Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Ukraina. Zelensky. Ogni giorno 60 – 100 soldati uccisi e 500 feriti.

Giuseppe Sandro Mela.

2022-06-04.

2022-06-03__ Zelensky 001

«Il presidente Zelensky: 60-100 soldati ucraini uccisi al giorno e circa 500 feriti»

«La dichiarazione è stata rilasciata dal Presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un’intervista al canale televisivo americano Newsmax, come riferisce un corrispondente di Ukrinform»

«Le truppe russe stanno bombardando e distruggendo le principali infrastrutture, lanciando attacchi aerei e missilistici su città e villaggi ucraini, torturando e uccidendo i civili»

«Martedì il Parlamento ucraino, la Verkhovna Rada, ha rimosso Lyudmila Denisova, commissario parlamentare per i diritti umani, dal suo incarico»

«La decisione di licenziare Denisova è stata presa in seguito all’indignazione per le parole usate nei rapporti pubblici sulle presunte aggressioni sessuali commesse dai russi, nonché per la presunta diffusione in tali rapporti di informazioni non verificate»

* * * * * * *

Alla fine anche Zelensky è costretto ad ammettere le perdite del suo esercito.

Lo fa in una intervista, proposta nella sua registrazione degli articoli allegati.

Ma c’è anche di ben peggio.

Ukraine Official Fired Over Handling of Russian Sexual Assault Claims

«On Tuesday, the Ukrainian parliament, the Verkhovna Rada of Ukraine, removed Lyudmila Denisova, the parliament’s commissioner for human rights, from her post»

«The move to dismiss Denisova came after outrage about the wording used in public reports about alleged sexual assaults committed by Russians, as well as the alleged dissemination in those reports of unverified information»

* * * * * * *

Le affermazioni di Zelensky sulle presunte atrocità commesse dai soldati russi sono smentite addirittura dal parlamento ukraino.

* * * * * * *

In calce riportiamo una traduzione in lingua italiana.

* * * * * * *

«President Zelensky: 60-100 Ukrainian soldiers killed per day and around 500 wounded»

«The relevant statement was made by Ukrainian President Volodymyr Zelensky in an interview with the American TV channel Newsmax, an Ukrinform correspondent reports»

«The move to dismiss Denisova came after outrage about the wording used in public reports about alleged sexual assaults committed by Russians, as well as the alleged dissemination in those reports of unverified information»

* * * * * * *


President Zelensky: 60-100 Ukrainian soldiers killed per day and around 500 wounded

Ukraine is losing 60-100 soldiers per day as killed in action and around 500 soldiers as wounded in action.

The relevant statement was made by Ukrainian President Volodymyr Zelensky in an interview with the American TV channel Newsmax, an Ukrinform correspondent reports.

“The situation is very difficult. We’re losing 60-100 soldiers per day as killed in action and something around 500 people as wounded in action. So we are holding our defensive perimeters. The most difficult situation is in the east of Ukraine and southern Donetsk and Luhansk,” Zelensky told.

In his words, Putin cannot win, and the world must stop defending him amid the latest atrocities committed by Russian troops.

“Now, he [Putin – Ed.] is almost isolated. The world always keeps giving him a chance, because the sanctions are not imposed completely. There are gaps in some of the leaders saying the Russian leader should be offered with a way out,” the President of Ukraine noted.

According to Zelensky, the weakness of Putin and Russia is not only in failing to occupy a smaller neighboring nation but also in attempts to take him out as leader.

“Attempting to kill the leader of this or that country is a weakness, I would say. If you can’t talk, then it’s a weakness. The weakness is to start the war, and they’ve already demonstrated there is weakness. If you can’t occupy that country, that’s a weakness. And simultaneously, if you would like something to happen to the family of the other country’s leader then that’s a political inability to do anything,” Zelensky added.

A reminder that, on February 24, 2022, Russian President Vladimir Putin initiated a full-scale invasion of Ukraine, starting a war. Russian troops are shelling and destroying the key infrastructure facilities, launching air and missile strikes on Ukrainian cities and villages, torturing and murdering civilians

* * * * * * *


Volodymyr Zelenskyy to Newsmax: We’re the World’s ‘Defensive Perimeter’

A confident, defiant, but still very thankful Ukraine President Volodymyr Zelenskyy says his country and people are the “defensive perimeter” for the world against Vladimir Putin’s aggression and global ambitions.

“We are the defensive perimeter,” Zelenskyy told Newsmax‘s Rob Schmitt through a translator in an exclusive sit-down in the capital city of Kyiv on Tuesday. “We are the strong defensive perimeter. It’s not something conventional. It’s not something natural. That’s the physical barrier made up of our people.”

Zelenskyy said “God is on our side” and Russia and Putin represent the “dark power.”

“We have to realize who is the dark power: It’s Russia,” Zelenskyy told Schmitt in a wide-ranging interview. “And Russia is not going to stop in Ukraine, for sure.

“And the other countries, the former Republics of USSR and the members of the E.U. – or some of them are already NATO member nations – they’re already under threat.”

Zelenskyy called out the “weakness” of Putin and Russia, not only in failing to occupy a smaller neighboring nation, but also in attempts to take him out as leader.

“Attempting to kill the leader of this or that country is a weakness, I would say,” he continued. “If you can’t talk, then it’s a weakness.

The weakness is to start the war, and they’ve already demonstrated there is weakness. If you can’t occupy that country, that’s a weakness.”

“And simultaneously, if you would like something to happen to the family of the other country’s leader then that’s a political inability to do anything.”

A defiant Zelenskyy remains steadfast for his people – and the world – in standing against Putin and Russia.

“Everybody understands that I am here,” he said. “You can throw bombs at this place. But what will you achieve?”

Putin cannot win, and the world must stop defending him amid his latest “atrocities,” according to Zelenskyy, who called out the lack of fully enforcing sanctions.

“Now, he’s almost isolated,” Zelenskyy said. “The world always keeps giving him a chance, because the sanctions are not imposed completely. There’s gaps in some of the leaders saying the Russian leader should be offered with a way out.”

Zelenskyy thanked Newsmax for making the trip to Kyiv to get the story on Ukraine’s fight for freedom and independence.

“Let me extend words of gratitude for arriving today to Kyiv, to the capital city of Ukraine, because it’s very difficult to understand the war while being 1,000 kilometers away,” Zelenskyy said. “But you can see Kyiv as a calm city and the same time the situation around our country and the situation out of the capital, because we’ve pressed the enemy outside of the capital city, the situation is difficult.

“The most difficult situation is in the east of Ukraine and southern Donetsk and Luhansk.

“The situation is very difficult; we’re losing 60-100 soldiers per day as killed in action and something around 500 people as wounded in action. So we are holding our defensive perimeters.”

* * * * * * *


Il presidente Zelensky: 60-100 soldati ucraini uccisi al giorno e circa 500 feriti

L’Ucraina perde 60-100 soldati al giorno uccisi in azione e circa 500 feriti in azione.

La dichiarazione è stata rilasciata dal Presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un’intervista al canale televisivo americano Newsmax, come riferisce un corrispondente di Ukrinform.

“La situazione è molto difficile. Stiamo perdendo 60-100 soldati al giorno come morti in azione e circa 500 persone come feriti in azione. Stiamo quindi mantenendo i nostri perimetri difensivi. La situazione più difficile è nell’est dell’Ucraina, nel sud di Donetsk e Luhansk”, ha detto Zelensky.

Nelle sue parole, Putin non può vincere e il mondo deve smetterla di difenderlo in mezzo alle ultime atrocità commesse dalle truppe russe.

“Ora, lui [Putin – ndr] è quasi isolato. Il mondo continua a dargli una possibilità, perché le sanzioni non sono state imposte completamente. Alcuni leader dicono che al leader russo dovrebbe essere offerta una via d’uscita”, ha osservato il presidente ucraino.

Secondo Zelensky, la debolezza di Putin e della Russia non sta solo nel non riuscire a occupare una nazione vicina più piccola, ma anche nei tentativi di eliminarlo come leader.

“Tentare di uccidere il leader di questo o quel Paese è una debolezza, direi. Se non si può parlare, allora è una debolezza. La debolezza è iniziare la guerra, e loro hanno già dimostrato di essere deboli. Se non si può occupare quel Paese, è una debolezza. E allo stesso tempo, se si vuole che accada qualcosa alla famiglia del leader dell’altro Paese, allora è un’incapacità politica di fare qualcosa”, ha aggiunto Zelensky.

Ricordiamo che il 24 febbraio 2022 il presidente russo Vladimir Putin ha iniziato un’invasione su larga scala dell’Ucraina, dando inizio a una guerra. Le truppe russe stanno bombardando e distruggendo le infrastrutture chiave, lanciando attacchi aerei e missilistici su città e villaggi ucraini, torturando e uccidendo i civili.

* * * * * * *


Volodymyr Zelenskyy a Newsmax: Siamo il “perimetro difensivo” del mondo

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy, fiducioso, sfidante ma ancora molto riconoscente, afferma che il suo Paese e il suo popolo sono il “perimetro difensivo” del mondo contro l’aggressione e le ambizioni globali di Vladimir Putin.

“Siamo il perimetro difensivo”, ha detto Zelenskyy a Rob Schmitt di Newsmax attraverso un traduttore in un incontro esclusivo nella capitale Kyiv martedì. “Siamo il forte perimetro difensivo. Non è qualcosa di convenzionale. Non è qualcosa di naturale. È la barriera fisica costituita dal nostro popolo”.

Zelenskyy ha detto che “Dio è dalla nostra parte” e che la Russia e Putin rappresentano il “potere oscuro”.

“Dobbiamo capire chi è il potere oscuro: è la Russia”, ha detto Zelenskyy a Schmitt in un’ampia intervista. “E la Russia non si fermerà di certo in Ucraina.

“E gli altri Paesi, le ex Repubbliche dell’URSS e i membri dell’Unione Europea – o alcuni di essi sono già membri della NATO – sono già minacciati”.

Zelenskyy ha sottolineato la “debolezza” di Putin e della Russia, non solo nel non riuscire a occupare una nazione vicina più piccola, ma anche nei tentativi di eliminarlo come leader.

“Tentare di uccidere il leader di questo o quel Paese è una debolezza, direi”, ha proseguito. “Se non si può parlare, allora è una debolezza.

La debolezza è iniziare la guerra, e loro hanno già dimostrato di essere deboli. Se non si può occupare quel Paese, è una debolezza”.

“E allo stesso tempo, se si vuole che accada qualcosa alla famiglia del leader dell’altro Paese, allora questa è un’incapacità politica di fare qualcosa”.

Uno Zelenskyy sfiduciato rimane fermo per il suo popolo – e per il mondo – nell’opporsi a Putin e alla Russia.

“Tutti capiscono che sono qui”, ha detto. “Potete lanciare bombe su questo posto. Ma cosa otterrete?”.

Putin non può vincere, e il mondo deve smettere di difenderlo tra le sue ultime “atrocità”, secondo Zelenskyy, che ha sottolineato la mancanza di una piena applicazione delle sanzioni.

“Ora è quasi isolato”, ha detto Zelenskyy. “Il mondo continua a dargli una possibilità, perché le sanzioni non sono state imposte completamente. Alcuni leader dicono che al leader russo dovrebbe essere offerta una via d’uscita”.

Zelenskyy ha ringraziato Newsmax per aver fatto il viaggio a Kiev per raccontare la storia della lotta dell’Ucraina per la libertà e l’indipendenza.

“Permettetemi di esprimere la mia gratitudine per essere arrivato oggi a Kyiv, nella capitale dell’Ucraina, perché è molto difficile capire la guerra a 1.000 chilometri di distanza”, ha detto Zelenskyy. Ma potete vedere Kyiv come una città tranquilla e allo stesso tempo la situazione intorno al nostro Paese e la situazione fuori dalla capitale, perché abbiamo pressato il nemico fuori dalla capitale, la situazione è difficile”.

“La situazione più difficile è nell’est dell’Ucraina, nel sud di Donetsk e Luhansk.

“La situazione è molto difficile; stiamo perdendo 60-100 soldati al giorno come morti in azione e circa 500 persone come feriti in azione. Quindi stiamo mantenendo i nostri perimetri difensivi”.