Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Stati Uniti

Usa. Nonfarm Payrolls 253,000. La débâcle economica di Joe Biden.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-09-23.

2021-09-03__ Nonfarm 001

«Il Dipartimento del Lavoro ha reso noto che ad agosto nell’economia Usa sono stati creati 235 mila nuovi posti, rispetto a 1,053 milioni del mese precedente, segnando i minimi in 7 mesi»

235,000 nuovi posti di lavoro in un paese con 331 milioni di abitanti sono una quota infima.

Alcune considerazioni sarebbero doverose.

– In primo luogo, la totale inettitudine ed incapacità della Harris-Biden Administration nel gestire l’economia del paese. Joe Biden si glori pure di avere uno staff quasi totalmente femminile ripieno di altrimenti senzienti: sono un branco di incompetenti il cervello dei quali soffre di deliri coatti ideologici, applicando i quali in pochi mesi hanno distrutto l’America.

– In secondo luogo, questa debacles economica accade subito a ridosso di quella in Afghanistan, nella cui gestione, ‘e il modo ancor mi offende’ Joe Biden ha distrutto ogni credibilità americana, relegandola da grande potenza mondiale a modesta potenza locoregionale.

– In terzo luogo, allontanando i tempi del taperig, l’inflazione americana continuerà a crescere più rigogliosa che mai, coinvolgendo così tutto l’enclave liberal occidentale. L’inflazione mieterà più vittime della grande peste.

– In quarto luogo, sottolineiamo con enfasi l’assurda incapacità dei grandi economisti occidentali, che avevano previsti almeno 750,000 posti nuovi, tre volte tanto la realtà dei fatti. Per non parlare poi dei media liberal menzogneri.

Sufficit.

* * * * * * *


Le Non farm payrolls calano ai minimi in 7 mesi, tapering Fed più lontano

Il mercato del lavoro statunitense non ha rispettato le attese del mercato, che voleva un aumento delle paghe non agricole pari a 750 mila, allontanando le previsioni per una riduzione degli acquisti obbligazionari Fed entro la fine del 2021.

Il Dipartimento del Lavoro ha reso noto che ad agosto nell’economia Usa sono stati creati 235 mila nuovi posti, rispetto a 1,053 milioni del mese precedente, segnando i minimi in 7 mesi. 

In calo il tasso di disoccupazione, al 5,2% dal 5,4% precedente, con retribuzione oraria media in aumento al 4,3% contro le previsioni del 4,0%. 

I policy maker della Federal Reserve stanno osservando da vicino i numeri sul mercato del lavoro per capire quando iniziare a chiudere i rubinetti degli aiuti messi dall’inizio della pandemia.

Nelle ultime settimane, i presidenti federali della Fed hanno espresso ottimismo sul quadro dell’occupazione, affermando di dover vedere una “forza sostenuta” prima di cambiare rotta alla politica monetaria, che vede la banca impegnata ad acquistare $120 miliardi di asset tra titoli di Stato e MBS: 

Con una creazione di nuovi lavori più debole di quanto appena mostrato, la banca centrale Usa potrebbe aspettare fino al 2022 prima di ridurre la liquidità in circolazione.