Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Giustizia, Unione Europea

Germania. I Tedeschi sono diventati identitari sovranisti che si ribellano all’EU.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-05-11.

Unione Europea 013

«The Karlsruhe ruling also creates tension

between the EU’s top court and constitutional courts

around Europe, shaking the bloc’s legal order.»

«Declaration of war by [the German constitutional court] on CJEU [EU top court]»

«come stabilito dalla decisione ‘Solange I’ del 1974, finché la comunità europea non sia tanto avanzata nell’integrazione da disporre di una carta dei diritti fondamentali equipollente alla costituzione tedesca, la BVerfG (la Consulta tedesca, ndr) è legittimata a controllare gli atti comunitari nel rispetto dei principi e delle direttive presenti nella costituzione tedesca»

*

I tedeschi hanno gettato la maschera e si stanno dimostrando più sovranisti dei più incandescenti sovranisti: toccati nel portafoglio hanno reagito come astute belve inferocite.

La sentenza Karlsruhe crea una tensione tra la massima corte dell’UE e le corti costituzionali di tutta Europa, scuotendo l’ordine giuridico del blocco finora sostenuto, almeno a parole.

Le decisioni degli Organi di Governo europei e le sentenze della European Court of Justice (ECJ) sono vincolanti per tutti gli stati membri, oppure hanno valore solo se non contrastano con le costituzioni dei singoli stati?

In altri termini, è l’Unione Europea uno stato, se non altro de facto, oppure è una mera unione economica di stati che continuano a ritenere la propria sovranità nazionale?

La prima visione era stata sostenuta dai liberal socialisti, mentre la seconda, prima della sentenza di Karlsruhe, era sostenuta solo dagli identitari sovranisti, quali i polacchi e gli ungheresi, nonché dai partiti politici tipo AfD in Germania.

Ma la Germania ha già risposto: NO!

* * * * * * *

Se, come potrebbe sembrare, vincesse la visione tedesca, l’attuale Unione Europea potrebbe crollare. E con essa la Ecb, il Public Sector Purchase Programme, ultima ancora di salvezza dell’Italia.

Ma per l’Italia sarebbe anche un severo colpo politico: l’attuale Governo in carica si era infatti appiattito sulla componente europarlamentare liberal socialista, e senza padrini potenti non potrebbe campare a lungo.

* * * * * * *

«The ruling by the Karlsruhe-based top court puts question marks around the ECB’s stimulus scheme ahead of a looming economic crisis.»

«It also questions the independence of EU institutions, and creates a risky precedent by dismissing an earlier ruling by the EU’s top court.»

«It could also embolden populists, and nationalist governments in Poland and Hungary, which have railed against EU legal supremacy.»

«The ECB collected almost €3 trillion in bonds since 2015, with German bonds bought under the PSPP worth €533.9bn by the end of April»

«The seven-to-one ruling , however, puts into question the ECB’s “whatever it takes” approach in the next economic crisis, as it could open the door for new cases in Germany.»

«The Karlsruhe ruling also creates tension between the EU’s top court and constitutional courts around Europe, shaking the bloc’s legal order.»

«The EU court in 2018 cleared the bond-buying scheme, arguing it is not illegal financing and is proportionate, citing the ECB’s self-imposed limits on purchases»

«In Tuesday’s decision the German judges said the ECJ’s ruling is “not comprehensible” and deemed it “ultra vires”, meaning beyond its powers.»

«Declaration of war by [the German constitutional court] on CJEU [EU top court]»

«The ruling raised concerns that other national constitutional courts, some of which are suspected to be under pressure from governments, could dismiss EU law.»

«Poland and Hungary has been locked in a conflict with EU institutions over the rule of law and judiciary independence.

Mayer said in Poland, authorities could use the ruling to justify their own dismissal of EU law, saying “look, even the Germans do it, we don’t have to obey European legal claims of primacy of EU law.”»

* * * * * * *

Prendiamo atto che è in corso una guerra civile tra la Corte Europea e le Corti Costituzionali, che avrebbero ampie possibilità di vittoria.

*


EU Observer. German court questions bond-buying and EU legal regime.

The German Constitutional Court on Tuesday (5 May) ruled that the country’s central bank should stop buying government bonds under the European Central Bank’s (ECB) stimulus program within three months – unless the ECB proves it acted proportionally.

The ruling by the Karlsruhe-based top court puts question marks around the ECB’s stimulus scheme ahead of a looming economic crisis.

It also questions the independence of EU institutions, and creates a risky precedent by dismissing an earlier ruling by the EU’s top court.

It could also embolden populists, and nationalist governments in Poland and Hungary, which have railed against EU legal supremacy.

On the economic front, the German ruling deals a blow to the so-called Public Sector Purchase Programme (PSPP), that has kept the eurozone’s economy afloat during subsequent crises.

The court said the German government and parliament acted unconstitutionally when they did not challenge the ECB’s decision on PSPP, and did not investigate if the scheme is proportional to the goals it aimed to achieve.

The ECB will now have to provide evidence within three months that the scheme is proportionate.

The ECB collected almost €3 trillion in bonds since 2015, with German bonds bought under the PSPP worth €533.9bn by the end of April, according to Reuters.

But – it is important to note – the Karlsruhe judges did not apply their ruling to the ECB’s latest programme, a €750bn scheme to help the coronavirus-stricken eurozone economy.

The seven-to-one ruling , however, puts into question the ECB’s “whatever it takes” approach in the next economic crisis, as it could open the door for new cases in Germany.

Some German economists and academics, who brought forward the original 2015 case, have argued that the ECB programme constitutes direct financing of governments – which goes against the EU Treaty.

The ruling itself highlights the ongoing tension between the ECB and eurozone governments, with capitals being reluctant to pull resources together and share costs, while the central bank is expected to offset economic shocks.

The court decision adds a legal complication to the political one, which has dominated EU discussions over the past months as financing the coronavirus’s economic affect took centre stage.

Previous ruling

The Karlsruhe ruling also creates tension between the EU’s top court and constitutional courts around Europe, shaking the bloc’s legal order.

In 2017, the German judges asked the European Court of Justice (ECJ) for an interim ruling if the ECB’s margin of manoeuvre should be limited.

The EU court in 2018 cleared the bond-buying scheme, arguing it is not illegal financing and is proportionate, citing the ECB’s self-imposed limits on purchases.

In Tuesday’s decision the German judges said the ECJ’s ruling is “not comprehensible” and deemed it “ultra vires”, meaning beyond its powers.

“Declaration of war by [the German constitutional court] on CJEU [EU top court],” the Brussels-based Bruegel think tank economist and director Guntram Wolff reacted on Twitter.

“It [ruling] is basically addressed to the ECJ, this is judicial egos clashing, […] who is the ultimate umpire, the final arbiter, who has the final world, here, with the German constitutional court saying, basically it is us,” Franz Mayer, EU law professor with the Bielefeld University said in a webinar at Bruegel.

“The treaties don’t provide for this kind of overruling of the ECJ,” Mayer said, adding that it could open a “pandora’s box” and that the ECJ must react.

The ruling raised concerns that other national constitutional courts, some of which are suspected to be under pressure from governments, could dismiss EU law.

Poland and Hungary has been locked in a conflict with EU institutions over the rule of law and judiciary independence.

Mayer said in Poland, authorities could use the ruling to justify their own dismissal of EU law, saying “look, even the Germans do it, we don’t have to obey European legal claims of primacy of EU law.”

MEP Esteban Gonzalez Pons from the centre-right European People’s Party said the move by the German court dictating the policy of the ECB and putting itself above the ECJ “is the same one followed by the Hungarian and Polish authorities denying the European rule of law”.

The EU commission defended the bloc’s top court.

“Notwithstanding the analysis of the detail of the German constitutional court’s decision today, we reaffirm the primacy of EU law and the fact that the rulings of the European Court of Justice are binding on all national courts,” Eric Mamer, commission spokesperson said.

The Karlsruhe decision was welcomed by at least some populists.

The co-chair of far-right German party, Alternative for Germany (AfD), Tino Chrupalla tweeted that the with the ruling the German constitutional court “is putting the EU institutions in their place”.

*


Il conflitto irrisolto tra Costituzione tedesca e diritto europeo.

Un pronunciamento della Consulta di Karlsruhe mette in discussione il ‘quantitative easing’ della Bce. La Commissione Europea ha ribadito il primato delle decisioni comunitarie. Ma la realtà è molto più complicata.

La Commissione Europea ha ribadito il primato delle decisioni comunitarie di fronte al pronunciamento della Corte Costituzionale tedesca, che, in mancanza di chiarimenti entro tre mesi, intimera’ alla Bundesbank di vendere i titoli acquistati nell’ambito del programma di ‘quantitative easing’ della Bce. Un’operazione che potrebbe potenzialmente significare la fine dell’euro ma alla quale, ha fatto sapere lo stesso ministro delle Finanze di Berlino, Olaf Scholz, la banca centrale tedesca si atterrà. Sta in questo conflitto irrisolto la radice di molte tra le questioni aperte che impediscono all’Unione Europea di diventare una vera unione politica.

La primazia del diritto Ue sulla legge fondamentale tedesca rivendicata da Bruxelles è infatti solo teorica, in particolare sulle questioni finanziarie. I giudici di Karlsruhe hanno affermato più volte che il diritto europeo prevale sì su quello nazionale ma solo a patto di non incidere sull'”identità costituzionale” tedesca. E solo a loro spetta stabilire quali siano le materie che rientrano nella casistica. Tra queste è stato inserito il bilancio.

“Le decisioni sulle entrate e le spese pubbliche – ha stabilito la Corte nel settembre 2012, il mese in cui fu istituito il Mes – sono una parte fondamentale della capacità di uno stato costituzionale di dare forma a se stesso in maniera democratica”. Una precedente sentenza aveva negato alla Germania la possibilità di assumere decisioni permanenti che implichino l’assunzione di responsabilità per le decisioni altri Stati membri, un altro pronunciamento che può avere implicazioni fortissime sulla politica di bilancio europea, a partire dal no agli Eurobond, la cui inattuabilità è stata quindi sancita diversi anni fa.

L’indipendenza della Bce sarebbe dunque tale solo se le sue azioni venissero considerate scollegate dal bilancio tedesco, cosa che Karlsruhe non appare ritenere: se ricorsi in tale materia sono stati accolti più volte, la Corte la ritiene evidentemente di sua competenza. Non finisce qui.

La Corte Costituzionale tedesca si riserva di stabilire se gli atti dell’Unione Europea siano o meno “ultra vires”, ovvero vadano oltre le competenze conferitele. Paletti che, in assenza di una disciplina specifica, aprono numerose incognite (è ad esempio considerabile “ultra vires” dalla Consulta tedesca un programma di assistenza economica che non abbia limiti prestabiliti).

In una relazione consultabile sul sito della Cassazione, Michael Stuerner, docente di Diritto Privato Internazionale presso l’università di Karlsruhe e giudice dell’Alta Corte del Baden Wuerttemberg, chiarisce che “come stabilito dalla decisione ‘Solange I’ del 1974, finché la comunità europea non sia tanto avanzata nell’integrazione da disporre di una carta dei diritti fondamentali equipollente alla costituzione tedesca, la BVerfG (la Consulta tedesca, ndr) è legittimata a controllare gli atti comunitari nel rispetto dei principi e delle direttive presenti nella costituzione tedesca”.

Tradotto: finché non ci sarà una Costituzione europea, spetterà ai giudici di Karlsruhe, e solo a loro, stabilire quali atti comunitari siano compatibili con la sovranità del popolo tedesco e con i suoi diritti fondamentali, diritti tra i quali la gestione autonoma delle proprie finanze è tra i più sacri.

2 pensieri riguardo “Germania. I Tedeschi sono diventati identitari sovranisti che si ribellano all’EU.

I commenti sono chiusi.