Pubblicato in: Cina, Geopolitica America Latina., Materie Prime

Cina. Sta investendo massicciamente in Bolivia e Columbia. La guerra del Litio.

Giuseppe Sandro Mela.

2020-03-03.

Bolivia 001

«La Bolivia è molto ricca, si dice che abbia il 70% delle riserve di questa risorsa essenziale per produrre le nuove batterie. E tutti sappiamo che il mondo sta avviando un cambiamento energetico»


«Bolivia, is a country located at South America, it has an area of 1,098,580 Km2, and it may be considered a large country.

Bolivia, with a population of 11,353,142 people, it is ranked at 80º position by population of 196 countries and it has a low population density, 10 people per km2.

The capital is Sucre and its currency is Bolivians

Bolivia is holding the 95 position by nominal GDP. Its national debt in 2017 was 19,374 millions of dollars, ( 51.26% debt-to-GDP ratio) and its public debt per capita is 1,731$ dollars per inhabitant.

The last annual rate of CPI published in Bolivia was on July of 2019 and it was 1.9%.

In terms of the human development index (HDI) of Bolivia, which is the index used by the United Nations to measure the progress of a country, was 0.693 points in 2017, leaving it in 118th place in the table of 189 countries published.

If the reason to visit Bolivia are business, you must know it’s in the 156th of the Doing Business ranking , which provides objective measures of business regulations for local firms» [Country Economy]

Nel 2018 il pil ppa procapita ammontava a 7,873.2 Usd, dato il basso costo della vita. In venti anni ha quintuplicato il pil.

2020-02-26__Bolivia_Gdp__001

*

Il vero tesoro racchiuso in Bolivia è il litio, e la Bolivia fa parte con l’Argentina ed il Cile del così detto ‘Triangolo del Litio’. Le sue scorte e la sua produzione coprono il 70% dell’attuale fabbisogno mondiale.

Chi governasse, de iure oppure de facto, la Bolivia assumerebbe un ruolo egemone mondiale.

È del tutto ovvio come la Cina desideri avere ottimi rapporti con la Bolivia, la finanzi largamente, e stia comprando molte sue aziende. Di converso, è altrettanto ovvio come il mondo occidentale, liberal socialista, avversi questa operazioni con termini anche molto ingiuriosi.

«Così, dopo tante fatiche – partner privati che accettino le condizioni di pubblica utilità imposte da Morales non sono stati facili da trovare -, nel dicembre 2018 è nata una joint-venture fra la compagnia Yacimientos de Litio Boliviano (Ylb) e la società tedesca Aci System Alemania GmbH, la quale avrebbe promesso investimenti per oltre un miliardo di dollari nell’industrializzazione del settore (la Germania, infatti, punta a fabbricare batterie per auto elettriche, nell’industria Daimler, Ndr). Inoltre, nel febbraio del 2019, è nata un’altra compartecipazione, questa volta con la società cinese Tbea Group Co. Ltd, che ha accettato di dare vita ad una società mista (col 51% in mano allo Stato boliviano) e di mettere circa 2,3 miliardi di dollari come capitale di investimento iniziale.»

Ma la Germania ha fatto il ruggito del topo.

Bolivia scraps joint lithium project with German company

The Bolivian government has issued a decree overturning a massive joint lithium project with southern German firm ACISA. The project is considered vital for the German auto industry’s plans to develop electric batteries.

The Bolivian government has cancelled a joint partnership with Germany’s privately owned ACI Systems Alemania (ACISA) to develop a massive lithium project.

Residents in the city of Potosi, where the joint venture had planned to build a factory for electric vehicle batteries and a lithium hydroxide plant, have been protesting since early October against the project. Organized by the Potosi Civic Committee, protesters say the project would not benefit local communities.

Potosi Department Governor Carlos Cejas said Sunday he had received a decree from the government of President Evo Morales to overturn a previous decree permitting the project, Bolivian state news agency ABI reported.

ACISA did not immediately comment on the news.

No reason was provided for the decision, but Cejas accused “agitators” from inside and outside the state of undermining development in the region.

It comes as Morales is facing deadly unrest and calls for a new election after he was named winner of the October 20 election for a fourth term. Ahead of the election, Morales had blamed the opposition for organizing the protests against the lithium project to undermine his government.

*

«China’s interest in what the International Monetary Fund ranks as South America’s fastest-growing economy is deepening»

«Within the last three months, China’s Zijin Mining Group Co Ltd bought a gold mine in Colombia, and a consortium led by China Harbor Engineering Co won a contract to build the Bogota metro system»

«Colombia’s President Ivan Duque made an official visit to Beijing in July 2019 to bolster Chinese demand for his country’s agricultural products and encourage continued Chinese investment in the Andean nation»

«While the two countries appear to be growing closer, Colombia has not signed onto China’s Belt and Road Initiative (BRI). Since 2013, the multibillion-dollar initiative – designed to help the Asian giant partner with countries around the world through trade and various infrastructure projects – has drawn in 19 Latin American nations but not Colombia»

«In just four years, the presence of Chinese companies has quadrupled in Colombia, increasing from 20 to around 80 companies»

«La Federazione Internazionale per i Diritti Umani (IFHR) ha condotto un’indagine che evidenzia un modello di violazioni dei diritti umani e ambientali commesse dalle aziende cinesi in America Latina»

«Some see Zijin Mining Group Co Ltd’s purchase of a gold mine in Colombia as a brave investment given the mine’s troubled past»

* * * * * * *

L’occidente usa armi spuntate. Accusa la Cina di non rispettare i diritti umani dei boliviani, per voce dell’Ifhr: reato punibile con la sedia elettrica nei paesi liberal, ma di cui la Bolivia ed i Cinesi se ne curano poco o punto, anche per il fatto che l’accusa è infondata.

Resta il fatto che la Cina ha approntato una collaborazione economica di ampio respiro ed ha fatto cacciar via a pedate i tedeschi, che stanno ululando alla luna tutto il loro disappunto.

*

China’s strong push into Colombia

Chinese companies bought Colombian gold mines – and are building Bogota’s new metro system and much more.

China‘s interest in what the International Monetary Fund ranks as South America’s fastest-growing economy is deepening. Within the last three months, China’s Zijin Mining Group Co Ltd bought a gold mine in Colombia, and a consortium led by China Harbor Engineering Co won a contract to build the Bogota metro system. 

Colombia‘s President Ivan Duque made an official visit to Beijing in July 2019 to bolster Chinese demand for his country’s agricultural products and encourage continued Chinese investment in the Andean nation.

“[Duque] is the first Colombian president that has visited China during his first year as president. This means a lot because if you visit a country in your first year, it means that it is a priority for your government,” Juan Felipe Roldan, a lawyer who specialises in Chinese firms operating in Colombia, told Al Jazeera. “We believe it is going to strengthen Colombian relationships a lot.”

“The buying of [the mining firm] Continental Gold by a Chinese company is a reflection of what is going on in the Colombia market right now regarding Chinese investors,” Roldan said. “Colombia is becoming more and more attractive.”

While the two countries appear to be growing closer, Colombia has not signed onto China’s Belt and Road Initiative (BRI). Since 2013, the multibillion-dollar initiative – designed to help the Asian giant partner with countries around the world through trade and various infrastructure projects – has drawn in 19 Latin American nations but not Colombia. And yet, that could change. Roldan says China’s recent large-scale projects in the South American country suggest Colombia my join the BRI.

Colombia’s strategic value to China

In just four years, the presence of Chinese companies has quadrupled in Colombia, increasing from 20 to around 80 companies, according to documents provided to Al Jazeera by ProColombia.

The Economic & Commercial Counselor for the Chinese Embassy in Bogota Dong Wei told Al Jazeera that China is pleased more Chinese companies are investing in and operating in Colombia. “Colombia is strategically important in the region and is the only country in South America that connects the [Pacific and Atlantic] oceans and is politically and economically stable.”

This year will mark the 40th anniversary of diplomatic ties between China and Colombia. Economic relations between the two countries started picking in the late 1990s.

ProColombia data shows Chinese direct investment in Colombia went from almost nothing in 1994 to a height of $55.7m in 2016 and since then routinely hovers around $30m annually.

Areas of concern

The International Federation for Human Rights (IFHR) conducted an investigation that points to a pattern of human and environmental rights violations committed by Chinese companies in Latin America. IFHR is a coalition of more than 20 human rights organisations. Its report, released in 2018, slammed Chinese firms for not complying with international standards and for a reported lack of accountability for human rights violations in countries where they operate, including Peru, Ecuador, Brazil, Argentina and Bolivia.

The report alleges Chinese companies operating in Latin America “failed to implement environmental consultation processes aimed at the general population, as set out in Principle 10 of the Rio Declaration on Environment and Development. Nor did they follow processes of free, prior, and informed consultation with indigenous groups meeting the standards established in Convention 169 of the ILO and in the UN Declaration on the Rights of Indigenous Peoples.”

Chinese officials deny those allegations, and say China’s companies abide by host-country laws and commonly accepted standards.

“The Chinese government always demands and guides Chinese companies to maintain an operation that complies with laws and regulations abroad, and for years has published several regulatory documents in regards to this,” said Wei.

Last year, Beijing enacted new regulations governing how its companies should operate outside of China. The new rules call on companies to follow the host country’s standards. They also require Chinese firms to conduct environmental assessments before beginning operations and to consult local stakeholders and people most likely to be impacted by a project.

“It will be an interesting test to see if Chinese companies really follow those guidelines or if it’s empty rhetoric,” said David Castrillon, a research professor on China-related issues at Bogota’s Externado University.

Risky business

Some see Zijin Mining Group Co Ltd’s purchase of a gold mine in Colombia as a brave investment given the mine’s troubled past. Continental Gold’s operations are situated in the small town of Buritica, in Colombia’s central northwestern Antioquia region. Last year, four Continental Gold workers were killed by gunmen within a few weeks. One of them was shot near Buritica, and the others were murdered at a different exploration site.

Al Jazeera made several requests to Zijin Mining Group Co Ltd for comment about the company’s future work in Colombia, but by the time of publication, had received no response.

*

La geopolitica del litio in Bolivia.

Il freschissimo caso del caos scatenato in Bolivia potrebbe essere foriero di un messaggio imprescindibile nella disamina delle vicende globali: le questioni economiche, spesso, si celano dietro a determinate scelte politiche, che si tratti di spinte endogene, di collaborazioni fra le parti o di operazioni eterodirette. L’espressione del “Seguire i soldi” è entrata nell’uso comune, e non incidentalmente: basti ricordare che il magistrato Giovanni Falcone la adoperò nei riguardi della mafia, celatasi sempre dietro la pista del denaro.

Ora, per quel che riguarda La Paz, una considerazione impossibile da non prendere in esame è – infatti – quella della presenza, nel sottosuolo boliviano, di numerosi e prosperi giacimenti di litio: un metallo alcalino, il più leggero del mondo, depositario di un soprannome metaforico ed emblematico. Come il petrolio è l’oro nero e l’acqua è l’oro blu, così il litio è l’oro bianco. Ed è cosa ben nota che, nel corso della storia, l’uomo abbia sempre avuto una qual certa ossessione per l’oro, di qualsivoglia fattezze esso fosse fatto.

Il litio si configura, nella contemporaneità, come un metallo estremamente prezioso, in quanto esso viene adoperato in ioni per fare le batterie ricaricabili dei telefoni cellulari, dei tablet, persino delle macchine elettriche: con un ottimo rapporto peso/potenza, esso non disperde la carica. Il suo mercato è amplissimo, la sua richiesta è molto alta, come ben più alto degli anni scorsi è diventato il suo prezzo. Senza considerare che anche la ricerca scientifica si sta prodigando nei confronti dell’usufrutto di questo materiale: il Premio Nobel per la Chimica dell’anno 2019 è andato al gruppo di lavoro composto da John B. Goodenough, M. Stanley Whittingham ed Akira Yoshino, proprio per lo sviluppo delle batterie ricaricabili di litio.

Per ciò stesso, è auto-evidente che esistano dei grossi interessi economici dietro al mercato del litio, in tutte le sue fasi: ricerca, estrazione, trasporto, lavorazione, vendita. Essendo che la Bolivia è un Paese ricchissimo di questo materiale, andare in profondità in tale questione garantisce la possibilità di apprendere e comprendere meglio il panorama politico ed economico che si staglia impenitente dietro agli scontri nello Stato latino-americano.

L’abbondanza di litio in Sud America

Il litio, perciò, assume un’importanza strategica non indifferente, come poc’anzi è stato accennato. L’80% delle quantità mondiali di litio si trova in America Latina, ed ancora più precisamente in un triangolo di giacimenti fra Cile, Argentina e Bolivia. I quali sono, rispettivamente a questi tre Paesi: Salar de Atacama, Salar del Hombre Muerto, Salar de Uyuni (vicino alla famosa Potosì, dove i “conquistadores” spagnoli scoprirono nel XVII secolo un enorme giacimento di argento).

Il The Economist, ancora nel 2017, nel suo articolo Una battaglia per la supremazia nel triangolo del litio. La corsa all’oro bianco, aveva confrontato gli approcci dei tre Paesi a questa loro risorsa.

– In Cile, il litio si estrae in grande abbondanza, con facilità ed a buon prezzo, anche se il governo – nonostante le sue ultra-trentennali simpatie liberiste e filo-occidentali – lo ha sottoposto ad un severo controllo, trattandosi di una “risorsa strategica”. Una particolarità che, in ogni caso, non impedisce e non ha impedito affatto l’intervento privato: a provvedervi sono infatti l’americana Albermarle e la cilena SQM, con 70mila tonnellate all’anno vendute (un terzo del fabbisogno mondiale).

– In Argentina, il governo degli anni passati di Mauricio Macrì ha aperto le porte agli investimenti diretti esteri, annullando di fatto tutte le rigorose barriere che l’amministrazione Kirchner aveva posto, in ragione di fare in modo che le multinazionali non si arricchissero spropositatamente alle spalle della popolazione e delle sue risorse. Invece, l’ideologia più liberale di Macrì – oggi sconfitto alle elezioni e sostituito dai peronisti – ha attirato molti attori internazionali, che si sono presi la scena ed hanno sfruttato le proprie competenze per velocizzare ed rendere efficiente l’estrazione;

– In Bolivia, soltanto le imprese statali, od a maggioranza statale (compartecipate da privati stranieri), possono estrarre il litio, in ragione del fatto che l’obiettivo del governo di Evo Morales (appena destituito, dopo le proteste della destra e gli ammutinamenti di polizia ed esercito) desiderava il controllo su una risorsa primaria del Paese.

Il materiale grezzo  del litio deve essere separato dai cloruri di sodio, potassio e magnesio, affinché possa essere utilizzato per le batterie di tutto il mondo. Le tecnologie da adottare sono avanzate e necessitano di conoscenze; l’industria sta progredendo sempre più rapidamente verso un cambio di paradigma; l’impatto ambientale necessita e merita di essere tenuto in considerazione, trattandosi – in tutti questi casi – di realtà naturali e paesaggistiche notevoli (quelle in cui si trovano le risorse del succitato metallo alcalino): tutti fattori infattibili da escludere nell’anatomizzazione della questione litio.

La geopolitica del litio

A riguardo, nel 2015 a Buenos Aires è stato pubblicato da Editorial El Colectivo un insieme di studi, a cura di Bruno Fornillo, dal titolo Geopolitica del litio. Una raccolta esemplificativa di tutto il circuito che si cela dietro a questo metallo alcalino: traiettoria e morfologia del mercato mondiale, prospettive sul futuro dell’oro bianco, il processo scientifico alla base e la rispettiva lavorazione, l’industria dell’estrazione, la coesione fra politica e produzione, le normative statali e provinciali, ecosistema e territorialità, organizzazione e strategie comunitarie, vulnerabilità e così via. Così, infatti, ne ha parlato nel suo saggio Julián Zícari, professore all’Università della capitale argentina: “La disputa globale sulle risorse naturali ci impone la necessità di pensare a come stabilire i legami tra gli attori economici, politici ed istituzionali, da diverse prospettive. Cioè, per capire come e perché diversi gruppi e attori entrano in conflitto, non possiamo ignorare come vengono ad intrecciarsi anche le diverse strutture di cui fanno parte. Quali i diversi scenari che devono affrontare in ciascun caso”.

Infatti, il litio costituisce, teoreticamente e fattualmente, il materiale attraverso il quale vi potrà essere l’auspicata transizione verso energie pulite: una vera e propria metamorfosi di paradigma energetico. Secondo Fornillo, come riportato dall’Agi, la vera partita da giocare al giorno d’oggi è sulle conoscenze, piuttosto che sulla quantità. Per quanto, comunque, l’individuazione dei maggiori giacimenti sia già stata effettuata e sia attualmente la vera coordinatrice mondiale della contesa. Si può leggere infatti di nuovo nel saggio di Zícari: “Problemi come la sovranità delle risorse e le ambizioni di sviluppo ed industrializzazione sono collegati a problemi di controversie ambientali e territoriali, al ruolo del capitale transnazionale. Esse chiedono di definire quale tipo di paradigma di crescita economica adottare, o comunque di che tipo sia il legame tra i diversi livelli del governo (nazionale, provinciale, municipale, regionale), senza contare quei problemi relativi alla distribuzione del surplus, alla ricerca scientifica ed alla struttura del mercato mondiale. Tutti questi argomenti vengono generalmente analizzati separatamente, indipendentemente dal fatto che ciò che accade in un campo finisce per influenzare gli altri, i quali si ritrovano ad essere fortemente correlati tra loro”.

Il territorio boliviano in cui giace l’oro bianco

Quanto appena mostrato con brillantezza ed eloquenza dal professore argentino è un esatto specchio della situazione del litio in Bolivia. In particolar modo, di Salar de Uyuni, la più grande distesa salina del mondo, ad oltre 3.600 metri di altezza ed estesa per più di 10mila chilometri quadrati: un piccolo paradiso in terra, che vanta una naturalezza incontaminata di spessore ed un’affluenza turistica importante. Un luogo nel quale, tuttavia, potrebbe presto irrompere con maggiore presenza e pressione l’industria dell’oro bianco: laddove oggi, invece, è sì presente, ma con minori impatto e rilevanza.

Un notevole reportage di National Geographic, a cura di Robert Draper e Cédric Gerbehaye, risalente al 2018, mostra quali siano le caratteristiche della piana salina e del meccanismo di estrazione del litio. Illustrato ai due ospiti niente di meno che dall’oramai ex vice-presidente della Bolivia, Álvaro Garcìa Linera. Un’illustrazione che ha mostrato anche le caratteristiche del territorio e dei suoi abitanti e lavoratori, i quali sono sempre stati i più preoccupati affinché una fiorente industria dovesse evitare di danneggiare le loro plurisecolari abitudini ed i loro plurisecolari paesaggi, nei quali le comunità indigene praticano per lo più agricoltura ed allevamento.

Un long-read su Nueva Sociedad risalente al 2013 e scritto da Juliana Ströbele-Gregor, dal titolo Il progetto statale del litio in Bolivia. Aspettative, sfide e dilemmi, illustrava già con chiarezza le implicazioni dell’industria dell’oro bianco nel Paese sudamericano. Esistono, infatti, questioni di disuguaglianza a livello globale, nazionale, regionale e locale di cui il governo avrebbe dovuto tenere conto: un tentativo nobilmente portato avanti dal presidente Evo Morales, che ha guidato il Paese sin dal 2006 e nel quale è riuscito a ridurre la povertà, a diminuire lo scarto fra le varie classi sociali, ed a migliorare le condizioni di vita di tutte le fasce della popolazione.

Soprattutto, avendo scelto di abbandonare il modello neo-liberale che sino ad allora era stato condotto innanzi, e che aveva fagocitato la ricchezza in favore dei più abbienti, condannando agli stenti il resto del Paese. Il litio, e tutto ciò che lo riguarda, era rientrato perfettamente in questo progetto e processo: le fasi di industrializzazione e commercializzazione avrebbero dovuto essere dirette a livello statale, per garantire equità e dignità dei risultati verso la popolazione. Ad esempio, verso gli indigeni boliviani, che con Morales erano letteralmente andati al governo. Tali risultati sono giunti, si sono implementati, ma – a livello economicistico – sono stati numericamente scarsi rispetto alle possibilità della Bolivia: una considerazione da cui, in effetti, sono nate le aperture politiche a compartecipazioni estere.

La scelta di Morales verso l’apertura

Le operazioni sono state per lungo tempo condotte unicamente da imprese statali boliviane, nell’ottica politicamente socialista di non dover dipendere da potenze straniere per la propria produzione e la propria sussistenza: tuttavia, ciò ha implicato un loro ridotto raggio d’azione, mancando le competenze tecniche per aumentare l’estrazione, la produzione e la vendita quindi, secondo i parametri stabiliti dal governo.

Per questi motivi, la Bolivia ha consentito l’arrivo di investimenti stranieri: l’obiettivo di lungo termine di voler diventare il primo produttore mondiale di litio (superando così la concorrenza delle vicine Cile ed Argentina e della lontana Australia) è stato dichiarato senza mezzi termini. Divenire una novella Arabia Saudita dell’oro bianco, ma usufruire delle entrate per continuare a sviluppare il socialismo indigeno di Morales nel rispetto dell’ambiente. Lo ha dichiarato all’inizio dell’anno 2019 Garcìa Linera: “La Bolivia di ieri era quella dell’arretratezza, della povertà assoluta e della stagnazione; la Bolivia di oggi guarda al progresso che, con grande entusiasmo, sta creando benessere. Abbiamo smesso di essere un Paese povero per diventare un Paese a reddito medio. Ci sono ancora molti bisogni, ma abbiamo fatto passi da gigante e, se continueremo su questo trend di progressi, in circa 8 anni avremo un reddito simile a quello del Cile o dell’Argentina. Queste sono conquiste di tutti boliviani perché il cambiamento è stato fatto grazie alla lotta di tutta la popolazione del Paese”.

Così, dopo tante fatiche – partner privati che accettino le condizioni di pubblica utilità imposte da Morales non sono stati facili da trovare -, nel dicembre 2018 è nata una joint-venture fra la compagnia Yacimientos de Litio Boliviano (Ylb) e la società tedesca Aci System Alemania GmbH, la quale avrebbe promesso investimenti per oltre un miliardo di dollari nell’industrializzazione del settore (la Germania, infatti, punta a fabbricare batterie per auto elettriche, nell’industria Daimler, Ndr). Inoltre, nel febbraio del 2019, è nata un’altra compartecipazione, questa volta con la società cinese Tbea Group Co. Ltd, che ha accettato di dare vita ad una società mista (col 51% in mano allo Stato boliviano) e di mettere circa 2,3 miliardi di dollari come capitale di investimento iniziale.

Accordi che, mutando profondamente il quadro interno, invero hanno suscitato più di qualche criticità fra le popolazioni indigene della società boliviana che abitano quei territori, non sicure dei risultati che potranno venire a loro. Ricardo Augirre Ticona, presidente del consiglio comunale di Llica (in Salar de Uyuni), ha infatti dichiarato: “Ci rendiamo conto che quando lo stabilimento lavorerà a pieno ritmo sarà un’impresa multimilionaria. Il dubbio è se qualcosa arriverà a noi. Le persone che dovrebbero trarne principalmente beneficio sono gli abitanti della zona in cui si svolge la produzione. E non si tratta solo di denaro contante. Dovrebbero istituire qui una facoltà di chimica, o delle borse di studio, perché i giovani possano avere un futuro”.

Geopolitica del litio nella caduta di Morales

Tuttavia, questi accordi sul litio potrebbero presto mutare, in quanto l’insurrezione contro Morales e la fuga del Presidente in Messico hanno già dato una virata alla situazione boliviana. Infatti, egli era stato rieletto al quarto mandato, nonostante il trattamento un po’ fuori dalle righe dei dettami della costituzione, e nonostante avesse dato poco conto alla situazione degli incendi nell’Amazzonia del suo Paese. Il che gli ha tolto credibilità agli occhi di diversi dei suoi sostenitori.

Tuttavia, l’accusa di brogli è stato il perfetto casus belli: la polizia e le forze armate si sono ribellate a lui, così dapprima egli ha convocato nuove elezioni e poi, minacciato fisicamente e con un mandato di cattura, ha scelto l’esilio all’estero. La leader dell’opposizione di destra Jeanine Anez si è auto-proclamata presidente. La situazione, nel frattempo, rimane incandescente e magmatica, con la maggioranza della popolazione comunque dalla parte di Morales, e scesa in strada contro l’opposizione ed il colpo di mano dell’esercito.

La dipartita politica di Morales è stata festeggiata in alcuni Paesi (gli Stati Uniti in primis), condannata in altri (come la Cina), e questo dà sicuramente una qual certa idea degli interessi in ballo in Bolivia. Oltreché dello scontro di potenze dietro a questo Stato, la cui ricchezza dell’oro bianco fa gola a molti, in special modo nel momento in cui il mercato dell’estrazione dello stesso dovesse essere liberalizzato: non incidentalmente, esso è già stato soprannominato il golpe del litio.

Pepe Mujica, il famosissimo ed amatissimo ex presidente dell’Uruguay, non ha dubbi sull’esecuzione e sull’andamento di questa dinamica: “In Bolivia c’è stato un colpo di Stato, senza fare troppi giri di parole, perché c’è stato un ultimatum dell’esercito”. Le cause potrebbero essere ricercate proprio nelle riserve di litio del Paese:

La Bolivia è molto ricca, si dice che abbia il 70% delle riserve di questa risorsa essenziale per produrre le nuove batterie. E tutti sappiamo che il mondo sta avviando un cambiamento energetico.

Si è detto antecedentemente come, al giorno d’oggi in particolar modo, le risorse energetiche costituiscano il vero “oro” da andare a cercare, rispetto al metallo più prezioso di tutti e per il quale, nei secoli passati, si sono fatte guerre, scorrerie e tanto altro. Di questo nuovo oro, il litio, che secondo gli analisti di Bloomberg sarà il vero protagonista del prossimo decennio, la Bolivia è piena. L’instabilità politica, e un’ideologia liberale e liberista con la quale trattare il mercato, sono elementi che possono contribuire a far propendere l’ago della bilancia in proprio favore.

Senza ombra di dubbio, il socialismo indigeno di Evo Morales – il quale, non a caso, era ed è vicino a Paesi come Nicaragua, Venezuela e Cuba, ma anche a Russia e Cina – non rientrava nell’asse a stelle e strisce, che ha sempre visto nell’America Latina il proprio “giardino di casa” (dalla Dottrina Monroe del 1823). La caduta del governo, e la possibilità di disfarsi degli accordi precedentemente intrapresi da quest’ultimo sul proprio oro bianco (con ricadute ambientali che potrebbero essere drammatiche), mescolano le carte in tavola. Lo scacchiere internazionale si sta smuovendo prepotentemente. Per ciò stesso, se ne deduce che anche per il litio, come per il petrolio, si agisce – con tutti i mezzi, per diversi fini – secondo geopolitica.

2 pensieri riguardo “Cina. Sta investendo massicciamente in Bolivia e Columbia. La guerra del Litio.

I commenti sono chiusi.