Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Energie Alternative

Italia. Energie alternative in calo, ma promettono 2.7 milioni posti lavoro.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-05-16.

Animali_che_Ridono__006_Muli

Nessuno si stupisce più di tanto che cessati gli incentivi statali le energie alternative in Italia stiano ristagnando.

E poi iniziano a mordere le spese di manutenzione e rinnovo degli impianti, che non son cifre da poco.

Ma ciò che lascia sempre più perplessi è la levità espressiva dei supporter.

«sono circa un milione gli impianti tra elettrici e termici installati»

*

«creazione di 2,7 milioni di posti di lavoro»

* * * * * * *

A parte il fatto che in italiano ‘creare‘ significa trarre dal nulla, prerogativa della Divinità non certo della stirpe umana, 2.7 milioni di nuovi posti di lavori sono più del 10% dell’attuale forza lavoro italiana.

Per promettere di generare 2.7 milioni di posti di lavoro serve un fegato grosso così.

Poi, essendo il numero degli impianti eguale ad un milione, ci sarebbero tre addetti per ogni impianto: un numero fantasmagorico.

Poniamo anche di pagarli una miseria, 1,500 euro al mese, 18,000 euro l’anno.

Ogni impianto dovrebbe sobbarcarsi l’onere di 48,600 euro l’anno per mantenere i nuovi posti di lavoro.

Roba da pazzi.

* * * * * * *

Poi certa gente si lamenta che non li si stia più a sentire.


Ansa. 2019-05-14. Cala dopo 12 anni la produzione di energia pulita in Italia

ROMA – Cala per la prima volta dopo 12 anni, in Italia, la produzione di energia da fonti rinnovabili – in particolare solare, eolico e bioenergie – e vanno lentissimi gli investimenti nel settore, sia perchè non ci sono più incentivi a sostenerlo, sia per le barriere autorizzative ai progetti nei territori. Lo rileva Legambiente nel rapporto ‘Comuni rinnovabili 2019’, sottolineando che “lo sviluppo delle rinnovabili in Italia è praticamente fermo”, mentre “molto di più dovremo fare per stare dentro l’Accordo di Parigi sul clima”, fra i cui obiettivi c’è la riduzione del 55% delle emissioni di gas serra al 2030. I benefici sarebbero pari a 5,5 miliardi di euro all’anno e alla creazione di 2,7 milioni di posti di lavoro (secondo una ricerca realizzata da Elemens per Legambiente).

Tuttavia, nella nostra Penisola sono circa un milione gli impianti tra elettrici e termici installati in tutti i comuni italiani. Grazie al mix fra fotovoltaico, solare termico, mini idroelettrico, eolico, bioenergie e geotermia distribuiti su tutto il territorio, sono 3.054 i comuni diventati autosufficienti per i fabbisogni elettrici e 50 per quelli termici, mentre sono 41 le realtà già rinnovabili al 100% per tutti i fabbisogni delle famiglie.

Annunci