Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Austria. Elezioni anticipate del settembre 2019.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-18.

2019-07-18__Austria_Sondaggi__001

A fine settembre 2019 si terranno le elezioni anticipate in Austria, a seguito della recente crisi di governo causata dall’affaire Stracher.

Rispetto alle elezioni del 2017, l’ÖVP passerebbe dal 31.5% all’attuale 37%, grande risultato che si prospetta per Herr Kurz. Se era nelle attese che l’FPÖ perdesse dei consensi, passando dal 26% all’attuale 21%, la SPÖ sembrerebbe non essere riuscita a trarre guadagno dalla crisi, scendendo dal 26.9% all’attuale 20%. NEOS, il partito liberal, sale invece dal 5.3% al 9%, così come i Grüne, che passerebbero dal 3.8% all’11%.

* * *

2019-07-18__Austria_Sondaggi__002

Se queste proiezioni fossero risultati usciti dalle urne, si dovrebbe formare un governo di coalizione, ed Herr Kurz potrebbe avere molte opzioni.

Dal punto di vista meramente numerico, una possibile coalizione sarebbe la riedizione di ÖVP ed FPÖ, ma sarebbe anche possibile quella ÖVP e SPÖ.

Se però si guardasse ai partiti che avrebbero migliorato la propria popolarità elettorale, anche una coalizione ÖVP, NEOS e Grüne potrebbe avere un senso logico.

I sondaggi disponibili indicherebbero però una preferenza popolare per una coalizione ÖVP ed FPÖ (21%) oppure ÖVP, NEOS e Grüne (23%).

Concludendo, Herr Kurz dovrebbe poter avere a disposizione un largo numero di scelte possibili, tra le quali emergerà quella politicamente più stabile, anche tenendo conto del contesto dell’Unione Europea, ove il voto dell’Austria nel Consiglio Europeo potrebbe far variare la potenza degli attuali schieramenti.

Annunci