Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Unione Europea

ECB. Rialzo dei tassi di interesse. I debiti sovrani faranno fallire la Unione.

Giuseppe Sandro Mela.

2022-06-14.

Bruegel Pieter il Vecchio datato 1568. Museo di Capodimonte. 001

I mercati non sono convinti che la Banca Centrale Europea possa alzare i tassi di interesse e allo stesso tempo tenere sotto controllo i rendimenti delle obbligazioni dei paesi più indebitati dell’area euro.

L’Italia, una delle nazioni più vulnerabili all’aumento dei costi di prestito, ha visto il suo debito decennale registrare la più grande flessione dai tempi della pandemia, mentre il presidente della BCE Christine Lagarde ha illustrato giovedì i piani per il primo aumento dei tassi in più di un decennio.

Lo spread sulle obbligazioni tedesche, nel frattempo, si è avvicinato ai livelli che hanno spinto la BCE ad iniziare ad acquistare debito sovrano nel tentativo di stabilizzare il blocco valutario.

Gli investitori sono preoccupati per la mancanza di un piano credibile per affrontare la cosiddetta frammentazione, ovvero i balzi ingiustificati dei costi di prestito dei paesi più deboli della zona euro rispetto a quelli economicamente più forti.

Questo è un momento di “whatever it takes” per Lagarde.

Forest è particolarmente cauto sul debito italiano e spagnolo, data la volatilità e la probabilità di un aumento delle emissioni obbligazionarie da parte di questi Paesi.

Ma la situazione dell’area dell’euro è unica, comprendendo 19 economie divergenti le cui politiche fiscali non sono allineate.

Ciò che è stato stanziato finora per affrontare la frammentazione – reinvestimenti dal debito in scadenza accumulato nell’ambito del programma pandemico di acquisto di attività della BCE – è ampiamente ritenuto insufficiente.

Ma l’incertezza sta danneggiando l’euro.

Quando Draghi ha fatto tutto il necessario, quando la BCE è finalmente intervenuta a sostegno della periferia, in realtà non ha mai acquistato una sola obbligazione nell’ambito del programma che aveva annunciato ….. Ma ha funzionato. È stato come un trucco magico.

* * * * * * *

L’enclave liberal socialista europea sta avviandosi al fallimento.

Nella eurozona il debito pubblico è il 95.6% rispetto al pil.

Welfare e stipendi sono stati finanziati ricorrendo al debito, cosa al momento non più possibile, ma politicamente difficilmente attuabile.

Che gli stati europei rinuncino a questa opzione apparirebbe essere ben poco proponibile: l’enclave liberal è fondata sul debito.

Con il rialzo dei tassi di interesse vanno immediatamente in crisi i debiti sovrani.

Sarà la sorte, un evento casuale, a decidere se questa Europa liberal socialista vada al default oppure muoia sotto una inflazione tipo Weimar.

* * * * * * *

In calce riportiamo una traduzione in lingua italiana.

* * * * * * *

«Markets aren’t convinced the European Central Bank can lift interest rates and keep the bond yields of the euro area’s most-indebted members in check at the same time»

«Italy, one of the nations most vulnerable to rising borrowing costs, saw its 10-year debt post the biggest slide since the pandemic as ECB President Christine Lagarde outlined plans Thursday for a first rate hike in more than a decade»

«The spread over German bonds, meanwhile, edged toward levels that last prompted the ECB to start buying sovereign debt in an effort to stabilize the currency bloc»

«Investors worry about the lack of a credible plan to tackle so-called fragmentation — unwarranted jumps in the borrowing costs of weaker euro-zone countries relative to economically stronger ones»

«This is a whatever-it-takes moment for Lagarde»

«Forest is particularly cautious over Italian and Spanish debt given volatility and the likelihood of increased bond issuance from those countries»

«But the situation in the euro area is unique, comprising 19 divergent economies whose fiscal policies aren’t aligned»

«What’s been allocated so far to address fragmentation — reinvestments from maturing debt accumulated under the ECB’s pandemic asset-purchase program — is widely deemed insufficient»

«But the uncertainty is denting the euro»

«When Draghi did whatever it takes, when the ECB finally stepped in and backstopped the periphery, they never actually bought a single bond under the program they announced, …. But it worked. It was like a magic trick»

* * * * * * *

Traders Seeking ECB Backstop Brace for Bond Rout as Hikes Near

(Bloomberg) — Markets aren’t convinced the European Central Bank can lift interest rates and keep the bond yields of the euro area’s most-indebted members in check at the same time.

Italy, one of the nations most vulnerable to rising borrowing costs, saw its 10-year debt post the biggest slide since the pandemic as ECB President Christine Lagarde outlined plans Thursday for a first rate hike in more than a decade.

The spread over German bonds, meanwhile, edged toward levels that last prompted the ECB to start buying sovereign debt in an effort to stabilize the currency bloc as Covid-19 swept across the continent in March 2020.

Investors worry about the lack of a credible plan to tackle so-called fragmentation — unwarranted jumps in the borrowing costs of weaker euro-zone countries relative to economically stronger ones. Some say only a new tool, separate from previous bond-buying programs, can contain spreads.

“This is a ‘whatever-it-takes moment’ for Lagarde,” said Nicolas Forest, head of global fixed income at Candriam, an asset manager with 180 billion dollars under supervision. He was referring to a speech by former ECB President Mario Draghi, who pledged to guarantee the integrity of the euro-area at all costs as the sovereign debt crisis raged in 2012.

Forest is particularly cautious over Italian and Spanish debt given volatility and the likelihood of increased bond issuance from those countries. “The ECB will need to avoid a policy mistake,” he said. 

Central banks around the world are facing a precarious balancing act as they seek to combat soaring prices without crashing business activity. But the situation in the euro area is unique, comprising 19 divergent economies whose fiscal policies aren’t aligned.

The fear is that, without a plan, excessive spread widening could divert the ECB from its inflation-fighting mission, forcing it to halt — or even start to reverse — its cycle of rate hikes. 

What’s been allocated so far to address fragmentation — reinvestments from maturing debt accumulated under the ECB’s pandemic asset-purchase program — is widely deemed insufficient. Programs like Outright Monetary Transactions, created by Draghi during the last crisis, still exist, but are seen as too inflexible to be suitable now.

New Tool?

A new instrument is in the works — as first reported by Bloomberg in April. But details remain scarce. Some strategists reckon spreads hitting about 250 basis points could prompt the ECB to step in, even if just by unveiling the tool. 

We’re not at those levels yet. The Italian-German bond yield spread is 225 basis points — far from the 500 basis-point gap seen back in the worst days of Europe’s sovereign-debt crisis.

But the uncertainty is denting the euro, which erased gains after Lagarde offered only vague reassurance that “if necessary in the future we can design, we can deploy the appropriate instrument.” 

It’s not even clear if the Council agrees on the need to create a new tool, said Michael Michaelides, G-10 fixed income analyst at Carmignac, who sees markets testing peripheral spreads further. “There’s evidently no agreement.”

A question many are asking is: When will policy makers consider market moves to be driven by speculators rather than fundamentals? Sometimes, however, intervention may be unavoidable.

“The more hawkish members of the ECB don’t want to discuss a backstop as they want to put pressure on Italy to rein in its debt,” said Said Haidar, founder of hedge fund Haidar Capital Management, whose fund Bloomberg reported gained more than 10% in April. “But Italy’s too big to fail.”

He sees the ECB likely coming up with a backstop or face having to suspend its cycle of rate increases to safeguard Italy’s euro membership. That should allow officials to “maybe” raise rates to 2% by the end of 2023 from minus 0.5% now, he said.

Even so, investors acknowledge that the ECB’s communication and credibility are at least as important as the instrument it comes up with. They’ll be looking for clues on future plans when Vice President Luis De Guindos, Executive Board member Isabel Schnabel and Lagarde herself speak next week. 

“When Draghi did whatever it takes, when the ECB finally stepped in and backstopped the periphery, they never actually bought a single bond under the program they announced,” Haidar said. “But it worked. It was like a magic trick.”

* * * * * * *

I trader in cerca di un sostegno da parte della BCE si preparano a un crollo dei bond quando i rialzi sono vicini

(Bloomberg) — I mercati non sono convinti che la Banca Centrale Europea possa alzare i tassi di interesse e allo stesso tempo tenere sotto controllo i rendimenti delle obbligazioni dei paesi più indebitati dell’area euro.

L’Italia, una delle nazioni più vulnerabili all’aumento dei costi di prestito, ha visto il suo debito decennale registrare la più grande flessione dai tempi della pandemia, mentre il presidente della BCE Christine Lagarde ha illustrato giovedì i piani per il primo rialzo dei tassi in più di un decennio.

Lo spread sulle obbligazioni tedesche, nel frattempo, si è avvicinato ai livelli che hanno spinto la BCE ad iniziare ad acquistare debito sovrano nel tentativo di stabilizzare il blocco valutario quando la Covid-19 ha attraversato il continente nel marzo 2020.

Gli investitori sono preoccupati per la mancanza di un piano credibile per affrontare la cosiddetta frammentazione, ovvero gli aumenti ingiustificati dei costi di finanziamento dei paesi più deboli della zona euro rispetto a quelli economicamente più forti. Alcuni sostengono che solo un nuovo strumento, separato dai precedenti programmi di acquisto di obbligazioni, possa contenere gli spread.

“Per la Lagarde si tratta di un momento di ‘whatever it takes'”, ha dichiarato Nicolas Forest, responsabile del reddito fisso globale di Candriam, un gestore patrimoniale con 180 miliardi di dollari sotto controllo. Si riferiva a un discorso dell’ex presidente della BCE Mario Draghi, che si è impegnato a garantire a tutti i costi l’integrità dell’eurozona mentre infuriava la crisi del debito sovrano nel 2012.

Forest è particolarmente cauto sul debito italiano e spagnolo, data la volatilità e la probabilità di un aumento delle emissioni obbligazionarie da parte di questi Paesi. “La BCE dovrà evitare un errore di politica”, ha dichiarato.

Le banche centrali di tutto il mondo stanno affrontando un precario gioco di equilibri, cercando di combattere l’impennata dei prezzi senza far crollare l’attività economica. Ma la situazione dell’area dell’euro è unica, in quanto comprende 19 economie divergenti le cui politiche fiscali non sono allineate.

Il timore è che, in assenza di un piano, un eccessivo allargamento degli spread possa distogliere la BCE dalla sua missione di lotta all’inflazione, costringendola a interrompere – o addirittura a invertire – il suo ciclo di rialzi dei tassi.

Ciò che è stato stanziato finora per affrontare la frammentazione – reinvestimenti dal debito in scadenza accumulato nell’ambito del pandemico programma di acquisto di attività della BCE – è ampiamente ritenuto insufficiente. Programmi come le Outright Monetary Transactions, create da Draghi durante l’ultima crisi, esistono ancora, ma sono considerati troppo poco flessibili per essere adatti al momento.

Un nuovo strumento?

Un nuovo strumento è in cantiere, come riportato per la prima volta da Bloomberg in aprile. Ma i dettagli sono ancora scarsi. Alcuni strateghi ritengono che gli spread che raggiungono i 250 punti base potrebbero spingere la BCE a intervenire, anche solo con la presentazione dello strumento.

Non siamo ancora a quei livelli. Il differenziale di rendimento delle obbligazioni italo-tedesche è di 225 punti base, ben lontano dal divario di 500 punti base registrato nei giorni peggiori della crisi del debito sovrano europeo.

Ma l’incertezza sta intaccando l’euro, che ha perso terreno dopo che la Lagarde ha offerto solo una vaga rassicurazione sul fatto che “se necessario in futuro possiamo progettare, possiamo utilizzare lo strumento appropriato”.

Non è nemmeno chiaro se il Consiglio sia d’accordo sulla necessità di creare un nuovo strumento, ha detto Michael Michaelides, analista del reddito fisso del G-10 presso Carmignac, che vede i mercati testare ulteriormente gli spread periferici. “Evidentemente non c’è accordo”.

La domanda che molti si pongono è: Quando i policy maker considereranno che le mosse del mercato sono guidate dagli speculatori piuttosto che dai fondamentali? A volte, tuttavia, l’intervento può essere inevitabile.

“I membri più falchi della BCE non vogliono discutere di un backstop perché vogliono fare pressione sull’Italia affinché riduca il suo debito”, ha dichiarato Said Haidar, fondatore dell’hedge fund Haidar Capital Management, il cui fondo, secondo quanto riportato da Bloomberg, ha guadagnato più del 10% ad aprile. “Ma l’Italia è troppo grande per fallire”.

A suo avviso, la BCE potrebbe proporre un backstop o dover sospendere il suo ciclo di aumenti dei tassi per salvaguardare l’appartenenza dell’Italia all’euro. Ciò dovrebbe consentire ai funzionari di aumentare “forse” i tassi al 2% entro la fine del 2023, dal meno 0,5% attuale, ha detto.

Tuttavia, gli investitori riconoscono che la comunicazione e la credibilità della BCE sono importanti almeno quanto lo strumento che propone. Cercheranno indizi sui piani futuri quando il vicepresidente Luis De Guindos, il membro del Comitato esecutivo Isabel Schnabel e la stessa Lagarde parleranno la prossima settimana.

“Quando Draghi ha fatto tutto il necessario, quando la BCE è finalmente intervenuta a sostegno della periferia, in realtà non ha mai acquistato una sola obbligazione nell’ambito del programma annunciato”, ha detto Haidar. “Ma ha funzionato. È stato come un trucco magico”.