Pubblicato in: Devoluzione socialismo, Unione Europea

Italia. Lega al 31%, M5S 26, Pd 19. Decisivi i voti dei Cattolici, quelli ‘veri’.

Giuseppe Sandro Mela.

2018-09-03.

2018-08-30__sondaggi-elettorali-cattolici-voto

Termometro Politico ha pubblicato il Report:

Sondaggi elettorali Analisipolitica, oggi Lega al 31% tra i cattolici

«Il confronto effettuato è tra il voto del 2013 e oggi,  quindi non tra due elezioni effettive ma tra una reale e un sondaggio.

Tuttavia il paragone effettuato da Analisipolitica per Libero è ugualmente interessante, perché evidenzia cambiamenti di opinione realmente imponenti. E in un ambito decisivo, quello dei cattolici.

Innanzitutto in generale vi è uno spostamento a destra. Alla domanda se ci si sentiva più di centrosinistra o di centrodestra nel 2013 l’elettorato cattolico si era spaccato esattamente in due, 50 e 50, con i non collocati che raggiungevano il 19%. Nel 2018 il centrodestra vince con il 61% contro il 39%. Aumentano anche i non collocati, il 28%. Principalmente si tratta degli elettori del Movimento 5 Stelle, anch’essi in crescita.

Più decisivi però sono i cambiamenti di opinione riguardanti le preferenze elettorali.

‘Sondaggi elettorali, il 57% dei cattolici appoggia la maggioranza di governo’

Nel 2013 era stato il PDL a raccogliere più voti nell’elettorato cattolico, con il 33%, contro un 21% generale.

Oggi solo un terzo confermerebbe il proprio voto scegliendo Forza Italia, l’11%.

La grande maggioranza si sposterebbe sula Lega, che raggiunge il 31%, poco più di quanto gli altri sondaggi le danno tra l’elettorato generale. E molto al di sopra del 4% raggranellato 5 anni fa. Bene, sopra la media, anche Fratelli d’Italia, con il 6%, ben più anche del 2% del 2013.

Nel complesso il centrodestra raggiunge tra i cattolici il 48%, sfiorando la maggioranza assoluta, contro il 39% del 2013.

Ora però è a trazione leghista, con una Lega che è in realtà alleata ad altri, al Movimento 5 Stelle che cresce dal 20% al 26%, rimanendo però su livelli inferiori a quelli raggiunti tra l’elettorato totale. A testimonianza della persistenza delle difficoltà grilline tra i cattolici.

In generale comunque le forze della maggioranza raccolgono la preferenza del 57 degli intervistati. Molto più della maggioranza assoluta.

A crollare è il PD, che passa dal 29% al 19%. Nel 2013 il Partito democratico prendeva decisamente più della media tra i cattolici, oggi non più. Il 19% è quanto all’incirca raccoglie tra tutti.

Agli altri le briciole, il 2% a Leu, il 4% agli altri.»

* * * * * * *

Prosegue la ascesa della lega, che ora avrebbe il 31% delle intenzioni di voto. M5S presenta una sostanziale tenuta. Il pd passerebbe dal 29% del 2013 agli attuali 19%.

Ma il dato che più salta agli occhi è il mutato comportamento dei cattolici.

Questi nel 2013 avevano votato centrodestra nel 39%, passando agli attuali 48%: uno spostamento di nove punti percentuali è molto significativo.

E chi mai aveva detto che i Cattolici, quelli veri, erano finiti come forza elettorali? Lo diceva Famiglia Cristiana ….

Annunci