Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Giustizia, Stati Uniti, Trump

Trump. Prosegue la lotta per i giudici e per il 9th Circuit.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-11-03.

2016-11-09__Stati_Americani__001

«It is a fundamental belief of mine that all people are created in the image of God and they should all be treated with dignity and respect» [Mr Lawrence VanDyke]


Negli Stati Uniti le Corti Federali hanno poteri discrezionali immensi, tali da poter bloccare o, quanto meno, ostacolare severamente, anche i Presidenti democraticamente eletti dal popolo sovrano.

Eletti a vita su nomina presidenziale, che il senato deve ratificare, i 9 giudici della Corte Suprema ed i 179 giudici delle Corti Federali di Appello sono il vero centro decisionale americano.

Chi lo governa dispone a suo piacere dell’occidente.

Alla fine del 2016 vi erano due posti liberi nella Corte Suprema e diverse decine nelle dodici Corti di Appello Federali.

Chi avesse vinto le elezioni avrebbe potuto blindare quelle corti ed anche per molti decenni, nominando prevalentemente giudici di media età.

Quando Mr Trump trionfò su Mrs Hillary Clinton il mondo cadde addosso ai liberal democratici, che si sentirono defraudati dalla sorte di un bottino ritenuto essere sicuro.

In questi anni Mr Trump ha fatto un lavoro sommesso ma quanto mai efficiente.

Ad oggi, nelle 91 Corti Distrettuali lavorano 320 giudici democratici e 270 repubblicani, ma Mr Trump deve ancora nominarne 89.

Nelle Corti di Appello dei 13 Circuiti siedono al momento 93 giudici repubblicani ed 82 democratici, essendo ancora quattro posti vacanti. Si tenga presente come nel 2016 vi fossero solo 72 giudici repubblicani e 90 invece democratici, con 17 posizioni da occupare.

La Corte Suprema ha ora 5 Loro Giustizie di nomina repubblicana e 4 di nomina democratica.

Nel complesso, Mr Trump ha svolto un lavoro più che egregio, tenendo anche conto della litigiosità invelenita dei democratici.

*

Resta ancora da sanare l’anomalia del 9ty Circuit.

Quando Mr Trump entrò in carica i 29 giudici erano così ripartiti: 7 repubblicani, 18 democratici e 4 posti vacanti. Mr Trump ne fece nominare sette, ed una ottava nomina è in corso. Ad oggi vi sono 16 giudici democratici e 12 repubblicani: un ragionevole equilibrio è stato raggiunto.

Il 9th Circuit è stati da sempre una roccaforte liberal democratica: di lì sono partite tutte le sentenze che hanno bloccato l’Amministrazione Trump, anche se poi alla fine la Suprema Corte le ha cassate e, spesso, con sentenze di fuoco.

Suprema Corte cassa sentenza del 9th Circuit e da ragione a Trump.

America. Corte di Appello del 9th Circuito. La Corte del disonore.

Trump. Correggere l’anomalia del Nono Circuito.

Corte Suprema. Respinte le ‘stravaganti’ argomentazioni dei giudici del 9° Circuito

Suprema Corte castra la megalomania giuridica del 9° Circuito.

*

Al senato il giudice Lawrence VanDyke ha in corso la audizione per la ratifica. Una volta ratificata la nomina, i giudici repubblicani nel 9th Circuito salirebbero a 13.

I liberal democratici si sono scatenati come diavoli alla vista dell’acqua santa.

È gustoso leggersi come i liberal lo osteggino.


Trump pick for 9th U.S. Circuit Court of Appeals accused of having anti-gay views

President Trump’s judicial nominee Lawrence VanDyke’s voice cracked and he shed tears at his confirmation hearing Wednesday when he was accused of being anti-gay.

The American Bar Association accused the federal appeals court pick of discriminating against LGBTQ people, as the president looks to remake the notoriously liberal 9th Circuit Court of Appeals, where he already has placed seven judges since taking office in 2017.

Senators had to pause for Mr. VanDyke, who served as solicitor general for both the states of Montana and Nevada, to collect himself after being quizzed about his “not qualified” rating from the ABA.

His ABA report, though, was conducted by an evaluator who had actually donated to the nominee’s political rival in 2014 when he ran for the Montana Supreme Court — a point Republican senators were eager to make.

Mr. VanDyke did not win a seat on the state’s high court five years ago, but he’s now up for a vacancy on the 9th Circuit where he faced pushback from Democrats over his conservative ideals.

“It is a fundamental belief of mine that all people are created in the image of God and they should all be treated with dignity and respect,” Mr. VanDyke said over his tears before the Senate Judiciary Committee.

The attorney, who has roughly 14 years of experience, rejected the poor score from the ABA, which released a damaging review of the nominee the night before his hearing. The ABA’s Standing Committee on the Federal Judiciary said it interviewed 60