Pubblicato in: Armamenti, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Unione Europea. Ukraina. Il 35% vuole la pace subito, il 25% invece che il conflitto continui.

Giuseppe Sandro Mela.

2022-06-20.

Unione Europea 999

Nei primi 100 giorni di guerra della Russia contro l’Ucraina, l’opinione pubblica europea ha contribuito a consolidare la risposta politica dell’Europa. Ma un nuovo sondaggio rivela che le divergenze nelle preferenze dei cittadini potrebbero indebolire questa unità.

La ricerca dell’ECFR mostra che, sebbene gli europei provino grande solidarietà nei confronti dell’Ucraina e sostengano le sanzioni contro la Russia, sono divisi sugli obiettivi a lungo termine. Si dividono tra un campo “Pace” (35% delle persone) che vuole che la guerra finisca il prima possibile, e un campo “Giustizia” che ritiene che l’obiettivo più urgente sia punire la Russia (25% delle persone).

In tutti i Paesi, ad eccezione della Polonia, il campo della “Pace” è più numeroso di quello della “Giustizia”. I cittadini europei si preoccupano del costo delle sanzioni economiche e della minaccia di un’escalation nucleare.

Il 35% dei Cittadini europei vuole che si concluda una pace nel conflitto russo-ucraino, mentre il 25% vuole che il conflitto prosegua.

L’unità dell’Occidente sull’Ucraina potrebbe cominciare a venir meno, proprio mentre l’invasione russa guadagna terreno.

Un sondaggio condotto in tutta Europa ha rivelato che la maggioranza delle persone vuole che la guerra finisca il prima possibile, anche se ciò significa perdite territoriali per l’Ucraina.

L’opinione pubblica europea, e non solo, è sempre più preoccupata per l’aumento del costo della vita.

Gli Stati Uniti, il Regno Unito e l’Europa orientale sembrano fermi nella loro posizione: la Russia non deve avere successo o “vincere” in Ucraina.

Ciononostante, sembra esserci una fazione in Europa – in particolare Francia, Italia e Germania – che spera in un accordo di pace al più presto.

A quattro mesi dall’inizio del conflitto, tuttavia, i leader occidentali sono sempre più sotto pressione da parte dei loro elettori, poiché le conseguenze del conflitto – essenzialmente l’impennata dei costi di cibo ed energia a causa delle interruzioni della catena di approvvigionamento e delle sanzioni alla Russia – hanno colpito duramente i consumatori.

I funzionari dell’Europa continentale e di molte nazioni in via di sviluppo, invece, sembrano più inclini a chiedere un compromesso che fornisca a Putin un “ponte d’oro” su cui ritirarsi.

Lo studio del think tank European Council on Foreign Relations ha rilevato un crescente livello di preoccupazione tra l’opinione pubblica per i costi delle sanzioni economiche e per la minaccia di un’escalation nucleare.

Molti in Europa vogliono che la guerra finisca il prima possibile.

Ricordiamo come Stati Uniti ed Unione Europea si sentano investiti del diritto di muovere guerra alla Russia, azione non condivisa ed avversata da parte di tutto il mondo libero civile, dalla Cina alla India, che assomma oltre la metà della popolazione mondiale e del pil ppa.

* * * * * * *

In calce riportiamo una traduzione in lingua italiana.

* * * * * * *

European Council of Foreign Relations. Peace versus Justice: The coming European split over the war in Ukraine

«Summary

– In the first 100 days of Russia’s war on Ukraine, European public opinion helped to solidify Europe’s political response. But a new poll reveals that diverging public preferences could weaken this unity.

– ECFR’s research shows that, while Europeans feel great solidarity with Ukraine and support sanctions against Russia, they are split about the long-term goals. They divide between a “Peace” camp (35 per cent of people) that wants the war to end as soon as possible, and a “Justice” camp that believes the more pressing goal is to punish Russia (25 per cent of people).

– In all countries, apart from Poland, the “Peace” camp is larger than the “Justice” camp. European citizens worry about the cost of economic sanctions and the threat of nuclear escalation. Unless something dramatically changes, they will oppose a long and protracted war. Only in Poland, Germany, Sweden, and Finland is there substantial public support for boosting military spending.

– Governments will need to find a new language to bridge the gap between these emerging camps, in order to strengthen European unity and avoid polarisation between and within countries. The key will be to present arms deliveries and sanctions as part of a defensive war.»

* * * * * * *

Il 35% dei Cittadini europei vuole che si concluda una pace nel conflitto russo-ukraino, mentre il 25% vuole che il conflitto prosegua.

* * * * * * *

«The West’s unity over Ukraine could be starting to wane, just as Russia’s invasion gains ground»

«Western unity over the war in Ukraine is becoming more vulnerable as the war drags on»

«One poll across Europe found a majority of people want an end to the war as soon as possible, even if it means territorial losses for Ukraine»

«There is an increasing level of concern among the public in Europe, and beyond, about rising living costs»

«There are increasing signs that Western unity over the war in Ukraine could be starting to crack, as the conflict drags on and leaders face public discontent over rampant inflation and the cost of living crisis»

«The U.S., U.K. and eastern Europe appear staunch in their position that Russia must not be able to succeed or “win” in Ukrain»

«Nonetheless, there appears to be a faction within Europe — namely France, Italy and Germany — that are hoping for a peace deal sooner rather than later»

«In the meantime, Ukraine continues to plead for more weapons from its Western allies»

«For Kyiv, the weapons can’t arrive quickly enough»

«how much Biden is prepared to spend on Ukraine, given the inflation crisis and economic pressures the U.S. is facing at home»

«When Russia’s invasion started on Feb. 24, the West’s unified opposition to the war, and robust response in imposing a raft of tough sanctions imposed on it, was striking»

«Four months into the conflict, however, and Western leaders are increasingly coming under pressure from their electorates as the fallout from the conflict — essentially, soaring food and energy costs as a result of supply chain disruptions and sanctions on Russia — hit consumers hard»

«What is the price you are willing to pay?»

«officials from continental Europe and many developing nations, on the other hand, appear more inclined to call for a compromise that will provide Putin with a ‘golden bridge’ to retreat across»

«The study by the European Council on Foreign Relations think tank found an increasing level of concern among the public over the costs of economic sanctions and the threat of nuclear escalation, in particular»

«Some 35% of those questioned wanted to see an end to the conflict even if it meant Ukraine conceding territory to Russia»

«22% said they were more interested in seeing Russia punished»

«Many in Europe want the war to end as soon as possible»

«Unless something dramatically changes, Europeans will oppose a long and protracted war. Only in Poland, Germany, Sweden, and Finland is there substantial public support for boosting military spending»

* * * * * * *


The West’s unity over Ukraine could be starting to wane, just as Russia’s invasion gains ground

– Western unity over the war in Ukraine is becoming more vulnerable as the war drags on.

– One poll across Europe found a majority of people want an end to the war as soon as possible, even if it means territorial losses for Ukraine. 

– There is an increasing level of concern among the public in Europe, and beyond, about rising living costs.

* * * * * * *

London — There are increasing signs that Western unity over the war in Ukraine could be starting to crack, as the conflict drags on and leaders face public discontent over rampant inflation and the cost of living crisis.

There are widespread concerns over how long the war could continue, with some strategists saying it has all the hallmarks of a war of attrition where no side “wins” and the losses and damage inflicted by both sides, over a protracted and prolonged period, are immense.

The U.S., U.K. and eastern Europe appear staunch in their position that Russia must not be able to succeed or “win” in Ukraine by carving out (or re-claiming, as Moscow sees it) swathes of territory for itself, saying that could have major global geopolitical repercussions.

They have also been clear that it is Ukraine that must decide if, and when, it wants to negotiate with Russia over a peace deal. For its part, Kyiv has said it is willing to conduct talks but that it has red lines, chiefly, that it is not willing to concede any territory to Russia.

Nonetheless, there appears to be a faction within Europe — namely France, Italy and Germany — that are hoping for a peace deal sooner rather than later.

On Wednesday, French President Emmanuel Macron said the Ukrainian President Volodymyr Zelenskyy and his officials will have to negotiate with Russia “at some point.”

Macron and his German and Italian counterparts (who are all in Kyiv Thursday) have all called for a cease-fire and for a negotiated end to the war, urging Russian President Vladimir Putin to hold peace talks with Zelenskyy, to no avail.

In the meantime, Ukraine continues to plead for more weapons from its Western allies, with NATO officials meeting this week in Brussels to discuss Kyiv’s urgent need for more arms.

It comes as Russia makes gains in eastern Ukraine largely as a result of its relentless artillery bombardment of the Donbas. Russian forces are making slow but steady progress in seizing more parts of the Luhansk and Donetsk regions where two pro-Russian separatist “republics” are located, which Moscow is intent on, as it says, “liberating” from Ukraine.

The West continues to help Ukraine; U.S. President Joe Biden said Wednesday that his administration will send $1 billion more in weapons to Kyiv, as well as another $225 million in humanitarian aid. For Kyiv, the weapons can’t arrive quickly enough.

But questions are now being asked over how long its military assistance can last, particularly if the conflict continues for years.

Pentagon spokesman John Kirby was asked on CNN how much Biden is prepared to spend on Ukraine, given the inflation crisis and economic pressures the U.S. is facing at home. Data released last Friday showed the U.S. consumer price index rose 8.6% in May from a year ago, the highest increase since December 1981, with similarly elevated levels in Europe (the rate hit a 40-year high of 9% in the U.K. in April).

Saying Ukraine was “a key priority” for the president, Kirby said the U.S. will “do as much as we can for as long as we can,” reiterating that the latest promise of weapons was just one small part of the larger $40 billion in aid approved by Congress.

“This is the first tranche announced inside that $40 billion total package. So we still have quite a way to go here … How long can all that last? How long will the war last? Nobody can be sure,” Kirby said. 

“We know and predicted that the fight in the Donbas was going to be a slog, that it was going to probably stretch this war out many months. And it seems as if that’s bearing fruit now.”

                         Western leaders under pressure

When Russia’s invasion started on Feb. 24, the West’s unified opposition to the war, and robust response in imposing a raft of tough sanctions imposed on it, was striking.

Four months into the conflict, however, and Western leaders are increasingly coming under pressure from their electorates as the fallout from the conflict — essentially, soaring food and energy costs as a result of supply chain disruptions and sanctions on Russia — hit consumers hard.

Summing up the dilemma facing officials, Helima Croft, head of global commodity strategy and MENA research at RBC Capital Markets, said: ”‘What is the price you are willing to pay?’ has seemingly emerged as the central question of the summer, as Western leaders seek to balance their desire to support the Ukrainian resistance with their urgent imperative to tame inflation and stave off recessions.”

There appears to be a geographic dimension to this divide, Croft noted in her note Wednesday. “U.S., U.K. and eastern European leaders seem to be the staunchest defenders of the principle that Ukrainians will determine what constitutes a just peace and have expressed strong commitments to defending Ukraine’s territorial integrity.”

However, she said, “officials from continental Europe and many developing nations, on the other hand, appear more inclined to call for a compromise that will provide Putin with a ‘golden bridge’ to retreat across.”

Croft said she had recently attended meetings and policy forums where “there was an appreciable divide” between those officials calling for more fulsome military assistance for Ukraine, and “those suggesting that it is time for Ukraine to consider making concessions at the negotiating table, citing the ruinous impact of rising commodity prices.”

                         Europeans divided

A pan-European poll released Wednesday also indicated that Europeans’ sense of unity over the war in Ukraine could be starting to wane.

The study by the European Council on Foreign Relations think tank found an increasing level of concern among the public over the costs of economic sanctions and the threat of nuclear escalation, in particular. It was based on polling of over 8,000 people between April 28 and May 11 across nine EU countries.

Some 35% of those questioned wanted to see an end to the conflict even if it meant Ukraine conceding territory to Russia, whereas 22% said they were more interested in seeing Russia punished for its aggression, even if it meant prolonging the war.

In addition, a growing number of people said they were worried that their governments were prioritizing the war ahead of other issues, such as the cost-of-living crisis.

“Many in Europe want the war to end as soon as possible — even if it means territorial losses for Ukraine – and believe that the EU, rather than the U.S. or China, will be ‘worse off’ as a result of this conflict,” the report on the poll’s findings, co-authored Mark Leonard and Ivan Krastev, said.

“Unless something dramatically changes, Europeans will oppose a long and protracted war. Only in Poland, Germany, Sweden, and Finland is there substantial public support for boosting military spending.”

* * * * * * *


L’unità dell’Occidente sull’Ucraina potrebbe cominciare a venir meno, proprio mentre l’invasione russa guadagna terreno

– L’unità dell’Occidente sulla guerra in Ucraina sta diventando più vulnerabile man mano che la guerra si trascina.

– Secondo un sondaggio condotto in tutta Europa, la maggioranza delle persone vuole che la guerra finisca il prima possibile, anche se ciò dovesse comportare perdite territoriali per l’Ucraina.

– L’opinione pubblica europea, e non solo, è sempre più preoccupata per l’aumento del costo della vita.

* * * * * * *

Londra – Ci sono segnali sempre più evidenti che l’unità dell’Occidente sulla guerra in Ucraina potrebbe iniziare a incrinarsi, mentre il conflitto si trascina e i leader affrontano il malcontento dell’opinione pubblica per l’inflazione dilagante e la crisi del costo della vita.

Alcuni strateghi affermano che la guerra ha tutte le caratteristiche di una guerra di logoramento in cui nessuna parte “vince” e le perdite e i danni inflitti da entrambe le parti, per un periodo prolungato, sono immensi.

Gli Stati Uniti, il Regno Unito e l’Europa orientale sembrano fermi nella loro posizione secondo cui la Russia non deve essere in grado di avere successo o “vincere” in Ucraina ritagliandosi (o riconquistando, come ritiene Mosca) ampie porzioni di territorio per sé, affermando che ciò potrebbe avere importanti ripercussioni geopolitiche globali.

Sono stati anche chiari sul fatto che è l’Ucraina a dover decidere se e quando negoziare con la Russia per un accordo di pace. Da parte sua, Kiev ha dichiarato di essere disposta a condurre colloqui, ma di avere delle linee rosse, in particolare di non essere disposta a concedere alcun territorio alla Russia.

Ciononostante, sembra esserci una fazione in Europa – in particolare Francia, Italia e Germania – che spera in un accordo di pace al più presto.

Mercoledì il Presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato che il Presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy e i suoi funzionari dovranno negoziare con la Russia “a un certo punto”.

Macron e i suoi omologhi tedesco e italiano (che giovedì saranno tutti a Kiev) hanno chiesto un cessate il fuoco e una fine negoziata della guerra, esortando il presidente russo Vladimir Putin a tenere colloqui di pace con Zelenskyy, senza alcun risultato.

Nel frattempo, l’Ucraina continua a chiedere più armi ai suoi alleati occidentali, con i funzionari della NATO che si riuniscono questa settimana a Bruxelles per discutere l’urgente necessità di Kyiv di ulteriori armi.

Questo avviene mentre la Russia sta guadagnando terreno nell’Ucraina orientale, soprattutto grazie all’incessante bombardamento d’artiglieria del Donbas. Le forze russe stanno facendo progressi lenti ma costanti nel conquistare altre parti delle regioni di Luhansk e Donetsk, dove si trovano due “repubbliche” separatiste filorusse che Mosca intende, come dice, “liberare” dall’Ucraina.

L’Occidente continua ad aiutare l’Ucraina; il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato mercoledì che la sua amministrazione invierà a Kiev un altro miliardo di dollari in armi, oltre ad altri 225 milioni di dollari in aiuti umanitari. Per Kyiv, le armi non arriveranno mai abbastanza velocemente.

Ma ora ci si chiede quanto possa durare l’assistenza militare, soprattutto se il conflitto dovesse protrarsi per anni.

Il portavoce del Pentagono John Kirby ha chiesto alla CNN quanto Biden sia disposto a spendere per l’Ucraina, vista la crisi dell’inflazione e le pressioni economiche che gli Stati Uniti stanno affrontando in patria. I dati pubblicati venerdì scorso hanno mostrato che l’indice dei prezzi al consumo degli Stati Uniti è aumentato dell’8,6% a maggio rispetto a un anno fa, l’incremento più alto dal dicembre 1981, con livelli altrettanto elevati in Europa (il tasso ha raggiunto un massimo di 40 anni del 9% nel Regno Unito ad aprile).

Dicendo che l’Ucraina è “una priorità fondamentale” per il presidente, Kirby ha affermato che gli Stati Uniti “faranno tutto ciò che possiamo per tutto il tempo che possiamo”, ribadendo che l’ultima promessa di armi è solo una piccola parte dei 40 miliardi di dollari di aiuti approvati dal Congresso.

“Questa è la prima tranche annunciata all’interno del pacchetto totale di 40 miliardi di dollari. Quindi abbiamo ancora un bel po’ di strada da fare… Quanto può durare tutto questo? Quanto durerà la guerra? Nessuno può esserne certo”, ha detto Kirby.

“Sappiamo e avevamo previsto che la lotta nel Donbas sarebbe stata una faticaccia, che probabilmente avrebbe allungato questa guerra di molti mesi. E sembra che ora questo stia dando i suoi frutti”.

                         I leader occidentali sotto pressione

Quando il 24 febbraio è iniziata l’invasione da parte della Russia, ha colpito l’opposizione unificata dell’Occidente alla guerra e la sua risposta decisa nell’imporre una serie di dure sanzioni.

A quattro mesi dall’inizio del conflitto, tuttavia, i leader occidentali sono sempre più sotto pressione da parte dei loro elettori, poiché le conseguenze del conflitto – essenzialmente l’impennata dei costi di cibo ed energia a causa delle interruzioni della catena di approvvigionamento e delle sanzioni alla Russia – hanno colpito duramente i consumatori.

Riassumendo il dilemma che i funzionari si trovano ad affrontare, Helima Croft, responsabile della strategia globale sulle materie prime e della ricerca MENA presso RBC Capital Markets, ha dichiarato: “Qual è il prezzo che siete disposti a pagare?” sembra essere emersa come la domanda centrale dell’estate, mentre i leader occidentali cercano di bilanciare il loro desiderio di sostenere la resistenza ucraina con l’imperativo urgente di domare l’inflazione e scongiurare la recessione”.

 

Sembra esserci una dimensione geografica in questo divario, ha osservato Croft nella sua nota di mercoledì. “I leader degli Stati Uniti, del Regno Unito e dell’Europa orientale sembrano essere i più strenui difensori del principio che saranno gli ucraini a determinare ciò che costituisce una pace giusta e hanno espresso un forte impegno a difendere l’integrità territoriale dell’Ucraina”.

Tuttavia, ha aggiunto, “i funzionari dell’Europa continentale e di molte nazioni in via di sviluppo, invece, sembrano più inclini a chiedere un compromesso che fornisca a Putin un ‘ponte d’oro’ su cui ritirarsi”.

Croft ha detto di aver partecipato di recente a riunioni e forum politici in cui “c’era un’apprezzabile divisione” tra i funzionari che chiedevano un’assistenza militare più completa per l’Ucraina e “quelli che suggerivano che è tempo per l’Ucraina di considerare di fare concessioni al tavolo dei negoziati, citando l’impatto rovinoso dell’aumento dei prezzi delle materie prime”.

                         Europei divisi

Un sondaggio paneuropeo pubblicato mercoledì ha anche indicato che il senso di unità degli europei sulla guerra in Ucraina potrebbe iniziare a scemare.

Lo studio del think tank European Council on Foreign Relations ha rilevato un crescente livello di preoccupazione tra l’opinione pubblica per i costi delle sanzioni economiche e per la minaccia di un’escalation nucleare, in particolare. Lo studio si basa su un sondaggio condotto su oltre 8.000 persone tra il 28 aprile e l’11 maggio in nove Paesi dell’UE.

Circa il 35% degli intervistati desiderava la fine del conflitto, anche se ciò avrebbe comportato la cessione di territori alla Russia da parte dell’Ucraina, mentre il 22% si è detto più interessato a vedere la Russia punita per la sua aggressione, anche se ciò significava prolungare la guerra.

Inoltre, un numero crescente di persone ha dichiarato di essere preoccupato che i propri governi diano priorità alla guerra rispetto ad altre questioni, come la crisi del costo della vita.

Molti in Europa vogliono che la guerra finisca il prima possibile – anche se questo significa perdite territoriali per l’Ucraina – e credono che l’UE, piuttosto che gli Stati Uniti o la Cina, sarà “peggiore” come risultato di questo conflitto”, si legge nella relazione sui risultati del sondaggio, di cui sono coautori Mark Leonard e Ivan Krastev.

“A meno che qualcosa non cambi radicalmente, gli europei si opporranno a una guerra lunga e prolungata. Solo in Polonia, Germania, Svezia e Finlandia l’opinione pubblica è sostanzialmente favorevole a un aumento delle spese militari”.