Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Stati Uniti

Pentagono. Bin Laden ordinava nel 2010 di non uccidere Biden, ‘porterà gli Stati Uniti alla crisi’.

Giuseppe Sandro Mela.

2021-08-25.

2021-08-24__ Bin Laden 001

La lettera è stata pubblicata dal Combating Terrorism Center (Ctc) di West Point, un istituto accademico sotto la guida dell’Accademia militare degli Stati Uniti. Il Ctc si occupa di ricerca e analisi politica in settori come antiterrorismo, sicurezza interni e conflitti internazionali.

Ne riportiamo in stralcio il punto in cui Bin Laden parla di Joe Biden.

* * * * * * *

Questa non è la prima volta che i militari americani intervengono nella politica contro Joe Biden.

USA. 124 generali ed ammiragli diffidano la Harris-Biden Administration.

«The letter questioned the 2020 election result and President Joe Biden’s physical and mental health.»

«Our Nation is in deep peril»

«The conflict is between supporters of Socialism and Marxism vs. supporters of Constitutional freedom and liberty»

«During the 2020 election an “Open Letter from Senior Military Leaders” was signed by 317 retired Generals and Admirals and, it said the 2020 election could be the most important election since our country was founded»

* * * * * * *

Anche se la fonte è ufficiale, il Pentagono, dato il tema trattato, ci asterremo da ogni commento.

* * * * * * *


Bin Laden, in una lettera del 2010, dettava la linea ad Al Qaeda: “Non uccidete Biden, porterà gli Stati Uniti alla crisi”

Nel documento, il leader terrorista indicava come obiettivi primari l’ex presidente Obama e l’allora capo della Cia David Petraeus.

In una lettera inviata nel maggio del 2010, il fondatore di Al Qaeda Osama Bin Laden aveva avvertito i componenti del movimento di non prendere di mira l’attuale presidente degli Stati Uniti Joe Biden, all’epoca vice di Obama, perché in caso di successione si sarebbe rivelato “totalmente impreparato per ricoprire quel ruolo e avrebbe portato la nazione in stato di crisi”. Il documento è stato reso pubblico dal Combating Terrorism Center. 

Obama come obiettivo – Nelle 49 pagine inviate da Bin Laden e indirizzate al successore del terrorista Mustafa Abu’l-Yazid, in occasione della morte di quest’ultimo, erano indicati come bersagli l’allora presidente degli Stati Uniti Barack Obama e l’ex capo nella Cia David Petraeus. In un passaggio inerente alle visite dei rappresentanti americani in Afghanistan e in Pakistan, veniva esplicitamente chiesto di “non colpire le visite del vice presidente Biden”, perché convinti che “uccidendo Obama, l’America avrebbe eletto Biden per il resto del mandato”, rivelando così la sua incapacità e alterando l’andamento della guerra.

La fonte – La lettera è stata pubblicata dal Combating Terrorism Center (Ctc) di West Point, un istituto accademico sotto la guida dell’Accademia militare degli Stati Uniti. Il Ctc si occupa di ricerca e analisi politica in settori come antiterrorismo, sicurezza interni e conflitti internazionali.

* * *

Bin Laden Warned in 2010 Letter That Biden Would ‘Lead US into Crisis’

«In the letter dated May 2010, the Al- Qaeda 9/11 mastermind wrote he had no assassination plots against Biden because he deemed him “totally unprepared” to lead the United States»

«The reason for concentrating on them is that Obama is the head of infidelity and killing him automatically will make Biden take over the presidency for the remainder of the term, as it is the norm over there, …. Biden is totally unprepared»

 «The documents, penned between 2006 and 2011, are publicly available through West Point’s Combating Terrorism Center.»

Un pensiero riguardo “Pentagono. Bin Laden ordinava nel 2010 di non uccidere Biden, ‘porterà gli Stati Uniti alla crisi’.

I commenti sono chiusi.