Pubblicato in: Agricoltura, Economia e Produzione Industriale, Materie Prime, Stati Uniti

Usa. Zone troppo piovose ed altre troppo secche riducono di un buon terzo il raccolto del grano.

Giuseppe Sandro Mela.

2022-06-06.

Cigni neri 001

«Nel North Dakota, che produce circa la metà del grano primaverile statunitense, i coltivatori hanno seminato solo il 27% del loro raccolto»

* * * * * * *

«Il raccolto di grano statunitense è stato colpito da un inverno secco e da una primavera umida, che si aggiunge alla scarsità globale»

«Le forti piogge hanno impedito a Grotberg di piantare la quantità di grano che desiderava e stanno ostacolando gli agricoltori di tutto lo Stato, il principale produttore di grano primaverile degli Stati Uniti»

«Invece di aumentare l’offerta, il North Dakota dovrebbe piantare grano sulla quota più piccola di terreno agricolo mai registrata»

«Gli Stati Uniti sono il quarto esportatore di grano al mondo e i problemi stanno colpendo la produzione in un momento in cui il mondo non può permettersi di perdere altre forniture di questo cereale di base in una crisi alimentare globale»

«I prezzi di riferimento del grano al Chicago Board of Trade sono saliti del 50% a più di 13,60 dollari al bushel dopo che l’invasione della Russia a febbraio ha bloccato le spedizioni di quasi un terzo delle esportazioni mondiali di grano, e da allora poco è andato per il verso giusto per il grano»

«Il peggioramento delle prospettive di raccolto in Cina e in alcune parti d’Europa, seguito da un divieto di esportazione da parte del principale produttore indiano, ha fatto aumentare le scorte e ha esacerbato le preoccupazioni per l’approvvigionamento alimentare globale»

«Washington ha invitato gli agricoltori statunitensi a seminare più grano invernale quest’autunno e il governo ha dichiarato che permetterà la semina su alcuni terreni sensibili dal punto di vista ambientale a partire da quest’autunno»

«Ma la siccità e i costosi input agricoli potrebbero limitare gli aumenti di produzione»

«Negli Stati Uniti ci sono due colture di grano: il grano primaverile piantato ora e il grano invernale piantato in autunno che sarà raccolto a breve. Entrambi sono in difficoltà»

«La siccità ha colpito il raccolto di grano invernale in Kansas, lo Stato con la maggiore produzione»

«Nel Nord Dakota il problema è la troppa acqua. Una storica bufera di aprile ha lasciato i vasti campi dello Stato, pieni di buche, sotto più di un metro di neve in alcune aree, provocando inondazioni quando il diluvio si è sciolto»

«ha potuto piantare solo circa 500 acri (200 ettari) di grano finora – solo un quarto del terreno che aveva intenzione di seminare – a causa delle condizioni umide»

«I semi seminati in terreni inzuppati possono faticare ad emergere o spuntare in modo irregolare, mentre i pesanti macchinari agricoli possono distruggere i campi eccessivamente fangosi, compattare il terreno o rimanere incastrati nel fango»

«Il tempo umido della primavera ha quasi assicurato che il granaio delle pianure del nord degli Stati Uniti non produrrà un raccolto abbondante quest’anno»

«Gli agricoltori statunitensi hanno seminato solo il 49% degli ettari di grano primaverile previsti al 22 maggio»

«Nel North Dakota, che produce circa la metà del grano primaverile statunitense, i coltivatori hanno seminato solo il 27% del loro raccolto»

«Nelle pianure meridionali degli Stati Uniti, i coltivatori di grano invernale hanno ricevuto poche piogge e sono preoccupati per le dimensioni del loro raccolto – o se le piante raggrinzite dovranno semplicemente essere arate»

«Il raccolto si ridurrebbe del 28% quest’anno e un numero maggiore di campi rispetto al normale potrebbe non essere raccolto a causa dei danni provocati dalla siccità»

«Nel vicino Colorado, l’abbandono potrebbe raggiungere il 30%»

* * * * * * *

In calce riportiamo una traduzione in lingua italiana.

* * * * * * *

«U.S. wheat crop hit by dry winter then soggy spring, adding to global tightness»

«Heavy rain has prevented Grotberg from planting as much wheat crop as he wanted and is hampering farmers across the state, the top U.S. grower of spring wheat»

«Instead of boosting supply, North Dakota expected to plant wheat over the smallest share of its farmland on record»

«The United States is the world’s fourth-largest wheat exporter and problems are hitting output at a time when the world can ill afford to lose any more supplies of the staple grain amid a global food crisis»

«Benchmark Chicago Board of Trade wheat prices surged 50% to more than $13.60 a bushel after Russia’s invasion in February halted shipments of nearly a third of the world’s wheat exports, and little has gone right for wheat since then»

«Worsening harvest prospects in China and parts of Europe, followed by an export ban by major producer India, have tightened stocks and exacerbated global food supply concerns»

«Washington has been calling on U.S. farmers to seed more winter wheat this autumn, and the government said it would allow planting on some environmentally sensitive land beginning this fall»

«But the drought and costly farm inputs could limit production gains»

«There are two wheat crops in the United States: spring wheat planted now, and winter wheat planted in autumn that will be harvested soon. Both are in trouble»

«drought hit the winter wheat crop in Kansas, the top growing state»

«Back in North Dakota, it is too much water that is the problem. An historic April blizzard left the state’s expansive, pothole-dotted fields under more than 3 feet (1 m) of snow in some areas, triggering floods as the deluge melted»

«has only been able to plant about 500 acres (200 hectares) with wheat so far – just a quarter of the land he had aimed to sow – because of the wet conditions»

«Seeds sown in soggy soils can struggle to emerge or come up unevenly, while heavy farm machinery can tear up overly muddy fields, compact soils or get lodged in the muck»

«Soggy spring weather has all but ensured that the northern U.S. Plains breadbasket will not produce a bumper crop this year»

«U.S. farmers have only seeded 49% of their intended spring wheat acres as of May 22»

«In North Dakota, which produces about half of U.S. spring wheat, growers have planted just 27% of their crop»

«In the southern U.S. Plains, winter wheat farmers have received very little rain and are concerned about the size of their harvest – or if the shriveled plants will simply need to be plowed under.»

«harvest would shrink by 28% this year and more fields than normal may go unharvested due to drought damage»

«In neighboring Colorado, abandonment could top 30%»

* * * * * * *


U.S. wheat crop hit by dry winter then soggy spring, adding to global tightness

May 31 (Reuters) – North Dakota farmer Dwight Grotberg wanted to plant more wheat this spring to capitalize on soaring prices since Russia’s invasion of Ukraine cut grain exports and left the world short of millions of tonnes of wheat supply.

Heavy rain has prevented Grotberg from planting as much wheat crop as he wanted and is hampering farmers across the state, the top U.S. grower of spring wheat.

Instead of boosting supply, North Dakota expected to plant wheat over the smallest share of its farmland on record, according to government data.

The United States is the world’s fourth-largest wheat exporter and problems are hitting output at a time when the world can ill afford to lose any more supplies of the staple grain amid a global food crisis.

Benchmark Chicago Board of Trade wheat prices surged 50% to more than $13.60 a bushel after Russia’s invasion in February halted shipments of nearly a third of the world’s wheat exports, and little has gone right for wheat since then.

Worsening harvest prospects in China and parts of Europe, followed by an export ban by major producer India, have tightened stocks and exacerbated global food supply concerns.

The United Nations has warned the impact of the war on grains, oils, fuel and fertilizer could throw millions of people into famine and take years to resolve.  

Washington has been calling on U.S. farmers to seed more winter wheat this autumn, and the government said it would allow planting on some environmentally sensitive land beginning this fall. But the drought and costly farm inputs could limit production gains, say grain analysts.

There are two wheat crops in the United States: spring wheat planted now, and winter wheat planted in autumn that will be harvested soon. Both are in trouble.

The problems with the spring wheat planting faced by farmers like Grotberg come after drought hit the winter wheat crop in Kansas, the top growing state.

The U.S. winter wheat harvest potential there has fallen by more than 25% due to severe drought. Kansas farmers may abandon thousands of acres of wheat in fields this year, instead of paying to harvest the drought-scorched grain.

Back in North Dakota, it is too much water that is the problem. An historic April blizzard left the state’s expansive, pothole-dotted fields under more than 3 feet (1 m) of snow in some areas, triggering floods as the deluge melted.

Grotberg has only been able to plant about 500 acres (200 hectares) with wheat so far – just a quarter of the land he had aimed to sow – because of the wet conditions.

Seeds sown in soggy soils can struggle to emerge or come up unevenly, while heavy farm machinery can tear up overly muddy fields, compact soils or get lodged in the muck.

Now, Grotberg’s planting window is closing fast.

Wheat planted too late in the spring is likely to yield less grain or be at risk of frost before the crop fully ripens.

“We’re stuck … Normally we’re wrapping up wheat planting by this time,” Grotberg said.

                         SLOWEST SPRING PLANTING SINCE 1996

Soggy spring weather has all but ensured that the northern U.S. Plains breadbasket will not produce a bumper crop this year.

U.S. farmers have only seeded 49% of their intended spring wheat acres as of May 22, matching 2014 for the slowest pace since 1996, according to U.S. Department of Agriculture data.

In North Dakota, which produces about half of U.S. spring wheat, growers have planted just 27% of their crop, the second slowest pace in four decades.

“Some farmers have not turned a wheel yet,” said North Dakota Agriculture Commissioner Doug Goehring. “If North Dakota is not able to get a substantial amount in, it’s just going to wreak more havoc on the global market.”

                         ABANDONING SHRIVELED WINTER WHEAT

In the southern U.S. Plains, winter wheat farmers have received very little rain and are concerned about the size of their harvest – or if the shriveled plants will simply need to be plowed under.

A private group touring wheat fields in Kansas in mid-May forecast its harvest would shrink by 28% this year and more fields than normal may go unharvested due to drought damage.

About 6% of the state’s planted acres would be abandoned, according to the latest USDA estimates. But given the drought damage, Kansas State University wheat agronomist Romulo Lollato thinks the abandonment rate would be higher.

“I would not be surprised if 8%, 9%, 10%” of planted acres are abandoned this year, Lollato said.

In neighboring Colorado, abandonment could top 30%, Colorado Wheat Executive Director Brad Erker told tour participants.

“Wheat yields are affected by weather in May, and we’ve had a really dry May,” said Kansas farmer Vance Ehmke. “The trend is not our friend.”

                         DISAPPEARING WHEAT ACRES

U.S. wheat output has been on longer-term decline as farmers favored corn and soybean production, which are more lucrative due to demand from biofuels producers. Seed science also has boosted their yields by 30% or more since 2000, outpacing just 6% for wheat.

Biofuels demand is likely to continue to erode wheat acres as two new soy processing plants are set to open in eastern North Dakota, including one by Archer-Daniels-Midland Company  that will supply Marathon Petroleum Corporation  with soyoil for renewable diesel fuel.

As the planting window in the northern Plains narrows, North Dakota farmers are weighing options that include shifting to soybeans, which can be sown later in the spring than wheat, or filing prevented planting insurance claims.

“It gets pretty tempting to file those claims,” Grotberg said. “Once you get into June, you might be lucky to get half a crop. And with costs as high as they are, that’s hard to stomach.”

* * * * * * *


Il raccolto di grano statunitense è stato colpito da un inverno secco e da una primavera piovosa, che si aggiungono alle carenze a livello mondiale

31 maggio (Reuters) – L’agricoltore del North Dakota Dwight Grotberg voleva piantare più grano questa primavera per approfittare dell’impennata dei prezzi dopo che l’invasione russa dell’Ucraina ha tagliato le esportazioni di grano e ha lasciato il mondo a corto di milioni di tonnellate di scorte di grano.

Le forti piogge hanno impedito a Grotberg di piantare la quantità di grano che voleva e stanno ostacolando gli agricoltori di tutto lo Stato, il principale produttore di grano primaverile degli Stati Uniti.

Invece di aumentare l’offerta, il North Dakota ha previsto di piantare grano sulla quota più piccola di terreno agricolo mai registrata, secondo i dati del governo.

Gli Stati Uniti sono il quarto esportatore di grano al mondo e i problemi stanno colpendo la produzione in un momento in cui il mondo non può permettersi di perdere altre forniture di questo cereale di base in una crisi alimentare globale.

I prezzi di riferimento del grano del Chicago Board of Trade sono saliti del 50% a più di 13,60 dollari al bushel dopo che l’invasione della Russia a febbraio ha bloccato le spedizioni di quasi un terzo delle esportazioni mondiali di grano, e da allora poco è andato per il verso giusto.

Il peggioramento delle prospettive di raccolto in Cina e in alcune parti d’Europa, seguito da un divieto di esportazione da parte del principale produttore indiano, ha fatto aumentare le scorte e ha esacerbato le preoccupazioni per l’approvvigionamento alimentare globale.

Le Nazioni Unite hanno avvertito che l’impatto della guerra su cereali, oli, carburante e fertilizzanti potrebbe gettare milioni di persone nella carestia e richiedere anni per essere risolto. 

Washington ha invitato gli agricoltori statunitensi a seminare più grano invernale quest’autunno e il governo ha dichiarato che permetterà la semina su alcuni terreni sensibili dal punto di vista ambientale a partire da quest’autunno. Ma la siccità e i costosi input agricoli potrebbero limitare gli aumenti di produzione, secondo gli analisti del grano.

Negli Stati Uniti ci sono due colture di grano: il grano primaverile piantato ora e il grano invernale piantato in autunno che sarà raccolto a breve. Entrambe sono in difficoltà.

I problemi con la semina del grano primaverile affrontati da agricoltori come Grotberg arrivano dopo che la siccità ha colpito il raccolto di grano invernale in Kansas, lo stato con la maggiore produzione.

Il potenziale di raccolto di grano invernale degli Stati Uniti è diminuito di oltre il 25% a causa della grave siccità. Gli agricoltori del Kansas potrebbero abbandonare migliaia di acri di grano nei campi quest’anno, invece di pagare per raccogliere il grano bruciato dalla siccità.

Nel Nord Dakota, il problema è la troppa acqua. Una storica bufera di aprile ha lasciato i vasti campi dello Stato, pieni di buche, sotto più di 1 metro di neve in alcune aree, provocando inondazioni quando il diluvio si è sciolto.

Grotberg è riuscito a seminare solo circa 500 acri (200 ettari) di grano – solo un quarto della superficie che aveva intenzione di seminare – a causa delle condizioni umide.

I semi seminati in terreni inzuppati possono faticare a emergere o spuntare in modo irregolare, mentre i pesanti macchinari agricoli possono strappare i campi troppo fangosi, compattare il terreno o rimanere incastrati nel fango.

Ora, la finestra di semina di Grotberg si sta chiudendo rapidamente.

Il grano piantato troppo tardi in primavera rischia di produrre meno grano o di essere a rischio di gelate prima che il raccolto maturi completamente.

“Siamo bloccati… Normalmente, a quest’ora, la semina del grano è già terminata”, ha dichiarato Grotberg.

                         LA SEMINA PRIMAVERILE PIÙ LENTA DAL 1996

Il tempo umido della primavera ha quasi assicurato che il granaio delle pianure settentrionali degli Stati Uniti non produrrà un raccolto abbondante quest’anno.

Secondo i dati del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, al 22 maggio gli agricoltori statunitensi hanno seminato solo il 49% degli ettari di grano primaverile previsti, eguagliando il 2014 con il ritmo più lento dal 1996.

Nel North Dakota, che produce circa la metà del grano primaverile statunitense, i coltivatori hanno seminato solo il 27% del loro raccolto, il secondo ritmo più lento in quattro decenni.

“Alcuni agricoltori non hanno ancora girato una ruota”, ha dichiarato il Commissario all’Agricoltura del Nord Dakota Doug Goehring. “Se il Nord Dakota non è in grado di produrre una quantità sostanziale, il mercato globale ne risentirà ancora di più”.

                         ABBANDONO DEL GRANO INVERNALE STRIMINZITO

Nelle pianure meridionali degli Stati Uniti, i coltivatori di grano invernale hanno ricevuto pochissime piogge e sono preoccupati per le dimensioni del loro raccolto – o se le piante raggrinzite dovranno semplicemente essere arate.

Un gruppo privato che ha visitato i campi di grano in Kansas a metà maggio ha previsto che il raccolto si ridurrà del 28% quest’anno e che un numero maggiore di campi rispetto al normale potrebbe non essere raccolto a causa dei danni provocati dalla siccità.

Secondo le ultime stime dell’USDA, circa il 6% degli acri coltivati nello Stato verrebbe abbandonato. Ma visti i danni della siccità, l’agronomo della Kansas State University Romulo Lollato pensa che il tasso di abbandono sarebbe più alto.

“Non sarei sorpreso se l’8%, il 9%, il 10%” degli ettari piantati venisse abbandonato quest’anno, ha detto Lollato.

Nel vicino Colorado, l’abbandono potrebbe superare il 30%, ha detto il direttore esecutivo del Colorado Wheat Brad Erker ai partecipanti al tour.

“Le rese del grano sono influenzate dal clima di maggio, e noi abbiamo avuto un maggio molto secco”, ha detto l’agricoltore del Kansas Vance Ehmke. “La tendenza non ci è amica”.

                         ETTARI DI GRANO CHE SCOMPAIONO

La produzione di grano statunitense ha subito un declino a lungo termine, poiché gli agricoltori hanno privilegiato la produzione di mais e soia, più redditizia grazie alla domanda dei produttori di biocarburanti. Dal 2000, inoltre, la scienza delle sementi ha aumentato le rese di questi cereali del 30% o più, superando solo il 6% per il grano.

È probabile che la domanda di biocarburanti continui a erodere acri di grano, dato che nella parte orientale del North Dakota è prevista l’apertura di due nuovi impianti di lavorazione della soia, tra cui uno della Archer-Daniels-Midland Company (ADM.N) che rifornirà Marathon Petroleum Corporation (MPC.N) di olio di soia per carburante diesel rinnovabile.

Mentre la finestra di semina nelle pianure settentrionali si restringe, gli agricoltori del North Dakota stanno valutando alcune opzioni, tra cui il passaggio alla soia, che può essere seminata più tardi in primavera rispetto al grano, o la presentazione di richieste di assicurazione per la semina impedita.

“La tentazione di presentare le richieste di risarcimento è forte”, ha detto Grotberg. “Una volta arrivati a giugno, si può essere fortunati se si ottiene mezzo raccolto. E con i costi così alti, è difficile da digerire”.

Un pensiero riguardo “Usa. Zone troppo piovose ed altre troppo secche riducono di un buon terzo il raccolto del grano.

I commenti sono chiusi.