Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Ideologia liberal, Unione Europea

Germania. Hessen. Frau Merkel kaputt. Un fantasma guiderà la Germania

Giuseppe Sandro Mela.

2018-10-29.

2018-10-29__Hessen__010

Quando si guida una formazione politica di invasati allucinati la sconfitta elettorale apparirebbe essere la naturale conseguenza.

Questo era il titolo fatto alla chiusura dei seggi elettorali in Hessen dal Deutsche Welle, giornale portavoce del governo liberal socialista.

Chancellor Angela Merkel’s conservatives eke out win in Hesse election

«Despite a large drop in support, the CDU has won the Hesse state regional poll, giving the chancellor some welcome breathing room….

The CDU’s tally of 27 percent may have been down some 11 points compared with the last Hesse vote in 2013, but it was slightly better than pre-election polls had predicted and gives incumbent state premier and Merkel ally Volker Bouffier a mandate to form the next government»

Scrivere nero su bianco che

“Cdu has won the Hesse state regional poll”

è demenziale: solo una mente ottusa dall’ideologia può aver scritto una simile bruttura.

2018-10-29__Hessen__011

* * *

Se accontentarsi è importante nella vita, ebbene, Frau Merkel starà squittendo di gioia. Tra Baviera ed Hessen la Union ha perso dodici punti percentuali, quasi quanto la perdita della spd.

Merkel Can Look Back and Claim a Win on German Jobless

Questo è il titolo trionfalistico di Bloomberg.

* * *

Ma la realtà dei fatti è ben diversa da come la dipingono i media liberal.

Il The New York Times è lapidario, in un articolo di ottava pagina:

Angela Merkel to Quit as Party Leader in Germany

«Chancellor Angela Merkel of Germany said on Monday that she would give up the leadership of her conservative party, the clearest sign yet that the woman who was once Europe’s most powerful leader is preparing her long-expected departure from office ….

Ms. Merkel’s coalition government, which took six months to cobble together, has long lost its majority in opinion polls.»

E tutto questo senza considerare che esistono, e votano, anche i tedeschi dell’est.

* * * * * * * *

A mezzogiorno Frau Merkel ha tenuto una conferenza stampa.

«”I risultati nelle elezioni sono oltremodo amari e deludenti sia in Assia che nel Bund”. “È deplorevole, perché il governo nero verde ha portato un bilancio convincente”, ha spiegato Merkel parlando a Berlino dopo la doppia sconfitta elettorale in Assia e in Baviera.

“Come cancelliera ho la responsabilità di tutto, per quello che riesce e per quello che non riesce. E’ giunto il momento di aprire un nuovo capitolo: non mi ricandiderò come presidente della Cdu, questo quarto mandato è l’ultimo come cancelliera, non mi ricandiderò al Bundestag nel 2021 e non voglio altri incarichi politici”. “Non sono nata cancelliera”, ha aggiunto Merkel.

“È chiaro che così non si può andare avanti. L’immagine del governo è inaccettabile”, ha aggiunto. “E questo ha ragioni più profonde che ragioni di comunicazione”, ha affermato rimandando a un problema di “cultura del lavoro”. Infine Merkel ha escluso una sua ricandidatura anche se il governo attuale cadesse, per il ritiro della Spd.

“Per me si tratta di aprire una strada verso il futuro”, ha spiegato Angela Merkel, affermando di aver riflettuto molto, su come si potesse favorire una successione nella Cdu. Merkel ha anche sottolineato di voler “lasciare i propri incarichi con dignità, così come li ho svolti”.

Per i grandi partiti popolari, come la Cdu la Csu e la Spd, è arrivato il tempo di chiarire “cosa serve alla tenuta del paese e cosa no”, ha spiegato ancora Merkel.»

*

Come suo stile, Frau Merkel è ambiguamente orgogliosa.

Non si candiderà a dicembre alla presidenza del partito e non concorrerà nel 2021 ad una rielezione.

In altri termini: tutto rimane così come è. Nella sua visione la Germania dovrebbe arrancare tre anni con una Bundeskanzlerin polverizzata, incapace di prendere decisioni, forse obbligata dai fatti ad avallare iniziative che aborrisce.

Gran brutta bestia la superbia e l’orgoglio suo degno compare. Che la Germania soffra tutto, purché non si parli di dimissioni. Una cosa sarebbe infatti il non presentarsi ed un’altra l’essere bocciata se lo avesse fatto.

Questa sarebbe la Germania che dovrebbe affrontare tutte le sfide interne e mondiali, massimamente le elezioni europee prossime venture.

Notiamo come le ultime parole dette da Hitler prima di suicidarsi siano state:

“i tedeschi non mi hanno meritato”.

* * * * * * * *

«La cancelliera tedesca Angela Merkel sarebbe disponibile a rinunciare alla guida del suo partito, dopo le pesanti perdite elettorali in Assia, al prossimo congresso della Cdu di dicembre»

*

«Merkel vuole restare cancelliera, quindi, pur essendosi detta pronta a rinunciare alla candidatura alla presidenza della Cdu a dicembre. Merkel resterebbe alla guida dell’esecutivo»

*

«Fino ad oggi Merkel aveva sempre affermato che cancelleria e presidenza del partito dovessero essere nella stessa mano»

*

«Fino ad oggi Merkel aveva sempre affermato che cancelleria e presidenza del partito dovessero essere nella stessa mano»

*

«German Chancellor Angela Merkel has offered to give up the leadership of her Christian Democratic Union (CDU), reports from within her party have said. The conservatives suffered massive losses in two regional elections.»

*

«The center-left Social Democrats (SPD), who are in a governing coalition with Merkel’s conservative alliance, also saw their support drop sharply in Hesse and Bavaria’s state elections. Unlike the CDU, however, the SPD says it isn’t currently considering a party leadership shakeup»

*

«The poor performace of the parties in Merkel’s governing coalition in the Hesse election could have a negative impact on Europe, warned EU Economy Commissioner Pierre Moscovici.»

*

«”The fragility of a country like Germany is always a threat for Europe,” Moscovici told French broadcaster Public Senat. “So we are paying attention.”»

* * * * * * * *

«The fragility of a country like Germany is always a threat for Europe. …. a negative impact on Europe»

Benissimo. Adesso Frau Merkel e Mr Mosovici più che all’Italia hanno da pensare al loro futuro politico ed umano.


Deutsche Welle. 2018-10-29. +++ Angela Merkel will not run for CDU party chair again – live updates +++

German Chancellor Angela Merkel has offered to give up the leadership of her Christian Democratic Union (CDU), reports from within her party have said. The conservatives suffered massive losses in two regional elections.

– Sources in the Christian Democratic Union (CDU) have said that Chancellor Angela Merkel is prepared to step down as party leader.

– Merkel reportedly said she still plans on remaining in her post as chancellor — although she once said that party leadership and chancellorship must go hand-in-hand.

– Merkel, who has been CDU chairwoman since 2000, told a party leadership meeting of her offer on Monday morning, after the party reeled from heavy losses in two recent regional elections, most recently on Sunday in Hesse.

– The chancellor is expected to give a press conference at 12:00 UTC.

*

10:50 The center-left Social Democrats (SPD), who are in a governing coalition with Merkel’s conservative alliance, also saw their support drop sharply in Hesse and Bavaria’s state elections. Unlike the CDU, however, the SPD says it isn’t currently considering a party leadership shakeup. 

“There’s no discussion of a personnel restructuring in the SPD,” party chairwoman Andrea Nahles told reporters in Berlin on Monday morning. The SPD leader also appeared to dismiss the possibility of pulling the center-left party out of Merkel’s coalition, saying that the SPD was focusing on moving forward. Nahles has been under pressure to leave the governing coalition, particularly from the party’s youth wing, the JUSOS.

The poor performace of the parties in Merkel’s governing coalition in the Hesse election could have a negative impact on Europe, warned EU Economy Commissioner Pierre Moscovici. 

“The fragility of a country like Germany is always a threat for Europe,” Moscovici told French broadcaster Public Senat. “So we are paying attention.”

10:15 The race is now on to replace Merkel, not only as the leader of the CDU, but also possibly as chancellor. DW’s broken down a list of list of potential successors:

10:10 Christian Lindner, the head of the business-friendly Free Democrats (FDP), called on Merkel to step down not only from her role as the head of the CDU, but also as chancellor. “Ms. Merkel is giving up the wrong position,” he said in Berlin. He said her decision to give up one and not the other will make her government more unstable.

10:00 The former head of the CDU/CSU’s parliamentary party in the Bundestag, Friedrich Merz, will reportedly be running to replace Merkel as CDU chair during the party’s conference in December, according to the German daily Bild. He was also previously a member of the European Parliament and currently serves as the supervisory board chairman of BlackRock Germany.

9:55 The surprise news follows poor results for Merkel’s CDU in Sunday’s state parliamentary election in Hesse, which saw Merkel’s party drop over 10 percentage points to score 27 percent of the vote. The CDU’s sister-party in Bavaria, the Christian Social Union (CSU), also bled support two weeks ago in Bavaria’s state election. Both the CDU and CSU emerged the winners, but analysts and voters viewed the state elections as a referendum on Merkel’s coalition government in Berlin.

9:47 CDU sources announced that Merkel does not intend to not run again as party leader, leaving the position open for a new chair to be elected at the upcoming party conference in December. She insisted, however, that she would remain chancellor. The move represents a political capitulation for the chancellor, who has previously emphasized that the party leadership and the chancellorship must be tied together.


Ansa. 2018-10-29. Germania: dall’Assia schiaffo alla Cdu, Merkel pronta a passo indietro

La cancelliera tedesca Angela Merkel sarebbe disponibile a rinunciare alla guida del suo partito, dopo le pesanti perdite elettorali in Assia, al prossimo congresso della Cdu di dicembre: lo riferiscono fonti vicine al partito, come riporta Dpa. 
Merkel vuole restare cancelliera, quindi, pur essendosi detta pronta a rinunciare alla candidatura alla presidenza della Cdu a dicembre. Merkel resterebbe alla guida dell’esecutivo.

Fino ad oggi Merkel aveva sempre affermato che cancelleria e presidenza del partito dovessero essere nella stessa mano. È questo l’effetto del risultato delle elezioni in Assia, dove ieri la Cdu ha perso oltre 10 punti.
L’ex capogruppo dell’Unione, Friedrich Merz, sarebbe pronto a candidarsi alla presidenza della Cdu al prossimo congresso. Lo scrive la Dpa, citando fonti di partito.

Le urne dell’Assia consegnano l’ennesimo schiaffo ad Angela Merkel, come ampiamente previsto dai sondaggi: la Cdu perde oltre dieci punti, tocca il risultato peggiore dal 1966 e vede trionfare gli alleati Verdi. Eppure i primi dati non configurano un terremoto politico e i cristiano-democratici si sforzano subito di contenere i temuti contraccolpi sul governo a Berlino. Che si misureranno comunque a partire da domani. L’uscente Volker Bouffier, fedelissimo della cancelliera, continuerà a governare la regione di Francoforte e nel suo bilancio chiarisce subito che nessuna coalizione potrà essere fatta contro la Cdu. Proprio come in Baviera, potrebbe anche non servirgli un terzo alleato, nonostante le avances dei liberali. Veri sconfitti della serata sono i socialdemocratici, che tuttavia trattano il risultato con cautela. Chiedono che l’Unione smetta di litigare (un modo implicito per puntare il dito contro Horst Seehofer, il ministro bavarese che ha mandato in crisi il governo due volte in pochi mesi) e annunciano verifiche sulla possibilità di continuare a lavorare insieme. Ma non è una vera messa in discussione della Grosse Koalition. Anche perché, se l’alleanza saltasse davvero, lo scenario più plausibile sarebbe il voto, che in questa fase potrebbe rivelarsi fatale per il partito di Andrea Nahles e Olaf Scholz. Di fronte a una caduta di quasi 11 punti – stando alle prime proiezioni, la Cdu avrebbe il 27,2% (nel 2013 presero il 38,3) – Bouffier ha saputo immediatamente guardare il bicchiere mezzo pieno: “È una serata dai sentimenti contrastanti. È doloroso pensare ai voti perduti, ma abbiamo anche visto che lottare vale la pena. Avevamo due obiettivi: restare la prima forza politica del Land e ottenere che nessuna coalizione fosse possibile contro di noi. Li abbiamo raggiunti entrambi”. Una reazione in linea con la segretaria generale Annegret Kramp-Karrenbauer, la quale si è congratulata per aver “evitato la coalizione rosso-rosso-verde”.

Esultano nelle stesse ore gli ecologisti, dati al 19,6% (11,1%): “L’Assia non è mai stata così verde prima d’ora”, ha affermato Annalena Baerbock, che condivide la presidenza con Robert Habeck. Siamo felici di questo storico miglior risultato dei verdi in Assia”, ha aggiunto, rendendo onore al ministro dell’Economia uscente, Tarek Al Waziri, che ha guidato il partito al trionfo di stasera. Di “sconfitta amara” ha parlato invece il candidato di punta dei socialdemocratici, Thorsten Schaefer-Gumbel, che ha visto il partito scivolare al 19,6% (dal 30,7 del 2013), in un testa a testa con i verdi, che si confermano tendenzialmente in grado di diventare seconda forza politica tedesca. Fra i vincitori indiscussi della serata c’è poi l’ultradestra di Afd, che entra nel parlamentino del Land (ed è presente così in tutti e 16) con un risultato a due cifre, il 12,8% (l’altra volta fallì l’obiettivo e restò al 4,1). Festeggiano anche i liberali che con il 7,8% (avevano il 5) potrebbero esser decisivi, e si mettono a disposizione per la coalizione Giamaika. Ma nel corso della serata si potrà capire se la coalizione nero-verde uscente possa farcela anche da sola, sia pur per una manciata di voti. Chiuse le urne in Assia, i problemi tornano adesso a Berlino, dove i partiti della Grosse Koalition dovranno elaborare la punizione dell’elettorato, ed evitare le “scosse” che secondo Wolfgang Schaeuble avrebbero potuto provocare il “grande cambiamento”. Lo scenario che non conviene quasi a nessuno.

Annunci

Un pensiero riguardo “Germania. Hessen. Frau Merkel kaputt. Un fantasma guiderà la Germania

I commenti sono chiusi.