Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Medicina e Biologia, Unione Europea

Francia. Picco si avvicina. 241 gerontocomi colpiti dai contagi.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-04-02.

2020-03-31__Francia Coronavirus 001

L’epidemia da Covid-19 sta sviluppandosi in Francia, sfasata di circa un mese dall’Italia. Pur non avendo preso misure contenitive severe, la popolazione inizia a percepire il coronavirus come un pericolo incombente, ed iniziano a notarsi i primi segnali di una diffusa paura.

Gli ospedali hanno bloccato interventi e ricoveri di elezione, restando disponibili quasi esclusivamente per i trattamenti degli infetti da Covid-19. Università e scuola sono chiuse in gran parte degli stati della Francia.

* * * * * * *

«La morte della sedicenne Julie scuote il Paese dove il numero di contagi e morti cresce rapidamente»

«In Francia, che attende per la prossima settimana “un’ondata estremamente alta” di casi di Covid-19, la situazione sanitaria si sta rapidamente deteriorando e il governo a prorogare il confinamento fino al 15 aprile»

«E si susseguono dichiarazioni allarmiste di responsabili degli ospedali dell’Ile de France e del premier Edouard Philippe, in un clima di crescenti tensioni sociali per la morte di due lavoratori e la mancanza di protezioni adeguate»

«Nelle prossime 24-48 ore la capacità di accoglienza degli ospedali dell’hinterland parigino arriverà a saturazione, riproponendo lo stesso scenario del Grande Est, dove la sanità è già al collasso»

«un’ondata estremamente alta dilagherà sulla Francia. La situazione sarà molto difficile nei prossimi giorni»

«la crisi durerà nel tempo e la situazione sanitaria non migliorerà rapidamente»

«La Francia non ha ancora raggiunto il picco dei contagi ma l’epidemia ha già causato 1.995 vittime e 32.964 contagi, dei quali 3.787 sono in terapia intensiva in gravi condizioni»

«Nell’Ile de France i “numeri sono vertiginosi” ha avvertito l’Agenzia della salute regionale (Ars), con un bilancio di 1.300 pazienti in rianimazione e almeno 241 case di cure per anziani (Ehpad) già colpite dall’epidemia di nuovo coronavirus»

* * * * * * *

La Francia registra solo i deceduti in ospedale. Mattanza nei gerontocomi.

In Francia sono ad oggi registrati 37,575 contagi, 29,561 dei quali in fase attiva, con 2,314 morti e 5,700 guariti.

«almeno 241 case di cure per anziani (Ehpad) già colpite dall’epidemia di nuovo coronavirus»

Il dato relativo ai gerontocomi è impressionante: in molti di essi i provvedimenti restrittivi sono stati del tutto insufficienti. Eppure gli anziani ricoverati, oltre ai problemi legati all’età, sono tutti portatori di gravi patologie organiche, fatto questo che li rende particolarmente vulnerabili al contagio.

*


La Francia in trincea attende l’ondata “estremamente alta”.

La morte della sedicenne Julie scuote il Paese dove il numero di contagi e morti cresce rapidamente. Nelle prossime 24-48 ore la capacità di accoglienza degli ospedali dell’hinterland parigino arriverà a saturazione.

In Francia, che attende per la prossima settimana “un’ondata estremamente alta” di casi di Covid-19, la situazione sanitaria si sta rapidamente deteriorando e il governo a prorogare il confinamento fino al 15 aprile. Intanto il Paese è scosso dalla morte di Julie, appena 16enne, la più giovane vittima francese per il coronavirus.

E si susseguono dichiarazioni allarmiste di responsabili degli ospedali dell’Ile de France e del premier Edouard Philippe, in un clima di crescenti tensioni sociali per la morte di due lavoratori e la mancanza di protezioni adeguate. Nelle prossime 24-48 ore la capacità di accoglienza degli ospedali dell’hinterland parigino arriverà a saturazione, riproponendo lo stesso scenario del Grande Est, dove la sanità è già al collasso.

L’unica soluzione, ha detto Frederic Valletoux, presidente della Federazione ospedaliera di Francia (Fhf), “è un’estrema solidarietà tra regioni e ospedali: dobbiamo moltiplicare le operazioni di trasferimento dei pazienti, altrimenti sarà una catastrofe”.

Oggi e nel fine settimana proseguirà l’evacuazione dei malati dal Grande Est verso strutture della Nuova Aquitania e in altre regioni con posti disponibili. Il capo del governo ha invece avvertito che “un’ondata estremamente alta dilagherà sulla Francia. La situazione sarà molto difficile nei prossimi giorni”.

Con grande realismo Philippe ha riconosciuto che “la crisi durerà nel tempo e la situazione sanitaria non migliorerà rapidamente” e ha invitato tutti a “resistere”. La Francia non ha ancora raggiunto il picco dei contagi ma l’epidemia ha già causato 1.995 vittime e 32.964 contagi, dei quali 3.787 sono in terapia intensiva in gravi condizioni. Nell’Ile de France i “numeri sono vertiginosi” ha avvertito l’Agenzia della salute regionale (Ars), con un bilancio di 1.300 pazienti in rianimazione e almeno 241 case di cure per anziani (Ehpad) già colpite dall’epidemia di nuovo coronavirus.

Di fronte all’impennata di casi di Covid-19, il via libera del governo alle cure con idrossiclorochina e in associazione lopinavir/ritonavir – rispettivamente utilizzate contro la malaria e l’Hiv – è passata quasi inosservata e non basta a dare speranze. Del resto l’autorizzazione del ministero della Salute è stata valutata da alcuni media e osservatori come inattesa e precipitosa. In Francia sono tutt’ora in corso decine di test clinici il cui esito non è noto al momento, mentre sono noti gli effetti dannosi della clorochina sulla salute se assunta erroneamente. Intanto le tensioni sociali stanno crescendo in reazione agli ultimi provvedimenti del governo per “far lavorare di piu'” alcuni settori, in modo da vincere una “guerra economica”.

Oggi a scatenare l’ira dei sindacati è stato il decesso per Covid-19 di un dipendente Carrefour a Saint-Denis e di un lavoratore interinale Manpower impegnato con Fedex a Roissy, oltre al contagio confermato di un dipendente di Amazon a Saran vicino a Orleans. I sindacati, Cgt in primis, chiedono migliori protezioni per i lavoratori: oltre a mascherine la limitazione di orari e giorni di apertura dei supermercati, magari concentrando l’offerta sui soli prodotti essenziali.

Il segretario generale della Cgt, Philippe Martinez, ha proposto di scioperare per denunciare “la mancanza di protezioni” per i lavoratori. A lanciare un appello allarmista sono anche le autorità della Normandia e di altre regioni dove un milione di residenti di Parigi e dintorni si sono ‘rifugiati’ per trascorrere il periodo di confinamento, facendo temere il propagarsi dell’epidemia in zone finora immuni o poco colpite. Dopo la fuga della scorsa settimana, “ogni giorno circa 300 parigini arrivano ancora in Normandia e da 48 ore registriamo un boom dei pazienti nei nostri reparti di rianimazione” ha deplorato il presidente della regione, Hervè Morin.

Un pensiero riguardo “Francia. Picco si avvicina. 241 gerontocomi colpiti dai contagi.

I commenti sono chiusi.