Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Grecia. Nea Demokratia proiettata per la maggioranza assoluta.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-07-02.

2019-07-01__Grecia__001

Il sette luglio la Grecia si recherà alle urne per le elezioni politiche.

Il parlamento dispone di 300 seggi, essendo quindi 151 la maggioranza.

Nea Demokratia sembrerebbe dover salire dal 28.1% al 37.9%, ossia passare dagli attuali 75 ai proiettati 155 – 163 seggi: conquisterebbe così la maggioranza parlamentare senza bisogno di formare coalizioni.

Syriza, la coalizione della sinistra radicale, scenderebbe dal 35.5% al 29.0%, passando dagli attuali 145 seggi ai proiettati 80 – 87 deputati.

Si tenga presente che per la legge elettorale, al partito di maggioranza relativa spettano di diritto 50 deputati in più rispetto a quelli ottenuti con le elezioni.

* * * * * * *

Se queste elezioni determineranno un terremoto interno, pesanti ripercussioni avverranno in sede del Consiglio Europeo.

Syriza infatti fa parte del gruppo parlamentare European United Left–Nordic Green Left, mentre Nea Demokratia è incardinata nel partito Popolare Europeo.