Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Se Mr Di Maio ha ragione, noi gliela diamo più che volentieri.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-02-13.

Mela con il Coltello tra i Denti.

Le elezioni regionali servono per eleggere il presidente della regione ed i relativi consiglieri.

Tutto il resto costituisce un interessante motivo di conversazione, ma nulla di più.

Alla fine ciò che conta sono i numeri, gli eletti.

Diamo atto a Mr Di Maio di aver riportato la discussione sui risultati ottenuti in Abruzzo nella loro corretta dimensione: quella degli eletti.

«Non corrisponde al vero la narrazione di gran parte dell’informazione secondo cui, alle elezioni regionali in Abruzzo, si sarebbe classificato terzo.»

*

« Il centrodestra ha sì raccolto il 48,03%, il centrosinistra 31,28% e i pentastellati il 20,20%, ma questi ultimi – con una lista sola – hanno ottenuto 7 consiglieri (uno in più della legislatura precedente), mentre il centrosinistra solamente 6 (4 Pd, 1 Legnini Presidente, 1 Abruzzo in Comune): 5 delle 8 liste della coalizione, infatti, hanno drenato voti al candidato presidente, ma non sono riuscite ad eleggere nessun consigliere.»

* * * * * * * *

Mr Di Maio ha ragione, e ragione da vendere.

M5S ha conseguito un numero di seggi maggiore di quello di tutte le sinistre coalizzate.

Quindi, onore al merito!


Paese Reale. 2018-02-12. Abruzzo, il M5S non è davvero arrivato terzo: da solo elegge 7 consiglieri, il centrosinistra (con 8 liste) 6

Non corrisponde al vero la narrazione di gran parte dell’informazione secondo cui, alle elezioni regionali in Abruzzo, il Movimento Cinque Stelle si sarebbe classificato terzo. Il centrodestra ha sì raccolto il 48,03%, il centrosinistra 31,28% e i pentastellati il 20,20%, ma questi ultimi – con una lista sola – hanno ottenuto 7 consiglieri (uno in più della legislatura precedente), mentre il centrosinistra solamente 6 (4 Pd, 1 Legnini Presidente, 1 Abruzzo in Comune): 5 delle 8 liste della coalizione, infatti, hanno drenato voti al candidato presidente, ma non sono riuscite ad eleggere nessun consigliere.

“In Abruzzo ci saremmo aspettati di più, anche se i numeri ci dicono che non abbiamo perso“, ha commentato via Facebook il deputato M5S Francesco D’Uva. Che ha aggiunto: “Ovviamente accettiamo democraticamente il verdetto delle urne, consci del fatto che come in ogni competizione amministrativa e regionale il MoVimento 5 Stelle si ritrova a dover fronteggiare accozzaglie di coalizioni fatte da ‘portatori di voti‘ che passano da una parte all’altra, trascinando con sé migliaia di preferenze personali“.

Annunci