Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo

Inps. Anno 2020. Trattamenti pensionistici e Beneficiari. Spesa 307.7 miliardi.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-11-09.

2021-10-29__ Inps 001

L’Inps ha rilasciato il Report Statistiche in breve – Trattamenti pensionistici e Beneficiari PDF 1.07 Mb

Data la estensione del documento riporteremo le principali Tabelle numeriche, al seguito della quali abbiamo messo un sintetico riassunto.

* * * * * * *

2021-10-29__ Inps 002

2021-10-29__ Inps 003

2021-10-29__ Inps 004

2021-10-29__ Inps 005

2021-10-29__ Inps 006

2021-10-29__ Inps 007

2021-10-29__ Inps 008

2021-10-29__ Inps 010

* * * * * * *


I numeri dell’Inps: spesa a 307,7 miliardi.

16,1 milioni i beneficiari. Importo medio per le donne 27% inferiore rispetto agli uomini.

Roma, 28 ott. (askanews) – Le prestazioni del sistema pensionistico italiano vigenti a fine 2020 sono 22.717.120, per un ammontare complessivo annuo di 307.690 milioni di euro distribuito su 16.041.202 beneficiari (+3,8% rispetto al 2019); ognuno di loro percepisce in media 1,4 pensioni, anche di diverso tipo. Lo rileva l’Inps nella sua statistica in breve su Prestazioni pensionistiche e beneficiari al 31 dicembre scorso.

Nonostante le donne rappresentino la quota maggioritaria sul totale dei pensionati (il 52%), gli uomini percepiscono il 56% dei redditi pensionistici: l’importo medio dei redditi percepiti dalle donne è infatti inferiore rispetto a quello degli uomini del 27% (16.233 contro 22.351 euro).

Dall’analisi della distribuzione territoriale di pensioni e pensionati si osserva che nelle regioni settentrionali si ha un maggior numero sia di pensioni sia di pensionati (rispettivamente il 47,3% e il 47,8% del totale). Gli importi medi delle pensioni sono più elevati al Nord rispetto al resto dell’Italia (+7,1 punti percentuali rispetto alla media nazionale).

Analizzando la distribuzione dei pensionati per classe di età, di ampiezza quinquennale tra i 65 e i 79 anni, si osserva che la classe più numerosa, sia per i maschi che per le femmine, è quella degli ultraottantenni. La classe dove si riscontra l’importo medio più elevato è, per entrambi i sessi, quella tra 65 e 69 anni.

Dall’analisi delle differenze tra redditi maschili e femminili si osserva che le classi di reddito pensionistico oltre i 1.500 euro mensili sono popolate più da maschi che da femmine; in tali classi i pensionati rappresentano il 56,3% del totale dei maschi, mentre per le pensionate l’analoga quota scende al 34,9%. Il gruppo più numeroso di pensionati è quello dei titolari di pensioni di vecchiaia: essi sono 11.168.031. Tra questi il 27,9% è anche titolare di trattamenti appartenenti ad altri tipi. I pensionati titolari di invalidità previdenziale sono circa 1 milione; poco meno della metà (il 49,6%) cumula pensioni di tipo diverso da quelle di invalidità previdenziale.

I titolari di pensioni ai superstiti sono 4.305.860; circa un terzo (il 32,6%) percepisce solo pensioni ai superstiti, mentre il restante 67,4% percepisce anche pensioni di altro tipo.

I beneficiari di prestazioni di tipo assistenziale sono circa 3,6 milioni; il 50,7% è titolare anche di prestazioni diverse da quelle assistenziali. Sono principalmente i beneficiari di indennità di accompagnamento che percepiscono anche pensioni di tipo previdenziale.

I titolari di rendite di tipo indennitario infine sono 668.801 di cui la grande maggioranza (il 72,4%) cumula tale prestazione con altri tipi di prestazione previdenziale e/o assistenziale.