Pubblicato in: Commercio, Devoluzione socialismo, Fisco e Tasse

Italia. Automobili. 74.4 miliardi l’anno di tasse.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-08-07.

2019-07-24__Automobili__Tasse__001

Gli Ebrei si lamentavano ad alta voce delle ‘inique decime’, infatti non vivevano in Italia.

«Se si confrontano Italia e Francia il dato più clamoroso riguarda il bollo, cioè la tassa di possesso. I francesi pagano appena 700 milioni l’anno complessivamente rispetto ai 6,8 miliardi che versano gli italiani»

«Paghiamo anche di più di Iva sulla vendita mentre di tasse e accise sui carburanti e lubrificanti i francesi pagano più di noi: 39,2 miliardi rispetto a 35,9»

«Terzi in Europa dopo Germania e Francia. Imposte e accise sui carburanti valgono 35,9 miliardi»

«Le tasse sulle automobili permettono, infatti, allo Stato italiano di incassare ogni anno qualcosa come 74,4 miliardi di euro»

* * * * * * *

Non esiste bene che sia identificabile sul quale lo stato non abbia posto un fardello di tasse.

Così casa ed automobile sono soggette alla circadiana attenzione del fisco.

Nei fatti, non sono cose di lusso.

Tutti noi abbiamo bisogno di un buco ove per dormire e vivere, tutti noi abbiamo bisogno di una autovettura per andare e tornare dal lavoro. Mica che si abiti nella Reggia di Caserta o che si giri su Rolls Royce.

Come la tassa sul macinato, quelle sulle auto colpiscono indiscriminatamente tutti. Ripianano il deficit dell’Inps quasi nella sua interezza.

Non solo. Sono tra le poche tasse di facile esazione e, soprattutto, di ritorno immediato. Al bisogno, l’aumento delle accise determina un immediato incremento delle tasse percepite. Sono la pacchia per il Ministero delle Finanze.

* * * * * * *

Proviamo però a pensare un pochino a cosa potrebbe succedere se lo stato le abolisse.

I Cittadini Contribuenti si ritroverebbero in tasca settantaquattro miliardi in più l’anno.

Non solo.

Tutti i costi dell’autotrasporto imputabili direttamente, oppure indirettamente, al carburante crollerebbero. Il potere di acquisto di quei 74,4 miliardi sarebbe ingigantito.

Potrebbe essere una opzione da non sottovalutarsi.


Gli automobilisti pagano 74,4 miliardi l’anno di tasse

Terzi in Europa dopo Germania e Francia. Imposte e accise sui carburanti valgono 35,9 miliardi.

Quanto pagano gli italiani per il possesso e l’uso di un’automobile. Certamente tanto, forse troppo. Le tasse sulle automobili permettono, infatti, allo Stato italiano di incassare ogni anno qualcosa come 74,4 miliardi di euro.

Quante tasse sulle auto.

Il grafico sopra mostra la classifica europea dei Paesi dove gli automobilisti versano di più allo Stato per il solo fatto di comprare, possedere e usare un’automobile. Una premessa fondamentale: i numeri indicati dal grafico sono espressi in valore assoluto, cioè in miliardi di euro. Ovviamente la quantità di denaro che gli automobilisti versano è superiore, tendenzialmente, nei Paesi più popolosi. Nessuna sorpresa, quindi, che in testa alla classifica ci sia la Germania. Gli automobilisti tedeschi versano, infatti, ben 92 miliardi di euro. Al secondo posto c’è la Francia con 79 miliardi e, al terzo posto, l’Italia con 74,4 miliardi.

Il confronto corretto, vista la premessa, è quindi tra Italia e Francia dato che italiani e francesi sono circa 60 milioni. Sono Paesi non paragonabili con la Germania che di abitanti ne ha oltre 80 milioni.

E il taglio delle accise?

Ma oltre a vedere quanto gli automobilisti versano in termini di tasse, si può sapere anche come è suddiviso il versamento a seconda dei vari balzelli che gravano sulle quattro ruote. Ecco il grafico.

Se si confrontano Italia e Francia il dato più clamoroso riguarda il bollo, cioè la tassa di possesso. I francesi pagano appena 700 milioni l’anno complessivamente rispetto ai 6,8 miliardi che versano gli italiani. Paghiamo anche di più di Iva sulla vendita mentre di tasse e accise sui carburanti e lubrificanti i francesi pagano più di noi: 39,2 miliardi rispetto a 35,9. Potremmo pagare ancora meno, in realtà, se solo la promessa del governo di ridurre, se non eliminare definitivamente, le accise sui carburanti fosse stata mantenuta, un anno fa.

Annunci