Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Economia e Produzione Industriale

Italia. Ott21. Gamberi rosa. Listino Prezzi Ingrosso. Prezzi stellari.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-10-23.

2021-10-20__ Gamberi 001

Questi sono i prezzi all’ingrosso dei gamberi rosa, Parapenaeus Longirostris, nella settimana dal 18 ottobre.

Come si constata, sono aumenti anno su anno che vanno dal +47.2% al +133.3%.

Si tenga presente come tra il costo dei prezzi all’ingrosso e quelli al dettaglio intercorra un fattore moltiplicativo che varia tra le cinque e le otto volte, a seconda della tipologia del pescato e della piazza di mercato.

Questa è l’inflazione, della quale tutti i Cittadini fanno esperienza nella spesa quotidiana, sul proprio portafoglio.

Si commenti come si voglia, ma sono incrementi dei prezzi che ne preclusono l’acquisto a larga parte della popolazione.

2021-10-20__ Gamberi 002

* * * * * * *

Questa è la situazione del primo semestre 2021.

«Il volume delle prime vendite nel primo semestre del 2021 si è attestato intorno a 37 mila tonnellate, in diminuzione del -5,4% rispetto allo stesso semestre dello scorso anno, secondo gli ultimi dati disponibili dell’Osservatorio Eumofa. Acciughe, sardine e vongole rappresentano nel primo semestre 2021 le principali specie sbarcate. Rispetto allo scorso anno si è registrato un forte ridimensionamento dei volumi delle vongole (-38,2%) accompagnato da una riduzione nel valore (-32,8%). Anche il pesce spada ha visto le sue quantità sbarcate ridursi (-25,7%), anche in questo caso insieme ad una diminuzione del valore (-21,1%). Per entrambe le specie il prezzo è tuttavia cresciuto rispetto al primo semestre del 2020 (rispettivamente del +8,7% e del +6,1%).

Crescono invece i volumi di sardine (+34,8% rispetto alla prima metà del 2020) e di acciughe o alici (+5,1%) in virtù del buon andamento della campagna di pesca nei primi mesi dell’anno.

A valore gli sbarchi di sardine e acciughe mettono a segno un progresso rispettivamente del +27,3% e del +36,6% rispetto al primo semestre del 2020. Anche le triglie sono interessate da un aumento nel valore, pari a +27,1%, mentre i gamberi o gamberetti diversi registrano un +37,9% rispetto allo stesso semestre dello scorso anno.

Nel periodo gennaio-aprile 2021 in Europa i consumi ittici hanno registrato un trend positivo sia in volume (+14,8%) sia in valore (+17,5%) rispetto allo stesso periodo del 2020. I Paesi maggiormente interessati da aumenti nei volumi sono stati l’Irlanda (+54,4%), la Francia (+28,5%) e la Germania (+28,9%) quest’ultima sostenuta da una diminuzione dei prezzi del -8,3%. La ragione è sicuramente da ricercare nel calo consistente dei consumi che ha caratterizzato i primi mesi del 2020 in seguito alle chiusure generalizzate in tutta Europa a seguito dell’emergenza sanitaria.

Anche i consumi nazionali sono cresciuti del 25,2% nel periodo gennaio-aprile 2021. Al dato italiano ha contribuito positivamente in particolare l’aumento nei consumi di salmone (quasi 8mila tonnellate nel periodo gennaio-aprile rispetto alle quasi 5mila del 2020, +63,8% nel periodo), orate (+30,8%) e acciughe o alici (+20,4%). Forti incrementi anche nel valore generato: contribuiscono in particolar modo i salmoni (+57,4% rispetto al precedente anno) e le orate (incremento del 23,7% rispetto al periodo tra gennaio e aprile 2020). Un altro incremento considerevole è quello dei calamari, il cui valore nei primi quattro mesi del 2020 era pari a circa 43 milioni di euro, mentre nello stesso periodo del 2021 è pari a 65 milioni di euro.»