Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Energie Alternative

Davos. Riunione di nobili decaduti senza terra e denari. Le defezioni aumentano.

Giuseppe Sandro Mela.

2019-01-20.

2018-11-25__davos 001

Il Meeting di Davos ricorda da vicino la riunione dei nobili decaduti, sotto la terza arcata del ponte sull’Elba a Dresden. Le prime due arcate erano state occupate da migranti in via di integrazione.

Si vedevano, si salutavano con la deferenza dovuta al titolo, si chiedevano vicendevolmente, con tutto garbo e stile da noblesse oblige: “Ma Lei signor Visconte, ha portato qualcosa da mangiare?”.

La riunione si sciolse poco prima del tramonto, non senza essersi divise le zone dove poter rovistare nei cassonetti alla ricerca di un qualcosa di commestibile.

*

Eppure fino al 2015 i titoli di Davos erano roboanti.

There’s A Plan Floating Around Davos To Spend $90 Trillion Redesigning All The Cities So They Don’t Need Cars

«That is one of the more ambitious (and possibly outlandish) ideas knocking around the World Economic Forum at Davos, Switzerland, this morning. The Davos meeting is the annual conclave of the world’s ruling class: presidents and prime ministers, CEOs, and religious figures (and the thousands of journalists who follow them, hoping for a soundbite or two).

The $90 trillion cities proposal came from former vice president Al Gore and former president of Mexico Felipe Calderon, and their colleagues on the The Global Commission on the Economy and Climate. That group hopes to persuade the world’s leaders to do something about humanity’s suicidal effort to heat the Earth’s climate. ….»

*

The 2018 Report of the Global Commission on the Economy and Climate

«We are significantly under-estimating the benefits of cleaner, climate-smart growth. Bold climate action could deliver at least US$26 trillion in economic benefits through to 2030, compared with business-as-usual. There are real benefits to be seen in terms of new jobs, economic savings, competitiveness and market opportunities, and improved well-being for people worldwide.»

* * * * * * *

Si parlava con nonchalance non di milioni, e nemmeno di miliardi, bensì di trilioni di dollari americani. Un trilione equivale a mille miliardi.

Partnerships for better growth and a better climate.

«The Global Commission on the Economy and Climate, and its flagship project The New Climate Economy, were set up to help governments, businesses and society make better-informed decisions on how to achieve economic prosperity and development while also addressing climate change.

The New Climate Economy was commissioned in 2013 by the governments of seven countries: Colombia, Ethiopia, Indonesia, Norway, South Korea, Sweden and the United Kingdom. The Commission has operated as an independent body and has been given full freedom to reach its own conclusions. Lead by its global commission, it has disseminated its messages by engaging with heads of governments, finance ministers, business leaders and other key economic decision-makers in over 30 countries around the world.»

* * * * * * *

Mr Al Gore avrebbe voluto spendere 90 trilioni, poi scesi 26 trilioni. Tutti denari che avrebbero dovuto essere prelevati dalla tasche dei Cittadini Contribuenti, per transitare in quelle dei liberal, democratici negli Stati Uniti e socialisti in Europa.

Ben si comprendo gli urli di dolore che si stanno levando di questi tempi!

* * * * * * *

Eccovi il report odierna di Sky tg24.

«Una globalizzazione 4.0 che funzioni e sia inclusiva e sostenibile. Una governance internazionale efficace. Il rilancio dell’agenda climatica. Sono questi i temi principali del Wef 2019. A spiegarli è lo stesso Klaus Schwab: “Nella società attuale, una ulteriore integrazione mondiale è inevitabile e i modelli esistenti di governance globale hanno difficoltà a promuovere azioni concrete fra le potenze mondiali”. “Questa quarta ondata della globalizzazione deve essere centrata sull’uomo”, aggiunge Schwab che ha anche invitato i leader presenti al summit a trovare “l’immaginazione e l’impegno necessari”, per affrontare “un periodo di profonda instabilità globale portata dall’impatto della quarta rivoluzione industriale, dal riallineamento delle dinamiche geo-economiche e delle forze geopolitiche”. ….»

Tra i grandi della Terra assenti Trump, Macron, Xi

«Quest’anno alla conferenza manca Donald Trump, ospite d’onore arrivato nel 2018 da rockstar. Il tycoon aveva già anticipato la sua assenza a causa della questione Shutdown negli Stati Uniti. Per lo stesso motivo è stata cancellata la partecipazione dell’intera delegazione della Casa Bianca: era previsto l’arrivo del segretario di stato Mike Pompeo e il segretario al Tesoro Steven Mnuchin. Da sottolineare anche le assenze di Ivanka Trump, figlia del tycoon, e del genero Jared Kushner. Mancherà anche Xi Jinping, primo presidente cinese presente al Wef che nel 2017 lanciò una controffensiva a suo modo globalista. Impegnato sul fronte gilet gialli, anche il presidente francese Emmanuel Macron sarà assente a Davos.»

*

Le idee di Mr Trump sul ‘clima’ dovrebbero essere note: del tutto normale che non perda tempo andando a Davos.

Il forfeit di Mr Xi è urente.

Dapprima annuncia che la Cina aumenterà del 25% la quota di energia elettrica generata bruciando carbone:

Carbone. Consumi mondiali. I numeri parlano chiaro. La Cina.

Quindi annuncia che la Cina cesserà le sovvenzioni alle energie alternative: sono un fallimento economico.

Cina. Energie alternative solo se più economiche. Fine delle sovvenzioni.

Infine, manda a Davos il suo vice, che vi sarà nell’intermezzo della visita in Svizzera:

Cina. Davos. Sarà presente Mr Wang Qishan, vice presidente cinese.

*

Una sconsolata Cnn  annuncia che anche Ms May se ne guarda bene di andare a Davos.

Theresa May is skipping Davos, citing Brexit

* * *

Ma mica che sia finita qui. Persino l’inclito Mr Macron non attenderà i lavori di Davos: lui che si era proclamato l’erede universale del ‘clima’, che avrebbe portato avanti la sua battaglia per la vittoria finale del ‘clima’.

Ma, Vi ricordate che cosa aveva detto?

Macron. Ricordiamo cosa disse un anno fa a Davos.

Bene. Sono bastate qualche decina di migliaia di lebbrosi, Gilets Jauns, che gli hanno messo a soqquadro la Francia a causa delle imposte sul carburante e che adesso reclamano la sua testa.

Da autoproclamato imperatore del mondo si è trasformato nel recluso nell’Eliseo, che non osa nemmeno di andare a far visita in carcere al beneamato Benalla che pur tanto si è prodigato per lui.

*

Resta l’immarcescibile Frau Merkel, l’anatra zoppa di Europa, che si abbracccia a mr Macron, barcollante sotto il peso del distacco da Mr Benalla.

Il 24 gennaio 2018 aveva detto:

Merkel Davos: Trump impari dalla storia.

«Abbiamo bisogno di un’Unione europea sempre più integrata”, dall’unione bancaria alla difesa comune. Ha aggiunto la Merkel tornando a esprimere rammarico per il voto britannico a favore della Brexit, ma allo stesso tempo notando come il progetto europeo sia “chiaramente incoraggiato dall’elezione del presidente francese Emmanuel Macron, che ha dato all’Unione nuovo impeto che ci rafforzerà.

“Abbiamo bisogno di un’ Unione europea sempre più integrata”, dall’unione bancaria alla difesa comune. Ha aggiunto la Merkel tornando a esprimere rammarico per il voto britannico a favore della Brexit, ma allo stesso tempo notando come il progetto europeo sia “chiaramente incoraggiato dall’elezione del presidente francese Emmanuel Macron, che ha dato all’Unione nuovo impeto che ci rafforzerà” ….

La Francia sarà “un modello nella lotta contro il cambiamento climatico”. Emmanuel Macron ha imbracciato la bandiera ambientalista di fronte alla platea del Forum di Davos. “Stiamo perdendo la battaglia. Nel 2020, se non saremo in grado di presentare dei risultati, cosa diremo alla gente?

Fortunatamente non avete invitato nessuno scettico rispetto al riscaldamento globale quest’anno

La Francia e tornata al centro dell’Europa”, dice poi Macron, “non vi sarà un successo francese senza un successo europeo»

* * * * * * *

Su queste basi, oramai Davos è diventata quasi innocua.

Homo sine pecunia est imago mortis.

Annunci