Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo

Italia. Nov21. Mercato Interno. Prezzi Produzione +27.1% YoY. Energia -74.8% YoY.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-12-22.

2021-12-22 __ Istat 001

Questo era il titolo de La Repubblica del 19 dicembre, pochi giorni or sono.

Ue, Von der Leyen elogia l’Italia: “L’economia cresce come non mai”.

«Grazie alla solidarietà europea e alla capacità dell’Italia di gestire efficacemente la pandemia, l’economia italiana sta crescendo più in fretta che in qualunque altro momento dall’inizio di questo secolo”. La presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, a Milano per il centesimo anniversario dell’Università Cattolica che inaugura l’anno accademico 2021-2022, elogia l’Italia. Il Pil del Paese “ritornerà ai livelli pre-crisi già entro la metà del prossimo anno. Gli ordinativi sono in crescita e le imprese sono alla ricerca di personale. Negli ultimi anni non ci sono mai state così tante offerte di lavoro – ha aggiunto …. troppi giovani rimangono ancora disoccupati»

Ci si domanda di chi e di cosa abbia parlato Ursula von der Leyen.

Oggi 21 dicembre Istat ha pubblicato il Report sui Prezzi alla Produzione dell’Industria, PPI.

                         In sintesi.

– A novembre 2021 i prezzi alla produzione dell’industria aumentano dell’1,2% su base mensile e del 22,1% su base annua

– Sul mercato interno i prezzi aumentano dell’1,3% rispetto a ottobre 2021 e del 27,1% su base annua

– coke e prodotti petroliferi raffinati +46,4% mercato interno

– metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo +24,3% mercato interno

– energia +74.8% mercato interno.

* * *

Istat rilascia soltanto un succinto commento.

Questi macrodati non ammettono replica di sorta.

L’Italia è in stagflazione e l’inflazione la falcidia a livelli degni della crisi del 1929. Ma siamo solo agli inizi.

* * * * * * *


Istat. Prezzi alla produzione dell’industria e delle costruzioni – Novembre 2021

A novembre 2021 i prezzi alla produzione dell’industria aumentano dell’1,2% su base mensile e del 22,1% su base annua.

Sul mercato interno i prezzi aumentano dell’1,3% rispetto a ottobre 2021 e del 27,1% su base annua. Al netto del comparto energetico, i prezzi crescono dell’1,0% in termini congiunturali e del 9,4% in termini tendenziali.

Sul mercato estero i prezzi aumentano su base mensile dello 0,8% (+0,7% area euro, +0,9% area non euro) e segnano un incremento su base annua del 9,2% (+9,8% area euro, +8,8% area non euro).

Nel trimestre settembre-novembre 2021, rispetto al trimestre precedente, i prezzi alla produzione dell’industria crescono dell’8,2%, con una dinamica molto più sostenuta sul mercato interno (+10,2%) rispetto a quello estero (+2,5%).

A novembre 2021 si rilevano aumenti tendenziali diffusi a quasi tutti i settori del comparto manifatturiero; i più marcati riguardano coke e prodotti petroliferi raffinati (+46,4% mercato interno, +18,1% area euro, +73,1% area non euro), metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (+24,3% mercato interno, +34,1% area euro, +26,9% area non euro) e prodotti chimici (+15,8% mercato interno, +15,5% area euro, +14,7% area non euro). Le uniche flessioni interessano prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici e computer, prodotti di elettronica e ottica (rispettivamente -1,4% e -0,2% nell’area euro).

A novembre 2021 i prezzi alla produzione delle costruzioni per “Edifici residenziali e non residenziali” crescono dello 0,5% su base mensile e del 5,2% su base annua. I prezzi di “Strade e Ferrovie” aumentano dello 0,1% in termini congiunturali e del 4,8% in termini tendenziali.

                         Il commento.

A novembre, i prezzi alla produzione dell’industria proseguono la crescita ininterrotta da dicembre 2020 con un’ulteriore accelerazione su base annua (+22,1%, da +20,4% di ottobre). La dinamica tendenziale è trainata ancora dagli incrementi di energia e beni intermedi. Sia sul mercato interno – dove la crescita su base annua raggiunge il 27,1% (+25,3% a ottobre) – sia sul mercato estero, si rilevano accelerazioni dei prezzi diffuse a quasi tutti i settori manifatturieri. Per le costruzioni, i prezzi alla produzione crescono su base mensile sia per edifici, in misura più sostenuta, sia per strade; per entrambi, dopo il rallentamento registrato a ottobre, la dinamica tendenziale accelera nuovamente.