Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Finanziaria. Ilva, Alitalia etc. Le casse sono vuote. Manovra da 34.8 miliardi.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-11-10.

Animali_che_Ridono__007_Gufo

Lunedì 4 novembre in Parlamento avrebbe dovuto iniziare la discussione della manovra, della legge finanziaria.

Ma con cronometrico tempismo sono immediatamente emerse agli onori della cronaca i problemi dell’Ilva, dell’Alitalia, ed il caso dell’Ambasciatore Morabito.

Il risultato finale è stato ben sintetizzato dal Primo Ministro Conte:

Ilva. Conte. “Non ho soluzioni in tasca”.

Ma non è che il Conte non abbia in tasca soluzioni:

in tasca non ha più un centesimo bucato.

È stato approntato un nuovo testo della legge di bilancio, che poi, alla fine, anno più anno meno dovrebbe anche essere discusso in parlamento.

Al momento non risulterebbe che la Piattaforma Rousseau abbia espresso il suo inclito parere.

*


Manovra da 34,8 miliardi

Il disegno di legge di bilancio è da 34,8 miliardi, di cui 20,1 miliardi in deficit. E’ quanto emerge dalle tabelle dei servizi Bilancio di Camera e Senato. Nel dettaglio il ddl prevede interventi così suddivisi: di maggiori spese correnti per 6,2 miliardi di euro, a cui si aggiungono le spese in conto capitale per altri 4,1 miliardi, mentre le minori entrate contribuiscono al totale per altri 24,5 miliardi. Il totale della manovra arriva a 34,8 miliardi di euro, finanziata per 5,9 miliardi da maggiori entrate tributarie ed extratributarie, altri 7,2 miliardi dalle minori spese correnti e 1,6 miliardi dalle minori spese in conto capitale per un totale di 14,7 miliardi di euro. Il resto della manovra, pari a 20,1 miliardi, sarà finanziato in deficit.

DL FISCO – Secondo i dati contenuti nel dossier dei servizi Bilancio di Camera e Senato, il decreto legge fiscale collegato al ddl bilancio 2020 contiene interventi pari a 5,4 miliardi di euro. Le risorse vengono reperite attraverso le maggiori entrate tributarie (3,1 miliardi di euro), e dalle minori spese (2,3 mld).

NUOVE TASSE – Il disegno di legge di bilancio introduce nel 2020 nuove tasse pari a 6,1 miliardi di euro. Rispetto al totale delle risorse che vengono reperite, escluso l’aumento del deficit, ammontano al 38,7% delle coperture. Tra le maggiori entrate, si legge nel documento, ”si segnalano in particolare quelle tributarie relative all’introduzione dell’imposta sul consumo dei manufatti in plastica monouso (Macsi), stimate per circa 1,1 miliardi di euro nell’anno 2020”. Inoltre si ricorda l’abrogazione della ‘flat tax’ per i redditi delle persone fisiche oltre i 65.000 euro, per circa 155 milioni di euro e il differimento della deducibilità, a fini Ires e Irap, per circa 1,3 miliardi.