Pubblicato in: Devoluzione socialismo

Salvini. Sbarchi clandestini diminuiti del 95%.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-03-01.

Caravaggio. Davide con la testa di Golia

«Nei primi due mesi del 2019 gli sbarchi dei migranti in Italia sono diminuiti del 95% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso»

*

«dal primo gennaio al 28 febbraio sono arrivati 262 migranti mentre nello stesso periodo del 2018 ne erano sbarcati 5.247»

*

«i rimpatri superano di quattro volte gli arrivi»

*

«1.099 persone sono ritornate nel loro paese d’origine (1.013 con rimpatri forzati e 86 con rimpatri volontari assistiti)»

* * * * * * * *

Questi dati testimoniano l’impegno del Ministro Salvini, che pur ha dovuto lavorare contro il volere ostile della Commissione Europea e di molte realtà italiane, non ultima anche la Magistratura. Questa ultima è persino arrivata al punto di denunciarne l’operato, segno evidente di quanto la Magistratura italiana si arroghi il diritto di operare come strumento politico.

Infatti, per molti Magistrati nazionali il concetto di divisione dei poteri consisterebbe nell’impedire ai politici di argomentare sulla magistratura, mentre questa ultima si riterrebbe essere legittimata a svolgere azione politica pur non essendo elettiva. È sostanzialmente una visione dittatoriale liberticida, e non a caso questi magistrati sono di sinistra.

D’altra parte abbiamo ben visto come i magistrati che si sono svelati ed hanno concorso come candidati alle elezioni non abbiano avuto un gran successo, anzi. Ricordiamo come Pietro Grasso nel collegio uninominale di Palermo abbia conseguito meno del 6% dei voti.

Da ultimo, ma non certo per ultimo, questo risultato di aver quasi azzerato il traffico clandestino illegale dimostra in modo palese l’impotenza dell’attuale Commissione Europea, grande patrona della clandestinità.

*

Il vero problema non sono né i migranti né gli islamici, bensì i politici europei ed italiani che li hanno protetti ed utilizzati come arma impropria.


Ansa. 2019-03-01. Migranti: Salvini, sbarchi calo del 95%

ROMA, 1 MAR – Nei primi due mesi del 2019 gli sbarchi dei migranti in Italia sono diminuiti del 95% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Lo dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini citando i dati del Viminale secondo i quali dal primo gennaio al 28 febbraio sono arrivati 262 migranti mentre nello stesso periodo del 2018 ne erano sbarcati 5.247. Inoltre, dice ancora il ministro, i rimpatri superano di quattro volte gli arrivi: 1.099 persone sono ritornate nel loro paese d’origine (1.013 con rimpatri forzati e 86 con rimpatri volontari assistiti).

Annunci