Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Stati Uniti

Enclave liberal occidentale. Può scegliere se crepare per inflazione oppure per default.

Giuseppe Sandro Mela.

2022-06-18.

United States Bankruptcy Court 001

«excessive inflation is the No. 1 financial challenge dealing with the US»

«Inflation is the bane of our existence»

* * * * * * *

Powell deve scegliere tra inflazione elevata e recessione.

Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, è alle prese con un calcolo sempre più difficile dopo l’ennesimo studio sull’inflazione della settimana scorsa: Con ogni probabilità dovrà spingere il sistema finanziario verso la recessione per poter riprendere il controllo dei costi.

Powell ha assunto sempre di più il ruolo di uccisore della inflazione.

Sono diventato più pessimista riguardo all’alternativa di stabilizzare l’inflazione a un livello adeguato senza una recessione.

I rendimenti obbligazionari sono balzati e i costi delle scorte sono crollati venerdì sul timore che la Fed possa premere più forte sui freni di copertura dopo aver appreso che i costi degli acquirenti sono saliti a un recente massimo di 40 anni dell’8,6% a maggio rispetto a un anno prima.

L’indice del valore delle spese per i consumi privati – l’indicatore dell’inflazione preferito dalla Fed – è aumentato del 6,3% in aprile rispetto a un anno prima, più di 3 volte l’obiettivo del 2% fissato dall’istituto finanziario centrale.

l’errore della Fed e di altri banchieri centrali nel permettere che l’inflazione sia diventata incontrollata.

La Fed deve tenere a bada due pericoli concorrenti.

Più a lungo l’inflazione rimane elevata, maggiore è la possibilità che si radichi nel sistema finanziario.

E il presidente ha anche chiarito che considera l’inflazione eccessiva la sfida finanziaria numero 1 per gli Stati Uniti.

L’inflazione è la rovina della nostra esistenza.

* * * * * * *

L’enclave liberal democratica negli Stati Uniti e quella liberal socialista nella Unione Europea stanno morendo sotto il peso del collasso economico.

Il debito totale degli Stati Uniti ammonta a 91,180 miliardi Usd, e quella della Unione Europea vale il 95.6% del pil.

Per decenni gli stati liberal sono vissuti sul debito.

Questa è la diretta conseguenza del sistema elettorale a suffragio universale, che da la maggioranza e quindi il governo alla formazione politica che promette di più.

Orbene: questo sistema è imploso.

L’inflazione galoppa sia negli Stati Uniti sia nella Unione Europea.

L’inflazione è giusta: ne pagano lo scotto tutte le persone fisiche e giuridiche, nessuno escluso.

Divenuta l’inflazione ingovernabile, le banche centrali, sia la Fed sia la Ecb, hanno iniziato il tapering e l’aumento dei tassi di interesse.

L’enclave liberal può soltanto scegliere se morire per la inflazioni oppure per la recessione. Alterum non datur.

Ma in ogni caso, senza il supporto del debito, ambedue le enclavi precipiteranno in una miseria rabbrividente.

Ma non si abbia la minima pietà per tutti coloro che hanno votato partiti liberal, irretiti dalle suntuose promesse.

È loro la responsabilità sociale e politica della catastrofe attuale  di quella ben peggiore futura..

* * * * * * *

In calce riportiamo una traduzione in lingua italiana.

* * * * * * *

«Powell facing choice between elevated US inflation and recession»

«Federal Reserve Chair Jerome Powell is dealing with an more and more grim calculus after yet one more scorching inflation studying final week: He in all probability has to push the financial system into recession with a view to regain management of costs»

«Powell has more and more taken on the mantle of inflation-slayer»

«I’ve turn out to be extra pessimistic in regards to the alternative of stabilizing inflation at an appropriate degree with out a recession»

«Bond yields jumped and inventory costs tumbled on Friday on concern the Fed will slam more durable on the coverage brakes after information that shopper costs rose at a recent 40-year excessive of 8.6% in Might from a yr earlier»

«The private consumption expenditures worth index — the Fed’s favored inflation gauge — rose 6.3% in April from a yr earlier, greater than 3 times the central financial institution’s 2% purpose»

«the screw up by the Fed and different central bankers in permitting inflation to get uncontrolled»

«the Fed has to stability two competing danger»

«The longer inflation stays elevated, the larger the possibility it turns into entrenched within the financial system»

«And the president has additionally made clear that he considers excessive inflation to be the No. 1 financial challenge dealing with the US»

«Inflation is the bane of our existence»

* * * * * * *

Powell Facing Choice Between Elevated US Inflation and Recession.

Federal Reserve Chair Jerome Powell is dealing with an more and more grim calculus after yet one more scorching inflation studying final week: He in all probability has to push the financial system into recession with a view to regain management of costs.

(Bloomberg) — Federal Reserve Chair Jerome Powell is dealing with an more and more grim calculus after yet one more scorching inflation studying final week: He in all probability has to push the financial system into recession with a view to regain management of costs.

After spending a lot of final yr sounding a bit just like the inflation-tolerant, former central financial institution chief Arthur Burns, Powell has more and more taken on the mantle of inflation-slayer — and Fed icon — Paul Volcker. It’s a job he’s prone to embrace with relish on Wednesday, when he speaks with reporters after a widely-expected resolution by the Fed to boost rates of interest by one other half proportion level.

However to this point no less than, he’s shied away from endorsing the robust financial drugs — and punishingly deep recession — that it took for Volcker to interrupt the again of inflation 4 a long time in the past. Whereas Powell has not too long ago acknowledged that getting worth pressures beneath management might require some ache — and possibly even greater unemployment — he’s steered away from speaking a few recession.

That’s maybe comprehensible, given how fraught politically that’s, particularly for President Joe Biden’s Democratic Occasion forward of mid-term elections in November. 

“The chairman of the Fed doesn’t wish to let the ‘r’ phrase slip out of his mouth in a optimistic means, that we’d like a recession,” former US central financial institution coverage maker Alan Blinder mentioned. “However there are lots of euphemisms and he’ll use them.”

An rising variety of economists — together with ex Fed Vice Chair Blinder — say it might take an financial contraction and better unemployment to deliver inflation right down to extra tolerable ranges, a lot much less again to the Fed’s 2% worth goal.  

“I’ve turn out to be extra pessimistic in regards to the alternative of stabilizing inflation at an appropriate degree with out a recession,” mentioned JPMorgan Chase & Co. chief economist Bruce Kasman. He sees a dynamic growing through which a protracted interval of excessive inflation and a decent labor market results in elevated wage calls for and extra prices for firms.

In analysis printed on June 6, Bloomberg Economics Chief US economist Anna Wong and her colleagues put the possibilities of a recession this yr at one in 4 and of 1 subsequent yr at three in 4.  “A downturn in 2022 is unlikely, however recession in 2023 shall be robust to keep away from,” they wrote.

Buyers are taking observe. Bond yields jumped and inventory costs tumbled on Friday on concern the Fed will slam more durable on the coverage brakes after information that shopper costs rose at a recent 40-year excessive of 8.6% in Might from a yr earlier. Buyers hardened bets the Fed would proceed mountain climbing in half-point steps at its conferences in July and September, with some economists arguing {that a} bigger 75 foundation level improve was now on the desk. 

The trail and supreme vacation spot of rates of interest in coming months will partly depend upon how shortly — and the way far — coverage makers need inflation to chill and the way a lot ache they’re prepared to place the financial system by to realize that.  

The private consumption expenditures worth index — the Fed’s favored inflation gauge — rose 6.3% in April from a yr earlier, greater than 3 times the central financial institution’s 2% purpose. Stripping out unstable meals and power prices, core costs elevated 4.9%.

Ethan Harris, head of world economics analysis at Financial institution of America Corp., mentioned the Fed would in all probability be prepared to compromise and settle for a plateauing of inflation at 3%, with the concept of addressing the overshoot of its goal regularly over time. That will permit it to keep away from pushing the US right into a downturn.

“Recall that the good inflation fighter Paul Volcker backed off with inflation right down to 4%,” Harris mentioned.

Former Worldwide Financial Fund chief economist Olivier Blanchard bemoaned the “screw up” by the Fed and different central bankers in permitting inflation to get uncontrolled.

Blanchard, now a senior fellow on the Peterson Institute for Worldwide Economics, mentioned that central banks ought to cease tightening coverage when inflation drops to three% and set that as the brand new worth goal, somewhat than risking a recession by pushing it right down to 2%.

Blinder mentioned the Fed has to stability two competing dangers. 

The longer inflation stays elevated, the larger the possibility it turns into entrenched within the financial system. That’s what occurred within the 1970’s when Burns was Fed chair and it’s the first motive why Volcker subsequently needed to put the financial system by such a wringer to get inflation down. 

However overly aggressive motion to sort out persistent worth pressures carries risks as nicely, mentioned the Princeton College professor. It might push the financial system into a really extreme recession that sends unemployment skyrocketing.

‘Burnsian Mistake’

Deutsche Financial institution economist Peter Hooper, who was among the many first on Wall Road to forecast a recession, mentioned it could be a “Burnsian mistake” if the Fed backed off from its 2% worth goal. And that’s a mistake he mentioned that Powell doesn’t wish to make. 

At the very least for now, Powell has one thing that Burns didn’t have: political assist for taking motion to fight inflation. 

Biden, who held a uncommon assembly with Powell final month, has repeatedly reaffirmed the Fed’s independence to do what it thinks is important to sort out surging costs. And the president has additionally made clear that he considers excessive inflation to be the No. 1 financial challenge dealing with the US. 

“Inflation is the bane of our existence,” Biden instructed ABC tv late-night host Jimmy Kimmel in a June 8 interview.

* * * * * * *


Powell deve scegliere tra un’inflazione elevata e la recessione.

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell è alle prese con un calcolo sempre più difficile dopo l’ennesimo studio sull’inflazione della settimana scorsa: Con ogni probabilità dovrà spingere il sistema finanziario verso la recessione per poter riprendere il controllo dei costi.

(Bloomberg) – Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell è alle prese con un calcolo sempre più crudele dopo l’ennesimo studio sull’inflazione della settimana scorsa: Con ogni probabilità dovrà spingere il sistema finanziario in recessione per riprendere il controllo dei costi.

Dopo aver trascorso gran parte dell’anno scorso a sembrare un po’ come l’ex capo dell’istituto finanziario centrale Arthur Burns, tollerante nei confronti dell’inflazione, Powell ha assunto sempre più il mantello dell’uccisore dell’inflazione – e icona della Fed – Paul Volcker. È un lavoro che probabilmente abbraccerà con piacere mercoledì, quando parlerà con i giornalisti dopo la decisione, ampiamente attesa, della Fed di aumentare i tassi di interesse di un altro mezzo livello proporzionale.

Tuttavia, fino a questo momento ha evitato di avallare la robusta droga finanziaria – e la profonda recessione – che è stata necessaria a Volcker per interrompere la ripresa dell’inflazione quattro anni fa. Sebbene Powell abbia riconosciuto non troppo tempo fa che per gestire le pressioni sul valore potrebbe essere necessario un po’ di dolore – e forse anche un aumento della disoccupazione – ha evitato di parlare di recessione.

Questo è forse comprensibile, visto quanto è difficile dal punto di vista politico, soprattutto per l’Occasione Democratica del Presidente Joe Biden in vista delle elezioni di metà mandato di novembre.

Il presidente della Fed non vuole lasciarsi sfuggire di bocca la frase con la “r” in senso ottimistico, ovvero che vorremmo una recessione”, ha detto l’ex responsabile della copertura dell’istituto finanziario centrale statunitense Alan Blinder. “Tuttavia ci sono molti eufemismi e lui li userà”.

Un numero crescente di economisti – insieme all’ex vicepresidente della Fed, Blinder – sostiene che potrebbe essere necessaria una contrazione finanziaria e un miglioramento della disoccupazione per riportare l’inflazione a livelli più tollerabili, molto meno per raggiungere nuovamente l’obiettivo della Fed del 2%. 

“Sono sempre più pessimista riguardo all’alternativa di stabilizzare l’inflazione a un livello adeguato senza una recessione”, ha dichiarato Bruce Kasman, capo economista di JPMorgan Chase & Co. Egli vede una dinamica in cui un prolungato periodo di inflazione eccessiva e un mercato del lavoro decente si traducono in richieste salariali elevate e prezzi più alti per le aziende.

In un’analisi stampata il 6 giugno, Anna Wong, capo economista di Bloomberg Economics, e i suoi colleghi hanno valutato le possibilità di una recessione quest’anno a una su quattro e di una successiva a tre su quattro. “Una recessione nel 2022 è improbabile, ma una recessione nel 2023 sarà difficile da evitare”, hanno scritto.

Gli acquirenti stanno prendendo nota. I rendimenti obbligazionari sono balzati e i costi delle scorte sono crollati venerdì sul timore che la Fed possa premere più forte sui freni di copertura dopo aver appreso che i costi degli acquirenti sono aumentati ad un massimo recente di 40 anni dell’8,6% a maggio rispetto all’anno precedente. Gli acquirenti hanno rafforzato le scommesse che la Fed continuerà a scalare le montagne a passi di mezzo punto nelle conferenze di luglio e settembre, con alcuni economisti che sostengono che un miglioramento del livello di base più grande di 75 sia ora sulla scrivania.

Il percorso e il punto di partenza dei tassi di interesse nei prossimi mesi dipenderanno in parte da quanto presto – e quanto lontano – i responsabili della copertura avranno bisogno che l’inflazione si raffreddi e da quanto sono disposti a far soffrire il sistema finanziario per raggiungere questo obiettivo. 

L’indice del valore della spesa per consumi privati – l’indicatore dell’inflazione preferito dalla Fed – è salito ad aprile del 6,3% rispetto all’anno precedente, più di 3 volte l’obiettivo del 2% fissato dall’istituto finanziario centrale. Se si escludono i prezzi instabili dei pasti e dell’energia, i costi di base sono aumentati del 4,9%.

Ethan Harris, responsabile dell’analisi economica mondiale presso la Financial institution of America Corp. ha affermato che la Fed sarebbe probabilmente disposta a scendere a compromessi e ad accontentarsi di un plateau dell’inflazione al 3%, con l’idea di affrontare il superamento del suo obiettivo regolarmente nel tempo. Questo le permetterà di non spingere gli Stati Uniti in una fase di recessione.

“Ricordiamo che il buon combattente per l’inflazione Paul Volcker ha fatto marcia indietro con un’inflazione al 4%”, ha detto Harris.

L’ex capo economista del Fondo Finanziario Mondiale Olivier Blanchard ha deplorato il “pasticcio” compiuto dalla Fed e da altri banchieri centrali nel permettere all’inflazione di diventare incontrollata.

Blanchard, ora senior fellow del Peterson Institute for Worldwide Economics, ha affermato che le banche centrali dovrebbero smettere di stringere le coperture quando l’inflazione scende al 3% e fissare questo come nuovo obiettivo di valore, piuttosto che rischiare una recessione spingendola fino al 2%.

Blinder ha detto che la Fed deve bilanciare due pericoli in competizione tra loro.

Quanto più a lungo l’inflazione rimane elevata, tanto maggiore è la possibilità che si radichi nel sistema finanziario. È quello che è successo negli anni ’70, quando Burns era presidente della Fed, ed è il primo motivo per cui Volcker ha dovuto sottoporre il sistema finanziario a una tale pressione per ridurre l’inflazione.

Tuttavia, un’azione troppo aggressiva per risolvere le persistenti pressioni sul valore comporta anche dei rischi, ha detto il professore del Princeton College. Potrebbe spingere il sistema finanziario in una recessione davvero estrema, facendo schizzare la disoccupazione alle stelle.

Un errore bruciante

L’economista della Deutsche Financial Institution Peter Hooper, che è stato tra i primi a Wall Road a prevedere una recessione, ha detto che potrebbe essere un “errore burnsiano” se la Fed facesse marcia indietro rispetto all’obiettivo del 2% del valore. Un errore che Powell non vuole commettere.

Almeno per ora, Powell ha una cosa che Burns non ha avuto: l’appoggio politico per l’azione di contrasto all’inflazione.

Biden, che il mese scorso ha avuto un’insolita riunione con Powell, ha più volte ribadito l’indipendenza della Fed nel fare ciò che ritiene importante per risolvere l’impennata dei costi. Inoltre, il presidente ha chiarito che considera l’inflazione eccessiva la sfida finanziaria numero 1 per gli Stati Uniti.

“L’inflazione è la rovina della nostra esistenza”, ha detto Biden al conduttore televisivo della ABC Jimmy Kimmel in un’intervista dell’8 giugno.

Un pensiero riguardo “Enclave liberal occidentale. Può scegliere se crepare per inflazione oppure per default.

I commenti sono chiusi.