Pubblicato in: Armamenti, Cina, India

Cina. Costruisce un secondo pone sul Lago Pangong Tso nello Himalaya. Ira furibonda della India.

Giuseppe Sandro Mela.

2022-06-15.

Cina Pangong Tso lake 001

«La Cina sta costruendo un ponte su un lago in Ladakh, al confine himalayano con l’India, una mossa condannata dal governo indiano che l’ha definita una “costruzione illegale”»

«Si tratta del secondo e più robusto dei due ponti cinesi che attraversano il lago Pangong Tso»

«il nuovo ponte è in grado di sostenere carri armati e mezzi corazzati e aiuterebbe la Cina ad accelerare il dispiegamento tra le sponde del fiume»

«Il ponte aggiunge alle capacità cinesi la capacità di spostare rapidamente le forze tra le sponde settentrionali e meridionali del lago Pangong Tso, che prima mancava»

«Il lago Pangong Tso si trova in un territorio conteso e rivendicato da entrambi i Paesi»

«il nuovo ponte – che accorcia la distanza di 130 chilometri tra la sponda meridionale e quella settentrionale del lago – fa parte di un tentativo di annullare il vantaggio tattico indiano nell’area»

«Cina e India hanno ancora decine di migliaia di truppe ammassate sul confine»

* * * * * * *

In calce riportiamo una traduzione in lingua italiana.

* * * * * * *

«China is building a bridge across a lake in Ladakh on China’s Himalayan border with India — a move condemned by the Indian government, which called it an “illegal construction.”»

«It is the second and sturdier of two Chinese bridges across the Pangong Tso lake»

«Speaking to CNBC, a retired general of the Indian Army, who used to be stationed in Ladakh, said the new bridge is capable of supporting tanks and armored personnel carriers and would help China speed up deployment between the river banks»

«What the bridge adds to Chinese capabilities is the ability to speedily move forces between the north and the south banks of Pangong Tso lake, which they were earlier lacking»

«Pangong Tso lake is in disputed territory claimed by both countries»

«the new bridge — which shortens the 130-kilometer distance between the southern and northern banks of the lake — is part of an attempt to negate a tactical Indian advantage in the area»

«China and India still have tens of thousands of troops massed on the border»

* * * * * * *


China is building a new bridge on a disputed Himalayan border, drawing ire from India

– China is building a bridge across a lake in Ladakh on China’s Himalayan border with India — a move condemned by the Indian government, which called it an “illegal construction.”

– China and India have tens of thousands of troops massed on the border despite 15 rounds of talks to de-escalate military tensions after a violent confrontation in the area two years ago.

– In June 2020, India and China had a brutal and bloody skirmish without guns, fighting pitched battles in the icy cold, using metal rods, bludgeons with nail filings and other such improvised weapons.

* * * * * * *

China is building a bridge across a lake in Ladakh on China’s Himalayan border with India — a move condemned by the Indian government, which called it an “illegal construction.”

It is the second and sturdier of two Chinese bridges across the Pangong Tso lake. 

Speaking to CNBC, a retired general of the Indian Army, who used to be stationed in Ladakh, said the new bridge is capable of supporting tanks and armored personnel carriers and would help China speed up deployment between the river banks.

“What the bridge adds to Chinese capabilities is the ability to speedily move forces between the north and the south banks of Pangong Tso lake, which they were earlier lacking” said General Rohit Gupta, who served with the Fire and Fury Corps of the Northern Command of the Indian Army.

Ladakh is the site of an ongoing confrontation between the two nations.

It was a flashpoint between India and China in mid-2020, when violent clashes killed 20 Indian soldiers and five Chinese soldiers, according to their respective governments. Other reports set the Chinese death toll higher, at between 38 and 45 Chinese soldiers.

Pangong Tso lake is in disputed territory claimed by both countries. China has controlled two-thirds of the lake since the 1960s, and India holds the remaining one-third.

“We have seen reports of a bridge being constructed by China on Pangong Lake alongside its earlier bridge. Both these bridges are in areas that have continued to be under the illegal occupation of China since the 1960s,” India’s external affairs ministry spokesman Arindam Bagchi told reporters last week.

“We have never accepted such illegal occupation of our territory, nor have we accepted the unjustified Chinese claim or such construction activities,” he said.

According to Gen. Gupta, the new bridge — which shortens the 130-kilometer distance between the southern and northern banks of the lake — is part of an attempt to negate a tactical Indian advantage in the area.

Gen. Gupta said India had also built a lot of infrastructure to assist “better tactical, operational” deployment of forces. While the new Chinese bridge was a matter of concern, it could be neutralized, he added.

“Interdiction of such known terrain entities is possible, especially through precision munitions delivered from a variety of resources,” he said, adding that the Indian side had a clear view of the bridge from positions it held.

The dispute about the bridge would likely have been discussed as part of overall security discussions in the Quad meeting, visiting scholar in the Asia program at Carnegie Endowment for International Peace, Deep Pal, told CNBC on Monday, before the Quadrilateral Security Dialogue on Tuesday.

A leaders’ meeting of the four-nation Quad — made up of Australia, India, Japan and the U.S. — was held in Tokyo on Tuesday. The group’s goal is to counter China’s growing assertiveness in the region.

“But there is no immediate response that the Quad could make,” Pal added, pointing out that the grouping was not an “Asian Nato.″

Of the four nations comprising the Quad, India is the only one which shares a border with China. The 3,488-km-long unmarked border between India and China is the world’s longest disputed border.

Former Indian trade secretary Ajay Dua told CNBC on Tuesday that Quad nations should work together militarily, even if it’s at the risk of angering China.

“I would like to see Quad nations getting together to provide greater military security,” he told CNBC’s “Street Signs Asia,” adding it is the “need of the hour.”

China and India still have tens of thousands of troops massed on the border despite 15 rounds of talks to de-escalate military tensions after a violent confrontation in 2020.

In June that year, the two nuclear-armed Asian giants fought a brutal and bloody skirmish without guns, in hand-to-hand combat with metal rods, bludgeons with nail filings and other such improvised weapons.

Under previous treaties, both countries have agreed not to carry or use firearms to prevent escalation.

Highlighting China’s belligerence at its border with India and with neighbors in the South China Sea, Dua noted the Quad was formed in 2007 as a security dialogue — not as a trade agreement. 

“I would like to see [Quad countries provide] military security irrespective of the Chinese reaction,” he said, adding that China had already conducted a disinformation campaign, labeling the Quad as an anti-China grouping. 

“No country in the region can handle China alone. The U.S. on its own can,” he said.

* * * * * * *


La Cina sta costruendo un nuovo ponte su un confine himalayano conteso, attirando le ire dell’India

– La Cina sta costruendo un ponte su un lago in Ladakh, al confine himalayano con l’India, una mossa condannata dal governo indiano che l’ha definita una “costruzione illegale”.

– La Cina e l’India hanno decine di migliaia di truppe ammassate sul confine, nonostante i 15 cicli di colloqui per attenuare le tensioni militari dopo un violento scontro nella zona due anni fa.

– Nel giugno 2020, l’India e la Cina hanno avuto una brutale e sanguinosa schermaglia senza armi, combattendo battaglie a fuoco nel freddo gelido, utilizzando aste di metallo, randelli con limatura di chiodi e altre armi improvvisate.

* * * * * * *

La Cina sta costruendo un ponte su un lago in Ladakh, al confine himalayano con l’India, un’azione condannata dal governo indiano che l’ha definita una “costruzione illegale”.

Si tratta del secondo e più robusto dei due ponti cinesi che attraversano il lago Pangong Tso.

Parlando con la CNBC, un generale in pensione dell’esercito indiano, che era di stanza nel Ladakh, ha detto che il nuovo ponte è in grado di sostenere carri armati e mezzi corazzati e aiuterebbe la Cina ad accelerare il dispiegamento tra le sponde del fiume.

“Il ponte aggiunge alle capacità cinesi la capacità di spostare rapidamente le forze tra le sponde settentrionali e meridionali del lago Pangong Tso, che prima non avevano”, ha dichiarato il generale Rohit Gupta, che ha prestato servizio presso il Fire and Fury Corps del Comando settentrionale dell’esercito indiano.

Il Ladakh è il luogo di un continuo confronto tra le due nazioni.

È stato un punto di rottura tra India e Cina a metà del 2020, quando violenti scontri hanno ucciso 20 soldati indiani e cinque cinesi, secondo i rispettivi governi. Secondo altri rapporti, il bilancio delle vittime cinesi è più alto, tra i 38 e i 45 soldati cinesi.

Il lago Pangong Tso si trova in un territorio conteso e rivendicato da entrambi i Paesi. La Cina controlla due terzi del lago dagli anni ’60, mentre l’India detiene il restante terzo.

“Abbiamo avuto notizia della costruzione di un ponte da parte della Cina sul lago Pangong, accanto al ponte precedente. Entrambi i ponti si trovano in aree che continuano a essere sotto l’occupazione illegale della Cina dagli anni ’60”, ha dichiarato la scorsa settimana il portavoce del Ministero degli Affari Esteri indiano, Arindam Bagchi.

“Non abbiamo mai accettato questa occupazione illegale del nostro territorio, né abbiamo accettato le ingiustificate rivendicazioni cinesi o queste attività di costruzione”, ha dichiarato.

Secondo il generale Gupta, il nuovo ponte – che accorcia la distanza di 130 chilometri tra la sponda meridionale e quella settentrionale del lago – fa parte di un tentativo di annullare il vantaggio tattico indiano nell’area.

Il generale Gupta ha detto che l’India ha anche costruito molte infrastrutture per aiutare un “migliore dispiegamento tattico e operativo” delle forze. Anche se il nuovo ponte cinese è fonte di preoccupazione, può essere neutralizzato, ha aggiunto.

“L’interdizione di queste entità note sul terreno è possibile, soprattutto grazie a munizioni di precisione fornite da una varietà di risorse”, ha detto, aggiungendo che la parte indiana aveva una chiara visione del ponte dalle posizioni che deteneva.

La disputa sul ponte sarebbe stata probabilmente discussa nell’ambito delle discussioni sulla sicurezza generale durante la riunione del Quadrilatero, ha dichiarato lunedì alla CNBC Deep Pal, studioso ospite del programma Asia del Carnegie Endowment for International Peace, prima del dialogo sulla sicurezza del Quadrilatero di martedì.

Martedì si è tenuta a Tokyo una riunione dei leader del Quadrilatero, composto da Australia, India, Giappone e Stati Uniti. L’obiettivo del gruppo è quello di contrastare la crescente assertività della Cina nella regione.

Ma non c’è una risposta immediata che il Quad possa dare”, ha aggiunto Pal, sottolineando che il gruppo non è una “Nato asiatica”.

Delle quattro nazioni che compongono il Quad, l’India è l’unica a condividere un confine con la Cina. Il confine non marcato tra India e Cina, lungo 3.488 km, è il più lungo confine conteso al mondo.

L’ex segretario al commercio indiano Ajay Dua ha dichiarato martedì alla CNBC che i Paesi del Quadrilatero dovrebbero collaborare militarmente, anche a rischio di irritare la Cina.

“Vorrei che le nazioni del Quad si unissero per garantire una maggiore sicurezza militare”, ha detto alla CNBC a “Street Signs Asia”, aggiungendo che è la “necessità del momento”.

La Cina e l’India hanno ancora decine di migliaia di truppe ammassate al confine nonostante 15 cicli di colloqui per attenuare le tensioni militari dopo un violento scontro nel 2020.

Nel giugno dello stesso anno, i due giganti asiatici dotati di armi nucleari hanno combattuto una brutale e sanguinosa schermaglia senza armi, in combattimenti corpo a corpo con aste di metallo, randelli con limatura di chiodi e altre armi improvvisate.

In base a precedenti trattati, entrambi i Paesi hanno concordato di non portare o usare armi da fuoco per evitare un’escalation.

Sottolineando la bellicosità della Cina al confine con l’India e con i vicini nel Mar Cinese Meridionale, Dua ha sottolineato che il Quad è stato costituito nel 2007 come dialogo sulla sicurezza, non come accordo commerciale.

“Vorrei che [i Paesi del Quadrilatero] fornissero sicurezza militare a prescindere dalla reazione cinese”, ha dichiarato, aggiungendo che la Cina ha già condotto una campagna di disinformazione, etichettando il Quadrilatero come un raggruppamento anti-Cina.

“Nessun Paese della regione può gestire la Cina da solo. Gli Stati Uniti da soli possono farlo”, ha affermato.

2 pensieri riguardo “Cina. Costruisce un secondo pone sul Lago Pangong Tso nello Himalaya. Ira furibonda della India.

I commenti sono chiusi.