Pubblicato in: Demografia, Unione Europea

Germania. Già ora è realtà geografica non di un popolo.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-08-17.

Germania 001

Le persone che in estate ammoniscono che entro qualche mese sarebbe arrivato l’autunno e quindi l’inverno sono quasi invariabilmente etichettate come cassandre. Se poi reiterano con il passare del tempo il loro avvertimento sono tacciati in malo modo: che vada bene la gente dice che si sta gridando al lupo! al lupo!, avendo così perso credibilità.

Poi, quando arriva l’inverno e trova tutti impreparati, allora chi aveva detto che sarebbe arrivato l’inverno ne è visto come causa efficiente: è colpa sua se alla fine l’inverno sia arrivato.

*

Mohammed è nome più frequente a Berlino.

La Gesellschaft für deutsche Sprache riporta come nel corso del 2018 Mohammed è stato il nome più comune per un neonato a Berlino.

Anche a Brema il nome Mohammed è tra i più frequenti, alle spalle di Ben e davanti a quello di Elias.

A livello federale, i nomi maggiormente frequenti sono per le ragazze Marie e per i ragazzi Paul.

*

Questi risultati sono stati ottenuti consultando 700 anagrafi, per un totale di oltre un milione di nomi e cognomi.

* * * * * * *

È questo un problema del quale ci siamo occupati ripetutamente per la sua cruciale importanza.

Germania. La demografia stritola Germania e Große Koalition.

Germania. La demografia che stritola. Mancano tre milioni di lavoratori. – Vbw.

Germania. Incidenza economica del calo demografico. – Bloomberg.

Germania. Realtà geografica, non più umana, politica ed economica.

Deutsche Bundesbank. Si moltiplicano i segnali di un disastro annunciato.

Germania. Summit in Cancelleria per l’allarme demografico.

Germania. 13 milioni di poveri e 330,000 famiglie con la luce tagliata

Germania. Le banche non son quasi più tedesche. Grazie Frau Merkel.

* * * * * * *

Alla fine, anche l’Istituto tedesco di statistica, Destatis, è stato obbligato a produrre conti corretti.

Germania. Destatis. Crollo persone in età lavorativa dai 51.8m ai 40m nel 2035.

«In the next 20 years, the current age structure will definitely lead to a decrease in the working-age population and to an increase in the number of older people»

«In 2018, 51.8 million people in Germany were at working age between 20 and 66 years»«»

«By 2035, the working-age population will fall by roughly 4 to 6 million, reaching 45.8 to 47.4 million»

«Without net immigration, the working-age population would decline by roughly 9 million already by 2035»

* * * * * * *

Germania. Mancano ora 35,000 insegnanti, nel 2025 ne mancheranno 105,000.

Germania. Assistenza agli anziani: quasi 40,000 posti vacanti.

Germania. Herr Spahn prospetta la tassa sul nubilato.

«Childless people should be paying much more towards care and pension insurance than those who have started a family»

«In the pay-as-you-go system, the elderly receive money from young people — even if they are the children of others»

«Parents raise future contributors and secure the system for the future»

«how we remain a human society, how we maintain our social institutions, if every third person in Germany is over 60 years old — and less than a fifth are younger than 20?»

* * * * * * *

Francia. È iniziato e progredisce il rimpiazzo etnico.

In Germania, come peraltro in Francia e, seppure con minore intensità anche in Italia, sta avvenendo un rimpiazzo della popolazione, con progressivo incremento della quota islamica e declino delle popolazioni autoctone. A questo fenomeno retto dalla denatalità autoctona si associa un innalzamento della età media.

Le ripercussioni economiche sono severe: è impossibile rimpiazzare una classe colta con una professionalmente non preparata. Poi, la carenza di persone in età giovane e lo spopolamento sono causa efficiente di depressioni economiche.

Per non parlare poi di amore per la propria patria.

Non solo.

Nei paesi europei i giovani che lavorano versano dei contributi pensionistici che sono quindi utilizzati per pagare le pensioni dei vecchi. Ma se il numero dei vecchi aumenta e quello dei giovani diminuisce il sistema crolla.

Né ci si stupisca se alla fine in Europa vigerà la Sharia: ci penseranno i mussulmani a mettere in riga le femmine nostrane, sterili nella mente e nel cuore prima ancora che nell’utero.


Mohammed beliebtester Name in Berlin

Gemäß einer Studie der Gesellschaft für deutsche Sprache ist 2018 der häufigste Name für ein Neugeborener in Berlin Mohammed gewesen. Dies gilt in allen möglichen Schreibvarianten, wie die Gesellschaft mitteilte.

Die Gesellschaft für deutsche Sprache gibt jedes Jahr die Liste aus. Ihre Ergebnisse für 2018 veröffentlichte sie an diesem Donnerstag. Auch in Bremen landete der Name Mohammed weit vorne und kam hinter Ben und vor Elias zu liegen. Der beliebteste Babyname in ganz Deutschland war 2018 bei den Mädchen Marie, bei den Jungen sichert sich Paul den ersten Platz.

Die Gesellschaft für deutsche Sprache unterscheidet in ihrer Auswertung zwischen insgesamt beliebten Vornamen – dazu zählen alle Vornamen, neben Erstnamen also auch weitere Namen – und ausschließlich Erstnamen.

Um zu erfahren, welche Namen im letzten Jahr die beliebtesten waren, wurden Daten von über 700 Standesämtern mit insgesamt mehr als einer Million Erst- und Zweitnamen ausgewertet.

Annunci

2 pensieri riguardo “Germania. Già ora è realtà geografica non di un popolo.

I commenti sono chiusi.