Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Helsinki. Malta ed Italia contro Francia e Germania.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-18.

Helsinki_final_carrousel

Nella riunione ad Helsinki scontro di vedute tra Malta e l’Italia da una parte e Francia e Germania dall’altra.

Molti i problemi, ma il principale sarebbe che le migrazioni dovrebbero cessare, e cessando renderebbero futili i discorsi sui porti di accoglienza e sulle ripartizioni.

«Durante il tavolo in corso a Helsinki, con il vicepremier e il ministro di Malta, in occasione del vertice tra ministri Ue, da Berlino e Parigi è stato richiesto di far approvare un documento a proposito degli sbarchi che, già durante la cena informale di mercoledì sera, aveva incassato la netta contrarietà di altri Paesi, a partire da Italia e Malta»

«Malta e Italia contestano l’idea del primo porto sicuro di approdo per gli immigrati»

«le Ong non possano sostituirsi agli Stati »

«’Sea Watch 3′ che ha violato le leggi italiane e ha speronato una motovedetta»

«un conto sono gli arrivi da zone da guerra, un altro da Tunisia o Albania»

* * * * * * *

Questo però il cuore del problema:

«le Ong non possano sostituirsi agli Stati»

Parole queste inaccettabili da parte di quegli stati ed organizzazioni che campano fomentando guerre civili per ottenere migranti, dai quali lucrare anche sotto forma di contributi europei.

Difficile convincere Al Capone che ci si potrebbe anche comportare da persone oneste.


Adnk. 2019-07-18. Migranti, scontro con Parigi e Berlino

Scontro sul tema dei porti di sbarco per i migranti tra Matteo Salvini e Francia e Germania. Durante il tavolo in corso a Helsinki, con il vicepremier e il ministro di Malta, in occasione del vertice tra ministri Ue, da Berlino e Parigi è stato richiesto di far approvare un documento a proposito degli sbarchi che, già durante la cena informale di mercoledì sera, aveva incassato la netta contrarietà di altri Paesi, a partire da Italia e Malta.

Distanze che hanno convinto i quattro ministri a riaggiornarsi, con la Francia che si è inserita all’ultimo momento, ma la sensazione è che serviranno altri approfondimenti per avvicinarsi a un’intesa. A quanto si apprende, Malta e Italia contestano l’idea del primo porto sicuro di approdo per gli immigrati (temendo di doversi sobbarcare tutto il peso degli arrivi) e immaginano che la redistribuzione dei soli profughi lasci nei primi Paesi di arrivo i clandestini, difficili da espellere.

ONG – C’è anche il nodo Ong sul tavolo a Helsinki. Salvini, durante il quadrilaterale con Francia, Germania e Malta, ha chiarito come “le Ong non possano sostituirsi agli Stati”, ricordando il caso della ‘Sea Watch 3’ “che ha violato le leggi italiane e ha speronato una motovedetta”. Dopo un primo confronto con i tecnici, i ministri hanno dialogato da soli per provare ad avvicinare le posizioni. Il vicepremier ha insistito per rafforzare l’impegno per prevenire le partenze e incrementare le espulsioni, anche inserendo una lista di Paesi sicuri ”per cui prevedere delle riammissioni automatiche”. Perché ”un conto sono gli arrivi da zone da guerra, un altro da Tunisia o Albania”.

VERTICE – A settembre, si apprende, ci sarà un vertice straordinario a Malta dei quattro Paesi interessati più la Finlandia, ma già nelle prossime settimane si vedranno i rispettivi tecnici.

SEEHOFER – Siparietto tra Salvini e il ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer. Quest’ultimo, prima di entrare alla riunione, presso la Finlandia Hall, si è avvicinato all’italiano, scherzando sulle accuse del leghista allo strapotere di Parigi e Berlino: “Matteo – ha domandato ironico -, stai già twittando per dire che siamo cattivi con voi?”.

Annunci