Pubblicato in: Banche Centrali, Devoluzione socialismo, Unione Europea

Eurozona. Maggio. PMI Composito 30.5, Manifatturiero 39.5, Servizi 30.5.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-05-22.

2020-05-22__Eurozona MPI 001

Da febbraio ad aprile il PMI manifatturiero era crollato da 49.2 a 33.6, l PMI composito dei servizi era crollato da 51.6 a 13.5, mentre il PMI dei direttori agli acquisti del settore servizi era precipitato da 52.8 ad 11.7.

I valori attuali, relativi al rilevamento di maggio, sono in buona risalita, pur risultando ancora ben al di sotto del valore di soglia di 50.

Questo indica un generale clima di sfiducia e disaffezione dall’Unione Europea, che si è dimostrata incapace di raggiungere una convergenza politica. Si constata come si sia arenata sui veti incrociati, incapace di prendere decisioni.

«The IHS Markit Eurozone Manufacturing PMI rose to 39.5 in May 2020 from 33.4 in the previous month and beating market expectations of 38, a preliminary estimate showed. The reading pointed to the second sharpest contraction in the factory sector on record, amid non-essential business closures due to the coronavirus pandemic. Output shrank at a softer pace and new orders continued to fall. In addition, the job shedding rate slowed modestly as firms in sought to cut capacity due to weaker demand. On the price front, input costs declined at the fastest pace in over four years. Finally, sentiment remained below anything recorded before the covid-19 outbreak.»