Pubblicato in: Armamenti, Stati Uniti

America. Ha quasi finito le scorte di missili Javelins e Raytheon.

Giuseppe Sandro Mela.

2022-06-19.

2022-06-15__ Javelin 001

Il Pentagono ha un problema di catena di approvvigionamento.

Se vuole sostenere l’Ucraina e vincere le guerre future, l’esercito americano deve ripensare il modo in cui acquista le armi essenziali.

Dall’inizio della battaglia in Ucraina, nessuna arma è stata più semplice contro le forze russe del missile anticarro Javelin.

Attingendo a una dotazione di circa 7.000 Javelin di fabbricazione statunitense, i combattenti ucraini hanno distrutto almeno 400 carri armati russi e molte altri mezzi corazzati.

C’è solo un problema: le scorte statunitensi sono ormai esaurite.

La battaglia ha già consumato un terzo delle scorte di Javelin dell’esercito americano.

La battaglia ha inoltre consumato un quarto delle scorte statunitensi di missili antiaerei a spalla Stinger; Raytheon.

Ma il problema è più profondo delle interruzioni di fornitura a breve termine.

E l’erosione della base industriale dell’esercito ha reso più difficile per il Pentagono accelerare la produzione

La debolezza della catena di fornitura del Pentagono minaccia non solo l’assistenza all’Ucraina, ma anche la capacità dell’America di rispondere a crisi future.

Risolvere le carenze di oggetti specializzati – come i sensori alimentati da chip che aiutano le armi a guida di precisione a individuare i loro obiettivi – richiederà più tempo.

* * * * * * *

In Accademia ci insegnarono come le riserve di materiali e uomini non siano mai sufficienti. Che vada bene, alla fine ne sarebbero servite cinque volte tanto le quote programmate.

Sia i Javelins sia i Raytheon usano dei complessi sistemi elettronici di guida ed identificazione dei bersagli.

Ma il Pentagono ha sottovalutato sia le scorte dei materiali elettronici sia la capacità produttiva della industria militare.

Adesso i nodi stanno venendo al pettine.

Nota.

Usando 7,000 Javelin le forze ukraine affermano di aver distrutto 400 carri armati russi. La resa sul campo di battaglia di questo sistema di arma è quindi del 5.71%.

* * * * * * *

In calce riportiamo una traduzione in lingua italiana.

* * * * * * *

«If it wants to support Ukraine and win future wars, the US military needs to rethink how it acquires essential weapons»

«Since the beginning of the battle in Ukraine, no weapon has been simpler towards Russian forces than the Javelin anti-tank missile»

«Drawing on a provide of roughly 7,000 US-made Javelins, Ukraine’s fighters have destroyed at the least 400 Russian tanks and lots of extra armored automobiles»

«There’s only one problem: The US stockpile is now operating out»

«The battle has already consumed as a lot as one-third of the US military’s stock of Javelins»

«The battle has additionally consumed one-quarter of the US stock of Stinger shoulder-fired anti-aircraft missiles; Raytheon»

«But the problem goes deeper than short-term provide disruptions»

«And the erosion of the army’s industrial base has made it more durable for the Pentagon to speed up manufacturing»

«The weak spot of the Pentagon’s provide chain threatens not solely assist to Ukraine but additionally America’s potential to reply to future crises»

«Fixing shortages of specialised objects — just like the chip-powered sensors that assist precision-guided weapons discover their targets — will take longer»

* * * * * * *


The Pentagon Has a Supply-Chain Problem

If it wants to support Ukraine and win future wars, the US military needs to rethink how it acquires essential weapons.

Since the beginning of the battle in Ukraine, no weapon has been simpler towards Russian forces than the Javelin anti-tank missile. Drawing on a provide of roughly 7,000 US-made Javelins, Ukraine’s fighters have destroyed at the least 400 Russian tanks and lots of extra armored automobiles. The weapon’s efficiency has helped foil President Vladimir Putin’s plans to overrun the nation. There’s only one problem: The US stockpile is now operating out.

The battle has already consumed as a lot as one-third of the US military’s stock of Javelins. Within months, the Pentagon might be unable to ship new ones with out emptying out its personal provide. The battle has additionally consumed one-quarter of the US stock of Stinger shoulder-fired anti-aircraft missiles; Raytheon, which makes the Stinger, says it may take as much as a yr to restart manufacturing. (The Army has issued a $625 million contract to Raytheon to take action.) At the present utilization fee, provides could possibly be almost exhausted by subsequent yr.

A $40 billion spending package deal handed by Congress final month goals to replenish these stockpiles. But the problem goes deeper than short-term provide disruptions. Military planners and protection contractors have lengthy prioritized spending on big-ticket “platforms,” corresponding to plane carriers and fighter jets, over making weapons themselves. Pandemic-related disruptions within the supply chain for microchips have made the problem worse. And the erosion of the army’s industrial base has made it more durable for the Pentagon to speed up manufacturing. Defense-industry focus, cumbersome contracting guidelines, and a scarcity of expert staff have slashed the variety of corporations within the enterprise. A 2020 Pentagon report discovered that in an alarming variety of circumstances, the army depends on a single, “often fragile” provider to make crucial elements.

The weak spot of the Pentagon’s provide chain threatens not solely assist to Ukraine but additionally America’s potential to reply to future crises — together with a potential battle over Taiwan, whose army depends upon US-made {hardware}. To tackle the present pressure, President Joe Biden ought to take into account invoking the Defense Production Act, which requires producers to prioritize delivering items for defense-related wants over orders from different industries. Although typically misused for political functions, the authority may on this case assist to ease manufacturing bottlenecks for army automobiles and heavy weaponry.

Fixing shortages of specialised objects — just like the chip-powered sensors that assist precision-guided weapons discover their targets — will take longer. In the meantime, the US ought to encourage NATO allies to offer their very own anti-tank and anti-air techniques to Ukraine and increase shipments of newer, low-cost weapons, corresponding to “loitering” drones.

Preventing future shortfalls requires broader reforms. The Pentagon ought to streamline the acquisition course of to draw extra nontraditional distributors, which may encourage innovation and broaden the economic base. Programs to determine promising army expertise corporations and join them with traders must be expanded. The US ought to share expertise with allies which have spare manufacturing capability, corresponding to Australia, to bolster collective stockpiles. Congress ought to do its half by passing army funding payments in a extra well timed style and authorizing the Defense Department to situation longer-term contracts to weapons suppliers, which might permit them to spend money on added capability.

As for the businesses themselves? They have a particular duty too. They’re working with taxpayer {dollars} in service to the nationwide protection. Contractors must be accountable for when stockpiles run low and preserve manufacturing gear able to go when the necessity arises. All this must be a part of the deal.

Biden has highlighted the nation’s army assist for Ukraine as a signal that the US is as soon as once more the “arsenal of democracy.” He wants to make sure the arsenal doesn’t run out.

* * * * * * *


Il Pentagono ha un problema di catena di approvvigionamento

Se vuole sostenere l’Ucraina e vincere le guerre future, l’esercito statunitense deve ripensare il modo in cui acquista le armi essenziali.

Dall’inizio della battaglia in Ucraina, nessuna arma è stata più semplice per le forze russe del missile anticarro Javelin. Attingendo a una dotazione di circa 7.000 Javelin di fabbricazione statunitense, i combattenti ucraini hanno distrutto almeno 400 carri armati russi e molte altre automobili corazzate. L’efficienza dell’arma ha contribuito a sventare i piani del Presidente Vladimir Putin di invadere la nazione. C’è solo un problema: le scorte statunitensi sono in via di esaurimento.

La battaglia ha già consumato un terzo delle scorte di giavellotti dell’esercito americano. Entro pochi mesi, il Pentagono potrebbe non essere in grado di inviarne di nuovi senza svuotare la propria scorta. La battaglia ha inoltre consumato un quarto delle scorte statunitensi di missili antiaerei a spalla Stinger; Raytheon, che produce gli Stinger, afferma che potrebbe essere necessario anche un anno per riavviare la produzione. (L’esercito ha stipulato un contratto da 625 milioni di dollari con Raytheon per intervenire).

Un pacchetto di spesa da 40 miliardi di dollari approvato dal Congresso il mese scorso mira a ricostituire le scorte. Ma il problema è più profondo delle interruzioni a breve termine delle forniture. I pianificatori militari e gli appaltatori della protezione hanno da tempo dato priorità alla spesa per le “piattaforme” di grande costo, come le portaerei e i jet da combattimento, piuttosto che alla produzione delle armi stesse. Le interruzioni legate alla pandemia nella catena di fornitura dei microchip hanno aggravato il problema. E l’erosione della base industriale dell’esercito ha reso più difficile per il Pentagono accelerare la produzione. L’attenzione per l’industria della difesa, le complicate linee guida per gli appalti e la scarsità di personale esperto hanno ridotto il numero di aziende che operano nel settore. Un rapporto del Pentagono del 2020 ha scoperto che in una varietà allarmante di circostanze, l’esercito dipende da un unico fornitore, “spesso fragile”, per produrre elementi cruciali.

La debolezza della catena di fornitura del Pentagono minaccia non solo l’assistenza all’Ucraina, ma anche la possibilità dell’America di rispondere a crisi future – insieme a una potenziale battaglia contro Taiwan, il cui esercito dipende da hardware di produzione statunitense. Per affrontare l’attuale pressione, il presidente Joe Biden dovrebbe prendere in considerazione l’ipotesi di invocare il Defense Production Act, che impone ai produttori di dare priorità alla fornitura di articoli per la difesa rispetto agli ordini provenienti da altri settori. Anche se di solito viene usata in modo improprio per scopi politici, in questo caso l’autorità potrebbe contribuire ad alleviare i colli di bottiglia della produzione di automobili dell’esercito e di armi pesanti.

Per risolvere le carenze di oggetti specializzati – come i sensori alimentati da chip che aiutano le armi a guida di precisione a individuare i loro obiettivi – ci vorrà più tempo. Nel frattempo, gli Stati Uniti dovrebbero incoraggiare gli alleati della NATO a offrire all’Ucraina le proprie tecniche anticarro e antiaeree e aumentare le spedizioni di armi più recenti e a basso costo, come i droni “loitering”.

Per evitare future carenze sono necessarie riforme più ampie. Il Pentagono dovrebbe snellire il processo di acquisizione per attirare altri distributori non tradizionali, che potrebbero incoraggiare l’innovazione e ampliare la base economica. È necessario ampliare i programmi per individuare le aziende promettenti dell’esercito e unirle ai commercianti. Gli Stati Uniti dovrebbero condividere le competenze con gli alleati che hanno capacità produttive di riserva, come l’Australia, per rafforzare le scorte collettive. Il Congresso dovrebbe fare la sua parte, approvando i pagamenti per il finanziamento dell’esercito in modo più tempestivo e autorizzando il Dipartimento della Difesa a stipulare contratti a lungo termine con i fornitori di armi, che potrebbero consentire loro di spendere denaro per aumentare le capacità.

E le aziende stesse? Anche loro hanno un dovere particolare. Lavorano con i soldi dei contribuenti al servizio della protezione nazionale. Gli appaltatori devono essere responsabili di quando le scorte si esauriscono e mantenere l’attrezzatura di produzione in grado di funzionare quando si presenta la necessità. Tutto questo deve essere parte dell’accordo.

Biden ha sottolineato l’assistenza dell’esercito nazionale all’Ucraina come un segnale del fatto che gli Stati Uniti sono di nuovo “l’arsenale della democrazia”. Vuole assicurarsi che l’arsenale non si esaurisca.