altra c’era il Partito Comunista austriaco (KPÖ), che ha manifestato contro l’inflazione e il costo dell’energia. Per il 17 settembre è prevista nella città di Eisenstadt un’analoga manifestazione, organizzata dalla federazione sindacale (ÖGB) del Burgenland. La protesta sarà indirizzata contro il carovita e le misure anti-inflazione messe in campo dal governo, considerate insufficienti dai sindacati.

* * * * * * *


Meloni in copertina su Stern, ‘la donna più pericolosa d’Europa’.

La copertina del nuovo numero del settimanale tedesco Stern è dedicata a Giorgia Meloni, definita ‘La donna più pericolosa d’Europa’.

Nel sottotitolo della prima è scritto ‘La postfascista Giorgia Meloni può vincere le elezioni in Italia con l’aiuto degli amici di Putin – Questo avrebbe conseguenze estreme per noi’.

    Il reportage su Meloni a pagina 22 del settimanale di orientamento progressista, in uscita domani in edicola, apre con una foto sorridente della leader di FdI ma un ulteriore duro titolo ‘Veleno biondo – Si presenta come cristiana, moderna e innocua. Allo stesso tempo Giorgia Meloni vuole trasformare l’Italia in uno stato autoritario, se vincerà le elezioni’.

    L’articolo, scritto da Luisa Brandl e Andrea Ritter, parla di una leader che affronta temi sociali e si presenta con efficacia sui palchi in Italia, raccogliendo ampi consensi, ma Meloni avrebbe ultimamente omesso i suoi temi caratteristici come il “blocco marittimo contro i rifugiati”, “l’Europa delle patrie che vuole promuovere con il suo grande modello di riferimento Orbán” e “le tirate contro la lobby LGBT”. Nell’articolo viene aggiunto che “Meloni dice di essere cristiana, ma questo non significa necessariamente che le piaccia andare in chiesa.

    Sostiene gruppi ultraconservatori che, in nome di Dio, si mobilitano contro il diritto all’aborto e le famiglie ‘non naturali'”. Sulla Russia, scrive Stern, “sia Berlusconi che Salvini curano legami con il Cremlino. Attraverso di loro, Putin avrebbe per la prima volta alleati nel governo di un Paese dell’Europa occidentale e con il loro aiuto potrebbe destabilizzare l’Unione”.

    Stern scrive anche che “nel 2020 Meloni ha diffuso false notizie sul coronavirus e ha twittato che l’Ue beneficerebbe dalla pandemia, senza spiegare esattamente come”. Sul piano della politica estera, secondo l’articolo, “molto lascia intendere che Meloni avrà un approccio pragmatico a livello europeo, per garantire che Bruxelles continui a inviare denaro a Roma”, ma i problemi per l’Ue e l’euro sarebbero in agguato e “la paura per l’Italia ‘bambino speciale’ è tornata”, anche a causa dei piani di Matteo Salvini.

    Nel reportage di Stern parla anche il deputato FdI Fabio Rampelli, che spiega: “Sapevo che se avessimo portato avanti questa donna (Meloni), sarebbe stato chiaro che la destra italiana non ha più nulla a che fare con il fascismo degli anni ’20”. Rampelli, tra le altre cose, difende anche Meloni rispetto al video in cui, da giovane, parlava di Mussolini, dicendo che “è una campagna mediatica. Nessuno conosce il contesto” di quelle parole.