Pubblicato in: Cina, Economia e Produzione Industriale

Cina. Aprile. Produzione Industriale Annualizzata +3.9%.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-05-15.

2020-05-15__Cina 001

«Dopo mesi di lockdown la Cina sta gradualmente ripartendo e questo è il primo vero segnale di ripresa della produzione».

«In Cina l’epidemia e’ rientrata, mentre ancora imperversa a livello globale, frenando l’export del Dragone»

È davvero sorprendente la rapidità con la quale la Cina sia riuscita a rimettere in moto la produzione industriale, emergendo dall’epidemia che aveva indotto un Pil Q1 a -9.8% ed un calo dei profitti industriali del -34.90%.

Staremo a vedere se l’Unione Europea saprà fare altrettanto.

*

Cina. Innalzati i dazi sui tubi di acciaio EU ed USA.

Crollano Germania, Francia e Regno Unito, mentre la Cina vola.

Cina. Marzo. Import petrolifero. Arabia Saudita -1.6%, Russia +31%.

Daimler, Mercedes Benz, ha ripreso la produzione in Cina.

Exxon Mobil Corp e la Cina. Notizia non economica bensì politica.

Cina. Profitti Industriali annualizzati -34.90%.

Cina. Coronavirus. Pil 2020 Q1 -9.8%, Pil annualizzato -6.8%.

Cina. Primi dati macro raccolti durante l’epidemia in fase florida.

Cina. Riprendono le attività produttive. – Xinhua.

*


In Cina la produzione industriale ha segnato il primo rialzo del 2020.

Dopo mesi di lockdown il Paese sta gradualmente ripartendo e segna il +3,9% annuale ad aprile, il primo rialzo quest’anno dopo il -1,1% di marzo e contro un atteso +1,5%.La produzione industriale cinese è cresciuta del 3,9% annuale ad aprile, il primo rialzo quest’anno dopo il -1,1% di marzo e contro un atteso +1,5%. Dopo mesi di lockdown la Cina sta gradualmente ripartendo e questo è il primo vero segnale di ripresa della produzione. In Cina l’epidemia e’ rientrata, mentre ancora imperversa a livello globale, frenando l’export del Dragone.Anche i consumi in Cina restano deboli, come confermano i dati delle vendite al dettaglio, che ad aprile si contraggono del 7,5% annuale, dopo il -15,8% di marzo e contro un atteso -7%. In calo del 10,3% anche gli investimenti fisse, dopo il -16,1% e contro un atteso -10%. Il tasso di disoccupazione sale al 6%, contro il 5,9% di marzo.