Pubblicato in: Criminalità Organizzata, Finanza e Sistema Bancario

Diamanti. Tribunale condanna banca a rifondere cliente.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-06-19.

Banco Popolare Milano 001

La faccenda dei diamanti è tristemente nota.

Funzionari di banca suggerivano ai clienti l’acquisto di diamanti presso una società terza ed amica, la quale praticava prezzi di acquisto molto gonfiati. I clienti che fossero caduti in questa truffa si sarebbero ritrovati i mano pietre di scarso valore e molto difficilmente rivendibili.

Diamanti. Chi vive di illusione muore di certezze. Investimento opinabile.

«inchiesta della procura di Milano che ha portato la guardia di finanza ad eseguire un sequestro preventivo di oltre 700 milioni di euro, anche a carico di cinque banche. In particolare, da quanto si è saputo, il cantante avrebbe investito 2,5 milioni di euro»

«L’indagine è coordinata dall’aggiunto Riccardo Targetti e dal pm Grazia Colacicco, nella quale risultano indagate per la legge sulla responsabilità amministrativa degli enti anche cinque banche: Banco Bpm, Unicredit, Intesa Sanpaolo, Mps e Banca Aletti.»

*

Diamanti. Lo scandalo si allarga. – Bloomberg.

«In 2014, Massimo Balestra received a call from an employee at his bank, offering a risk-free investment “as secure as a wall safe.” The resident of a small northern Italian town ended up spending 6,945 euros ($7,876) on a diamond that he says he hasn’t seen since»

«Balestra is one of almost 100,000 Italians who bought so called “investment diamonds” at the urging of their banks in a widespread arrangement that’s now the target of a criminal investigation by the country’s financial police, according to people with knowledge of the matter»

* * *

Di questi giorni l’evoluzione della faccenda in tribunale.

«La terza sezione civile di Verona ha imposto a Banco Bpm la restituzione della cifra spesa per acquistare le pietre da investimento vendute allo sportello, più interessi e spese legali»

«Il giudice ha preso come riferimento il listino Rapaport, aumentando il valore del 30%.»

«Diciannovemila le cause stimate»

«La storia è quella di una signora, oggi deceduta, che aveva investito in diamanti attraverso gli sportelli bancari una buona parte dei suoi risparmi, 46.222,4 euro»

«[Il giudice] ha quindi stabilito che il valore di mercato delle pietre è oggi di circa un terzo rispetto a quanto pagato dalla signora, quindi 14.015,74 euro»

« Il Tribunale ha lasciato le pietre in mano al nipote e ha sentenziato che la banca deve pagare 32.206,66 euro (46.222,4 euro cui togliere 14.015,74 euro) più gli interessi e le spese legali»

* * * * * * *

Come si costata, i diamanti anni or sono erano stati venduti ad un prezzo quasi quadruplo del loro valore attuale, per quanto maggiorato del 30%.

Questa causa costituirà un punto di riferimento giuridico.

Consentiamoci un conto molto grossolano, fatto solo per rendere l’idea..

Diciannovemila cause per un valore unitario medio di 46,222 euro sono una refusione di 878 milioni di euro che le banche interessate dovranno versare ai clienti truffati.


Milano Finanza. 2019-06-17. Diamanti in banca, sentenza lampo a favore del cliente

La terza sezione civile di Verona ha imposto a Banco Bpm la restituzione della cifra spesa per acquistare le pietre da investimento vendute allo sportello, più interessi e spese legali. Il giudice ha preso come riferimento il listino Rapaport, aumentando il valore del 30%. Diciannovemila le cause stimate.

*

Avviata nel maggio del 2018, la causa ha chiuso qualche giorno fa, un tempo report per una sentenza di primo grado al Tribunale civile di Verona. Anche perché di mezzo c’è stata l’estate e il fallimento di Intermarket Diamond Business, che hanno allungato i tempi. La storia è quella di una signora, oggi deceduta, che aveva investito in diamanti attraverso gli sportelli bancari una buona parte dei suoi risparmi, 46.222,4 euro.

Nel frattempo la Guardia di Finanza di Milano, in seguito a indagini, è intervenuta su quattro istituti di credito perché la cessione di pietre preziose si configurava come investimento agli occhi dei clienti quando invece non poteva esserlo, dato che non esiste una borsa dei diamanti aperta al pubblico. Inoltre sono stati messi sotto osservazione i prezzi con cui sono state venduti i preziosi, accusati di essere artificiosamente gonfiati.

L’erede ha fatto causa a Banco Bpm  attraverso i legali dell’Adusbef, gli avvocati Camilla e Vincenzo Cusumano. L’istituto lombardo ha sempre scelto la strada della contrattazione singola nel caso dei diamanti, decidendo di volta in volta se trovare un accordo privato. Di solito, secondo quando riferiscono le associazioni dei consumatori, la banca propone al cliente di tenersi la pietra e offre un ristoro medio in contanti fino al 50% del valore pagato per la pietra.

Fatto sta che il giudice Massimo Vaccari della terza sezione civile del Tribunale di Verona ha stabilito un metodo per il ristoro al cliente che forse farà da apripista in Italia. Ha tenuto in considerazione l’ultimo listino Rapaport, un bollettino periodico che riporta il valore medio degli scambi delle pietre fra operatori (non è il prezzo finale) ed è soggetto a oscillazioni del 30%. Il giudice ha quindi fatto tradurre il listino dal dollaro all’euro e ha applicato alla cifra in questione il 30% in più.

Ha quindi stabilito che il valore di mercato delle pietre è oggi di circa un terzo rispetto a quanto pagato dalla signora, quindi 14.015,74 euro. Il Tribunale ha lasciato le pietre in mano al nipote e ha sentenziato che la banca deve pagare 32.206,66 euro (46.222,4 euro cui togliere 14.015,74 euro) più gli interessi e le spese legali. L’istituto però non deve corrispondere il danno morale. Alla fine si arriva ad una cifra attorno a 42mila euro su 46,2 mila euro che la banca ha incassato a suo tempo dalla cliente. Ora l’avvocato ha in mano “un’altra cinquantina di cause, che vanno da poche migliaia di euro a centinaia di migliaia. Anche in questi casi seguirò la via legale già percorsa, il 702 bis con rito sommario, che si è dimostrato molto veloce ed efficace”, spiega l’avvocato Camilla Cusumano a milanofinanza.it.

Nel frattempo, il gruppo Banco Bpm , che ha visto andarsene tre dirigenti apicali per la questione delle pietre collocate agli investitori retail, ha deciso di fare un passo in direzione di una risoluzione con i clienti. E, considerato il fatto che le domande di ammissione al passivo di Intermarket Diamond Business, la società che intermediava i diamanti per conto delle banche, inizieranno a essere esaminate dal tribunale non prima del 5 novembre 2019, offre una scorciatoia. Secondo stime di Aduc si tratta di 19mila richieste.

Il gruppo guidato dall’amministratore delegato Giuseppe Castagna ha messo a punto un processo per velocizzare le transazioni con i clienti che, avendo acquistato diamanti da Idb, li hanno ancora in custodia nei caveau gestiti dalla società fallita. L’offerta di Banco Bpm  permetterà di sottoscrivere transazioni in anticipo rispetto ai tempi necessari al fallimento di Idb per la restituzione delle pietre ai legittimi proprietari e di ricevere in maniera celere il rimborso definito.

Significa che chi accetta la proposta non dovrà aspettare di avere la certificazione del tribunale di essere proprietario di una o più pietre effettivamente collocate nel caveau, basta aver presentato la domanda. A quel punto la banca concorda, caso per caso, la cifra da restituire, tenendo fermo il fatto che la pietra verrà poi consegnata dal tribunale al cliente. Banco Bpm  non vuole farsi carico di altri Npl. L’istituto lombardo metterà poi a disposizione un servizio gratuito di customer care (con il supporto di uno studio legale) per assistere i clienti nella compilazione e invio delle istanze di restituzione delle pietre al curatore fallimentare.

Il caso diamanti ha portato tre dirigenti del Banco Bpm  ad andarsene. All’inizio di maggio, il consiglio di amministrazione ha infatti preso atto delle dimissioni del direttore generale del gruppo, Maurizio Faroni. Inoltre il board ha deliberato la risoluzione del rapporto di lavoro dell’ex responsabile Pianificazione e Marketing Retail, Pietro Gaspardo e ha preso atto delle dimissioni dell’ex responsabile del settore Compliance, Angelo Lo Giudice, per pensionamento a partire dallo scorso primo maggio. Tutti e tre i manager sono di estrazione veronese e legati all’ex Banco Popolare. E’ possibile che i tre manager non verranno sostituiti a breve.