Pubblicato in: Banche Centrali, Cina, Devoluzione socialismo, Stati Uniti, Unione Europea

Considerazioni un po’ ciniche su cosa stia succedendo sui mercati.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-08-06.

Caravaggio. Davide con la testa di Golia (Caravaggio Vienna). 1607. Kunsthistorisches Museum, Vienna.

Caravaggio. Davide con la testa di Golia (Caravaggio Vienna). 1607. Kunsthistorisches Museum, Vienna. 


Currency War Begins: Chinese Yuan Crashes Past 7 To New Record Low; Global Markets Tumble After Beijing Suspends US Agri Imports

«China’s central bank has confirmed that it is, indeed, on, saying that it is able to keep the yuan exchange rate at a reasonable and balanced level – whatever that means – while acknowledging that the Yuan plunging beyond 7 per dollar is due to market supply and demand, trade protectionism and expectations on additional tariffs on Chinese goods.

Meanwhile, resorting to its old, tired and worn out tricks, Dow Jones reports that the PBOC will crack down on short-term Yuan speculation, and anchor market expectations.

Which is great… if only the PBOC didn’t say exactly the same back in May, when it warned currenct traders that  those “shorting the yuan will inevitably suffer from a huge loss.”»

«China is firing all the big guns tonight, because just an hour after Beijing effectively devalued the yuan, when it launched the latest currency war with the US, Bloomberg reported that the Chinese government has asked its state-owned enterprises “to suspend imports of U.S. agricultural products after President Donald Trump ratcheted up trade tensions with the Asian nation last week.”»

* * * * * * *

2019-08-05__Yuan Yen 002

Le turbolenz che spirano sui mercati mondiali hanno acquisito una tale entità da fare molte considerazioni sulla genesi di questo fenomeno.

Forex – Yuan Falls Below 7 per Dollar as Trade Tensions Fuel Selloff

«The Chinese yuan tumbled more than 1% on Monday, falling below 7 per U.S. dollar for the first time since the 2008 financial crisis, as fears over a sudden escalation in the U.S.-China trade war sparked a selloff in Asian currency markets.

The yuan dropped below the 7 per dollar level, regarded as a major support level, falling to as low as 7.1097 per dollar in offshore trade and 7.0424 to the dollar onshore.

“This could well be the biggest moment for the yuan this year. The impact of U.S.-China trade is turning out to be very big,” said Masashi Hashimoto, senior currency analyst at MUFG Bank.

“Looking at the mid-point, the People’s Bank of China is trying to stem the yuan’s fall,” he said. “The PBOC doesn’t look like it is trying to use a weaker yuan to counter U.S. trade pressure. The yuan’s fall seems to be stemming from panicky selling.”

The steep selloff came after Beijing vowed on Friday to fight back against U.S. President Donald Trump’s abrupt decision to slap 10% tariffs on the remaining $300 billion in Chinese imports, a move that ended a month-long trade truce.

The weaker yuan weighed on Asian currency markets, sending the Korean won 1% lower to hit a three-year low of 1,218.3, while the new Taiwan dollar fell more than 0.5% to a two-month low of 31.61.

The flight to safety lifted the yen, which often gains in times of market stress thanks to Japan’s position as the world’s largest creditor. The dollar slipped to a seven-month trough of 105.78 yen, while the euro sank to its lowest since April 2017 at 117.64 yen.

Weakness against the yen saw the U.S. dollar index dip 0.11% to 97.74 by 02:45 AM ET (06:45 GMT) though the greenback was up against currencies exposed to China or commodities, including the Australian dollar.

The Aussie , a liquid proxy for emerging market and China risk, slipped to a fresh seven-month trough of 0.6748 after losing 1.6% last week.

The Swiss franc was boosted by safe-haven demand from the escalating trade tensions. Trump is also eyeing tariffs on the European Union, but is yet to make any formal announcements.

The euro was a touch higher against the dollar at 1.1119, extending its recovery from a two-year low of 1.1027 touched on Thursday.

On Friday, the closely-watched U.S. employment data showed non-farm payrolls increased by 164,000 jobs in July, fewer than the prior month, and wages increased modestly.

The data cemented expectations that the Federal Reserve will cut interest rates again in September after it delivered its first rate reduction in more than a decade last month.

The British pound hovered near 2017 lows at 1.2106, pressured by concerns about Britain exiting the European Union without a deal in place.»

*

Precisiamo immediatamente come nel trattare di argomenti così generali, quali le situazioni mondiali dei mercati, il numero delle concause rilevanti sia davvero molto elevato. Cercare di ragionare solo su alcuni parametri, sia pur di somma importanza, potrebbe esse fuorviante, ostacolare alla fine la comprensione del fenomeno nella sua globalità, perché dispersivo nei particolari. Non solo. La commistione della politica con l’economica e la finanza concorre potentemente a rendere del tutto incomprensibile quanto stia accadendo ed ostacola grandemente ogni possibile previsione futura.

Potrebbe essere utile fissare alcuni dati, siano pur essi grossolani.

– Il pil dell’Eurozona valeva 14,124 miliardi Usd nel 2009 ed a fine 2018 era invece 13,669 miliardi. Sono passati dieci anni in una completa stagnazione economica, mentre Stati Uniti, Brasile, India e Cina hanno continuato imperterrite le loro crescite.

– L’Ifm ha rilasciato i seguenti dati. Le proiezioni al 2023 danno la Cina ad un pil ppa di 37,067 (20.54%) miliardi di Usd, gli Stati Uniti di 24,537 (14.01%), e l’India di 16,785 (9.10%) Usd. Seguono Giappone con 6,358 (3.67%),  Germania 5,171 (32%), Regno Unito 3,5986 (2.06%), Francia 3,5447 (2.04%), Italia 2,755 (1.60%). Russia 4.933 (2.84%) e Brasile 4,168 (2.33%). I paesi del G7 produrranno 46,293 (27.59%) mld Usd del pil mondiale, mentre i paesi del Brics renderanno conto di 59,331 mld Usd (35.36%).

– Tutto il mondo occidentale, ma soprattutto paesi europei quali la Germania, presentano indici di fertilità delle femmine autoctone, sotto la unità, laddove il valore due sarebbe quello necessario a mantenere i livelli attuali della popolazione. Il rapporto tra vecchi e giovani in molti stati è sceso quasi alla parità.

Germania. La demografia stritola Germania e Große Koalition.

Germania. Demografia. Accademia Tecnica. Mancano dieci milioni di lavoratori.

Germania. Destatis. Crollo persone in età lavorativa dai 51.8m ai 40m

Germania. Stratificazione per tipologia di reddito. Classe media estinta.

Germania. Destatis. Crollo persone in età lavorativa dai 51.8m ai 40m nel 2035.

Germania. Ordini Industria. Febbraio -8.1% a/a. Marzo -6.0%

* * * * * * *

Questi dati sono da leggersi, e meditarli, in modo integrato: ciascuno di essi mette in evidenza un aspetto di base dell’Unione Europea e degli equilibri tra le potenze economiche e finanziarie mondiali.

La stasi di cui soffre l’Unione europea non è dovuta ad una qualche contingenza, bensì è strutturale.

Putin. L’ideologia liberal è ‘obsoleta’.

«Vladimir Putin has said liberalism is “obsolete” in an interview before he left for the G20 summit»

«The Russian president said the ideology that has underpinned Western democracies for decades had “outlived its purpose”.»

«The Russian premier also praised the rise of populism in Europe and America, saying ideas like multiculturalism were “no longer tenable”.»

«[Liberals] cannot simply dictate anything to anyone»

«He added that liberalism conflicted with “the interests of the overwhelming majority of the population,” and took aim at German Chancellor Angela Merkel for allowing large numbers of refugees to settle in Germany»

«This liberal idea presupposes that nothing needs to be done. That migrants can kill, plunder and rape with impunity because their rights as migrants have to be protected »

«Russia had no problems with LGBT persons… but some things do appear excessive to us»

«They claim now that children can play five or six gender roles …. Let everyone be happy, we have no problem with that. But this must not be allowed to overshadow the culture, traditions and traditional family values of millions of people making up the core population»

*

Nei fatti, non sta declinando la Weltanschauung europea, bensì la concezione illuminista e socialcomunista dello stato.

La teoria della divisione dei poteri aveva una sua logica interna quando una onnipotente massoneria prendeva tutte le decisioni in loggia, ripartendo quindi i diversi compiti tra potere legislativo, esecutivo e giudiziario, che agivano coordinati e supervisionati. La centrale di comando era unica e monolitica. In altri termini, era funzionale.

L’ideologia libera si era sviluppata passando dal controllo diretto dello stato delle proprietà produttive, al controllo esercitato tramite leggi, normativi e regolamenti, fino ad arrivare al controllo della cosa pubblica tramite le ngo.

Ora questo sistema non ha più modo di funzionare.

Lo statalismo ha fallito: è ancora in auge nell’Occidente, ma culturalmente è morto e la burocrazia che lo sostiene è destinata a squagliarsi nel tempo, complice una crisi economica di portata epocale.

Resta spazio esclusivamente per la Realpolitik.

A differenza del 1929, ove la crisi dell’Occidente equivaleva a quella mondiale, ad oggi invece l’Occidente rende conto solo del 27.9% del sistema economico globale: ciò che perdesse sarebbe immediatamente surrogato dai Cina e dai Brics.

Il sistema del welfare gestito dallo stato si è risolto in un fallimento: è economicamente e finanziariamente non sostenibile. Gli stati occidentali sono ricorsi al debito pubblico, oramai fuori controllo.

Similmente, l’ideologia green distrugge il comparto produttivo e necessiterebbe di capitali immensi per rimpiazzare la produzione energetica.

In estrema sintesi: senza produzione il sistema economico crolla e genera la società della miseria.

Da ultimo ma non certo per ultimo, l’organizzazione decisionale degli stati occidentali è inidonea a gestire situazioni di parcellizzazione politica, condannandosi cosi alla ingestibilità. Ma Cina ed i Brics hanno al contrario strutture statali che consentono tempi rapidissimi tra la presa delle decisioni e la loro messa in atto:poche ore.

*

La così detta ‘democrazia a suffragio universale‘ è solo uno dei tanti modi con cui gli stati possono reggersi, ed ha fatto il suo tempo. È stata la democrazia a voto censuale il mezzo con il quale l’Occidente ha potuto nell’ottocento trovare mezzi e risorse per gestire la rivoluzione industriale, poi quella ferroviaria ed infine quella dell’introduzione della corrente elettrica. E nulla vieta di pensare che la società della miseria debba ritornare sui propri passi, sempre che non sia obbligata a ricorrere ai così detti ‘governi forti‘.


USD/JPY drops below 106.00 on Yuan slide and risk aversion

– USD/JPY drops to seven-month lows below 106.00

– The Sino-US trade tensions push USD/CNH above 7.00, leading to risk aversion.

*

The bid tone around the anti-risk Japanese Yen strengthened, pushing the USD/JPY pair to a seven-month low of 105.80, as China’s Yuan slipped below a key level, triggering risk aversion in the financial markets.

The USD/CNH pair (offshore Yuan exchange rate) rose above 7.00 for the first time on record earlier today and clocked a high of 7.1086. As of writing, USD/CNH is trading at 7.07, representing 1.4% gains on the day.

The CNH has come under pressure due to escalating US-China trade tensions. President Trump said on Thursday that the US will impose an additional 10% levy on China’s goods worth $300 billion. China has vowed to fight back if the tariff hike takes effect on Sept. 1 as planned.

Further, Beijing has asked buyers to halt purchases of US agricultural products.

The escalating trade tensions and the slide in Yuan are weighing over riskier assets. This is evident from the futures on the S&P 500, which are currently down 1%.

As a result, the Japanese Yen is solidly bid at press time. The USD/JPY pair is currently trading at 106.05, representing a 0.5% drop on the day. The pair is reporting losses for the third straight day and could suffer a deeper drop during the day ahead if risk aversion worsens.

*


Sole 24 Ore. 2019-08-05. Borse sotto pressione per dazi Usa-Cina. Crollo dello yuan

Le tensioni sulla guerra commerciale mandano in rosso i listini del Far East e anche l’azionario europeo soffre in avvio di settimana.

*

La nuova escalation di tensione sui rapporti commerciali tra Stati Uniti e Cina – con Pechino che risponde alle minacce di Trump sui dazi lasciando scivolare lo yuan e cercando di limitare le importazioni di beni agricoli dagli Stati Uniti – manda di nuovo in rosso le Borse europee (già protagoniste di un -3,2% la scorsa settimana, stando all’indice Stoxx600) mentre gli acquisti premiano le valute rifugio e fanno scattare lo yen ai massimi da due anni verso l’euro e dalla primavera 2018 verso il dollaro.

Sulla scia della pesante performance dei listini asiatici (-1,7% il Nikkei di Tokyo, mentre Hong Kong e Seul arretrano di oltre il 2%), i listini azionari europei hanno mostrato nei primi minuti perdite anche superiori a un punto percentuale per poi limitare la flessione: Piazza Affari arretra di oltre un punto percentuale nel FTSE MIB, ma è Londra è la peggiore.

Fiat Chrysler e Renault: si riapre il negoziato?

Tra le big del listino milanese, tengono le utility (Enel la migliore) e si mette in mostra Finecobank prima dei conti trimestrali. Le vendite colpiscono invece Moncler e i gruppi industriali più sensibili agli effetti della guerra commerciale come Stmicroelectronics e Cnh Industrial. A livello europeo in forte calo i titoli del settore minerario, ma anche tecnologici e retailer. Rispetto al resto del settore automotive limita la flessione Fiat Chrysler Automobilesdopo le numerose indiscrezioni del week end relative alla possibile riapertura dei negoziati per l’alleanza con Renault che avrebbero come passaggio propedeutico la riduzione della partecipazione francese in Nissan. Fuori dal Ftse Mib spicca il +13% di Bio-On dopo due settimane turbolente a causa del report di Quintessential che nutriva forti dubbi sul business del gruppo emiliano: questa mattina Bio-On ha annunciato il deposito di un esposto contro le informazioni diffuse dal fondo americano. Balzo per Safilo a valle dei conti semestrali che hanno visto un ritorno all’utile netto adjusted per quasi 9 milioni di euro. Rialzo per Banca Ifis grazie ai risultati del II trimestre e l’upgrade a “buy” arrivato da Equita Sim.

Yuan ai minimi sul dollaro da 11 anni

Gli investitori vendono azioni sulla scia dei timori della guerra commerciale voluta da Washington contro Pechino. Rispetto a questo tema un segnale preoccupante arriva dal cambio dollaro-yuan. La moneta statunitense è salita sopra la soglia di 7 yuan. Il livello non ha un valore significativo dal punto di vista macroeconomico (anche se è il massimo toccato dal 2008) ma è molto rilevante sotto il profilo psicologico. Segnala che la Cina ha iniziato a reagire con forza nei confronti delle azioni del Presidente Usa Donald Trump.

La Banca centrale cinese ha, nei fatti lasciato deprezzare la valuta lanciando un segnale preciso: in una nota, la PBOC ha sottolineato che l’indebolimento è «dovuto agli effetti delle misure unilaterali e protezioniste» degli Stati Uniti e «all’attesa di dazi contro la Cina». Dopo che Trump ha annunciato nuovi dazi sull’import del Paese del Dragone (a partire dall’1 settembre), la svalutazione crea ulteriori problemi al commercio mondiale. Compreso quello delle aziende americane. Lo yuan debole, infatti, rende più conveniente acquistare prodotti “Made in China” mentre dà molto fastidio alle esportazioni verso il gigante asiatico. Va sottolineato, però, che le stesse imprese cinesi possono avere impatti negativi. Molte di esse sono indebitate in dollari e il rafforzamento di quest’ultimo crea loro diversi fastidi. Non solo. Una deflazione molto forte dello yuan farebbe nascere il rischio di un deflusso di capitali dal Paese. Una situazione che, viste le stesse continue proteste ad Hong Kong, potrebbe dare il via ad un “sell off” finanziario nel Far East.

Acquisti sulle valute rifugio: balzo dello yen

Sul mercato valutario, l’euro/dollaro scambia in area 1,11 ma è sulle monete-rifugio (come il franco svizzero e lo yen) e sul crollo dello yuan cinese che si concentra l’attenzione: lo yen è trattato a 106 per un dollaro e sotto 118 per un euro. La corsa della moneta giapponese ha contribuito alla caduta della Borsa di Tokyo. Il prezzo del petrolio scivola sotto 55 dollari al barile nella consegna settembre del Wti e a 61 dollari nel Brent ottobre.

BTp, spread resta sopra 200. Cala il rendimento del decennale

Poco mosso l’andamento dello spread, il differenziale di rendimento tra il decennale benchmark italiano (Isin IT0005365165) e il pari durata tedesco. Lo spread in avvio dei mercati europei si attesta a 203 punti base, contro i 204 della chiusura di venerdì scorso, quando aveva chiuso in leggero progresso. Il rendimento del BTp italiano è in lieve calo all’1,5%, contro l’1,55% della chiusura di venerdì.

Gli appuntamenti di oggi

Oltre al proseguo nella pubblicazione dei dati semstrali (tra gli altri Ascopiave, Cairo Communication, FinecoBank, Interpump, Pininfarina, e Tinexta) da segnalare: in Italia la nota mensile sull’andamento dell’economia in luglio; in Germania e nell’Eurozona gli indici dei responsabili degli acquisti aziendali; negli Stati Uniti l’ Indice ISM non manifatturiero.