Pubblicato in: Cina, Commercio, Devoluzione socialismo, Stati Uniti

Cina. Sotto Biden ha ampliato il proprio vantaggio commerciale in gran parte dell’America Latina.

Giuseppe Sandro Mela.

2022-06-12.

2022-06-10__ America Latin Cina Usa 001

La Cina ha aumentato il suo vantaggio commerciale in gran parte dell’America Latina, trainata dai Paesi del Sud America ricchi di risorse, sottolineando come gli Stati Uniti abbiano perso terreno in una regione a lungo considerata il loro cortile di casa.

Ma il divario commerciale con gli Stati Uniti nel resto della regione è cresciuto da quando Biden è entrato in carica nel gennaio dello scorso anno.

Gli Stati Uniti sono stati lenti nell’intraprendere azioni concrete e che la Cina, uno dei principali acquirenti di cereali e metalli, offre semplicemente di più alla regione in termini di commercio e investimenti.

I legami commerciali, economici e tecnologici più importanti per l’America Latina sono sicuramente con la Cina, che è Il primo partner commerciale della regione, ben al di sopra degli Stati Uniti.

Finché la Cina è pronta a mettere sul tavolo i suoi soldi, sembra che Joe Biden stia  combattendo una battaglia persa.

I governi latinoamericani si lamentano perché si parla molto, ma si chiedono dove siano i soldi.

* * * * * * *

In calce riportiamo una traduzione in lingua italiana.

* * * * * * *

«Under Biden, China has widened trade lead in much of Latin America»

«Driven by countries in resource-rich South America, hammers home how the United States has lost ground in a region long seen as its backyard, even as Biden aims to reset ties at the Summit of the Americas in Los Angeles this week»

«the United States had been slow to take concrete action and that China, a major buyer of grains and metals, simply offered more to the region in terms of trade and investment»

«the most important commercial, economic and technological ties for Latin America are definitely with China, which is the top trade partner for the region, well above the United States»

«When excluding Mexico, total trade flows – imports and exports – between Latin America and China hit nearly $247 billion last year, according to the latest available data, well above the $174 billion with the United States»

«The outlier in Latin America, Mexico’s trade flows with the United States were $607 billion last year, up from $496 billion in 2015»

«Its trade with China was $110 billion, up from around $75 billion six years before»

«Biden aides who have traveled Latin America have tried to convince partners that Washington is a more reliable and transparent partner for doing business, openly accusing China of using investment to create “debt traps” for countries»

«As long as China is ready to put its cash on the table, we seem to be fighting a losing battle»

«made-in-China products are gaining ground and Beijing is gobbling up soybeans, corn and coppe»

«China often brought investment in transport and infrastructure which helped trade deals in grains and metals, while governments often felt the United States was all rhetoric»

«Latin American governments complain that there’s a lot of talk but ask ‘where is the money’?»

«Biden has already been hit by no-shows including Mexican President Andres Manuel Lopez Obrador over the exclusion of countries like Cuba and Venezuela»

* * * * * * *


Under Biden, China has widened trade lead in much of Latin America

Driven by countries in resource-rich South America, hammers home how the United States has lost ground in a region long seen as its backyard, even as Biden aims to reset ties at the Summit of the Americas in Los Angeles this week.

Mexico and the United States have had a free trade deal since the 1990s and the amount of commerce between the two next-door neighbors alone overshadows Washington’s commerce with the rest of Latin America.

But the trade gap with the United States in the rest of the region, which first opened up under former U.S. President Donald Trump in 2018, has grown since Biden took office in January last year, despite a pledge to restore Washington’s role as a global leader and to refocus attention on Latin America after years of what he once called “neglect“.

On the groundcurrent and former officials told Reuters that the United States had been slow to take concrete action and that China, a major buyer of grains and metals, simply offered more to the region in terms of trade and investment.

Juan Carlos Capunay, Peru’s former ambassador to China, said that Mexico aside, “the most important commercial, economic and technological ties for Latin America are definitely with China, which is the top trade partner for the region, well above the United States.”

He added though that politically the region still was more aligned with the United States.

When excluding Mexico, total trade flows – imports and exports – between Latin America and China hit nearly $247 billion last year, according to the latest available data, well above the $174 billion with the United States. The 2021 data lacks trade numbers from some regional countries but those balance each other out in terms of U.S.-China bias.

The outlier in Latin America, Mexico’s trade flows with the United States were $607 billion last year, up from $496 billion in 2015. Its trade with China was $110 billion, up from around $75 billion six years before.

The White House and U.S. State Department did not immediately respond to a request for comment.

In an apparent effort to present a specific alternative to China, senior U.S. officials said Biden would announce an “Americas Partnership” plan at the Los Angeles summit focusing on promoting pandemic recovery by building on existing trade agreements.

It would aim to mobilize investments, reinvigorate the Inter-American Development Bank, create clean energy jobs and strengthen supply chains, the officials said. But such an initiative could face U.S. protectionist pushback as well as questions about how the region’s widely diverse economies could make it work.

                         ‘LOSING BATTLE’

Biden aides who have traveled Latin America have tried to convince partners that Washington is a more reliable and transparent partner for doing business, openly accusing China of using investment to create “debt traps” for countries.

But one U.S. official, speaking on condition of anonymity, conceded that Washington faced a tough challenge.

“As long as China is ready to put its cash on the table, we seem to be fighting a losing battle,” the person said.

When the huge U.S.-Mexico trade flow is included the United States still comes out on top, but this masks the wider trend in the region where made-in-China products are gaining ground and Beijing is gobbling up soybeans, corn and copper.

China leads in Argentina, has extended its lead in Andean copper giants Chile and Peru, and seen a huge advance in Brazil, despite far-right President Jair Bolsonaro’s skepticism about Chinese business interests holding too much sway in the country.

Welber Barral, Brazil-based partner at BMJ Consultores Associados, said China often brought investment in transport and infrastructure which helped trade deals in grains and metals, while governments often felt the United States was all rhetoric.

“Latin American governments complain that there’s a lot of talk but ask ‘where is the money’?” he said.

The U.S.-hosted Summit in Los Angeles is seen as key platform to counter China, but Biden has already been hit by no-shows including Mexican President Andres Manuel Lopez Obrador over the exclusion of countries like Cuba and Venezuela.

Eric Farnsworth, a former White House official now at the Council of the Americas think tank, said soaring commodities prices had boosted Latin America-China trade figures, but acknowledged that a busy U.S. domestic policy agenda and the war in Ukraine had kept Biden’s focus elsewhere.

“There’s bipartisan agreement that the U.S. just hasn’t been at the table,” he said. “The Summit is part of solving that but there needs to be something concrete that comes out of it.

* * * * * * *


Sotto Biden, la Cina ha ampliato il proprio vantaggio commerciale in gran parte dell’America Latina

L’accordo di libero scambio tra il Messico e gli Stati Uniti, che è stato strappato dai Paesi del Sud America ricchi di risorse, sottolinea come gli Stati Uniti abbiano perso terreno in una regione a lungo considerata il loro cortile di casa, anche se Biden mira a ripristinare i legami al Vertice delle Americhe che si terrà questa settimana a Los Angeles.

Il Messico e gli Stati Uniti hanno un accordo di libero scambio dagli anni Novanta e la quantità di commercio tra i due vicini vicini da sola oscura il commercio di Washington con il resto dell’America Latina.

Ma il divario commerciale con gli Stati Uniti nel resto della regione, che si è aperto per la prima volta sotto l’ex presidente americano Donald Trump nel 2018, è cresciuto da quando Biden è entrato in carica nel gennaio dello scorso anno, nonostante l’impegno a ripristinare il ruolo di Washington come leader globale e a concentrare nuovamente l’attenzione sull’America Latina dopo anni di quello che una volta ha definito “abbandono”.

Sul campo, funzionari attuali ed ex funzionari hanno dichiarato alla Reuters che gli Stati Uniti sono stati lenti nell’intraprendere azioni concrete e che la Cina, uno dei principali acquirenti di cereali e metalli, offre semplicemente di più alla regione in termini di commercio e investimenti.

Juan Carlos Capunay, ex ambasciatore del Perù in Cina, ha affermato che, a parte il Messico, “i legami commerciali, economici e tecnologici più importanti per l’America Latina sono sicuramente con la Cina, che è il primo partner commerciale della regione, ben al di sopra degli Stati Uniti”.

Ha aggiunto però che politicamente la regione è ancora più allineata con gli Stati Uniti.

Se si esclude il Messico, i flussi commerciali totali – importazioni ed esportazioni – tra l’America Latina e la Cina hanno raggiunto quasi 247 miliardi di dollari lo scorso anno, secondo gli ultimi dati disponibili, ben al di sopra dei 174 miliardi di dollari con gli Stati Uniti. Nei dati del 2021 mancano i numeri del commercio di alcuni Paesi regionali, ma questi si bilanciano in termini di polarizzazione tra Stati Uniti e Cina.

Il Messico, che rappresenta un’eccezione in America Latina, ha registrato flussi commerciali con gli Stati Uniti pari a 607 miliardi di dollari l’anno scorso, in aumento rispetto ai 496 miliardi di dollari del 2015. Il commercio con la Cina è stato di 110 miliardi di dollari, rispetto ai 75 miliardi di dollari di sei anni prima.

La Casa Bianca e il Dipartimento di Stato americano non hanno risposto immediatamente a una richiesta di commento.

In un apparente tentativo di presentare un’alternativa specifica alla Cina, alti funzionari statunitensi hanno dichiarato che Biden annuncerà al summit di Los Angeles un piano di “Partenariato delle Americhe” incentrato sulla promozione della ripresa dalla pandemia basandosi sugli accordi commerciali esistenti.

L’obiettivo sarebbe quello di mobilitare gli investimenti, rinvigorire la Banca interamericana di sviluppo, creare posti di lavoro nel settore dell’energia pulita e rafforzare le catene di approvvigionamento. Ma un’iniziativa del genere potrebbe scontrarsi con le resistenze protezionistiche degli Stati Uniti e con le domande su come le economie molto diverse della regione potrebbero farla funzionare.

                         BATTAGLIA PERSA

Gli assistenti di Biden che hanno viaggiato in America Latina hanno cercato di convincere i partner che Washington è un partner più affidabile e trasparente per fare affari, accusando apertamente la Cina di usare gli investimenti per creare “trappole del debito” per i Paesi.

Ma un funzionario statunitense, parlando a condizione di anonimato, ha ammesso che Washington deve affrontare una sfida difficile.

“Finché la Cina è pronta a mettere sul tavolo i suoi soldi, sembra che stiamo combattendo una battaglia persa”, ha detto la persona.

Se si tiene conto dell’enorme flusso commerciale tra Stati Uniti e Messico, gli Stati Uniti risultano ancora in testa, ma ciò nasconde una tendenza più ampia nella regione, dove i prodotti made-in-Cina stanno guadagnando terreno e Pechino si sta accaparrando soia, mais e rame.

La Cina è in testa in Argentina, ha esteso il suo vantaggio nei giganti andini del rame, Cile e Perù, e ha registrato un’enorme avanzata in Brasile, nonostante lo scetticismo del presidente di estrema destra Jair Bolsonaro nei confronti degli interessi commerciali cinesi che hanno troppo potere nel Paese.

Welber Barral, partner brasiliano di BMJ Consultores Associados, ha affermato che la Cina ha spesso portato investimenti nei trasporti e nelle infrastrutture che hanno favorito gli accordi commerciali nel settore dei cereali e dei metalli, mentre i governi hanno spesso percepito gli Stati Uniti come un’entità retorica.

I governi latinoamericani si lamentano perché si parla molto, ma si chiedono “dove sono i soldi””.

Il vertice di Los Angeles, ospitato dagli Stati Uniti, è considerato una piattaforma chiave per contrastare la Cina, ma Biden è già stato colpito dalla mancata partecipazione, tra cui il presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador, per l’esclusione di Paesi come Cuba e Venezuela.

Eric Farnsworth, ex funzionario della Casa Bianca ora al think tank Council of the Americas, ha affermato che l’impennata dei prezzi delle materie prime ha incrementato le cifre del commercio tra America Latina e Cina, ma ha riconosciuto che un’agenda di politica interna degli Stati Uniti molto fitta e la guerra in Ucraina hanno tenuto l’attenzione di Biden altrove.

“C’è un accordo bipartisan sul fatto che gli Stati Uniti non sono stati al tavolo”, ha detto. Il Vertice è parte della soluzione, ma è necessario che ne esca qualcosa di concreto”.

2 pensieri riguardo “Cina. Sotto Biden ha ampliato il proprio vantaggio commerciale in gran parte dell’America Latina.

I commenti sono chiusi.