Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Ecb. L’inflazione tedesca è al 33.5% e la produzione industriale al -3.9%. Lagarde aspetta che fallisca.

Giuseppe Sandro Mela.

2022-06-01.

0000-0000__ Germania Tabella Riassuntiva 001

L’allegato prospetto dei macrodati della eurozona e della Germania  evidenzia un processo inflattivo sopra il 30% anno su anno ed un crollo della produzione industriale, che si sta contraendo.

È un quadro degno della repubblica di Weimar, foriero di fosche catastrofi economiche e finanziarie.

Ciò nonostante, Lagarde e von der Leyen assistono inerti come meringhe fritte, incapaci di prendere una qualche decisione.

Nessuno si stupirebbe se alla fine si venisse a sapere che erano agenti del Presidente Putin.

* * * * * * *

«L’inflazione tedesca tocca un nuovo record, mettendo sotto pressione la BCE»

l’inflazione tedesca ha toccato un altro massimo storico, aggiungendo urgenza all’uscita della Banca Centrale Europea dagli stimoli dell’era della crisi, dopo i numeri della Spagna»

«Spinti dall’impennata dei costi energetici e alimentari, i dati pubblicati lunedì hanno mostrato che a maggio i prezzi al consumo nella più grande economia del continente sono aumentati dell’8,7% rispetto a un anno fa»

«Il rapporto arriva solo 10 giorni prima di una riunione cruciale della BCE, in cui i funzionari dovrebbero annunciare la conclusione degli acquisti di asset su larga scala e confermare i piani per aumentare i tassi di interesse a luglio per la prima volta in più di un decennio»

«Il ministro Christian Lindner, lunedì scorso, ha definito la lotta contro l’impennata dei prezzi la “priorità assoluta” e ha auspicato la fine della politica fiscale espansiva»

«L’inflazione è un rischio economico enorme»

«Dobbiamo combatterla per evitare una crisi economica e una spirale in cui l’inflazione si autoalimenta»

«I responsabili politici della BCE, tra cui il presidente Christine Lagarde, hanno espresso preoccupazioni simili, temendo che una crescita dei prezzi ostinatamente elevata rischi di radicarsi e di frenare i consumi»

«I consumatori dovranno fare i conti con ulteriori aumenti dei prezzi perché molti fattori di produzione sono ancora scarsi e i prezzi all’ingrosso continuano ad aumentare drammaticamente»

«I salari negoziati in Germania sono diminuiti dell’1,8% in termini reali nel primo trimestre»

* * * * * * *

In calce riportiamo una traduzione in lingua italiana

* * * * * * *

«German inflation hits fresh record, piling pressure on ECB»

«German inflation hit another all-time high, adding urgency to the European Central Bank’s exit from crisis-era stimulus after numbers from Spain»

«Driven by soaring energy and food costs, data released Monday showed consumer prices in the continent’s biggest economy jumped 8.7% from a year ago in May»

«The report comes just 10 days before a crucial ECB meeting where officials are set to announce the conclusion of large-scale asset purchases and confirm plans to raise interest rates in July for the first time in more than a decade»

«The inflation figures increase pressure on the government as households are further squeezed»

«Minister Christian Lindner earlier Monday called the fight against surging prices the “top priority” while advocating an end to expansive fiscal policy»

«Inflation is an enormous economic risk»

«We must fight it so that no economic crisis results and a spiral takes hold in which inflation feeds off itself»

«ECB policy makers including President Christine Lagarde have expressed similar concerns, fretting that stubbornly high price growth risks becoming entrenched and damping consumption»

«Consumers will have to reckon with further increases in prices because many inputs are still scarce and wholesale prices are still increasing dramatically»

«Negotiated wages in Germany fell by 1.8% in real terms in the first quarter»

* * * * * * *


German Inflation Hits Fresh Record, Piling Pressure on ECB.

– Food and energy costs send consumer prices up 8.7%; est. 8.1%

– Data follow overshoot in Spain, which saw new all-time high

* * * * * * *

German inflation hit another all-time high, adding urgency to the European Central Bank’s exit from crisis-era stimulus after numbers from Spain also topped economists’ estimates.

Driven by soaring energy and food costs, data released Monday showed consumer prices in the continent’s biggest economy jumped 8.7% from a year ago in May. Analysts surveyed by Bloomberg predicted an 8.1% advance.

The report comes just 10 days before a crucial ECB meeting where officials are set to announce the conclusion of large-scale asset purchases and confirm plans to raise interest rates in July for the first time in more than a decade. Some policy makers have even floated the idea of a half-point hike, rather than the quarter-point most of them support.

Money markets wagered on 113 basis points of rate increases by year-end, up three basis points since Friday. German bonds held declines, with benchmark 10-year yields eight basis points higher at 1.05%.

The inflation figures increase pressure on the government as households are further squeezed. Finance Minister Christian Lindner earlier Monday called the fight against surging prices the “top priority” while advocating an end to expansive fiscal policy. 

“Inflation is an enormous economic risk,” Lindner told a news conference in Berlin. “We must fight it so that no economic crisis results and a spiral takes hold in which inflation feeds off itself.”

ECB policy makers including President Christine Lagarde have expressed similar concerns, fretting that stubbornly high price growth risks becoming entrenched and damping consumption at a time when industry is suffering from lingering supply bottlenecks and uncertainty about energy supplies following Russia’s invasion of Ukraine.

                         Household Hurt

While inflation is now near its peak, the squeeze for households is far from over, according to ZEW Economist Friedrich Heinemann.

“Consumers will have to reckon with further increases in prices because many inputs are still scarce and wholesale prices are still increasing dramatically,” he said by email. “Surprisingly good labor-market data also indicate that the dreaded wage-price spiral could soon pick up speed.”

The ECB’s decisions in June will be guided by fresh economic projections that are likely to show price pressures in the euro area as a whole remaining above the 2% target in 2023 and 2024. Data for May from the 19-member currency bloc are due on Tuesday. 

                         What Bloomberg Economics Says…

“A similar pattern is likely to play out in euro-area inflation data. We expect a record high 7.6% for May, but the German reading points to substantial upside risk for our estimate. This will add to the ECB’s resolve to lift rates.”

Highlighting the persistent dangers, Spain earlier Monday reported an unexpected acceleration in inflation to a record 8.5%, despite government assistance including a fuel subsidy and an increase in the minimum wage. A Belgian measure also quickened.

In Germany, the lower house of parliament has passed a package of relief measures that includes a one-time payment, a child supplement and a reduction in electricity costs. Chancellor Olaf Scholz has signaled further action may be taken if needed to protect households and businesses.

Negotiated wages in Germany fell by 1.8% in real terms in the first quarter, and even though workers in the iron and steel industry are pushing for gains of more than 8%, they’re unlikely to secure gains that fully offsetting the rising cost of living.

* * * * * * *


L’inflazione tedesca tocca un nuovo record, mettendo sotto pressione la BCE.

– I costi di cibo ed energia fanno salire i prezzi al consumo dell’8,7%; stima: 8,1%. 8.1%

– I dati seguono il superamento della Spagna, che ha registrato un nuovo massimo storico.

* * * * * * *

L’inflazione tedesca ha toccato un altro massimo storico, rendendo più urgente l’uscita della Banca Centrale Europea dagli stimoli dell’era della crisi, dopo che anche i dati della Spagna hanno superato le stime degli economisti.

Spinti dall’impennata dei costi energetici e alimentari, i dati pubblicati lunedì hanno mostrato che a maggio i prezzi al consumo nella maggiore economia del continente sono aumentati dell’8,7% rispetto a un anno fa. Gli analisti intervistati da Bloomberg avevano previsto un aumento dell’8,1%.

Il rapporto giunge a soli 10 giorni da una riunione cruciale della BCE in cui i funzionari dovrebbero annunciare la conclusione degli acquisti di asset su larga scala e confermare i piani di rialzo dei tassi di interesse a luglio per la prima volta in più di un decennio. Alcuni responsabili politici hanno addirittura ventilato l’idea di un rialzo di mezzo punto, anziché del quarto di punto che la maggior parte di loro sostiene.

I mercati monetari hanno scommesso su 113 punti base di aumento dei tassi entro la fine dell’anno, con un aumento di tre punti base rispetto a venerdì. Le obbligazioni tedesche hanno mantenuto il ribasso, con il rendimento di riferimento a 10 anni in aumento di otto punti base all’1,05%.

I dati sull’inflazione aumentano la pressione sul governo, in quanto le famiglie sono ulteriormente schiacciate. Lunedì il ministro delle Finanze Christian Lindner ha definito la lotta all’impennata dei prezzi la “priorità assoluta”, auspicando la fine della politica fiscale espansiva.

“L’inflazione è un rischio economico enorme”, ha dichiarato Lindner in una conferenza stampa a Berlino. “Dobbiamo combatterla per evitare una crisi economica e una spirale in cui l’inflazione si autoalimenta”.

I responsabili politici della BCE, tra cui il Presidente Christine Lagarde, hanno espresso preoccupazioni simili, temendo che una crescita dei prezzi ostinatamente elevata rischi di radicarsi e di frenare i consumi in un momento in cui l’industria soffre per le persistenti strozzature nell’approvvigionamento e per l’incertezza sulle forniture energetiche a seguito dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

                         Le famiglie danneggiate

Secondo l’economista dello ZEW Friedrich Heinemann, mentre l’inflazione è ormai vicina al suo picco, la stretta per le famiglie è tutt’altro che finita.

“I consumatori dovranno fare i conti con ulteriori aumenti dei prezzi perché molti fattori di produzione sono ancora scarsi e i prezzi all’ingrosso continuano a crescere in modo drammatico”, ha dichiarato via e-mail. “I dati sorprendentemente buoni del mercato del lavoro indicano anche che la temuta spirale salari-prezzi potrebbe presto prendere velocità”.

Le decisioni della BCE a giugno saranno guidate da nuove proiezioni economiche che probabilmente mostreranno che le pressioni sui prezzi nell’area dell’euro nel suo complesso rimarranno al di sopra dell’obiettivo del 2% nel 2023 e nel 2024. I dati di maggio del blocco valutario a 19 membri sono attesi per martedì.

                         Cosa dice Bloomberg Economics.

“È probabile che i dati sull’inflazione dell’area dell’euro presentino uno schema simile. Ci aspettiamo un livello record del 7,6% per maggio, ma la lettura tedesca indica un sostanziale rischio di rialzo per la nostra stima. Ciò rafforzerà la determinazione della BCE a rialzare i tassi”.

Per evidenziare i pericoli persistenti, lunedì la Spagna ha registrato un’accelerazione inaspettata dell’inflazione, che ha raggiunto il livello record dell’8,5%, nonostante gli aiuti governativi, tra cui un sussidio per il carburante e un aumento del salario minimo. Anche il Belgio ha accelerato.

In Germania, la Camera bassa del Parlamento ha approvato un pacchetto di misure di sostegno che comprende un pagamento una tantum, un supplemento per i bambini e una riduzione dei costi dell’elettricità. Il cancelliere Olaf Scholz ha segnalato che, se necessario, potrebbero essere adottate ulteriori misure per proteggere famiglie e imprese.

I salari negoziati in Germania sono scesi dell’1,8% in termini reali nel primo trimestre e, sebbene i lavoratori dell’industria siderurgica stiano spingendo per ottenere aumenti superiori all’8%, è improbabile che riescano a ottenere guadagni tali da compensare completamente l’aumento del costo della vita.