Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Italia. Sondaggi regione per regione. Si prospettano grandi sorprese.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-10-06.

2019-09-27__Italia_Regioni_Spndaggi

BiDiMedia ha rilasciato un interessante sondaggio di propensione al voto ripartito regione per regione.

Pur essendo stato eseguito il 20 settembre, la reale influenza dei nuovi partiti di Reni e di Calenda non è stata possibile essere conteggiata: occorrerà attendere ancora un po’ di tempo.

Similmente, il sondaggio non prevede un accorpamento elettorale del Partito Democratico e del Movimento 5 Stelle: se ciò accadesse in modo sistematico, il quadro previsionale ne risulterebbe notevolmente alterato rispetto a questi risultati.

Si tenga presente che a breve si terranno le elezioni regionali in Umbria, Calabria ed Emilia-Romagna.

«A parte la Toscana, dove il centrosinistra prevale leggermente, e la Campania, dove è davanti il Movimento 5 Stelle, il centrodestra occupa la prima posizione nelle restanti regioni con punte di oltre il 50% in Veneto, Friuli Venezia Giulia e Lombardia.»

«Anche in Emilia Romagna, che presto andrà al voto, la coalizione di centrodestra è davanti a tutti»

«Da vedere però se anche lì si raggiungerà un accordo politico tra M5S e Pd come successo in Umbria dove le due formazioni lottano alla pari con il centrodestra»

*

Al momento attuale il quadro politico è davvero molto fluido.

Ma dovrebbe essere inutile ricordare come i risultati delle prossime elezioni in Umbria, Calabria ed Emilia-Romagna saranno test cruciali per questo governo rossogiallo. Se poi il partito di Renzi si presentasse come realtà autonoma, se non altro per avere la conferma elettorale dell’avvenuta scissione. In ogni caso, per il Governo rossogiallo la mancata conquista di queste regioni sarebbe una severa  sconfitta.