Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Stati Uniti

America. Starebbe dirigendosi verso una nuova guerra civile.

Giuseppe Sandro Mela.

2022-06-05.

Gufi 001

Il Financial Times ha pubblicato un lungo articolo in cui si pone la domanda se l’America non sia sull’orlo di una nuova guerra civile.

A nostro sommesso avviso è una indagine parziale di un problema reale e molto complesso. Ma lo riportiamo e ne suggeriremmo la lettura data la autorevolezza della fonte.

Questo articolo identifica nel così detto ‘suprematismo bianco’ la possibile causa della guerra civile.

Dal nostro puto di vista, il ‘suprematismo bianco’ è appannaggio solo di una minuscola percentuale di esaltati, e non corrisponde al comune sentire.

Ma l’ideologia liberal assume che esso caratterizzi qualsiasi tendenza ad opporsi ad essa. Se non aderisci alla ideologia libera sei di conseguenza un suprematista.

Un simile modo di pensare ci sembrerebbe essere avulso dalla realtà dei fatti.

Ne riporteremo soltanto alcune tra le più rappresentative frasi.

* * * * * * *

«Is America heading for civil war?»

«Today, the US is much closer to the conditions that led to its Civil War in 1861 than most Americans would dare admit»

«People like Payton Gendron, Dylann Roof, Patrick Wood Crusius and Robert Bowers all clearly think they are engaged in a civil war of a sort»

«Their acts of racist and xenophobic terrorism have aimed to cower the potential political and economic power a Black and Brown majority population in the US could wield by the 2040s»

«These heinous acts are their way of saying that white men are at war with this changing US.»

«For them, the very existence of white people and Western civilisation, American style is at stake»

«As Americans have seen increasingly over the past 15 years, there are scores of politicians on Capitol Hill and across the US who espouse similar views»

«They are yearning for the days when parties ran on slogans like “White Man’s Country. Let White Men Rule” (the Democratic ticket’s slogan in the 1868 Presidential Election)»

«Hate is the residue of this constant quest, especially among the white males who believe in white supremacy nakedly and narcissistically»

«It took nearly 74 years for the US to go from the crafting of the US Constitution in 1787 to those first cannon volleys Confederate rebels launched at Fort Sumter in Charleston harbour in South Carolina in 1861»

* * * * * * *


Is America heading for civil war?

Today, the US is much closer to the conditions that led to its Civil War in 1861 than most Americans would dare admit.

* * * * * * *

People like Payton Gendron, Dylann RoofPatrick Wood Crusius and Robert Bowers all clearly think they are engaged in a civil war of a sort.

Their acts of racist and xenophobic terrorism have aimed to cower the potential political and economic power a Black and Brown majority population in the US could wield by the 2040s.

Roof, Bowers, Crusius, Gendron and so many others hold a collective belief in the so-called Great Replacement Theory. They willed themselves to slaughter Black worshippers at church service, Jewish worshippers at temple, Latinx shoppers at a Walmart, and white protesters against police lethality. These heinous acts are their way of saying that white men are at war with this changing US. For them, the very existence of white people and Western civilisation, American style is at stake.

The self-described “eco-fascist national socialist’s” murder of Black folks in zip code 14208 was merely one skirmish in the civil war playing out in his and others’ minds. Many who are Black, Brown, and Indigenous – queer and straight – have already sensed this change in the world. It certainly is reflected in the so-called manifestos and everyday posts of these mass killers. Gendron was partly correct when he said in the Q-and-A section of his blatherings that he is not a mainstream, party-affiliated conservative. “No, conservatism is corporatism in disguise, I want no part of it…conservatism is dead,” he wrote.

Gendron was also correct in identifying himself as a “fascist”. He sees himself and his homicidal compadres as united through fascism, because it “is one of the only political ideologies that will unite Whites against the replacers”. Fascists aren’t just ultra-conservative, racist, misogynistic, and queer-phobic. They’re also reactionaries, folks who ultimately want a fantastical reset of society in their favour and glory, often through the use of violence.

As Americans have seen increasingly over the past 15 years, there are scores of politicians on Capitol Hill and across the US who espouse similar views. Many already see themselves in rebellion against the greedy politicos of both parties and refuse to accept a nation many once saw as a “white man’s country” turning into a majority-of-colour land. They are yearning for the days when parties ran on slogans like “White Man’s Country. Let White Men Rule” (the Democratic ticket’s slogan in the 1868 Presidential Election).

So many Americans have labeled Gendron’s shoot-em-up spree as yet another example of a hate-fuelled racist incident perpetrated by a mentally-ill person. But racism is fundamentally about power and wealth – it is the exploitation of the marginalised with the assurance that those who are marginalised will never hold enough power to negate the power and wealth of those who benefit from racism every day.

Hate is the residue of this constant quest, especially among the white males who believe in white supremacy nakedly and narcissistically. Hate is just the tip of a gigantic iceberg. Gendron’s ideas may seem fringe, and his actions sickening and abhorrent, but they are not stemming from a mental illness, a toothache, or some other individualised excuse. No, terrorism through violent racism has always been a part of the American fabric, from slavery to chain gangs, from beatings to lynchings to vigilantes and police officers.

The Gendrons, Bowers and Crusiuses of the US have dialled it up a few degrees, and already see themselves at war, with Americans of colour and Jews, with everyone who isn’t a white male supremacist. Hatred helps fuel their violence, but ultimately, hatred is mostly a consequence of their beliefs in white supremacy, and less a cause of it.

It took nearly 74 years for the US to go from the crafting of the US Constitution in 1787 to those first cannon volleys Confederate rebels launched at Fort Sumter in Charleston harbour in South Carolina in 1861. In the threescore and 14 years between, Congress, presidents, and the Supreme Court all kicked the can of slavery and its absolute necessity for the growth of the US economy down the road with one half-baked compromise after another. All while the country – and slavery with it – continued to expand, along with the quest of white men for wealth and power through the enslavement of human beings.

* * * * * * *

L’America si sta dirigendo verso la guerra civile?

Oggi gli Stati Uniti sono molto più vicini alle condizioni che portarono alla guerra civile del 1861 di quanto la maggior parte degli americani oserebbe ammettere.

* * * * * * *

Persone come Payton Gendron, Dylann Roof, Patrick Wood Crusius e Robert Bowers pensano chiaramente di essere impegnati in una sorta di guerra civile.

I loro atti di terrorismo razzista e xenofobo mirano a soffocare il potenziale potere politico ed economico che una popolazione a maggioranza nera e marrone negli Stati Uniti potrebbe esercitare entro il 2040.

Roof, Bowers, Crusius, Gendron e tanti altri credono collettivamente nella cosiddetta Teoria della Grande Sostituzione. Hanno voluto massacrare i fedeli neri in chiesa, gli ebrei al tempio, i latinos al Walmart e i manifestanti bianchi contro la letalità della polizia. Questi atti efferati sono il loro modo di dire che gli uomini bianchi sono in guerra con gli Stati Uniti che stanno cambiando. Per loro è in gioco l’esistenza stessa dei bianchi e della civiltà occidentale, in stile americano.

L’omicidio di neri nel codice postale 14208 da parte dell’autodefinito “eco-fascista nazional-socialista” è solo una scaramuccia nella guerra civile che si svolge nella sua mente e in quella di altri. Molti neri, marroni e indigeni, queer ed etero, hanno già percepito questo cambiamento nel mondo. Sicuramente si riflette nei cosiddetti manifesti e nei post quotidiani di questi assassini di massa. Gendron ha in parte ragione quando, nella sezione Q-and-A del suo blaterare, afferma di non essere un conservatore mainstream, affiliato a un partito. “No, il conservatorismo è corporativismo mascherato, non voglio farne parte… il conservatorismo è morto”, ha scritto.

Gendron ha anche ragione nell’identificarsi come “fascista”. Egli vede se stesso e i suoi compagni omicidi come uniti dal fascismo, perché “è una delle uniche ideologie politiche che unirà i bianchi contro i rimpiazzatori”. I fascisti non sono solo ultraconservatori, razzisti, misogini e queer-fobici. Sono anche reazionari, persone che in ultima analisi vogliono un fantomatico reset della società a loro favore e gloria, spesso attraverso l’uso della violenza.

Come gli americani hanno visto sempre più spesso negli ultimi 15 anni, a Capitol Hill e in tutti gli Stati Uniti ci sono decine di politici che sposano opinioni simili. Molti si vedono già in ribellione contro gli avidi politici di entrambi i partiti e rifiutano di accettare che una nazione che un tempo molti vedevano come un “Paese di bianchi” si trasformi in una terra a maggioranza di colore. Essi hanno nostalgia dei giorni in cui i partiti correvano su slogan come “White Man’s Country. Let White Men Rule” (lo slogan del partito democratico alle elezioni presidenziali del 1868).

Molti americani hanno etichettato la sparatoria di Gendron come l’ennesimo esempio di un incidente razzista alimentato dall’odio e perpetrato da un malato di mente. Ma il razzismo è fondamentalmente una questione di potere e ricchezza: è lo sfruttamento degli emarginati con la certezza che coloro che sono emarginati non avranno mai abbastanza potere per negare il potere e la ricchezza di coloro che beneficiano del razzismo ogni giorno.

L’odio è il residuo di questa ricerca costante, soprattutto tra i maschi bianchi che credono nella supremazia bianca in modo nudo e narcisistico. L’odio è solo la punta di un gigantesco iceberg. Le idee di Gendron possono sembrare marginali e le sue azioni disgustose e ripugnanti, ma non derivano da una malattia mentale, da un mal di denti o da qualche altra scusa individuale. No, il terrorismo attraverso il razzismo violento ha sempre fatto parte del tessuto americano, dalla schiavitù alle gang, dai pestaggi ai linciaggi, ai vigilantes e agli agenti di polizia.

I Gendron, i Bowers e i Crusius degli Stati Uniti hanno alzato il tiro e si vedono già in guerra con gli americani di colore e gli ebrei, con chiunque non sia un maschio bianco suprematista. L’odio contribuisce ad alimentare la loro violenza, ma in ultima analisi l’odio è soprattutto una conseguenza delle loro convinzioni sulla supremazia bianca, e meno una causa di essa.

Ci sono voluti quasi 74 anni perché gli Stati Uniti passassero dalla stesura della Costituzione nel 1787 ai primi colpi di cannone lanciati dai ribelli confederati a Fort Sumter, nel porto di Charleston, nella Carolina del Sud, nel 1861. Nei trecentoquattordici anni precedenti, il Congresso, i presidenti e la Corte Suprema hanno preso a calci il problema della schiavitù e della sua assoluta necessità per la crescita dell’economia statunitense con un compromesso a metà strada dopo l’altro. Il tutto mentre il Paese – e con esso la schiavitù – continuava a espandersi, insieme alla ricerca di ricchezza e potere da parte degli uomini bianchi attraverso la schiavitù degli esseri umani.?

Oggi gli Stati Uniti sono molto più vicini alle condizioni che portarono alla guerra civile del 1861 di quanto la maggior parte degli americani oserebbe ammettere.

* * * * * * *

Persone come Payton Gendron, Dylann Roof, Patrick Wood Crusius e Robert Bowers pensano chiaramente di essere impegnati in una sorta di guerra civile.

I loro atti di terrorismo razzista e xenofobo mirano a soffocare il potenziale potere politico ed economico che una popolazione a maggioranza nera e marrone negli Stati Uniti potrebbe esercitare entro il 2040.

Roof, Bowers, Crusius, Gendron e tanti altri credono collettivamente nella cosiddetta Teoria della Grande Sostituzione. Hanno voluto massacrare i fedeli neri in chiesa, gli ebrei al tempio, i latinos al Walmart e i manifestanti bianchi contro la letalità della polizia. Questi atti efferati sono il loro modo di dire che gli uomini bianchi sono in guerra con gli Stati Uniti che stanno cambiando. Per loro è in gioco l’esistenza stessa dei bianchi e della civiltà occidentale, in stile americano.

L’omicidio di neri nel codice postale 14208 da parte dell’autodefinito “eco-fascista nazional-socialista” è solo una scaramuccia nella guerra civile che si svolge nella sua mente e in quella di altri. Molti neri, marroni e indigeni, queer ed etero, hanno già percepito questo cambiamento nel mondo. Sicuramente si riflette nei cosiddetti manifesti e nei post quotidiani di questi assassini di massa. Gendron ha in parte ragione quando, nella sezione Q-and-A del suo blaterare, afferma di non essere un conservatore mainstream, affiliato a un partito. “No, il conservatorismo è corporativismo mascherato, non voglio farne parte… il conservatorismo è morto”, ha scritto.

Gendron ha anche ragione nell’identificarsi come “fascista”. Egli vede se stesso e i suoi compagni omicidi come uniti dal fascismo, perché “è una delle uniche ideologie politiche che unirà i bianchi contro i rimpiazzatori”. I fascisti non sono solo ultraconservatori, razzisti, misogini e queer-fobici. Sono anche reazionari, persone che in ultima analisi vogliono un fantomatico reset della società a loro favore e gloria, spesso attraverso l’uso della violenza.

Come gli americani hanno visto sempre più spesso negli ultimi 15 anni, a Capitol Hill e in tutti gli Stati Uniti ci sono decine di politici che sposano opinioni simili. Molti si vedono già in ribellione contro gli avidi politici di entrambi i partiti e rifiutano di accettare che una nazione che un tempo molti vedevano come un “Paese di bianchi” si trasformi in una terra a maggioranza di colore. Essi hanno nostalgia dei giorni in cui i partiti correvano su slogan come “White Man’s Country. Let White Men Rule” (lo slogan del partito democratico alle elezioni presidenziali del 1868).

Molti americani hanno etichettato la sparatoria di Gendron come l’ennesimo esempio di un incidente razzista alimentato dall’odio e perpetrato da un malato di mente. Ma il razzismo è fondamentalmente una questione di potere e ricchezza: è lo sfruttamento degli emarginati con la certezza che coloro che sono emarginati non avranno mai abbastanza potere per negare il potere e la ricchezza di coloro che beneficiano del razzismo ogni giorno.

L’odio è il residuo di questa ricerca costante, soprattutto tra i maschi bianchi che credono nella supremazia bianca in modo nudo e narcisistico. L’odio è solo la punta di un gigantesco iceberg. Le idee di Gendron possono sembrare marginali e le sue azioni disgustose e ripugnanti, ma non derivano da una malattia mentale, da un mal di denti o da qualche altra scusa individuale. No, il terrorismo attraverso il razzismo violento ha sempre fatto parte del tessuto americano, dalla schiavitù alle gang, dai pestaggi ai linciaggi, ai vigilantes e agli agenti di polizia.

I Gendron, i Bowers e i Crusius degli Stati Uniti hanno alzato il tiro e si vedono già in guerra con gli americani di colore e gli ebrei, con chiunque non sia un maschio bianco suprematista. L’odio contribuisce ad alimentare la loro violenza, ma in ultima analisi l’odio è soprattutto una conseguenza delle loro convinzioni sulla supremazia bianca, e meno una causa di essa.

Ci sono voluti quasi 74 anni perché gli Stati Uniti passassero dalla stesura della Costituzione nel 1787 ai primi colpi di cannone lanciati dai ribelli confederati a Fort Sumter, nel porto di Charleston, nella Carolina del Sud, nel 1861. Nei trecentoquattordici anni precedenti, il Congresso, i presidenti e la Corte Suprema hanno preso a calci il problema della schiavitù e della sua assoluta necessità per la crescita dell’economia statunitense con un compromesso a metà strada dopo l’altro. Il tutto mentre il Paese – e con esso la schiavitù – continuava a espandersi, insieme alla ricerca di ricchezza e potere da parte degli uomini bianchi attraverso la schiavitù degli esseri umani.